Vil

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade City (disambiguation) .
View nan Naples , ki gen non ansyen te Neapolis (Νεάπολις, nan grèk "nouvo vil").

Yon vil se yon règleman imen , vaste ak ki estab, ki diferan de yon vil oswa yon ti bouk nan gwosè, popilasyon dansite , enpòtans oswa estati legal, rezilta a nan yon pwosesis plis oswa mwens long nan ibanizasyon . Italyen proceed yo vil la tèm soti nan analoji Latin Lekòl la nan akuzatif, nan vire soti nan civis, sitwayen ameriken, Lè sa a, tronkonik nan yon vil ki soti nan ki sivilizasyon tou proceed. Nan yon sans administratif, tit la nan vil ki dwe nan minisipalite yo kote li te fòmèlman akòde pa vèti nan enpòtans li yo, ak varye selon sistèm legal yo nan eta yo divès kalite.

Deskripsyon

Basel , vil nan Swis
Bangkok , kapital la nan Thailand
Toronto , vil nan Kanada

Definisyon

Tipikman, se yon vil te fè leve nan zòn rezidansyèl, endistriyèl ak komèsyal zòn, ak sektè administratif ki kapab afekte tou yon pi gwo zòn jeyografik. Pifò nan zòn nan nan yon vil se okipe pa twal la iben (kay, lari, wout ); lak, rivyè ak zòn vèt yo souvan yon minorite.

Ka tèm nan lavil dwe itilize pou yon lokalite iben ki gen popilasyon pi wo a yon limit bay oswa pou yon lokalite iben ki domine lòt moun nan menm zòn nan nan tèm ekonomik, politik oswa kiltirèl. Malgre ke vil la apwopriye pou yon reyalite ki gen ladan zòn banlye ak satelit, tèm nan pa apwopriye pou endike yon aglomerasyon iben nan antite diferan oswa pou endike yon pi gwo " zòn metwopoliten " ki konpoze de plizyè vil, nan ki chak aji kòm yon sant pou pwòp li yo pati. Pa gen okenn definisyon jeneral nan vil nan mond lan; pou egzanp nan peyi Itali se estati a nan lavil konfere pa tèt la nan eta a ak yon dekrè , pandan ke lè Amerik te kolonize, moun ki rete nan nouvo antouzyasm bay non an nan "lavil" nan nouvo koloni yo, ki kwè ke sa yo ta yon sèl jou a vin gwo . Pou egzanp, Salt Lake City se te yon vilaj nan 148 nanm, ki moun ki imedyatman te planifye yon sistèm wout ak fonde Great Salt Lake City. Yon syèk ak yon mwatye pita, te vilaj la tout bon rive nan gwosè a nan yon vil.

Nan UK a, nan lòt men an, yon vil se yon minisipalite ki te li te ye tankou yon vil depi "imemoryal tan", oswa ki te resevwa estati vil pa lwa wa; ki se nòmalman akòde sou baz gwosè, enpòtans oswa koneksyon ak monachi a (endikatè tradisyonèl yo se prezans nan yon katedral oswa inivèsite ). Gen kèk vil katedral , pou egzanp St David nan Wales , yo byen piti. Yon sistèm ki sanble te egziste nan Netherlands nan Mwayennaj yo , kote yon mèt akòde sèten dwa ( dwa sitwayen ameriken ) nan règleman ke lòt moun pa te posede. Sa yo enkli dwa a drese fò, kenbe mache oswa bay tèt li yon tribinal jistis.

Pratik la menm nan atribiye tit la nan lavil menm nan koloni olye ti jistifye nan yon fason jeneral pa kèk liy nan panse nan planifikasyon iben ak sosyoloji iben dapre ki tit la nan lavil la pa sibòdone ak gwosè a nan zòn nan bati-up oswa kantite moun ki abite yo, men pito nan ensidan sa yo rele "vil-pwoblèm nan", oswa olye nan manifestasyon an nan yon bezwen oswa yon opòtinite pou lavi sosyal komen, epi kidonk nan etablisman an nan yon kominote sosyal limenm . Nan sans sa a, tout sant riral yo, tout ti bouk yo, tout ti bouk sou mòn yo ki ka demontre egzistans yon kominote ki anrasinen nan teritwa a ki idantifye ti sant abite a kòm sant lavi sosyal yo dwe konsidere tou vil yo. Nan sans sa a, Se poutèt sa, tout sant sa yo fondatè yo tou vil yo , menm si (okòmansman oswa definitivman) karakterize pa yon perimèt minimòm iben ak yon ti popilasyon. Yon egzanp nan sa a se lavil yo ki te fonde nan epòk la Fachis tou de nan peyi Itali ak nan koloni yo Italyen tankou Sabaudia , Latina , Portolago ak lòt moun. Tit la nan vil atribiye ak kritè sa a se evidamman ouvè a kesyon.

Jewografi ak estrikti

Vil gen diferan kote géographique. Souvan yo sou kòt la epi yo gen yon pò, oswa yo sitiye tou pre yon rivyè, lak oswa lanmè, jwenn yon avantaj ekonomik. Transpò machandiz sou rivyè ak lanmè te (ak nan anpil ka toujou se) pi bon mache ak pi efikas pase long distans wout transpò.

An relasyon ak pozisyon jewografik li okipe, li fè divès fonksyon, itil pou òganizasyon teritwa kote li kanpe a. Nou idantifye twa diferan kalite:

Fonksyon ekonomik yo gen objektif pou devlope vil la li menm, rejyon an ak nasyon kote li ye a, atravè pwodiksyon pwodwi ki ka jwi pa konsomatè andedan oswa deyò. Sa yo se rezilta nan endistri, komès, touris ak tranzaksyon finansye ki vize a ogmante kapital la. Endistri reprezante eleman devlopman pi gwo nan vil la, menm jan li kontribye nan soutyen ekonomik li yo ak pi wo a tout li te pèmèt nesans li alantou diznevyèm syèk la. Komès, depi tan lontan, se eleman ki pèmèt echanj pwodwi fini; lavil la se kè a nan konsomasyon an ak distribisyon pa sèlman nan pwodwi lokal yo, men tou, nan enpòte yo menm. Touris, nan lòt men an, te devlope patikilyèman nan deseni ki sot pase yo, ak ogmantasyon nan byennèt nan tout kouch sosyal. Fenomèn sa a jenere foul yon gwo kantite moun nan vil la, kontribye nan kwasans ekonomi iben an; an menm tan tou li ranpli fonksyon pwodwi djòb yo. Se fonksyon finansye a sitou te pote soti nan bank yo oswa lòt enstitisyon, ki fè fas ak envesti oswa prete kapital yo dwe reentegre nan pwosesis pwodiksyon an nan machandiz yo.

Fonksyon sosyal yo pre relasyon ak sa ekonomik yo, men, al gade nan administrasyon piblik, edikasyon ak sante. Menm jan an tou, sèvis sa yo ka jwi andedan ak andeyò lavil la. Plis yo enplike yon gwo kantite moun andeyò lavil la, plis prestij yo ogmante.

Fonksyon yo gaye prevwa ekstansyon an andedan ak deyò vil la nan lide, mòd vi ak inovasyon, ki fòme, enfòme ak transfòme panse a ak aksyon nan popilasyon an ki se enfliyanse pa vil la. [1]

Nwayo yo nan ansyen vil Ewopeyen yo, ki pa te masivman rebati, yo gen tandans gen sant vil kote lari yo ranje nan okenn lòd patikilye, san yo pa yon plan aparan estriktirèl. Sa a se yon eritaj nan devlopman òganik ak planifye. Jodi a estrikti sa a tipikman pèrsu pa touris kòm kirye ak pitorèsk.

Planifikasyon vil modèn te wè anpil konplo diferan pou ki jan aglomerasyon nan vil yo ta dwe gade:

  • Gri (oswa dam) . Li se estrikti ki pi komen, prèske yon règ nan pati nan Etazini yo , ak itilize pou dè santèn de ane nan peyi Lachin.
    Modèl sa a ka gen anpil varyasyon ki gen ladan may rektangilè , may triyangilè , lari paralèl , egzagonal may
  • Radial . Anpil wout konvèje nan yon pwen santral, souvan efè a nan kwasans siksesif sou yon peryòd tan ki long, ak tras konsantrik nan miray lavil la ak sitadèl , nan ki wout bag dènyèman te ajoute ki pote trafik deyò sant la iben.
    Anpil vil Olandè yo estriktire tankou sa a: yon kare santral antoure pa kanal konsantrik , kote chak ekspansyon nan vil la implique yon nouvo sèk (kanal ak miray lavil la). Nan vil tankou Amstèdam ak Haarlem estrikti sa a toujou vizib klèman.
  • Axial (oswa lineyè) . Li se lè vil sa a devlope sou yon wout ak pran yon fòm long ak etwat

Istwa nan vil yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan planifikasyon iben .

Ansyen laj

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Protohistory nan Toupre Oryan § Revolisyon iben an .
Modèl Pergamon
Rekonstriksyon lavil Wòm ansyen nan moman Constantine
Ansyen mi nan Konstantinòp
Milet (rekonstriksyon)

Vil ak tout ti bouk gen yon istwa long, byenke gen opinyon diferan sou lè yon sèten règleman patikilye ansyen ka konsidere kòm yon vil. Premye vre vil yo pafwa refere yo kòm gwo koloni kote abitan yo pa t jis kiltive tè ki antoure yo, men yo te kòmanse gen okipasyon espesyalize, ak nan ki komès, depo manje ak pouvwa yo te santralize. Sosyete ki baze sou lavi nan vil yo souvan rele sivilizasyon .

Selon definisyon sa a, premye vil nou konnen yo te lokalize nan Mezopotami , tankou Uruk ak Our , oswa sou larivyè Nil la , fon Indus ak Lachin . Anvan koloni sa yo ki te rive nan gwosè enpòtan yo ra, byenke gen eksepsyon tankou Jeriko , Çatal höyük ak Mehrgarh . Premye vil yo devlope, Se poutèt sa, nan zòn fètil, ansanm gwo rivyè ak vas plenn agrikòl oswa nan pwen ki konstitye pasaj obligatwa nan wout komès.

Pi ansyen règleman an iben nan ki tras yo te jwenn byen lwen tèlman dat tounen nan 8000 BC, yon bon 4500 ane anvan devlopman nan sivilizasyon yo gwo larivyè Lefrat nan Mezopotami ak peyi Lejip la . Sa a se vil la nan lavil Jeriko tou pre lanmè Mouri a , pwobableman fèt gras a aktivite yo Mercantile ki konekte nan eksplwatasyon an nan sèl ak mineral nan zòn nan. Mi yo vanyan sòlda ak rès yo nan yon gwo kay won temwaye nan yon volonte defansiv ki pèmèt lavil la yo dwe mete yo nan yon sistèm konplèks nan relasyon ak teritwa a ki antoure.

Premye sant iben nan ki tras sibstansyèl rete se Çatalhöyük , nan prezan-jou Latiki (6000 BC): yon aglomerasyon lòd nan kay ti brik ki kouvri yon ti mòn antye. Depo ki tou pre nan obsidian (yon wòch vòlkanik itilize depi tan pre-istorik pou objè pwenti oswa byen file) sijere ke vil la kontwole ekstraksyon an ak pwosesis nan sibstans sa a. Penti ak relyèf miray ban nou aspè enpòtan nan kilti a nan moun ki rete: chasè, vlope nan po leyopa , kouri dèyè bèt yo; gwo malfini manje sou tèt yo nan kadav; enpoze leyopa stilize domine mi yo, konsa pwoteje lavil la ak ankouraje lachas; konplèks ak kolore dekorasyon jewometrik anbeli Interiors yo. Nan ti bout tan, nou jwenn nan anbriyon eleman yo konstititif nan chak sivilizasyon iben: diversification pwodiktif ( agrikilti , lachas , komès ), prezans nan aktivite espesyalize (pent), valè multifonksyonèl (nwayo rezidansyèl, Tanp, depo). Sepandan, toujou pa gen okenn konsèp reyèl nan "espas iben": kay yo bati sou tèt youn ak lòt, pa gen okenn wout, lavil la pa divize an "zòn fonksyonèl" sèlman dedye a adore oswa komès oswa kominote lavi. Pou dekouvri eleman sa yo, li nesesè pou ret tann pou fòmasyon yon sosyete pi konplèks.

Eksplwatasyon agrikòl nan plenn Mesopotamyen an piti piti kreye kondisyon sa yo. Soti nan 3500 BC Yon premye faz nan ibanizasyon kòmanse, ki wè vil la nan Uruk nan sant la nan yon travay entans nan òganizasyon teritwa a: richès la akimile ak pwodiksyon agrikòl pèmèt yo kòmanse echanj ak lòt pwodwi sant nan matyè premyè ak kenbe siksè akademik yon klas moun ki òganize pouvwa a nan lavil la sou teritwa a ki antoure (sòlda, forj, kontab, atizan, enjenyè). Nan ti bout tan, se yon rezo nan ti vil ki depann sou sant ki pi enpòtan ki fòme: menm relasyon yo yerarchize ki fòme nan lavil yo rkre ant vil ak vil la. Sant ibèn yo ap agrandi epi toujou prezante eleman nouvo ak diferan. Mi segondè defann moun ki rete yo ak, pi wo a tout moun, rezèv yo manje, pandan y ap zòn yo rezidansyèl separe de bilding santral yo (tanp ak gwo kay). Aktivite administratif yo konsantre nan palè wa a: dirèktè lalwa yo ak otorite yo anrejistre trafik machandiz yo epi òganize pwodiksyon ak aktivite komèsyal yo. Miltiplisite fonksyon gestion vle di ke palè wa a reprezante pi gwo bilding nan vil la: noblesse li sèvi tou pou montre fòs ak richès ekip jesyon an. Pafwa, tankou nan faz ki pi bonè nan Uruk, li se tanp lan (epi yo pa palè wa a) ki jwe yon wòl gestion: rich dekore, li se anjeneral bati nan yon pozisyon ki wo, senbolikman pi pre bondye yo.

Espas Urban kòmanse vin ansent nan inite li yo ak espesifik: lavil la se pa yon seri o aza nan bilding, men yon estrikti bay lòd. Se devlopman nan teknik jeni achitekti, ak kontablite akonpaye pa yon devlopman nan kapasite nan "panse" lavil la. Nan sans sa a, yo te jwenn yon grenn ajil nan 3000 BC ak kat la nan total la Sumerian nan Nippur , kote kou a nan larivyè Lefrat la, tanp lan ak kanal yo atifisyèl yo rekonèt klèman. Nan fon Indis la , premye sant enpòtan vil la devlope alantou 2500 BC: Mohenjo-daro parèt tankou yon gwo sant administratif (popilasyon an te rive 40,000 moun) ak basen tèmik, depo ak egou yo. Kay yo sou de etaj, souvan avèk pwi prive ak twalèt. Li se petèt premye vil la modèn, ak yon estrikti lòd ak dènye kri solisyon jeni, ki nou pral jwenn sèlman nan pi gwo ak pi rich sant yo Women ( lavil Wòm ak Pompeii ) oswa yon milenèr kèk pita: nan Pari sistèm nan egou yo pral bati nan 1854 ak nan Lond nan 1859.

Sivilizasyon an grèk piti piti elabore modèl la Mesopotamian nan "vil la nan palè", men nan yon dimansyon plis genyen: ti sant ranfòse pwoteje yon zòn limite nan teritwa epi yo esansyèlman configuré kòm estrikti defans pou pwovizyon manje. Se sèlman nan dènye tan yo, sa vle di nan VIII-VI syèk anvan Jezikri, ki gen yon chanjman. Vilaj yo gen tandans rasanble nan sant iben yo ak ti fò-vil yo transfòme an òganis konplèks ak sosyal stratifye ki kontwole pi gwo zòn nan teritwa a ki antoure.

Zòn nan sakre, jeneralman ki sitye nan pati ki pi wo nan vil la, ranplase palè-kofyè a nan peryòd sa yo reyaksyonè, pandan y ap kenbe fonksyon an nan yon fò fò. Yon zòn dedye a aktivite komèsyal yo ak lavi kominote politik sitiye nan zòn iben an. Devlopman nan aktivite Mercantile ak maren fè fonksyon an nan pò a santral: Atèn , bati sou yon plenn vas ak orijinal yon sant nan pwodiksyon agrikòl, enkòpore, ak konstriksyon an nan mi long, pò a nan ki li Lè sa a, espesyalize aktivite a pa divize li nan yon zòn komèsyal ak nan yon zòn militè yo. Karakteristik se egzistans lan nan "lavil sakre", tankou Delphi , te fè leve prèske sèlman nan bilding relijye, men nan sant la nan zòn fètil agrikòl disponib nan kas la prèt ki abite yo. Devlopman nan sant iben ak kwasans lan demografik konsekan, bezwen nan entansifye komès ak kontwole wout komès ak zòn ki rich nan matyè premyè mennen nan kreyasyon an "koloni" lòt bò dlo sou tout kòt yo nan Mediterane a. Se konsa, modèl la iben ak lojman grèk gaye sou yon echèl gwo (souvan kenbe egzak karakteristik achitekti nan lavil la manman) enfliyanman ak karakterize, dapre yon kilti komen, estrikti a ak gou nan vil nan kote trè lwen youn ak lòt: Pergam , Alexandria , Magna Graecia ak kòt Panyòl yo.

Devlopman Iben akonpaye pa yon refleksyon pwofon teyorik sou wòl ak fonksyon politik nan vil la (te fè fas ak pa de filozòf dirijan yo Platon ak Aristòt ) ki tou te gen konsekans nan konsèp planifikasyon iben. Achitèk Ippodamo da Mileto , kolaboratè Pericles , 5yèm syèk anvan Jezikri , teorize yon vil ideyal nan dis mil moun, divize an twa klas (atizan, kiltivatè, defansè) ak ki sitye nan sant la nan yon teritwa divize an twa pati ki dwe respektivman sipòte yo. Ippodamo imajine yon vil bati selon yon plan egzak, nan ki blòk yo, oryantasyon yo epi tou devlopman posib nan nwayo iben yo jisteman reglemante. Tradisyon vle l 'yo dwe envanteur a nan lavil la ak yon plan orthogonal divize an zòn fonksyonèl, tankou Mileto ak Priene . Premye a gen yon gwo kare piblik nan sant la nan vil la, ki te antoure pa bilding administratif ak adjasan a zòn nan Tanp, ak de mache tou pre pò yo, youn tou pre kare a, lòt la nan zòn nan sakre. Dezyèm lan, ranje sou kat teras, konbine konplo a ipodam ak sans nan senografik nan lavil la tipik nan Azi minè: diferan zòn yo fonksyonèl yo ranje sou diferan nivo.

Vil la kounye a divize an yon sistèm konplèks nan bilding ak espas piblik ak prive, kote jimnazyòm, estad, teyat, tanp, tanp ak bibliyotèk vin eleman esansyèl epi temwaye richès li yo ak vitalite. Teyat sans, fonctionnalités, innovations achitekti nan Pergamum (ki te rele pi bèl la nan lavil yo ansyen) konstitye yon modèl ki pral tou enfliyanse repibliken lavil Wòm, enspire devlopman nan gwo vil yo nan epòk la Imperial.

Kwasans lan nan ansyen ak medyeval anpi mennen nan menm pi gwo kapital oswa biwo pwovens administratif: lavil Wòm , ki gen plis pase yon sèl ak yon demi milyon moun ki rete nan dezyèm syèk la, lès imitasyon li yo Konstantinòp , ak pita yo Chinwa ak Ameriken yo pwoche bò mitan milyon moun ki rete oswa depase li. Menm jan an tou, gwo sant administratif ak seremoni parèt tou nan lòt zòn, kwake sou yon echèl ki pi piti. Jiska ane sa yo 250 - 280 lavil yo te louvri ak fizyone ak peyi a, men apre envazyon yo barbar yo kontra ak fèmen nan mi yo. Ant 895 ak 955 yon vag dezyèm nan envazyon, tan sa a Ongwa , konvenk yo ranfòse mi yo ak chato.

Pandan syèk yo an lò nan Anpi Women an , konplèks stratifikasyon sosyal la , espesyalizasyon nan atizanal, sipli ekonomik yo akimile ak eksplwatasyon nan teritwa menmen agrikòl, komès la trans-Mediterane rich ak itilizasyon sistematik nan travay esklav pèmèt realizasyon an nan travay mayifik piblik ak anbeli vil yo ak travay atistik nan tout kalite. Lavil Wòm, kapital la nan Anpi a, rive nan yon milyon abitan yo epi li se rapidman rich ak bilding mayifik ak estrikti, tankou Circus Maximus la , Amphitheatre a Flavian , basen yo nan Caracalla oswa trèz akduk yo ki bay lavil la. Richès la oswa konpleksite nan rezidans lan Imperial pran sou karakteristik sa yo nan yon vil nan yon vil.

Karakteristik nan lavil Women an se atansyon a moniman nan fowòm nan , yon espas komèsyal ak politik, yon kote reyinyon pou tout kominote a ak yon "vitrin" pou tout anpi an. Anperè Seza , Augustus , Nero , Nerva elaji epi ranpli zòn nan nan fowòm nan de tan zan tan ak tanp ak gwo galri kolòn. Trajan bay aranjman definitif la nan bati yon sistèm konplèks ak omojèn nan espas piblik (fowòm, bazilik ak bibliyotèk), komèsyal (mache) ak relijye (tanp anperè a) ki debouche sou egzaltasyon nan travay militè li yo ak lame (estati Equestrian nan anperè a, kolòn istorye ak friz ki dekri kanpay viktorye militè yo antreprann).

Olye de sa, enpoze ark yo triyonf ke yo bati nan lari prensipal yo nan lavil ki pi enpòtan nan anpi selebre retounen nan viktorye nan anperè ak jeneral: ak prezans moniman yo yo dwe rann temwayaj sou richès yo kolekte pandan kanpay militè yo epi sonje, menm nan lavil ki pi lwen yo, fòs lame women an.

Nan antikite an reta nou ap temwen pwogresif n bès ekonomik ak politik nan lavil prensipal yo. Pèt la gradyèl nan kontwòl sou Mediterane a ak nan Afriken ak posesyon panyòl ak bezwen nan reyafime dominasyon sou pwovens yo jèrmanik ak dalmatyen (kote gen plis rebelyon, ak menas la nan tout tan tout tan plis sibstansyèl mouvman migratè nan popilasyon nomad ap grandi) mennen nan aks ki pi nò nan anpi an. Apre mil ane, lavil Wòm pèdi wòl li kòm kapital, kounye a divize ant kat lavil: Trier , Milan , Sirmium ak Nicomedia vin katye jeneral yo nan tribinal yo Imperial ak biwokrasi leta yo.

Modèl iben an ki te sou nouvo kapital yo devlope se pa inovatè: palè a Imperial , fowòm nan , sirk la , rekòt pye mant la konstitye fulkrom nan twal la iben. Kriz ekonomik la ak enkyetid pou sitiyasyon jeneral la, sepandan, limite karaktè moniman an, aksantué olye aspè abitye ak defans lan. Gwo fò tou won ak mi vin nesesè, ak ki lavil Wòm tèt li te ekipe tèt li kèk ane pi bonè.

Afimasyon Krisyanis la ak rekonesans ofisyèl li yo tou mennen nan gaye nan nouvo kote pou adore, trè diferan de tanp tradisyonèl Women yo. Bazilik kretyen yo , ki eritye kèk eleman estriktirèl nan bilding piblik Women yo, karakterize nouvo vil yo jiskaske yo vin yon eleman santral alantou ki, nan Mwayennaj yo, twal vil la ap gen tandans òganize tèt li, jan sa te pase nan ansyen vil la ak mache a. kare ak twou a. Bazilik kretyen an vin tou yon senbòl pouvwa Legliz la sipoze nan anpi an. Nan peryòd sa a Milan sipoze yon enpòtans ekonomik, nan yon kontèks trafik komèsyal ak nò Ewòp, ki li pral kenbe nan tout Mwayennaj yo.

Konstriksyon an nan Anperè Constantine nan yon nouvo kapital sou Bosfò a , ant Ewòp ak Azi, reyafime chanjman politik la nan anpi a nan direksyon pou yon aks diferan. Vil la, Konstantinòp , konbine tradisyonèl sans moniman an ak yon aparèy defans mayifik. Nou konnen ke, anbeli gwo kay yo epi bay yon enpresyon nan kontinwite istorik ak ideyal ak tradisyon an nan lavil Wòm, Constantine dezabiye kapital la fin vye granmoun nan mab, mèb ak moniman ak yon valè fò senbolik. Jistinyen, pou repete ke Konstantinòp te kapital kretyen anpi an, te gen bazilik mayifik nan Santa Sofia bati la , ki gen dòm toujou domine lavil la.

"Nouvo lavil Wòm nan", menm jan li te batize, te vin rich ak kosmopolit: an reyalite, nwayo orijinal la nan moun ki te fòme pa ofisyèl ak sòlda, sitou ki gen orijin grèk, byento te vin asosye ak politisyen yo ak machann nan gwoup yo ki pi varye etnik ak kilti , ki gen ladan slav, Alman ak jwif yo. Kondisyon fiskal avantaje yo ak lwa patikilye Konstantinòp la te jere asire fleri atistik ak ekonomik li yo, ki fè li nouvo kalfou komès ak kilti.

Fen anpi a ak estrikti kontwòl teritoryal, militè, biwokratik ak ekonomik ki konekte ak li, ak règleman ki estab nan Ewòp nan popilasyon nomad ki pa Ewopeyen an, etranje nan kilti Women an, te mennen nan espas kèk syèk nan yon chanjman radikal tou pou lavil yo. Sivilizasyon klasik te wè vil la kòm pwen enpòtan nan òganizasyon politik ak sosyal li yo; nouvo pèp yo, nan lòt men an, yo òganize an branch fanmi epi yo gen yon estrikti sosyal mwens divèsifye pase yon sèl Women an. Apre n bès nan ralanti nan peryòd antikite an reta akòz tou de gradyèlman manyak nan entansite a nan komès long distans ak kontwòl la pi piti sou peyi a, ki te sou sibzistans li depann, lavil la pèdi enpòtans nan syèk yo 6th ak 7th. San yo pa fonksyon espesifik politik ak biwokratik, lavil yo vin pòv epi yo an pati abandone yo. Anplis de sa, san yo pa yon klas dominan kapab kowòdone travay antretyen, jwenn lajan ak matyè premyè ak pèt la nan ladrès teknik ak fonksyon navèt espesyalize, estrikti yo konplèks ki karakterize sant Women yo (spa, akduk, tuyaux, wout, pon) deteryore rapidman ak tonbe nan Delambre. Nan anpil ka genyen tou piyaj ak destriksyon, souvan pa moun ki rete nan tèt yo ki eseye refè materyèl bilding nan yon sitiyasyon nan retou annaryè oswa paralizi total nan mache yo ak irevèrsibl matyè premyè. Sa a se ka a nan lavil Wòm.

Apre yon long kriz politik, pandan ki kapital la fin vye granmoun te kapab sèlman konte sou prezans nan yon sena san yo pa prerogativ espesifik, nan 410 li te sakaje pa Goths yo ak pèt la nan envyolabilite sakre li yo konfime irézistibl la anilasyon anpi an. Se sèlman nan setyèm syèk la vil la te kòmanse reòganize tèt li, gras a prezans Legliz la ki, nan vakyòm politik la, piti piti defini tèt li kòm nouvo fòs ki kapab retabli wòl li kòm kapital. Fonksyon an sipoze nan balans ki genyen ant divès eta Women-Barber asire vil la yon sèten pwa ekonomik ak politik, tou pa vèti nan patrimwàn nan peyi enpòtan nan Legliz la ak rezo a gaye toupatou nan relasyon ki te sou li ta ka konte. Se konsa n bès moniman an nan lavil Wòm akonpaye pa reòganizasyon li yo kòm yon sant ki gen pouvwa: pòv men enpòtan anpil.

Anpil vil bati sou lanmè a, nan lòt men an, vin an sekirite akòz pwopagasyon piratri. Nan lòt men an, retou annaryè nan echanj komèsyal pa lanmè, pwofondman transfòme estrikti ekonomik yo, tèlman bagay ke nou souvan temwen, tou akòz pèt la nan teknik yo antretyen ki nesesè yo, limaj la moute nan anpil pò ak yon chanjman nan sant rete. nan direksyon pou andedan an oswa nan zòn ki pi pwoteje. Venice , nan lòt men an, leve soti nan mouvman an nan direksyon pou kòt la - nan yon zòn Lagoon, Se poutèt sa plis pwoteje ak pi bon defans - nan popilasyon yo nan Aquileia ak Bizanten Ravenna , menase pa davans lan Lombard. Anplis de sa, nou pa ka fail mansyone kriz la demografik ki afekte Ewòp, ki te koze pa envazyon, lagè, kalamite ak grangou. Vil yo siviv retresi nan gwosè. Sò a nan Split se siyifikatif, ki devlope nan kadav yo nan palè a Imperial, nan ki li itilize miray ranpa yo kòm yon sitadèl, adapte estrikti yo ki deja egziste a bezwen yo lojman nouvo. Sa a temwaye pa sèlman nan rediksyon nan demografik, men tou, nan pwoblèm yo nan kap founi bay materyèl bilding.

Aristokrasi a, selon yon tandans ki deja an plas nan peryòd ansyen an reta, retrè nan peyi a pi byen kontwole pwodiktivite nan peyi yo ak defann yo soti nan atak ak atak. Dezentegrasyon nan yon inite leta ak mank aktyèl la nan kontwòl fò nan wayòm yo nouvo fragman teritwa a nan ti inite endepandan ak mal kominike, gravitasyon alantou chato la kote Seyè a abite. Toupre nwayo sa a, yon vilaj oswa yon ti bouk ka fòme nan ki aktivite navèt prensipal yo konsantre, esansyèlman nan sèvis Seyè a. Si sa nesesè, chato la ka òganize popilasyon peyizan an, travay fondamantal pou peyi Seyè a.

Vil la, nan lòt men an, kenbe yon wòl fondamantal nan mond Arab la, kote dans maritim ak tè rezo komèsyal la, ki lajman ranplase yon sèl Women an, rete santre sou sant iben yo ak mache yo. Anpil vil Arab devlope sou nwayo ki deja enpòtan nan epòk Imperial la, gade Alexandria , Damas oswa Jerizalèm . Genyen tou anpil vil ki fèk fonde, destine pou richès yo ak vivans byen vit antre nan imajinasyon nan fiksyon Lwès ak mond lan Mercantile, tankou Bagdad , Cairo oswa Samarkand . Kenbe aspè fòmèl la nan anpil vil nan Lès la ansyen, sant sa yo parèt tankou aglomerasyon dans nan kay pwoteje pa mi segondè. Caratteristica la presenza di moschee, alle quali spesso sono collegate scuole coraniche; bagni pubblici e caravanserragli, luoghi di sosta per le carovane di mercanzie che si spostano da una città all'altra. Baghdad, a testimonianza della fioritura e dell'importanza di molte di queste città, nel secolo XII raggiunse probabilmente il milione di abitanti.

Medioevo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Urbanistica medievale .

Durante il Medioevo europeo, una città era tanto un'entità politica quanto una raccolta di case. La residenza cittadina portava alla libertà dai tradizionali doveri rurali verso il signore e verso la comunità: in Germania c'era il detto "Stadtluft macht frei" ("L'aria della città rende liberi"). Nell'Europa continentale non erano infrequenti le città con una loro propria legislazione, con le leggi cittadine che costituivano un codice separato da quello per le campagne, e il signore cittadino spesso differiva da quello del territorio circostante. Nel Sacro Romano Impero , cioè la Germania medioevale e l'Italia, alcune città non avevano altro signore che l'imperatore.

In casi eccezionali, come quelli di Venezia , Genova o Lubecca , le città stesse divennero stati potenti, che a volte prendevano sotto il loro controllo le aree circostanti, oppure stabilivano estesi imperi marittimi, sebbene questo possa aver talvolta impedito il successivo sviluppo di un ampio Stato nazionale con la sua economia. Simili fenomeni si ripeterono anche altrove, come è il caso di Sakai , che godette di una considerevole autonomia nel Giappone tardo medioevale.

Nel corso del secolo IX, parallelamente alla formazione di grandi monarchie nazionali, alcune città diventano il centro di riferimento economico e burocratico delle nuove formazioni territoriali e si abbelliscono di palazzi, chiese e cattedrali monumentali grazie alla rinnovata fioritura economica (surplus economico; movimento di materiali e materie prime; tecniche artigianali diversificate), alla volontà dei sovrani di rendere tangibile la propria ricchezza e, nel caso di Aquisgrana , capitale del regno carolingio, di creare una città in grado di apparire ideale erede di Roma.

Prende allora avvio un processo di rinascita economica basata sull'affermazione graduale in tutta Europa del nuovo modello sociale e produttivo feudale che, a partire dal secolo X, accompagnato dalla crescita demografica spiegabile con le migliori condizioni di vita e la fine della grandi ondate migratorie e delle devastazioni a esse connesse, crea le condizioni per un nuovo fenomeno di urbanizzazione. Molte città, semi abbandonate o cadute in rovina, vengono ampliate, come mostrano le nuove cinta murarie, e si arricchiscono di botteghe artigiane, manifatture e nuove strutture, come i palazzi pubblici che fungono da sedi dei governi locali, il palazzo vescovile, gli spazi coperti per gli scambi commerciali, le sedi delle varie corporazioni di mestiere e delle compagnie mercantili e le banche.

Bologna , Parigi , Pavia e Napoli inaugurano centri di studio laici, le università, che testimoniano l'esigenza per le nuove realtà urbane e statuali di una burocrazia e di un ceto di specialisti preparati. Edifici pubblici, chiese e cattedrali imponenti necessitano del lavoro di abili maestranze e impiegano per le decorazioni materiali pregiati. La crescita di queste città, sostenuta dal forte incremento demografico, arrestato solo dalle epidemie del secolo XIV, è costante e spesso caotica e non permette pianificazione urbanistica, se non una parziale e non organizzata divisione in aree della città per arti e mestieri. Queste nuove città hanno uno sviluppo verticale e le abitazioni possono raggiungere parecchi piani di altezza. Nascono le case-torre delle famiglie aristocratiche, sorta di castello in città, come Bologna, Pavia e San Gimignano . Torri pubbliche, guglie e campanili dominano la città per fermare e mostrare la forza e la ricchezza di chi li ha eretti.

Lo sviluppo economico e la diversificazione delle attività produttive all'interno delle città e fra città diverse permette, nel corso del secolo XIII, il definitivo consolidamento in tutta Europa dell'esperienza urbana. Il tipo di città che si diffonde è destinato a restare pressoché immutato almeno fino alla rivoluzione industriale. Anche il territorio tende ad acquisire le caratteristiche morfologiche che si manterranno sino a tempo recenti, vale a dire l'organizzazione intorno ai centri abitati che tuttora persistono. Nell'Italia centrale si forma un sistema di città-stato basato su un'economia di tipo prevalentemente mercantile, ma in ogni caso ben connessa al controllo agricolo del territorio circostante, che ricorda, anche per le esperienze di governo di tipo oligarchico allargato e talvolta comunitario, molte città-stato del mondo antico. Firenze , Lucca , Pisa e Siena sono le protagoniste di questa fase storica.

Lo stesso fenomeno si sviluppa nell'Europa del Nord, dove si forma una vera e propria lega mercantile fra città del Mar Baltico e della Bassa Germania (cosiddette “anseatiche”, perché già unite in una lega mercantile chiamata Hansa). Amburgo , Brema , Lubecca, Danzica e Riga animano una densissima rete di scambi commerciali che consolida lo sviluppo urbano di tutto il Nord Europa. Allo stesso modo si affermano città come Gand e Bruges nelle Fiandre, al centro di un'importante zona di produzione e lavorazione di tessuti pregiati, o come Troyes in Francia e Francoforte in Germania, sedi di note fiere commerciali. Il contenimento, grazie alle nuove monarchie nazionali, dell'espansione militare araba e l'interesse a stabilire contatti commerciali con quel mondo e, attraverso di esso, con i mercati orientali riaprono il Mediterraneo ai traffici europei, avviando il rilancio di molte città costiere. Amalfi , Genova , Pisa e Venezia ritornano a “colonizzare” il Mediterraneo, creando una rete commerciale di grande importanza e fondando nuovi centri. La ricchezza accumulata dalle classi dirigenti permette un notevole sviluppo artistico, come nel caso di Venezia o Pisa.

Età moderna

La nascita della prospettiva rinascimentale in pittura, la rivoluzione copernicana e la scoperta delle Americhe hanno modificato la percezione dello spazio e del tempo della civiltà occidentale . Queste rivoluzioni scientifiche e artistiche hanno influito sullo sviluppo della modernità , soprattutto a partire dal XVIII secolo. L'espansione del capitalismo ha imposto una generalizzazione a livello mondiale di un unico sistema temporale, e una sua divisione precisa in ore e minuti, sia per poter definire univocamente gli orari e gli itinerari dei sistemi di trasporto, sia per poter uniformare la vita pubblica, sia anche per misurare esattamente le giornate lavorative. La correlata accelerazione dei processi produttivi, della tecnologia e della vita sociale ha trasformato anche gli spazi delle città, trasformando decisamente la natura delle relazioni sociali che in tali spazi si erano intessute. Il programma illuminista in senso ampio aspira a una geometrizzazione sempre più spinta degli spazi, e queste ha conseguenze di importanza capitale anche nel modo in cui gli stati nazionali moderni si autorappresentano: in particolare, sempre di più, questi stati si percepiscono come dotati di territori esclusivi rispetto agli altri stati, e separati da essi da confini sempre più rigidi ea forma di linea. Questa rappresentazione dello stato nazionale, che è particolarmente diffusa nel momento della sua ascesa e dominanza, tra la seconda metà del settecento e gli inizi del novecento, ha come scopo anche quello di creare l'unità nazionale in maniera verticale, mettendo in relazione e in un certo senso omologando tutte le classi: dagli aristocratici ai contadini , passando per i ceti mercantili, tutti possono e devono appartenere a una tradizione comune, fatta non solo di un linguaggio comune, ma anche di miti , di riti , di monumenti e di spazi comuni. E le grandi città europee, in particolar modo le capitali, sono pienamente solidali a questo progetto.

I palazzi adibiti alle funzioni pubbliche diventarono veri e propri monumenti e simboli della narrazione nazionale e la città fu concepita come uno strumento di integrazione gerarchica attorno a questi spazi pubblici densi e spettacolari che, a seconda dei casi, potevano integrarsi con episodi rilevanti della città antica e medievale (è chiaro come soprattutto in Italia questo pregresso costituiva un vincolo importante), oppure, al contrario, mobilitavano gli artisti e gli architetti dell'epoca per creare testimonianze illustri del carattere innovativo della modernità . Questi spazi pubblici , d'altra parte, volevano anche manifestare l'esigenza educativa di sviluppare una cultura sempre più comune ai cittadini: i primi grandi musei d' Europa , nel corso dell' ottocento , sono infatti dei lasciti del potere ai cittadini, collocati strategicamente nei luoghi simbolicamente centrali delle capitali (come avviene soprattutto a Parigi , Berlino , Vienna ).

Agli inizi della modernità, le città erano in massima parte molto piccole, tanto che nel Cinquecento solo circa due dozzine di località nel mondo ospitavano più di 100 000 abitanti: ancora nel Settecento ce n'erano meno di cinquanta, una quota che sarebbe poi salita a 300 nel Novecento . Una piccola città del primo periodo moderno poteva ospitare solo 10 000 abitanti e le cittadine ancora di meno. Mentre le città-stato del Mar Mediterraneo o del Mar Baltico iniziarono a decadere a partire dal XVI secolo , le maggiori capitali d'Europa iniziarono a beneficiare dell'esplosione del commercio globale che era seguita all'emergere di un'economia atlantica , alimentata dall'argento del Perù e della Bolivia . Nel XVIII secolo, Londra e Parigi raggiunsero e poi superarono le grandi città extraeuropee di Baghdad , Pechino , Istanbul e Kyoto .

Lo sviluppo della moderna industria a partire dalla fine del XVIII secolo produsse massicce urbanizzazioni e portò alla crescita di nuove grandi città, sia in Europa sia nelle Americhe sia nelle altre parti del mondo: le nuove opportunità producevano infatti un alto numero di immigranti dalle comunità rurali nelle aree urbane. Oggi circa metà della popolazione mondiale è urbana, con milioni di persone che ogni anno continuano a riversarsi nelle città in crescita dell' Asia , dell' Africa e dell' America Latina .

Agglomerati urbani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città del mondo per popolazione .
Data Prima città Seconda città Terza città Quarta città Quinta città
2000 aC Uruk: 80 000 ab. Ur: 65 000 ab. Mohenjo-Daro: 40 000 ab. Menfi: 30 000 ab. Nippur: 20 000 ab.
1.300 aC Zhengzhou: 100 000 ab. Babilonia: 60 000 ab. Menfi: 50 000 ab. Tebe: 50 000 ab. Assur: 30 000 ab.
1000 aC Pi-Ramses: 120 000 ab. Babilonia: 60 000 ab. Hao: 50 000 ab. Menfi: 50 000 ab. Tebe: 50 000 ab.
800 aC Hao: 100 000 ab. Ninive: 100 000 ab. Babilonia: 100 000 ab. Tebe: 50 000 ab. Nimrud: 50 000 ab.
500 aC Babilonia: 200 000 ab. Luoyang: 200 000 ab. Linzi: 200 000 ab. Atene: 120 000 ab. Siracusa: 100 000 ab.
323 aC Cartagine: 500 000 ab. Linzi: 300 000 ab. Alessandria: 300 000 ab. Babilonia: 200 000 ab. Pataliputra: 150 000 ab.
200 aC Alessandria: 600 000 ab. Seleucia: 600 000 ab. Pataliputra: 350 000 ab. Roma: 250 000 ab. Antiochia: 120 000 ab.
1 aC Alessandria: 1 000 000 ab. Roma: 800 000 ab. Seleucia: 600 000 ab. Antiochia: 500 000 ab. Chang'an: 450 000 ab.
200 dC Roma: 1 000 000 ab. Luoyang: 420 000 ab. Alessandria: 250 000 ab. Atene: 250 000 ab. Efeso: 250 000 ab.
400 dC Roma: 800 000 ab. Jiankang: 500 000 ab. Costantinopoli: 350 000 ab. Pataliputra: 300 000 ab. Teotihuacan: 125 000 ab.
500 dC Jiankang (Nanjing): 500 000 ab. Luoyang: 500 000 ab. Costantinopoli: 500 000 ab. Ctesifonte: 500 000 ab. Pataliputra: 300 000 ab.
650 dC Chang'an: 400 000 ab. Costantinopoli: 350 000 ab. Canton: 200 000 ab. Luoyang: 200 000 ab. Kannauj: 120 000 ab.
712 dC Chang'an: 1 000 000 ab. Luoyang: 500 000 ab. Costantinopoli: 300 000 ab. Canton: 200 000 ab. Suzhou: 100 000 ab.
800 dC Chang'an: 800 000 ab. Baghdad: 700 000 ab. Luoyang: 300 000 ab. Costantinopoli: 250 000 ab. Kyoto: 200 000 ab.
907 dC Baghdad: 900 000 ab. Costantinopoli: 250 000 ab. Luoyang: 200 000 ab. Kyoto: 200000 ab. Cordoba: 200000 ab.
1.000 dC Cordoba: 450000 ab. Kaifeng: 400000 ab. Costantinopoli: 300000 ab. Angkor: 200000 ab. Kyoto: 175000 ab.
1.100 dC Kaifeng: 440 000 ab. Costantinopoli: 200 000 ab. Marrakech: 150 000 ab. Kalyan: 150 000 ab. Cairo: 150 000 ab.
1.206 dC Hangzhou: 500 000 ab. Cairo: 300 000 ab. Jiankang: 200 000 ab. Fez: 200 000 ab. Bagan: 180 000 ab.
1.300 dC Hangzhou: 430 000 ab. Dadu: 400 000 ab. Cairo: 400 000 ab. Parigi: 228 000 ab. Fez: 150 000 ab.
1.400 dC Nanchino: 480 000 ab. Vijayanagara: 400 000 ab. Cairo: 360 000 ab. Parigi: 275 000 ab. Hangzhou: 235 000 ab.
1.492 dC Pechino: 670 000 ab. Vijayanagara: 455 000 ab. Cairo: 400 000 ab. Hangzhou: 250 000 ab. Tenochtitlán: 210 000 ab.
1.530 dC Pechino: 690 000 ab. Vijayanagara: 480 000 ab. Istanbul (Costantinopoli): 410 000 ab. Cairo: 360 000 ab. Hangzhou: 260 000 ab.
1.600 dC Pechino: 700 000 ab. Istanbul: 650 000 ab. Agra: 500 000 ab. Osaka: 360 000 ab. Parigi: 325 000 ab.
1.650 dC Istanbul: 700 000 ab. Pechino: 470 000 ab. Parigi: 455 000 ab. Londra: 410 000 ab. Isfahan: 360 000 ab.
1.715 dC Istanbul: 700 000 ab. Tokyo: 688 000 ab. Pechino: 650 000 ab. Londra: 550 000 ab. Parigi: 530 000 ab.
1.763 dC Pechino: 900 000 ab. Londra: 700 000 ab. Tokyo: 688 000 ab. Istanbul: 625 000 ab. Parigi: 556 000 ab.
1.783 dC Pechino: 1 100 000 ab. Londra: 950 000 ab. Tokyo: 688 000 ab. Istanbul: 570 000 ab. Parigi: 550 000 ab.
1.812 dC Pechino: 1 100 000 ab. Londra: 960 000 ab. Canton: 800 000 ab. Tokyo: 685 000 ab. Istanbul: 570 000 ab.
1.824 dC Londra: 1 379 000 ab. Pechino: 1 350 000 ab. Canton: 900 000 ab. Parigi: 855 000 ab. Tokyo: 788 000 ab.
1.848 dC Londra: 2 363 000 ab. Pechino: 1 648 000 ab. Parigi: 1 314 000 ab. Canton: 875 000 ab. Tokyo: 788 000 ab.
1.861 dC Londra: 2 803 000 ab. Parigi: 1 696 000 ab. Pechino: 1 390 000 ab. New York: 1 174 000 ab. Tokyo: 913 000 ab.
1.871 dC Londra: 3 841 000 ab. Parigi: 1 851 000 ab. New York: 1 478 000 ab. Pechino: 1 130 000 ab. Vienna: 1 020 000 ab.
1.900 dC Londra: 6 226 000 ab. New York: 3 437 000 ab. Parigi: 2 714 000 ab. Berlino: 1 888 000 ab. Chicago: 1 698 000 ab.
1.912 dC Londra: 7 419 000 ab. New York: 4 767 000 ab. Parigi: 4 550 000 ab. Chicago: 2 185 000 ab. Berlino: 2 071 000 ab.
1.923 dC New York: 7 740 000 ab. Londra: 7 554 000 ab. Parigi: 4 850 000 ab. Tokyo: 4 490 000 ab. Berlino: 4 024 000 ab.
1.938 dC New York: 12 588 000 ab. Londra: 8 099 000 ab. Tokyo: 6 370 000 ab. Parigi: 6 000 000 ab. Berlino: 4 339 000 ab.
1.945 dC New York: 13 479 000 ab. Londra: 7 988 000 ab. Parigi: 5 850 000 ab. Tokyo: 3 490 000 ab. Chicago: 3 397 000 ab.
1.950 dC New York: 12 338 000 ab. Tokyo: 11 275 000 ab. Londra: 8 361 000 ab. Shanghai: 6 066 000 ab. Parigi: 5 424 000 ab.
1.962 dC Tokyo: 16 680 000 ab. New York: 14 160 000 ab. Londra: 8 200 000 ab. Parigi: 7 260 000 ab. Buenos Aires: 6 600 000 ab.
1.975 dC Tokyo: 26 620 000 ab. New York: 15 880 000 ab. Città del Messico: 10 690 000 ab. Osaka: 9 840 000 ab. San Paolo: 9 610 000 ab.
1.991 dC Tokyo: 32 530 000 ab. New York: 16 090 000 ab. Città del Messico: 15 310 000 ab. San Paolo: 14 780 000 ab. Mumbai: 12 310 000 ab.
2.010 dC Tokyo: 35 470 000 ab. Città del Messico: 20 690 000 ab. Mumbai: 20 040 000 ab. San Paolo: 19 580 000 ab. New York: 19 390 000 ab.

Concezioni moderne

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Area urbana e Area metropolitana .

Approccio tradizionale

Per lungo tempo è stata accettata e adottata una definizione lineare universale delle città; ma dato che questo approccio ha difficoltà nello spiegare una serie di aspetti della vita urbana, tra cui la diversità tra le città, sono state cercate nuove vie. Nacque così una nuova definizione, influenzata dal pensiero post-strutturalista: l'uso del concetto di spazio è possibile non solo per colmare le lacune della vecchia definizione, ma per rimpiazzarla completamente. Tre caratteristiche sono state identificate per definire una città: il numero di abitanti nell'area considerata (densità di popolazione), la rete di collegamenti, oltre a un particolare stile di vita. Nessuno di questi aspetti da solo può fare di un luogo una città.

Fino a poco tempo fa le città venivano analizzate quasi esclusivamente come fossero parti a sé stanti in progressione lineare. A cominciare dalle città-stato in Grecia , questo approccio veniva applicato su ogni città in ogni luogo e si credeva fosse solo una questione di tempo prima di arrivare allo stadio successivo lungo il percorso di sviluppo predefinito. Per ogni stadio si identificava un luogo esemplare. Passo dopo passo, da Atene a Venezia , poi a Londra fino a Los Angeles , definita come l'ultimo stadio della città postmoderna. Ma un simile approccio vede ogni urbe come una singola entità statica, e può studiarne gli aspetti svincolati dallo spazio e dal tempo. Ciò conduce a un costrutto teorico con ben poche connessioni all'aspetto reale della questione, che viene considerato semplicemente come fonte di esempi poco limpidi. A dispetto delle evidenti controindicazioni questo metodo è ancora comune tra studiosi e scrittori.

Difetti del metodo

Nonostante la sua diffusa accettazione, questo approccio tradizionale alle città possiede seri difetti. In primo luogo, non considerandone l'ultimo stadio, era completamente eurocentrico. Si pensava che ogni città del mondo potesse essere paragonata a uno degli stadi passati di una città europea. In secondo luogo non esisteva una spiegazione concreta di come e quando avvenissero i cambiamenti, di come si raggiungesse uno stadio successivo nella linea evolutiva. Sembrava non fosse necessario seguire i cambiamenti di una città, bastava rivolgere l'attenzione su un altro esemplare. In terzo luogo, la visione svincolata delle città pone dei problemi. Implica che la storia, la cultura ei collegamenti di un luogo non lo influenzino, il che è quantomeno discutibile. Alcuni pensatori sostengono che una storia che ignori i collegamenti è necessariamente incompleta. Quarto, l'approccio tradizionale non definisce cosa costituisce una città. Non è chiaro perché un luogo venga definito città mentre un altro no. Lewis Mumford nel 1937 sostenne una dimensione sociale, descrivendo le città come plessi geografici . Infine, vedere le città come corpi singoli non coglie la moderna concezione, che sostiene che esiste più di una storia per un luogo. La città di un aristocratico differirà certamente da quella di uno schiavo. Questo riflette altresì lo spostamento dalla singola storia della élite dei potenti a una percezione multidimensionale della storia. La nozione dei ritmi cittadini è stata introdotta per evidenziare i diversi aspetti della vita cittadina.

Un approccio moderno

Come approccio alle città, l'attuale pensiero urbano si ripromette di soddisfare queste esigenze. La nuova percezione della città è dovuta soprattutto a una maggiore attenzione alle connessioni del sistema-città e alle sue divisioni interne. Usando questo nuovo pensiero spaziale si può comprendere come molteplici aspetti del pensiero tradizionale manchino di una spiegazione soddisfacente. Un aspetto decisivo del pensiero spaziale riguarda le connessioni della città. Ciò permette di spiegare il carattere unico di un determinato luogo. I siti vengono visti in interconnessione con una rete culturale, economica, commerciale o storica, e non trattano allo stesso modo tutti gli agglomerati urbani. Quindi, mentre Londra e Tokyo sono collegate da un punto di vista economico attraverso la borsa, Stoccolma e Graz lo sono attraverso il legame culturale di Capitale Europea della Cultura.

Queste reti si sovrappongono e si concentrano nelle città. Presumibilmente tale concentrazione di reti crea un feeling unico in un luogo. Le suddette reti, comunque, non collegano solo le città fra di loro, ma anche con i loro dintorni. La nozione di "impronta cittadina" riflette l'idea che la città da sola non sia sostenibile: dipende dai prodotti dei dintorni, necessita di collegamenti commerciali e connessioni per la viabilità economica. Osservando le reti diviene possibile spiegare l'ascesa e la caduta delle città. Questo ha a che fare con l'importanza delle connessioni, e può essere ben illustrato con l'arrivo dei colonizzatori spagnoli nelle Americhe. In breve tempo le connessioni con Madrid divennero più importanti di quelle con l'antica capitale Tenochtitlán .

La concentrazione delle reti nelle città può essere usata come spiegazione per l' urbanizzazione . È l'accesso a determinate reti che attrae le persone. Così come varie reti si uniscono spazialmente in un'area delimitata, la popolazione si riunisce nelle città. Allo stesso tempo questa concentrazione di persone implica l'introduzione di nuove reti, come i collegamenti sociali, e aumenta la creazione di nuove possibilità all'interno delle città. I movimenti sociali urbani sono uno dei diretti risultati di questa possibilità di creazione di nuove connessioni. È l'apertura verso nuove connessioni a rendere le città sia attraenti che - fino a un certo punto - imprevedibili.

Un altro aspetto importante del pensiero urbano moderno è l'osservazione delle divisioni interne alla città. Questa differenziazione interna è collegata alle connessioni esterne della città. Essendo luoghi di incontro della storia, le città sono ibride ed eterogenee. Sono ibride perché le connessioni che uniscono i luoghi sono bilaterali, e implicano un dare e ricevere in ambedue le direzioni. Sono eterogenee per il dinamismo delle città. I nuovi incontri sono processi in divenire, in cui le relazioni sociali e le differenze vengono costantemente negoziate e delineate, riflettendo il potere disuguale coinvolto.

Né le differenziazioni interne né le connessioni e le reti di un luogo definiscono da sole una città. Le divisioni interne sono causate da collegamenti esterni, ma allo stesso tempo i collegamenti verso l'esterno aprono la possibilità di nuove divisioni sociali. Divisioni e connessioni sono intrecciati in ogni città, e si può approcciare la complessità delle città solo considerando ambedue gli aspetti del pensiero spaziale. L' immigrazione illustra efficacemente questa interconnessione delle reti esterne e delle divisioni interne. Le reti concentrate nel cuore della città attraggono gli immigranti. Al suo arrivo il nuovo venuto porta con sé le sue storie, estendendo nuove reti e rafforzando quelle esistenti. Allo stesso tempo la sua storia offre opportunità per identificarsi o similmente per escluderlo. Divisione e collegamento viaggiano mano nella mano. Il pensiero urbano moderno, influenzato dal pensiero post-strutturalista, piuttosto che sradicare queste tensioni e contraddizioni dal costrutto teorico, spiega ambedue gli aspetti. I corpi statici universali sono soppiantati da reti multidimensionali, che consentono fluidità e dinamismo.

Le città globali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Grande città , Metropoli , Megalopoli e Città globale .
Tokyo si perde all'orizzonte

Le città globali sono il centro di snodo per commerci , finanza , attività bancarie , innovazioni e sbocchi economici. Il termine "città globale", che differisce da " megalopoli ", fu coniato da Saskia Sassen in un seminario di lavoro del 1991. Se " megalopoli " si riferisce a città di enormi dimensioni, una "città globale" è invece una metropoli di gran potere o influenza. Le città globali, secondo la Sassen, hanno molto più in comune le une con le altre che con le città coesistenti nella medesima nazione.

La nozione riguarda il potere della città creato al suo interno. È vista come un vero e proprio contenitore dove vengono concentrate abilità e risorse e la città con più successo è proprio quella che riesce a incanalarne una gran parte. Questo la rende più potente in termini di influenza su quel che avviene nel mondo. Seguendo quest'ottica è possibile suddividere le metropoli del mondo gerarchicamente (John Friedmann and Goetz Wolff, "World City Formation: An Agenda for Research and Action", International Journal of Urban and Regional Research 6, no. 3 (1982): 319.).

Chi critica tale considerazione punta sulla differenza di ambiti del potere. Il termine "città globale" si focalizza sull'economia. Città come Roma invece sono potenti da un punto di vista religioso e storico . Inoltre, c'è chi ha avuto da ridire sul fatto che una città in sé potesse esser vista quasi come fosse un attore.

Nel 1995 Kanter introdusse una nuova teoria, ovvero che le città di successo possono essere identificate da tre fattori. Una città deve essere un'abile pensatrice (idee), buona creatrice (competenza) o un'abile commerciante (rete di mercati). L'interscambio tra questi tre elementi dimostra che le buone città non sono progettate ma gestite.

Effetti sull'ambiente

È noto che le città moderne creano un proprio microclima . La causa di ciò è la diffusione nelle stesse di ampie superfici rigide che si scaldano al sole e che incanalano l' acqua piovana in condotti sotterranei. Per questo il clima è spesso più ventoso e più nuvoloso di quanto non sia nella campagna circostante. D'altro canto, poiché tali fenomeni tendono a riscaldare le città rispetto alle campagne (formando il cosiddetto scudo termico cittadino , o isola termica cittadina ), i tornado aggirano spesso gli agglomerati urbani. Inoltre i paesi o le cittadine possono causare effetti meteorologici di un certo rilievo legati alle correnti d'aria.

I rifiuti e le fognature sono due problemi rilevanti per le città, così come l' inquinamento dell'aria proveniente dai motori a combustione interna (v. anche trasporto pubblico ). L'impatto delle città su altri luoghi, siano questi l'hinterland o luoghi più remoti, viene considerato nel concetto di impronta ecologica della città.

La "città interna"

Negli USA e in Gran Bretagna il termine città interna viene usato in alcuni contesti per definire un'area, quasi un ghetto , in cui gli abitanti sono meno istruiti e benestanti e dove il tasso di criminalità è più elevato. Tali connotazioni sono meno comuni negli altri Paesi occidentali, dove aree depresse si riscontrano in parti diverse degli agglomerati urbani. E in effetti si può assistere al fenomeno inverso, con l'afflusso di popolazione alto-borghese in aree centrali della città, originariamente di basso livello (questo fenomeno in inglese viene definito gentrificazione ) - per esempio in Australia la denominazione suburbano esterno si riferisce a persona poco sofisticata nei modi e nel livello culturale. A Parigi il centro della città è la parte più ricca dell'area metropolitana, dove le abitazioni sono più care e dove vive la popolazione a più elevato reddito.

In particolar modo negli USA è diffusa una cultura di anti-urbanizzazione, che alcuni fanno risalire a Thomas Jefferson , che scrisse che "Le folle delle grandi città contribuiscono al supporto del puro governo come le piaghe aiutano la forza di un corpo umano". Parlando degli uomini d'affari che portavano le industrie manifatturiere nelle città, incrementando quindi la densità di popolazione necessaria per fornire forza lavoro, scrisse "i produttori delle grandi città ... hanno generato una tale depravazione nella morale, una tale dipendenza e corruzione che li rendono un'aggiunta indesiderabile a un Paese la cui morale è solida". L'attitudine anti-urbana moderna si ritrova negli Stati Uniti sotto forma di una pianificazione che continua a impegnare aree suburbane a bassa densità di popolazione, nelle quali l'accesso alle attività per il tempo libero, al lavoro e agli acquisti viene fornito quasi esclusivamente attraverso l'uso dell'auto, e non a piedi.

Esiste comunque un movimento crescente nel Nordamerica chiamato "Nuovo Urbanismo", che sostiene un ritorno ai metodi tradizionali di pianificazione urbana, nei quali una gestione a zone di tipo misto consenta agli abitanti di accedere camminando da un tipo di uso dello spazio a un altro. L'idea di fondo è che gli spazi abitativi, dedicate agli acquisti, agli uffici e alle attività ricreative siano disponibili a breve distanza, riducendo la richiesta di strade carrozzabili e quindi aumentando l'efficienza e la funzionalità del trasporto pubblico.

La città collettiva

Nella città contemporanea esistono corpi collettivi in opposizione ad un sistema sociale e politico, che hanno visivamente immaginato e rappresentato un'alternativa che incarna, nella forma stessa del collettivo un modello più partecipativo. Partecipare ha nella sua etimologia due parole di origine latina : pars (parte) e capere (prendere) e significa appunto prendere attivamente parte a qualcosa di più grande della propria persona, come una comunità ad esempio, senza conoscere necessariamente da chi questa sia formata. Le singolarità qualunque [2] , come le chiama Giorgio Agamben , sono in grado di formare nuovi tipi di comunità alle cui basi non sussistono appartenenze regolate da identità , razza , ceto , sessualità e da tutte quelle altre categorie che hanno permesso fino ad oggi allo Stato democratico-spettacolare di articolare il proprio controllo sulla società .

Città artistica

Ricostruendo una breve prospettiva storica dell'intervento artistico nello spazio urbano, subordinatamente al suo coinvolgimento con il corpo collettivo e plurale della città e non alla collocazione di un manufatto in una piazza , non ci stupiremmo di osservare come un elemento ricorrente riguardi l'estrazione sociale di chi rivendica un "diritto alla città" o anche più semplicemente "all'abitabilità". Citando alcuni esempi, dai rom del campo nomadi di Alba di Constant Anton Nieuwenhuys , ai senzatetto di If you lived here di Martha Rosler, vediamo chi espone la propria nuda vita alla dimensione pubblica dello spazio e alle sue implicite privatizzazioni, che ripropone quel conflitto , quello spazio agonistico, sul proprio corpo , dove le limitazioni esistenti nella sfera pubblica si fanno palesi. "I senza casa sono i migliori indicatori di quanto "pubblico" un dato spazio sia" [3] e tanto più i segni di questa urgenza si sono dimostrati nell' estetica della loro gravità, quanto la passività della popolazione è stata forte rispetto alla possibilità di negoziazione che la città post-industriale offriva. Le intuizioni dei Situazionisti, dalla psico-geografia alla deriva, passando per détournement , che nel loro slancio topico erano i sintomi delle problematiche insite nel modernismo , sono tornati per mano degli artisti come strumenti di una negoziazione non più solo possibile, ma necessaria. L'eredità situazionista pare essere stata resa operativa nella città vissuta, non più come un destino ineluttabile, ma come uno spazio lavorativo/operativo a portata dell'abitante.

Cenni storici

Alla fine degli anni 60 , parlando del binomio spazio-potere e rivolgendo la sua analisi alla città come scenario preferenziale di tale atteggiamento Michel Foucault dichiarava "l'ossessione attuale è lo spazio" [4] . Nel 1972, Henri Lefebvre pubblica Spazio e politica che si colloca al seguito delle sue riflessioni precedenti la città, affermando un'urgenza rispetto a quella che definisce "la crisi della realtà urbana". In questo testo Lefebvre afferma: "La città è un'opera, nel senso di un'opera d' arte . Lo spazio non è solo organizzato e istituito, è anche modellato, appropriato da questo o quel gruppo sociale, secondo le sue esigenze, la sua etica e la sua estetica , cioè la sua ideologia " [5] . Con queste parole il sociologo francese prefigura quello che sarebbe stato di lì a poco il campo di operazione preferenziale degli artisti che, prima di altri, cominciano a riflettere sull'importanza del loro intervento sulla città, sulla sua modificazione funzionalistico economica che la sta trasformando dal luogo della vita e della sua narrazione a quello del lavoro e della produzione.

I contesti urbani di quegli anni sono all'apice della loro industrializzazione e l' urbanistica incide, ancora una volta, profondamente sulla segregazione in classi della società, disegnando, sulla scorta del modello americano, separazioni tra il centro della città, sede del commercio, e la città circostante, così carica di conflitti potenziali rimasti inespressi. Spingere all'esterno della città nei suoi sobborghi, il conflitto equivale a privarla della fondante diversità culturale che la costituisce, attraverso la creazione di spazi e quartieri mono culturali che rispondono alla logica della lottizzazione capitalista dello spazio pubblico e hanno l'effetto di aumentare la frammentazione sociale all'interno dello stesso nucleo urbano.

La relazione che corre tra le pratiche artistiche, nel loro attuale rapporto rinnovato con la collettività e la condizione della città contemporanea, può essere definita attraverso l'opera di Christoph Schafer "The City is our Factory". L'artista sintetizza il campo di forze che il quartiere di St. Pauli , ad Amburgo , ha visto nel corso degli ultimi quindici anni, periodo in cui lo spazio pubblico di questo quartiere periferico della ricca città tedesca, è stato oggetto di due opposte visioni: da un lato quello speculativo immobiliare da parte delle amministrazioni e delle multinazionali , dall'altro quello degli abitanti con l'idea di un parco (Park Fiction) che potesse contenere i loro desideri in quello spazio.

Note

  1. ^ Piero Dagradi Carlo Cencini, Compendio di geografia umana , Bologna, Pàtron, 2003.
  2. ^ Giorgio Agamben , La comunità che viene , Bollati Boringhieri, Torino 2011, p. 51.
  3. ^ W. Grasskamp, Art and the City, In Bubmann Klaus e Koening Kasper, Contemporary sculpture, Project in Munster, 1997, p. 18.
  4. ^ M. Foucault, Eterotopia Luoghi e Non-Luoghi Metropolitani, Mimesis, Milano, 1997, pag. 14
  5. ^ H. Lefebvre, Spazio e Politica, Moizzi editore, Milano 1976 pag. 71

Bibliografia

  • Enrico Guidoni, La città europea. Formazione e significato dal IV al XI secolo , Milano, Electa, 1970.
  • Mario d'Angelo, Politica e cultura delle città in Europa , Roma-Bari, Sapere 2000, 2002.
  • Franco Ferrarotti , "Spazio e convivenza. Come nasce la marginalità urbana", 2009, Armando, Roma.
  • Roberto Antonelli, Maria I. Macioti (a cura di), Metamorfosi. La cultura della metropoli , Viella, Roma 2012
  • Enrico Guidoni, La città dal Medioevo al Rinascimento , Roma, Electa, 1981.
  • EA Gutkind, International History of City Development , Londra, 1974/1972.
  • Mario Morini, Atlante di storia dell'urbanistica: dalla preistoria all'inizio del secolo 20 , Milano, Hoepli, 1963.
  • Lewis Mumford , La città nella storia , 1961 , Milano, Bompiani.
  • Francesca Chieli, Il rapporto tra città e territorio nella cultura figurativa del Quattrocento , in Il territorio delle città , a cura di G. Marcucci, Università di Camerino, Archeoclub d'Italia, Sapiens edizioni, Milano, 1995, pp. 83–104.
  • Sonia Paone, Città in frantumi. Sicurezza, emergenza e produzione dello spazio , FrancoAngeli, Milano 2008
  • Anna Lazzarini, "Il mondo dentro la città. Teorie e pratiche della globalizzazione", Milano, Bruno Mondadori, 2013.
  • Gianluca Bocchi, "L'Europa globale. Epistemologia delle identità", Roma, Edizioni Studium, 2014, ISBN 978-88-382-4323-3 .
  • Anna Lazzarini, "Polis in fabula. Metamorfosi della città contemporanea", Palermo, Sellerio editore, 2011.
  • Saskia Sassen, "Le città nell'economia globale", Bologna, Il mulino, 2010, ISBN 978-88-15-13950-4 .
  • John Haywood, "The New Atlas of World History: Global Events at a Glance", London, Thames & Hudson, 2011, ISBN 978-0-500-25185-0 .

Saggi

Voci correlate

Liste

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 1218 · LCCN ( EN ) sh85026130 · GND ( DE ) 4056723-0 · BNE ( ES ) XX525968 (data) · NDL ( EN , JA ) 00573347
Geografia Portale Geografia : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia