Legliz Katolik

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
konpa Dezanbigwigasyon - pou lòt itilizasyon tèm "Legliz Katolik", "Katolik" oswa "Katolik" gade Katolik , Legliz Katolik (dezambigwigasyon) ak Katolik (dezambigwigasyon)
Katedral la nan San Giovanni nan Laterano nan lavil Wòm se manman an ak tèt tout legliz yo Katolik nan lavil Wòm ak nan mond lan [1]
Bazilik Sen Pyè nan Eta Vatikan se pi gwo bazilik nan lavil Wòm. Li te anime de konsèy Vatikan yo, osi byen ke fineray ak pwoklamasyon dènye pap yo.
Francis se Pap aktyèl la

Legliz Katolik (ki soti nan eklezyastik Latin catholicus la , nan vire soti nan ansyen grèk καθολικός , katholikòs , se sa ki "inivèsèl" [2] ) se Legliz kretyen ki rekonèt primasi otorite nan evèk lavil Wòm , kòm siksesè apot la Pyè sou chèz la nan lavil Wòm . Fidèl li yo rele kretyen Katolik.

Fòme pa 24 Legliz sui iuris , Legliz Latin lan nan Lwès la ak 23 Legliz nan rit lès la [3] [4] , ki nan kominyon avèk Pontif la , non an raple inivèsalite Legliz la ki te fonde sou predikasyon Jezi Kris la. ak nan Apot li yo , ki te konstitye pa " Pèp Bondye a " nan vire ki te fòme pa " tout nasyon ki sou latè " [5] , ki te deklare yo ap viv pafètman nan legliz la vizib òganize Katolik, ak nan kominyon an nan batize a ( pa tache pa peche erezi oswa apostazi ) san sepandan refize, omwen kòmanse nan Dezyèm Konsèy èkumenik Vatikan an , prezans nan eleman nan verite nan lòt legliz yo kretyen separe de li ak ki li kwè olye ke li dwe pouswiv yon aksyon èkumenik [ 6] ak rekonesans an nan valè espirityèl prezan nan lòt relijyon [7] .

Fòmil Latin lan sibsistite nan , ki te itilize pa Lumen gentium , te sijè a nan entèpretasyon miltip ak imedyatman klarifye nan siyifikasyon natif natal li yo pa dyalòg ki genyen ant Konferans Evèk Panyòl yo ak Kongregasyon pou Doktrin nan Lafwa a [8] [9] [10 ] , ak nan deklarasyon Dominus Iesus la . [11] Selon demografik, nan mitan legliz yo kretyen, nan 2007 li te gen pi gwo kantite fidèl atravè lemond, sou 1.2 milya dola, ak yon pousantaj segondè nan Ewòp ak Amerik yo . [12]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Krisyanis la .

Si atansyon yo peye pi wo a tout devlopman nan enstitisyon sivil nan Ewòp, ak relasyon yo nan Legliz la avèk yo, Lè sa a, 4 faz nan istwa a nan Legliz la yo konvansyonèlman distenge:

Deskripsyon

Karakteristik

Imaj devosyonèl nan Jezi Kris la , nan ki Legliz la konsidere tèt li lamarye a

Karakteristik prensipal la manti nan sa yo rele primati a nan St Pyè oswa Petrine ki anpil karakterize li depi orijin yo nan premye kominote yo kretyen ki leve apre lanmò nan Jezi Kris la. Konstitisyon dogmatik sou Legliz Lumen Gentium nan Dezyèm Konsèy Vatikan an deklare ke "yon sèl legliz Kris la , ki nan Kwayans apostolik la, ki se Kwayans lan , nou pwofese yon sèl, apa pou Bondye, katolik ak apostolik, e ke Sovè nou an, apre li rezirèksyon , te bay Pyè manje (cf. Jn 21:17 [13] ), konfye l 'ak lòt apot yo difizyon ak konsèy nan mond sa a konstitye ak òganize kòm yon sosyete, viv nan Legliz Katolik, gouvène pa siksesè a nan Pyè ak pa evèk yo nan kominyon avè l '"( Lumen gentium , n. 8).

Nan Levanjil Matye a gen sa yo rele "Konfesyon Pyè a", ki se zak fòmèl la ak ki Kris la, dapre doktrin Katolik, bay Apot Simon nouvo non an nan "Sefas" (nan Aramayik "wòch", ki kote "Pyè"), kidonk konstitye Apot la kòm fondasyon ki sou estrikti a nan Legliz la ta dwe bati, ak konfye l 'ak "kle yo nan Peyi Wa ki nan syèl la" (ki, dapre lang rabenik, ta vle di envesti l' ak otherworldly pouvwa), ta envesti "Prince la nan Apot yo" nan otantik otantik ak plen jidisyè sou tout Legliz la, jan sa te afime nan yon fason patikilye pandan Premye Konsèy Vatikan an . Otorite sa a atribye siksesè yo nan Apot Pyè a sou fòtèy la nan lavil Wòm (Pap yo), tit la nan "vikè Kris la", se sa ki, vre ak bon reprezantan Bondye sou latè.

Legliz Katolik etabli jou aktyèl li nan nesans osi bonè ke Pak maten [14] , lè Kris la leve soti vivan te fè tèt li manifeste bay fanm yo ak apòt yo. Depi Apot yo te resevwa Sentespri a nan jou Lapannkòt la li te akonpli enperatif misyonè Jezi a:

Ale epi fè disip nan tout nasyon, batize yo nan non Papa a, Pitit la ak Sentespri a, anseye yo pou yo obsève tout sa mwen te kòmande nou yo. " ( Mt 28,19-20 , sou laparola.net . )

Gaye li yo te rapid ak kontinyèl nan anpil zòn nan Anpi Women an , menm si li te rekonèt kòm legal sèlman nan katriyèm syèk la ak edikte nan Milan pa Constantine I. Kapasite li nan konvèti te tou akòz lefèt ke li te vle manifeste relijyon li pa tankou yon kwayans ki asosye sèlman ak yon moun patikilye (tankou yon jwif yo ), men prezante tèt li kòm yon ecclesia , yon kominote kwayan ouvè a tout moun. , kèlkeswa sa ki nan tout moun. Ekspresyon yon "relijyon inivèsèl", ansèyman l 'yo, nan ki li te vin entèprèt la nan lwa natirèl la moral , te epi li adrese, pi lwen pase divizyon yo nan klas, ras, sèks [15] ak nasyon, bay tout moun [16] .

Legliz Katolik la egziste nan fòm aktyèl nan Legliz la gouvène pa evèk la nan lavil Wòm , Pap la , ak pa tout evèk yo nan kominyon avè l '; anseye ke "pèp Bondye a rete yon sèl ak sèlman dwe pwolonje nan lemonn antye ak nan tout syèk" e pou rezon sa a "Legliz Katolik [...] gen tandans rekapitile tout limanite [...] nan Kris la tèt la nan inite Lespri li a. " [17]

Katechis Legliz Katolik la , Annuaire Pontifical la , Kòd Lwa Kanonik ak Kòd Kanon Legliz Lès yo kolekte ansèyman ak metòd òganizasyon Legliz Katolik la.

Doktrin

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Doktrin nan Legliz Katolik , Trinite (Krisyanis) ak Bondye vin delivre (relijyon) .
Krisifiks la , imaj la nan Jezi ap soufri sou kwa a , gaye nan legliz la Katolik Latin espesyalman apre ane a 1000 ( Croce di Lucca pa Berlinghiero Berlinghieri , alantou 1230-1235)

Legliz Katolik afime egzistans lan nan yon sèl Bondye nan twa moun distenk ak konsistans, Papa, Pitit ak Sentespri, kreyatè nan linivè a ak bayè nan lavi ak bon. Nonm, ki te kreye nan imaj ak pòtre ak Bondye, se doue ak volonte gratis , se sa ki, li se kapab chwazi ant bon ak sa ki mal . Bondye ta pwogresivman revele tèt li epi etabli yon alyans premye ak pèp Izrayèl la ak Lè sa a, atravè pèp Izrayèl la bay tout pèp pote alyans lan nan plen pwogrè nan Jezikri Mesi a , Pitit Bondye a nan nati a menm jan ak Papa a; Li ta konsa te akonpli Ansyen Lwa a, li pote nouvo Sali a bay tout pèp, avèk yon nouvo Kontra.

Bib la , konbine avèk "Tradisyon Apostolik la", se sous "Revelasyon": yon imaj Bib Gutenberg la, premye Bib enprime (ki baze sou tèks Vulgata a , Bib la tradui an laten pa St Jerome nan 5yèm syèk la)

Travay Jezikri a ap kontinye nan Legliz Katolik la, gide pa Sentespri a ak enstiti pa Bondye pou delivre tout pèp yo.

Misyon Legliz la egzèse avèk ansèyman yo , lapriyè, liturji ak administrasyon sakreman yo nan ki Bondye ofri favè Bondye kòm yon kado. Revelasyon transmèt, dapre Legliz Katolik la, atravè Ekriti ak Tradisyon [18] . Pou devlopman ak ekspozisyon doktrin lan, kanon yo nan 21 konsèy èkumenik yo konsidere kòm autorité, ki sèt premye yo se an komen ak legliz yo lès, ak ekri nan Liv la nan Papa yo nan Legliz la ak Magisterium a òdinè, ak ki Pap la anseye nan kalite siksesè Pyè.

Ou ka jwenn yon sentèz modèn nan tout doktrin Katolik nan Katechis Legliz Katolik la , dènye vèsyon an ki te trase moute nan 1992 anba Pap Jan Pòl II pa yon komisyon ki gen nan tèt li Kadinal Joseph Ratzinger, Pap Benedict XVI depi 2005. Nan 2005 Compendium nan nan katechèz a te pibliye, ak fòmil la nan kesyon ak repons pou yon konpreyansyon pi plis ajil. Lafwa Katolik la kondanse nan senbòl apostolik ki rezime verite prensipal kwayans li yo.

Litiji

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sentsèn ak liturji nan èdtan yo .

Litiji a se adorasyon piblik legliz la. Li konsiste de sakreman yo ak lapriyè piblik, dapre fèt yo nan ane a litijik . Fòm yo te varye anpil sou syèk yo, epi, jouk rit ane swasant yo nan ventyèm syèk la , nan Women yo ak legliz Katolik Rit Ambrosian li te selebre sèlman nan Latin , ki se poukisa Legliz Katolik Lwès la te rele tou Legliz Latin lan. Anplis Rit Women an, pa lwen pi toupatou a, gen toujou lòt rit Latin, konsève nan kèk zòn:

Liturji a varye selon rit yo ak fanmi litijik : pi toupatou, espesyalman nan Lwès, se rit Women an , ki se tou ki pi popilè nan peyi Itali .

Legliz Katolik la selebre ekaristik la oswa mas (apa pou Bondye), espesyalman nan dimanch ak lòt jou ferye kòm yon selebrasyon solanèl ak fèstivite nan " rezirèksyon Kris la ", konsidere kòm yon konsekans dirèk nan sèvis ofrann bèt l 'sou Zo bwa Tèt. Mass jou lasemèn yo selebre chak jou apa de Vandredi Sen ak Samdi Sen ( jou aliturgical ).

Yon lòt poto nan lapriyè litijik se liturji a nan Orè yo (oswa biwo diven), ki gen ladann nan "konsekrasyon an" nan èdtan kanonik pandan jounen an ak lannwit. Orè prensipal yo se Laud ak Vèsè , respektivman maten ak aswè lapriyè. Priyè yo konpoze sitou de sòm . Youn a twa peryòd lapriyè entèmedyè (Twazyèm, Sizyèm, ak Nevyèm) ak yon lòt lapriyè apre solèy kouche ( Konplete ) ka ajoute, ak yon lòt peryòd varyab konsakre sitou nan lekti Bib ak Papa Legliz yo . Kòm pou mas la , te liturji a nan èdtan yo enspire konpozisyon mizik enpòtan soti nan chan gregoryen nan polifoni , jiska òkestrasyon yo konplèks nan laj la barok .

Rit Women an se byen lwen pi toupatou nan Legliz Katolik la. An 2007 Benedict XVI dekrete [19] ke gen de fòm: fòm òdinè a (pou Mass la Missal Women nan Dezyèm Konsèy Vatikan an pibliye an 2002) [20] ak fòm ekstraòdinè a (pou Mass la Women Missal Konsèy la nan Trent , pibliye an 1962) [21] Pwovizyon sa a te revoke nan 2021 pa Pap Francis , ki moun ki te deklare: "Liv yo liturjik pibliye pa Sentespri Pontif yo Pòl VI ak Jan Pòl II, an akò avèk dekrè yo nan Konsèy la Vatikan Dezyèm, se ekspresyon sèlman nan lex orandi nan Rite Women an ". [22]

Marian kil

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Marioloji .
Lady nou an , ki moun ki souvan wè sa tankou imaj la anpil nan Legliz la ki veye Jezi nan tèt li [23]

Legliz Katolik te tou premye ak pi gwo sant nan adore nan direksyon pou Mari , Manman Jezi a. Kilt la nan Mari te prezan nan liturji a nan Legliz la depi nan konmansman an, tou de kòm yon objè nan venerasyon nan tèt li, ak kòm yon trè eleman pwisan nan lapriyè Bondye avèk Jezi Kris la. Anplis de sa, Maria se tou wè sa tankou yon modèl imitasyon. [24]

Soti nan pwen de vi istorik la, travay li nan medyasyon ant limanite ak Kris la eksplike pa envestiti a li te resevwa nan men Jezi sou kwa a, lè li te "bay" bay moun yo fè yo santi yo pi pre l '. Espesyalman apre Asansyon Jezi a , Mari te rete pwen referans pou kominote kwayan ki fèk fèt yo, prezève inite li devan nouvo defi ak dezakò potansyèl ki te karakterize premye epòk kretyen an. Kilt la nan direksyon pou Vyèj la beni Lè sa a, ogmante jiskaske li rive nan yon difizyon remakab apre Konsèy la nan lavil Efèz ( 431 ), ki ofisyèlman rekonèt li kòm "Manman Bondye" ( Theotókos ).

Nan egzòtasyon Marialis Cultus nan Pap Pòl VI nan 1974 , endikasyon sa yo yo bay kil la nan Mari: li dwe trase otank posib soti nan ekriti yo Sentespri , li dwe mete l nan sik anyèl la nan liturji eklezyastik, li gen yon èkumenik oryantasyon (ki vize pou ankouraje inite kretyen yo), epi li sanble ak Mari kòm yon modèl jenn fi, manman ak lamarye. Nan egzòtasyon an tou gen deskripsyon ak sijesyon sou lapriyè nan Rosary Sentespri a , youn nan egzèsis prensipal yo nan ki Legliz la manifeste devosyon li nan Mari; Jan Pòl II retounen nan kolye a ak lèt ​​apostolik Rosarium Virginis Mariae nan 2002 pou ajoute nan kenz mistè tradisyonèl yo nan kè kontan, doulè ak tout bèl pouvwa, senk "mistè nan limyè" konsènan lavi piblik la nan Jezi ( Batèm , maryaj nan Kana , Predikasyon nan Peyi Wa a , transfigurasyon , Enstitisyon nan ekaristik la ). Jan Pòl II nan 1986 tou te gen yon nouvo misal pibliye ki gen ladan mas espesifik yo dwe dedye a Vyèj la beni.

Relasyon ak lòt konfesyon kretyen

Nan 21 konsèy èkumenik yo rekonèt pa Legliz Katolik la, sèt premye yo aksepte pa Legliz Orthtodòks yo nan tradisyon Bizanten an, fanmi Legliz Orthtodòks "pre-Chalcedonian" yo rekonèt twa premye yo ak kretyen nan tradisyon nestoryen an sèlman de premye yo. .

Dyalòg la te montre ke byenke separasyon an te pran plas anpil syèk de sa, diferans ki genyen nan doktrin pi souvan konsène fòmil ak rituèl pase eleman solid.

Emblematik se Deklarasyon an komen kristolojik ant Legliz Katolik la ak Legliz la lès peyi Lasiri [25] ki te siyen pa "Sentete li Pap Jan Pòl II , Bishop nan lavil Wòm ak Pap nan Legliz Katolik la, ak Mar Dinkha IV , Patriyach nan Legliz la lès peyi Lasiri " 11 novanm 1994 .

Diferans ki genyen ant de legliz yo vire toutotou pwoblèm ansyen tankou dispit la sou lejitimite nan ekspresyon "Manman Bondye a" oswa "Manman Kris la" konsènan Mari ki parèt nan Gran Konsèy la nan lavil Efèz nan 431. Pandan ke tradisyon an nan Legliz Katolik sèvi ak tou de ekspresyon, Legliz la Assyrian refere a Mari kòm "Manman Kris la, Bondye nou an ak Sovè". Deklarasyon an deklare ke tou de legliz yo rekonèt tou de nati imen ak diven Jezi e ke "nou tou de rekonèt lejitimite ak jistès nan ekspresyon sa yo nan menm lafwa ak respè preferans yo nan chak legliz nan lavi litijik li yo."

Konfli yo pi gwo enkyetid rekonesans an nan primas papal ak krentif pou ke sendika a eklezyal pral rezilta nan yon absòpsyon nan legliz yo ki pi piti pa nimerik pi gwo eleman Latin nan Legliz Katolik la ak mete sou kote a oswa abandon nan pòsyon tè ansyen ak rich teyolojik, litijik ak kiltirèl. Anplis de sa, konfli yo konsène kil la ak adorasyon nan pen mete apa, kil la nan pèp Bondye a ak Madonna la.

Martin Luther , teyolojyen Alman an ki te inisye chisme Pwotestan an

Gen anpil pi gwo diferans ak doktrin yo nan Legliz yo Refòme , ki Katolik kwè ke yo te kase ak tradisyon nan tan lontan an pandan ke yo, pou pati yo, kwè lavil Wòm te kase ak ansèyman yo nan apòt yo , menm jan yo sòti nan Nouvo Testaman . Sepandan, menm avèk Legliz sa yo dyalòg la te kòmanse omwen soti nan Konsèy Vatikan Dezyèm lan, pandan ke kèk diferans yo te atenye ak senplifikasyon nan rit la nan Mass la, gaye nan Bib la , komen rechèch istorik la.

Depi 2009 Legliz Katolik la, ak konstitisyon apostolik Anglicanorum coetibus ki te siyen pa Benedict XVI , te olye louvri pòt li bay fidèl yo nan Legliz Anglikan la ki vle antre nan kominyon ak lavil Wòm , ak kreyasyon an nan òdinè pèsonèl ki prezève eritaj litijik ak espirityèl la. nan Legliz la nan Angletè. Ouvèti sa a te entèprete pa pifò kòm yon tantativ pou retabli inite ak tradisyonalis Anglikan yo, ki te chape soti nan Legliz la nan Angletè, kòm opozan sou ouvèti Prètriz la bay fanm yo ak sou lòt pwoblèm kontwovèsyal. [26]

Resous ekonomik

Li nesesè yo fè distenksyon ant Eta a Vatikan ak Legliz yo endividyèl lokal yo, ki gen evèk yo nòmalman òganize nan sinod yo nan legliz yo lès, nan konferans yo Episkopal nan rit la Latin ak nan kò menm jan an.

Eta a Vatikan se administre pa Prefecture a pou Afè Ekonomik , ki kontra ak jesyon finansye a nan pi piti eta a souveren nan mond lan.

Sous prensipal revni yo se:

Konferans Nasyonal Episkopal yo poukont yo jere bidjè Legliz la nan divès peyi yo, kolekte don nan men fidèl yo epi, nan kèk peyi, benefisye de finansman leta. Nan peyi Itali, dapre konkordat 1984 la , chak sitwayen ka chwazi pou peye 8 pou chak mil nan taks sou revni pèsonèl nan konferans lan Episkopal Italyen (plis pase yon milya dola ero nan 2016 ) [28] oswa nan lòt konfesyon relijye ki te konkli ak la Akò Eta ki bay fòm sa a nan finansman. [29] [30] .

Kontribisyon 8 pou chak mil pa itilize pou finanse Eta Vatikan an, men yo itilize li pou sipò legliz la ak pou adore ak depans charitab nan konferans episkopal Italyen an, ki gen yon kont ki disponib ak distribisyon an. [31] Anplis de sa, règleman taks kounye a bay pou konsesyon (tankou ekzanpsyon ICI, rediksyon 50% nan IRES, IRAP konsesyon) pou enstitisyon relijye, lopital ak edikasyon, ki gen ladan moun ki depann sou Legliz Katolik la. Anplis de sa, gen sitiyasyon patikilye nan benefis akòz ekstraterritoryalite a nan kèk byen Vatikan. Anpil nan revni yo nan Sentespri a yo bay popilasyon ki bezwen èd nanKonsèy Pontifikal "Cor Unum" [32] .

Valè a nan byen yo byen imobilye nan Legliz Katolik la, atravè lemond, se alantou 2,000 milya dola ero. Nan peyi Itali, li estime ke apeprè 15% nan valè total la nan byen imobilye apatni a Legliz Katolik la. [33] [34] [35]

Kritik

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: kritik Legliz Katolik la .

Pandan syèk yo Legliz Katolik la te akize de divès kalite, tou de nan yon pwen de vi relijye ak politik [36] . Nan premye syèk yo nan Krisyanis, akizasyon yo te soti nan ti sèk popilè yo nan relijyon tradisyonèl greko-Women an, nan enfantisid ak ensès ; nan Mwayennaj yo , ki soti nan gwoup pòv , pou yo te abandone opsyon Jezi a an favè pòv yo; avèk Pwotestantis , pou yo te pèvèti doktrin yo pi bon nan tan lontan ak nan Bib la (sant nan aktivite nan refòmatè yo); avèk Syèk Limyè a ak pozitivis te gen akizasyon nan obscurantism , se sa ki, nan vle anpeche triyonf la nan rezon premye ak Lè sa a, nan syans, egzanp nan enstitisyon ak epizòd tankou enkizisyon a , jijman an nan Galileo Galilei ak Giordano Bruno . Larisi Kominis Trotsky a , site liberal angle a Lloyd George , defini Legliz Women an kòm "pisan mezon dacha komèsyal la nan konsèvatis". Legliz Katolik la te akize, menm pa Nazi yo, pou yo te yon òganizasyon omoseksyèl [37] , espesyalman konsènan lavi relijyeu; pandan y ap soti nan dezyèm mwatye nan ventyèm syèk la nan mitan akizasyon ki pi komen yo se sa yo ki gen rapò ak istwa a nan relasyon ak Jidayis , omofobi ak chauvinism gason nan enstitisyon Katolik.

Dènyèman, te dekouvèt la nan zak pedofili komèt pa kèk klèje omoseksyèl mennen nan epidemi an nan eskandal pedofili prèt yo , nan Etazini yo ak nan peyi Itali tou. [38]

Pap Jan Pòl II te rekonèt piblikman ke te gen manm tou de nan mitan fidèl laik yo ak nan mitan legliz la (ki gen ladan evèk ak pap) ki te koupab e envoke padon Bondye ak lèzòm pou peche "timoun yo ak pitit fi yo nan Legliz la ”, Tou de ak konsiderasyon aksyon ak omisyon. Sou, 12 jiyè 2008, nan okazyon an nan vwayaj apostolik li nan Ostrali, bay moun ki mande l 'si li ta eskize, Benedict XVI reponn [39] :

“Nou pral fè tout sa ki posib pou klarifye sa ansèyman Legliz la ye epi pou ede nan edikasyon, nan preparasyon pou prètriz la, nan enfòmasyon epi n ap fè tout sa ki posib pou geri ak rekonsilye viktim yo. Mwen panse ke sa a se sans fondamantal nan "eskize". Mwen panse ke kontni fòmil la pi bon e pi enpòtan e mwen panse ke kontni an ta dwe eksplike ki konpòtman nou te manke nan, ki sa nou bezwen fè kounye a, ki jan yo anpeche ak ki jan yo geri ak rekonsilye. "

Sou 20 jiyè ki vin apre a, Pap la selebre Mass ak yon gwoup viktim, ki gen evènman tris li Lè sa a, koute avèk atansyon. [40] Epitou nan okazyon Mès la pou konklizyon Ane pou Prèt yo nan 11 jen 2010, Pap Benedict XVI repete ekskiz li bay viktim yo [41] :

"Nou menm tou nou ensiste mande pou padon nan men Bondye ak moun ki enplike yo, pandan ke nou gen entansyon pwomèt ke nou vle fè tout sa ki posib pou tankou yon abi pa janm ka rive ankò"

Finalman, gen kritik ki repete konsènan relasyon ki genyen ant kèk eta ak Legliz Women an: an patikilye, gen kiltirèl, ideolojik ak fil politik ki konteste enfliyans nan egzèse pa yerachi yo Katolik sou gouvènman yo nan divès peyi nan chwa etik-moral yo. Soti nan fil sa yo, Legliz Katolik la, tankou tout asosyasyon pro-lavi oswa lòt relijyon relijyon, yo konsidere kòm yon obstak nan kèk rechèch syantifik, tankou sa yo ki mande pou yo sèvi ak anbriyon jwenn selil souch anbriyon, ak konsiderasyon an nan chwa sèten kòm dwa sivil.ak enpak etik enpòtan, tankou divòs , revokasyon volontè nan gwosès , maryaj menm sèks , adopsyon pa koup menm sèks ak itilize / difizyon nan metòd kontraseptif . Lòt Legliz kretyen (tankou kèk legliz Pwotestan), nan peyi Itali ak nan lòt peyi yo, gen yon vizyon diferan sou kèk nan pwen sa yo, menm jan tou sou separasyon ki genyen ant Eta a ak konfesyon relijye (" Sekularite nan Eta a ").

Denominasyon Legliz Katolik la

Pou konprann non "Legliz Katolik", li nesesè pou klarifye premye ki sa "Katolik" vle di.

Tèm Katolik la

Gen twa siyifikasyon prensipal nan tèm "Katolik la": etimolojik, konfesyon, teyolojik.

  • Etimolojikman, tèm "Katolik la" soti nan grèk καθολικός , ki byen vle di "konplè", "tout ansanm". Sa a se siyifikasyon an premye nan tèm nan, kòm li se te fè eksplisit nan Kwayans nan Nicene : "Mwen kwè ke yon sèl, apa pou Bondye, katolik , legliz la apostolik ...". Avèk sa a, tout kretyen kwè ke Legliz la se "inivèsèl" , se sa ki, rele pa fondatè li a gaye inivèsèl nan mesaj la.
  • Avèk separasyon yo nan Legliz orijinal kretyen an, ki te pran plas deja nan premye syèk yo, men Lè sa a, vin pi mal ak separasyon an soti nan kretyen Oryan an (1054) ak ak Refòm Pwotestan nan sèzyèm syèk la, tèm nan "Katolik" te pran sou yon " konfesyonèl "sa vle di, yo endike ke pati nan Legliz la kretyen, fidèl a Evèk la ak Pap ki nan lavil Wòm, epi ki rekonèt nan li otorite sipwèm nan Legliz la.
  • Sa pa vle di ke anpil konfesyon kretyen itilize tèm "Katolik la" nan referans a tèt yo an relasyon ak Legliz la inivèsèl, pandan y ap bay tèm nan diferan siyifikasyon teyolojik.

Tèm nan parèt la pou premye fwa ak Ignatius nan Antiòch (1st syèk) ki adrese kominote a nan Smyrna: "Ki kote Jezi Kris la, gen Legliz Katolik la" ( Ad Smyrnaeos , 8).

Istwa non Legliz Katolik

Nan tan lontan Legliz Katolik te vle di tout kretyen ki gen doktrin te konsidere kòm Otodòks; Agostino d'Ippona scrisse nel 397 riguardo ad alcune Chiese che considerava eretiche [42] :

«[...] lo stesso nome di Cattolica, che, non senza un motivo, solo questa Chiesa ha ottenuto in mezzo a numerosissime eresie, per cui, benché tutti gli eretici vogliano dirsi cattolici, tuttavia se uno domanda a qualche straniero dove si riunisca la Cattolica, nessuno degli eretici ha l'ardire di mostrare la sua basilica o la sua casa.»

( Agostino d'Ippona, Contro la lettera di Mani , verso 4 )

Fino all' anno Mille , prima dello scisma d'Oriente ( 1054 ), con il termine Chiesa cattolica si identificava l'intera Chiesa orientale e occidentale, e prima della Riforma protestante il termine "cattolico" non aveva assunto anche il significato confessionale che ha avuto dal concilio di Trento , che può essere considerato l'evento che ha formato la fisionomia moderna della Chiesa, anche in rapporto alle altre confessioni cristiane.

Oggi, in verità, tutte le Chiese cristiane che riconoscono il simbolo niceno-costantinopolitano si professano parte dell' una, santa, cattolica ed apostolica chiesa , non intendendo con questo la chiesa cattolica come confessione. In conseguenza del significato odierno del termine cattolico alcune chiese protestanti preferiscono la dizione Chiesa universale e aggiungono l'attributo romana alla dizione della Chiesa cattolica.

Uso della denominazione romana

La Chiesa cattolica venne reputata romana riguardo alla dimensione unitaria e direttiva della Chiesa di Roma per tutte le chiese particolari che compongono la Chiesa cattolica genericamente intesa. Fu cioè denominata "romana cattolica" essendo concepita come fondazione di una dimensione ecclesiale in cui essa si svelava madre e maestra delle chiese particolari.

Secondariamente poi il nome di Chiesa cattolica romana appare nel linguaggio ecclesiale definito e stabilito della chiesa romana medesima anche per identificare la chiesa cattolica nel suo rapportarsi alle chiese separate. Così il termine di Chiesa cattolica romana si diffonde ulteriormente dopo delle divisioni causate dagli scismi irrisolti nella compagine della grande Chiesa del millennio precedente, anche per ribadire un senso e una direzione dell'unità da ritrovare.

Cupola della Basilica di San Pietro , uno dei simboli della Chiesa di Roma

Recentemente si è pure diffuso l' anglicismo Chiesa cattolica romana , derivato dall'inglese Roman Catholic Church . Questa denominazione aveva originariamente un significato polemico ed era intesa come un ossimoro dichiarante la limitazione geografica alla pretesa di universalità della Chiesa cattolica, oltre che essere analoga alla denominazione geografica di alcune chiese di stato protestanti. In realtà il termine vi risulta sottostimato, poiché la Chiesa cattolica romana è formata dalla Chiesa di Roma insieme a tutte le chiese particolari, orientali e occidentali.

L' Oxford English Dictionary , autorità in fatto di lingua inglese , dava la seguente spiegazione della locuzione «Roman Catholic» nel suo contesto culturale protestante, nella sua versione dell'inizio del XX secolo [43] :

«L'uso di questo termine composto in luogo di Romano, Romanista o Romista, che hanno acquisito un significato spregiativo, sembra essere comparsa nei primi anni del XVII secolo . Per ragioni diplomatiche è stato usato nei negoziati con Spanish Match ( 1618 - 1624 ) e appare in documenti formali legati a questo stampati da Rushworth (I, 85-89). Dopo quella data fu adottato generalmente come un termine non controverso ed è stato riconosciuto legalmente anche in designazioni ufficiali, sebbene nell'uso ordinario il singolo termine "Cattolico" sia utilizzato molto di frequente.»

( New Oxford Dict., VIII, 766 )

L'uso della re-interpretazione anglicana del termine "cattolici romani" ha in realtà un'origine più antica; uno scrittore di simpatie puritane, Percival Wiburn , usò il termine « Roman Catholic » ripetutamente nel suo articolo Checke or Reproofe of M. Howlet (in risposta a un gesuita che aveva scritto sotto lo pseudonimo di Howlet); scrisse ad esempio «voi cattolici romani che chiedete tolleranza» (p. 140), «parlous dilemma or streicht in cui voi cattolici romani siete stati portati» (p. 44).

Robert Crowley , anglicano, nel suo libro A Deliberat Answere , pubblicato nel 1588 , pur adottando in preferenza termini quali «cattolici romisti» o «cattolici papisti», scrisse anche al riguardo: « who wander with the Romane Catholiques in the uncertayne hypathes of Popish devises » (p. 86).

Altri scritti simili risalenti al periodo poco successivo alla riforma protestante mostrano come termini quali «romano» fossero usati indifferentemente insieme a «papista» da parte di protestanti che rifiutavano l'uso del termine «cattolico» per definire i soli cristiani che riconoscevano l'autorità del papa.

Alcune Chiese cristiane utilizzano comunque il nome Chiesa cattolica anche in discorsi formali e in documenti da esse sottoscritti, ad esempio i documenti scritti in comune dalla Chiesa cattolica e dalla Federazione Mondiale delle Chiese Luterane [44] e nelle "Comuni dichiarazioni cristologiche tra la Chiesa Cattolica e la Chiesa assira orientale " [45]

Altre Chiese cattoliche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica (disambigua) .

Molte altre chiese cristiane si definiscono «Chiesa cattolica» o una sua parte, tra queste la Chiesa ortodossa d'oriente , la Chiesa ortodossa d'occidente, le Chiese anglicane , la Chiesa cattolica tradizionalista e altre chiese cristiane.

Fra queste vi è la Chiesa vetero-cattolica che, pur riconoscendo il primato del papa, come successore di Pietro, non ne riconosce l' infallibilità e non è dunque in piena comunione con Roma. Le Chiese vetero-cattoliche si separarono infatti da Roma a seguito del concilio Vaticano I .

Sono da annoverare inoltre le comunità cattoliche in dissenso verso la Santa Sede come la Fraternità Sacerdotale San Pio X , che si rifà al patrimonio ecclesiale liturgico e teologico cattolico fino al Concilio Vaticano II.

Altre definizioni

Per indicare l'uno o l'altro aspetto della propria dottrina, la Chiesa cattolica dà di sé stessa anche altre definizioni, non esaustive, come ad esempio gli appellativi Corpo mistico di Cristo , Popolo di Dio , Sacramento universale di salvezza (cf. Catechismo della Chiesa cattolica , 748-810).

Organizzazione ecclesiastica

Suddivisioni territoriali

La Chiesa cattolica è composta da tutti i suoi battezzati , e da un punto di vista territoriale è suddivisa in sedi chiamate diocesi nella Chiesa latina ed eparchie nelle Chiese orientali .

Alla fine del 2011 il numero delle circoscrizioni ecclesiastiche era di 2.966 ( Annuario Pontificio del 2012). [46] Alle diocesi si affiancano altre forme di chiesa particolare come le prelature (sia territoriali sia personali ) gli ordinariati o le amministrazioni apostoliche .

Le diocesi e normalmente anche le altre circoscrizioni sono affidate a un vescovo ( eparca per le eparchie), che è considerato successore degli apostoli . A capo del collegio dei vescovi sta il vescovo di Roma, il papa , che è considerato il successore dell'apostolo Pietro .

Ogni diocesi è suddivisa in parrocchie , rette da un parroco o da un amministratore parrocchiale . Con il concilio di Trento ( XVI secolo ) venne data grande importanza anche alle parrocchie rurali, mentre più anticamente erano state le pievi , raggruppamenti di paesi intorno al centro più grande della zona, a segnare la divisione delle diocesi.

Chiese e riti cattolici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa particolare , Diocesi e Chiesa sui iuris .
Il patriarca Elias Boutros Hoayek ei vescovi della Chiesa maronita riuniti a Roma, 1906

La Chiesa cattolica è costituita dalla comunione di diverse Chiese sui iuris (distinte per forme di culto liturgico e pietà popolare, disciplina sacramentale e canonica, terminologia e tradizione teologica):

Diversamente dalle "famiglie" o "federazioni" di Chiese formate dal riconoscimento mutuo di corpi ecclesiali distinti, la Chiesa cattolica si considera un'unica chiesa incarnata in una pluralità di chiese locali o particolari, in quanto «realtà ontologicamente e temporalmente preesistente a ogni chiesa individuale particolare». [48]

La Chiesa cattolica riconosce grande importanza alle chiese particolari, la cui importanza teologica è stata evidenziata dal Concilio Vaticano II; il termine Chiesa particolare ha due usi distinti:

  • può riferirsi a una diocesi , che nel Decreto sulla pastorale dei vescovi Christus Dominus viene descritta come: «una porzione del popolo di Dio affidata alle cure pastorali del vescovo, coadiuvato dal suo presbiterio, in modo che, aderendo al suo pastore, e da questi radunata nello Spirito Santo per mezzo del Vangelo e dell'eucaristia, costituisca una Chiesa particolare nella quale è presente e opera la Chiesa di Cristo, una, santa, cattolica e apostolica»; [49]
  • oppure a una chiesa sui iuris che si differenzia per una maggiore autonomia come riconosciuto dal concilio Vaticano II nel decreto sulle chiese cattoliche orientali Orientalium Ecclesiarum [50] che riconosce le chiese o riti particolari .

Circoscrizioni ecclesiastiche

Vi sono le seguenti circoscrizioni ecclesiastiche:

L'Ordine sacro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ordine sacro e Ordini minori .
Preti cattolici a Roma

La struttura ecclesiastica cattolica è organizzata secondo tre gradi del sacramento dell' ordine sacro . In ordine crescente di pienezza essi sono:

  • Diacono , collabora con il vescovo e con i presbiteri nella modalità del servizio.

Questi ordini (insieme, in passato, agli ordini minori ) costituiscono nel complesso il clero ;

  • Presbitero (o prete, o sacerdote), collabora con il vescovo come suo sostituto;
  • Vescovo , che rappresenta la successione degli apostoli .

A coloro che hanno ricevuto il sacramento dell'ordine possono poi essere conferiti altri titoli e cariche che non hanno valore sacramentale, ma onorifico o inerente all'ufficio come, ad esempio: cardinale , arcivescovo, monsignore. Lo stesso si può dire del papa che è, dal punto di vista sacramentale, un vescovo.

Ai tre gradi dell'ordine sacro corrispondono diversi munera ossia poteri quanto alla celebrazione, alla potestà di governo e all'annuncio del Vangelo.

Il diacono svolge eminentemente funzioni di servizio nel ministero dell'altare, della parola e della carità. Può celebrare il sacramento del battesimo e del matrimonio nonché i sacramentali quali la benedizione o il rito delle esequie.

Il presbitero coopera al ministero del vescovo e ne assume alcune potestà quali la celebrazione dei sacramenti (esclusi l'ordine e la confermazione), dei sacramentali, la presidenza delle celebrazioni liturgiche, l'annuncio della parola e la potestà di governo secondo le indicazioni date dal vescovo. Tra queste la più comune è la responsabilità di una parrocchia.

Il vescovo, infine, ha la pienezza dell'ordine sacro. Amministra in prima persona tutti i sacramenti e sacramentali o può delegare altri vescovi o presbiteri, come nel caso della cresima o dell' esorcismo .

Il papa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Papa , Primato di Pietro e Primato papale .
San Pietro , considerato il primo papa dalla Chiesa Cattolica, in un ritratto di Rubens

La Chiesa cattolica afferma che Gesù conferì all' apostolo Pietro l'autorità ultima su tutta la comunità dei suoi discepoli : secondo l'interpretazione cattolica Cristo conferì a Pietro nei pressi di Cesarea di Filippo il primato sugli altri apostoli e su tutta la Chiesa ( Matteo 16,13-20 [51] ) e lo riconfermò dopo la resurrezione nell'apparizione presso il lago di Tiberiade ( Giovanni 21,15-19 [52] ).

Il contesto del primo episodio è quello della domanda di Gesù ai discepoli riguardo alla sua identità. Alla risposta di Pietro «Tu sei il Cristo , il Figlio del Dio vivente», Gesù replica: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli . E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei Cieli , e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

Nel secondo episodio invece Gesù chiede per tre volte a Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami?», e ogni volta alla sua risposta affermativa replica: «Pasci le mie pecorelle.»

Tali passi sono interpretati dalla Chiesa cattolica nel senso forte di un primato di insegnamento e giurisdizione su tutta la Chiesa, e sono anche interpretati a fondamento della dottrina del primato papale . Essendo stato Pietro il primo vescovo della Chiesa di Roma, il suo primato si trasmette al suo successore nella stessa sede, quindi al vescovo di Roma.

Il ruolo del papa è andato crescendo nel II millennio , fino a raggiungere il suo apice nel XIX secolo con la dichiarazione sull' infallibilità papale del Concilio Vaticano I .

Secondo tale dichiarazione il papa può esercitare il diritto di dare insegnamenti riguardo alla fede e alla morale, da ritenere parte del deposito della fede, quando parla ex cathedra , cioè quando esercita il «suo supremo ufficio di Pastore e di Dottore di tutti i cristiani», e quando «definisce una dottrina circa la fede ei costumi».

A partire dalla definizione dell'infallibilità del 1870 , quest'ultima è stata esercitata formalmente una sola volta dai pontefici, e questo con la promulgazione del dogma dell' Assunzione di Maria da parte di papa Pio XII nel 1950 . Tutti gli altri insegnamenti impartiti dai Papi negli ultimi 150 anni non sono stati formalmente definiti "dogmi".

L'infallibilità papale ha portato alla formale accusa di eresia da parte della Chiesa cristiana ortodossa che, nel 1848, e nella figura dei Patriarchi di Costantinopoli , Alessandria e Gerusalemme , unitamente ai loro Sinodi , inviò un' enciclica a papa Pio IX dove condannava tale dottrina come "eresia" [53] e coloro che la sostenevano come "eretici", sulla base della convinzione che il vescovo di Roma e la sua Chiesa avessero abbandonato la conciliarità in favore della monarchia e del monopolio dei doni dello Spirito Santo [54] .

La procedura per l'elezione del papa e la nomina dei vescovi ha subito numerosi cambiamenti nel corso dei secoli: dal basso medioevo ( Viterbo , 1271 ), il papa viene eletto in conclave dai cardinali, i Principi della Chiesa ; a lui compete invece di nominare direttamente i membri del clero di gerarchia più elevata di rito latino , a partire dai vescovi (normalmente dopo consultazione con gli altri prelati). Nelle Chiese cattoliche orientali i vescovi vengono nominati dai rispettivi patriarchi, secondo gli usi locali.

Il papa è assistito nei suoi compiti dai cardinali . Tutti i membri della gerarchia ecclesiastica rispondono a lui e alla Curia romana nel suo insieme. Ogni papa continua il suo servizio fino alla morte (ciò valeva anche per gli altri vescovi fino al pontificato di Paolo VI [55] ) o rinuncia (che è avvenuta otto volte, con i papi Clemente , Ponziano , Silverio , Benedetto IX , Gregorio VI , Celestino V , Gregorio XII e Benedetto XVI ).

Il papa risiede attualmente nella Città del Vaticano , un piccolo Stato indipendente situato nel centro di Roma , del quale egli è monarca assoluto, e riconosciuto dalla maggioranza della diplomazia internazionale come ambito di sovranità della Santa Sede .

Vita consacrata

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ordine religioso cattolico .
Suora in clausura

Nel corso dei secoli si sono sviluppate esperienze comunitarie al di fuori della diocesi, chiamati ordini religiosi , soprattutto configurate in monachesimo , ordini mendicanti fino alla nascita della prima congregazione religiosa che diventeranno via via le nuove realtà comunitarie della chiesa.

I primi, a cui si può dare la nascita in occidente con la Regola benedettina , si svilupparono in un momento di crisi ( VIII - XII secolo ) come tentativo di instaurare un particolare e più intimo legame con Dio . I secondi, nati durante la riforma del XII secolo si caratterizzano nelle loro diversità per la ricerca di attualizzare il messaggio cristiano nella società: tra questi i carmelitani , i francescani ei domenicani . Non sono mancate, dal XIX secolo , le Congregazioni religiose maggiormente attente ai bisogni dei giovani, degli anziani e di altre categorie sociali svantaggiate. Tra esse spiccano le comunità missionarie , con lo scopo precipuo di diffondere la fede cattolica in tutto il mondo.

Dal IV secolo in poi si ha la nascita dei vari ordini religiosi così divisi:

Mentre per arrivare a una congregazione religiosa si deve aspettare il XVII secolo , tra le più diffuse:

Le due realtà degli ordini e delle congregazioni religiose si differenziano per l'emissione dei voti : per i primi essa avviene in forma solenne, per i secondi in forma semplice; formalmente non ci sono differenze rilevanti.

Movimenti e associazioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Associazioni e movimenti cattolici .

Nel XX secolo ha preso avvio il fenomeno dei movimenti ecclesiali: questi sono associazioni di fedeli ispirate da un carisma particolare e che si organizzano autonomamente dalla normale gerarchia (vescovi e parroci). La differenza fra i movimenti e le associazioni è che queste ultime non sono organizzate autonomamente dalla gerarchia (come invece avviene per i movimenti), ma collaborano con essa in modo integrato e coordinato, partecipando attivamente in pressoché tutti i momenti della vita parrocchiale e diocesana.

Diffusione nel mondo

Diffusione del Cattolicesimo per percentuale di popolazione (per cifre assolute)

Africa : diffuso prevalentemente in Angola , nell' Africa francofona (ad esempio in Congo ), in Uganda , Ruanda , nel Burundi , Capo Verde , Guinea Equatoriale , Madagascar e nei territori d'oltremare francesi .

America : diffuso in America Latina (ad esempio in Brasile e in Messico ), in Canada e negli Stati Uniti (ad esempio in California e Nuovo Messico ). Negli USA negli ultimi anni il numero dei cattolici ha superato quello dei protestanti , non solo per le colonizzazioni spagnole , inglesi e francesi avvenute in passato, ma anche per le numerose ondate migratorie dai paesi cattolici (ad esempio dall'Europa Latina tipo in Spagna, Portogallo, Francia e Italia, ma anche dalla Germania, Irlanda, Polonia, Filippine, Vietnam, Messico e America Latina).

Asia : diffuso prevalentemente nelle Filippine , in Vietnam , Timor Est , India , Singapore , Corea del Sud , Sri Lanka e in alcune isole dell' Indonesia , ma anche in Cina e Giappone .

Europa : diffuso prevalentemente nei paesi latini, Francia , Spagna , Portogallo , Belgio e Italia , in Austria , in alcuni cantoni della Svizzera , Germania (soprattutto nel sud e in Franconia-Renania ma anche in Turingia), Irlanda , Paesi Bassi e in alcuni paesi orientali: Polonia , Lituania , Lettonia , Repubblica Ceca , Slovacchia , Ungheria , Slovenia , Croazia e in alcune zone della Bielorussia , della Romania e dell' Ucraina .

Oceania : diffuso prevalentemente in Australia , Nuova Zelanda , Papua Nuova Guinea e nei territori d'oltremare francesi.

Numero di appartenenti

L' Annuario pontificio del 2017 , basato sui dati forniti dalle diocesi cattoliche, testimonia che appartengono alla Chiesa cattolica oltre 1.285.000.000 persone [56] , e rappresentano il 17,7% della popolazione mondiale. Il dato non include i cattolici in Cina e in alcuni altri paesi in cui sussistono ostacoli a contatti regolari con Roma. I Cattolici costituiscono più della metà dei 2,4 miliardi di cristiani nel mondo. Secondo la legge canonica sono considerati membri tutti coloro che sono stati battezzati o ricevuti all'interno della Chiesa cattolica avendo fatto una professione di fede, esclusi coloro che hanno formalmente rinunciato a essere membri [57] [58] . Il numero dei battezzati non corrisponde necessariamente al numero dei fedeli praticanti, specialmente per quel che riguarda i paesi occidentali , maggiormente soggetti alla secolarizzazione rispetto agli altri.

Tendenze

Esaminando la situazione per singolo continente, il 2015 evidenzia la crescita robusta dei cattolici in Africa. In Asia e in America la crescita è consistente. Diversa la situazione in Europa e Oceania dove la percentuale dei fedeli in rapporto alla popolazione è costante. Il numero dei cattolici rispetto alla popolazione totale è molto differente tra i Continenti. In America il numero di fedeli della Chiesa Cattolica rappresenta il 63,7% della popolazione totale, in Europa il 39,9%, in Oceania il 26,4%, in Africa il 19,4%, in Asia il 3,2%.

Chiesa cattolica per continente

Note

  1. ^ Card. Agostino Vallini , Arcibasilica Papale di San Giovanni in Laterano , su vatican.va , 9 novembre 2009. URL consultato il 26 novembre 2016 ( archiviato il 10 dicembre 2016) .
  2. ^ Dalla locuzione kath'hólu ("nell'insieme", "nel totale") a sua volta formata dalla preposizione katá ("su", "in") e hólos ("tutto").
  3. ^ ¿Sabías que la Iglesia católica está constituida por 24 Iglesias autónomas? , su es.aleteia.org , Aleteia, 8 agosto 2016. URL consultato il 7 novembre 2016 ( archiviato il 7 novembre 2016) .
  4. ^ August Monzon, Joan Alfred Martínez e Emilia Bea, Colligite Fragmenta. Repensar la tradició crisitiana en el món postmodern , Universitat de Valencia, 23 febbraio 2015, pp. 199–200, ISBN 978-84-370-9703-9 . URL consultato il 21 ottobre 2018 ( archiviato il 22 aprile 2020) .
  5. ^ Lumen gentium XIII.
  6. ^ Cfr. a titolo esemplificativo il documento Charta oecumenica siglato nel 2001 da tutte le Chiese cristiane europee.
  7. ^

    «La Chiesa cattolica non rifiuta niente di ciò che è vero e santo nelle religioni. Ella considera con un rispetto sincero questi modi di agire e di vivere, queste regole, queste dottrine che, benché siano diverse in molti dei punti che Ella osserva e propone, tuttavia apportano spesso un raggio di verità che illumina tutti gli uomini»

    ( Nostra aetate , 2 )
    Cfr. anche Paolo VI Ecclesiam suam 67.
  8. ^ ( ES ) Congregazione per la dottrina e per la dottrina della fede , Respuestas a algunas preguntas acerca de ciertos aspectos de la doctrina sobre la Iglesia , su vatican.va , 29 giugno 2007. URL consultato il 17 gennaio 2017 ( archiviato il 12 luglio 2007) . . Non è disponibile la traduzione del documento in altre lingue.
  9. ^ José Rico Pavés, Comentarios al Documento de la Congregación para la Doctrina de la Fe, «Subsistit in Ecclesia Catholica (LG 8). Precisiones sobre la eclesiología del Concilio Vaticano II» , su almudi.org , Madrid, 2007. URL consultato il 17 gennaio 2017 ( archiviato il 18 gennaio 2017) .
  10. ^ Fernando Ocáriz, Iglesia de Cristo, Iglesia Católica e Iglesias que no están en plena comunión con la Iglesia Católica , su Romana.org , n. 41, 1º dicembre 2005, p. 348. URL consultato il 17 gennaio 2017 ( archiviato il 18 gennaio 2017) .
  11. ^ Dichiarazione "Dominus Iesus" circa l'unicità e l'universalità salvifica di Gesù Cristo e della Chiesa , su vatican.va . URL consultato il 29 marzo 2019 ( archiviato il 21 febbraio 2002) . , n. 16 e note 54 e 56
  12. ^ Dati stimati al 2007. ( EN ) World , in The World Factbook , CIA . URL consultato il 29 giugno 2010 ( archiviato il 5 gennaio 2010) .
  13. ^ Gv 21,17 , su laparola.net .
  14. ^ J. Comby, Per leggere la storia della Chiesa , Edizioni Borla , Torino 1989
  15. ^ A tal proposito lo storico del Cristianesimo Giovanni Filoramo evidenzia come il ruolo religioso della donna emerga fin dal Medioevo quando

    «grazie all'imporsi del culto di Maria , si è giunti a riconoscere, ad esempio nel campo della mistica, il ruolo centrale delle donne. L' anacoreta Giuliana di Norwich parla di "maternità di Dio", sottolineando la dimensione divina della misericordia , e di Cristo come madre, che col sangue nutre i fedeli. Il suo pensiero è stato ripreso e approfondito dalla recente teologia femminista

    ( Giovanni Filoramo . Cristianesimo . Milano, Mondadori/Electa, 2007, p. 275 )
  16. ^
    ( EL )

    «οὐκ ἔνι Ἰουδαῖος οὐδὲ Ἕλλην, οὐκ ἔνι δοῦλος οὐδὲ ἐλεύθερος, οὐκ ἔνι ἄρσεν καὶ θῆλυ· πάντες γὰρ ὑμεῖς εἷς ἐστε ἐν Χριστῷ Ἰησοῦ»

    ( IT )

    «Non c'è più giudeo né greco, non c'è più schiavo né libero, non c'è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù»

    ( Lettera ai Galati III, 28 )
  17. ^ Lumen Gentium, 13
  18. ^ § 81-82 Catechismo della Chiesa Cattolica Archiviato il 1º giugno 2013 in Internet Archive .. Per approfondimenti sul dibattito e sull'evoluzione in relazione alle Fonti della Rivelazione nel cattolicesimo, cfr. Avery Dulles . Fonts of revelation , in The New Catholic Encyclopedia vol.12. 2003, Gale, New York, pp.190 e sgg.
  19. ^ Motu proprio Summorum Pontificum
  20. ^ Titolo del Messale: Missale Romanum ex decreto sacrosancti oecumenici Concilii Vaticani II instauratum
  21. ^ Titolo del Messale: Missale Romanum ex decreto ss. Concilii Tridentini restitutum
  22. ^ Motu proprio Traditionis custodes , articolo 1
  23. ^ Lumen gentium Archiviato il 4 luglio 2013 in Internet Archive . 68; Sacrosanctum Concilium Archiviato il 12 maggio 2013 in Internet Archive . 103; Catechismo della Chiesa cattolica Archiviato il 4 giugno 2013 in Internet Archive . 972.
  24. ^ Il concilio Vaticano II riconosce a Maria un culto speciale detto " iperdulia ", distinto dalla semplice venerazione o " dulia " solitamente tributata ai santi , evidenziando come esso confluisca nel culto a Dio, e abbia una particolare funzione di promozione nelle anime dell' adorazione e della glorificazione di Cristo:

    «Maria, perché Madre santissima di Dio, che prese parte ai misteri di Cristo, per grazia di Dio esaltata, dopo il Figlio , sopra tutti gli angeli e gli uomini, viene dalla Chiesa giustamente onorata con culto speciale.[...] Questo culto, quale sempre fu nella Chiesa, sebbene del tutto singolare, differisce essenzialmente dal culto di adorazione, prestato al Verbo incarnato così come al Padre e allo Spirito Santo , e singolarmente lo promuove.»

    ( Tratto dal concilio Vaticano II , Lumen Gentium , I,66 )
  25. ^ ( EN , FR ) Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, Dichiarazione cristologica comune tra Papa Giovanni Paolo II ed il Catholicos Patriarca della Chiesa assira dell'Oriente, Khanania Mar Dinkha IV , su vatican.va , 1994. URL consultato il 23 dicembre 2006 ( archiviato l'11 marzo 2007) .
  26. ^ Il Papa apre le porte agli anglicani. «Sì al sacerdozio dei chierici sposati» , in Corriere della Sera . URL consultato il 20 ottobre 2009 ( archiviato il 23 ottobre 2009) .
  27. ^ La «carità del Papa». Abbraccio agli ultimi , su avvenire.it . URL consultato il 30 giugno 2015 ( archiviato il 14 novembre 2017) .
  28. ^ Cei, torna sopra al miliardo la quota di otto per mille. Archiviato il 25 giugno 2016 in Internet Archive . la Repubblica
  29. ^ La maggior parte dei cittadini (circa due su tre) sceglie di non barrare alcuna opzione, ma la ripartizione dell' 8 per mille avviene in base non alle singole dichiarazioni, bensì spartendo l'intera somma disponibile in base alla percentuale di scelte. Vale a dire che la Chiesa cattolica, a fronte di una maggioranza relativa ai contribuenti che hanno barrato almeno una scelta, con il 35% di preferenze sul totale (85% di coloro che hanno espresso una scelta) incassa circa l'85% dell'intera somma. In questo senso Mario Patuzzo. «La tassa dell'8 per mille» dalla rivista L'Ateo, n. 0/1996.
  30. ^ Sergio Lariccia. «Esigenze di laicità della società italiana» in Manifesto Laico, pp. 59-65. Laterza, Bari, 1999. È come avviene nelle elezioni, in cui tutti i seggi disponibili vengono distribuiti in base ai voti espressi, senza lasciare posti vuoti in corrispondenza ai voti non espressi.
  31. ^ Rendiconto 8xmille relativo all'utilizzazione delle somme pervenute nell'anno 2015 all'Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero e alla Conferenza Episcopale Italiana , su 8xmille.it . URL consultato il 14 novembre 2017 ( archiviato il 28 marzo 2017) .
  32. ^ Il Pontificio consiglio "Cor Unum" «esprime la sollecitudine della Chiesa cattolica verso i bisognosi perché sia favorita la fratellanza umana e si manifesti la Carità di Cristo», dal profilo istituzionale Archiviato il 3 marzo 2013 in Internet Archive . URL consultato il 5 aprile 2013
  33. ^ Chiesa, 2mila miliardi di immobili nel mondo. Archiviato il 24 giugno 2016 in Internet Archive . Il sole 24 ore
  34. ^ Vaticano Spa, gli immobili della Chiesa valgono 2mila miliardi Archiviato il 21 maggio 2016 in Internet Archive . QuiFinanza
  35. ^ In Italia patrimonio «cedibile» di almeno 6 miliardi. Archiviato il 25 giugno 2016 in Internet Archive . Il sole 24 ore
  36. ^ si veda, ad esempio, Storia criminale del cristianesimo
  37. ^ Testo del discorso segreto tenuto da Heinrich Himmler il 17-18 febbraio 1937 ai generali delle SS in relazione ai "pericoli razziali e biologici dell'omosessualità " , su culturagay.it . URL consultato l'11 novembre 2017 ( archiviato l'11 novembre 2017) .
  38. ^ ( EN ) Sex crimes and the Vatican , su news.bbc.co.uk , BBC News, 1º ottobre 2006. URL consultato il 20 aprile 2012 ( archiviato il 4 febbraio 2012) .
  39. ^ Viaggio Apostolico a Sydney - Intervista concessa ai giornalisti durante il volo , su vatican.va . URL consultato il 20 aprile 2012 ( archiviato il 2 gennaio 2012) .
  40. ^ Viaggio Apostolico a Sydney - Comunicato Stampa , su vatican.va . URL consultato il 20 aprile 2012 ( archiviato il 2 gennaio 2012) .
  41. ^ Santa Messa in occasione della conclusione dell'Anno Sacerdotale, 11 giugno 2010 , su w2.vatican.va . URL consultato il 14 novembre 2017 ( archiviato il 16 dicembre 2017) .
  42. ^ Contro la lettera di Mani detta del fondamento , su sant-agostino.it . URL consultato il 6 febbraio 2006 (archiviato dall' url originale il 20 febbraio 2006) .
  43. ^ Su "Roman Catholic", vedi Catholic Encyclopedia [1] Archiviato il 1º aprile 2019 in Internet Archive .
  44. ^ ( IT , EN , DE , ES , PT ) Last published documents of the Joint International Commission between representatives of the Catholic Church and the Lutheran World Federation Archiviato il 25 dicembre 2005 in Internet Archive .
  45. ^ ( EN ) Common christological declaration between the Catholic Church and the Assyrian Church of the East Archiviato il 4 gennaio 2009 in Internet Archive .
  46. ^ Cf. Presentazione dell'Annuario Pontificio 2012 Archiviato il 14 gennaio 2013 in Internet Archive ..
  47. ^ Jemi, Chiesa Italo-Albanese , su jemi.it . URL consultato il 14 novembre 2017 (archiviato dall' url originale il 15 novembre 2017) .
  48. ^ Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica su alcuni aspetti della Chiesa vista come comunione del 28 maggio 1992 da parte della Congregazione per la dottrina della fede Su alcuni aspetti della Chiesa intesa come comunione Archiviato il 6 novembre 2005 in Internet Archive .
  49. ^ Decreto Christus Dominus sull'ufficio pastorale dei vescovi , su vatican.va . URL consultato il 6 febbraio 2006 ( archiviato il 6 febbraio 2006) .
  50. ^ Decreto Orientalium Ecclesiarum sulle Chiese orientali cattoliche , su vatican.va . URL consultato il 6 febbraio 2006 ( archiviato il 3 febbraio 2006) .
  51. ^ Mt 16,13-20 , su laparola.net .
  52. ^ Gv 21,15-19 , su laparola.net .
  53. ^ L'enciclica di condanna della Chiesa ortodossa fu promulgata a seguito della missiva di papa Pio IX che, nello stesso anno, invitava queste Chiese a tornare in seno al "recinto del Signore" ovvero al "Santo Trono di Pietro". Cfr. Patrick Barnes. The Non-Orthodox - The Orthodox Teaching on the Cristhians Outside of the Church . Salisbury, Regina Orthodox Press, 1999, p. 18.
  54. ^ Patrick Barnes. The Non-Orthodox - The Orthodox Teaching on the Cristhians Outside of the Church . Salisbury, Regina Orthodox Press, 1999, p. 18.
  55. ^ Con il motu proprio Ingravescentem Aetatem Archiviato il 15 agosto 2017 in Internet Archive . stabilì che all'età di 75 anni i vescovi devono presentare le proprie dimissioni
  56. ^ Secondo i dati della Santa Sede nell' Annuario pontificio , il cattolicesimo è passato da poco più di 1098 milioni di battezzati nel gennaio 2005 a 1115 milioni nel dicembre 2006. I dati relativi al 2009, parlano di 1181 milioni di cattolici; per il 2010 viene riportata la cifra di 1196 milioni.
  57. ^ Pontificio consiglio per i testi legislativi, actus formalis defectionis ab Ecclesia catholica , su vatican.va . URL consultato il 24 giugno 2012 ( archiviato il 26 marzo 2012) .
  58. ^ "L'abbandono della Chiesa cattolica perché possa essere validamente configurato come un vero actus formalis defectionis ab Ecclesia, anche agli effetti delle eccezioni previste nei predetti canoni, deve concretizzarsi nella a) decisione interna di uscire dalla Chiesa cattolica; b) attuazione e manifestazione esterna di questa decisione;c) recezione da parte dell'autorità ecclesiastica competente di tale decisione. [...] L'atto giuridico-amministrativo dell'abbandono della Chiesa di per sé non può costituire un atto formale di defezione [...] D'altra parte l'eresia formale o (ancor meno) materiale, lo scisma e l'apostasia non costituiscono da soli un atto formale di defezione [...] soltanto la coincidenza dei due elementi – il profilo teologico dell'atto interiore e la sua manifestazione nel modo così definito – costituisce l'actus formalis [...] la stessa autorità ecclesiastica competente provvederà perché nel libro dei battezzati (cfr. can. 535, § 2) venga fatta l'annotazione con la dicitura esplicita di avvenuta “ defectio ab Ecclesia catholica actu formali . Nonostante ciò, secondo la Chiesa cattolica rimane comunque il legame sacramentale di appartenenza al Corpo di Cristo (che, secondo la Chiesa, è rappresentato dalla Chiesa stessa) dato dal carattere battesimale; quest'ultimo per la Chiesa (e soltanto per essa) è un legame ontologico permanente e non viene meno a motivo di nessun atto o fatto di defezione.

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130782063 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2157 7632 · SBN IT\ICCU\CFIV\009063 · Thesaurus BNCF 8294 · LCCN ( EN ) n79041716 · GND ( DE ) 2009545-4 · BNF ( FR ) cb118691560 (data) · BNE ( ES ) XX244723 (data) · ULAN ( EN ) 500241849 · NLA ( EN ) 35026602 · BAV ( EN ) 494/20059 · NDL ( EN , JA ) 00537972 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79041716