Italyen tricolor cockade

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Italyen tricolor cockade la.

Cockade nan tricolor Italian se nasyonal orneman a nan peyi Itali , te jwenn nan circuler plisman yon riban te fè leve nan vèt paralèl, blan ak bann wouj. Li se te fè leve nan twa koulè yo nan drapo a Italyen , ak vèt nan sant la, blan imedyatman sou deyò a ak wouj sou kwen nan [1] . Cockade a, yon revolisyonè senbòl par ekselans, te protagonist a nan boulvès yo ki te karakterize Risorgimento a , yo te estime sou jakèt la oswa sou chapo yo nan fòm tricolor li yo pa anpil patriyòt yo ki te gwo chabwak nan peryòd sa a nan istwa Italyen - pandan ki nan Peninsula reyalize pwòp nasyonal inite a - ki abouti sou 17 mas 1861 ak pwoklamasyon an nan peyi Wa ki nan peyi Itali [2] . Sou 14 jen 1848 li ranplase Savoy cockade nan ble sou inifòm yo nan kèk depatman nan Royal Sardinian Lame a , pandan y ap yo nan 1 janvye 1948, ak nesans la nan Repiblik la Italyen , li te pran plas li kòm yon orneman nasyonal [3] .

Cockade nan tricolor, epi ak sa twa Italyen koulè yo nasyonal [4] , te parèt pou premye fwa a nan Genoa sou 21 mwa Out 1789 yon ti tan apre epidemi an nan Revolisyon an franse [4] . Cockade la anonse sèt ane pou premye tricolor banyè la militè , ki te chwazi nan Rejiman a Lombard nan Milan sou 11 Oktòb 1796 [5] , ak uit ane pou adopsyon an nan drapo a nan peyi Itali, ki te fèt sou 7 janvye 1797, lè li premye sipoze wòl nan nan drapo nasyonal la nan yon eta souveren Italyen, Repiblik la Cispadana [6] : pou rezon sa a se cockade nan tricolor konsidere kòm youn nan senbòl yo Patri Italyen [7] .

Cockade nan tricolor se youn nan senbòl yo nan Air Force la Italyen , li se lajman ki itilize sou tout eta Italyen avyon , pa sèlman militè [8] , li se baz la nan parad friz nan nan bersaglieri nan , rejiman kavalye , Carabinieri ak Guardia di Finanza [9] [10] [11] , epi li se yon repwodiksyon nan li nan twal koudr sou chemiz yo nan ekip yo espò kenbe tas yo Italyen ki yo òganize nan divès espò ekip nasyonal [12] . Li se tradisyon, pou biwo yo pi wo nan Eta a , eksepte Prezidan an nan Repiblik la , gen yon cockade tricolor estime nan levit yo pandan parad militè a nan Italyen Repiblik Jou a , ki se selebre chak 2nd jen[13] .

Pozisyon nan koulè

De gòch a dwat, rozèt yo nasyonal nan Iran, Bilgari ak Meksik, tout vèt, blan ak wouj trikolor

cockade nan tricolor Italyen, pa konvansyon, gen vèt nan sant la, blan nan yon pozisyon entèmedyè ak wouj sou periferik la: sa a proceed koutim nan youn nan karakteristik sa yo konseptyèl ekspresyon nan cockades yo, ki ka imajine kòm drapo woule alantou arbr a wè nan segondè a [14] .

Nan ka a nan cockade nan tricolor Italyen, vèt a sitiye nan sant la paske nan drapo a nan peyi Itali koulè sa a se youn nan pi pre poto a [14] . Cockades yo tricolor ak wouj ak vèt pozisyon Envèse moun sa yo ki nan Iran [15] ak Sirinam [16] .

Cockade nan Hungarian gen aranjman nan menm nan koulè kòm cockade nan tricolor Italyen: ke li gen pozisyon nan koulè yo ranvèse tankou cockades yo Iranyen ak Surinamese se yon iben lejand [17] .

Lòt cockades ki idantik ak yon sèl la Italyen, tou nan aranjman an nan koulè, se refize pote bijou yo nasyonal la nan Burundi , Meksik , peyi Liban , Sesel , Aljeri ak Tirkmenistan [16] . Refize pote bijou yo nasyonal la nan Bilgari ak Maldiv (ki, yo toulède yo, kòmanse nan sant lan, blan, vèt ak wouj) ak Madagascar (ki se, kòmanse nan, blan, wouj ak vèt) [16 la ] .

Istwa

Lokal yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: franse tricolor cockade ak cockade .
Franse tricolor cockade la, ki soti ak gaye nan mitan revòlt yo nan revolisyon an.

Cockades yo an premye te prezante nan Ewòp nan syèk la 15th [18][19] . Lame moun Ewopeyen an eta itilize yo yo endike nasyonalite a nan sòlda yo: sa a te yon enfòmasyon enpòtan, espesyalman nan batay, pandan ki li te esansyèl yo rekonèt alye anba men lènmi [18][19] . Cockades sa yo premye te enspire pa chenn yo diferan ki gen koulè pal ak riban ki te itilize nan Mwayennaj yo an reta pa kavalye , tou de nan lagè ak nan jout , ki te gen objektif la menm, sètadi yo fè distenksyon ant advèsè a soti nan sòlda nan parèy [20] .

Rosette a, Lè sa a, vin yon senbòl revolisyonè ekselans par pandan revòlt revòlt yo nan dizwityèm lan ak syèk diznevyèm paske li se fasil possible menm avèk yon mank resous, te zetwal la, nan vèsyon vèt li yo, blan ak wouj, nan boulvès yo ki gen make Risorgimento a , sezon nan istwa a nan peyi Itali karakterize pa fèrmant sosyal moun ki te mennen, nan diznevyèm syèk la, nan inite a politik ak administratif nan penensil Italyen an , souvan yo te pa chire patriyòt yo ki te patisipe nan li [2] , paske sa a rezon ki fè li se konsidere kòm youn nan Italyen yo Patri [7] .

tricolor cockade la Italyen, osi byen ke tout refize pote bijou ki sanble te fè nan menm peryòd la tou nan lòt nasyon yo, te gen kòm karakteristik prensipal li yo sa yo ki an ke yo te kapab yo dwe vizib klèman, enben, bay fason yo Kellerman idantifye lide politik yo nan moun nan ki te mete li , osi byen ke sa yo ki an ke yo te, nan ka ta gen bezwen, li kapab pi bon kache pase, pou egzanp, yon drapo [21] .

Camille Desmoulins, gras a ki moun franse tricolor cockade a te fèt, ki an vire enspire nesans lan nan yon sèl Italyen an.

Te orneman an Italyen enspire pa cockade nan franse tricolor , ki te parèt yon kèk semèn anvan yon sèl la Italyen [22] , menm jan tou drapo a nan peyi Itali se enspire pa yon sèl la franse , ki te entwodwi pa revolisyon an nan otòn la nan 1790 sou bato de gè a Marin nan Nasyonal [6] [23] [24] [25] . Lòt nasyonal tricolor drapo Ewopeyen an tou te gen orijin a menm, ak modifikasyon ki nan dosye a: anpil nan drapo sa yo te enspire pa drapo a franse paske yo te tou lye nan ideyal yo nan revolisyon an [22] .

Tricolor cockade an franse soti pandan Revolisyon an, vin sou tan youn nan senbòl yo nan chanjman [2] . Yon ti tan apre kòmansman an nan revolisyon an, koutim a nan lè l sèvi avèk rozèt pandan boulvès janbe lòt alp la rive Itali ansanm ak tout bagaj a nan valè ak ideyal nan Revolisyon an franse, ki te vize pa orijinal Jacobinism nan , ki gen ladan dezi a pou renouvèlman. sosyal - sou baz la nan Desen an nan deklarasyon an nan dwa ki moun ak sitwayen nan 1789 - epi pita tou politik, ak nesans la nan premye patriyotik fèrmant yo ki vize a detèminasyon an pwòp tèt ou-tout pèp ki sou ki lè sa a mennen, nan Italyen an penensil , nan Risorgimento a [25] [26] [27] .

Te tricolor cockade an franse fèt sou li a, 12 July 1789, de jou anvan irupsyon nan nan bastiy la , lè jounalis la revolisyonè Camille Desmoulins , adrese foul moun yo Parisiens pare yo revòlt, mande yo ki koulè yo adopte kòm yon senbòl nan Revolisyon an franse, sijere ke vèt espwa a oswa ble a nan Revolisyon Ameriken an , senbòl nan libète ak demokrasi : ajitatè yo reponn "Green Green Nou vle rozèt vèt!!" [28] . Desmoulins Lè sa a, rache yon fèy vèt soti nan tè a ak estime li a chapo l 'kòm yon siy diferan nan revolisyonè yo, envite yo fè menm bagay [28 la ] .

Green, nan cockade nan Primitives franse, yo te abandone sou 13 July 1789 an favè ble ak wouj, oswa ansyen koulè yo nan Paris , paske li te tou koulè a nan frè wa a, reyaksyonè Konte d'Artois a , ki moun ki te vin monak apre Retablisman an ak non an nan Charles X [29] . Te tricolor cockade an franse Lè sa a, ranpli sou 17 July 1789 ak adisyon nan blan, koulè a nan Bourbon nan , nan deferans bay wa Louis XVI , ki moun ki te toujou reliant malgre revòlt yo vyolan ki te makònen anpil nan peyi a: te monachi a franse aboli an reyalite pou twa ane pita, sou 10 mwa Out 1792 [23] [30] .

Nesans la nan Italyen koulè yo nasyonal

Fèy yo itilize kòm rozèt yo an premye

Yon Bay kèk fèy bwa. Anpil nan yo te itilize kòm yon cockade chans pandan boulvès yo lavil Wòm nan 1789.

Premye manifestasyon yo detanzantan nan favè ideyal yo nan Revolisyon an franse pa popilasyon an Italyen te pran plas nan mwa Out 1789 ak òganizasyon an nan manifestasyon nan divès kote sou penensil Italyen an, espesyalman nan Eta Pap la [7] . Ajitatè yo, nan boulvès sa yo byen bonè, te gen rozèt Fortin te fè nan fèy vèt estime sou rad yo nan imitasyon nan manifestasyon yo menm jan an ki te fèt nan Lafrans nan dimanch maten byen bonè a nan revolisyon an [7] .

Itilize nan cockades, kwake nan chans, pandan manifestasyon yo ki te pran plas nan peyi Itali pa t 'yon ka izole [31] . Li se an reyalite dokimante sa a, 12 November 1789 gouvènman an Prussian défendu wèstfalyèn popilasyon an yo sèvi ak cockades paske yo te wè ak sispèk bay sa vle di yo lye a manifestasyon yo ki te briyan moute an Frans: sèvi ak yo Se poutèt sa te ale pi lwen pase fwontyè ki separe franse epi gaye piti piti atravè [31] . Sa a tou ki te pase gras a gazèt yo ki, enprime nan divès peyi Ewopeyen yo, te bay ase importance nan lefèt ke te cockade a vin, an Frans, youn nan senbòl ki pi enpòtan nan boulvès yo ensurèksyonèl ak nan lit pèp la kont rejim nan absolutist ki te dirije nan moman an. peyi a [32] .

Kòm pou boulvès yo Italyen, enpòtan pou remake te revòlt yo ki te pran plas nan Fano ak Velletri jis anvan 16 Out, nan lavil Wòm ant Out 16 ak 28 ak nan Frascati jis anvan Out 30, nan tout ki te pran plas nan Etazini Pap la [33] . Nan lavil Wòm, an patikilye, cockades, ki te fòme nan Laurel fèy, yo te estime sou chapo yo [33] . Isit la ajitatè yo mande bese a nan pri a nan nesesite debaz ki gen menas la nan revòlt libere konparab ak manifestasyon yo vyolan Parisiens nan ka ta gen refi nan otorite yo satisfè demand sa yo [33] .

Foul moun yo nan Paris pwan daso fò a nan bastiy la sou li a, 14 Jiyè 1789, decreeing nan konmansman an nan Revolisyon an franse: okòmansman ajitatè yo Italyen erè kwè ke drapo a balanse ant barikad yo Parisiens te vèt, blan ak wouj.

Milanèz Gazette Relay a nan Schaffhausen defini manifestasyon yo nan Etazini Pap la kòm "[yon] dans nan rozèt vèt" nan yon atik pibliye sou Out 16, 1789 [33] . Soti nan mwa septanm 1789 te gen okenn nouvèl plis, nan revòlt yo Italyen, nan Rosette a ki te fòme ak fèy yo ki te ranplase pa rozèt nan twal vèt [34] .

Premye Italyen tricolor cockade la

Nan semèn yo an premye nan sezon an revolisyonè li rete yon kwayans komen nan peyi Itali ki drapo a vèt, blan ak wouj te drapo a balanse pa ajitatè yo franse: ensije yo Italyen Se poutèt sa itilize koulè sa yo kòm yon imitasyon senp nan manifestasyon yo ki te ap pran plas nan Lafrans ak ki te ki vize a - nan tou de nasyon - nan objektif yo menm, sètadi yo reyalize pi bon k ap viv kondisyon epi jwenn dwa politik , ki te toujou yo te refize fè rejim absolutist [7] . Gazèt yo Italyen nan tan an te an reyalite kreye konfizyon sou evènman yo nan revòlt yo franse, an patikilye pa omissions ranplasman nan vèt ak ble ak wouj e konsa rapò nouvèl la inègza ki tricolor an franse te vèt, blan ak wouj [35] .

Erè a sou koulè yo nan cockade an franse te pran rasin nan mitan manifestan yo paske jounal nouvèl yo pa t 'imedyatman korije erè a byenke nan moman an, nan peyi Itali, sou katreven jounal te enprime, senk nan yo ki nan Milan pou kont li [35] [36] . Nouvèl la pibliye yo te, nan kòmansman an, tou kontradiktwa [36] . Pou egzanp, La Staffetta di Schaffhausen total te nouvèl la ki Rosette nan vèt franse te fè leve nan fèy te ranplase, jou kap vini an, pa yon Rosette wouj ak blan (olye pou yo ble ak wouj) [36] .

Panorama nan Genoa nan syèk la 19yèm bonè. Isit la cockade nan tricolor Italyen parèt la pou premye fwa, epi ak sa Italyen koulè yo nasyonal la.

Menm sou ble a ki vin apre ak definitif franse, blan ak wouj cockade, ki te fèt sou Jiye 17, jounal yo ki te koze konfizyon, rapò, tankou nan ka a nan Il Corriere di Gabinetto, ke li te sèlman wouj ak ble oswa, dapre lòt jounal, tankou La Gazzetta Ansiklopedi nan Milan, ki te blan ak woz [35] . Plis egzak enfòmasyon, imedyatman rapòte pa tout jounal nouvèl yo Italyen, kòrèkteman enfòme sou lefèt ke koulè yo nan cockade an franse te gen twa: sepandan, tonalite yo te sa ki mal, depi yo te site vèt, blan ak wouj cockades [34] .

Tras la premye dokimante nan itilize nan vèt, blan ak wouj cockade la, ki sepandan pa presize aranjman la nan koulè yo sou orneman a, se ki date 21 August 1789 [4] . Nan achiv yo istorik nan Repiblik la nan Genoa li se rapòte ke temwen te wè kèk manifestan pèdi wout ozalantou vil la ak "nouvo blan an franse, wouj ak vèt cockade prezante dènyèman nan Paris" [4] . Itilize nan tèm "cockade a nouvo" se indicative: evidamman nan vil sa a li te deja li te ye ki pasaj la, an Frans, ki soti nan cockades Fortin te fè nan fèy nan moun ki nan de ak twal pita twa-koulè, malgre lefèt ke inyore nan aktyèl konpozisyon kromatik [37] .

Schematic vèsyon an cockade nan tricolor Italyen reprezante nan fòm nan "disk"[38] .

Itilize nan cockade la te wè ak sispèk ak degoutans pa otorite yo eta jenwaz, depi li te raple moun enpilsyon sosyal ki te kòmanse gaye nan Ewòp: sa yo fèrmant popilè te an reyalite souvan rebèl ak destabilizasyon konotasyon [4] . te drapo a Italyen Se poutèt sa fèt kòm yon fòm pwotestasyon popilè kont rejim yo absolutist ki te dirije penensil la nan moman an epi yo pa kòm yon manifestasyon patriyotik nan Italianness, yo bay ke li te toujou lwen soti nan nesans la nan ki konsyans nasyonal ki Lè sa a, mennen nan la Risorgimento [N 1] [7] .

Li se tou pa eskli ki vèt, blan ak wouj Rosette a, ak kwayans nan inègza nan itilize nan vèt olye pou yo ble, yon enfidelite petèt ki te koze pa itilize nan anvan nan fèy vèt, te fèt anvan 21 mwa Out, ak nan yon vil diferan . soti nan Genoa [39] : fèrmant yo revolisyonè nan evènman yo franse pwobableman rive nan peyi Itali anvan dat sa, li te konprann ke nou pa fè sa Malgre sa, dokimante tras nan sa a realizasyon posib premye nan cockade nan tricolor [4] . Li se pwouve pa temwayaj yo ekri ke premye boulvès yo revolisyonè, nan peyi Itali, te pran plas nan mwa Out nan Eta Pap la, men sous yo ki gen rapò ak evènman sa yo pa mansyone cockades tricolor, men se sèlman refize pote bijou ki konpoze ki gen fèy [4] .

Finalman, lè enfòmasyon ki kòrèk la sou konpozisyon sa a kromatik nan cockade an franse te rive nan peyi Itali, Jakoben la Italyen deside kenbe vèt olye pou yo ble, paske li reprezante nati ak Se poutèt sa - metafò - tou dwa natirèl , se sa ki egalite ak libète, tou de prensip renmen anpil yo [22] . Se poutèt sa, byenke vèt, blan ak wouj tricolor a, lè li te prezante, tou senpleman te gen yon valè imitation, li te pran kòm yon senbòl peyi Italyen pandan boulvès popilè yo nan diznevyèm syèk la byen bonè [7] .

Cockade nan tricolor vin youn nan senbòl yo Patri Italyen

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: senbòl Patri Italyen .
Twa Italyen Koulè yo nasyonal fè mete pòtre sou planche a nan pale delle Poste nan nan Florence . Apre aparans yo nan Genoa sou 21 mwa Out 1789, wouj, blan ak vèt piti piti antre nan imajinasyon lan kolektif nan Italyen jouk yo tout te reprezante nan jaden yo pi varye.

Adopsyon an nan peyi Itali nan cockade nan vèt, blan ak wouj pa t 'imedyat ak ékivok pa patriyòt Italyen yo: lòt aparisyon, toujou detanzantan, nan cockades altènativ a yon sèl nan jenwaz apre sa yo ki an 1789 te pran plas ane annapre a, lè yo parèt nan a wouj ak blan Grand duche nan tuscany , ak nan 1792 nan Porto Maurizio , nan Repiblik la nan Genoa, wouj ak blan ankò [40] . Merite pou yo nòt te aparans an premye nan cockade nan tricolor Italyen aletranje, ki te pran plas nan 1791 nan toulong , Frans, gras a kèk maren jenwaz [40] .

Apre sa vèt, blan ak wouj cockade a gaye pi plis ak plis, piti piti vin orneman a sèlman yo itilize nan peyi Itali pa patriyòt Italyen [7] . An reyalite, li te gen klarifye erè a nan jounal nouvèl yo sou koulè yo nan tricolor cockade an franse, epi kidonk an konsideran konotasyon yo nan singularité, patriyòt yo te kòmanse defini li "Italyen cockade" fè li youn nan senbòl yo nan peyi a [7] .

Itilize nan tricolor a Italyen pa te limite a sa sèlman nan prezans nan vèt, blan ak wouj nan yon cockade: lèt, li te gen te fèt sou 21 mwa Out 1789, anvan premye tricolor banyè la nan militè pa sèt ane, ki te chwazi nan Rejiman a Lombard sou 11 Oktòb 1796 [5] , ki se asosye avèk apwobasyon an premye ofisyèl nan Italyen koulè yo nasyonal pa otorite yo, nan ka sa a Napoleon, ak uit ane ak kesyon adopsyon an nan drapo a nan peyi Itali, ki te fèt sou 7 janvye 1797, lè li te premye sipoze wòl nan banyè nasyonal la nan yon eta souveren Italyen, Repiblik la Cispadana [6] .

Cockade a nan revòlt la Bolòy

Òganizasyon an nan revòlt la ak fè a nan cockades yo

Luigi Zamboni.

Merite pou yo nòt, soti nan yon pwen istorik de vi, yo bay pwosesis la jidisyè ak rimè a ki swiv, yo te cockades tricolor te fè nan 1794 pa de elèv yo nan Inivèsite a nan Bolòy , Luigi Zamboni soti nan Bolòy ak Giovanni Battista De Rolandis soti nan Asti., Ki moun ki dirije yon tantativ ensurèksyonèl yo gratis Bolòy soti nan dominasyon Pap ; nan adisyon a de elèv yo, de doktè nan medikaman te tou yon pati nan konpayi an, Antonio Succi ak Angelo Sassoli, ki moun ki Lè sa a, trayi patriyòt yo ak lòt pa rapòte tout bagay sa yo lapolis Pap la, ak kat lòt moun (Giuseppe Rizzoli li te ye tankou della Dozza, Camillo Tomesani kolo Torto, Antonio Forni mago Sabino ak Camillo Galli) [41] [42] .

Pandan tantativ sa a deklanche yon revòlt, ki te òganize ant 13 ak 14 Novanm 1794 (oswa, dapre lòt sous, 13 desanm 1794) [43] , manifestan yo ki te dirije pa De Rolandis ak Zamboni arbore yon ROSETTE wouj ak blan (ki se tou koulè yo nan rad la minisipal nan bra nan Bolòy ) ki gen yon vèt pawa [43] . Sa yo cockades tricolor, te fèt pa paran Zamboni a, ki te mèrsyèr pa komès epi ki Lè sa a, peye tendres pou inisyativ sa a, te gen vèt nan sant la, blan imedyatman sou deyò a ak wouj sou kwen nan [1] .

Giovanni Battista De Rolandis.

Luigi Zamboni te deja eksprime dezi a yo kreye yon banyè tricolor ki ta dwe vin, yon fwa inite nasyonal se konplè, drapo a nan peyi Itali [43] . Espesyalman, Zamboni, nan mwa Septanm 16, 1794, te deklare [44] :

«[...] Frè m ', Mwen espere ke anpil avèk ou. Bondye te deja beni nou ... Oh, viktwa pa ka fail moun ki goumen pou peyi yo, nan non Bondye! ... Pou syèk divize, nou manke yon siy ki soti nan alp la Kvarner la di nou pitit la manman menm; ki kolekte tout afeksyon yo nan Italyen yo nan pwovens yo divès kalite. Yon banyè nasyonal nesesè, nan mitan yon pèp ki ki leve nan libète; trè nesesè ak nou, nan lit la ke nou se sou yo kòmanse; yo ban nou ki moun ki, prèske moun lòt nasyon, gade nan youn ak lòt ki genyen ant moun ... Nou dwe kreye tankou yon banyè nan sesyon sa a ... Sou, 16 jiyè 1789, wouj ak ble, koulè nan vil la nan Pari , yo te dekrete koulè nasyonal; yo te ansanm ak blan nan onè nan wa a, epi konsa te drapo a an Frans konpoze. Nou konbine vèt ak blan ak wouj, koulè yo nan nou an Bolòy , kòm yon siy nan espwa a ke tout moun yo Italyen pral swiv revolisyon nasyonal la nou te kòmanse, ki pral efase moun fwontyè make pa tirani etranje yo. [...] "

( Luigi Zamboni )

Pandan travay la rekritman Giovanni Battista De Rolandis ak Luigi Zamboni jere konvenk sou trant moun yo patisipe nan zak ensurèksyonèl yo [43] . De la tou achte kèk zam afe, ki pita yo te tounen soti yo dwe nan bon jan kalite pòv [43] . Objektif la se te distribye yon feyè gen entansyon fè reviv Bolòy ak Castel boloyz ; pwoklamasyon a, sepandan, pa te gen okenn efè [43] .

Fayit la nan revòlt la ak pwosè a

Pale d'Accursio nan Bolòy.

Apre li fin echwe nan tantativ la fè reviv lavil la, revolisyonè yo te eseye pran refij nan duche la Grand nan tuscany, men polis lokal la premye pran yo nan Covigliaio ak Lè sa a lage yo nan men otorite yo Pap [43] . Apre kapti a nan evade yo, se yon jijman Super complocta ak seditiosa compositione destributa pou chak Lekòl la nan conventicula Lame te souplas nan tribinal la kriminèl nan Torrone [N 2 ] . Jijman an ki enplike tout patisipan yo nan konplo a, ki gen ladan fanmi yo nan Zamboni ak tout frè yo Succi [45] .

Luigi Zamboni te jwenn mouri sou 18 August 1795 nan yon selil surnome "Inferno", ki li te pataje ak de kriminèl ki komen yo, touye pa yo sou lòd yo nan polis la oswa petèt komèt swisid apre yon tantativ chape fèt san siksè [46] . Lòt ipotèz toujou vle ke li te yon touye moun ki gen direktè yo ta dwe chache nan kèk fanmi boloyz senatoryal , an patikilye nan fanmi an Savioli [47] .

View nan jaden an Montagnola nan Bolòy, kote Luigi Zamboni ak Giovanni Battista De Rolandis te antere l '. rete yo te imedyatman gaye.

Giovanni Battista De Rolandis te piblikman egzekite, apre yo te fin sibi enterogatwar anvan ak ki te swiv pa nan bwa ki tòti [48] , nan dat 26 avril, 1796 [46] . Papa Zamboni a te mouri nan yon kriz kadyak nan laj la nan katreven apre li fin soufri touman atròs, pandan ke yo te manman l 'premye vide nan lari yo nan Bolòy ak Lè sa a kondane nan lavi nan prizon [46] . Lòt defandan yo, apre yo fin k ap sèvi pi piti fraz [45] , yo te pli vit libere pa franse a ki moun ki nan entre-temps la te anvayi Emilia ekspilsyon pap yo [46] . Kò yo nan De Rolandis ak Zamboni te pita avèti antere l 'nan Bolòy nan jyardino della Montagnola nan sou lòd la dirèk nan Napoleon [49] , sèlman yo dwe gaye nan 1799 ak rive nan otrichyen yo [46] .

Giosue karduksi dedye yon vèsè soti nan chan an cockade nan tricolor ak revòlt la Bolòy ki te dirije pa De Rolandis ak Zamboni Sou anivèsè a dizwityèm nan 8 mwa Out 1848:

«[...] Mwen vle malfini viktorye mwen
Plante kote Zamboni ou mouri
Nan twa koulè yo panse; e mwen vle fyète
Nan ti gason ou yo. [...] "

(Giosue karduksi, Sou anivèsè a dizwityèm nan 8 mwa Out 1848)

Gen se toujou youn nan cockades yo tricolor orijinal itilize pa Luigi Zamboni ak Giovanni Battista De Rolandis [1] . Posede pa fanmi an De Rolandis, li te ekspoze pou kèk tan nan Mize Nasyonal la nan Risorgimento a Italyen nan Torino [1] . An 2006, sou okazyon an nan kèk reparasyon, li te transfere nan Mize a Elèv Ewopeyen an Inivèsite a nan Bolòy, kote li se toujou konsève [1] .

Gratis pou sèvi pandan epòk la Napoleon

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sala del Tricolore .
Giuseppe Compagnoni, yo konnen kòm "papa a nan tricolor nan" Li te Compagnoni ki moun ki te premye moun ki pwopoze adopsyon de yon drapo tricolor pou yon eta souveren Italyen, Repiblik la Cispadana.

Apre evènman yo nan Bolòy, yo te cockade nan tricolor chire pandan antre Napoleon an an Milan sou li a, 15 Me 1796 [50] . Sou ki okazyon, rozèt sikilè yo te fè ak wouj sou deyò a, vèt nan yon pozisyon entèmedyè ak blan nan sant lan [51] . Refize pote bijou sa yo te tou pa patriyòt Italyen chire pandan seremoni relijye yo officiated andedan katedral la Milan kòm mèsi pou rive nan Napoleon, ki moun ki te wè - omwen nan kòmansman an - kòm yon liberateur [50] . Cockades yo tricolor Lè sa a, te vin youn nan senbòl yo ofisyèl nan Gad Nasyonal milanèz, ki te fonde sou Novanm 20, 1796, lè sa a gaye yon lòt kote ansanm penensil Italyen an [22] . Cockade nan tricolor te patikilyèman lye nan mouvman an jakoben, ki te fè li se youn nan pi senbòl enpòtan li yo [22] .

Jisteman sou okazyon an nan adopsyon nan premye nan drapo a vèt, blan ak wouj pa yon eta souveren Italyen, Repiblik la Cispadana, ki se ki date 7 janvye 1797 epi ki te dekrete pa yon asanble ki te fèt nan yon sal nan minisipalite a nan Reggio NELL ' Emilia , li te deside ke cockade nan tricolor, tou konsidere kòm youn nan senbòl yo ofisyèl nan eta a ki tibebe ki fèk fèt Napoleon [52] [53] , yo ta dwe yo te chire pa tout sitwayen [54] .

Sou ki okazyon, Giuseppe Compagnoni , ki moun ki selebre kòm "papa a nan tricolor nan" [55] [56] [57], pwopoze adopsyon an nan drapo a Italyen yo ak cockade.

«[...] Soti nan minit yo nan Sesyon an XIV nan Kongrè a Cispadano: Reggio Emilia, 7 janvye 1797, 11 menm patriyotik Sal. patisipan yo te 100, depite yo soti nan popilasyon yo nan Bolòy, Ferrara kote, modna ak Reggio Emilia. Giuseppe Compagnoni a Ke lugo fè yon mouvman ki Creole a oswa Cispadana drapo nan twa koulè, Vèt, Blan ak Wouj, dwe fèt Inivèsèl ak ke twa koulè sa yo ta dwe tou gen pou itilize nan kokard a Cispadana, ki dwe pa chire tout moun. Li se dekrete. [...] "

(Minit nan reyinyon an nan 7 janvye 1797 nan kongrè an nan Repiblik la Cispadana)
dizwityèm syèk la Sala del Tricolore a, ki pita te vin chanm lan konsèy nan minisipalite a nan Reggio nell'Emilia, kote yo te drapo a tricolor ofisyèlman adopte pa Repiblik la Cispadana.

Nan kontèks sa a, nan bèrgamask , sivil yo te oblije mete yon cockade tricolor estime nan rad sou yo, yon enpozisyon sanksyon, sou 13 Me 1797, tou nan modna ak Reggio nell'Emilia [58] [59] . Menm san yo pa bezwen la pou obligasyon sou pati nan otorite leta, itilize nan cockade a gaye pi plis ak plis nan mitan popilasyon an, ki moun ki te mete l 'ak fyète, tap mete fondasyon yo, ansanm ak lòt faktè, pou mouvman an popilè nan Risorgimento a [60 ] .

Sou 29 jen 1797, gras a fizyon ki genyen ant Repiblik la Cispadana ak Repiblik la Transpadana , Repiblik la Cisalpine te fèt, yon eta pro-franse kò ki pwolonje sou Lombard , yon pati nan Emilia ak romay ak ki te gen Milan kòm kapital li yo [61] [62] . Nan seremoni an ofisyèl ki sanksyon nesans la nan repiblik la ki fenk fèt, òganize nan Lazzaretto nan nan Milan , yon foul moun nan drapo ak cockades tricolor parèt [63] .

Il suo uso nel Risorgimento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Risorgimento .

I primi moti risorgimentali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Moti del 1820-1821 e Moti del 1830-1831 .
Carlo Alberto di Savoia.

Con la definitiva sconfitta di Napoleone, a cui seguì la Restaurazione dei regimi assolutistici pre rivoluzionari, i colori nazionali italiani , e con essa la coccarda tricolore, entrarono in clandestinità, trasformandosi in simbolo di quei movimenti patriottici che iniziarono a costituirsi in Italia, la cui stagione storica è conosciuta come Risorgimento [50] [64] [65] . I fermenti sociali che portarono alla nascita del patriottismo italiano ebbero origine, come già accennato, in epoca napoleonica, durante la quale si diffusero gli ideali della Rivoluzione francese , tra cui il concetto di autodeterminazione dei popoli [66] .

Sebbene fossero stati restaurati i regimi pre napoleonici, le idee liberali spesso sfociarono nella volontà dei popoli di affrancarsi dalla dominazione straniera costituendo un organismo statale unitario e indipendente, come nel caso italiano, mentre la richiesta di avere maggiori diritti civili e politici da parte della popolazione non sopì con la ricostituzione degli Stati assolutistici, riaffiorando in modo palese nei moti che avrebbero caratterizzato il XIX secolo [67] .

L'uso della coccarda tricolore venne vietato dagli austriaci nel Regno Lombardo-Veneto insieme all'utilizzo della bandiera verde, bianca e rossa pena la condanna a morte [68] . Lo scopo di questo provvedimento, citando le testuali parole dell'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria , era di "fare dimenticare di essere italiani" [69] . La coccarda tricolore comparve, per la prima volta dopo l'epoca napoleonica, durante i moti del 1820-1821 nel Regno delle Due Sicilie appuntata sui cappelli o sui vestiti dei patrioti italiani: la sua ricomparsa fu quindi ancora sporadica e limitata a un territorio specifico [70] . La coccarda tricolore si presentò nuovamente durante le rivolte del 1830-1831 , appuntata sugli indumenti dei patrioti italiani, che avvennero principalmente nello Stato Pontificio, nel Ducato di Modena e Reggio e nel Ducato di Parma e Piacenza , nei quali ci una profusione di fazzoletti e di coccarde tricolori: anche in questo caso, la sua comparsa fu limitata ad alcuni Stati della penisola italiana[71] .

Facciata del Museo nazionale del Risorgimento italiano di Torino, che è il più antico e il più importante museo dedicato al Risorgimento per via della ricchezza e della rappresentatività delle sue collezioni [72] e l'unico che abbia ufficialmente il titolo di "nazionale" [73] .

In questo contesto, nel 1820, in occasione dei solenni festeggiamenti legati alla concessione della costituzione da parte di Ferdinando I delle Due Sicilie , i membri della famiglia reale indossarono delle coccarde tricolori [74] . I moti del 1820-1821 ebbero infatti le conseguenze maggiori nel Regno di Sardegna , dove i moti furono guidati per un breve periodo da Carlo Alberto di Savoia [75] , non ancora diventato re, e nel Regno delle Due Sicilie: in quest'ultimo, in particolare, fu riaperto anche il Parlamento siciliano e venne convocato per la prima volta il Parlamento napoletano [76] .

Se le sommosse del XIV e del XV secolo vennero guidate dall' umanesimo , con tutti gli effetti del caso, tra cui il legame con il classicismo , le rivolte patriottiche del XIX secolo, con le loro idee di indipendenza e libertà, e con i loro simboli iconici, tra i quali ci furono le coccarde, erano invece ispirate dal Romanticismo [77] .

I moti del 1848

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Primavera dei popoli .

Coccarde tricolori continuarono a essere protagoniste, appuntate sul petto o sui cappelli dei patrioti, nelle sollevazioni popolari che seguirono quelle precedentemente citate, come nel caso delle cinque giornate di Milano (18-22 marzo 1848), nel corso delle quali ebbero un'ampia diffusione tra gli insorti, tra i quali ci furono molti religiosi [78] [79] : il clero milanese appoggiò infatti attivamente le istanze patriottiche dei propri fedeli [80] .

Il fregio da parata dei bersaglieri, che è basato su una coccarda tricolore.

In questo contesto, il 23 marzo 1848, il re di Sardegna Carlo Alberto di Savoia emise un proclama avente decisi connotati politici, con il quale il sovrano sabaudo assicurava al Governo provvisorio di Milano formatosi in seguito alle cinque giornate che le sue truppe, pronte a venirgli in aiuto, avrebbero utilizzato, come bandiera militare , il tricolore italiano [81] :

«[…] e per viemmeglio dimostrare con segni esteriori il sentimento dell'unione italiana, vogliamo che le nostre truppe, entrando nel territorio della Lombardia e della Venezia, portino lo Scudo di Savoia sovrapposto alla bandiera tricolore italiana […]»

( Proclama di Carlo Alberto di Savoia del 23 marzo 1848 )
Reggimento di cavalleria "Lancieri di Montebello" alla Festa della Repubblica Italiana del 2 giugno 2006. Si può notare la presenza, sul loro cappello, sotto lo stemma, della coccarda italiana tricolore.

I milanesi accolsero poi Carlo Alberto e le sue truppe con una profusione di bandiere e coccarde tricolori [82] . Questo non fu l'unico atto formale di Carlo Alberto di Savoia nei confronti del tricolore: il 14 giugno 1848, una circolare del Ministero della guerra del Regno di Sardegna , decretò la sostituzione della coccarda azzurra sabauda , in tutti gli ambiti militari in cui era utilizzata, con la coccarda tricolore [83] :

«[…] Con Circolare ministeriale del 14 giugno 1848 si faceva noto ai Governatori ed al Viceré di Sardegna avere SM ordinato, che la Bandiera Tricolore Nazionale Italiana con sopra la Croce di Savoia fosse sostituita a quella esistente nei Forti ed altri luoghi ove si suole inalberare; che tale Bandiera fosse distribuita pure a tutti i Corpi del R. Esercito, e limitata in avvenire ad una sola per ogni Reggimento; e che tanto gli Uffiziali, come le truppe tutte, avessero parimenti a sostituire all'azzurra la Coccarda ai tre colori nazionali italiani; l'uso della quale, secondo le dichiarazioni del Dispaccio ministeriale 13 luglio successivo, dovesse senza dubbio estendersi a tutti i R. Impiegati che vestissero una divisa. […]»

( Circolare ministeriale del 14 giugno 1848 del Regno di Sardegna )
Carabinieri in alta uniforme alla Festa della Repubblica Italiana del 2 giugno 2006. Si può notare la presenza, sul loro cappello, sotto lo stemma, della coccarda italiana tricolore.

La coccarda azzurra era fino a quel momento collocata sul cappello della divisa dell' Arma dei Carabinieri , sul fregio dei berretti dei bersaglieri e sui copricapi dei reggimenti di cavalleria [84] [85] [86] . Sul cappello dei Carabinieri la coccarda azzurra era presente fin dalla fondazione dell'Arma, che è datata 1814 [87] , per l'Arma di cavalleria la sua introduzione è ascrivibile al 1843 [83] mentre per i bersaglieri al 1836 [85] .

Nello specifico, lo stralcio della circolare del 14 giugno 1848 recitava che la coccarda azzurra sarebbe stata sostituita [84] :

«[…] [con] la coccarda ai tre colori nazionali italiani conforme ai modelli stabiliti. […]»

( Circolare ministeriale del 14 giugno 1848 del Regno di Sardegna )

In ambito istituzionale la coccarda azzurra ebbe invece sorte diversa. Lo Statuto Albertino del Regno di Sardegna, che fu promulgato il 4 marzo 1848 da Carlo Alberto di Savoia, da cui il nome, e che diventò poi la legge fondamentale del Regno d'Italia , prevedeva infatti all'articolo 77 che la coccarda azzurra fosse la sola nazionale [88] [89] . Questo articolo rimase in vigore fino al 1º gennaio 1948 quando lo Statuto Albertino fu sostituito dalla Costituzione della Repubblica Italiana , che sancì l'uso della coccarda tricolore in tutte le sedi ufficiali della Repubblica. [90] .

Laura Solera Mantegazza.

Durante i moti del 1848 delle coccarde tricolori comparvero in tutti gli Stati preunitari italiani , dal Regno di Sardegna appuntate sui cappelli o sui vestiti dei patrioti italiani [91] , al Regno Lombardo-Veneto [92] , dal Regno delle Due Sicilie [93] , allo Stato Pontificio [94] , dal Granducato di Toscana [95] , al Ducato di Parma e Piacenza ea quello di Modena e Reggio [78] . La coccarda tricolore era tra i simboli più malvisti dalle autorità: ad esempio Carlo II di Parma , sebbene non fosse tra i sovrani più reazionari (tant'è che concesse una relativa libertà di stampa), ne vietò l'uso nel suo ducato [96] .

In ambito ufficiale la coccarda diventò uno dei simboli ufficiali del Regno di Sicilia , Stato resosi indipendente dal regno borbonico durante la rivoluzione siciliana del 1848 [93] .

L'Unità d'Italia

Coccarda tricolore proiettata sulla Rocca estense di San Felice sul Panaro in occasione del 150ºanniversario dell'Unità d'Italia (2011).

Durante la seconda guerra d'indipendenza i territori che venivano gradualmente conquistati dal " re eletto " [N 3] Vittorio Emanuele II di Savoia e da Napoleone III di Francia acclamavano i due sovrani come liberatori sventolando bandiere verdi, bianche e rosse e indossando coccarde tricolori; anche le regioni pronte a chiedere l'annessione al Regno di Sardegna attraverso i plebisciti risorgimentali esprimevano la loro volontà di far parte di un'Italia unita con lo sventolio di bandiere e l'uso di coccarde sui vestiti [97] .

Le coccarde tricolori erano presenti anche durante la spedizione dei Mille (1860), iniziando a comparire sulle giacche dei siciliani che gradualmente ingrossavano le fila dei garibaldini [98] . In particolare, fecero il loro debutto poco prima della conquista, da parte di Giuseppe Garibaldi , di Palermo, per poi seguire l'eroe dei due mondi nella sua vittoriosa campagna nel Regno delle Due Sicilie [98] .

Delle coccarde tricolori erano consegnate agli abitanti del Regno delle Due Sicilie, poco prima di ogni moto di insurrezione, affinché avessero un segno distintivo dal significato inequivocabile [99] . Furono appuntate anche sul berretto della divisa ufficiale del corpo di ordine pubblico istituito da Giuseppe Garibaldi nelle terre che progressivamente venivano conquistate [100] .

Le Frecce Tricolori mentre disegnano i colori nazionali italiani durante la parata militare della Festa della Repubblica Italiana del 2 giugno 2006. Rappresentano l'utilizzo scenografico più conosciuto dei tre colori nazionali italiani [101] .

Coccarde tricolori furono realizzate da alcune patriote milanesi, guidate da Laura Solera Mantegazza , per finanziare la spedizione dei Mille [102] . A ciascuna coccarda tricolore, che era in vendita a una lira, era associato un biglietto numerato riportante sul fronte l'effige di Giuseppe Garibaldi, il tricolore italiano e la scritta "Soccorso a Garibaldi", mentre sul retro la dicitura "Soccorso alla Sicilia" [102] . Di queste coccarde ne furono venduti 24.442 esemplari, un risultato al di sotto delle aspettative forse a causa di una voce infondata diffusasi tra la popolazione sostenente che parte del guadagno ottenuto dalla vendita delle coccarde sarebbe andato a Giuseppe Mazzini, patriota malvisto da una parte dei milanesi [102] .

L'utilizzo di coccarde tricolori continuò anche a conquiste risorgimentali terminate: nei territori poi soggetti ai plebisciti, anche dopo la consultazione popolare, fu molto comune l'uso di ornamenti verdi, bianchi e rossi appuntati su abiti e berretti [103] . Degne di nota, per la loro particolarità, furono delle coccarde usate dai partigiani dalle Brigate Garibaldi durante la Resistenza nel corso della seconda guerra mondiale , che erano caratterizzate dalla presenza, al loro centro, di una stella rossa[104] .

Gli utilizzi successivi

Ambito aeronautico e militare

Terminata la stagione risorgimentale, la coccarda tricolore continuò a essere adoperata in campo militare sui copricapi da parata dei sopracitati reparti delle forze armate italiane e fu introdotta, inoltre, nell'ambito aeronautico [12] [105] .

Coccarde applicate sulla fusoliera di un caccia Eurofighter Typhoon in mostra alla manifestazione aerea di Dubai , negli Emirati Arabi Uniti , in una foto del 1998. Le coccarde rappresentano, da sinistra, l' Ejército del Aire ( Spagna ), l' Aeronautica Militare Italiana ( Italia ), la Royal Air Force ( Regno Unito ) e la Luftwaffe ( Germania ).

Dopo l'entrata del Regno d'Italia nella prima guerra mondiale , il Comando supremo militare italiano si rese conto dell'inadeguatezza dei contrassegni precedentemente utilizzati sugli aerei italiani: pertanto ordinò di verniciare l' impennaggio verticale con il tricolore e l' intradosso delle ali con sezioni verdi, bianche e rosse per il riconoscimento della nazionalità [106] . Molto più spesso la sezione centrale non venne però verniciata di bianco, rimanendo del colore della tela [107] . Come ulteriore contrassegno, la coccarda tricolore, nella versione schematica "a disco" con il rosso esterno, il bianco centrale e il verde interno, fu istituita il 21 dicembre 1917, venendo posta ai lati della fusoliera e sopra l'ala superiore [108] .

Nel periodo immediatamente successivo comparvero delle coccarde tricolori che avevano il perimetro verde e il disco centrale rosso – quindi con una posizione dei colori che era invertita rispetto a quella convenzionalmente utilizzata – sembra in seguito a lamentele provenienti dagli alleati [109] , finalizzate a evitare che si facesse confusione con gli aerei del Royal Flying Corps britannico e con i velivoli dell' Aéronautique Militaire francese, che operavano nello stesso teatro di guerra e che avevano entrambe una coccarda che poteva essere confusa con quella italiana, visto che i colori che le differenziavano erano visivamente simili se osservati rapidamente [N 4] oppure se guardati in condizioni di bassa visibilità [105] .

Spesso i velivoli acquistati direttamente in Francia mantennero comunque, per praticità, delle coccarde con il rosso all'esterno, semplicemente sovrapponendo il verde al blu centrale, quindi all'inverso degli aerei di produzione nazionale [110] . La coccarda italiana tricolore fu usata, in modo discontinuo, fino al 1927, quando venne sostituita da una coccarda raffigurante il fascio littorio , uno dei simboli più identificativi del fascismo [111] .

Da sinistra a destra, le coccarde nazionali di Italia, Regno Unito e Francia dipinte su alcuni velivoli storici delle rispettive aeronautiche militari. I modelli di aeroplano sono, da sinistra a destra, un North American T-6 Texan , dei Douglas Boston Mark III e un Caudron C.760
Sulla sinistra, Gianni Rivera , calciatore del Milan , con la coccarda italiana tricolore nella versione schematica "a disco" appuntata sulla maglia, in un'immagine dell'inizio degli anni settanta del XX secolo. Sulla destra la coccarda italiana tricolore, nella forma schematica "a circolo" e con il verde e il rosso invertiti, simbolo della vittoria nella Coppa Italia Serie C di calcio

In ambito aeronautico la coccarda tricolore con il rosso verso l'esterno e il verde al centro è tornata in uso, senza più essere cambiata, nel 1943, durante la seconda guerra mondiale [105] , in occasione della costituzione dell' Aeronautica Cobelligerante Italiana : dopo la caduta del fascismo , ci fu infatti l'immediata scomparsa di tutti i simboli a esso legati, fascio littorio compreso [111] .

La coccarda tricolore, che è stata poi diffusamente utilizzata su tutti gli aeromobili statali italiani, non solo militari [8] , è ancora oggi uno dei simboli dell' Aeronautica Militare Italiana [112] . Nel 1991 è stata introdotta la coccarda tricolore a bassa visibilità , che è caratterizzata dalla banda bianca più stretta rispetto alle altre due [113] .

Sempre in ambito militare, la coccarda tricolore è dal 14 giugno 1848 la base del fregio da parata dei bersaglieri, dei reggimenti di cavalleria , dei Carabinieri – quando ha sostituito in questo ruolo la coccarda italiana azzurra – e della Guardia di Finanza [9] [11] . Quest'ultima è stata fondata nel 1862, quindi successivamente al cambio di coccarda, che è datato 1848: pertanto la Guardia di Finanza ha sempre avuto, come base del proprio fregio, la coccarda tricolore [9] .

Ambito istituzionale

È tradizione, per le massime cariche dello Stato , escluso il Presidente della Repubblica , avere appuntata sulla giacca, durante la parata militare della Festa della Repubblica Italiana , che è celebrata ogni 2 giugno, una coccarda tricolore[13] .

Ambito sportivo

Nello sport italiano – seguendo una tradizione nata nel calcio sul finire degli anni cinquanta del XX secolo [12] , e ricalcante la prassi dello scudetto , che debuttò sulle maglie del Genoa nella stagione 1924-1925 su idea di Gabriele D'Annunzio [114] – la coccarda tricolore è divenuta il simbolo distintivo dei successi nelle coppe nazionali, cucita sulla maglia della squadra detentrice di questo trofeo: le formazioni vincitrici nelle varie Coppe Italia possono infatti sfoggiare la coccarda tricolore, nella forma schematica "a disco"[38] , sulle proprie divise per l'intera stagione successiva alla vittoria [115] .

La coccarda tricolore ha debuttato nel calcio nella stagione 1958-1959 sulle maglie della Lazio [116] [N 5] . A partire dalla stagione 1985-1986 , la coccarda tricolore utilizzata per le squadre detentrici della Coppa Italia subì una modifica: iniziò a essere utilizzata la versione con i colori invertiti, ovvero con il verde esterno e il rosso al centro [117] [118] .

Dalla stagione 2006-2007 è stata ripristinata la tipologia convenzionale, quella con il rosso all'esterno e il verde al centro [119] [120] . Nel calcio la coccarda tricolore è anche il simbolo, sempre nella forma "a disco"[38] , delle vittorie nella Coppa Italia Serie D , nella Coppa Italia Dilettanti e – con sostanziali differenze stilistiche, visto che è rappresentata nella forma schematica "a circolo" oltre che con il verde all'esterno e il rosso all'interno[38] – nella Coppa Italia Serie C [121] .

Evoluzione storica

In ambito istituzionale

In ambito militare

In ambito aeronautico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeronautica Militare (Italia) § La coccarda .

In ambito sportivo

La coccarda italiana tricolore nella musica

L'insurrezione di Palermo del 1820. La coccarda italiana tricolore, dopo l'epoca napoleonica, ricomparve per la prima volta nel Regno delle Due Sicilie durante i moti del 1820-1821

Alla coccarda tricolore è stata dedicata una celebre canzone scritta da Francesco Dall'Ongaro e musicata da Luigi Gordigiani [122] :

«E lo mio amore se n'è ito a Siena,
portommi la coccarda di tre colori:
il candido è la fé che c'incatena,
il rosso è l'allegria de' nostri cuori.
Ci metterò una foglia di verbena
ch'io stessa alimentai di freschi umori.
E gli dirò che il verde, il rosso e il bianco
gli stanno ben con una spada al fianco,
e gli dirò che il bianco, il rosso e il verde
gli è un terno che si gioca e non si perde
e gli dirò che il verde, il bianco e il rosso
vuoi dir che Italia il giogo suo l'ha scosso,
Infine gli dirò che il tricolore
emblema è di fè, di pace e amore.»

( La coccarda tricolore , di Francesco Dall'Ongaro e Luigi Gordigiani )

Note

Esplicative

  1. ^ La coccarda tricolore francese era chiamata dai mezzi di stampa italiani "coccarda del popolo", "coccarda di cittadini", "coccarda della libertà", "coccarda patriottica", "coccarda nazionale", "segnale della libertà" e "coccarda dell'Assemblea Nazionale" a testimonianza del suo valore universale, legato agli ideali della rivoluzione, che trascendeva dalla nazione in cui nacque. Cfr. testo di Ferorelli a p. 665.
  2. ^ Il tribunale criminale del Torrone si trovava all'interno di Palazzo d'Accursio , storico edificio che si affaccia su piazza Maggiore a Bologna , per secoli sede del municipio della città emiliana nonché, per un periodo, anche delle carceri cittadine. Il tribunale prendeva il nome dalla presenza dell'imponente torrione che caratterizza ancora oggi l'edificio. Cfr. Il tribunale criminale del Torrone , su archiviodistatobologna.it . URL consultato il 24 settembre 2018 .
  3. ^ "Re eletto", ovvero in procinto di diventare re d'Italia . Il termine "eletto" ha infatti, tra suoi i sinonimi , "designato", "investito", "prescelto" e "acclamato". Con questo titolo Vittorio Emanuele II di Savoia coniò anche monete che ebbero corso legale nelle Province Unite del Centro Italia , entità statale di breve esistenza costituita da territori che di lì a poco sarebbero stati annessi al Regno di Sardegna grazie ai plebisciti risorgimentali . Cfr. Visione d'insieme delle monete - Re Eletto , su numismatica-italiana.lamoneta.it . URL consultato il 25 settembre 2018 .
  4. ^ La coccarde francese ha semplicemente, rispetto a quella italiana, il blu in luogo del verde, mentre la coccarda britannica è praticamente identica a quella francese, ma con il rosso e il blu invertiti di posizione
  5. ^ Nella stagione 1958-1959 furono disputate due diverse edizioni della Coppa Italia , che venne reintrodotta dalla FIGC dopo 15 anni. La Coppa Italia 1958 ebbe inizio prima che cominciasse la Serie A 1958-1959 , mentre la Coppa Italia 1958-1959 venne organizzata durante il campionato. Questo fu dovuto alla volontà dell' UEFA di introdurre una nuova competizione europea a cui avrebbero dovuto partecipare le vincitrici delle coppe nazionali: la Coppa delle Coppe . Le prime partite della Coppa Italia 1958 fanno quindi parte della stagione sportiva 1957-1958.

Bibliografiche

  1. ^ a b c d e La Coccarda alla Biblioteca Museo Risorgimento , su castellalfero.net . URL consultato il 7 maggio 2017 .
  2. ^ a b c Barbero , Cap. XVIII .
  3. ^ Tino di Salvo, Le origini della bandiera italiana , su siciliapiemonte.com . URL consultato il 14 agosto 2018 .
  4. ^ a b c d e f g Ferorelli , p. 662 .
  5. ^ a b Francesco Frasca, L'Esercito del primo Tricolore ( PDF ), su difesa.it . URL consultato l'8 marzo 2017 .
  6. ^ a b c Il Tricolore , su quirinale.it . URL consultato il 19 marzo 2016 (archiviato dall' url originale il 31 marzo 2014) .
  7. ^ a b c d e f g h i Ferorelli , p. 668 .
  8. ^ a b San Felice, escursionista di Gaeta ferito mentre scende dal Picco di Circe , su latinacorriere.it . URL consultato il 21 agosto 2018 .
  9. ^ a b c Gerardo Severino, I cento anni del nostro fregio ( PDF ), su museostorico.gdf.it . URL consultato il 20 agosto 2018 .
  10. ^ AeroStoria Anni '50 , su aerostoriajet.blogspot.com . URL consultato il 21 agosto 2018 .
  11. ^ a b Il cappello piumato , su 66radunobersaglieripiave2018.it . URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 13 marzo 2017) .
  12. ^ a b c Quando scudetto e coccarda sono sulla stessa maglia... , 4 gennaio 2011. URL consultato il 1º maggio 2012 .
  13. ^ a b Valentina Santarpia, 2 giugno, gli applausi per Mattarella e Conte all'Altare della Patria , su roma.corriere.it . URL consultato il 2 giugno 2018 .
  14. ^ a b Rivista aeronautica , p. 115 .
  15. ^ Renata Polverini: coccarde tricolori alla sua giunta ma i colori sono invertiti – Il Messaggero , su nuovaresistenza.org . URL consultato il 6 maggio 2017 .
  16. ^ a b c ( EN ) Roundels of the World , su cocardes.monde.online.fr . URL consultato il 24 agosto 2018 .
  17. ^ Festa nazionale con diverse coccarde , su scopribudapest.com . URL consultato il 15 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 15 marzo 2017) .
  18. ^ a b Adye , p. 271 .
  19. ^ a b Troiani , p. 99 .
  20. ^ Lucchetti , Cap. 22 .
  21. ^ Maurizio Ridolfi, La politica dei colori nell'Italia contemporanea , su treccani.it . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  22. ^ a b c d e I valori » Il Tricolore , su 150anni.it . URL consultato il 3 maggio 2017 .
  23. ^ a b ( FR ) Le drapeau français - Présidence de la République , su elysee.fr . URL consultato il 13 febbraio 2013 .
  24. ^ Ito De Rolandis, Otto mesi prima di Reggio il tricolore era già una realtà , su www.radiomarconi.com . URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 9 marzo 2016) .
  25. ^ a b Maiorino , p. 156 .
  26. ^ Fiorini , pp. 239-267 e 676-710 .
  27. ^ Ferorelli , pp. 654-680 .
  28. ^ a b Bolzano , p. 174 .
  29. ^ Giuseppe Corsentino, Il verde no, perché è il colore del re. Così la Francia ha scelto la bandiera blu, bianca e rossa ispirandosi all'America , su italiaoggi.it . URL consultato il 9 marzo 2017 .
  30. ^ Presa della Bastiglia, il 14 luglio e il rosso della first lady messicana Angelica , su ansa.it . URL consultato il 9 marzo 2017 .
  31. ^ a b Ferorelli , p. 660 .
  32. ^ Ferorelli , pp. 660-661 .
  33. ^ a b c d Ferorelli , p. 661 .
  34. ^ a b Ferorelli , p. 667 .
  35. ^ a b c Ferorelli , p. 666 .
  36. ^ a b c Ferorelli , p. 665 .
  37. ^ Ferorelli , p. 664 .
  38. ^ a b c d Villa , p. 40 .
  39. ^ Ferorelli , p. 663 .
  40. ^ a b Ferorelli , p. 669 .
  41. ^ Fiorini , p. 249 .
  42. ^ Villa , p. 12 .
  43. ^ a b c d e f g Colangeli , p. 11 .
  44. ^ Felice Venosta, Luigi Zamboni, il primo martire della libertà italiana, Francesco Scorza Editore, Milano, 1864 , su radiomarconi.com . URL consultato il 3 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2016) .
  45. ^ a b c Fiorini , p. 253 .
  46. ^ a b c d e Colangeli , p. 12 .
  47. ^ Poli , p. 423 .
  48. ^ La sommossa di Bologna , su radiomarconi.com . URL consultato il 3 marzo 2017 .
  49. ^ Cronologia della nascita della Bandiera Nazionale Italiana sulla base dei fatti accaduti in seguito alla sommossa bolognese del 1794 , su radiomarconi.com . URL consultato il 12 maggio 2017 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2016) .
  50. ^ a b c Villa , p. 10 .
  51. ^ Colangeli , p. 13 .
  52. ^ Fiorini , p. 706 .
  53. ^ Villa , p. 46 .
  54. ^ Villa , p. 11 .
  55. ^ Vecchio , p. 42 .
  56. ^ Maiorino , p. 157 .
  57. ^ Tarozzi , p. 9 .
  58. ^ Villa , pp. 11-12 .
  59. ^ Maiorino , pp. 159-160 .
  60. ^ Maiorino , p. 160 .
  61. ^ Maiorino , p. 162 .
  62. ^ Villa , pp. 13-14 .
  63. ^ Maiorino , p. 163 .
  64. ^ Maiorino , p. 169 .
  65. ^ Bronzini , p. 113 .
  66. ^ Bronzini , p. 129 .
  67. ^ Villa , p. 18 .
  68. ^ Bronzini , p. 119 .
  69. ^ Bronzini , p. 137 .
  70. ^ Cenni storici sulla città di Bronte , su bronteinsieme.it . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  71. ^ Gavelli , p. 43 .
  72. ^ Museo nazionale del Risorgimento italiano , su visitatorino.com . URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall' url originale il 12 aprile 2016) .
  73. ^ Busico , p. 215 .
  74. ^ Coppi , p. 29 .
  75. ^ Bertoldi , pp. 63-65 e p. 76 .
  76. ^ Ricceri , p. 114 .
  77. ^ Bronzini , p. 131 .
  78. ^ a b Cattaneo , Cap. XI .
  79. ^ Villa , p. 20 .
  80. ^ Villa , p. 21 .
  81. ^ Viola , p. II .
  82. ^ Villa , p. 22 .
  83. ^ a b Regolamenti su uniformi, equipaggiamento e armi , su eleri.interfree.it . URL consultato il 18 agosto 2018 .
  84. ^ a b La bandiera - Cenni storici e norme per l'esposizione ( PDF ), su presidenza.governo.it . URL consultato il 18 agosto 2018 .
  85. ^ a b Il cappello piumato , su 66radunobersaglieripiave2018.it . URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 13 marzo 2017) .
  86. ^ Il contributo della Cavalleria all'Unità d'Italia , su assocavalleria.eu . URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 18 agosto 2018) .
  87. ^ 13 luglio 1814: nasce il corpo dei Carabinieri , su san.beniculturali.it . URL consultato il 18 agosto 2018 .
  88. ^ Tino di Salvo, Le origini della bandiera italiana , su siciliapiemonte.com . URL consultato il 18 agosto 2018 .
  89. ^ Il Tricolore , su 150anni.it . URL consultato il 18 agosto 2018 .
  90. ^ I diritti fondamentali nell'esperienza costituzionale italiana: dallo Statuto Albertino alla Costituzione repubblicana ( PDF ), su old.giappichelli.it . URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 20 agosto 2018) .
  91. ^ I moti: la "rivoluzione dall'alto" del 1848 , su museotorino.it . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  92. ^ Valerio Marchi, Udine ei moti del 1848, quel sogno di libertà infranto dagli austriaci , su messaggeroveneto.gelocal.it . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  93. ^ a b Salvatore Gabriele Imperiale, 12 gennaio 1848, in piazza contro il Re: quella volta che Palermo stupì l'Europa , su palermotoday.it . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  94. ^ Autori vari , p. 1857 .
  95. ^ Rassegna storica del Risorgimento , su risorgimento.it . URL consultato il 2 settembre 2018 .
  96. ^ Piacenza nel Risorgimento , su piacenzaprimogenita150.it . URL consultato il 3 settembre 2018 .
  97. ^ Bellocchi , pp. 96-101 .
  98. ^ a b Candido , p. 38 .
  99. ^ Proto , p. 52 .
  100. ^ L'anno di Teano ( PDF ), su societaitalianastoriamilitare.org . URL consultato il 7 agosto 2018 .
  101. ^ Caliaro , p. 25 .
  102. ^ a b c Coccarda patriottica per il soccorso a Garibaldi , su cartamonetaitaliana.com . URL consultato il 5 agosto 2018 .
  103. ^ I plebisciti e le elezioni , in L'Unificazione , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011.
  104. ^ Rossi , p. 179 .
  105. ^ a b c Prima Guerra Mondiale - Italia , su portalestoria.net . URL consultato il 7 agosto 2018 (archiviato dall' url originale l'8 ottobre 2018) .
  106. ^ Circolare ministeriale del 28 giugno 1915. Alegi , p. 2
  107. ^ Alegi , p. 2 .
  108. ^ Disposizione 37568 dell'Ufficio Servizi Aeronautici (USA) del Comando Supremo. Alegi , p. 4
  109. ^ Alegi , p. 3 .
  110. ^ Alegi , p. 13 .
  111. ^ a b Seconda Guerra Mondiale - Italia , su portalestoria.net . URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 27 luglio 2016) .
  112. ^ Il contributo dell'Aeronautica Militare ( PDF ), su difesa.it . URL consultato il 7 agosto 2018 .
  113. ^ Giuseppe Fassari, AMI Special Colors , su icsm.it . URL consultato il 13 agosto 2018 .
  114. ^ 150 anni di D'Annunzio, l'ideatore dello scudetto sulle maglie da gioco , su fantagazzetta.com . URL consultato il 12 maggio 2017 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2016) .
  115. ^ Cosimo Silva, Quando scudetto e coccarda sono sulla stessa maglia... , su ilgazzettinovesuviano.com . URL consultato il 7 agosto 2018 .
  116. ^ Albo d'oro – Storia della Coppa Italia , su pronostici.betclic.it . URL consultato il 12 maggio 2017 .
  117. ^ Vedere i colori della coccarda in AS Roma 1984-1985 , su almanaccogiallorosso.it . URL consultato l'8 agosto 2018 .
  118. ^ Vedere i colori della coccarda in Juha Tamminen , su juhatamminen.photoshelter.com . URL consultato l'8 agosto 2018 .
  119. ^ Vedere i colori della coccarda in 14° scudetto 2005-2006 , su inter.it . URL consultato l'8 agosto 2018 .
  120. ^ Vedere i colori della coccarda in Serie A: Inter Campione d'Italia 2006-2007 , su ilcalcio.net . URL consultato l'8 agosto 2018 .
  121. ^ Laura Tomasi, Coppa Italia di serie C: Modena nel girone D con Pistoiese e Pontedera , su modenasportiva.it . URL consultato il 4 ottobre 2018 .
  122. ^ Zanichelli , p. 438 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni