Metwopoliten vil nan Genoa

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Metwopoliten vil nan Genoa
vil metwopoliten
Metwopoliten vil nan Genoa - Kouvri ak kouch de zam Metwopoliten City nan Genoa - Drapo
Metwopoliten vil nan Genoa - View
Pale Doria-Spinola , enstitisyonèl chèz nan lavil la metwopoliten
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Manto zam Liguria.svg Ligurya
Administrasyon
Kapital Genoa-Stemma.png Genoa
Majistra Metwopoliten Marco Bucci ( endepandan sant-dwat ) soti nan 27-6-2017
Lang ofisyèl yo Italyen
Dat etablisman an 1 janvye 2015
Teritwa
Kowòdone
nan kapital la
44 ° 24'25.9 "N 8 ° 56'02.4" E / 44,407194 ° N 8,934 ° E 44,407194; 8934 (City nan Genoa anba tè) Kowòdone : 44 ° 24'25.9 "N 8 ° 56'02.4" E / 44,407194 ° N 44,407194 ° E 8,934; 8,934 (Metwopoliten vil nan Genoa)
Altitid 20 m asl
Sifas 1 839.20 km ²
Moun ki rete 813 772 [2] (03.31-2021)
Dansite 442,46 moun / km ²
Komen 67 minisipalite yo
Pwovens vwazen Alessandria , Piacenza , Parma , La Spezia , Savona
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 16100
Prefiks 010 , 0185
Lag jè UTC + 1
ISO 3166-2 IT-GE
ISTAT kòd 210 [1]
Plak GE
Kartografi
Metwopoliten vil nan Genoa - Kote
Metwopoliten City nan Genoa - Map
Map nan lavil la metwopoliten nan Genoa.
Sit entènèt enstitisyonèl

Vil la metwopoliten nan Genoa se yon gwo kò teritoryal nan ligurya ak 813 772 moun ki rete [2] . Li te fèt yo nan 1 janvye 2015, teritwa koresponn li nan sa yo ki an pwovens lan nan Genoa , ki li ranplase. Li se youn nan 14 lavil yo metwopoliten ki te entwodwi pa lalwa Moyiz la nan 7 avril 2014 n. 56.

Li fontyè nan nò a ak Piedmont ( pwovens nan Alexandria ) ak Emilia-Romagna ( pwovens nan Piacenza ak pwovens nan Parma ), ale nan sid la ak lanmè a Ligurian , sou bò solèy kouche a ak pwovens lan nan Savona ak sou bò solèy leve a ak pwovens lan nan La spizya .

Administrasyon an metwopoliten se ki baze nan bilding nan Doria-Spinola nan Genoa, ki se tou chèz la nan Prefecture a ak ansyen yon biwo reprezantan pou kò a ak Gran Konsèy la pwovens nan pwovens lan ansyen nan Genoa. [3]

Jewografi fizik

Teritwa

Jewografi nan nan ligurya se divize an twa Gwoup Mizik: lanmè a , zòn nan aksidante ak mòn yo . Se teritwa a jenwaz metwopoliten tou divize an kategori teritoryal sa yo, pafwa ofri panorama tankou falèz neglijans lanmè, tout lavil yo ak tout ti bouk perchées sou mòn yo oswa Genoa tèt li, yon vil maritimes gwo etwat ak pouse pa mòn nan vwazinaj yo. Nan lavil la metwopoliten gen kat pak rejyonal [4] ak yon marin zòn ki pwoteje ( Portofino Marin Rezèv [5] ).

Zòn ki géographique ki pi fò atire jou ferye, ak rezidans touris, osi byen ke Genoa ak distri li yo, yo paradizo nan golfo ak Tigullio nan . Dènyèman, li te aryèr an tou vin yon protagonist nan panorama nan touris, gras a atansyon piblisite nasyonal ak yon bon kantite Italyen yo ak touris etranje ki chwazi mòn ti ak aksidante ti bouk yo ap depanse jou ferye yo nan zòn nan metwopoliten.

Li se mòfolojik la nan teritwa a, altitid la nan relyèf yo ak evidamman prezans nan lanmè a ke petèt fè lavil la metwopoliten nan Genoa inik nan mitan yo menm ki Italyen paske, nan yon kèk kilomèt, paysages, tout ti bouk, Flora ak fon nan anpil diferan espès coexist. Ase li yo di ke li se pa etranj sou kòt la jwenn touf tankou jasmen , frèz pyebwa ak plantasyon nan zoranj , sitron , pwa Delice ak espès fon tankou geckos , eleman tipik nan Sid Itali , epi, nan yon distans ki pa gen plis pase kilomèt dis bò lanmè yo, wè sa a peyizaj konplètman defòme, prezante forè a pen , if ak mòn byen wo Pye pen , peple pa sèf frich , sèf , fawns , zwazo de proie ak rat ki komen nan rejyon alpine tankou Valle d'aosta oswa Trentino - South tirol .

Pak natirèl

Genyen nèf rejyonal pak natirèl nan ligurya , ki kat apatni nan lavil la jenwaz metwopoliten pou kont li. Pak la sèlman dirèkteman fontyè lanmè a se sa yo ki an mòn Portofino .

Pak ki rete yo olye pou distribye ansanm fon yo mòn, trase nan mitan chemen naturalist yo tou byen li te ye-yo ak ansyen Alta Via Dei monti Liguri nan : Rejyonal Natirèl Park la nan Antola ansanm Scrivia ak Trebbia fon yo , Aveto Rejyonal Natirèl Park la nan Aveto nan , Graveglia ak Sturla fon, ak Beigua Rejyonal Natirèl Park la , ka a sèlman metwopoliten-pwovens, fontyè pwovens lan nan Savona bay enklizyon a nan pak la nan minisipalite yo nan Sassello , Stella ak Varazze ; Se biwo ki nan pak la ki sitiye nan Savona .

Orografi

Monti

Mòn pi lwen pase a 1 000 m sou bò lwès la

Non Altitid Mete
Mount Reixa 1 183 m Beigua Rejyonal Natirèl Park
Monte delle Figne 1 172 m Natirèl Park nan Capanne di Marcarolo nan
Mount Rama 1 150 m Beigua Rejyonal Natirèl Park
Mount Liprando 1 122 m
BRIC del Dente 1 109 m Beigua Rejyonal Natirèl Park
Monte arjant 1 086 m Beigua Rejyonal Natirèl Park
Monte Leco 1 072 m Val Polcevera
Punta Martin 1 001 m
Monte Antola 1 597 m Antola Rejyonal Natirèl Park
Monte Prelà 1 406 m Torriglia
Monte Buio 1 402 m Antola Rejyonal Natirèl Park
Monte Taccone 1 113 m Val Polcevera
Monte Candelozzo 1 036 m
Monte bano 1 035 m Montoggio

Mòn pi lwen pase a 1 000 m sou bò lès

Non Altitid Mete
Mount Maggiorasca 1 804 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte bu 1 777 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte Penna 1 735 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte Bregaceto 1 171 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mount Aiona 1 701 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte Tomarlo 1 602 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Groppo Rosso 1 593 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mòn nan pen yo 1 542 m
Mount Oramara 1 522 m
Mount Montarlone 1 500 m
Rocca Bruna 1 418 m
Monte Zatta 1 404 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mount Ramaceto 1 345 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mount Collere 1 289 m
Mòn Kokas 1 245 m
Monte Porcile 1 240 m
Monte Posasso 1 236 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mount pano 1 195 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Mount Pagliaro 1 180 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte Chiappozzo 1 126 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte alp 1 094 m
Mount Agugiaia 1 090 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Monte Zenone 1 053 m
Monte Cucco 1 049 m Aveto Rejyonal Natirèl Park
Pase ak pase
Flèch-katab-categorize.svg Bagay sa endividyèl yo ki nan lis nan a Kategori: Travèse nan lavil la metwopoliten nan Genoa
Tinèl la nan pas la Turchino
Non Altitid Koneksyon
Tomarlo Pase 1 485 m Santo Stefano d'Aveto (GE) - Bedonia (PR)
Pase nan Fregarolo 1 203 m Fontanigorda (GE) - Rezzoaglio (GE)
Pase a Pescino 1 195 m Rezzoaglio (GE) - an kwiv (PC)
Pase nan San Fermo 1 129 m Vobbia (GE) - Cabella pyè opal (AL)
Paso del Faiallo 1 044 m Tiglieto (GE) - Urbe (SV)
Pase nan Portello la 1 040 m Torriglia (GE) - Neirone (GE)
Pase nan Scoglina la 926 m Favale di Malvaro (GE) - Montebruno (GE) - Rezzoaglio (GE)
Passo della Forcella 875 m Borzonasca (GE) - Rezzoaglio (GE)
Paso della Pozza del lupo 722 m San Colombano Certenoli (GE) - Mezzanego (GE)
Pase nan Scoffera la 675 m Davagna (GE) - Torriglia (GE)
Passo della Crocetta 599 m Rapallo (GE) - Coreglia pyè opal (GE)
Passo del Turchino 588 m Mele (GE) - Masone (GE)
Paso della Bocchetta 772 m Campomorone (GE) - Voltage (AL)
Paso Dei Giovi 472 m Busalla (GE) - Mignanego (GE)
Paso del Bocco 956 m Mezzanego (GE) - Varese pyè opal (SP) - Tornolo (PR)
Paso del Biscia 892 m Ne (GE) - Varese pyè opal (SP)
Bracco Pase 610 m Castiglione Chiavarese (GE) - Deiva Marina (SP)
Castagnola Pase 578 m Ronco Scrivia (GE) - Voltaggio (AL)
Colle di Velva 545 m Casarza pyè opal (GE) - Varese pyè opal (SP)
Crocetta d'Orero 468 m Serra Ricco (GE) - Casella (GE)

Idrografi

Rivyè
Bisagno kouran an nan Genoa
Gwo larivyè Lefrat la Entella ant lavil yo kotyè nan Chiavari ak Lavagna

Se teritwa a nan lavil la metwopoliten karakterize pa toransyèl ravin epi byen souvan yo, espesyalman nan sezon lete an, se nan yon eta sèk. Kontrèman ak nan sezon an otòn oswa sezon fredi, yon tonbe pi gwo nan lapli ka bay monte inondasyon toudenkou nan sous dlo ak rivyè, sa ki lakòz, nan kèk ka, debòde nan nan kannal la tèt li ak Se poutèt sa inondasyon an nan sant ki tou pre nan vil yo. Jisteman pou fè pou evite evènman sa yo, fon yo te resevwa lajan pi plis ak plis souvan pa ansyen komite pwovens ak rejyon an pou netwaye kay la nan sous dlo yo, tou planifye yon revizyon konsekan nan mezi yo pwoteksyon ( Dredging , bese nan kabann lan nan kannal la ak ogmante a twou yo), espesyalman tou pre zòn rezidansyèl yo.

Nan Genoa gen de sous dlo prensipal ki koule nan zòn nan minisipal: Polcevera nan ak Bisagno nan . Premye a rive nan sendika a nan de toran yo Verde ak Ricco nan distri a jenwaz a Pontedecimo ak, apre yo fin yon vwayaj nan sou 11 km, ap koule nan lanmè a ant nwayo a nan Cornigliano ak Sampierdarena apre li fin tou janbe lòt distrik yo nan Bolzaneto ak Rivarolo . Bisagno a, ki gen yon longè sou 30 km, kwaze tout fon an an menm non yo ak sant sa yo nan Bargagli , Davagna ak Genoa kote li sikile nan Foce distri a .

Epitou nan zòn nan jenwaz yo Arrestra larivyè yo , ki koule nan Cogoleto regilye nèf semenn klas fwontyè a ant lavil la metwopoliten nan Genoa ak pwovens lan nan Savona ; Stura nan nan fon an omonimi ant Rossiglione , Campo pyè opal ak Masone ; Scrivia nan (yon afliyan nan Po a ) ki nan Casella satisfè Brevenna nan pandan y ap tou pre Montoggio resevwa dlo a en nan baraj la nan lak la Val di noci ; Trebbia nan ki te fèt nan zòn nan jenwaz tou pre Monte Prelà travèse zòn nan Piacenza ak Lè sa a tou sikile nan Po a sou bò solèy kouche a nan Piacenza .

Nan zòn nan nan Tigullio , Val Fontanabuona ak Val d'Aveto , kouran an Lavagna se prensipal kouran an ki devlope nan aryèr an Chiavari. Nan Carasco li satisfè lòt sous dlo ( Sturla di Carasco nan , pèn nan ak Graveglia nan ) konsa fòme gwo larivyè Lefrat la Entella ap koule tankou dlo nan lanmè a ant de tout ti bouk yo nan Chiavari ak Lavagna . Sturla la ak pèn nan tout orijine soti nan Lake Giacopiane , nan minisipalite a nan Borzonasca , ak Lè sa koule nan Lavagna a; Graveglia a fèt tou pre mòn Zatta , nan Val Graveglia , ak Lè sa sikile nan Lavagna la. Aveto la te fèt tou pre mòn lan Kokas , Lè sa a, koule nan Trebbia gwo larivyè Lefrat la .

Lòt sous dlo nan zòn nan metwopoliten yo Boate nan - istorikman ke yo rele tou Bogo - ki soti nan sendika a soti nan confluence de anpil lòt sous dlo nan Rapallo nan aryèr, ak ap koule tankou dlo ansanm vil la nan Rapallo ak Lè sa a ap koule tankou dlo nan lanmè a, nan zòn nan plaj , tou pre pò a piblik ak touris "Carlo Riva". Recco nan tou pre fon an omonimi nan paradizo a golfo ; Rupinaro la nan Chiavari; Petronio nan ak Gromolo nan nan zòn nan ant Castiglione Chiavarese , Casarza pyè opal ak zestri lvant , epi, nan lwès la, Lerone nan ki separe Cogoleto soti nan Arenzano .

Lakes
Lak la nan Giacopiane nan teritwa a nan Borzonasca

Nan lavil la metwopoliten gen sis lak, tout atifisyèl , ki te kreye nan ventyèm syèk la satisfè bezwen yo dlo divès kalite nan zòn yo gaye géographique yo, espesyalman pou sant sa yo iben nan kòt la, epi sitou pou kapital la Ligurian.

Pi gwo a se Lake Brugneto , bati nan 1960 yo konstriksyon an nan baraj la sou kouran an an menm non yo, yon afliyan nan Trebbia nan .

Ant fon an Stura ak fon an Orba , sou fwontyè a ak pwovens lan nan Alexandria , bay manti lak la nan Ortiglieto ant minisipalite yo nan Molare ak Rossiglione . Atifisyèl baraj nan kouran an Orba , yo te basen an bati ant 1923 ak 1926. Toujou sou fwontyè ki genyen ant ligurya ak Piedmont , an Val Polcevera , lak yo atifisyèl nan Gorzente konpoze de twa rezèvwa lokalize ant minisipalite yo jenwaz a Campomorone ak Ceranesi ak Alexandria nan minisipalite nan Bosio .

Nan anwo Scrivia fon an gen lak la Busalletta , bati ant 1970 ak 1977 ant minisipalite yo nan Fraconalto (AL) ak Busalla ; ansanm ak lak yo Gorzente li konstitye yon resous dlo enpòtan pou Genoa. Epitou nan anwo Scrivia fon an, nan minisipalite a nan Montoggio , baraj la atifisyèl te bati nan ven yo nan ventyèm syèk la sou Rio delle noci la - yon afliyan nan Scrivia nan , kozé lak la an menm non yo .

Nan zòn nan lès jenwaz, nan fon an Sturla , se lak la nan Giacopiane nan minisipalite a nan Borzonasca ; anba a sa a lak gen se yon yon sèl ki pi piti, ki rele pyan Sapeio lak. De basen yo konstitye sous dlo a prensipal pou zòn nan jeografik ki Tigullio , ak nan fon yo adjasan nan Chiavari nan aryèr, epi pafwa tou pou Genoa; se lak la enkli nan teritwa a nan Aveto rejyonal pak la natirèl .

Lanmè
Golfo paradizo , se yon detire nan kòt ant Genoa ak Tigullio nan .

minisipalite yo nan vil la metwopoliten ki dirèkteman neglije lanmè a gen 16 soti nan 67 minisipalite total. Se sèlman de nan sa yo, Arenzano ak Cogoleto , yo jewografik ki sitye nan Riviera di ponents a (sou fwontyè a ak pwovens lan nan Savona ) pandan y ap trèz ki rete yo enkli nan di nan Riviera lvant ( Moneglia se dènye jenwaz vil la bò lanmè anvan fwontyè a administratif ak pwovens lan nan la spizya ). Genoa rete nich ant de peyi yo, divize rejyon ki toupre Ligurian.

Si peyi lwès yo se majorite ki ba ak Sandy, sa yo ki nan Ligurian la lès yo se sitou segondè, epi file. Pandan ane yo, stasyon yo sou kòt la te kapab devlope gras touris yo nan relasyon yo ak lanmè a, pran swen l 'ak plaj li yo. Nan 2005 [6] te gen yon don ki soti nan Depatman an Touris nan pwovens lan pèmèt acha a nan ti bato pou netwaye pandan sezon ete a (fatra ak pousyè tè) nan dlo ki nan Tigullio nan .

Nan otòn ak ivè, tanpèt fò ki monte souvan disparètr rejyon ki toupre, men yo fasilman rkonstitue nan sezon prentan an pa minisipalite yo endividyèl elèv yo.

Klima

Flèch-katab-categorize.svg Bagay sa endividyèl yo ki nan lis nan a Kategori: estasyon Meteyorolojik nan lavil la metwopoliten nan Genoa
Yon Lanèj ki Tonbe an sou Genoa , nan 2005 , tou pre Foce distri a .

Klima a ki te se tipik nan zòn nan Mediterane , ak enfliyans oseyanik, tankou nan rès la nan rejyon an ak tanperati twò grav li yo se yon atraksyon touris fò. Pandan sezon fredi sezon an tanperati yo nan sant sa yo sou kòt la diman lage pi ba pase zewo rezoud nan seri a ant 7 degre ° -8 ° ak 10 ° nan zòn yo ki pi plis pwoteje soti nan kouran yo ki gen orijin zòn nò yo.

Nèj raman tonbe sou kòt la. Sa rive pi souvan sèlman nan kèk zòn kotyè nan Genoa, yon vil plis ekspoze a van soti nan nò a ak espesyalman nan zòn plis entèn ak aksidante li yo. Sezon ivè se, nan lòt men an, anpil pi frèt sou Apennines nan Ligurian , espesyalman sou bò Po, kote li souvan nèj lou.

Pandan sezon lete an tanperati an mwayèn bò lanmè yo bò kote 23 ° -24 ° degre ak sèlman nan pifò ka yo ekstrèm yo ka depase 35 °; sepandan prezans nan yon fò imidite fè kò moun pèrsevwar degre yo plizyè plis pase sa yo reyèl.

Orografi nan nan teritwa a metwopoliten pèmèt sa yo ki an Genoa yo dwe san dout yonn nan lavil yo Italyen metwopoliten ak varyete nan pi gran nan kalite klima soti nan yon zòn a yon lòt, menm pafwa yon kilomèt kèk apa.

Espesyalman, li se pi wo a tout kòt la ki prezante pi gran differentiations yo klima. An reyalite, nan sezon fredi Voltri ak Sampierdarena yo zòn ki gen klima yo estatistik plis rijid yo paske yo te pozisyone nan bouch la nan fon yo ki rantre nan bò a maritim ak fon an Po, pandan y ap rès la nan kòt la gen tanperati twò grav ak tèt nan chalè yo te jwenn nan lòt distri yo jenwaz a Pegli , cuentos al Mare ak Nervi ak yon pati bon nan tout golfo paradizo a , ant Portofino ak Rapallo epi tou pre lavil ki fèmen nan chenn mòn yo, tankou Cogoleto , Zoagli ak Moneglia .

Istwa

Soti nan fwa pre-istorik Anpi Women an

Zafè Anpil date soti nan Neyolitik peryòd la Laj la Iron yo te jwenn nan anpil kote bò lanmè ak mòn nan lavil la metwopoliten. Youn nan jwenn ki pi eksepsyonèl se nèkropoli yo yo te jwenn nan Chiavari , nan zòn nan Tigullio , ki mennen istoryen yo asime R & egravegleman yo imen premye deja nan epòk la pre-istorik . Popilasyon an dominan te pi wo a tout sa yo ki an Ligurians yo , ki moun ki gaye nan tout rejyon an, ak lajman nan nò-lwès peyi Itali , divize an lòt ti branch fanmi lokal tankou Tiguli a (ki pral ba non an nan zòn nan jeografik ki Tigullio a) . Lòt jwenn pre-istorik te fèk te dekouvri, se poutèt sa toujou sibi syans plis detay, nan Val d'Aveto ak nan Valle Stura .

Anviwon BC la dezyèm syèk Women yo te kòmanse konkèt la nan ligurya , metrize Ligurians yo ak tout ti bouk yo. Konkèt ki pwouve trè difisil, akòz rezistans a difisil nan popilasyon yo, epi tou nan divizyon politik la nan Ligurians yo tèt yo nan alyans avèk Carthage oswa lavil Wòm (sipòte pa reyalite yo istorik nan Lagè a Premye Punic ). Sepandan, lame Women an jere, ak efò konsiderab, konkeri rejyon an jenwaz ak anpil fon li yo, kreye sa ki ta pita yo vin rjyo la IX nan Anpi Women an .

Mwayennaj yo ak Repiblik la nan Genoa

18tyèm syèk kat jeyografik ki dekri Gòlf la nan Genoa

Byzantines yo apre Lagè Gotik okipe pati a tout antye ki ale soti nan lanmè a Apennines yo Ligurian , kreye pwovens lan Bizanten nan ligurya, pita pran pa Lombard wa Rotari nan nan 641 ki etabli duche la Ligurian, ak Genoa kòm kapital li yo. Pò a nan Genoa te vin tounen yon pò gratis . Fondasyon an nan pwisan Abbey la nan San Colombano nan Bobbio te nan gwo enpòtans , ki kòmanse nan vas fyèf a monachism te bay UN nan agrikilti ak rekiperasyon an nan zòn iletre oswa abandone, Kominte ak amelyorasyon agronomi ak rekiperasyon an ak difizyon nan jaden rezen, jaden Chestnut , oliv Achera, moulen ak moulen lwil oliv. Legliz yo ak divès kalite fondasyon monachism leve nan zòn nan soti nan Abbey la nan Bobbio, ki gen ladan Abbey la nan Santo Stefano nan Genoa. Relijyeu yo tou te bay yon remakab manje kontribisyon gras a elvaj la ak konsèvasyon nan manje , pwoteyin ak grès, tankou lwil oliv , , fwomaj , salami , gras a sèl ak epis santi bon ; yo menm tou yo te travay re-louvri komès la ak wout yo sèl . Nan peryòd sa a, flan kiltivasyon devlope nan tout teritwa a Ligurian ak wout komès nouvo yo te louvri nan direksyon pou fon an Po a tan kap vini an ak komès epi li ak kominikasyon divès kalite wout: lwil oliv, sèl , bwa, vyann, elatriye Anba Franks yo , lavil la metwopoliten nan Genoa ki te fè pati obertenga mak la , ki pita te vin yon pati nan mak la maritim ki te gen travay la pou kontwole kont Saracens yo anwo lanmè a tirenyèn .

Ak etablisman an nan Repiblik la nan Genoa (XIII syèk) teritwa a tout antye sibi li te divize an capitaneati ak kache podesterie lokal yo. An menm tan an nou temwen, nan kèk zòn nan teritwa a jenwaz, kreyasyon an seyeri (sibi oswa, nan lòt ka, menm semi-endepandan soti nan Genoa) administre pa fanmi yo divès kalite nòb nan tan an; nan mitan sa yo Fieschi nan , Spinola nan , Doria nan ak Malaspina nan mitan pi bon an li te ye. divizyon Administratif ak jiridiksyon nan teritwa a ki nan plizyè okazyon tou te mennen nan eklatman ant kominote (pafwa menm vwazen yo menm) an favè oswa kont dominasyon an nan supèrba la. Nan zòn santral la nan zòn nan jenwaz metwopoliten, prèske dèyè Genoa, gen kèk lokalite ansanm kerèl yo Imperial .

Soti nan eta a ki jenwaz nan peyi Itali

Pwovens lan nan Genoa nan Peyi Wa ki nan Sardinia (1859).

Istwa a nan teritwa a jenwaz rete prèske mare nan reyalite yo istorik ki afekte eta a jenwaz jouk dominasyon an franse nan Napoleon Bonaparte nan fen syèk la dizwityèm. Apre pasaj la rapid nan teritwa a nan ansyen Repiblik la nan Genoa nan Repiblik la Ligurian (1797-1805), ak aneksyon nan konsekan nan lèt la nan Anpi a Premye franse , yo te zòn sa a Levantine nan ligurya administrativman divize an de depatman prensipal ( depatman nan Genoa ak depatman nan Apennines yo ) ak kache jiridiksyon, distri ak Cankton dapre modèl la eta Napoleon: Genoa ak Chiavari te Se poutèt sa "kapital yo" nan pwovens lan nan faz istorik sa a. Yon divizyon nan teritwa a ki te refize nan kou a nan 1815 ak pasaj la nan zòn nan Ligurian nan Peyi Wa ki nan Sardinia . Nouvo Eta a savwayar divize teritwa a nan de pwovens distenk (Genoa ak Chiavari ) anba jiridiksyon an nan divizyon nan VII-la nan Genoa.

Pwovens Genoa te etabli pa lalwa Rattazzi nan 1859 ; li te vin operasyonèl soti nan mas 1 1860 ak randevou a kòm prezidan pwovens nan avoka-a Antonio Caveri [7] .

Nesans la nan lavil la metwopoliten

Sou 28 mwa septanm 2014, kòm yo ki etabli pa lalwa Moyiz la institutive nan enstitisyon an, te gen eleksyon nan premye pa restriksyon sifraj a Konsèy la Metwopoliten : votè yo 815, ki konpoze de majistra ak Councilors minisipal nan 67 minisipalite yo enkli nan lavil la metwopoliten nan Genoa, te ale nan bwat bilten vòt pou eleksyon an nan 18 manm yo nan kò sa a. Majistra-a nan Genoa nan tan an Marco Doria tou te vin tounen yon majistra metwopoliten pa dwat.

Sou Desanm 19, 2014, konferans lan Metwopoliten nan Majistra apwouve final lwa sa a . [8]

Sou 1 janvye 2015 lavil la metwopoliten nan Genoa te pran plas la nan fonn pwovens lan an menm non yo .

Senbòl

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: armoryal nan minisipalite yo nan vil la metwopoliten nan Genoa .
Pwovens nan Genoa-Stemma.svg
Vil metwopoliten Genoa-Gonfalone.png

Annatandan kreyasyon an ak rezolisyon nan yon rad nèf nan bra oswa logo ki reprezante antite ki, Vil la Metwopoliten nan Genoa nan dokiman ofisyèl toujou sèvi ak rad la nan bra deja nan itilize pou pwovens lan nan Genoa . Menm jan an tou, kò a metwopoliten sèvi ak menm banyè la itilize pou pwovens lan ansyen jenwaz nan seremoni piblik ak evènman ki wè prezans nan banyè la, ki te ranplase pa Libellés nan "Provincia di Genova" ak "lavil Metwopoliten nan Genoa". Si pandan y ap pa ofisyèlman mansyone nan estati a metwopoliten (kòm byen ke pi bonè nan lòd yo pwovens) gen defakto kòm yon senbòl nan enstitisyon an reprezante byen ke militan banyè la , nan St George , ki deja itilize pou syèk pa Repiblik la nan Genoa , ak (ofisyèlman, kòm yon lwa minisipal) pa minisipalite a nan Genoa .

Descrizione araldica dello stemma:

«La Provincia di Genova ha diritto d'innalzare lo stemma, che è di argento, alla croce di rosso cimato alla corona propria delle Province e sostenuto da due grifoni al naturale affrontati, appoggiati su due volute d'oro, divergenti in fascia dalla punte dello scudo, con una lista d'azzurro svolazzante in fascia sotto la punta stessa, e la scritte dal motto "Libertas" in lettere maiuscole romane in nero.»

( Descrizione araldica dello stemma )

Lo stemma ufficiale, che (a parte la corona) era uguale a quello del capoluogo, venne approvato con l'apposito regio decreto di Vittorio Emanuele II di Savoia datato al 3 marzo del 1872.

Descrizione del gonfalone:

«Drappo rettangolare di stoffa color rosso, terminante nella parte inferiore a tre bandoni a forma di vajo irregolare, il centrale più lungo riccamente ornato con ricami d'oro e caricato con un rettangolo di stoffa bianca, con al centro lo stemma della Provincia»

( Descrizione araldica del gonfalone )

Il gonfalone ufficiale venne approvato con l'apposito regio decreto di Vittorio Emanuele III di Savoia datato al 31 gennaio del 1929.

Onorificenze

Cinque sono i comuni della città metropolitana decorati dalla Presidenza della Repubblica per le sofferenze e sacrifici subiti nella seconda guerra mondiale : Genova ( medaglia d'oro al valor militare nel 1947), Recco (medaglia d'oro al merito civile nel 1992), Ronco Scrivia (medaglia di bronzo al merito civile nel 1995), Zoagli (medaglia di bronzo al merito civile nel 2005) e Lavagna (medaglia d'argento al merito civile nel 2012).

Monumenti e luoghi d'interesse

Architetture religiose

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Chiese della città metropolitana di Genova e Categoria:Oratori della città metropolitana di Genova

Architetture militari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Castelli della città metropolitana di Genova .

Lungo il territorio metropolitano, da Cogoleto a Moneglia passando per le valli genovesi, numerose sono le postazioni difensive e residenziali erette principalmente dalla Repubblica di Genova e dalle famiglie nobiliari locali. Nei secoli successivi furono gli eventi storici a portare per alcuni castelli assedi, ampliamenti, ricostruzioni, conversioni ad usi statali o residenze private, se non addirittura la demolizione totale.

Tra i più visitati e conosciuti vi sono i forti di Genova e il castello della Pietra di Vobbia nelparco naturale regionale dell'Antola .

Società

Stranieri

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2015 [9] i cittadini stranieri residenti nel territorio metropolitano erano 70.752, pari all'8,28% dell'allora popolazione provinciale.

Escludendo Genova (54.152), il comune con il più alto numero di stranieri residenti è Rapallo (3.089), mentre Rovegno si conferma l'ente comunale dove la percentuale di residenti stranieri, rispetto alla popolazione italiana, è più alta con il dato del 14,80%. [9] Fascia e Rondanina sono gli unici comuni del territorio provinciale dove non vi sono registrate presenze straniere [9] .

Lingue e dialetti

Come ogni regione d'Italia anche la Liguria e quindi i suoi territori metropolitani e provinciali hanno adottato nei secoli una propria lingua ed espressioni locali.

Nella provincia il dialetto principale è tipicamente quello genovese della lingua ligure , con le sue innumerevoli varianti locali diffuse lungo tutto il tratto costiero che da Savona giunge ai dintorni di Rapallo e nell' alta valle Scrivia ; anche le parlate del Tigullio orientale (zone del chiavarese e del sestrese) e della val Trebbia , pur presentando proprie peculiarità fonetiche e lessicali, appaiono ancora fortemente improntate al modello genovese.

Una rilevante eccezione, rispetto a questo panorama linguistico-dialettologico, è quella che si riscontra nell'estremo nord-ovest della città metropolitana ( valle Stura e versante sud-orientale della val d'Orba ), i cui dialetti si ricollegano a quelli dell'entroterra padano savonese ea quelli dell'Ovadese (dialetti bormidese, sassellese e dialetti orbaschi), ossia a quelle parlate, caratteristiche dell' Oltregiogo occidentale, che pur essendo di tipo prettamente ligure, presentano alcuni aspetti (soprattutto sotto il profilo sintattico-grammaticale) che le avvicinano ai dialetti di tipo piemontese delle Langhe e del Monferrato , mentre dal punto di vista fonetico e lessicale appaiono più prossime ai dialetti della media ed estrema Riviera di Ponente che a quelli del settore centrale e orientale del golfo di Genova.

Si tratta comunque di affinità dovute non a contatti o influenze dirette dell'area intemelia, imperiese ed ingauna, ma ad una serie di tratti "conservativi" che accomunano tutte le parlate della Liguria occidentale e dell'entroterra padano ligure, fino all'altezza del passo del Turchino .

Religione

La religione prevalente è il cattolicesimo ; la città metropolitana è divisa tra l' arcidiocesi di Genova e le diocesi di Acqui , Chiavari , Piacenza-Bobbio , Savona-Noli e Tortona .

Diocesi Comuni Regione ecclesiastica
Genova Arenzano , Avegno , Bargagli , Bogliasco , Busalla , Camogli , Campomorone , Ceranesi , Davagna , Genova , Isola del Cantone [10] , Mele , Mignanego , Montoggio , Pieve Ligure , Recco , Ronco Scrivia [10] , Sant'Olcese , Sori , Uscio , Valbrevenna [10] Liguria
Acqui Campo Ligure , Masone , Rossiglione , Tiglieto Piemonte
Chiavari Borzonasca , Carasco , Castiglione Chiavarese , Casarza Ligure , Cicagna , Cogorno , Coreglia Ligure , Chiavari , Favale di Malvaro , Lavagna , Leivi , Lumarzo , Lorsica , Moconesi , Moneglia , Mezzanego , Ne , Orero , Portofino , Rapallo , San Colombano Certenoli , Santa Margherita Ligure , Sestri Levante , Tribogna Liguria
Piacenza-Bobbio Fontanigorda , Gorreto , Rezzoaglio , Rovegno , Santo Stefano d'Aveto Emilia-Romagna
Savona-Noli Cogoleto Liguria
Tortona Casella , Crocefieschi , Isola del Cantone [10] , Fascia , Montebruno , Propata , Rondanina , Ronco Scrivia [10] , Savignone , Torriglia , Valbrevenna [10] Liguria

Cultura

Istruzione

Musei

Il polo museale di palazzo Rocca a Chiavari

Il territorio metropolitano offre un buon numero di siti museali. Nella zona di ponente il museo contadino di Sciarborasca a Cogoleto , il museo vivo delle tecnologie per l'ambiente (Muvita) ad Arenzano e un museo dedicato all'importante produzione e lavorazione della carta a Mele . Alla filigrana è dedicato uno spazio museale a Campo Ligure , alla lavorazione del ferro a Masone e agli oggetti "di un tempo" in una sala del museo Passatempo di Rossiglione . Nella zona del val Polcevera , nel solo comune di Campomorone , sono presenti tre musei: della Croce Rossa Italiana , delle marionette e di paleontologia e mineralogia .

Al territorio e alla storia dell' alta valle Scrivia sono dedicati l'ecomuseo di Busalla , la sezione etnologica di Valbrevenna , quella archeologica a Savignone (dove è presente anche il museo degli Alpini ) e infine storica a Montoggio ; a Crocefieschi è visitabile il museo paleontologico. Stessa configurazione museale ed espositiva per i comuni dell'alta val Trebbia genovese: il museo del Sacro e della cultura contadina a Montebruno , della flora e della fauna delparco dell'Antola a Rondanina e del partigiano a Propata .

Verso levante il museo dell'orologio ad Uscio e delle campane ad Avegno , il museo marinaro "Gio Bono Ferrari" e archeologico a Camogli , il polo museale a villa Durazzo di Santa Margherita Ligure , il museo del merletto , "Attilio e Cleofe Gaffoglio e contadino a Rapallo e sei musei civici di Chiavari : il museo della Società Economica di Chiavari, il museo archeologico , il museo diocesano di arte sacra , il museo storico del Risorgimento , il museo di fisica e meteo-sismologia, la civica galleria di palazzo Rocca e la quadreria della Società Economica di Chiavari.

Nella zona della val Fontanabuona i musei di Cicagna dedicati alla valle e alla tipica lavorazione dell' ardesia (Ecomuseo, archeologico ed espositivo), il museo dell'emigrante a Favale di Malvaro , a San Colombano Certenoli lo spazio dedicato alla marineria, del giocattolo a Moconesi e dei damaschi a Lorsica . A Castiglione Chiavarese ea Santo Stefano d'Aveto gli ecomusei dedicati alla cultura contadina della val Petronio e della val d'Aveto ; la miniera di Gambatesa a Ne in val Graveglia .

Cucina

Gastronomia

La cucina genovese prende spunto per la maggior parte delle sue ricette dalla cucina ligure , unione culinaria tra i piatti di mare con i prodotti della terra.

Tuttavia piatti apparentemente semplici erano esaltati nei loro sapori dall'uso delle numerose erbe aromatiche come rosmarino , timo , ecc., che crescono spontaneamente su tutto il territorio metropolitano, tipiche della macchia mediterranea .

Tra i prodotti locali di grande pregio c'è sicuramente l' olio di oliva , base e condimento dei principali piatti della gastronomia genovese. Nella tabella successiva sono elencati alcuni piatti tipici che si possono trovare nella città metropolitana.

Antipasti Primi piatti Secondi piatti Prodotti da forno Dolci
Focaccette al formaggio Corzetti Coniglio alla genovese con le olive Farinata Pandolce
Panissa Pansoti conditi con la Salsa di noci Stoccafisso in umido con patate Farinata di zucca Biscotti del Lagaccio
Acciughe sotto sale Ravioli Sgombro con piselli Focaccia genovese Canestrello o canestrelletto
Pasta d'acciughe Minestrone alla genovese Acciughe al forno con patate Focaccia col formaggio Gobeletti o Cobeletti
Trenette al pesto o linguine al pesto Polpo con patate Polpettone di melanzane Pinolata della Val d'Aveto
Trofie o Trofiette al pesto Cappon magro Baciocca
Ciuppìn Torta Pasqualina
Capponadda Torte
(bietole o di riso)
frittura di bianchetti Micotti
Bagnùn d' acciughe
Cima alla genovese
Trippa alla genovese con patate e fagioli
Lattughe ripiene

Tra i prodotti tipici locali vi sono:

Carne e salumi

Formaggi

Frutta

Vini

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Vini DOC della città metropolitana di Genova

La città metropolitana di Genova ha un'antica tradizione vinicola, soprattutto nella zona di Sestri Levante e nel Tigullio .

Le principali produzioni vinicole del territorio metropolitano sono il Bianchetta Genovese , il Moscato bianco , il Vermentino e il Ciliegiolo . Maggiormente diffusi tra il confine della Riviera di Ponente con la Riviera di Levante erano il Pigato e il Rossese .

Economia

Pascolo sul monte Gazzo , con vista sullo stabilimento della Fincantieri e sull' aeroporto di Genova-Sestri .

Agricoltura, allevamento ed industria

Produzioni agricole

L' agricoltura della città metropolitana genovese trova sviluppo soprattutto nelle vallate adiacenti alle grandi città costiere della riviera. Grazie all'abile arte della costruzione dei muri a secco , grazie ai quali si era costituito il tipico terrazzamento ligure , le colline sono state ampiamente sfruttate dai coltivatori genovesi.

L'agricoltura prevede per la maggior parte una produzione ortofrutticola (tradizionale), viticoltura ( Moscato bianco , il Ciliegiolo , la Bianchetta Genovese e Vermentino ), olivicoltura (specie nelle zone di Leivi , Lavagna e Sestri Levante ) e alberi da frutta ( limoni , pesche , albicocche ).

Pesca e allevamento

Imbarcazioni e gozzi sulla spiaggia di Sestri Levante

L'attività della pesca è assai antica e molto radicata nel tempo, soprattutto nei borghi marinari. Se nei secoli passati era di consuetudine intraprendere la "via marinara", la quale contribuiva molto all'economia del borgo, dalla metà del Novecento questa attività è quasi del tutto scomparsa in favore di un'economia di sostentamento più legata al turismo e alla ricezione, specie nei comuni costieri più grandi. Tuttavia, in alcuni centri costieri come Camogli , Santa Margherita Ligure e Sestri Levante la pesca è riuscita a mantenersi inalterata nel tempo: difatti il maggiore traffico del pescato proviene da codeste città.

Tra i maggiori mercati ittici, oltre a quello nel capoluogo ligure, meritano citazione quelli di Camogli e Sestri Levante che con un efficiente sistema di scambi commerciali raggiungono ogni località costiera, ma soprattutto montana.

Le maggiori concentrazioni dell' allevamento del bestiame sono quasi esclusivamente in val d'Aveto , dove è praticato il pascolo di bovini , caprini e ovini . Dall'attività vengono ricavati prodotti caseari o carne, esportati in tutta il territorio metropolitano e oltre confine.

Approvvigionamento idrico

La centrale ENEL presso la Lanterna di Genova

Secondo alcune stime [11] , il fabbisogno idrico dell'allora provincia era reperito dalle seguenti risorse e con la seguente quota:

Risorsa idrica
Tipologia
Totale Regione
mc/anno
Totale Provincia
mc/anno
% su Totale Reg.
%
Sorgenti 44.076.907 2.644.614 6,00
Falda drenante 900.000 0 0,00
Bacini 63.943.799 29.030.485 45,4
Fiumi 41.664.743 9.082.914 21,8
Pozzi 86.238.911 64.592.944 74,90
Risorse extraregionali 7.342.427
Totale 244.166.787 105.350.957 43,1

Si noti come la maggior parte degli approvvigionamenti provenga da pozzi e bacini, ad indicare la particolare ricchezza di falde sotterranee (non drenanti) di cui è dotato il territorio.

La qualità e la potabilità dell'acqua di tale provenienza è costantemente monitorata ( ASL , ARPAL ).

I cantieri navali della Fincantieri a Riva Trigoso

Industria

Le attività industriali sono per lo più concentrate a Genova , dove trovavano spazio grandi industrie come Ansaldo , Leonardo-Finmeccanica e cantieri navali come la Fincantieri . Nel resto della città metropolitana sono diffusi, specie nel Tigullio , industrie nel settore navale ( Lavagna , Sestri Levante e Riva Trigoso ), anche se una forte crisi commerciale degli ultimi anni antecedenti la soppressione (legata soprattutto alla notevole concorrenza europea) ha creato disagi e mobilitazioni nelle maggiori industrie del settore. Sul territorio città metropolitano insistono inoltre piccole e medie attività industriali ed artigianali.

Nei comuni montani, maggiormente in val Fontanabuona , è ancora fiorente e redditizia l'estrazione e la lavorazione dell' ardesia , chiamata "la pietra nera", esportando prodotti (tra i più richiesti i biliardi ) in tutta Italia ed in Europa conquistando quasi interamente il settore ardesiaco. Altre attività presenti nelle vallate genovesi sono dedite alle lavorazioni della plastica , del legno e della carta .

Energia

Il territorio genovese è dotato di un impianto di produzione di energia elettrica: la centrale elettrica dell' ENEL , adiacente alla Lanterna di Genova .

Turismo

Panorama di Genova con il suo porto

Il nucleo metropolitano, esclusa la città capoluogo, basa principalmente la sua economia sul turismo nazionale e straniero. La città metropolitana, con Genova in primis, offre al turista migliaia di opportunità e scelte con canali diversi. Durante la stagione estiva i comuni rivieraschi si alternano con spettacoli musicali, culturali e cabaret , registrando ogni anno ampi consensi dai turisti vacanzieri. Anche i comuni dell'entroterra o montani stanno riscoprendo il turismo, grazie alle molteplici feste, fiere e sagre organizzate proprio durante la bella stagione, uscendo da una sorta di isolamento territoriale.

Anche la cultura è fonte di turismo: mostre, rassegne teatrali e convegni contribuiscono a valorizzare il territorio e le culture locali. Le seconde case sono, specie per le città sulla costa, un motivo diffuso di permanenza di turisti, soprattutto italiani.

Il capoluogo

Genova , capoluogo regionale e metropolitano, sesta città italiana per popolazione, ha un'economia (la quarta in Italia) che, dopo decenni di forte industrializzazione, sta covertendosi al settore terziario ea quello avanzato . Ha un grande porto , uno dei maggiori in Italia ed in Europa , con notevoli traffici, commerciali e turistici. Negli ultimi anni sta qualificandosi come città d'arte, con una crescita importante nel settore del turismo. Offre molte attrazioni, tra cui il famoso acquario di Genova , dove ogni anno si registrano migliaia di presenze italiane e straniere. Il centro storico , uno dei più estesi d'Europa, attira molti turisti incuriositi da questa parte della città formata da stretti vicoli e carrugi . Eventi e manifestazioni si svolgono tutto l'anno, basti ricordare i suoi musei e le gallerie d'arte, qualificando Genova una delle città più importanti del Nord d'Italia.

Le vallate

La baia di Portofino

La città metropolitana, oltre ai suoi comuni costieri del Golfo Paradiso e Tigullio , offre ampie opportunità turistiche anche nelle sue vallate collinari e montane. In val d'Aveto , nel periodo invernale , impianti sciistici nel comune di Santo Stefano d'Aveto sono meta di turisti vacanzieri provenienti dal comprensorio genovese, piacentino e parmense . Le altre valli provinciali, come ad esempio la val Fontanabuona , sono maggiormente dedite all'economia industriale. In zona sono presenti numerose cave di ardesia , che offrono nel lavoro di estrazione sostentamento alle famiglie della vallata. Nonostante la forte concorrenza, maggiormente dalla Cina , l' ardesia estratta dalle cave fontanine viene progressivamente esportata nell'intero territorio nazionale ed europeo.

Il mare

I comuni della città metropolitana che si affacciano sulla costa della Riviera di Levante o in quella di Ponente (nel caso di Cogoleto ed Arenzano ) sono sedici. Ovviamente tutti i comuni puntano la propria attività economica sul turismo vacanziero, specie nel periodo estivo, grazie alla presenza dei numerosi stabilimenti balneari. Tra le località maggiormente frequentate risultano Cogoleto ed Arenzano nella Riviera di Ponente; Recco e Camogli nel Golfo Paradiso ; Portofino , Santa Margherita Ligure (e la baia di Paraggi ), Rapallo (maggiormente nella frazione marinara di San Michele di Pagana ) e Zoagli nel Tigullio Occidentale ; Chiavari , Lavagna (soprattutto la località marina Cavi di Lavagna ) e Sestri Levante , Moneglia nel Tigullio Orientale .

Da molti anni è possibile sfruttare servizi di traghetto e motonave che trasportano i turisti dalla dal capoluogo genovese alle località della riviera ligure del Golfo Paradiso , del Tigullio e, verso levante, fino alle Cinque Terre nello spezzino.

Infrastrutture e trasporti

Viadotto autostradale sulla autostrada A12 nei pressi di Nervi

Strade

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema viario di Genova .

Autostrade

La città metropolitana è attraversata da quattro autostrade delle sei arterie presenti nel territorio regionale. Da ovest verso est l' autostrada A10 - detta anche "dei Fiori" - permette il collegamento diretto di Genova , Savona con Ventimiglia , quest'ultima "città di confine" tra Italia e Francia .

L' autostrada A26 - detta "dei Trafori" - collega il capoluogo ligure con la provincia di Alessandria , dopo il raccordo con l' autostrada A21 nello svincolo di Ovada . Importante tratto autostradale è l' autostrada A7 - "la Serravalle" o detta anche "la Camionale" - collegante le due regioni Lombardia e Liguria passando per un tratto in territorio piemontese .

Verso est e quindi verso i confini amministrativi con la provincia spezzina l' autostrada A12 scorre nel tratto della riviera di Levante , collegando la città di Genova con Livorno ( Rosignano Marittimo ), attraversando le località turistiche della fascia costiera.

Statali e provinciali - metropolitane

Le strade metropolitane (che, nonostante la soppressione della Provincia di Genova dal 1º gennaio 2015, ancora mantengono la denominazione di "strade provinciali") permettono principalmente il collegamento dell'entroterra con i comuni costieri. Lo sviluppo complessivo della rete viaria metropolitana ammonta a 1125,265 km [12] . Le città di Genova , Busalla e Chiavari sono le principali "porte di accesso" dei piccoli comuni valligiani e dell'entroterra dell' Appennino ligure .

Nell'agosto del 2018 alcuni tratti viari di competenza della Città metropolitana di Genova sono passati alla gestione diretta dell' ANAS .

Strade statali

Strade provinciali - metropolitane

Ferrovie

La stazione ferroviaria di Genova Brignole , assieme a Genova Piazza Principe una delle "porte ferroviarie" del capoluogo

Il territorio metropolitano genovese è attraversato da quattro principali linee ferroviarie: la tratta Asti-Genova , la Torino-Genova , la Genova-Ventimiglia e la Genova-Pisa .

Le principali stazioni capolinea delle tratte sono Genova Voltri , Genova Piazza Principe , Genova Brignole , Genova Nervi , Recco e Sestri Levante .

Nel territorio del comune di Genova sono presenti 22 stazioni ferroviarie. Ciò favorisce molto lo spostamento in treno della popolazione, attuato grazie al suoservizio ferroviario urbano .

Inoltre esiste una linea ferroviaria locale, la Genova-Casella , a scartamento ridotto, collegante tramite un caratteristico trenino la città di Genova con il comune di Casella in alta valle Scrivia .

A Genova è presente una linea di metropolitana leggera , lunga 7 km e dotata di 8 stazioni, che collega il quartiere Rivarolo, sito in Vapolcevera, col centro della città, passando per il terminal traghetti, il Porto Antico, il centro storico e le due stazioni ferroviarie principali (Genova Brignole e Genova Piazza Principe).

Sono inoltre presenti due funicolari ( Zecca-Righi e Sant'Anna ) e una ferrovia a cremagliera ( Principe-Granarolo , erroneamente detta "tranvia" a causa del suo passaggio radente ai palazzi).

Porti e aeroporti

Il porto turistico di Lavagna , il più grande della città metropolitana per numero di posti barca.

Lo scalo marittimo commerciale più importante della città metropolitana è il porto di Genova che, con i suoi moderni terminal (come il VTE-Voltri Terminal Europa, porto commerciale adibito alla movimentazione dei container ), è uno dei più importanti del bacino del Mediterraneo .

Altri porti turistici di rilievo nazionale sono quelli di Arenzano , Camogli , Portofino , Santa Margherita Ligure , Rapallo , Chiavari e Sestri Levante .

Il principale scalo provinciale è il "Cristoforo Colombo" di Sestri Ponente , primo aeroporto della Liguria .

Ecologia

I comuni di Arenzano , Bogliasco , Chiavari , Cogoleto , Coreglia Ligure , Favale di Malvaro , Lavagna , Moneglia , Neirone , Pieve Ligure , Recco , Rezzoaglio , Rossiglione , Santo Stefano d'Aveto , Santa Margherita Ligure , Tiglieto e Zoagli hanno ottenuto la certificazione ambientale ISO-14001 , rilasciata dal Rina ( Registro navale italiano ) per gli accertamenti riguardanti la pianificazione, gestione e controllo del territorio comunale. Il riconoscimento era stato ottenuto anche dalla ex Comunità montana Valli Stura e Orba (soppressa nel 2010) e dal Parco naturale regionale del Beigua .

Ogni anno a diversi comuni della città metropolitana vengono assegnate le Bandiere Blu per la qualità delle spiagge e per i servizi degli approdi turistici . Santo Stefano d'Aveto è l'unica località del territorio metropolitano che può invece vantare la Bandiera arancione del Touring Club Italiano , assegnatagli nel 2007.

Amministrazione

La sala del Consiglio metropolitano presso il palazzo Doria-Spinola , a Genova.

L'amministrazione della città metropolitana ha sede a Genova , nello storico palazzo Doria-Spinola sito in piazzale Giuseppe Mazzini 2, e sede altresì della prefettura (e già del soppresso ente provinciale).

Ritratto Nome Mandato Partito Carica
Inizio Fine
1 Marco Doria.jpg Marco Doria
(1957- )
1º gennaio 2015 27 giugno 2017 Indipendente di sinistra [13] Sindaco metropolitano
2 Bucci.png Marco Bucci
(1959- )
27 giugno 2017 in carica Indipendente di centro-destra Sindaco metropolitano

Consiglio metropolitano

Dal 26 giugno 2017 è Marco Bucci , primo cittadino di Genova e appartenente al centro-destra , il sindaco metropolitano ea capo del Consiglio metropolitano formato da 18 consiglieri (in attesa di nomina) tra i rappresentanti politici del territorio genovese (sindaci e consiglieri comunali).

Comuni metropolitani

I comuni della città metropolitana genovese. In rosso, il comune di Genova .
Panoramica della città di Genova

La città metropolitana si suddivide convenzionalmente in 15 aree geografiche, distinguibili soprattutto dal punto di vista morfologico:

La parte costiera del territorio metropolitano è costituito da quattro zone geografiche, dalla Riviera del Beigua (tre comuni), dal Comune di Genova (costituita dai precedenti comuni genovesi soppressi nel 1929 e diventati successivamente delegazioni-municipi della città di Genova), dal Golfo Paradiso (sette comuni) e dal Tigullio (otto comuni).

La parte continentale della città metropolitana è costituita dall' alta val Bisagno (due comuni), dalla val Fontanabuona (tredici comuni), dalla val d'Aveto (due comuni), dalla val Graveglia (l'intero territorio comunale di Ne ), dalla valle Sturla (due comuni), dalla val Petronio (due comuni), dall' alta val Polcevera (cinque comuni), dall' alta valle Scrivia (nove comuni), dalla valle Stura (tre comuni), dalla val d'Orba (il solo comune di Tiglieto ) e dall' alta val Trebbia (otto comuni).

Comuni onorari

Oltre ai 67 comuni ufficiali, l'allora Provincia di Genova riconosceva "simbolicamente" alcuni comuni onorari [14] in virtù dei legami storici, economici e culturali con il capoluogo ligure . In ordine di riconoscimento:

Comune Provincia Comune onorario dal:
Carloforte Sud Sardegna 10 novembre 2004
Voltaggio Alessandria 12 luglio 2005
Calasetta Sud Sardegna 27 maggio 2006
Sant'Agata Feltria Rimini 4 settembre 2007 [15]
Capraia Isola Livorno 16 novembre 2011 [16]

Comuni più popolosi

Di seguito si riporta la lista dei dieci comuni della città metropolitana ordinati per numero di abitanti al 31 dicembre 2017:

Pos. Comune di Popolazione
(ab)
Genova 580 097
Rapallo 29 728
Chiavari 27 410
Sestri Levante 18 339
Lavagna 12 617
Arenzano 11 478
Recco 9 683
Santa Margherita Ligure 9 124
Cogoleto 9 123
10º Serra Riccò 7 826

Rondanina con i suoi 60 abitanti è il comune con il più basso dato di popolazione nella provincia e nella regione.

Unioni di comuni

La prima unione di comuni nel territorio dell'allora provincia di Genova fu l' Unione dei comuni delle Valli Stura, Orba e Leira , nata nell'aprile 2011 sulle ceneri dell'ex Comunità montana Valli Stura, Orba e Leira. Queste le altre unioni di comuni della città metropolitana di Genova:

Sport

Lo sport nel territorio della città metropolitana si è diffuso sin dalla seconda metà del XIX secolo con la fondazione di diverse società di ginnastica come la Cristoforo Colombo , una delle più antiche a livello nazionale. Numerosi ginnasti dell'area hanno ottenuto la medaglia d'oro nel concorso a squadre ai Giochi olimpici tra il 1912 e il 1932 . Luigi Cambiaso e Mario Lertora vi riuscirono in due diverse edizioni.

Genova è sede di importanti manifestazioni sportive internazionali, come il torneo di tennis Genoa Open Challenger facente parte della serie internazionale ATP Challenger Tour . ed è stata selezionata per la tappa finale della Ocean Race 2023 [17] di vela . In passato ha ospitato i Campionati europei di karate nel 1988 e quelli di atletica leggera indoor nel 1992 , oltre alle Finali di World League di pallavolo nel 1992 .

La città metropolitana vanta inoltre una forte tradizione in due degli sport di squadra più popolari in Italia: il calcio e la pallanuoto . Le compagini locali hanno infatti ottenuto diverse affermazioni nei tornei nazionali ed europei.

Calcio

Le due principali squadre calcistiche del territorio sono il Genoa e la Sampdoria , partecipanti entrambe alla Serie A e protagoniste dello storico Derby di Genova . Il Genoa è detentore di nove Scudetti ed una Coppa Italia , mentre la Sampdoria vanta uno Scudetto, quattro Coppe Italia, una Supercoppa Italiana ed una Coppa delle Coppe .

In Serie B milita la Virtus Entella , giocano tra i dilettanti altre due società dall'importante tradizione sportiva : il Rapallo e la Sestrese .

Tra gli impianti sportivi della città metropolitana il più capiente è lo Stadio Luigi Ferraris di Genova, che ha anche ospitato partite di ben due diverse edizioni dei campionati mondiali di calcio .

Pallanuoto

Sono sei le squadre pallanuotistiche locali che hanno vinto almeno uno scudetto : la Pro Recco vanta trentatré affermazioni, l' Andrea Doria otto, il Camogli sei, il Genoa quattro, il Bogliasco e lo Sturla una. La Pro Recco, che ha ottenuto la vittoria di trofei anche in ambito europeo , milita in Serie A1 assieme al Quinto .

Nella pallanuoto femminile due compagini della città metropolitana hanno vinto il massimo campionato : Pro Recco e Rapallo . Il Rapallo milita in Serie A1 assieme al Bogliasco .

I giocatori locali hanno sempre fornito apporto alle Nazionali vincitrici della medaglia d'oro ai Giochi Olimpici e ai Campionati mondiali . Tra questi Gianni Averaimo , Alessandro Bovo e Ferdinando Gandolfi hanno conquistato entrambi i riconoscimenti.

Genova è stata sede della Super Final della World League di pallanuoto nel 2008 e delle Final Eight di Champions League di pallanuoto nel 2003 e nel 2018 .

Note

  1. ^ Codici delle città metropolitane al 1º gennaio 2015 - istat.it
  2. ^ a b ISTAT - Popolazione residente al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ M. Bottaro (a cura di), Il Palazzo Doria Spinola , in Storia della Provincia di Genova , P. Cavanna e P. Loss (grafica), M. Boccaccio, B. Cervetto, M. Fantoni, G. Isola, R. Olivieri e con la collaborazione di I. Carlini, 1980. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 15 novembre 2012) .
  4. ^ I parchi naturali regionali della provincia , su provincia.genova.it . URL consultato il 17 settembre 2014 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2015) .
  5. ^ L'Area marina protetta di Portofino , su portofinoamp.it . URL consultato il 17 settembre 2014 (archiviato dall' url originale il 18 settembre 2014) .
  6. ^ Fonte dal sito di Pronoprovincia.it Archiviato il 1º gennaio 2015 in Internet Archive .
  7. ^ M. Bottaro (a cura di), Brevi cenni sulla storia dell'Ente Provincia , in Storia della Provincia di Genova , P. Cavanna e P. Loss (grafica), M. Boccaccio, B. Cervetto, M. Fantoni, G. Isola, R. Olivieri e con la collaborazione di I. Carlini, 1980. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2006) .
  8. ^ Statuto della Città metropolitana di Genova , su cittametropolitana.genova.it . URL consultato il 18 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  9. ^ a b c ISTAT, cittadini stranieri al 31 dicembre 2015 , su demo.istat.it . URL consultato il 18 dicembre 2016 .
  10. ^ a b c d e f Il comune è diviso fra due diocesi.
  11. ^ Regione Liguria Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive . Stime approvvigionamento idrico
  12. ^ Sito Provincia di Genova Archiviato il 1º gennaio 2015 in Internet Archive . Classificazione stradale
  13. ^ Sostenuto da SEL e PRC alle primarie del Centro-sinistra.
  14. ^ Sito della Provincia di Genova Archiviato il 1º gennaio 2015 in Internet Archive . Comuni onorari
  15. ^ Fonte dal sito prono.provincia.genova.it Archiviato il 2 gennaio 2015 in Internet Archive .
  16. ^ Fonte dal sitoTurismo in provincia di Genova Archiviato il 2 gennaio 2015 in Internet Archive .
  17. ^ https://www.ligurianautica.com/eventi-e-fiere/la-ocean-race-rinviata-di-un-anno-per-il-coronavirus-il-gran-finale-di-genova-slitta-al-2023-ma-nel-2021-spunta-unedizione-europea/58316/

Collegamenti esterni