Catania

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Catania (disambiguation) .
Catania
komen
Catania - manto zam Catania - Drapo
( detay ) ( detay )
Catania - View
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Manto zam Sicilia.svg Sicily
Vil metwopoliten Pwovens nan Catania-Stemma.svg Catania
Administrasyon
Majistra Salvo Pogliese ( FdI ) soti nan 18-6-2018
Teritwa
Kowòdone 37 ° 30'09.61 "N 15 ° 05'14.17" E / 37.502669 ° N 15.087269 ° E 37.502669; 15.087269 (Catania) Kowòdone : 37 ° 30'09.61 "N 15 ° 05'14.17" E / 37.502669 ° N 15.087269 ° E 37.502669; 15.087269 ( Catania )
Altitid 7 m asl
Sifas 182,9 km²
Moun ki rete 293 764 [1] (31-5-2021)
Dansite 1 606,15 abitan / km²
Fraksyon Bicocca, Codavolpe, Junghetto, Pantano d'Arci , Paradiso degli Aranci, Passo Cavaliere, Passo del Fico, Passo Martino, Primosole, Reitano, San Giovanni Galermo, Vaccarizzo, Villaggio Delfino, San Giuseppe la Rena
Minisipalite vwazen yo Aci Castello , Belpasso , Carlentini ( SR ), Gravina di Catania , Lentini (SR), Mascalucia , Misterbianco , Motta Sant'Anastasia , San Gregorio di Catania , San Pietro Clarenza , Sant'Agata li Battiati , Tremestieri Etneo
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 95121-95131
Prefiks 095
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 087015
Kòd Cadastre C351
Plak CT
Cl. sismik zòn 2 (mwayen sismisite) [2]
Cl. klimatik zòn B, 833 GG [3]
Non moun ki rete Catania
Patwon Sant'Agata
Jou Konje 5 fevriye
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Catania
Catania
Catania - Kat jeyografik
Kote nan minisipalite a nan Catania nan vil metwopoliten li yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Catania ( AFI : / kaˈtanja / [4] , koute [ ? · Info ] ) se yon vil Italyen ki gen 293 764 moun [1] , kapital vil metwopoliten Catania nan Sicily .

Kè nan yon aglomerasyon iben nan sou 700,000 rezidan [5] pwolonje nan pant yo sid-lès nan mòn Etna , li se sant la nan zòn ki pi peple metwopoliten nan Sicily, ak nan yon pi gwo konurbasyon li te ye tankou sistèm nan lineyè nan lès Sicily , ki li gen sou 1 693 173 moun ki rete sou yon zòn nan 2 400 kilomèt kare [6] . Vil la se tou mwaye ekonomik ak enfrastriktirèl nan Sid-East Sicily Distri a , etabli sou 26 fevriye 2014 [7] nan prezans Lè sa a, Prezidan an Repiblik Italyen an Giorgio Napolitano . Main endistriyèl , lojistik ak sant komèsyal nan Sicily , li se chèz la nan Vincenzo Bellini Ayewopò .

Te fonde an 729 BC pa Calcidesi nan ki tou pre Naxos , lavil la gen anpil yon istwa mil-ane karakterize pa yon siksesyon nan divès kilti ki gen rete anrichi eritaj atistik, achitekti ak kiltirèl li yo [8] . Anba dinasti Aragon la li te kapital la nan Peyi Wa ki nan Sicily , e depi 1434 sou lòd la nan wa Alfonso V li se chèz la nan inivèsite a pi ansyen sou zile a [9] . Nan kou a nan istwa li li te afekte plizyè fwa pa eripsyon vòlkanik (ki pi enpresyonan a, nan tan istorik, se sa yo ki an 1669 ) ak pa tranbleman tè (pi katastwofik la mansyone yo te sa yo ki an 1169 ak 1693 ).

Barok la nan sant istorik li yo te deklare yon Mondyal Eritaj Sit pa UNESCO , ansanm ak sa yo ki nan sèt minisipalite nan Val di Noto la ( Caltagirone , Militello nan Val di Catania , Modica , Noto , Palazzolo Acreide , Ragusa ak Scicli ), nan 2002 .

Jewografi fizik

Teritwa

Ti detay nan sous Amenano , ke yo rekonèt kòm l ' acqua yon linzolu (dlo nan dra), ki chita nan Piazza del Duomo

Catania ofri paysages heterogeneous konsantre nan yon ti zòn. Li leve sou kòt lès nan zile a , nan pye mòn Etna (pi wo vòlkan aktif nan Ewòp ) apeprè mwatye wout ant lavil Messina ak Syracuse , neglijans lanmè Ionian ak Gòlf la ki pran non li nan li.

Teritwa a se piman plat nan sid la ak sid-bò solèy leve, ak montay nan nò a akòz prezans nan Etna. Li gen ladan tou yon pati sibstansyèl nan plenn lan nan Catania (' yon Chiana ), youn nan pi gwo zòn yo kiltive nan Sicily, ki gen zòn ki pi pre lanmè a se Oasi del Simeto a , yon rezèv nati sou 2,000 ekta , etabli an 1984. . Simeto Oasis la pran non li nan larivyè Lefrat la Simeto ki koule nan sid lavil la, nan seksyon riral la Primosole.

Te nwayo orijinal la nan lavil la ki chita sou yon ti mòn: ti mòn lan nan Monte Vergine (49 m ASL), ki te fèt nan yon eripsyon pre-istorik nan Etna ki date ant 15,000 ak 3960 ± 60 ane soti nan prezan an, ki koresponn ak jodi a pyadza Dante Alighieri koteabei nan San Nicolò l'Arena (ki te vin tounen yon chèz inivèsite) kanpe, tou pre ki koule yon kouran, Amenano a , ki koule tou pre Piazza del Duomo , pandan y ap nan sid la te gen teras la nan Acquicella (15 m ASL), separe de larivyè Lefrat la pa yon fon, Lè sa a, plen pa lav la nan eripsyon an nan 1669 . Sèlman lòt pwen an enpòtan se ti mòn lan nan Santa Sofia (303 m ASL), nan distri a an menm non yo, kote Inivèsite Sitadèl la kanpe, prèske sou fwontyè a ak Gravina di Catania , yon minisipalite nan enteryè a vas.

Vèt piblik la fèt ak pak ki sitiye nan vil la. Gen sis nan yon gwosè sèten ak enpòtans: Jaden Bellini oswa Villa Bellini, ki rele 'yon Villa , dedye a mizisyen Vincenzo Bellini ; Giardino Pacini a oswa Villa Pacini, surnome Villa 'e varagghi (sa vle di "nan baye yo") dedye a mizisyen Giovanni Pacini a ; Park la Gioeni (ki sitiye nan nò distri a Borgo, nan fen Via Etnea); Falcone e Borsellino Park la (nan nò a Corso Italia), dedye a majistra yo omonim touye pa mafieux la; ak Boschetto della Plaia a (nan zòn ki genyen ant sid vil la ak ayewopò Vincenzo Bellini , ansyen Minisipal fwi ak legim mache a ak distri Plaia ). Pami lòt moun, pou enpòtans istorik li yo ak pou konsèvasyon nan divèsite biyolojik, jaden an botanik nan Catania nan distri a Mercede yo ta dwe mansyone.

Vil la travèse pa yon gwo larivyè Lefrat anba tè, Amenano a susmansyone, ki nan tan lontan koule nan susmansyone Villa Pacini la ak nan ven-premye syèk la ap koule plis sid-bò solèy leve, kote ki gen pò a. Li se vizib nan Amenano Fountain a , yon blan mab sous rele pa moun yo nan Catania aka nan yon 'llinzolu ki leve ant sa yo rele " Pescheria nan " ak Pyadza del cathédrale a, ak nan sousòl la nan Ostello Agora lokal la. Nan tan lontan an, jis deyò mi yo nan lwès la, ou ta ka jwenn Lake Nicito , ki konekte nan gwo larivyè Lefrat la e kounye a, kouvri pa koule nan lav nan 1669 (lari a omonim sonje kote li yo).

Men, li te tout zòn nan vwazinaj la ki chanje pwofondman kòm yon rezilta nan dezas natirèl tankou koule yo lav divès kalite: se kòt la nan nò pò a te fè leve nan yon falèz , ki chita kote Estasyon Santral la prezan, li te ye tankou Armìsi la ak fòme nan epòk divès istorik nan 1169 , 1329 ak 1381 , ane a nan ki pati nan ansyen Porto Ulisse la nan distri a Ognina te kouvri tou; detire sa a nan kòt gen ladan plaj la ti nan San Giovanni li Cuti . Zòn nan sid nan Ursino Castle la , yon fwa sou lanmè a, se olye pwodwi a nan koule nan menmen nan 1669 ki, antoure li, te ale pou yon kèk kilomèt nan direksyon pou Gòlf la. Kòt la nan sid pò a te pwofondman modifye, ki fè kòt la Sandy nan Plaia, yon zòn yo itilize pou aktivite benyen, kòmanse pi lwen nan sid.

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Catania Estasyon metewolojik, Catania Fontanarossa Estasyon metewolojik, Catania Sigonella Estasyon meteyorolojik ak Catania Agrikòl Enstiti Estasyon metewolojik .

Vil la ak plenn lan nan Catania gen yon klima Mediterane a , kwake ak kèk konotasyon subtropikal ak kontinantal, rekonèt klèman nan analiz la nan done yo klimatik nan estasyon yo ofisyèl meteyorolojik nan Fontanarossa ak Sigonella , ki respektivman dekri foto a ki gen rapò ak vil la nan Catania ak nan aryè a nan plenn lan.

Presipitasyon mwayèn ant 450 ak 550 mm chak ane, ak yon minimòm ete trè make ak yon pik modere nan sezon otòn lan.

Sezon ivè jeneralman asire tanperati san patipri twò grav, men ranje tanperati a konpare ak èdtan lannwit se byen pwononse, espesyalman nan prezans nan syèl klè ak van fèb, akòz prezans nan yon vaste teritwa plat nan sid la, ak nan pati a entim, nan prezans Etna. Nèj se bagay ki ra anpil, akòz lonbraj la orografik nan Etna ki abri lavil la soti nan van yo frèt nò yo. Malgre sa, mouton okazyonèl yo te wè plizyè fwa pandan ane yo nan katye yo aksidante, ki pi konsistan nan nò aryè nan vil la. Kout nèj ki te fèt sou 9 fevriye 2015, 6 janvye 2017 ak 5 janvye 2019 menm si dènye Lanèj ki Tonbe an ak yon akimilasyon patikilyèman enpòtan dat tounen nan 16-17 Desanm 1988 .

Dosye absoli nan frèt, -7 ° C, te rive nan 1 fevriye 1962 . [10]

Ete a ki dire lontan trè cho, pafwa ak imidite segondè. Pandan ke sou teren kotyè a tanperati maksimòm yo pasyèlman genyen pa briz lanmè lès la , valè trè wo yo anrejistre nan pati entim nan vil la ak plenn lan.

Orijin non an

Dapre istoryen grèk Plutarke a , non li sòti nan katane sisilyen an (sa vle di rap , yon mo ki gen orijin indo-Ewopeyen an), pou asosyasyon an ak brutality nan teritwa a lav ki te sou li kanpe, oswa tou soti nan Latin nan catinum (basen , basen) pou konformasyon natirèl li yo kòm yon basen nan ti mòn yo ozalantou vil la oswa kòm yon referans a basen an Piana . Etimoloji a rete sepandan fènwa [11] : dapre lòt entèpretasyon, non an soti nan apozisyon nan prefiks grèk katà- a non vòlkan Etna (Aitnè, ki soti nan grèk la) (se konsa ke li rezilta "tou pre" oswa " sipòte "Etna) [12] . Nan epòk Arab la, jewograf Al-Muqaddasi a presize ke vil Qatāniya "Li rele tou Madīnat al-Fīl (Vil Elefan an)" e Idrisi rapòte li kòm Balad al-fîl [13] , ki gen menm sans.

Nan sèzyèm syèk la vil la nan Catania te surnome "Sicula Atèn nan" petèt akòz asonans la ak non an grèk katane (kai Athena). Lòt surnon remakab yo se sa yo ki nan "pwoteksyon nan wa yo" refere li a peryòd la 1282-1412 nan ki vil la te kapital la nan zile a oswa nan "Milan nan sid la" an relasyon ak gwo boom ekonomik la li te gen nan ane 1960 yo [14] .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Catania .

Ansyen laj

Ti mòn lan nan Monte Vergine okipe yon pozisyon estratejik ant lanmè a, mòn Etna ak plenn lan pi gwo nan Sicily. Yon vas règleman pre-istorik devlope sou li, entèsepte nan plizyè pwen ak an patikilye nan zòn nan nan ansyen monastè benediktin nan San Nicolò l'Arena ak nan sa yo ki an via Teatro Greco. Nan monastè benediktin nan [15] yo te jwenn zafè ki kouvri peryòd ki genyen ant Neyolitik la ak nan fen Laj la Copper; nan konmansman an nan Eneolithic yo te bay yon kavo twou san fon polysome, yo te jwenn tou andedan abei la. De faz pre-istorik yo te idantifye nan via Teatro Greco [16] . Premye a, ki gen dat ak radyokarbon nan dezyèm mwatye nan sizyèm milenè BC a , gen rapò ak fwekantasyon pwobab nan youn oswa plis abri wòch, depi nan konmansman an nan mitan Neyolitik nan yon sèl an reta. Dezyèm faz la, ki gen dat ak radyokarbon nan fen senkyèm milenè BC a , ki dwe nan yon zòn ki rete ak joupa depi nan konmansman an nan Eneolithic la, ki pwobableman fè pati kavo a nan benediktin yo.

Malgre ke jwenn sporadik soti nan Bwonz la ak Laj Iron yo li te ye, zòn nan te pwobableman dezole lè, nan 729 - 728 BC , kolon grèk soti nan Naxos , nan vire te fonde pa Chalcis nan Euboea , ki te dirije pa ecarista Evarco a yo te fonde Kατάvη la. Vil la grèk ki gen eksperyans sezon pi byen li yo pandan 5yèm syèk BC la . Nan 476 BC Gerone I nan Syracuse te fè li plas li, ranplase moun ki rete yo ak chanje non li nan Aitna . Nan epizòd sa a, ki te dire kenz ane, chante pa Pindar e petèt nan sant la nan yon trajedi pèdi nan Eschylus , kèk nan pyès monnen yo ajan ki pi rafine nan antikite rete. Èske w gen reyaksyon non an ansyen ak moun ki rete orijinal yo, nan fen syèk la, pandan lagè a Peloponnesyen , lavil la bò kote Athens kont Syracuse. Konkèt pa Syracusans yo nan 403 BC , moun ki rete li yo gaye ak repwann ak mèsenè soti nan Campania, lavil la te kòmanse yon bès ki te fini sèlman ak konkèt Women an nan Manio Valerio Massimo Messalla nan 263 BC .

Càtina (oswa Càtana) te vin yon koloni Augustan nan 21 BC . Soti nan moman sa a vil la te ekipe ak gwo bilding piblik ki pral transfòme l 'nan youn nan sant ki pi enpòtan nan anpi a ak ki nan syèk sa yo ap kondisyon devlopman iben li yo [17] . Vil la te chèz la nan yon kominote kretyen byen bonè ak soti nan katriyèm syèk la , si se pa pi bonè, nan chèz yon evèk la. Transfòmasyon yo nan kèk bilding ak pwosesis la ralanti nan devlopman soti nan yon vil ansyen nan yon vil medyeval yo lye nan Krisyanis.

Laj Medyeval

Nan sezon otòn la nan Anpi Women an , Sicily te konkeri nan 6yèm syèk la pa Ostrogoths yo nan wa Theodoric Great a ki rekonstwi miray lavil la, lè l sèvi avèk wòch yo ki te fè moute sirk la Women [18] . Li te pita konkeri pa Bizanten yo , ak nan pwemye mwatye nan 9yèm syèk la pa Mizilman yo [19] . Nan 1071 li te konkeri pa Normand yo ki te remèt li evèk la, avèk apwobasyon Pap Urban II ( ti towo bèf papal 9 Mas 1092 ); pral lavil la dwe elve sèlman nan 1859 chèz archiepiscopal. Li te Lè sa a, te dirije pa Swab yo , yon peryòd nan ki Castle la Ursino te bati ak figi administratif yo te kreye ki te dire jouk sou 1817 [20] . Vil la se te youn nan chèz yo nan tribinal la nan Frederick II nan Swab ak soti isit la yo te pibliye edikte ak lwa ki gen anpil enpòtans. Nan fen fanmi Hohenstaufen , Angevins yo te pran posesyon vil la, yo te okipe li militè, souvan abize popilasyon lokal la.

Nan 1282 , li te pase nan branch kadèt nan Crown Aragon (tankou madanm Pyè III , Constance nan Swabia te pitit fi wa Manfredi ) ki jiskaske Martin I te fè Catania kapital la nan Peyi Wa ki nan Trinacria . Apre aneksyon an nan Peyi Wa a nan Aragon , Sicily pèdi endepandans li yo ak pase anba Panyòl la , Lè sa a, Savoy a epi finalman Bourbon yo .

Laj modèn

Bòl la

Nan 1622 , Emanuele Filiberto di Savoia , vice-roi nan Sicily , ak yon lèt ratifye pa Filip IV, te asiyen nan Sena Catania fonksyon ki egal a sa yo ki nan Palermo ak Messina, akòde li yon otonomi sèten.

De grav anpil dezas natirèl yo nan fen disetyèm syèk la ( eripsyon an nan Etna nan 1669 ak tranbleman tè a nan Val di Noto a nan 1693 ) make "transpò piblik la nan direksyon pou modènite" [21] . Rekonstriksyon an apre-tranbleman tè te karakterize pa style la barok; youn nan trè kèk moniman yo gwo ki te kenbe fòm entak ak orijinal li te Ursino Castle la . Nan lòt men an, bilding ansyen yo te renove ak rebati ak nouvo estil yo dizwityèm syèk: gwo egzanp yo se katedral la (nan yon sèl anvan an sèlman absid yo Norman rete entak), Palazzo degli Elefanti ,monastè a nan San Nicolò l'Arena oswa nan monastè yo divès kalite ki sitye nan Via nan Crociferi la . Travay la nan gwo achitèk la Giovanni Battista Vaccarini te kritik tou de pou pwojè yo ki enplike moniman sa yo an patikilye, men tou pou plan iben an ke li menm li fèt [22]

Laj kontanporen

Ant 1816 ak 1818 li akeri estati a nan minisipalite, kite sa yo ki an Urbs , yo nan lòd yo dwe gouvène pa yon Intendant, ede pa Sekretè Jeneral la ak Konsèy la nan Intendency. Epitou nan 1818 - sou 20 fevriye - yon tranbleman tè ki te fèt ak episant li yo nan Aci Catena oswa Aci Sant'Antonio - gen opinyon diferan sou pwen an egzak - akòz ki Catania soufri anpil: Castle la Ursino te fè inabitabl ak kouvan yo te domaje dei Minoriti (ak Legliz la anekse nan San Michele Arcangelo ), fransiskan yo, Crociferi yo, Sant'Agostino, Sant'Agata la Vetere ak benediktin yo, bilding yo nan Inivèsite a, Cutelli nan kolèj, seminè a nan klerik yo ak lopital yo nan Santa Marta ak San Marco. Men, kontrèman ak pwovens lan, ki te siyifikativman afekte tou nan yon pwen de vi demografik, tan sa a Catania pa t 'enskri nenpòt viktim yo.

Nan 1849, pandan rekonkèt la Bourbon nan Sicily , vil la soufri gwo destriksyon ak moun ki abite kadejak li yo, piyaj ak asasinay jouk sou 7 avril, apre batay feròs, li te okipe pa twoup yo nan Ferdinand II sou kòmandman an nan Carlo Filangieri, chèf nan Satriano . An 1898 yo te bay lavil la meday an lò pou vanyan sòlda militè pou zèv ewoyik li nan jou sa yo [23] .

Nan 1860 Catania te vin yon pati nan Peyi Wa ki nan peyi Itali ; depi lè sa a li te youn nan prensipal minisipalite yo Italyen, kapital la nan lavil metwopoliten li yo.

Senbòl

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Catania rad nan bra .
Sivik banyè nan Catania

Rad la nan vil la nan Catania konsiste de yon plak pwotèj ak yon background ble, ki te antèt pa kouwòn wa a Aragon, epi, nan pati ki pi ba, lejand ki pote inisyal yo "SPQC", (sou liy yo nan SPQR ) ki nan Latin vle di S enatus P opulus q ue C atanensium , pandan y ap tradui nan Italyen : Sena a ak moun yo Catanese . Nan sant la gen yon elefan koulè wouj violèt-wouj yo mete nan pwofil ak defans yo vire sou bò gòch la (eraldik adwat), pi wo a li gen yon lèt majiskil " A " tou nan wouj, ki vle di pou Agata, non an nan patwon an sen .

Onè

Vil la nan Catania se wityèm nan mitan 27 lavil yo dekore avèk yon meday lò kòm "meritwa nan Risorgimento nasyonal la" pou aksyon yo trè patriyotik te pote soti nan lavil la nan peryòd la nan Risorgimento la . Peryòd, ki defini nan kay la nan Savoy , ant soulèvman yo nan 1848 ak nan fen Premye Gè Mondyal la nan 1918 .

Meday nan lavil yo merite nan Risorgimento Nasyonal la - riban pou inifòm òdinè Meday nan vil yo merite nan Risorgimento Nasyonal la
«Pou komemore aksyon ewoyik sitwayen Catania yo nan evènman bèl pouvwa 1848 yo, ki te kòmanse rezurjans nasyonal la ak konkèt la nan inite. Nan 1848 vil la mete deyò ganizon an Bourbon, etabli yon gouvènman pwovizwa jouk avril 1849, lè lame a nan Ferdinand II, apre li fin konkeri Messina, deplase nan direksyon pou Catania. Apre yon batay kòlè ki te dire soti nan 5 a 6 avril, vize pa ekip la napolit naval, defann pa sèlman 3000 gason ak 21 zam, Catania te oblije al rann tèt [24] . "
- 22 me, 1898

Moniman ak kote nan enterè yo

UNESCO blan logo.svg Byen pwoteje pa UNESCO
Fen vil barok nan Val di Noto a (sid-lès Sicily)
UNESCO Mondyal Eritaj Sit logo.svg Mondyal Eritaj Sit
Catania - Palazzo Biscari 2 - Foto pa Giovanni Dall'Orto.JPG
Nèg achitekti
Kritè C (mwen) (ii) (iv) (v)
Danje non
Rekonèt depi 2002
Kat UNESCO ( EN ) Vil an reta barok nan Val di Noto a (Sid-lès Sicily)
( FR ) Fèy

Ansyen vil la

Pa anpil tras rete nan Catania soti nan peryòd la grèk , akòz divès faktè tou de natirèl (tranblemanntè ak koule lav ki pèdi lavil la) ak anthropogenic, tankou rekonstriksyon yo ki souvan kouvri bilding anvan yo. Anplis de sa, pa gen okenn fouyman pi gwo ak syans akeyolojik te janm te pote soti eksepte nan ka sporadik nan istwa modèn li yo. Sepandan, selon kèk entelektyèl, plint yo nan kèk bilding ki deja egziste piblik ak prive ka atribiye nan peryòd la florissante nan kolonizasyon grèk.

Fouyman akeyolojik andedan ansyenmonastè benediktin lan an 1978 (lè konplèks la te achte ak renove pa minisipalite a) konfime yon ibanizasyon enpoze ak stratifye nan zòn nan depi epòk eneolitik la: estrikti yo te jwenn nan bilding nan sizyèm ak katriyèm syèk BC ki fè pati faz ki pi ansyen nan koloni an Chalcidian.

Pi bon chans yo te moniman yo nan epòk Women an ki te reziste pote temwen nan enpòtans ki genyen nan lavil la nan tan lontan, Anplis jwenn anpil soti nan fouyman yo okazyonèl nan lavil la (pi fò nan sa yo - ki gen ladan Mozayik, estati e menm fragman an nan yon kolòn historiata - yo ekspoze nan Mize a Civic nan Ursino Castle la ).

Teyat Women an (ki soti nan 2yèm syèk la ), Odeon ( 3yèm syèk la ), Amphitheatre Women an ( 2yèm syèk la ), Terme dell'Indipendenza (nan piazza Currò), Terme della Rotonda , Terme Achilliane (tou pre katedral la jodi a nan Piazza del Duomo), divès lòt estrikti tèmik ( Terme di Sant'Antonio Abate nan kare an menm non yo, Terme Itria nan Piazza Santa Maria dell'Itria, Terme dell'Acropoli nan Piazza Dante Alighieri ak nan lakou monastè benediktin lan ), kadav yon akduk tou pre via Grassi ak kèk kavo Women (ki gen ladan kavo Women an nan Carmine nan 2yèm syèk la ), Forum Women an (pwobableman kote lakou San Pantaleone a), yonDomus Women ak mozayik an reta-repibliken ( ant egzanp ki pi enpòtan nan aktivite bilding Women nan Sicily pandan AD dezyèm syèk la ki sitiye nan depo a anba tè nan Depatman Syans imanitè), kolòn yo nan pyadza Giuseppe Mazzini , youn nan ki sipòte estati a nan Sant'Agata nan plas dei Martiri, twa aces lwen ri (de entèsepte òtogonal nan monastè benediktin lan kote pavaj wòch yo te toujou jwenn, imedyatman dekouvwi), yon wout ki nan tan lontan te mennen soti nan teyat la nan sirk la ki koresponn ak aktyèl Via dei Crociferi a , se pi gwo rete vizib nan "Catana la "/ Women" Catina ". Anpil nan sa yo moniman yo te yon pati nan grèk-Women Park la akeyolojik nan Catania depi 2008 (etabli pa rejyon an Sicilian) [25] ak kèk nan yo tankou Teyat Women an, Terme della Rotonda a ak lòt moniman minè yo te retabli ak fè ouvè a vizitè yo. Rete nan sirk la yo tou vizib soti nan 1903 - 1907 (ane yo nan ki fouyman te dire yo pote yo tounen nan limyè) soti nan papòt la nan plas Stesicoro ak nan lakou a nan Vico Anfiteatro, yon krwaze semen nan via Alessandro Manzoni, ki fini nan vire li .. nan piaza Stesicoro.

Pwobableman tou 'u liotru , senbòl la nan vil la ki sitye nan sant la nan Piazza del Duomo, te skulte nan tan Women si se pa pi bonè. Li se yon asosye pore wòch lav, ki pentire yon elefan . Non an pwobableman soti nan deformation nan non Eliodoro , yon majisyen semi-lejand akize de nekromansi ak yon gwo opozan nan evèk Leo Wonderworker la , ki te fè l 'boule sou poto a. Elefan an surmounted pa yon obelisk Egyptizing [26] nan kwonoloji ensèten ak figi pwobableman lye nan kil la Isidean .

Rete nan antèman kretyen nan nò ak bò solèy leve nan sant istorik la rete nan peryòd antik an reta, tankou mozole sikilè nan Villa Modica (ki chita nan Viale Regina Margherita), kare Ipogèo a (ki chita nan via Gaetano Sanfilippo, kwa nan via Ipogèo, nan vire, yon kwa nan susmansyone Viale Regina Margherita la), ak kòm byen ke fragman anpil, tonb (ki gen ladan epigraph la nan Iulia Florentina , ekspoze nan mize a Louvre ), oswa wòch la Carcaci , tou ekspoze nan Mize a Civic nan Castle la Ursino. Sono invece di epoca paleocristiana le cripte di Sant'Euplio , di Santa Maria di Betlemme , della "Cappella dell'Albergo dei Poveri" (dedicata a "Santa Maria della Mecca", sita nell'Ospedale Giuseppe Garibaldi-Centro), e del Santo Spirito , nonché gli ambienti fra il cosiddetto Sacro Carcere e l' ex Cattedrale di Sant'Agata la Vetere , prima chiesa al mondo dedicata alla Santa, dal 1933 gestita da un ente morale.

La città medievale

Un monumento di età bizantina ( VI - IX secolo ) è la Cappella Bonajuto (dal nome della famiglia nobiliare che l'aveva tenuta come sacrario di famiglia nonché come cappella privata): si tratta di una "trichora" bizantina (cioè un edificio con tre absidi); prima del suo restauro se ne aveva conoscenza grazie ai disegni di Jean-Pierre Houël .

Del periodo arabo ( IX - XI secolo ) alcune chiese vengono trasformate in moschee, altre abbandonate, altre demolite.

Del periodo normanno ( XII secolo ) si conservano principalmente le strutture come le absidi della Cattedrale di Sant'Agata , tesa a farla diventare "Ecclesia Munita" ("chiesa fortificata", per via delle scorrerie dei Saraceni), che poi sarebbero state ristrutturate dopo il terremoto del Val di Noto del 1693. Vicino alla cattedrale si conservano la Vara , ovvero il Fercolo, il busto-reliquiario e la cassa-reliquiaria di Sant'Agata, realizzati nel 1376 dall'orafo e scultore senese Giovanni di Bartolo . Del periodo normanno ( XII secolo ) è il portale della Chiesa di Sant'Agata al Carcere che era il portale principale della cattedrale normanna.

Del periodo svevo ( XIII secolo ) è il famoso Castello Ursino , federiciano (sede del Museo civico , formato principalmente dalle raccolte Biscari e dei benedettini, dal 1927 ) e coevo dell'altrettanto famoso castello di Castel del Monte ad Andria e del siracusano Castello Maniace .

Del periodo Aragonese ( XIII - XV secolo ) si ricordano, invece, il portale della scomparsa Chiesa di San Giovanni de' Fleres , demolita alla fine del XIX secolo e di cui rimane solo l'arco, e il balcone del palazzo Platamone , donato in seguito ai religiosi che lo trasformarono nel Monastero di San Placido, che quando fu danneggiato dal suddetto terremoto fecero rimanere le testimonianze più salienti di quando questo edificio fu nobile.

La città rinascimentale

( LA )

«Melior de cinere surgo»

( IT )

«Rinasco dalle mie ceneri più bella»

( Iscrizione sulla Porta Ferdinandea )
P. Mortier, Catane ou Catania - Ville de Sicile , Amsterdam, dopo il 1575

Del periodo tardo aragonese rimangono poche tracce, tra cui la chiesa di Santa Maria di Gesù situata nella piazza omonima e costruita nel 1498 è forse l'esempio in migliori condizioni. La chiesa fu ristrutturata nel Settecento , mentre il portale è del Cinquecento e solo la Cappella Paternò mantiene l'originale struttura gotica .

Nel 1558 fu iniziata la costruzione del Monastero dei Benedettini , a cui sarebbe poi stata affiancata la Chiesa di San Nicolò l'Arena . Distrutto dalla colata lavica del 1669 e dal terremoto del 1693, nel 1703 se ne avviò la ricostruzione che tuttavia non è stata mai più portata a termine. Di detto edificio permangono le antiche cucine, il chiostro occidentale, nonché la traccia dell'antico archeggiato del corridoio di meridione.

Le cosiddette Mura di Carlo V , che racchiudono il centro storico, furono erette nel XVI secolo , tra il 1550 e il 1555 su un progetto iniziale di Antonio Ferramolino . Il progetto non riuscì a essere portato a termine neanche dopo l'apporto di Tiburzio Spannocchi , il quale progettò l'ampliamento delle fortificazioni verso sud-ovest e verso nord a scapito delle vecchie mura di epoca medioevale (tra cui l'antica Torre del Vescovo del 1302 ).

Venne eretta nel 1612 , sotto il re di Spagna e di Sicilia Filippo III, la fontana dei Sette Canali . Nel 1621 sorsero la fontana di Sant'Agata e, su consiglio dell'incaricato dal luogotenente del re, ingegnere Raffaele Lucadello, quella detta «di Gammazita», di cui resta soltanto il «pozzo» nei pressi dell'attuale via San Calogero [27] .

La colata dell' eruzione del 1669 inghiottì parte del sistema difensivo a sud ea sud-ovest della città che, rimasta sguarnita da questo lato, riedificò in parte sulle lave ancora calde una cortina muraria, detta popolarmente fortino , su cui ancora si apre la porta d'accesso ( Porta del Fortino Vecchio in via Sacchero, un tempo dedicata al duca di Ligne che qui vi passò nel 1672 ) e di cui rimangono sparute tracce. Su tali mura venne ricavata la porta Ferdinandea , ancora nel ventunesimo secolo erroneamente detta u futtinu ("il fortino").

Con il terremoto del 1693 e la seguente ricostruzione si volle dare alla città un aspetto più aperto e libero dai fortilizi (i resti furono infatti inglobati nello sviluppo della città), anche perché ormai non esisteva più il pericolo delle incursioni piratesche che secoli prima diedero l'impulso alla fortificazione del Regnum [28] .

La città barocca

L'eruzione del 1669 che investì la città (affresco di Giacinto Platania , sagrestia della cattedrale)

Catania è stata ampiamente trasformata dalle conseguenze dei terremoti che hanno imperversato su questa parte della Sicilia. Il suo territorio circostante è stato più volte coperto da colate laviche che hanno raggiunto il mare . Ma i catanesi caparbiamente l'hanno ricostruita sulle sue stesse macerie. La leggenda vuole che la città sia stata distrutta sette volte durante la sua storia, ma in realtà tali eventi disastrosi si possono sicuramente riferire a pochi ma terribili eventi. Anche le distruzioni del centro urbano a causa delle colate laviche sono frutto di una storiografia fantasiosa [29] In epoca storica Catania venne danneggiata dai prodotti piroclastici dell'Etna nel 122 aC ; le fonti antiche riferiscono di tetti crollati per il peso eccessivo delle ceneri e di raccolti distrutti [30] . È testimoniata tuttavia anche dal punto di vista archeologico la presenza di colate che giunsero a colpire parte della città antica [31] .

La calamità che avrebbe poi reso Catania la perla del tardo barocco siciliano è senza dubbio il terremoto che si registrò tra le giornate del 9 e dell'11 gennaio 1693 , quando tutto il Val di Noto fu distrutto da potenti scosse. Nella città etnea si contarono numerose vittime, dovute soprattutto alla scarsa larghezza delle strade principali, che non permise ai cittadini di potervisi riversare. Durante la ricostruzione l'idea di risolvere questo problema fu di Giuseppe Lanza, duca di Camastra , progettando larghe vie principali, quali le centralissime Via Etnea, Via Vittorio Emanuele II (che all'epoca si chiamava "Corso reale"), Via Plebiscito e Via Giuseppe Garibaldi (all'epoca conosciuta come via San Filippo). Tutti i monumenti antichi furono inseriti nel tessuto urbano della città ricostruita grazie a tanti artisti, anche di fama nazionale, tra cui di certo spicca l'opera dell' architetto Giovanni Battista Vaccarini , che hanno dato alla città una chiara impronta barocca . Tra gli altri che hanno aiutato la rinascita della città si ricordano Francesco Battaglia , Stefano Ittar , Alonzo di Benedetto e Girolamo Palazzotto .

Monumenti barocchi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Catania .

Tra i principali monumenti barocchi si ricordano:

La città ottocentesca

Come monumenti dell'Ottocento sono da segnalare teatri e fontane: per quello che riguarda i primi, nel 1821 venne costruito il Teatro Pietro Antonio Coppola , primo teatro comunale a Catania, sito nel quartiere Civita , che fu adibito principalmente alla rappresentazione di opere liriche . Il teatro venne poi chiuso nel 1887 quando fu inaugurato il teatro Massimo Vincenzo Bellini nel 1890 , seguendo lo stile dell' Opéra national de Paris , in piazza Vincenzo Bellini, nel quartiere Agnonella.

Per quello che riguarda le seconde a Catania non c'è più traccia di quella che aveva al centro un obelisco e che i catanesi avevano innalzato nel 1862 , in un primo tempo nell'attuale piazza Duca di Genova, per ricordare la visita compiuta in quell'anno alla città dai tre figli del primo re d'Italia Vittorio Emanuele II (Umberto, Amedeo e Oddone), poi ricollocata nella zona di piazza Mario Cutelli, sempre alla Civita.

« A Giuseppe Garibaldi che la notte del 18 agosto 1862 pronunziava da questa casa le storiche parole «Roma o Morte» il popolo catanese dedicava questa lapide il 2 giugno MDCCCLXXXIII primo anniversario della morte dell'Eroe, a gloriosa memoria del fatto, ad aborrimento perpetuo di usurpatori, di sacerdoti, di reggitori codardi. »

( Epigrafe di Mario Rapisardi )

Nel biennio 1863 - 1865 , il Comune provvide a dotare la città di fontanelle, nel quartiere Fortino , in piazza Crocifisso della Buona Morte (poi "piazza Alfredo Cappellini", dal 1907 , e successivamente "piazza Giovanni Falcone"), nel Largo dei Miracoli, nel Largo delle "Chianche Mortizze", nella piazza Monserrato, in quella della Guardia, nonché nel rione della Consolazione, ormai tutte scomparse.

La città novecentesca

Il palazzo delle Poste centrali, progettato dall'architetto Francesco Fichera

Come monumenti del Novecento a Catania sono da segnalare fontane e palazzi: tra le prime, la Fontana di Proserpina , che risale al 1904 ed è sita in piazza Stazione Centrale (in seguito diventata "piazza Papa Giovanni XXIII"), è stata costruita 'di getto' in pochi mesi, ed è la penultima scultura di Giulio Moschetti .

Per quello che riguarda i secondi nel 1922 comincia la costruzione del Palazzo delle poste centrali , con un progetto risalente a quattro anni prima per opera dell'architetto Francesco Fichera , ultimato nel 1929 e inaugurato l'anno seguente.

Nel 1933 è stato inaugurato il Palazzo della Borsa , costruito su progetto dell'architetto Vincenzo Patanè coadiuvato da Giovanni Aiello in uno stile tra il classico e il barocco. Nel 1937 inizia invece la costruzione del Palazzo di Giustizia , che termina solo nel 1953 , e in seguito della fontana de I Malavoglia in piazza dell'Esposizione, successivamente diventata piazza Giovanni Verga.

Nello stesso periodo sorge il Palazzo Generali , primo grattacielo della città, che ha 19 piani.

Sotto il sindaco Domenico Magrì , agli inizi degli anni cinquanta , sorgono tre nuove fontane: la prima è la fontana delle Conchiglie , in piazza Mario Cutelli ed è stata realizzata su disegno di Domenico Cannizzaro [32] ; un'altra, al largo Giovanni Paisiello, è un'opera modernissima di Dino Caruso , in ceramica e pietra lavica; e infine viene ricollocata la fontana dei Delfini , in piazza Vincenzo Bellini, opera di Giovanni Battista Vaccarini , proveniente dal chiostro della Badia Sant'Agata .

Il Piano Regolatore Generale di Luigi Piccinato diede avvio nel 1961 anche ai lavori di costruzione del complesso della Cittadella Universitaria sulla collina di Santa Sofia, previsto già da un precedente PRG degli anni trenta , che è uno dei maggiori poli di ricerca dell'Ateneo.

Mercati e mercatini

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mercati di Catania .

Uno dei posti più caratteristici della Catania popolare è il mercato del pesce della Pescheria sempre rutilante di colori, voci e odori. Un altro luogo caratteristico è il Mercato di piazza Carlo Alberto , meglio conosciuto come Fera 'o Luni , la cui radice etimologica è stata spesso messa in discussione. L'ipotesi più diffusa è che stia per "Fiera del Lunedì" perché probabilmente il mercato originariamente doveva essere attivo soltanto per tale data settimanale [33] Nella stessa piazza tutte le domeniche si teneva un importante mercato delle pulci , trasferito nei pressi dell'entrata principale del porto della città.

Un mercato di " bric-à-brac " è aperto la domenica sotto gli archi della "marina" nei pressi della Villa Pacini. Altro mercato molto frequentato è quello che si svolge il venerdì in piazza I Viceré nel quartiere settentrionale Canalicchio. Una risorsa non meno importante riguarda i mercatini rionali di Catania .

Strade e piazze

La via Garibaldi e sullo sfondo la Porta Garibaldi al Fortino
Il "Chiosco della Musica" in stile liberty - Villa Bellini

La strada incontra quindi la cosiddetta Villa Bellini , che costituisce il principale polmone verde del centro storico e il cui monumentale ingresso eretto durante il ventennio si affaccia su via Umberto, grossa arteria che collega il lungomare con la suddetta Villa , e al discusso monumento a Giuseppe Garibaldi che fa da spartitraffico con la via Caronda al "Largo del Rinazzo". Seguono poi l'incrocio con il viale Regina Margherita e sul lato sinistro l' Orto botanico di Catania : poco più avanti vi è piazza Camillo Cavour , il Borgo per i catanesi, in quanto piazza principale del quartiere [34] , dove venne spostata la fontana della dea Cerere , in marmo bianco, da piazza Università, conosciuta dagli anziani catanesi come 'a Matapallara do' Burgu ("Madre Pallade del Borgo" in italiano).

L'ultimo tratto, caratterizzato da una maggiore pendenza rispetto al resto della via, presenta una serie di edifici eretti alla fine del XX secolo e taluni edifici moderni, alternati sul lato sinistro dal ponte dell' Istituto musicale Vincenzo Bellini e dall'Ospizio dei Ciechi. La strada termina infine con il Tondo Gioeni, laddove un tempo sorgeva l'omonimo ponte abbattuto nell'agosto del 2013 , anticipato dai due edifici dell'Istituto Zooprofilattico, posti ai due lati dell'arteria, che chiude in curva davanti alla facciata dell' omonimo parco .

  • Via dei Crociferi : un raro esempio di unità architettonica, spesso definita la strada più bella della Catania settecentesca [35] . Essa ha inizio in piazza San Francesco d'Assisi e vi si accede passando sotto l'arco di San Benedetto che collega la Badia maggiore alla Badia minore posta ai due lati della strada. La strada, contornata da chiese, monasteri e poche abitazioni civili, è un raro esempio di barocco siciliano .

Nel breve spazio di circa 200 metri sono presenti ben quattro chiese. La prima è la Chiesa di San Benedetto collegata al monastero delle Benedettine dall'arco omonimo che sovrasta la via. A essa si accede a mezzo di una scalinata ed è contornata da una cancellata in ferro battuto. Proseguendo si incontra la Chiesa di San Francesco Borgia alla quale si accede tramite due scaloni. A seguire si incontra il Collegio dei Gesuiti, dal 1968 al 2009 sede dell'Istituto d'Arte, con all'interno un bel chiostro con portici su colonne e arcate. Di fronte al Collegio è ubicata la Chiesa di San Giuliano considerata uno dei più begli esempi del barocco catanese. L'edificio, attribuito all'architetto Giovanni Battista Vaccarini , ha un prospetto convesso e delle linee pulite ed eleganti. Proseguendo e oltrepassando la via Antonio di San Giuliano, si può ammirare il convento dei Crociferi e quindi la Chiesa di San Camillo de' Lellis . In fondo alla via è ubicata Villa Cerami , che è sede del Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Catania.

Società

Evoluzione demografica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Area metropolitana di Catania e Sistema lineare della Sicilia orientale .

Popolazione storica (migliaia) [36]

Catania-1300-1861.jpg

Abitanti censiti [37]

La città di Catania è densamente popolata nella sua parte settentrionale, mentre la parte sud (corrispondente con la VI municipalità) è prevalentemente zona industriale, aeroportuale e commerciale. È necessario però ricordare che alcuni popolosi quartieri periferici appartengono, amministrativamente, ai comuni contigui in qualità di frazioni: è il caso di Canalicchio ( Tremestieri Etneo ), di Fasano ( Gravina di Catania ), di Lineri ( Misterbianco ) e altri ancora. Dieci sono i comuni di prima corona che attraverso processi di controurbanizzazione hanno conosciuto un forte incremento di popolazione a scapito del comune di Catania, che è passato dagli oltre 400.000 residenti dell'inizio degli anni settanta (vedi grafico) ai circa 320.000 odierni, ovvero Aci Castello , Aci Catena , Gravina di Catania , Mascalucia , Pedara , Trecastagni , Misterbianco , San Giovanni la Punta , San Gregorio di Catania , San Pietro Clarenza , Sant'Agata li Battiati , Tremestieri Etneo e Valverde .

Dipartimento di Fisica e Astronomia dell' Università degli Studi di Catania , progettato dall'architetto Giacomo Leone

Catania conta dunque circa 320.000 residenti a fronte di un agglomerato urbano estremamente omogeneo di circa 600.000 abitanti[38] con una densità di 1885,9 abitanti per km² .

A delimitare la complessa conurbazione etnea, immediatamente dopo questa “prima corona” di comuni, troviamo tre grossi centri: Acireale , Paternò e Belpasso , i primi due dei quali hanno sviluppato attorno a sé dei sub-sistemi urbani, che gravitano attorno a essi, ea loro volta attorno al sistema principale il cui fulcro è Catania. L'insieme dell'agglomerato omogeneo più le tre città satellite ha una popolazione di 696.869 residenti [39]

Ventisette sono i comuni che formano l' Area metropolitana di Catania , istituita dall'articolo 19 della legge regionale 6 marzo 1986 nº9, con una popolazione di 765.623 [40] , e con 805,15 abitanti per km² è la più densamente popolata della Sicilia.

I movimenti centrifughi di popolazione hanno modificato i rapporti tra il capoluogo ei comuni etnei, che sono cresciuti in maniera del tutto spontanea, senza il sostegno di adeguati strumenti urbanistici, deturpando profondamente il paesaggio e generando un territorio estremamente caotico e difficilmente gestibile e con gravi problemi di vivibilità. Lo squilibrio funzionale, la distribuzione “disordinata” della popolazione su un territorio così vasto e disomogeneo, e spesso la carenza di adeguate vie di comunicazione, provoca anche gravi problemi di vivibilità [41] .

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2019 [42] la popolazione straniera residente era di 14 600 persone pari al 4,7% della popolazione. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione straniera erano:

  1. Sri Lanka , 2 759. (18,9%)
  2. Romania , 2 337. (16,0%)
  3. Mauritius , 1 113. (7,6%)
  4. Cina , 1 105. (7,6%)
  5. Bangladesh , 1 076. (7,4%)
  6. Senegal , 803. (5,5%)
  7. Nigeria , 461. (3,2%)
  8. Marocco , 423. (2,9%)
  9. India , 351. (2,4%)
  10. Tunisia , 314. (2,2%)

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comunità ebraica di Catania .
Bottega siciliana, secc. XVIII-XIX (1790-1810 ca.), Statua lignea della Madonna immacolata su Macchina processionale dorata [43]
La festa di Sant'Agata agli inizi del Novecento
Processione delle cannalore per la festa di Sant'Agata nel 1915

Secondo la tradizione la presenza della prima comunità cristiana a Catania è attestata sin dal I secolo con l'invio, da parte di san Pietro in persona, del vescovo Berillo , originario di Antiochia, che eresse in città la Chiesa del Santo Spirito , e ciò fa di Catania una delle più antiche comunità cristiane della Sicilia.

La confessione maggioritaria in città è quella cattolica della religione cristiana . Patrona della città è Sant'Agata martirizzata nel 251 dC, alla quale viene ogni anno dedicata una grandiosa festa lunga tre giorni (dal 3 al 5 febbraio). Nei tre giorni la città viene impegnata nelle strutture viarie sulla festa tra un misto di devozione e di folclore.

Anticamente, la ricorrenza dell' Immacolata Concezione , secoli prima della consueta processione dell'8 dicembre, per mezzo del vicario generale nella cappella dell'Immacolata della chiesa di San Francesco , don Arcaloro Scammacca [44] , fu solennemente sostenuta dal Senato cittadino con la clausola «fin'all'ultimo fiato» (1655) [45] [46] . Il Senato, infatti, elesse la Madonna Immacolata come Compatrona della città assieme a Sant'Euplio martirizzato nel 304 dC e alla Madonna del Carmelo castellana della città.

Vi sono varie confessioni cristiane non cattoliche, tra cui quella valdese , la cui presenza a Catania risale alla metà del XIX secolo con l'insediamento di imprenditori del commercio stranieri di fede protestante ; nel 1899 viene costruito lo storico tempio valdese di Via Naumachia [47] . Vi sono poi dislocate nei quartieri popolari della città varie chiese Evangeliche (tra cui anche chiese Battiste ), delle Assemblee di Dio in Italia e dei Testimoni di Geova . È presente anche la confessione ortodossa [48] .

A Catania c'erano tre moschee : la prima venne edificata nel 1980 (la prima costruita, in Italia e in Sicilia , dopo la dominazione araba) in via Castromarino, traversa di via Plebiscito (nel quartiere Petriera) e non è più esistente. La seconda è stata inaugurata nel 2012 in via Calì, nel quartiere Civita, nei pressi del Porto di Catania [49] , è la più grande del Sud Italia [50] ed è l'unica esistente. La terza, infine, è stata poi trasformata nella Chiesa di San Tommaso Becket .

A Catania ci sono state due sinagoghe : una nel quartiere Giudecca (il quartiere giudaico storico) e una in via Santa Maria della Catena (toponomastica che in Sicilia indica presenza di ebrei). La comunità ebraica catanese è demandata, come quella di altre città meridionali, a quella di Napoli.

Santi legati a Catania

Tradizioni e folclore

I fratelli Pii, moneta del 212

La storia di Catania è arricchita da molte leggende di cui quattro sono state rappresentate nei rispettivi lampioni di Piazza dell'Università realizzati da Mimì Maria Lazzaro e Domenico Tudisco agli inizi del Novecento: Colapesce , i Fratelli Pii , Gammazita e Uzeta [51] .

  • Una delle leggende di Colapesce narra che egli era un giovane ( Nicola il pesce ) che poteva stare sott'acqua per molto tempo; non appena Federico II ne venne a conoscenza, lo sfidò a recuperare una coppa d'oro. Colapesce lo fece e ottenne in premio la coppa. Il re, allora, gli chiese di vedere cosa c'era sotto la Sicilia. Riemerso, Colapesce informò il re del fatto che la Sicilia poggiava su tre colonne e che una di esse era consumata dal fuoco. Federico II gli chiese di portargli il fuoco ma Colapesce, tuffatosi nuovamente in mare, non riemerse mai più. Secondo la leggenda è ancora in fondo al mare e continua a reggere la colonna che stava per crollare.
  • I fratelli Pii (Anfinomo e Anapia) cercarono di salvare gli anziani genitori portandoli sulle proprie spalle durante un'eruzione dell'Etna; mentre stavano per essere travolti il fiume di lava si divise per volere degli dei e tutti si salvarono.
  • Gammazita era una giovane virtuosa; di lei si invaghì un soldato francese, che fu rifiutato; un giorno Gammazita, recatasi da sola a un pozzo , venne raggiunta dall'innamorato e, per non cedere alle sue richieste, si uccise gettandosi dentro la cavità.
  • Uzeta è protagonista di una leggenda inventata agli inizi del Novecento: questo ragazzo di umili origini diventò cavaliere per la sua bravura e riuscì a sconfiggere gli Ursini, giganti saraceni che avrebbero dato il nome al Castello [52] .

Altre leggende occupano invece la memoria dei luoghi di Catania – così alla divinità fluviale Ongia si dovrebbe il nome del borgo marinaro di Ognina (secondo alcuni studiosi piuttosto dal nome del fiume che lo bagnava, il Longane , secondo altri dal celebre castello del re Italo a Λογγον , Longon ) – o dell'Etna, dove una tradizione attribuita a Gervasio di Tilbury (che era ospite della corte normanna) vuole che essa fosse l' ultima dimora di Re Artù [53] , e che quest'ultimo abbia donato Excalibur al re Tancredi [54] [55] [56] . Legata a questa leggenda il mito del cavallo del vescovo , attribuita piuttosto a eventi di epoca sveva [57] . La nascita dell'Etna sarebbe a sua volta legata a un evento mitologico: la sconfitta di Tifeo da parte di Zeus che, con un grosso macigno che è la stessa Etna, lo seppellì e quando il gigante si dovesse muovere sarebbe egli la causa dei terremoti e delle eruzioni etnee.

Inoltre pure molte leggende, sempre legate alle forze della natura, hanno circondato gli eventi del sisma del 1693, come la storia di don Arcaloro , e quella del vescovo Francesco Carafa .

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina catanese .

Fra i piatti tipici di Catania si trovano la pasta alla Norma , le sarde a beccafico , la parmigiana di melanzane e, fra i dolci, le crispelle di riso e le rame di Napoli .

Vita notturna

Catania possiede un'intensa vita notturna, che offre divertimento e intrattenimento. Una delle zone più rinomate in tal senso è il centro storico, in modo particolare tra piazza Duomo, piazza Università e piazza Vincenzo Bellini (nota come piazza Teatro Massimo) dove si trova il grosso dei locali notturni, spesso affollati, soprattutto in estate, quando le strade e le piazze diventano una "propaggine" delle attività, aprendo ai caffè concerto la città [58] .

La tradizione dello spettacolo presso locali, siano essi bar o trattorie, trova origine nella prima diffusione del fenomeno in Italia, con l'apertura di locali notturni adatti anche a piccole forme di spettacolo nella città di Napoli verso la fine del XIX secolo . I letterati catanesi, che erano spesso per lavoro nella città partenopea, portarono la novità anche alla città etnea. Tuttavia dal secondo dopoguerra il fenomeno conobbe una brusca interruzione. Verso la fine degli anni sessanta e nei primi anni settanta vi fu un primo segnale di ripresa, sebbene nuovamente interrotta dal decennio seguente. Altre aree d'attrattiva – sebbene non concentrate come al centro, ma piuttosto distanti tra loro – si trovano anche presso corso Italia, lungo viale Libertà o in piazza Trento: solitamente caotiche di giorno, la notte diventano luoghi poco o per niente affollati, ma nonostante questo anch'esse non sono prive di locali aperti fino a tarda notte.

I chioschi

Il chiosco all'interno del mercato ittico storico ( la Pescheria ), sotto l'arco n°2 e sul percorso principale della processione della santa Patrona nella mattina del 4 febbraio.

Un'importante attrazione culinaria di Catania è senza dubbio il chiosco delle bevande, dove vengono servite bibite dissetanti estive, tipiche della cultura cittadina. I chioschi delle bevande sono unici nel loro genere: un tempo c'erano i venditori ambulanti di bibite (lo zammù – cioè l' anice – innanzitutto): man mano, questa attività si è stabilizzata e da strategici luoghi ombrosi dove appostarsi per vendere rinfreschi ai catanesi soffocati dal caldo, i venditori si sono collocati in queste particolari architetture quadrate o circolari, dalle cui aperture – simili a finestre – essi distribuiscono i preparati.

Il fenomeno dei chioschi ebbe inizio nel 1896 con il chiosco Costa, che si trovava in piazza Stesicoro e che poi venne spostato in piazza Spirito Santo, e il chiosco Vezzosi in piazza Duomo, che in séguito venne messo in piazza Vittorio Emanuele III; successivo di qualche anno è quello di Giammona, che si trovava in piazza Cavour.

Sembra che la tradizione degli sciroppi di frutta mescolati al seltz derivi dall'utilizzo dell'acqua naturalmente effervescente del lago Naftia , nei pressi di Palagonia (la cosiddetta mofeta dei Palici , caratterizzata da forti emissioni di anidride carbonica già sfruttate per fini commerciali e il cui nome richiama chiaramente le proprietà). La bibita più celebre da gustare al chiosco è il seltz al limone e sale , oppure anche una semplice ricetta molto dissetante come il mandarino al limone , a base appunto di sciroppo di mandarino e succo di limone spremuto al momento.

Cultura

La sala Vaccarini all'interno delle biblioteche riunite Civica-Ursino-Recupero

Istruzione

Biblioteche

Le biblioteche storiche di Catania sono:

A queste si sono aggiunte nel tempo diverse altre biblioteche, come la biblioteca comunale Vincenzo Bellini o le numerose biblioteche scolastiche e universitarie.

Università

Palazzo San Giuliano - Università degli studi di Catania

L' Università degli Studi di Catania , fondata nel 1434 , è la più antica della Sicilia. È una delle più grandi del Sud Italia, con 56.015 iscritti divisi in ventidue dipartimenti. Sono presenti anche i Laboratori nazionali del Sud facenti parte dell'Istituto nazionale di fisica nucleare .

Inoltre, Catania è sede della Scuola superiore , uno dei cinque centri d'eccellenza per universitari in Italia, dell' Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini [59] e anche di un' Accademia di belle arti [60]

Musei

La città siciliana ospita numerosi musei , di cui sette stabili: il Museo diocesano , quello del Castello Ursino , l' Antiquarium regionale del Teatro romano , il Museo Emilio Greco , il museo dell' Orto Botanico , il Museo di Zoologia , il Museo civico belliniano (presso la casa di Vincenzo Bellini ) e la Casa Museo di Giovanni Verga .

Esistono inoltre tre musei privati:

Al Centro fieristico le Ciminiere , area industriale dismessa completamente ristrutturata, si svolgono manifestazioni e mostre periodiche, organizzate principalmente dalla Provincia di Catania .

All'interno del complesso sono stati creati due nuovi musei:

Media

La maggior parte dei media della città sono gestiti dall'imprenditore Mario Ciancio Sanfilippo , uno degli uomini d'affari di maggiore rilevanza in Sicilia.

Stampa

Catania è sede dei quotidiani regionali La Sicilia , il secondo dell'isola, e Quotidiano di Sicilia . In passato è stata la sede della rivista I Siciliani e dei quotidiani Il Corriere di Sicilia e Espresso Sera .

Radio

In città sono presenti diverse emittenti radiofoniche: alcune a carattere regionale come Radio Amore, Radio Telecolor, Radio SIS, e altre a livello locale quali Radio Video 3, Radio Catania, RSC, Studio 90 Italia, Radio Sgrusciu, Antenna Uno, Antenna Trinacria, Radio Onda Blu, Radio Zammù, Radio Smile e Radio Lab.

Televisione

Catania è sede di emittenti televisive quali: Antenna Sicilia , Sicilia Channel , Telecolor , Video 3 , Telejonica , Telesicilia color , Ultima TV , D1 Television, D2 Channel e Sestarete.

Teatro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatri di Catania .

Catania è la città a più alta densità teatrale della Sicilia . Molteplici le compagnie teatrali che vi operano, sia professionali che amatoriali. Il più importante teatro della città è il Teatro Massimo Vincenzo Bellini , costruito, seguendo lo stile dell'Opera di Parigi, dagli architetti Andrea Scala e Carlo Sada alla fine del XIX secolo e inaugurato nel 1890 ; è un teatro lirico di tradizione, vanta un'orchestra sinfonica e un coro stabile ed è sede di stagione operistica e concertistica. Da alcuni anni dispone della sala del Teatro Sangiorgi che viene utilizzata per concerti di musica da camera e per prove di spettacoli. Molto attivi sono inoltre il Teatro Stabile (che svolge le sue attività sia nel Teatro Verga che nel Teatro Musco) e il Teatro Metropolitan, nonché il Piccolo Teatro . Esistono poi il Teatro Ambasciatori e il Teatro Erwin Piscator.

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nascita dell'industria cinematografica italiana .
Film ambientati a Catania

A Catania già nei primi anni del Novecento , proprio agli albori del cinema , sorsero varie case di produzione cinematografica : [61] la "Morgana Film" da non confondersi con una omonima società romana, Etna film , Katana film , Sicula film e Jonio film [62] [63] . In questo periodo, in città, vennero girate alcune scene di Cabiria , considerato il più grande kolossal e il più famoso film italiano del cinema muto.

Mastroianni in Divorzio all'italiana , nello scenario del porto di Ognina

La produzione cinematografica di Catania durò solo pochi anni, poi dopo la guerra essa si concentrò a Roma , sino alla crisi che colpi il settore in Italia per tutti gli anni venti. Tentativi di rilancio successivi, ma senza seguito, furono quelli di Ugo Saitta nel 1935 con il film Clima puro , e Lo voglio maschio , con Tuccio Musumeci , nel 1971 .

Musica

Carmen Consoli ai Magazzini Generali di Milano ( 2000 )

La più grande gloria artistica della città di Catania è il musicista Vincenzo Bellini , nato in questa città nel 1801 e morto presso Parigi nel 1835, autore di numerose opere liriche, tra le quali capolavori come Norma , La sonnambula e I puritani . Nel campo della musica colta Catania ha dato i natali anche ad altri illustri compositori del Novecento: Francesco Paolo Frontini , Giuseppe Perrotta , Alfredo Sangiorgi , Aldo Clementi , Francesco Pennisi , Roberto Carnevale , Emanuele Casale e Matteo Musumeci .

Dagli anni sessanta Roberto Pregadio diresse alcune colonne sonore di film di genere . Pippo Caruso , direttore delle orchestre Rai di Roma e Milano, del Festival di Sanremo, realizzò sigle televisive e dischi per numerosi artisti nazionali. La pianista Dora Musumeci si occupò di arrangiamenti jazz di canzoni di musica leggera per radio, teatro e cinema.

Nei primi anni settanta si fecero notare i Beans , Gianni Bella , Marcella Bella . Successivamente sono sorti decine di nuovi gruppi musicali e cantautori (da Umberto Balsamo a Cristiano Malgioglio , a Vincenzo Spampinato ). Il più importante è probabilmente Franco Battiato , celebre cantautore nato e cresciuto a Riposto , in provincia di Catania, le cui sperimentazioni musicali hanno influenzato molti altri autori.

Successivamente sono arrivati i Denovo di Mario Venuti e Luca Madonia , Gerardina Trovato , Carmen Consoli (lanciata dalla casa di produzione di Francesco Virlinzi ), gli Sugarfree , Mario Biondi e molti altri.

Alla scena rock degli anni ottanta e novanta appartengono gli Schizo , gli Uzeda , i Flor de Mal ei Pyrosis . I Boppin' Kids , band di rockabilly e psychobilly , parteciparono a Sanremo Rock . Lo showman Fiorello reinterpretava grandi successi della musica italiana e internazionale. Allo stesso periodo risale il Festival della nuova canzone siciliana che per certi aspetti rappresentò forse un modo per riscoprire sonorità e espressioni linguistiche in disuso, rinverdendo una tradizione che risaliva ai tempi dei cantastorie (si pensi a Ciccio Busacca , Vito Santangelo ea tanti altri). Per altro verso, tra i rappresentanti di punta più apprezzati della canzone melodica napoletana in città va menzionato almeno Gianni Celeste . Eppure, negli anni novanta, Catania si conquistò l'appellativo di " Seattle del sud", per la rilevanza internazionale della sua scena musicale (molte band internazionali scelsero in quegli anni Catania come unica data in Italia dei loro tour). Importante è stato poi il contributo di artisti che hanno sfruttato il siciliano per creare un caratteristico stile comico, come i Piscarias e il cantante Brigantony . I Lautari si sono invece dedicati alla riscoperta, in chiave moderna, del repertorio tradizionale siciliano. The Acappella Swingers , catanesi anch'essi, ripropongono le sonorità del doo-wop degli anni cinquanta.

Negli anni duemila Patrizia Laquidara si aggiudicava il Premio Mia Martini della Critica e il premio Alex Baroni a Sanremo 2003 . Di breve durata fu la carriera dell'esordiente Veruska . Con la nascita di talent show televisivi come X Factor , emerge Lorenzo Fragola che più tardi parteciperà alla 65ª edizione del Festival di Sanremo nella sezione "Campioni".

Al cinema Paolo Buonvino firmerà le colonne sonore per film di registi come Faenza , Virzì , Verdone , Rubini , Muccino . Etta Scollo sperimenterà originali forme di commistione fra folk, jazz, pop e dialetto siciliano . Rita Botto ha ricreato melodie uniche e indimenticabili d'ambientazione mediterranea. Per la musica classica il pianista Francesco Nicolosi è divenuto direttore artistico dell' EAR Teatro Massimo Bellini . Il rapper L'Elfo , definito un veterano del hip hop underground catanese [64] , ha proposto svariati singoli in collaborazione con Inoki , MadMan , Nerone , Vacca , spesso corredati da video su YouTube sullo sfondo dell' Etna e delle periferie della città.

Geografia amministrativa

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Circoscrizioni di Catania .
Le municipalità di Catania dal 1995 al 2013

Il comune diede avvio al decentramento amministrativo per la prima volta nel 1971 , quando furono istituiti 26 quartieri facenti capo ad altrettante parrocchie . Essi furono ridotti nel 1978 a 17 Circoscrizioni, che furono a loro volta riorganizzate nel 1995 in 10 Municipalità. Ognuna è contrassegnata da un numero progressivo e da un nome: I. Centro- San Cristoforo -Angeli Custodi; II. Ognina - Picanello ; III. Borgo-Sanzio; IV. Barriera- Canalicchio ; V. San Giovanni Galermo ; VI. Trappeto- Cibali ; VII. Monte Po - Nesima ; VIII. San Leone -Rapisardi; IX. San Giorgio - Librino ; X. San Giuseppe La Rena- Zia Lisa .

L'Istituzione delle Municipalità

Le Municipalità dal 2013

Con delibera del consiglio comunale nel 2020 è stata disposta l'Istituzione delle Municipalità per sostituire le Circoscrizioni

Pertanto a decorrere dal 2020 le Municipalità saranno organizzate in questa modalità:

  • Prima Municipalità (Centro); 1ª Municipio
  • Seconda Municipalità (Ognina - Picanello - Barriera - Canalicchio); 2ª Municipio
  • Terza Municipalità (Borgo Sanzio); 3ª Municipio
  • Quarta Municipalità (S. Giovanni Galermo -Trappeto - Cibali); 4ª Municipio
  • Quinta Municipalità (Monte Po - Nesima - San Leone - Rapisardi); 5ª Municipio
  • Sesta Municipalità (S. Giorgio - Librino - S. Giuseppe la Rena); 6ª Municipio

Profilo urbanistico e architettonico

Catania è segnata da profondi sconvolgimenti naturali (in particolare, l' eruzione dell'Etna del 1669 e il terremoto del Val di Noto del 1693 ), da importanti tentativi di ricostruzione e, nel XX secolo, da ambiziose iniziative tese a favorire un rilancio industriale. [65] La città inoltre porta ancora su di sé le "cicatrici provocate da conflittualità di interessi e da urbanizzazione selvaggia" [65] .

Un piano di livellamento, nel secondo Ottocento, ha eliminato i frequenti salti di quota: tale operazione ha lasciato diversi segni sugli edifici, che a volte appaiono caratterizzati, secondo Giuseppe Dato, "fuori da ogni logica compositiva" [66] , con porte e finestre che scambiano il proprio ruolo originario.

Anche per la minacciosa presenza del vulcano Etna, il piano compositivo della città appare specialmente legato a una instabilità di riferimento. [67] Si registra anche un'apparentemente fallita convergenza tra l'idea della città nella mente degli architetti (con anche applicazioni virtuosistiche) ei destinatari, i cittadini, con i loro "reali comportamenti insediativi". [68]

Il XX secolo: cronistoria urbanistica

  • 1932 - viene bandito un concorso nazionale per l'approvazione di un Piano Regolatore Generale [69] .
  • 1934 - il consiglio comunale approva una fusione del primo e del secondo premio del concorso nazionale.
  • 1935 - viene redatto un regolamento edilizio dall'ingegnere Salvatore Giuliano.
  • 1942 - la deliberazione del PRG presentato viene restituita, non approvata, dalla Prefettura.
  • 1951 - viene abrogato dal consiglio comunale il piano di ricostruzione per il quartiere San Berillo e approvato il piano ISTICA: il 3 luglio 1954 interviene una legge speciale della Regione Siciliana.
  • 1954 - il Comune pubblica il PRG, ma la Regione non approva, giudicandolo incompleto e invitando a modifiche.
  • 1956 - decade una legge che permetteva al Comune di servirsi del PRG per quanto non approvato: viene istituita una commissione di studio per l'approvazione di un nuovo regolamento edilizio che sostituisca quello del 1935, ancora vigente: la commissione non produce quanto richiesto. Il Comune, allora, affida all'ingegnere Giuliano l'incarico di modificare il regolamento da lui redatto nel 1935, per adattarlo alle mutate esigenze della città. Il nuovo regolamento edilizio viene prodotto da Giuliano, con la collaborazione dell'ingegnere Pardo (membro dell'ufficio tecnico) e dell'architetto Ficara (libero professionista), ma il Comune non lo pubblica.
  • 1961 - una nuova amministrazione comunale incarica il professor architetto Luigi Piccinato di redigere un piano che sostituisca quello del 1954. In seguito a forte insistenza da parte dell'amministrazione comunale, Piccinato è costretto a stralciare dagli studi preparatori un programma di fabbricazione.

Lo sventramento del quartiere di San Berillo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sventramento di San Berillo .

San Berillo era uno storico quartiere di Catania, densamente abitato e pieno di botteghe di artigiani. Il suo sventramento fu realizzato a partire dalla seconda metà degli anni cinquanta (che coinvolse per lo più i quartieri limitrofi, più che San Berillo propriamente detto), motivato dai politici sia per potere collegare direttamente Piazza Stesicoro con la piazza Papa Giovanni XXIII sia con il fine di estirpare la criminalità e rendere la zona meno malsana, e ha determinato una ferita nel volto della città, oltre ad avere lasciato un vuoto ancora visibile nel suo tessuto urbano ea non fruttare i risultati sperati. Gli sfollati andarono ad abitare una zona che negli anni sessanta era ancora periferica o comunque non regolamentata, indicata dal comune, che corrisponde all'attuale quartiere di San Leone , chiamato anche proprio per questo San Berillo nuovo.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia di Catania .

Infrastrutture e trasporti

Strade

Catania possiede una delle nove tangenziali presenti in Italia (prosecuzione dell' autostrada A18 Messina-Catania) che contorna la città descrivendo un arco, dal casello autostradale di San Gregorio a nord, piegando verso ovest e dirigendosi infine verso sud per 30 km in direzione di Siracusa ; la viabilità di attraversamento cittadino viene completata dalla circonvallazione che si snoda in direzione ovest-est nella parte mediana dell'agglomerato urbano.

Alla tangenziale di Catania sono connesse le autostrade A18 (Catania-Messina), l' A19 (Catania-Palermo) e l' autostrada CT-SR (Catania-Siracusa) che si collega a Villasmundo con la strada statale 114 Orientale Sicula .

Metropolitana

Mappa della metropolitana di Catania (progetto in fase di completamento)

La metropolitana di Catania fu inaugurata il 27 giugno 1999. È gestita dalla Ferrovia Circumetnea (FCE) e si estende per circa 8,8 km lungo la linea Nesima - Stesicoro e comprende la diramazione Galatea - Porto. Dispone di undici stazioni ( Nesima , San Nullo , Cibali , Milo , Borgo , Giuffrida , Italia , Galatea , Porto , Giovanni XXIII e Stesicoro ). Sono in corso i lavori per la realizzazione della tratta Nesima-Monte Po, di 1,7 km, con due stazioni (consegna primo semestre 2021) e Stesicoro-Palestro, di 2,2 km, con tre stazioni. Sono in dirittura di appalto due importanti tratte, la Palestro-Aeroporto, di 4,6 km, e la Monte Po-Misterbianco Centro, di 2,1 km. [70] [71] Il completamento dell'intera linea di 19,4 km, da Misterbianco centro all'aeroporto Fontanarossa con ventitré stazioni, è previsto per il 2025 .

Ferrovie e tranvie

La città di Catania è dotata di numerose stazioni ferroviarie delle Ferrovie dello Stato e della Ferrovia Circumetnea. Sin dal 1867 la città è servita dalla stazione ferroviaria di Catania Centrale , che veniva raggiunta dalla ferrovia proveniente da Messina con un tracciato che seguiva la linea di costa dalla Stazione di Cannizzaro , attraverso il borgo di Ognina e il villaggio marinaro di San Giovanni li Cuti (l'intero percorso è quasi tutto in galleria tramite la Galleria di Ognina e quella poco dopo successiva di Cannizzaro). Due anni dopo ( 1869 ) venivano aperte la stazione di Catania Acquicella , in seguito all'attivazione del primo tratto della nuova "linea dello zolfo" (poi Palermo-Catania ) e la stazione di Bicocca . L'antica fermata di Catania Ognina (in servizio regolare dopo la soppressione, nel 1934 , della tranvia proveniente da Acireale con termine corsa nella centrale piazza del Duomo) è stata sostituita dalla nuova, omonima stazione del Passante ferroviario realizzata alcune centinaia di metri più a sud. Tale stazione fa parte del servizio metropolitano RFI di prossima attivazione (vedi paragrafo seguente).

Dal 1895 la città è servita dalle stazioni della Ferrovia Circumetnea : la stazione principale è quella di Catania Borgo , che comprende il deposito locomotive e le officine sociali. Nel territorio comunale insistono anche le stazioni di Cibali e di Nesima . Dal Borgo la ferrovia proseguiva in sede semipromiscua con la traversata diagonale della città lungo il Corso delle Provincie e sul viale Jonio; lungo tale percorso erano in funzione le fermate di Corso Italia, Caito e Stazione con termine corsa nella stazione di Catania Porto . All'inizio degli anni ottanta la circolazione fu limitata a Corso Italia con corse merci o di servizio occasionali per il porto. Tale prosecuzione cessò durante i lavori della metropolitana. Tutta la traversata fu infine dismessa nel 1999 in seguito all'attivazione della sottostante metropolitana.

Passante Ferroviario urbano

Il 24 luglio 2017 è stato inaugurato il primo tratto del passante ferroviario urbano di Catania su cui è prevista l'istituzione di un servizio di tipo metropolitano. Il servizio comprende la sezione ferroviaria costituita dalle stazioni di Giarre-Riposto, Carruba, Guardia Mangano, Acireale Cappuccini (di prossima realizzazione), Acireale, Cannizzaro , Catania Ognina, Catania Picanello, Catania Europa, Catania Centrale, Catania Acquicella, Catania Aeroporto (in costruzione) e Bicocca.

Porti

Porto Ulisse a Ognina

La città è servita da un grande porto commerciale e turistico nonché da alcuni porti più piccoli, turistici e da pesca: il Porto Ulisse a Ognina, il Porto Rossi e il Porticciolo di San Giovanni Li Cuti .

Aeroporti

Aerostazione Fontanarossa
Aeroporto Fontanarossa di Catania

L' Aeroporto Vincenzo Bellini di Catania è il sesto aeroporto italiano per numero di passeggeri (vedi la lista degli aeroporti più trafficati d'Italia ) e il primo scalo del mezzogiorno, secondo per traffico nazionale. Inoltre la tratta Catania-Roma è la più trafficata a livello nazionale e la quarta in Europa. È servito da numerose compagnie aeree di linea e low-cost, con molteplici destinazioni nazionali, internazionali e intercontinentali. [72]

Mobilità urbana; autobus

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete tranviaria di Catania e Rete filoviaria di Catania .

Il sistema dei trasporti a Catania è in crisi. Decenni di carenza progettuale non hanno permesso lo sviluppo di un sistema organico; la mancanza di progetti validi non ha permesso l'accesso ai contributi e ai finanziamenti con serie ripercussioni sulla qualità dei servizi.

Un'indagine condotta da un'associazione di consumatori su un campione di 2200 utenti dei trasporti pubblici di Milano, Genova, Bologna, Roma, Napoli e Catania constatava nel 2006 , fra l'altro: «il 66% dei catanesi intervistati considera insufficiente la puntualità degli autobus, mentre il 58% è insoddisfatto della copertura della rete della metropolitana.» [73]

La rete degli autobus urbani, gestita dall' Azienda Metropolitana Trasporti (in origine Azienda Municipale Trasporti), pur disponendo di numerose linee su tutto il territorio comunale e non solo, soffre una cronica inadeguatezza e inefficienza, sia a causa di ripetuti problemi economici che per la difficile convivenza con il traffico e soprattutto la sosta (spesso illecita) di mezzi privati, con pochissime corsie preferenziali protette. Con la trasformazione dell'Amt in SpA è iniziato un riordino dell'intero comparto del trasporto su gomma. Una prima linea "BRT" ( Bus Rapid Transit ) funziona dal 2013 collegando il parcheggio scambiatore "Due obelischi" a nord della città a piazza Stesicoro, in piento centro, riscontrando un importante successo di utenza. Un secondo parcheggio scambiatore, a Nesima, adiacente alle omonime stazioni della Ferrovia Circumetnea e della Metropolitana, ha accentrato altre linee urbane su gomma anche in previsione dell'istituzione di una seconda linea BRT. Dal parcheggio scambiatore di Fontanarossa, infine, transitano le linee veloci "Librino Express" e "Alibus" (quest'ultima collega l'aeroporto con la stazione ferroviaria di Catania Centrale).

Numerose sono le compagnie di bus che svolgono servizio extraurbano collegando Catania ai centri dell'hinterland, alle altre città regionali e nazionali: tra le principali, si ricordano l' Ast (Azienda Siciliana Trasporti), la Fce (Ferrovia Circumetnea), la Sais , l'Interbus e l'Etna trasporti.

Catania dispone di piste ciclabili che coprono una lunghezza di circa 8 km [74] .

Sport

Impianti sportivi principali

  • Complesso sportivo Cibali: Stadio Angelo Massimino di 20 266 posti [75] con annessa pista d'atletica, qui gioca in casa la squadra del Calcio Catania . Campo d'allenamento "Cibalino" completo di tribune e PalaAbramo dove si svolgono gare indoor di pallavolo , basket , calcio a 5, arti marziali , completo di tribune per 800 posti. Il complesso si trova nel quartiere Cibali con gli ingressi principali su piazza Vincenzo Spedini. Questo stadio ha sostituito nel 1937 il campo dei cent'anni , sito in quello che era la piazza dell'Esposizione, intitolata a Giovanni Verga.
  • Cittadella dello Sport Nesima: piscine, di cui una olimpica a otto corsie, tribuna per 500 posti, vasca tuffi completa di tribuna e vasca d'ambientamento. Qui gioca in casa la squadra pluricampione di pallanuoto femminile Orizzonte Catania . PalaNesima : 6500 posti, dove si giocarono i III Giochi mondiali Militari del 2003. Campi da calcio a 11 ea 5 dove si svolgono partite dei campionati italiani delle categorie dilettantistiche. Il complesso si trova nel quartiere di Nesima superiore in via Filippo Eredia .
  • Complesso sportivo Villaggio Santa Maria Goretti: stadio SM Goretti con 7000 posti dove sono di casa la squadra di rugby dell' Amatori Catania e per quanto riguarda il football americano la Elephants Catania . Campo da calcio nel quartiere Zia Lisa , dove inoltre è presente una tensostruttura . Gli impianti si trovano in via Fontanarossa, nel quartiere Villaggio Santa Maria Goretti .
  • Complesso polisportivo Plaia: piscina olimpica outdoor completa di tribuna con 3000 posti, vasca coperta per allenamenti, palestra atletica pesante , volley, pallacanestro. Impianti siti in viale Kennedy , nel quartiere Plaia .
  • Complesso polisportivo Zurria: PalaZurria con duecento posti e piscina. Impianti siti in via Zurria nel quartiere Angeli Custodi .
  • PalaCatania : palasport inaugurato nel 1997 per le Universiadi siciliane , capace di 4.400 posti utilizzato per incontri nazionali e internazionali di varie discipline sportive, quali il volley, pallacanestro, pallamano , calcio a 5 , arti marziali e altre discipline. Impianto dove si sono disputate alcune partite dei mondiali di volley maschile del 2010 . Viene utilizzato per ospitare i concerti di vari artisti nazionali e internazionali. Si trova in corso Indipendenza nel quartiere San Leone .
  • Palaghiaccio: utilizzato per le discipline su ghiaccio, capace di 5000 posti. Qui si sono svolti i mondiali di scherma del 2011 . L'impianto si trova in viale Kennedy, sempre nel quartiere Plaia.
  • PalaGalermo : utilizzato per varie discipline indoor è capace di 500 posti. Qui si sono svolti i campionati mondiali PGS nel 2002. Si trova in viale Tirreno nel quartiere Trappeto .
  • PalaNitta: utilizzato per varie discipline indoor, tra le quali il pugilato , capace di 700 posti totali. Si trova in viale Nitta, nel quartiere Librino .

Società sportive

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Calcio Catania e CUS Catania .

La squadra più seguita è il Calcio Catania . Nei primi anni sessanta , sotto la presidenza di Ignazio Marcoccio e la guida tecnica del catanese Carmelo Di Bella , il Catania disputò sei campionati consecutivi in Serie A ottenendo tre ottavi posti. Nel 1970-1971 e nel 1983-1984 disputò altri due anni di Serie A sotto la presidenza di Angelo Massimino . Nel 1993 subì una radiazione che relegò la società etnea nella categoria dell'eccellenza. Da quella categoria il Catania ripartì, vincendo, tra il 1994 e il 2006 , i campionati di Eccellenza, Serie D, Serie C2 (girone C), Serie C1 (girone B) e Serie B. Alla fine del campionato di calcio di Serie B 2005-2006 , guidata dall'allenatore Pasquale Marino , la squadra viene promossa in Serie A , classificandosi al secondo posto dietro l'Atalanta. Alla fine delle stagione 2013-2014 la squadra retrocede Serie B . Durante l'estate 2015 la squadra è travolta dallo scandalo calcioscommesse. La società viene accusata di avere manipolato l'esito di cinque partite del campionato di Serie B 2014-2015 per evitare la retrocessione in Lega Pro . Lo sviluppo delle indagini porta alla retrocessione della squadra in Lega Pro 2015-2016 con 12 punti di penalizzazione, ridotti poi a 9 il 29 agosto.

Tra le altre squadre di calcio catanesi (numerose nei campionati dilettantistici) si segnalano l' ASD Atletico Catania , militante nei campionati dilettantistici ma protagonista, nel corso degli anni novanta, di numerosi campionati (anche di vertice) in Serie C1 ; l' Associazione Calcio Massiminiana , anch'essa partecipante in passato a campionati di Serie C1 e nel ventunesimo secolo nei campionati dilettantistici; la Catania San Pio X che disputa anch'essa il campionato di Eccellenza e il Città di Catania militante in promozione .

Nel calcio a 5 la squadra più importante che milita nel campionato di Serie A è la Meta Calcio a 5 . Sempre nella disciplina del calcio da ricordare la Catania Beach Soccer militante anche esso in serie A .

Squadre titolate

La squadra più blasonata è quella femminile di pallanuoto , l' Orizzonte Geymonat Catania , con 21 scudetti 4 Coppa Italia 8 Coppe Campioni 1 Coppe Len 2 Super Coppa Len.

Il CUS Catania di Hockey su prato femminile (7 scudetti su prato e 6 indoor) 5 Coppa Italia.

Il Catania Beach Soccer 2 scudetto , 4 Coppe Italia 5 Supercoppa Italiana .

Il Calcio Femminile Jolly Catania 1 scudetto.

La Pallavolo Catania (maschile) 1 scudetto.

L' Alidea Catania di pallavolo (femminile) 1 scudetto 1 Coppa Italia.

La coppia di pallavoliste Manuela Malerba e Margherita Chiavaro ha vinto 1 scudetto di beach volley .

La Romolo Murri Catania ha vinto 1 campionato italiano maschile indoor di cricket .

La Polisportiva Cirnechi Catania ha vinto gli unici 2 campionati femminili dello stesso sport fin qui disputati.

Inoltre vantano tradizioni storiche, oltre a ottimi piazzamenti nelle massime serie, l' Amatori Catania ( rugby ), il Nuoto Catania ( pallanuoto maschile), gli Elephants Catania ( football americano ), la New Squash Club Catania ( squash ) ei Catania Flames (Campionato italiano di hockey in-line ). La pallacanestro maschile ha un passato in Serie A Seconda Serie con la Grifone [76] e in Serie B con il Gad Etna [77] ; quella femminile è stata in Serie A2 con la CSTL-Basket [78] , la Costa , la Palmares [79] e l' Olympia [80]

Manifestazioni sportive

Per sette volte Catania è stata sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia , la prima nel 1930 , l'ultima nel 2003 . Nel 1976 la corsa rosa prese il via da Catania che ospitò partenza e arrivo della prima semitappa.

Tappe del Giro d'Italia con arrivo a Catania:

Fra le classiche dello sport catanese la più nota a livello internazionale è il Trofeo Sant'Agata di corsa su strada , giunto alla 47ª edizione, che ha sempre richiamato un folto gruppo di partecipanti al più alto livello. Fra questi il campione olimpico di maratona all' Olimpiade di Atene 2004 , Stefano Baldini .

Il Trofeo internazionale "Spada d'Argento - Francesco Mannino" è dal 1968 una gara di scherma annuale, dedicata alla memoria dello schermidore Francesco Mannino e organizzata dal CUS Catania .

Il Trofeo Trinacria d'Oro di ginnastica artistica , a carattere internazionale, ebbe luogo a novembre dal 1979 al 2012 per 23 edizioni [81] .

Nel 1989 si svolse la fase finale dei Campionati italiani di società di atletica leggera maschili e femminili tra il 21 e il 22 giugno.

Nel 1997 Catania (congiuntamente a Palermo e Messina ) è stata la sede della 19ª edizione delle Universiadi e vi si è svolta la manifestazione di chiusura.

Nel 2001 ha ospitato i Campionati italiani assoluti di atletica leggera .

Nel 2003 Catania è stata la sede dei III Giochi mondiali militari e degli affiliati Campionati mondiali militari di atletica leggera (41ª edizione).

Nel 2006 ha ospitato il campionato europeo di hockey su prato .

Nel 2010 ha ospitato alcune gare dei campionati mondiali di pallavolo .

Nel 2011 ha ospitato i campionati mondiali di scherma ei campionati europei di hockey maschili.

Nel 2014 ha ospitato una tappa dell'Euro Beach Soccer League e le finali del Campionato italiano di beach soccer.

Nel 1924 fu organizzata la prima Cronoscalata Catania-Etna automobilistica che scriverà da li in poi pagine importanti dell'automobilismo nazionale e regionale, diventando assieme alla Monte Erice (Trapani) e Coppa Nissena (Caltanissetta) una delle cronoscalate più belle e importanti nel panorama nazionale. Nel 2010 si è disputata l'ultima edizione che fu annullata dopo un incidente grave, fatale per alcuni spettatori.

A metà tra sport e folklore si pone la San Silvestro a mare , una gara internazionale di nuoto che si svolge ogni anno il 31 dicembre presso il porticciolo storico di Ognina.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Catania .

Consolati

Il consolato britannico di Catania in una foto degli anni '40

La città ospita i consolati di Azerbaigian , Bangladesh , Belgio , Finlandia , Francia , Gran Bretagna , Grecia , Malta , Paesi Bassi , Romania , Senegal , Spagna , Sri Lanka , Sudafrica , Svizzera , Ucraina [82] .

Gemellaggi [83]

Altre informazioni amministrative

Il comune di Catania fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.8 (Piana di Catania) [87] .

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 maggio 2021.
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ , Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Catania" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 . , Luciano Canepari , Catania , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ Individuazione degli agglomerati urbani della Regione in attuazione dell'art. 2 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 194, pag. 38 Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive ..
  6. ^ 42º rapporto censis sulla società italiana - 2008 ( PDF ), su www1.interno.gov.it (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2017) .
  7. ^ Emanuele Lauria, Giorgio Napolitano a Catania battezza il distretto Sud Est , in La Repubblica , 26 febbraio 2014.
  8. ^ Catania si aggiudica il premio per la miglior Città liberty dell'anno 2016 - Italia Liberty , in Italia Liberty , 18 dicembre 2016. URL consultato il 20 dicembre 2016 ( archiviato il 21 dicembre 2016) .
  9. ^ Chi siamo | Università degli Studi di Catania , su www.unict.it . URL consultato il 28 aprile 2017 ( archiviato l'8 maggio 2017) .
  10. ^ Luca Angelini, Il grande freddo si fa beffare dall'alta pressione, strada in salita per l'inverno , su it.notizie.yahoo.com , Yahoo! notizie, 1º febbraio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 4 febbraio 2010) .
  11. ^ Secondo Gesualdo Iatrino l'etimologia avrebbe persino un'origine egizia; cfr. G. Iatrino, Katana - ovvero dell'archeologia della cultura dei vinti ( PDF ), in Agorà , n. 25-26, 2006, p. 43. URL consultato il 27 febbraio 2016 ( archiviato il 5 marzo 2016) .
  12. ^ Vedi per esempio l'articolo: "Il nome di Catania" di Marcello Scurria ( PDF ), su cataniaperte.com . URL consultato il 16 aprile 2010 ( archiviato l'8 luglio 2011) .
  13. ^ Alessandro Vanoli, La Sicilia musulmana , Bologna, Il Mulino, 2012, p. 143, ISBN 978-88-15-23779-8 .
  14. ^ Santi Correnti, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia , Newton Compton Editori, 18 giugno 2015, ISBN 978-88-541-8503-6 ( archiviato il 30 giugno 2020) .
  15. ^ Frasca 2015, con bibliografia precedente
  16. ^ Nicoletti 2015
  17. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , p. 12 .
  18. ^ Cassiodoro, Chronica , epistola III 9, cfr. R. Soraci, Catania in età tardoantica , «Quaderni catanesi di Cultura classica e medioevale» 3, 1991, pp. 269-270
  19. ^ L'anno esatto è ignoto, ma i cronisti islamici permettono di circoscrivere la conquista della città tra il saccheggio di Siracusa dell'867 e la campagna di Abu Al Abbas contro i ribelli palermitani rifugiati a Taormina del 900 (Michele Amari, Biblioteca Arabo-Sicula, volume 1°, pagine 184 e 185)
  20. ^ Sistema politico locale dal 1197 , su siusa.archivi.beniculturali.it . URL consultato il 21 giugno 2009 ( archiviato il 22 luglio 2011) .
  21. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , p. 16 .
  22. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , pp. 26 e 62-64 .
  23. ^ Scheda della mostra “Catania insorge!” ( PDF ), su comune.catania.it , Comune di Catania. URL consultato il 4 agosto 2019 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  24. ^ Motivazioni della Medaglia d'Oro sul sito della Presidenza della Repubblica , su quirinale.it . URL consultato il 29 gennaio 2016 ( archiviato il 5 febbraio 2016) .
  25. ^ Vedi l' elenco dei siti Archiviato il 26 novembre 2013 in Internet Archive ..
  26. ^ Santo Daniele Spina, L'Obelisco "egittizzante" di Catania ( PDF ), in Agorà , n. 13, 2003. URL consultato il 26 dicembre 2014 ( archiviato il 23 settembre 2015) .
  27. ^ Salvatore Lo Presti, Memorie storiche di Catania: fatti e leggende , Catania, Giannotta, 1961, p. 44.
  28. ^ Vedi per esempio Giuseppe Dato , La città di Catania. Forma e struttura, 1693 - 1833 , Roma, 1983.
  29. ^ La colata lavica del 1669 danneggiò solamente le mura della città a occidente ea meridione, penetrando in qualche punto per pochi metri e circondando il Castello Ursino che era in prossimità della costa e venne attorniato.
  30. ^ Cicerone, De natura deorum II, 96.
  31. ^ Vedi per esempio A. Holm, Catania Antica , traduzione di G. Libertini, Catania 1925; G. Libertini, La topografia di Catania antica e le scoperte nell'ultimo cinquantennio , in «Archeologia e Storia della Sicilia Orientale» 19, 1922-23; C. Sciuto Patti, Carta geologica della città di Catania , Catania 1873 cit. in F. Andronico, Paesaggio sotterraneo , Catania 2005, pp. 45-47.
  32. ^ Santi Correnti, Alla scoperta di Catania , 1968, p. 186.
  33. ^ Secondo altre ipotesi la piazza fu sede del tempio dedicato alla Luna. In una ricerca del 1969 invece si prospetta che il tempio fosse dedicato al dio assiro Lune, di cui sarebbe rimasto il ricordo nella toponomastica. Cfr. Giuseppe Resina, K'atana , Tip. R. Scuderi, Catania 1969.
  34. ^ Qui infatti sorgeva la borgata eretta dagli sfollati misterbianchesi dell' eruzione del 1669 , da cui il termine Borgo o Burgu .
  35. ^ Come appare fin anche nelle guide del Touring Club Italiano , cfr. TCI, Itinerari d'Italia – Sicilia, Sardegna , Cernusco sul Naviglio ( MI ) 2001, p. 83; vedi anche la Guida alle chiese di Catania di Giuseppe Rasà Napoli.
  36. ^ P. Malanima, L'economia italiana. Dalla crescita medievale alla crescita contemporanea , Bologna, Il Mulino, 2002 (Appendix 2).
  37. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  38. ^ Dati Urban Audit , su urbanaudit.org . URL consultato l'8 gennaio 2010 (archiviato dall' url originale il 17 dicembre 2007) .
  39. ^ Dati Istat riferiti all'Agglomerato urbano più i residenti di Acireale Paternò e Belpasso, al 31 dicembre 2006.
  40. ^ Statistiche demografiche ISTAT Archiviato il 18 maggio 2018 in Internet Archive ..
  41. ^ Viganoni L., Milano 1990.
  42. ^ Statistiche demografiche ISTAT , su demo.istat.it . URL consultato l'8 settembre 2019 ( archiviato il 6 agosto 2017) .
  43. ^ L'opera è inclusa nell'Inventario dei Beni storici e artistici della Diocesi di Catania .
  44. ^ Sul personaggio vedasi pure l'aneddoto sulla Leggenda di don Arcaloro .
  45. ^ Cfr. Felice Santi Fiasconaro, Il pensiero immacolista di Ignazio Como, OFMConv (+1774) nella controversia con LA Muratori sul Voto sanguinario , Romae, Seraphicum, 2004, nota 168, p. 70; Mario Fonte, Il folklore religioso in Sicilia , Catania, Greco, 2001, p. 83; Antonino Mongitore , Nuovi fervori della città di Palermo e della Sicilia in ossequio alla Immacolata Concezione di Maria Vergine opera di un sacerdote... , In Palermo, appresso Angelo Felicella, 1742.
  46. ^ Antonino Blandini, Rinnovate le antiche celebrazioni dell'Immacolata, "speciale patrona e protettrice di Catania" , su cronacaoggiquotidiano.it , 8 dicembre 2017. URL consultato il 24 marzo 2020 ( archiviato il 24 marzo 2020) .
  47. ^ Origine e storia della Chiesa valdese di Catania , su spazioinwind.libero.it . URL consultato il 6 gennaio 2016 ( archiviato il 14 marzo 2016) .
  48. ^ Chiesa Greco-ortodossa di San Leone, Catania , su ortodossia.it . URL consultato il 21 febbraio 2017 ( archiviato il 22 febbraio 2017) .
  49. ^ In Sicilia per un intenso assaggio di Islam , su italiaplease.com . URL consultato il 13 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2008) .
  50. ^ Claudia Campese, Inaugurata la nuova moschea di Catania «Sarà un centro di dialogo e stabilità» , in ctzen.it , 15 dicembre 2012. URL consultato il 24 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2014) .
  51. ^ MT Di Blasi (2000) , pp. 99-100 .
  52. ^ MT Di Blasi (2000) , pp. 101-102 .
  53. ^ C. Bruce, Sicily , in The Arthurian Name Dictionary , Taylor & Francis, 1999, ISBN 0-8153-2865-6 . URL consultato il 27 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  54. ^ EMR Ditmas, The Cult of Arthurian Relics , in Folklore , n. 75.1, 1964, pp. 19-33; 26-27.
  55. ^ NJ Higham, King Arthur: Myth-Making and History , Londra, Routledge, 2002, p. 232, ISBN 0-415-21305-3 .
  56. ^ Y. Leitch, Foreword , in D. Dom (a cura di), King Arthur and the Gods of the Round Table , Lulu, 2013, pp. 11-13, ISBN 1-291-36652-0 .
  57. ^ Scrive A. Graf , Miti, leggende e superstizioni del medioevo , 2 voll., Roma, Loescher, 1892-1893, SBN IT\ICCU\MIL\0319697 . . Riedito in versione integrale a cura di C. Allasia e W. Meliga, prefazione di M. Guglielminetti, saggi introduttivi di E. Artifoni e C. Allasia, Milano, Bruno Mondadori, 2002, pp. 322-323, ISBN 88-424-9750-9 .
    «Avvenne un giorno che un palafreno del vescovo di Catania, colto, per essere troppo ben pasciuto, da un subitaneo impeto di lascivia, fuggì di mano al palafreniere che lo strigliava, e, fatto libero, sparve. Il palafreniere, cercatolo invano per dirupi e burroni, stimolato da crescente preoccupazione, si mise dentro al cavo tenebroso del monte. A che moltiplicar le parole? per un sentiero angustissimo ma piano, giunse il garzone in una campagna assai spaziosa e gioconda, e piena d'ogni delizia; e quivi, in un palazzo di mirabil fattura, trovò Arturo adagiato sopra un letto regale. Saputa il re la ragione del suo venire, subito fece menare e restituire al garzone il cavallo, perché lo tornasse al vescovo, e narrò come, ferito anticamente, in una battaglia da lui combattuta contro il nipote Mordred e Childerico, duce dei Sassoni, quivi stesse già da gran tempo, rincrudendosi tutti gli anni le sue ferite. E, secondoché dagli indigeni mi fu detto, mandò al vescovo suoi donativi, veduti da molti e ammirati per la novità favolosa del fatto.» .
  58. ^ Vita notturna a Catania , su comune.catania.it , sul sito del Comune di Catania. URL consultato il 27 febbraio 2016 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  59. ^ Storia dell'Istituto Superiore Bellini Archiviato il 28 maggio 2010 in Internet Archive ., dal sito ufficiale.
  60. ^ Sito dell'accademia Archiviato l'11 marzo 2011 in Internet Archive ..
  61. ^ Alberto Surrentino D'Afflitto, Catania e il cinema ( PDF ), in Agorà , n. 25-26, 2006. URL consultato il 27 febbraio 2016 ( archiviato il 24 aprile 2021) .
  62. ^ Secondo quanto riportato in un articolo del quotidiano La Sicilia del 1º marzo 1978 , già nel 1914 Catania era una delle capitali del cinema europeo.
  63. ^ Simona Caltabiano, Quattro salti nella storia del cinema quando Catania era “capitale”… , in InStoria , n. 46, Roma, ottobre 2011, ISSN 1974-028X ( WC · ACNP ) . URL consultato il 3 gennaio 2014 ( archiviato il 4 gennaio 2013) .
  64. ^ Intervista a L'Elfo, tra il boom di 'Sangue Catanese' e la verità sul dissing , su etnaeventi.it . URL consultato il 25 agosto 2019 ( archiviato il 25 agosto 2019) .
  65. ^ a b Atripaldi e Costa, 2008 , p. 8 .
  66. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , pp. 8-9 .
  67. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , p. 9 .
  68. ^ Atripaldi e Costa, 2008 , p. 10 .
  69. ^ Puntualizzazione sulla odierna situazione urbanistica di Catania , a cura della Società Catanese di Architettura e Urbanistica, gennaio 1962..
  70. ^ Metropolitana di Catania , in Mobilita Catania , 20 dicembre 2016. URL consultato il 4 gennaio 2017 ( archiviato il 16 novembre 2016) .
  71. ^ Svelata la nuova tratta Borgo-Nesima della metropolitana: da domani sarà aperta al pubblico , su mobilità.org , 30 marzo 2017. URL consultato il 30 marzo 2017 ( archiviato il 30 marzo 2017) .
  72. ^ Si vedano i dati forniti da Assaeroporti Archiviato il 16 dicembre 2006 in Internet Archive ..
  73. ^ Notizie rilevate da " Altroconsumo " nº197 di ottobre 2006.
  74. ^ Piste Ciclabili , su comune.catania.it . URL consultato il 20 agosto 2021 .
  75. ^ Impianti superiori a 7500 posti, dati del Comitato Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive ( PDF ), su osservatoriosport.interno.it . URL consultato il 7 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011) .
  76. ^ Storia della Grifone Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive ..
  77. ^ Storia del Gad Etna Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive ..
  78. ^ Storia della CSTL-Basket Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive ..
  79. ^ Storia della Polisportiva-Palmarès Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive ..
  80. ^ Roberto Quartarone, Olympia a Catania, «è cosa fatta». L'annuncio alla festa del ringraziamento , in basketcatanese.it , 22 giugno 2013. URL consultato il 25 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 30 giugno 2013) .
  81. ^ Azienda Autonoma Provinciale per l'Incremento Turistico (AAPIT): Eventi e Manifestazioni ricorrenti , in apt-catania.com , 17 febbraio 2012. URL consultato il 3 gennaio 2021 (archiviato dall' url originale il 17 febbraio 2012) .
  82. ^ MAECI, Cerimoniale diplomatico della Repubblica, Consolati di carriera e onorari esteri in Italia ( PDF ), su esteri.it , Ministero degli Affari Esteri, Roma, 21 novembre 2018. URL consultato il 26 novembre 2018 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  83. ^ Catania Amica Del Mondo, Ecco Tutti I Gemellaggi Della Città Etnea , su cataniaup.it . URL consultato il 25 agosto 2020 ( archiviato il 24 aprile 2021) .
  84. ^ Internazionalizzazione , su easycatania.it (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011) .
  85. ^ Gemellagio tra Catania e Kaliningrad, per la Russia dal 7 aprile 2017 , su CataniaToday.it . URL consultato il 6 agosto 2019 ( archiviato il 6 agosto 2019) .
  86. ^ Siglato gemellagio tra Catania e Alessandria d'Egitto il 12 luglio 2019 , su CataniaToday.it . URL consultato il 14 luglio 2019 ( archiviato il 14 luglio 2019) .
  87. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008 , su gurs.regione.sicilia.it . URL consultato il 5 luglio 2011 ( archiviato il 9 febbraio 2014) .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 137201957 · LCCN ( EN ) n80038200 · GND ( DE ) 4085181-3 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80038200
Sicilia Portale Sicilia : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia