Corsica

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Corsica (disambiguation) .
Corsica
Kominote teritoryal sèl
( FR ) Collectivité de Corse
( CO ) Cullectivity nan Corsica
Corsica - manto zam Corsica - Drapo
( detay ) ( detay )
Corsica - View
View satelit nan Corsica
Kote
Leta Lafrans Lafrans
Administrasyon
Kapital Blason ville fr Ajaccio.svg Ajaccio
Prezidan Konsèy Rejyonal la Jean-Guy Talamoni ( Corsica lib ) soti nan 18/12/2015
Prezidan Konsèy Jeneral la Gilles Simeoni ( Femu a Corsica ) soti nan 18/12/2015
Lang ofisyèl yo Franse
Dat etablisman an 1982
Teritwa
Kowòdone
nan kapital la
41 ° 55'36.01 "N 8 ° 44'12.98" E / 41.92667 ° N 8.73694 ° E 41.92667; 8.73694 (Corsica) Kowòdone : 41 ° 55'36.01 "N 8 ° 44'12.98" E / 41.92667 ° N 8.73694 ° E 41.92667; 8.73694 ( Corsica )
Altitid mete aksan sou: Monte Cinto 2 706 m ASL
Sifas 8 680 km²
Moun ki rete 339 178 [1] (2019)
Dansite 39.08 abitan / km²
Depatman 2
Arondisman 5
Lòt enfòmasyon
Lang Franse (59%)
Kou (40%) [2]
Italyen (0.6%) [3]
Ligyèr (0.1%) [4]
Lag jè UTC + 1
ISO 3166-2 FR-20R
INSEE kòd 94
Non moun ki rete kou
Patwon apa pou Bondye
Kantik Bondye sove ou larenn ( defakto )
Ti non jwèt L'Île de Beauté
Zile a nan yon bote [5]
Kartografi
Corsica - Location
Corsica - Map
Zile korsik
Sit entènèt enstitisyonèl

Corsica (Corse nan franse , Corsica nan Corsican , Córsega nan Ligurian [6] ) se yon franse kominote teritoryal , ak kapital li yo nan Ajaccio . Rejyon an gen ladan senk arondisman , 52 kanton ak 360 minisipalite yo .

Teritwa rejyonal la kowenside prèske antyèman ak zile a omonim, katriyèm pi gwo a nan lanmè Mediterane a (apre Sicily , Sardinia ak lil Chip ) [7] . Separe de Sardinia pa detire a kout nan kanal la nan Bonifacio , li parèt kòm yon seri mòn gwo moun rich nan forè soti nan lanmè Mediterane a, ki make fwontyè ki genyen ant pati lwès li yo, lanmè a tirèn ak lanmè a lig .

Li se li te ye pou yo te Kote li fèt nan Napoleon Bonaparte (ki te fèt nan 1769 nan Ajaccio , twa mwa apre envazyon an militè franse ak kont Repiblik la kors de Pasquale Paoli . Ane annapre a, zile a pral ofisyèlman sede pa Repiblik la nan Genoa , nan Lafrans Louis XV , akòz fayit la nan dèt yo akimile ak Paoli definitivman bat). Malgre ke politikman yon pati nan Lafrans , zile a se jewografikman, istorikman ak kilti ki fè pati rejyon an Italyen jewografik . [7]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa kors .

Pre-istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Pre-istwa nan Corsica .
Menhirs ( rasi ) aliyen yo nan sit la megalitik nan Palaghju tou pre Sartene

Depo yo an premye nan wòch chipped ak desen yo skultur jwenn twò lwen nan kors dat tounen nan alantou 9000 BC ( Romanellian ). Enpòtan te dekouvèt la nan yon kilè eskèlèt fi (la dame de Bonifacio ) ki date nan setyèm milenè BC a tou pre lavil la an menm non yo. Kontak prensipal yo sanble soti nan tou de tuscany ak Sardinia . Nan premye etap yo pita yon sivilizasyon megalitik enpòtan devlope nan korsik, ki kite sou dolmens yo zile ( stazzòne , yo te jwenn tou pre Cauria ak Pagliagio), menhir ( rasi ) ak orijinal la estati- menhirs , konsantre sitou nan sid la, nan sit la nan Filitosa ak nan sa yo ki an Funtanaccia, tou pre Sartene , men tou prezan nan Nò a, tou pre San Fiorenzo .

Nan dezyèm mwatye nan katriyèm milenè anvan Jezikri a , Corsica te frape pa yon kiltirèl kouran ki rele Kilti Arzachena , ke yo rele tou aspè kiltirèl korsik-Gallurese , segondè nan konplèks kiltirèl ke yo rekonèt kòm Kilti Ozieri epi pwolonje sou tout la. Sardinia. Nan Laj Iron , sivilizasyon Torrean devlope nan Sid la. Anpil gwo fò tou won megalitik rete nan kilti sa a jodi a ak yon estrikti ki sanble ak sa yo ki nan nuraghi Sardinian. Nan peryòd sa a li te pran fòm moun yo ke moun Lagrès yo rele Κὁρυιοι, korsiken , tou ateste nan Gallura e petèt zansèt liguryen .

Istwa pre-Women

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Peoples nan ansyen Itali ak batay la nan Alalia .

Kòmanse sou zile a alantou 8yèm syèk anvan Jezikri , Laj la Iron fini ak antre nan Corsica nan istwa lè koloni an nan Alalia te fonde pa moun peyi Lagrès yo Phocean , nan 565 BC , nan sit la nan vil aktyèl la nan Aleria . Moun Lagrès yo te rele zile a premye Kalliste epi pita Cyrnos , [8] Cernealis , Corsis ak Cirné .

Grèk yo reziste ti kras, nan 535 BC , apre batay la nan Alalia , yo te nan vire kondwi soti pa yon kowalisyon etrusk-Carthaginian ki te fòme sou yon pak espesyalman make epi ki, apre konfli a, bay pou patisyon an nan de zile yo nan ka sou ki enfliyans yo te konkeri: Sardinia nan Carthaginians yo, Corsica nan etrusk yo [9] . Toponim nan Tarco sou kòt sid-lès la atribiye nan prezans yo, ki raple vil la nan Tarquinia .

Sa a te swiv pa envazyon yo nan Siceliots yo nan Syracuse ki moun ki, nan 5yèm syèk BC la , te fonde yon lejand Portus Syracusanus , epi, ankò, sa yo ki nan Carthaginians yo ( 4yèm syèk BC ). Portus Syracusanus la te klasikman idantifye sou sit la nan Porto Vecchio aktyèl la.

Peryòd Women (259 BC - 469 AD)

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sardinia ak Corsica ak Anpi Women an .
Women konkèt nan peyi Itali (kat kwonolojik)
Kat jeyografik nan Women korsik nan Geographia nan Francesco Berlinghieri nan 1482

Done yo sou premye enterè ki grav nan lavil Wòm nan zile a tounen nan yon ekspedisyon ki vize a fondasyon an nan yon vil alantou katriyèm syèk BC la , ki te fini ak yon enpas [10] .

Li te pran plas nan 348 BC [11] stipulasyon nan de trete ak Carthage konsènan Sardinia ak Corsica, men si ki gen rapò ak premye zile a pasaj yo nan trete yo trè klè [12] , akò yo sou dezyèm lan yo byen lwen soti nan klè . Kwayans nan mitan Women yo nan lejitimite nan kontwole Corsica, ki Carthage te deja dakò ak etrusk yo , ak nan sa yo ta dwe kontwòl la dwe transmèt bay Women yo.

Sitiyasyon an te rete bloke jiskaske epidemi premye lagè punik la , ki avèk viktwa Women an pral remèt Sardinia ak Corsica bay Women yo.

Malgre soumisyon Korsik ak Sard yo te yon pwoblèm pou Wòm pou prèske yon syèk, te gen revòlt souvan e li pa fasil pou kenbe kontwòl sou de zile yo.

Mario te fonde vil la nan Mariana nan 105 BC , soti nan moman sa a kolonizasyon reyèl la te kòmanse ak sou zile a Rustic ak vil banlye, tout ti bouk ak koloni nan tout kalite fleri, ki gen ladan basen yo tèmik nan Orezza ak Guagno .

Menm jan ak sa ki te pase nan lòt pwovens (Corsica te administrativman asosye ak Sardinia ak refòm nan Octavian Augustus nan 4 BC ), Women yo te touche respè ak kolaborasyon lidè lokal yo (kòmanse ak Venacini yo , yon branch fanmi nan Cap Corse ), rekonèt fonksyon yo nan gouvènman lokal yo ak pote richès pa fè pou sèvi ak peyi yo èksplwatab nan ti mòn yo ak bò kot yo.

Seneca te pase dis ane nan ekzil nan kors kòmanse 41 . Pwobableman akòz nati sovaj li yo, zile a te vin yon destinasyon regilye pou ekzil ak refij pou kretyen, ki moun ki pwobableman gaye nouvo lafwa a la .

Kòm yon lòt kote nan Lwès la , òganizasyon Women an nan Corsica tonbe ak envazyon an nan Vandal yo soti nan Lafrik nan 5yèm syèk la , apre plis pase 700 ane nan dominasyon.

Segondè Mwayennaj

Anpi Charlemagne nan ane 814 la

Pandan kriz yo ki te akonpaye nan fen Anpi a Western Women , Corsica te diskite ant tribi nan vandal ak Goths jouk wa peyi vandal Genseric nan garanti plen kontwòl nan 469 AD. Pouvwa a Vandalis nan Mediterane a te Lè sa a detwi pa Bizanten jeneral Belisarius nan , Corsica te konsa fizyone ak Prefecture a nan Pretoryòm nan Lafrik [13] , anba Anpi Bizanten an .

Nan peryòd ki vin apre a, Goths yo ak Lombards yo te pwan daso ak sakaje zile a, kite Bizanten yo te kite defans yo. Corsica, sepandan, rete nominalman lye nan Anpi Bizanten an, jiskaske, nan 774 , Charlemagne desann ak konkeri santral-nò Itali, tou soumèt zile a.

Nan fen wityèm syèk la atak yo nan mor yo te kòmanse , ki pral repete plizyè fwa epi yo pral make yon detire siyifikatif nan istwa zile a, jan sa pwouve sa ak drapo nan tèt li [14] . Mor yo jere yo pran kontwòl zile a yon sèl fwa, nan 810 Corsica te an reyalite prèske antyèman sibi pou yon kout peryòd [15] . Pou rès la li te yon kesyon de atak ki vize a piyaj olye ke yon konkèt reyèl, eksepte pou kèk fò anba dominasyon Arab.

Yo nan lòd yo eseye mete yon fen nan eta sa a nan zafè, nan 828 defans la nan zile a te reskonsab Bonifacio II , konte nan Lucca , ki te dirije ansanm ak frè l 'Beretario ak lòt nòb tuscane yon viktorye ekspedisyon pinitif dirèkteman kont pò yo. Nò Afriken [14] ; sou wout la tounen Bonifacio bati yon fò nan pwent sid la nan Corsica, konsa fondatè nwayo a ranfòse nan vil la nan Bonifacio , neglijans kanal la ki separe Corsica soti nan Sardinia (batize an reyalite Bocche di Bonifacio ). Lagè kont Saracens yo , ki te byento rekòmanse atak yo, te kontinye pa pitit Bonifacio a, Marquis of Tuscany Adalberto I. Sepandan Saracens yo jere kenbe kèk baz sou zile a jouk 930 .

Peryòd pisan (1073-1284)

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Repiblik Piz .
Teritwa sijè a Repiblik la Piz nan bèl maksimòm li yo.
Legliz nan San Michele di Murato nan pisan style roman (XII syèk).

Pap Gregory VII la nan mitan batay la pou envestisman ak anperè a Henry IV , nan 1073 pa t 'dirèkteman pran kontwòl nan zile a, men reskonsab administrasyon li nan evèk la nan Piz , Landolfo, envesti ak biwo a nan legat papal pou Corsica. .

Aprè evènman sa a, moun ki gen chèz la archepiskopal pisan tou te vin primat nan kors ak Sardinia , yon pozisyon ki te fèt nan yon nivo onorè jiska jou a prezan [16] [17] . Piz, ak pò li yo, te deja gen relasyon sere avèk zile a pou syèk, agrandi enfliyans politik li yo, kiltirèl ak ekonomik la.

Administrasyon evèk la te inevitableman swiv pa otorite politik la nan jij yo nan Repiblik la nan Pisa , destine nan yon ti tan fè Corsica fleri ak make li pwofondman.

Pisa pral an reyalite pèdi kontwòl zile a apre defèt la dezas nan batay la nan Meloria ( 1284 ) kont Genoa .

Se konsa, te kòmanse yon sezon long pou Corsica dikte nan yon vakyòm pouvwa sibstansyèl, pandan ki Piz, Genoa ak Peyi Wa ki nan Aragon konkou pou enfliyans sou zile a.

Vacuum pouvwa a ak peryòd jenwa a (1284-1755)

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Repiblik Genoa , Crown nan Aragon , Trete nan Anagni , Maona (istwa) ak Sambucuccio d'Alando .
Rès yo nan yon gwo kay won jenwa nan Erbalunga, nò Corsica

Nan 1295 , Pap Boniface VIII entèvni pou eseye rezoud kesyon an korsik, ki moun ki sanksyon nesans la nan Peyi Wa ki nan Sardinia ak Corsica nan Trete a nan Anagni, ki li remèt bay wa Jak II nan Aragon (nan entre-temps la angaje nan Rekonkèt la nan Espay). Kors te konsa fusionné ak dominasyon yo Aragon . Aragonyen yo aktyèlman rete nan Peyi Wa ki fenk fèt sèlman nan 1324 , konsantre sèlman sou Sardinia, pa janm aktyèlman administre Corsica.

Corsica se poutèt sa toujou viktim nan nan yon vakyòm pouvwa sibstansyèl ki pral dire yon bon 63 ane an jeneral. Kesyon an te rezoud sèlman nan 1347 gras a baron an korsen Sambucuccio d'Alando , ki te konvoke yon asanble nan tout baron yo ak kaporal nan zile a. Asanble a pral deside detache tèt li definitivman soti nan Aragon epi mete tèt li anba pwoteksyon nan Genoa , ofri Repiblik lig la souverènte total sou zile a. Li evidan, Aragon pa t 'gade favorableman sou inisyativ la nan kou yo, men pa t' aplike mezi pou kèk tan.

Lè w ap pran avantaj de dezòd jeneral la ki te koze pa epidemi Nwa a , Baron Arrigo della Rocca, ak sipò twoup Aragon yo, nan 1372 te pran prèske total kontwòl zile a, kite sèlman ekstrèm nò a ak kèk gwo fò marin anba kontwòl jenwa. "Koudeta" a te pouse baron yo fè apèl nan Genoa , ki te deside rezoud pwoblèm nan pa envesti gouvènè zile a ak yon sòt de konpayi komèsyal yo rele " Maona ", ki te fòme ak senk moun, ak ap eseye enplike Arrigo tèt li , men san rezilta. Nan 1380 , kòm tansyon pèsiste, kat nan senk manm yo nan Maona a demisyone, kite sèlman Leonello Lomellini fè egzèsis fonksyon yo nan gouvènè. Nan kapasite sa a Lomellini te fonde, nan 1383 , vil la nan bastya , destine yo vin nwayo ki pi enpòtan nan dominasyon jenovèz la ak kapital la nan zile a (jouk demenaje nan Ajaccio sou inisyativ la nan Napoleon Bonaparte ).

Li te sèlman nan 1401 , apre lanmò a nan Arrigo, ke otorite a Genoese te re-etabli sou tout zile a.

Sepandan, kontwòl konplè ak efikas nan Genoa sou zile a pa te lineyè, anpil revòlt finanse pa divès pouvwa etranje te bay monte nan ti domèn endepandan de otorite Genoese a, ki te reponn a nasyon yo ki te sipòte revòlt yo. Nan mitan lòt nasyon yo ki entèfere nan zafè yo nan jenwaz kors te Lafrans , Peyi Wa ki nan Aragon , Pap Etazini ak Repiblik la nan Piz .

Corsica endepandan (1755-1769)

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Repubblica Corsa ak Pasquale Paoli .
Ewo kors la Pasquale Paoli
Moniman a Pasquale Paoli nan Isola Rossa . Enskripsyon: «Centenariu di u tornau di e cennere 1889-1989. In memory of Pasquale de 'Paoli, u Babbu di a Patria "

Avèk nan konmansman an nan dizwityèm syèk la mekontantman jeneral nan popilasyon an Corsican sou soumisyon kontinyèl a pa pouvwa etranje yo ak frajilite a nan Genoa konkretize nan kiltivasyon nan lide nan yon kors gratis, ini ak endepandan. Gwoup endepandans yo te kòmanse fòme otorite jenwa yo te opoze avèk fòs. Se sèlman nan 1755 divès gwoup endepandans yo te òganize tèt yo an yon sèl mouvman ame, yo te nonmen trant-zan Pasquale Paoli kòm tèt la nan revòlt la.

" Nou te kouri pa nesans ak santiman, men premye nan tout nou santi nou Italyen pa lang, koutim ak tradisyon ... Ak tout Italyen yo se frè ak sè nan solidarite anvan istwa ak devan Bondye ... Kòm Còrsi nou pa vle yo dwe swa sèvitè e ni "rebèl" e kòm Italyen nou gen dwa pou yo trete nou menm jan ak lòt Italyen ... Swa nou pap anyen ... Swa nou pral genyen avèk onè oswa nou pral mouri ak zam nan men ... nan liberasyon se apa pou Bondye ak jis, tankou apa pou Bondye ak menm jan non Bondye a se, ak isit la, nan mòn nou yo, solèy la nan libète ap monte pou peyi Itali. [ san sous ] "

( diskou pa Pasquale Paoli bay nan Naples nan 1750 )

Fòmasyon nan anviwònman Syèk Limyè nan Naples yo nan Antonio Genovesi ak Gaetano Filangieri , Pasquale Paoli, ki moun ki te prepare pou kèk tan pou li retounen nan zile a ak yon wòl gestion, ta bay yon pwen desizif vire revòlt la korsik: li te Paoli ki moun ki fè l 'asime karakteristik yo nan premye revolisyon an boujwa vre nan Ewòp, ak li se premye konstitisyon an demokratik ak modèn, antisipe Revolisyon an franse ak Revolisyon Ameriken an [18] , youn nan ki kontwole lavi sa a nan kors endepandan soti nan 1755 jouk nan definitif konkèt franse nan 1769 .

Rive nan peyi l 'sou Avril 19, Paoli ansanm frè l' Clemente nan Morosaglia , epi, ant 13 ak 14 jiyè, 1755 , li te pwoklame jeneral nan sa ki kounye a, ak konsyans plen, te defini kòm Repiblik la kors .

Ant 16 ak 18 Novanm 1755 , lè yon Konsiltasyon Jeneral te rankontre nan Tribinal la (ki te vin kapital la nan eta a Corsican ), Paoli pibliye Konstitisyon an nan Corsica , ki te ede fè Paoli trè popilè nan sèk yo eklere nan tout nan Ewòp ak nan mitan kolon ensije angle yo ki pral bay lavi nan Etazini yo nan Amerik ak Konstitisyon li yo.

Konstitisyon an korsik atire atansyon a nan tout Ewòp pou eksepsyonèl pouvwa inovatè li yo ak Paoli mande pou kolaborasyon nan Jean-Jacques Rousseau pafè li. Filozòf la Genevan kè kontan reponn apèl la ak ekri konstitisyon bouyon l ' yo pou Corsica ( 1764 ).

Yon fwa ke Repiblik la Genoese te redwi a kontwole kèk gwo fò bò lanmè, souvan sènen toupatou, Paoli te bay tèt li ak enèji inépuizabl bay fòm ak konkretite nan pwòp tèt ou- pwoklame Eta a nan Corsica nan tout domèn, san yo pa neglije nenpòt ki, sòti nan jistis nan ekonomi an.

Epitou nan Tribinal la, Paoli te fonde nan 1765 yon inivèsite lang Italyen (ki te lang ofisyèl nan eta a) gen entansyon fòme kadr yo nan gouvènman an ak klas dominan li yo, pandan y ap te piblikasyon an nan yon reyèl bilten ofisyèl nan eta a te kòmanse ., Ragguagli yo nan zile a nan Corsica .

Envazyon ak aneksyon an Frans

Avèk avenman Duke a nan Choiseul kòm minis nan wa Louis XV , plan an ansyen nan Paris jwenn men l 'sou Corsica (deja sijere nan trete yo franse politik-diplomatik nan ane 1600 yo) akselere.

Lafrans te sibi yon defèt grav nan lagè sèt ane yo , e li te pèdi tout koloni li yo nan Amerik la, ki, ak Trete a nan Paris nan 1763 , te pase anba kontwòl Britanik yo. Se poutèt sa li te vin vital defann enterè franse nan Mediterane a , kote pouvwa franse te menase pa Espay , prezans la ap grandi Britanik ak ekspansyon nan règ Ostralyen sou penensil Italyen an.

Èske w gen idantifye Corsica kòm yon avantaj estratejik ki gen enpòtans fondamantal pou pouswit politik franse Mediterane a, Choiseul pèfeksyone ak konplete plan an pran posesyon li nan frais de ki fèk fòme Repiblik la korsik ak Repiblik la nan Genoa tèt li , ki te vle re- soumèt zile a. Premye faz nan operasyon an fèt nan pwovoke Genoa siyen Trete a nan Compiègne nan 1764 , ki te etabli voye twoup franse nan kors sipòte rekonkèt la nan zile a pa Genoa, ki sipoze chay la nan finansman operasyon an antye. Yon fwa lame franse a te deplase nan ganizon tout ti bouk bò lanmè yo nan zile a, Choiseul, olye pou yo detèmine atake Paoli , te eseye kòronp l '. Paoli te kenbe soti epi tou li rejte flatri ki allusion nan wòl posib pre-eminan l 'nan yon administrasyon nan lavni franse nan kors.

Pandan se tan, twoup yo, wa Lafrans lan, byen lwen soti nan louvri ostilite kont korsiken yo jan yo te pwomèt la, rete an sekirite nan fò yo Genoese, konsa dramatikman ogmante bòdwo a ke Genoa te dwe peye pou prezans yo dapre Trete a nan Compiègne, jiska vin lafòs fayit akòz mank nan resous ki nesesè yo, jan yo prevwa pa Choiseul.

Enpas la te konsa pwolonje jouk 15 me, 1768 , lè Choiseul te kouwone plan l 'yo, fòse Genoa, ki pa t' kapab ankò sipòte depans sa yo nan operasyon an, yo siyen Trete a nan Vèsay , ki te make nan fen reklamasyon an nan zile a pa Genoa , ki olye rekonèt Lafrans kòm pwopriyetè lejitim nan zile a. Se poutèt sa, yo ka di ke Corsica te sibstansyèlman arache soti nan Genoa kòm yon garanti pou dèt ki poko peye, ak nan yon sèten sans, atifisyèlman kreye. Repons Jeneral Paoli se te mobilizasyon jeneral pou reziste, bra nan men, demand Paris yo.

Pandan ke jenwa yo te kite zile a pou tout tan, gouvènman franse a te kòmanse kanpay militè konkèt la. Okòmansman, twoup franse yo te grav bat nan Borgo nan mwa Oktòb 1768 , yon epizòd enpòtan pou patriyotis kors, ki soti nan ki pi popilè chante popilè " Borgu " [19] te fèt . Paoli, avèk lespwa pou li gen respè pou Lafrans, olye pou yo masakre yo, lage anpil prizonye franse yo te kaptire yo. Espwa pou gremesi li yo pou yon règleman favorab nan konfli a te reponn pa rive nan korsik, sou lòd yo nan Marquis de Vaux a , nan menm pi gwo fòs franse ekipe ak zam pwisan.

Rechèch dezespere Paoli a pou èd entènasyonal pa t 'bay rezilta enpòtan e konsa kanpay militè franse a antre nan tout swing nan kòmansman Me 1769 , tit dirèkteman nan direksyon pou katye jeneral la kors nan Murato . Pou bloke atak la, Paoli deplwaye tout fòs yo a jete li, ki gen ladan yon kontenjan enfantri mèsenè Alman yo.

Batay la desizif te pran plas sou 9 Me 1769 nan Ponte Nuovo , kote milis yo korsik sede ak pèt grav sou pouvwa a nan zam la siperyè nan fòs yo franse, ki te sipòte pa kontenjan nan karyè anboche pa rival remakab nan Paoli, san pèdi tan pase ansanm ak mèt yo nan lavni nan zile a. Malgre defèt la, korsiken yo, pou kouraj yo montre nan batay la, te vin admire Ewopeyen an, sitou pami entèlektyèl eklere yo ki te wè nan yo premye defi ouvè pou ansyen rejim lan . Voltaire pral ekri sou batay la souliye valè korsiken yo ki te defann pon an, lonje dwèt sou yo kòm yon egzanp nan demand ewoyik pou libète, pandan y ap James Boswell , nan Kont li nan Corsica , te deja konpare Paoli ak yon nouvo Lycurgus .

Paoli chape anba kaptire, epi, anbakman pou Livorno , rive nan Lond kote li te akeyi nan yon ekzile onore (li te resevwa pèsonèlman pa wa George III ), pandan y ap sekretè l ' Carlo Maria Buonaparte , papa Napoleon an , rete nan Corsica eseye tantativ rezistans ekstrèm. Kraze ak san viktwa militè nan bra franse, sepandan, byento baskil balans politik la décisif sou bò a nan Lafrans ak Buonaparte tèt li te fini sede nan faksyon franse a.

Jewografi fizik

Kat jeyografik nan kors

Yon ti kras pi gwo pase enbrya , Corsica, ak li yo 8 681 km² nan sifas, li leve soti nan lanmè Mediterane a kòm yon chèn nan mòn rezistan ak se yon pati nan zile yo ki fè pati rejyon an Italyen fizik [7] .

Long nan sans meridyen yo, mezire 183 km soti nan Capo Corso (nò) nan Capo Pertusato (sid), pandan y ap lajè a maksimòm se 83 km .

Detwa kanal Bonifacio a ( 11 km ) separe li de kòt nò Gallura ( Sardinia ). Sou bò solèy leve a, pwomotwa ki pi pre a sou penensil Italyen an se Piombino ( 82 km ), pandan ke kòt franse a ( Côte d'azur ) sitiye, nan pwen ki pi pre a, nan approx 170 km nò-lwès.

Capo Còrso, promontwar a souvan refere yo kòm dwèt la nan Corsica , pwen dwat sou Tigullio a , jis yon ti kras pi plis pase 150 kilomèt nan nò. Devlopman nan kotyè se approx 1200 km, sèlman 300 nan yo ki te fè leve nan plaj, pi souvan sou kòt lès, neglijans lanmè a liguryèr ak lanmè a tirrenyen nan direksyon pou ' Itali a ak' Tuscan Archipelago a , ak zile ki pi pre a se Capraia lwen 31 km soti nan Capo Còrso. Nan kondisyon bon vizibilite ak bon tan, mòn yo korsik deja vizib soti nan altitid yo mwayen-ba nan ti mòn yo ki kouwòn kòt Italyen an soti nan ligurya a Argentario .

Ridge mòn prensipal la kwaze zile a transversalman, ki soti nan nò-lwès nan sid-bò solèy leve, divize Corsica an de rejyon, lajman distenk de yon pwen de vi jewolojik, ak yon prévalence de wòch granit cristalline sou bò sid ak lwès ak nan wòch ajil feyte. ak zòn alluvions sou bò solèy leve.

Divizyon sa a tou repete pa divizyon administratif la nan de depatman e li te gen konsekans istorik enpòtan.

Mount Cinto ( 2 706 m ), jis 28 km soti nan lanmè a, li se pik ki pi wo a sou zile a; sou mòn Cinto gen snowfields . Lòt mas mòn yo rive nan altitid konsiderab: mòn Rotondo ( 2 622 m ), mòn Renoso ( 2 352 m ), mòn Incudine ( 2 134 m ). Anpil lòt tèt pouse somè yo apeprè 2,000 mèt. Capo Còrso tou trè montay, ak tèt ki depase 1 300 m . Altitid mwayèn zile a depase 500 mèt ( 568 m ).

Gwo Sekou (non kors )

Monte Cinto ( 2 706 m ) ( Cintu )
Monte Rotondo ( 2 622 m ) ( Ritondu )
Paglia Orba ( 2 525 m )
Monte Padro ( 2 390 m ) ( Padru )
Monte d'Oro ( 2 389 m ) ( d'Oru )
Monte Renoso ( 2 352 m ) ( Rinosu )
Monte Incudine ( 2 134 m ) ( Alcùdina )

Corsi d'acqua

Golo ( Golu )
Tavignano ( Tavignani )
Rizzanese ( Rizzanesi )
Taravo ( Tàravu )
Gravona
Fiumorbo ( Fiumorbu )
Prunelli ( Pruneddi )
Liamone

Laghi

Bracca
Capitello ( Capitellu )
Creno ( Crena )
Nino ( Ninu )

Stagni litoranei

Biguglia ( di Chjurlinu )
Diana
Urbino ( d'Urbinu )
Palo ( Palu )

Passi

Col de Vergio ( Bocca à Verghju )
Col de Vizzavona ( Foce di Vizzavona )
Col de Verde ( Bocca di Verdi )
Col de Bavella ( Foci di Bavedda )

Isole

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Isole della Corsica .

Fanno parte della Corsica molti isolotti, scogli e isole, spesso disabitati; tra le più grandi, si segnalano l' Isola di Lavezzi e l' Isola di Cavallo .

Geologia

Carta Geologica della Corsica.
La baia di Calvi.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geologia della Corsica .

La storia geologica della Corsica trae le sue origini circa 100 milioni di anni fa, quando l' apertura dell'Oceano Atlantico settentrionale mette in moto un complesso meccanismo di rotazione e compressione reciproche tra le grandi placche africana ed eurasiatica che, tra l'altro, determinerà il sollevarsi delle Alpi .

I fenomeni di subduzione della crosta interposta tra le due placche originarono un arco magmatico attivo tra 35 e 13 milioni di anni fa lungo la costa che va attualmente dalla Catalogna alla Liguria , i cui prodotti, frattanto trasformati in graniti cristallini, affiorano oggi prevalentemente in Provenza (massiccio dell' Esterel , tra Cannes e Fréjus ), sulla costa sud-occidentale còrsa e su quella nord e nord-occidentale sarda. Circa 30 milioni di anni fa, infatti, una frattura attraversò quest'arco, determinando il distacco della microplacca che comprendeva le attuali Sardegna e Corsica (allora più vaste e unite) a Nord-Est e, più a Sud-Ovest, del complesso delle Baleari e la rotazione della placca sardo-corsa in senso antiorario, determinando così, per strizzamento, il sollevamento dal mare della catena degli Appennini e delle Alpi Apuane . A questo fenomeno, che portò a migrare Sardegna e Corsica ea raggiungere la loro posizione attuale circa 6-7 milioni di anni fa, si aggiunse più tardi la tensione di apertura del Mar Tirreno, venendo a creare la conformazione della Corsica, descritta di seguito.

Tutta la porzione occidentale della Corsica, compresa la catena montuosa che taglia l'isola da Nord-Ovest e Sud-Est, è essenzialmente costituita da un blocco di rocce cristalline e graniti sollevato dalla placca nordafricana. Attraversata da numerose fratture perpendicolari allo spartiacque principale, tale porzione occupa oltre 2/3 dell'isola.

Spiaggia di Nonza, nel nord della Corsica, importante meta turistica.

Lungo lo spartiacque si incontrano le cime più elevate di Corsica, ad eccezione della più alta, il Cinto, leggermente dislocato sul versante Est. A ovest dello spartiacque una profonda frattura arcuata corre da San Fiorenzo e dalla foce del fiume Ostriconi sino a Solenzara passando per Corte .

Oltre la frattura si trovano soprattutto scisti del Triassico , i maggiori dei quali costituiscono la catena del Capo Còrso ( Monte Stello , 1 306 m ) e il massiccio della Castagniccia ( Monte San Petrone , 1 767 m ). A nord, tra la valle dell' Ostriconi e San Fiorenzo , la piattaforma del cosiddetto Deserto delle Agriate ( Désert des Agriates ), è costituita da un elemento granitico inglobato negli scisti.

Procedendo ancora verso la costa orientale gli scisti si immergono verso il Tirreno , secondo una faglia arcuata verso Est che procede da Bastia a Solenzara , lungo la quale si aprono due pianure alluvionali che recano tracce di depositi post-glaciali, unite da una sottile fascia costiera continua larga 2 km nel più stretto. La più vasta, a Sud, raggiunge i 14 km verso Aleria , ed è attraversata dai fiumi Tavignano e Fiumorbo . Quella a Nord, presso Bastia, ospita la foce del fiume Golo , il maggiore della Corsica.

Le scogliere di Bonifacio .

Gli unici terreni calcarei dell'Isola, di piccola estensione, sono situati a Est del Golfo di San Fiorenzo, presso la base del Capo Còrso, e all'estremo Sud, presso Bonifacio , ove vanno a costituire le spettacolari scogliere bianche e il fiordo che coronano la città.

Frequenti fratture perpendicolari al suo spartiacque segnano la catena del Capo Còrso , dando origine alla caratteristica antropizzazione della micro-regione, ove i piccoli centri abitati sono raccolti attorno ai bacini torrenziali ospitati nelle spaccature trasversali con abitazioni sparse verso le cime e la parte principale del villaggio presso la foce del torrente.

La Castagniccia, a sua volta, è divisa in una decina di bacini torrenziali le cui creste sono disposte grosso modo a stella attorno alla zona centrale e più elevata. Lungo le creste sono dispersi in una miriade di piccole e piccolissime frazioni quasi tutti i villaggi della zona: le profonde vallate, d'altra parte, negando il sole al loro interno, scoraggiano l'insediamento verso il basso. L'asprezza dei rilievi è tale che centri distanti in linea retta un paio di km al massimo sono uniti da tortuose strade lunghe spesso non meno di 10–15 km . Tale situazione ha dato origine, per ragioni pratiche, alla tradizione, antichissima tra i pastori, di richiami cantati che sono stati recuperati da gruppi di musica etnica e portati a rappresentare esempi di musica di notevole livello. Situazioni orografiche simili hanno dato luogo a simili insediamenti e tradizioni anche sui rilievi tra il Capo Còrso e la Castagniccia, sulle Colline del Nebbio (a Sud di Calvi) e nelle Pievi che gravitano attorno al Fiumorbo .

Clima

Il clima della Corsica è generalmente di tipo mediterraneo, con estati calde e secche e inverni miti e piovosi lungo la fascia costiera, più freddi e nevosi sulle montagne dell'interno, in funzione dell'altitudine.

La temperatura media annuale ( 12 °C ) è poco indicativa, in quanto l'isola ospita numerosi microclimi determinati dalla propria tormentata struttura orografica: sono tuttavia sempre dominanti la luminosità e l'insolazione tipiche del Mediterraneo. La temperatura media annuale delle coste è di 16,6 °C con una media invernale di 7/8 °C e una media estiva di 25 °C .

Le precipitazioni sono concentrate in autunno e inverno (novembre è il mese più piovoso), mentre il periodo da giugno a ottobre è caratterizzato da una forte siccità con scarsissime possibilità di pioggia.

I venti più comuni sono il maestrale da nord-ovest, che a volte raggiunge velocità molto elevate sul mare verso Bonifacio (in còrsu : «Bunifaziu»), battuta pure da un potente libeccio (da sud-ovest) e dallo scirocco (da sud-est).

Di seguito sono indicate le stazioni meteorologiche ufficiali dell' Organizzazione Meteorologica Mondiale presenti in Corsica; le loro ubicazioni sono sia presso le principali aree aeroportuali che presso i più importanti fari costieri presenti sull'isola:

Parchi naturali

Il Parco naturale regionale della Corsica , creato nel 1972 , interessa quasi un quarto del territorio dell'isola (circa 2 000 km² ) e permette la conservazione del paesaggio e di numerose specie animali e vegetali, alcune delle quali rare e peculiari della Corsica.

Tramonto nella regione dei Calanchi

Il Parco si sviluppa lungo la dorsale montuosa che attraversa l'isola da NO a SE e include – oltre alla riserva naturale di Scandola (posta sotto il patrocinio dell' UNESCO ) - anche zone pedemontane e marine, come il Golfo di Porto, coronato dagli spettacolari Calanchi , o gli stagni litoranei della costa orientale.

Durante oltre trent'anni il Parco ha avuto un ruolo chiave nel recupero del territorio attraverso la ripresa della secolare coltura del castagno , la protezione antincendio, il recupero di dozzine di ovili e stazzi , il riavviamento di mulini ad acqua, il restauro di monumenti e lo sfruttamento di giacimenti archeologici, dando nuovo impulso all'insediamento nell'interno e favorendo lo sviluppo dell'artigianato locale.

Lungo lo spartiacque del Parco corre per circa 180 km , il sentiero escursionistico GR 20 (Grande Randonnée 20), che unisce Calenzana (Balagna, verso Calvi) a Conca (verso Porto Vecchio), sulla costa sud-orientale dell'isola. Il tracciato si sviluppa spesso oltre i 2 000 m , ed è percorribile interamente solo da luglio a ottobre, a causa del forte innevamento che interessa le aree centrali. L'intero percorso richiede almeno due settimane per essere completato, ma può essere diviso in tappe con soste nei rifugi.

Cultura

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua corsa , Dialetto bonifacino e Dialetto greco di Cargese .
Cartelli stradali bilingue. I nomi di località usano la denominazione dell' IGN e - se differente - quella in corso , quelli turistici sono in francese e corso.

L' italiano fu lingua ufficiale dell'isola fino al 9 maggio 1859 [20] : da allora lo divenne infatti il francese , dando inizio a un processo di assimilazione linguistica che, proseguendo ancor oggi, investì l'italiano e il corso, idioma afferente all' area romanza e appartenente al gruppo dei dialetti toscani [21] .

Il corso viene comunemente distinto in due macro-varianti principali [22] :

  • il cismontano ( supranacciu ), nei due terzi settentrionali dell'isola ( Bastia , Corte , Calvi , Isola Rossa , Aleria , Cervione , Vico , San Fiorenzo , Rogliano ), che risente di forti influssi toscani ma costituisce la variante più diffusa e standardizzata [ senza fonte ] ; il dialetto parlato a Bastia, sulla costa nord-orientale e soprattutto nella penisola del Capo Corso, è tra l'altro la varietà più affine all'italiano standard e forse l'idioma più simile ad esso, subito dopo il dialetto fiorentino;
  • l'oltremontano ( suttanacciu ), nella parte meridionale ( Ajaccio , Sartene , Porto Vecchio , Propriano , Zicavo ) dell'isola, che specie nelle sue versioni meridionali costituisce la variante più arcaica e conservativa del corso, fortemente imparentata col gallurese ( gadduresu ) del nord Sardegna , ivi portato dai marinai e coloni corsi, e col sassarese ( sassaresu ), nato da un substrato comune al corso ma evolutosi autonomamente.

A Bonifacio ea Calvi è poi presente un' isola linguistica del ligure coloniale ( bunifazzinu ), tuttora insegnato (ma facoltativo) nelle scuole primarie. I già citati idiomi sardo-corsi del nord della Sardegna (gallurese e sassarese) presentano notevoli affinità lessicali e grammaticali con i dialetti della Corsica meridionale: in particolare, il gallurese parlato in Gallura nel nord-est dell'isola (circondario di Tempio Pausania ea La Maddalena ) può essere classificato come una variante del corso meridionale. Presenta inoltre forti influenze corse anche l'ormai estinto dialetto della vicina isola di Capraia .

Dal 2002 è intervenuta una disciplina organica in base alla quale la lingua corsa è inserita nell'orario normale di insegnamento delle scuole elementari della Corsica. Tale insegnamento non deve tuttavia avere carattere obbligatorio e non deve condurre ad una disparità di trattamento tra gli studenti.

Al còrso è riconosciuto lo status di lingua regionale francese e, il 17 maggio 2013 , l' Assemblea della Corsica ha votato la co-ufficialità di còrso e francese con 36 voti a favore e 11 astenuti, mentre 4 erano assenti [23] . Purtuttavia, è da notare a tal riguardo il fatto che la Francia non ha ancora ratificato la carta europea delle lingue regionali o minoritarie [24] [25] .

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina corsa .

Musei

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei della Corsica .

Musica

La tradizione musicale corsa è molto legata alla polifonia , della quale è un esempio il diffuso canto tradizionale detto Paghjella .

Sono vivi in Corsica numerosi complessi polifonici, tra i quali spiccano:

ei cantanti e/o cantautori:

Cinema

In Corsica è stato girato nel 1991 dalla Rai il film collettivo Corsica .

Economia e trasporti

Collegamenti marittimi

Traghetto in il porto di Ajaccio .

La Corsica è regolarmente servita da linee di navigazione che la collegano quotidianamente alla Francia, principalmente con i porti di Tolone , Marsiglia e Nizza . I collegamenti con l'Italia, relativi ai porti di Genova, Livorno , Savona Vado , Porto Torres , Piombino , Santa Teresa di Gallura ( Sardegna ) e Portoferraio ( isola d'Elba ), sono limitati e, sulla maggior parte delle tratte, esclusivamente stagionali. Le principali società di navigazione che servono l'isola sono:

Accanto ai porti principali dell'isola, a Bastia , Aiaccio e Isola Rossa , si affiancano, soprattutto per l'afflusso turistico e diportistico, quelli di Bonifacio , di Propriano , di Calvi e di Porto Vecchio .

Bastia, il porto vecchio.

Aeroporti

Nell'isola vi sono sette aeroporti civili e uno militare:

Non vi sono relazioni dirette e quotidiane che con la Francia, gestite in gran parte dalla compagnia di bandiera francese, Air France , e dalla sua consociata Air Corsica , cui si aggiungono numerosi voli charter che legano l'isola ai principali scali europei durante la stagione estiva. Esistono diversi collegamenti aerei con l' Italia gestiti dalla compagnia Easyjet.

Rete ferroviaria còrsa; in blu il tratto dismesso dalla II guerra mondiale

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovie della Corsica .

La rete ferroviaria dell'isola è attualmente gestita dalla CFC (Chemins de fer de Corse; Caminu di Ferru di Corsica), una società controllata dalla SNCF (Société Nationale des Chemins de fer Français) e collega Bastia ad Aiaccio passando per Corte, nei cui pressi (Ponte Leccia) si stacca un ramo secondario che serve Calvi .

Sino alla metà del XX secolo una terza linea collegava Bastia a Porto Vecchio seguendo la costa orientale (con progetto per giungere a Bonifacio), ma tale tracciato è stato dismesso a seguito delle distruzioni subite durante la Seconda guerra mondiale e mai riparate.

La CFC fu creata nel 1983 a seguito della forte protesta popolare che si oppose al progetto di chiusura totale dei 231 km di rete rimasti in servizio, portato avanti dalle ferrovie francesi.

Ponte ferroviario delle ferrovie còrse realizzato da Gustave Eiffel.

Quando furono realizzate, negli ultimi decenni del XIX secolo , le ferrovie di Corsica rappresentarono una sfida ingegneristica di prim'ordine, poiché l'asprezza del territorio rendeva necessario sorpassare innumerevoli ostacoli naturali con la realizzazione di numerosi viadotti e gallerie (l'ing. Gustave Eiffel , celebre per la sua omonima torre parigina, ha realizzato l'ardito ponte in ferro di u Vecchju tra Vivario e Venaco ). Per superare le forti pendenze e gli stretti raggi di curvatura imposti dall'orografia montuosa dell'isola fu necessaria l'adozione di uno scartamento ridotto (distanza tra le rotaie di 1 000 mm ).

Il binario unico lungo il quale si svolgono le linee rimaste in servizio (e la più ridotta capacità caratteristica dello scartamento ridotto) limitano lo sfruttamento della ferrovia essenzialmente al traffico passeggeri, intensificato nel periodo estivo da originali proposte turistiche che permettono di valorizzare al meglio u Trinighellu ("il trenino") per gli spettacoli unici e mozzafiato che può offrire attraversando le ripide vallate che tagliano le montagne còrse.

Rete stradale

Salvo alcune eccezioni, come il collegamento Bastia-Ajaccio e alcuni tratti meglio curati lungo la piana orientale tra Bastia e Porto-Vecchio e tra Aleria e Corte, la gran parte delle comunicazioni interne sono delle Route territoriale della Corsica , strade tortuose, strette e sovente prive di banchine e adeguate protezioni.

Per buona parte le strade tra un paese e l'altro ricalcano fedelmente tracciati antichi e anche su qualche arteria riadattata più di recente sono ancora in uso ponti costruiti durante il periodo genovese, mentre alcuni dei passi che separano Cismonte e Pomonte sono tuttora attraversati da strade a volte larghe appena più di tre metri.

Non è infrequente dover attraversare guadi asfaltati (che diventano immediatamente intransitabili alla prima piena del torrente che attraversano) per raggiungere qualche paese e questa circostanza, assieme alle intense nevicate che investono la Corsica interna d'inverno, rende non infrequente l'isolamento di diverse località per giorni e giorni o l'impraticabilità di molti passi montani.

Estremamente suggestive dal punto di vista paesaggistico, con il loro ricalcare fedelmente il profilo orografico e la loro manutenzione non sempre sufficientemente frequente, le strade di Corsica, se da un lato rendono difficili i collegamenti, costringendo a lunghi e lunghissimi tempi di percorrenza, dall'altro prevengono l'antropizzazione eccessiva del territorio e aiutano a preservarlo dall'impatto del turismo estivo.

Economia

Tabella III - Indicatori Socio-Economici *
Corsica Francia Corsica/Francia
(Francia = 100%)
Prodotto Interno Lordo (2003)
(Media per abitante)
20 149 25 991 77,52%
Imposizione fiscale (2001)
(Media per famiglia)
12 235 14 650 83,52%
Residenze (1999)
177 366 28 702 012 0,62%
% Residenze secondarie (1999)
34,20% 10,10% 338,61%
Media Residenziale (1999)
(Popolazione/Residenze)
1,47 2,04 71,95%
Occupati totali (1999) 85 608
(100,00%)
22 774 306
(100,00%)
0,38%
Occupati salariati (1999) 69 303
(80,95%)
19 928 952
(87,51%)
0,35%
Iscritti liste disoccupazione (2004) 13 770
(16,08%)
2 762 665
(12,13%)
132,60%
Imprese totali (2004) 20 473
(100,00%)
2 861 602
(100,00%)
0,72%
Imprese industria (2004) 1 615
(7,89%)
290 783
(10,16%)
0,56%
Imprese edilizia (2004) 2 954
(14,43%)
344 264
(12,03%)
0,86%
Imprese commercio e artigianato (2004) 5 626
(27,48%)
759 526
(26,54%)
0,94%
Imprese servizi (2004) 10 278
(50,20%)
1 467 029
(51,27%)
0,70%

* Elaborazione su dati ufficiali INSEE

La Corsica è una delle regioni francesi più povere e più svantaggiate da un punto di vista economico, malgrado il notevole sviluppo del turismo nell'ultimo dopoguerra.

Il prodotto interno lordo (PIL) della regione nel 2003 è stato pari a 5 455 milioni di Euro, di gran lunga il minore tra tutte le regioni francesi (il penultimo, quello del Limousin è quasi tre volte maggiore, 15 408 milioni di Euro), ed è pari ad appena lo 0,35% del totale della Francia metropolitana (1 560 192 milioni di Euro). Anche considerando il PIL per abitante, la Corsica resta il fanalino di coda, con 20 149 Euro (penultimo il Languedoc-Roussillon, 20 279 Euro), un dato impressionante (-5 842 Euro) se paragonato alla media nazionale, pari a 25 991 Euro.

Se si fa l'eccezione della microregione del Capo Còrso e di qualche piazzaforte costiera, la Corsica non ha avuto in epoca moderna, come la vicina Sardegna, una vera e propria vocazione marittima, affidandosi per lo più (e sino ad epoche recenti) a un'economia basata su un'agricoltura e una pastorizia (capre e pecore) quasi esclusivamente di sussistenza, anche se Genova, in particolare, prese misure atte a favorire lo sviluppo delle colture boschive (soprattutto castagni e pini larìci ) che fornivano ottimo legname per costruzioni anche navali. I castagneti di Corsica, ancora oggi molto estesi, costituivano inoltre un'importante risorsa alimentare (è tuttora diffusa e tipica della gastronomia còrsa la pulenda di farina di castagne).

Dopo la conquista francese vi fu anche in Corsica il tentativo, come altrove, di introdurre le nuove tecniche di coltivazione razionale che venivano via via sviluppate, ma la forte emigrazione finì per rendere vani gran parte degli sforzi diretti a mettere a frutto le terre dell'isola.

Tale situazione si trascinò sostanzialmente sin sul finire degli anni cinquanta del XX secolo , quando furono varati da Parigi i primi piani organici di sviluppo e valorizzazione agricola, diretti essenzialmente alla bonifica e alla messa a profitto delle terre della piana orientale tra Bastia e Solenzara, soprattutto per l'impiantazione di estesi vigneti e frutteti (da segnalare una buona produzione di clementine oltre ad alcuni vini a denominazione d'origine). Ancora oggi queste coltivazioni costituiscono, assieme al comparto edilizio, uno dei più importanti settori produttivi dell'isola, mentre l'allevamento (soprattutto ovino) ha uno scarso rilievo economico.

Pochissimo sviluppato è anche il settore manifatturiero, legato a piccoli nuclei industriali concentrati soprattutto attorno a Bastia. Da segnalare – in tempi recenti – l'apertura di uno stabilimento di componentistica aeronautica e il discreto successo di una distilleria che produce un'originale birra còrsa aromatizzata alla castagna oltre alle attività industriali legate alla produzione agricola e alla conservazione e trasformazione dei suoi frutti.

Dopo vari tentativi di sfruttamento minerario, soprattutto a cavallo tra XIX e XX secolo , questo settore, rivelatosi non adeguatamente redditivo, è stato ormai del tutto abbandonato.

L'altra grande risorsa economica còrsa, il turismo, attivo quasi esclusivamente durante l'estate, non fornisce un reddito distribuito in modo omogeneo né sul territorio (gran parte dell'interno ne è pressoché tagliato fuori), né nell'arco dell'anno. Anzi, non esistendo tutele territoriali del mercato del lavoro , il settore, operando solo alcuni mesi l'anno, richiama un notevole numero di lavoratori stagionali dalla Francia continentale senza riuscire ad impiegare stabilmente la forza lavoro locale. Lo sfruttamento industriale del turismo, inoltre, genera continue tensioni (a esso sono legati anche numerosi attentati dinamitardi, tesi per lo più a bloccare iniziative speculative di cementificazione delle coste) legate al mancato reinvestimento nell'isola dei proventi assicurati dall'iniziativa francese ed europea (con qualche significativa presenza italiana) in tale settore.

Imprese

Al primo gennaio 2004 esistevano in Corsica poco più di 20 000 imprese , 80% circa delle quali operanti nel settore terziario. Nel complesso circa il 25% degli stabilimenti è a carattere commerciale e il 50% dedicato ai servizi, in gran parte rappresentati da alberghi e ristoranti, con scarsa presenza nel settore dei servizi alle imprese. Le imprese sono abbastanza equamente distribuite nei due dipartimenti che compongono l'isola, con polarizzazione attorno ai maggiori centri dipartimentali (Bastia e Ajaccio) e in genere sulle coste interessate dallo sviluppo turistico e agricolo.

Solo l'8% degli stabilimenti è a carattere industriale-produttivo (due terzi dei quali afferiscono al settore agroalimentare), mentre il 15% rimonta al settore delle costruzioni edilizie. La grande maggioranza delle imprese sono piccole e piccolissime: il 59% non ha dipendenti salariati e il 95% ne hanno meno di dieci. Le imprese più grandi (che però hanno subito un incremento numerico pari quasi al 50% tra 2000 e 2004) operano quasi tutte nel terziario. Tra il 1999 e il 2004 si è registrato un incremento del 17% nel numero complessivo delle imprese e, scomponendo il dato, vi si segnala una crescita del 23% tra quelle del settore edilizio e, nel settore dei servizi, un aumento significativo nei settori immobiliare e dei servizi alle imprese.

Società

Evoluzione demografica

Tabella I - Demografia *
Corsica Francia Corsica/Francia
(Francia = 100%)
Superficie in km² 8 680 543 965 1,60%
Numero di Comuni 360 36 565 0,98%
Popolazione (1999) 260 196 58 518 395 0,44%
Densità di abitanti/km² 30 108 27,78%
Var. media annuale (1990-1999) 0,43 0,37 116,22%
- dovuta al saldo naturale 0,03 0,36 8,33%
- dovuta al saldo migratorio 0,39 0,01 3 900,00%
  • È enorme l'anomalia della variazione di popolazione dovuta all'immigrazione verso la Corsica: 39 volte superiore a quella registrata in Francia nel decennio.
  • Tuttavia, su una superficie pari all'1,60% dell'intera Francia, si ha solo lo 0,44% dei residenti complessivi.
  • La densità di abitanti per km² è meno di un terzo di quella della Francia continentale, che è nella media dell' Unione europea .

* Elaborazione su dati ufficiali INSEE

Anche a causa della sua natura montuosa e povera di fertili pianure, la Corsica non è mai stata molto popolata.

In epoca antica, la popolazione venne valutata in 30 000 abitanti all'alba della colonizzazione romana, e ancora intorno alla stessa cifra nel VI secolo , essendosi – in conseguenza delle invasioni barbariche – annullato qualsiasi incremento di popolazione (che certo v'era stato, specialmente a partire dall'età Antonina e che fu valutato superare i 100 000 abitanti secondo alcune fonti).

Non è possibile ricostruire accuratamente l'andamento della popolazione durante l'Alto Medioevo, ma per certo in Corsica sono venute a mancare per lunghi secoli le condizioni di base per un significativo sviluppo demografico, con la sicura decadenza della produzione agricola per conseguenza di una successione di invasioni e del continuo stato di anarchia feudale e di guerre (anche intestine) che afflissero lungamente l'isola.

Preparata dall'istituzione nel Nord dell'isola di un regime simile a quello comunale sviluppatosi in Italia, l'amministrazione pisana coincide con un rifiorire della regione e con un incremento demografico di rilievo, testimoniato dal fervore edilizio che caratterizza quest'epoca e del quale restano tuttora significative tracce.

Più tardi, i nuovi scontri e disordini che investiranno l'isola per secoli (inclusa la peste ), sino al pieno controllo da parte di Genova, non consentiranno un'espansione paragonabile a quella pisana e verso metà del XVIII secolo , poco prima di far parte dello Stato francese, la popolazione censita si aggira attorno alle 120 000 anime.

In questo quadro va tenuto conto che, almeno dal XV secolo si registra una notevole emigrazione verso l'Italia, con la creazione di significative colonie, come quelle presenti in Toscana, in Tuscia, a Napoli ea Roma (ove sino alla seconda metà del XVIII secolo il Papa si avvale del corpo militare della "Guardia Corsa" e si registrano un massimo di 900 famiglie corse in città, per una popolazione stimabile di almeno 3 000 persone).

Nel 1801 gli abitanti sono 164 000 e salgono a quasi 290 000 nel 1891 .

La prima guerra mondiale fa quasi scomparire un'intera generazione (circa 20 000 caduti, percentualmente una cifra assai maggiore di quella sofferta da qualsiasi altro distretto francese) e l'emigrazione, - intensa sino a circa metà del XX secolo – fa il resto, causando una brusca battuta d'arresto nella crescita demografica dell'isola, che nel 1946 aveva 268 000 abitanti e nel 1975 segnava gli stessi numeri del 1891.

Il numero registrato nel 1975 include l'arrivo di circa 15 000 pied noirs , rimpatriati dall' Algeria nei primi anni sessanta del secolo scorso e installati da Parigi per lo più nella Piana Orientale, la parte più fertile dell'isola (lo sviluppo della regione, precedentemente malarica, era iniziato nel 1957 ). L'arrivo dei pied noirs fu vissuto come una vera e propria "colonizzazione di popolamento" e un'espropriazione di massa da gran parte dei corsi: a questo evento è legata la rivolta indipendentista scoppiata nel 1976 .

Si aggiunga a questo che sino al 1982 i dati destinati al censimento erano sospettati d'essere gonfiati ad arte dai municipi allo scopo di ricavarne finanziamenti (va tenuto conto del fatto che moltissimi comuni corsi hanno meno di 100 abitanti) e si comprenderà come anche il dato del censimento del 1999 sia sconfortante, segnando appena poco più di 260 000 residenti, cui vanno a concorrere decine di migliaia di immigrati provenienti soprattutto dal Maghreb , dal Portogallo , dal resto della Francia e da altri Paesi.

A titolo di paragone, l' Umbria , con una superficie quasi identica alla Corsica conta circa 896 000 abitanti, il Molise , pur essendo montuoso ed esteso circa la metà della Corsica, ne conta circa 313 000, mentre la Repubblica di Malta , con appena 316 km² di superficie conta ben 416 000 abitanti.

Tabella II - Principali Aree Urbane in Corsica *
Area urbana ( nome in corso ) Dip. N. di
comuni
Sup. km² Popolazione
1999
% sul totale
(Corsica=100%)
Ajaccio 1 (Aiacciu) 2A 2 100 55 649 21,39%
Bastia (Bastia) 2B 6 90 54 075 20,78%
Porto Vecchio (Portivechju) 2A 1 169 10 326 3,97%
Borgo (U Borgu) 2B 2 67 8 796 3,38%
Corte (Corti) 2B 1 149 6 329 2,43%
Calvi (Calvi) 2B 1 31 5 177 1,99%
Vescovato (Vescuvatu) 2B 3 44 4 365 1,68%
Isola Rossa (L'Isula) 2B 2 13 4 027 1,55%
Penta di Casinca (Penta di Casinca) 2B 4 49 3 987 1,53%
Sartene (Sartè) 2A 1 200 3 410 1,31%
Propriano (Prupià) 2A 1 19 3 166 1,22%
Prunelli di Fiumorbo (Prunelli di Fiumorbu) 2B 1 37 2 745 1,05%
  • Su un totale di 260 196 abitanti le due uniche città corse, Ajaccio e Bastia, raccolgono da sole il 42,17% dell'intera popolazione. Le restanti aree urbane raccolgono un ulteriore 20,11%.
  • La popolazione corsa, è concentrata in aree urbane nella misura del 62,28%, con una densità urbana di soli 167 ab./km² (162 052 ab. su 968 km² ) e di appena 12 ab./km² (98 144 ab. su 7 713 km² ) nel resto del territorio.
  • La quasi totalità del recente incremento demografico (+15 000 ab. tra 1999 e 2005) si è registrata in Ajaccio e Bastia e per via di immigrazione.

1 Ajaccio e Bastelicaccia sono state considerate qui come unica area urbana.

* Elaborazione su dati ufficiali INSEE

L'ultimo rilevamento della popolazione segnala poco più di 275 000 ad inizio 2005 , anche questo dovuto in massima parte all'immigrazione (funzionari pubblici, oltre a pensionati e lavoratori extracomunitari), mentre si registra una sempre maggiore polarizzazione della popolazione verso le uniche due vere città dell'isola, Bastia ed Ajaccio, che con i rispettivi hinterland raccolgono ormai circa il 60% degli abitanti dell'intera Corsica (mentre nessuno degli altri centri arriva ai 10 000 abitanti).

Questo vuol dire che, al di fuori delle due capitali di distretto, il resto dell'isola è abitato da circa 110 000 persone (una densità media di circa 15 abitanti/km²).

Il numero di corsi emigrati ( a diaspura ) si calcola in almeno un milione, includendo anche i discendenti degli emigrati che, da metà XIX secolo agli anni trenta del successivo, hanno lasciato in massa l'isola soprattutto verso il "continente" francese, le sue colonie (in prevalenza Algeria , Marocco , Indocina ) e verso l' America Latina (soprattutto Venezuela e Porto Rico , isola nella quale circa il 4% della popolazione è d'origine corsa).

Se molti corsi sono emigrati dalla loro isola, altre popolazioni hanno contribuito ad un suo ripopolamento.

Oggi sono presenti in Corsica alcune migliaia di cittadini italiani. L'immigrazione italiana, facilitata da sempre oltre che dalla vicinanza dell'isola alle coste toscane e sarde, anche dall'intercomprensione naturale tra locutori di lingua italiana e corsa, è stata a lungo rilevante. Per secoli (e soprattutto nel XIX e sino all'alba del XX secolo ) genti toscane, provenienti soprattutto dalle aree montane più depresse della Lunigiana e della Lucchesia emigrarono in Corsica, soprattutto verso il Cismonte e il Capo Corso , in via definitiva o regolarmente come lavoratori stagionali. In genere tali lavoratori, molto poveri, erano visti con un certo disprezzo dagli isolani e il termine "lucchese" è ancora oggi utilizzato in Corsica quale sinonimo, essenzialmente dispregiativo, di "italiano".

Praticamente esauritosi con i primi decenni del secolo scorso il fenomeno dell'immigrazione dalla Toscana e dalla penisola italiana, in epoche più recenti si è avuto un discreto afflusso di sardi , che si sono installati soprattutto nella parte meridionale dell'isola. Alcuni di essi non hanno fatto che ripetere all'inverso il percorso seguito dai loro antenati: legami con la vicina Sardegna erano già presenti in epoca preistorica quando l'etnia nuragica dei Corsi abitava entrambe le sponde delle bocche di Bonifacio , e in epoca medievale coi giudicati , quando una popolazione eterogenea formata da sardi, corsi, toscani e liguri popolò il neonato villaggio di Sassari dando contemporaneamente origine alla lingua sassarese , parlata nei territori d'influenza. A partire dal XIV - XV secolo , provenendo dal Pomonte andarono a ripopolare soprattutto la Gallura e in generale il nord Sardegna, diffondendo sulla vicina isola la loro lingua evolutasi nel frattempo nel gallurese , nonché una ricca onomastica che comprende i Cossu (corso), Cosseddu (diminutivo di Cossu) e Cossiga (Corsica), ei cui discendenti includono Francesco Cossiga .

Soprattutto nella seconda metà del Novecento è divenuto notevole l'afflusso di residenti provenienti dal resto della Francia, che costituiscono ancor oggi la maggioranza degli impiegati governativi e soprattutto nelle forze militari e di polizia, cui si aggiungono gli operanti nel settore turistico (notevole l'afflusso stagionale) e gli imprenditori agricoli, in particolare i pieds noirs rimpatriati dalle ex-colonie francesi (prevalentemente dall'Algeria) ei loro associati e discendenti. Nella erosione delle comunità corsofone hanno avuto un ruolo decisivo la scolarizzazione sempre più estesa e la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, nonché lo stabilirsi in Corsica di decine e decine di migliaia di francofoni (inclusi corsi emigrati molto giovani in continente francese e nelle sue colonie e dei loro discendenti), concentrato soprattutto negli ultimi trent'anni, e la forte immigrazione dal Maghreb francofono (pari, per incidenza percentuale, solo a quella di Parigi).

Comuni

Comuni più popolati

Ajaccio
Calvi

I primi dieci comuni còrsi per numero di abitanti sono:

Stemma Comune Abitanti
Superficie
in km²
Dipartimento
Ajaccio Ajaccio 70 659 [26] 82,03 Corsica del Sud
Bastia Bastia 45 715 [26] 19,38 Alta Corsica
Porto Vecchio Porto Vecchio 12 042 [26] 168,65 Corsica del Sud
Borgo Borgo 8 760 [26] 37,78 Alta Corsica
Biguglia Biguglia 7 923 [26] 22,27 Alta Corsica
Corte Corte 7 446 [26] 149,27 Alta Corsica
Lucciana 5 780 [26] 29,16 Alta Corsica
Furiani 5 628 [26] 18,49 Alta Corsica
Calvi Calvi 5 559 [26] 31,2 Alta Corsica
Ghisonaccia 4 225 [26] 68,13 Alta Corsica

Nel 2017 in questi dieci comuni era concentrata all'incirca la metà della popolazione della Corsica, che risultava essere complessivamente di 334 938 abitanti [26] . Sempre nello stesso anno il comune meno abitato dell'isola risultava Erone in Castagniccia ( Alta Corsica ) con solo sei abitanti [27] .

Etnie e minoranze straniere

Al 1º gennaio 1999 risultavano 3 116 italiani, diminuiti a 2 466 nel 2010 e aumentati fino a 4 200 nel 2012 [28] [29] .

Al 1º gennaio 2010 risultano residenti in Corsica 26 332 [30] cittadini stranieri, pari all'8% della popolazione corsa.

Residenti stranieri Popolazione
1º gennaio 2010
Marocco Marocco 10 407
Portogallo Portogallo 6 832
Italia Italia 2 466
Tunisia Tunisia 1 684
Algeria Algeria 811
Spagna Spagna 264
Turchia Turchia 11
Altri paesi 4 668
Totale 26 332

Religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia degli ebrei in Corsica .

In Corsica è presente una minoranza ebraica, stabilitasi nella regione fin dal IX secolo .

Criminalità

Nel corso dell'anno 2009 si sono verificati nella Francia metropolitana 682 omicidi volontari e di essi 28 sono stati perpetrati in Corsica. Il tasso approssimativo di omicidi in rapporto alla popolazione risulta così essere di 1 ogni 95 000 abitanti in Francia continentale e di 1 ogni 10 800 abitanti in Corsica. La maggioranza dei crimini violenti sono commessi nella Corsica meridionale (dipartimento 2A) dove sono più attive le organizzazioni clandestine e maggiori gli intrecci affaristico-economici. [ senza fonte ]

Amministrazione

Corsica.jpg
Ex Grand Hotel, sede della Collettività territoriale

La Corsica è, dal punto di vista politico, integrata nello Stato francese come una regione detta "Collettività Territoriale", Collectivité territoriale de Corse (CTC), che comprende due Dipartimenti : Corsica del Sud , con capoluogo Ajaccio , e Alta Corsica , con capoluogo Bastia .

Alla regione, in quanto tale, fu riconosciuta maggiore autonomia solo a partire dal 13 maggio 1991 , con una legge che istituì una Collectivité territoriale de la République in Corsica. A partire dal 1960 la Corsica era parte della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra . Nel 1972 alla Corsica fu concessa la denominazione – scarsamente significativa, da un punto di vista dell'autonomia concreta – di "Istituzione pubblica regionale" ( établissement public régional ). Nel 1975 l'isola fu concretamente staccata dalla regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra ed elevata a rango di 22ª regione metropolitana francese , comprendente due dipartimenti – allora istituiti dividendo l'unico dipartimento precedente che comprendeva l'intera isola – a loro volta suddivisi in 5 arrondissement (circondari). I circondari comprendono in tutto 52 Cantoni locali cui appartengono i 360 comuni dell'isola, molti dei quali contano meno di 100 abitanti.

Il capoluogo della regione è Ajaccio dove hanno sede l' Esecutivo e l' Assemblea di Corsica .

Alla configurazione amministrativa attuale dell'isola si è giunti a seguito di una serie di successive riforme, l'ultima delle quali, mirante a riunificare i due dipartimenti ea conferire maggiori poteri alla Collettività Territoriale, è stata respinta con ristretto margine a seguito di un referendum approvativo tenutosi nel 2003 .

Alla riforma si opponevano sia i più partigiani sostenitori del forte centralismo dello Stato francese, temendo che la concessione di autonomie giudicate troppo ampie potesse costituire un pericoloso precedente, sia gli indipendentisti còrsi, che vedevano nella riforma un pretesto da parte dello Stato centrale per chiudere definitivamente il capitolo Corsica concedendo una configurazione amministrativa che, comunque, prevedeva autonomie e poteri in genere meno ampi di quelli di cui godono, ad esempio, le regioni a statuto speciale italiane e spagnole oi Länder tedeschi.

Nel corso del 2000 , il Primo Ministro Lionel Jospin propose un piano di riforme e la concessione di autonomie inedite per la Francia in cambio della fine della violenza politica scatenata da quasi un trentennio dai movimenti clandestini indipendentisti còrsi. La riforma proposta prevedeva forme più estese di protezione (ma non la coufficialità) del còrso , dichiarato in pericolo di estinzione dall' UNESCO a seguito dell'assimilazione perseguita tradizionalmente dalla Francia anche verso altre sue regioni e lingue minoritarie.

L'opposizione a questo piano si concentrò con successo attorno ai gollisti , fautori della grandeur e timorosi che la concessione di troppo estese autonomie alla Corsica potesse condurre ad un effetto domino che, coinvolgendo regioni come l' Alsazia , il Paese Basco e la Bretagna , avrebbe messo in dubbio la stessa unità nazionale dell' esagono francese.

Dopo il tentativo di Jospin, il governo di Jean-Pierre Raffarin , con il contributo e l'impegno soprattutto del Ministro degli Interni Nicolas Sarkozy propose la soppressione dei due dipartimenti e la concessione di ulteriori poteri alla collettività territoriale. Il referendum approvativo della riforma si tenne il 6 luglio 2003 : i "no" prevalsero, sebbene per un margine abbastanza ristretto.

La Corsica è pertanto governata attualmente secondo uno statuto e, soprattutto, uno schema amministrativo (regione/dipartimenti/circondari/cantoni/comuni), che non la differenzia – nella sostanza – dalle altre regioni francesi e che comunque vede come centrale la figura del Prefetto che governa l'isola direttamente per conto del governo di Parigi.

Diversi movimenti politici regionalisti ( nationalistes ) mettono in discussione tale situazione e reclamano, tra l'altro, esenzioni e vantaggi fiscali ben più estesi di quelli attualmente goduti dall'isola, maggiori poteri di autonomia ai governi locali, riconoscimento ufficiale della lingua còrsa e, relativamente ai gruppi politici più radicali, l'indipendenza totale dalla Francia. A tale proposito numerosi sondaggi hanno ripetutamente dimostrato che, se la maggioranza della popolazione còrsa è ampiamente favorevole a un regime di autonomia in seno alla Francia [31] (il modello a cui guardano è lo statuto speciale della vicina Sardegna ) [ senza fonte ] , solo una minoranza (attualmente il 10-15%) rivendica l'indipendenza [32] [33] [34] .

Lo Stato centrale non intende neanche discutere di indipendenza vera e propria (temendo, tra l'altro, che la questione còrsa potrebbe costituire un pericoloso precedente nonché un esempio seguito da altre sue regioni – in primo luogo i Dipartimenti d'Oltremare, ma anche le province basche – dando il via ad un parziale smembramento della Francia stessa) né, vista la sua Costituzione che prevede uno Stato fortemente centralizzato, ha largo spazio di manovra nella concessione di autonomie locali e regionali davvero estese.

D'altra parte la Corsica ricopre per la Francia una posizione chiave da un punto di vista strategico e militare sin dall'epoca dell'annessione nel 1769 e rappresenta, quale patria di Napoleone, un elemento dalla portata simbolica di non secondaria importanza nell'immaginario collettivo della comunità nazionale.

Ancora oggi l'isola ha per la Francia, così come la Sardegna per l'Italia, una notevole importanza dal punto di vista militare e strategico (presenza di importanti squadroni di cacciabombardieri presso la base aerea di Solenzara ): anche in coordinamento con l'Italia e con la NATO, grandi porzioni del territorio còrso e sardo, assieme ai mari limitrofi, sono gravate da un complesso piuttosto esteso di servitù militari e poligoni di tiro internazionali.

Suddivisione amministrativa

Dipartimenti

In Corsica i dipartimenti non sono più enti locali ma solo suddivisioni territoriali.

Arrondissement

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Arrondissement della Corsica

I dipartimenti della Corsica sono a loro volta suddivisi in 5 arrondissement:

Intecomunalità

La Corsica è ripartita in 19 Unioni di Comuni che coprono tutta la regione. Sono enti locali con personalità giuridica a fiscalità propria.

Cantoni

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Cantoni della Corsica

Gli arrondissement della regione comprendono 52 cantoni, puri concetti geografico-elettorali.

Comuni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni della Corsica .

I comuni della Corsica sono 360.

Sport

Calcio

Il calcio è uno sport popolarissimo in Corsica. La regione ha avuto, nel corso degli anni, tre squadre nella Lega Professionistica francese, un dato davvero notevole in proporzione alla limitata popolazione e al peso economico dell'isola. Dal 2002 al 2015 si sono alternati in Ligue 1 i due principali team calcistici dell'isola: l' AC Ajaccio e lo SC Bastia ; quest'ultimo club vanta, nel proprio palmarès, 1 Coppa di Francia, 1 Supercoppa e la finale di Coppa UEFA del 1978. Per il campionato 2015-2016 risultano iscritte in Ligue 1 due squadre ( SC Bastia e Gazélec Ajaccio , quest'ultimo per la prima volta) e una in Ligue 2 (AC Ajaccio)

Rally

Il Rally di Corsica ( Tour de Corse ) è un evento automobilistico tra i più importanti del mondo nel panorama del rally, che nel 2015, dopo un periodo di transizione, è tornato valido per il campionato del mondo rally (WRC). Molto spettacolare, per via delle continue curve e tornanti su strade asfaltate di montagna.

Pallavolo e altri sport

Per quanto riguarda la pallavolo in Corsica, un club còrso, il GFC Ajaccio Volley-Ball , ha raggiunto alti livelli professionistici, avendo partecipato, dal 1997 al 2006 , alla Pro A (l'equivalente della Serie A1 italiana di volley), e nel 2016 si è aggiudicato la Coppa di Francia di pallavolo.

Negli sport individuali, dal 2006 si è messa in luce la tennista di origine corsa Marion Bartoli originaria di Palneca che si è ritirata nel 2013 dopo aver vinto un Grande Slam .

Note

  1. ^ [Eurostat]
  2. ^ Euromosaic-Index1 , su uoc.edu , Open University of Catalonia. URL consultato il 27 ottobre 2012 .
  3. ^ https://insee.fr/fr/statistiques
  4. ^ https://books.google.it/books?id=p-7ON7Rvx_AC&pg=PT369&lpg=PT369&dq=number+of+ligurian+speakers+in+corsica&source=bl&ots=RICF-p3bMd&sig=ACfU3U1OCbjHtDaeNYqMbnnurH6dUHg-cw&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwiUuPrQt7_pAhUM9aQKHYVXCDoQ6AEwDnoECAsQAQ#v=onepage&q=number%20of%20ligurian%20speakers%20in%20corsica&f=false
  5. ^ R. Goscinny - A. Uderzo, Asterix in Corsica , Francia 1973
  6. ^ Mario Niccolò Conti, Amedeo Ricco, Dizionario spezzino (primo contributo alla definizione del patrimonio lessicale) , La Spezia, Accademia lunigianese di scienze Giovanni Cappellini, 1975.
  7. ^ a b c De Agostini Ed., L'Enciclopedia Geografica - Vol. I - Italia , 2004, p. 78
  8. ^ Strabone , Geografia , V, 2,7.
  9. ^ Teofilo De Negri, Storia di Genova , Giunti, 2003, ISBN 88-09-02932-1
  10. ^ Teofrasto , Hist. plant. , V 8, 2.
  11. ^ Datazione approssimata secondo le cronologie di Tito Livio e Diodoro Siculo
  12. ^ Ad esempio sull'espresso divieto imposto ai Romani di fondare città in Sardegna ed in Africa
  13. ^ Treadgold, History of the Byzantine state and society , pag. 185
  14. ^ a b Pietro Martini, Storia delle invasioni degli Arabi e delle piraterie dei barbeschi in Sardegna , Tip. A. Timon, 1861
  15. ^ Annali Francesi, pag. 508, secondo il relato di Pietro Martini, Storia delle invasioni degli Arabi e delle piraterie dei barbeschi in Sardegna , Tip. A. Timon, 1861
  16. ^ Storia della Città di Pisa Archiviato il 13 febbraio 2010 in Internet Archive .
  17. ^ Giovanni Armillotta - I vincoli ultramillenari tra Pisa e la Corsica Archiviato il 19 luglio 2008 in Internet Archive .
  18. ^ Fabrizio Dal Passo, CNR, Il Mediterraneo dei lumi: Corsica e democrazia nella stagione delle rivoluzioni , 2007, ISBN 978-88-7088-526-2 .
  19. ^ "Borgu" - Corsican Nationalist Song , su youtube.com .
  20. ^ Abalain, Hervé, (2007) Le français et les langues historiques de la France , Éditions Jean-Paul Gisserot, pp.113
  21. ^ Cortelazzo, Manlio (1988). Gliederung der Sprachräume/Ripartizione dialettale , in Lexikon der Romanistischen Linguistik (LRL), edited by G. Holtus, M. Metzeltin e C. Schmitt, vol. IV, Tübingen, Niemeyer, pg. 445-453
  22. ^ Lorenzo Renzi e Alvise Andreose, Manuale di linguistica e filologia romanza , Il Mulino, Bologna, 2003, pp.50
  23. ^ Le statut de co-officialité de la langue corse est adopté! , su alta-frequenza.com . URL consultato il 18 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 30 dicembre 2013) .
  24. ^ Le Sénat dit «Kenavo» à la ratification de la Charte sur les langues régionales - Public Sénat
  25. ^ Charte des langues régionales: coup de semonce au Sénat - Le Monde
  26. ^ a b c d e f g h i j k INSEE 2017
  27. ^ Top 10 des communes les moins peuplées de France
  28. ^ Population immigrée: une main-d'œuvre plus européenne
  29. ^ Insee Corse - Atlas de la population immigrées en Corse , 2004
  30. ^ ( FR ) Population selon la nationalité au 1er janvier 2010 , INSEE .
  31. ^ Enquête sur la situation en Corse - Résultats détaillés ( PDF ), su ifop.com . URL consultato il 22 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 22 dicembre 2015) .
  32. ^ 89% des Corses opposés à l'indépendance de l'île, Le Nouvel Observateur , su tempsreel.nouvelobs.com .
  33. ^ Enquête: la Corse vue par les Corses - Rue89, Le nouvel observateur
  34. ^ Les Corses et leur perception de la situation sur l'île - Résultats détaillés ( PDF ), su ifop.com . URL consultato il 22 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .

Bibliografia

  • AA. VV., Enciclopedia Tumminelli (terza edizione) , Roma, 1950;
  • AA. VV. L'Enciclopedia Geografica – Vol. I – Italia , De Agostini Ed., 2004
  • P. Arrighi, F. Pomponi, Histoire de la Corse (collana Que sais-je? , 262), Presses Universitaires de France, Paris, 1967;
  • A. Boroli e AA. VV., Universo – la grande enciclopedia per tutti , Istituto Geografico De Agostini SpA, Novara, 1970;
  • Jean Defranceschi, Recherches sur la nature et répartition de la propriété foncière en Corse de la fin de l'Ancien Régime jusqu'au milieu de XIXe siècle , Ajaccio, 1986;
  • Sabino Acquaviva La Corsica: Storia di un genocidio , Franco Angeli, Milano, 1987;
  • Ghjacumu Thiers, Santu Casanova è a lingua Corsa , ADECEC Cervioni, 1992;
  • C. Paletti, Un'operazione riuscita: Corsica settembre 1943 in Memorie storiche militari , Ufficio Storico Stato maggiore Esercito, Roma, 1999;
  • Stefano Tomassini, Amor di Corsica – Viaggio di terra, di mare e di memoria , Feltrinelli 2001;
  • AA. VV., l'Enciclopedia , UTET Torino – Istituto Geografico De Agostini SpA, Novara – Gruppo Editoriale L'Espresso SpA, Roma, 2003;
  • Olivier Durand La lingua còrsa , Paideia Editrice, Brescia, 2003;
  • INSEE – Institut National de la Statistique et des Études Économiques (Istituto Nazionale di Statistica francese), Pubblicazioni varie.
  • G. Vignoli, L'irredentismo italiano in Corsica durante la seconda guerra mondiale. La sentenza di condanna a morte degli irredentisti corsi , Ipotesi, Rapallo, 1981.
  • G. Vignoli, I territori italofoni non appartenenti alla Repubblica Italiana , Giuffrè, Milano, 1995.
  • G. Vignoli, Gli Italiani dimenticati. Minoranze italiane in Europa , Giuffrè, Milano, 2000.
  • L. Del Piano, Gioacchino Volpe e la Corsica ed altri saggi , Istituto di storia moderna dell'Università di Cagliari, Cagliari, 1987

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 144256266 · LCCN ( EN ) n81070646 · GND ( DE ) 4032527-1 · BNF ( FR ) cb11933435z (data) · NDL ( EN , JA ) 00628503 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81070646