Caserta

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Caserta (disambiguation) .
Caserta
komen
Caserta - manto nan bra Caserta - Drapo
Caserta - View
View nan Palè a soti nan sous la nan Venis ak Adonis
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Rejyon-Campania-Stemma.svg Campania
pwovens Pwovens nan Caserta-Stemma.png Caserta
Administrasyon
Majistra Carlo Marino ( PD ) soti nan 20-6-2016
Dat etablisman an 1799
Teritwa
Kowòdone 41 ° 04'N 14 ° 20'E / 41.066667 ° N 14.333333 ° E 41.066667; 14.333333 (Caserta) Kowòdone : 41 ° 04'N 14 ° 20'E / 41.066667 ° N 14.333333 ° E 41.066667; 14.333333 ( Caserta )
Altitid 68 m slm
Sifas 54,07 km²
Moun ki rete 73 614 [1] (31-5-2021)
Dansite 1 361,46 abitan / km²
Fraksyon Al gade nan lis
Minisipalite vwazen yo Capua , Casagiove , Castel Morrone , Limatola ( BN ), Maddaloni , Recale , Alife , Sant'Agata de 'Goti (BN), San Marco Evangelista , San Nicola la Strada , San Prisco , Maddaloni Valley
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 81100
Prefiks 0823
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 061022
Kòd Cadastre B963
Plak GENYEN
Cl. sismik zòn 2 (mwayen sismisite) [2]
Cl. klimatik zòn C, 1 013 GG [3]
Non moun ki rete Caserta
Patwon San Sebastiano ak Sant'Anna
Jou Konje 20 janvye ak 26 jiyè
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Caserta
Caserta
Caserta - Kat jeyografik
Kote nan minisipalite a nan Caserta nan pwovens lan an menm non yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Caserta ( IPA : kaˈzɛrta [4] , koute [ ? · Info ] ; lokalman : kaˈsɛrta ) se yon vil Italyen ki gen 73 614 abitan [1] , kapital pwovens omonim nan Campania .

Se vil la klòch pi byen li te ye pou Bourbon palè enpresyonan li yo , ki, ansanm ak Royal Belvedere a nan San Leucio ak ' Aqueduct Carolino , se eleman pa 1997 nan sit la Eritaj Mondyal nan' UNESCO .

Jewografi fizik

Teritwa

Anplis kapital la, minisipalite a nan Caserta gen ladan tou 23 ti bouk , pou yon zòn total de 56 km² . Pami sa yo nou dwe mansyone San Leucio , yon minisipalite separe agrandi nan Caserta anba Fachis , pi popilè pou Belvedere a Imobilye ak faktori yo swa , ak Casertavecchia , ak vilaj medyeval li yo, chato la ak katedral la , ki date tounen nan 1100 , nan Arab-roman. style.

Se lavil la transparans lye soti nan yon pwen de vi ibanistik ak lòt sant enpòtan nan pwovens lan, an patikilye ak Marcianise nan sid la, kote pi fò nan endistri yo nan zòn nan Caserta yo konsantre ak Santa Maria Capua Vetere nan nò a, kote yo yo prezan Tribinal la ak kadav yo nan yon sirk Women. Pou kèk ane minisipalite a nan Caserta te lidè nan kèk inisyativ, ki gen ladan divès kalite minisipalite vwazen pou yon popilasyon total de sou kat san mil moun ki, ki vize a dakò sou yon sèl ak omojèn plan devlopman teritoryal [5] .

Caserta sitiye nan yon pozisyon estratejik ki gen rapò ak aks yo wout pi gwo. An patikilye, li te sèvi pa de sòti nan A1 a , yon sèl yo rele "Caserta sud", ki chita nan teritwa a nan minisipalite a ki tou pre nan Marcianise , ak lòt la yo rele "Caserta nord", ki chita sou fwontyè ant minisipalite yo nan Casapulla ak Casagiove .

Caserta tou sitiye nan sant la nan via Sannitica , wout la komisyone pa Bourbon yo .

Nan klasman ekosistèm iben 2013 la trase pa Legambiente [6] , minisipalite a nan Caserta se nan plas 34th soti nan 45 kapital pwovens ak yon popilasyon ki gen mwens pase 80,000 moun, epi, an jeneral, rapòte yon endèks (38,23%) pi ba pase sa yo ki an tout lòt kapital pwovens yo nan Campania.

Klima

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Caserta Meteorological Station .

Nan pwovens Caserta gen pi gwo zòn plat nan rejyon an e sa afekte tou pa klima a .

Pati a ki ale soti nan kòt la nan mòn yo an premye ki antoure kapital la, ki afekte nan enfliyans yo benefisye nan lanmè a, ki fè yo te santi espesyalman nan sezon fredi ak tanperati twò grav ak pi wo imidite (ak konsekan modera oswa menm entans klima muggy nan sezon lete an mwa). Ete a trè long ak cho, ak yon aksantuasyon fò ki te pran plas kòmanse nan 1998, tankou nan tout penensil Itali, byenke yon dezyèm etap te pran plas ak sezon ete istorik la nan 2003. Vag la nan chalè nan mwa Out 2007, ak plis pase 40 ° anrejistre nan estasyon an meteyorolojik Caserta, nan ka sa a sepandan ak yon pousantaj imidite ki ba akòz van yo tonbe, men se pa valè diferan yo te anrejistre tou nan kòmansman dezyèm deseni kap vini an nan mwa Out 2003 e ankò nan mwa Jiyè 2015 ak Out 2017, nan ka ki sot pase a ak yon pwen lawouze pi wo pase nan okazyon anvan yo ak ekstrèm malèz fizik.

Sezon ivè a nan plenn lan Caserta se twò grav an jeneral (estasyon an move tan Caserta, ki sitye nan sant vil la ak enfliyanse pa zile a chalè, dosye sou 13 ° nan mwayèn la nan tanperati yo maksimòm nan mwa janvye, kont sou 12 ° nan mwayèn nan 81 / 10 nan estasyon an nan ayewopò militè a nan Grazzanise ), men peryòd de frèt entans (site yon kèk egzanp resan, relativman rijid yo te de mwa yo Desanm 2001 - janvye 2002, ak yon epizòd kout lanèj, osi byen ke peryòd ki genyen ant dezyèm mwatye nan janvye ak nan konmansman an nan mas 2005, apre modere a Desanm 2004, pandan y ap sezon ivè 2003-2004 la vin chonje pou sis vag yo frèt, altène ak peryòd twò grav), ak sporadikman zewo ba menm nan kapital la ak o pi ba pase 7 degre , malgre zile a chalè nan konurbasyon nan vil nan nò Naples , ki afekte anpil moun mwayèn mwayèn yo tèmik.

Endèj nèj la, sepandan, se youn nan pi ba a nan peyi Itali e menm nan Ewòp, pi plis neglijab pase nan lavil Italyen ki sitiye nan latitid la menm, tankou Bari , ki gen mwens lapli (bò a tirrenyen se van nan envazyon an nan kontinantal lè soti nan bò solèy leve a ki gen rapò ak bò Adriyatik la). Nan syèk la kounye a, epizòd nèj ki pi enpòtan an te fèt ant 26 ak 27 fevriye 2018 men yon sèl ki te fèt ant 30 ak 31 desanm 2014 pa neglijab (pou plis akimilasyon enpòtan li nesesè pou tounen nan peryòd de ane 1985- 86, byenke epizòd minè te gen tou nan mwa janvye 2019 (akimilasyon nan 3 cm. Nan mitan lannwit lan ant 3 ak 4), Mas 2002 (flak san yo pa akimilasyon, nan dimanch Palmis), nan mwa mas 2005 - limite nan zòn yo aksidante - ak nan Desanm 2010, pandan y ap ant 16 ak 17 Desanm 2010 te gen tanperati minimòm ki anba a -4 ° nan sant vil la (valè repwodwi sou nwit yo nan 6 ak 7 janvye 2017) e menm fèmen nan -7 ° nan ki tou pre ayewopò militè a nan Grazzanise.

Nan vilaj yo aksidante tanperati mwayèn yo se yon ti kras pi ba, espesyalman nan valè yo maksimòm ak nèj yon ti kras mwens ra (Casertavecchia, yo rete nan syèk aktyèl la, te afekte pa nèj, pou egzanp, nan mwa janvye 2004 ak mas 2005, ki pa enplike lavil la plat oswa nan lòt ka ki enplike li majinal, tankou nan mwa fevriye 2012 ak fevriye 2013).

Mikroklima a nan zòn nan Matese trè diferan de kòt la ak plenn lan Caserta. Zòn andedan pwovens lan an reyalite karakterize pa anpil relyèf aksidante ak montay, ki gen yon klima tipikman Apennine.

CASERTA Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 12.6 13.4 16.1 19.9 24.1 28.7 31.5 31.4 28.0 22.7 18.0 14.6 13.5 20.0 30.5 22.9 21.8
T. min. mwayenC ) 6.6 6.9 9.0 11.5 14.8 18.9 21.2 21.2 18.8 14.9 11.3 8.5 7.3 11.8 20.4 15.0 13.6

Orijin non an

Non Caserta sòti nan medyeval Latin Casa Irta , yon toponim ki soti nan lefèt ke ansyen sant iben nan vil la ( fraksyon jodi a nan Casertavecchia ) leve, pandan Mwayennaj yo ak jiska 18tyèm syèk la , nan yon pozisyon ki wo pi wo a plenn ki antoure.

Istwa

Ansyen laj

Tonm Samnite ak machandiz kavo ki date tounen nan 4yèm syèk BC yo te jwenn nan 1990

Vil la nan Caserta gen orijin ansyen; zòn nan ki te sou palè a bati se yon pati nan yon teritwa natirèl ki gen enpòtans akeyolojik kote Osci, Samnites ak Women te kite prèv prezans yo. Gen kèk trase orijin li nan Osci a , lòt moun Samnites yo . Malgre tout bagay, soti nan jwenn yo ki te jwenn, menm nan plizyè ti bouk nan vil la, gen prèv ki montre yon sot pase trè aleka. An 1990 kèk kavo ki soti nan epòk Samnite yo te jwenn nan sousòl Palè a; li te Se poutèt sa yon nekropoli nan 5yèm syèk BC la . Anviwon 423 BC li te konplètman peple pa Samnites yo ki te ba li non an nan Calatia . Nan 211 BC li te bò kote Women yo ak an favè Anibal . Li te kondane a èkspropriyasyon ak santirasyon, ki vle di fwagmantasyon nan teritwa a nan konplo gwo.

Women wòch (Casertavecchia)

Laj Medyeval

Monch Erchemperto a , nanHistoria Langobardorum Beneventanorum , pale de Caserta kòm yon reyalite ki deja egziste lè, nan nevyèm syèk la, moun ki rete nan Calatia yo fòse yo kouri akòz destriksyon nan Pandone Rapace a, nan tèt la nan lombard yo nan Capua. . Pandone tèt li te gen yon gwo kay won bati nan 863 kòm yon senbòl konkèt.

Nan peryòd Lombard la, te nwayo iben an ki te fòme alantou gwo kay la ak gwo kay won defans (kounye a entegre nan Palazzo della Prefettura). An reyalite, sant vil la kounye a, ki chita alantou pyadza Vanvitelli, Lè sa a, kare sou mache a, yo te rele Torre , akòz prezans nan bilding lan Longobard ki sitiye nan kwen nò-lwès la menm.

Se poutèt sa, malgre simetri pafè nan lari yo, prèske repete estrikti a nan lavil Women yo, vil aktyèl la nan Caserta te deja egziste pou kèk tan e li te deja chèz minisipal la ak chèz evèk la. Sant vil la, an reyalite, te deplase isit la nan sèzyèm syèk la , nan sa ki te rele Tower a, k ap deplase soti nan Casertavecchia ; apre kèk syèk evèk la tou swiv egzanp lan, ki moun ki te pran rezidans nan vilaj la nan Falciano, nan yon bilding pita itilize kòm yon kazèn (kounye a li te ye tankou ansyen kazèn Sacchi a).

Vil la te li te ye pou mache li yo ak pou palè a nan Acquaviva a , konte nan Caserta, ki moun ki eritye li nan 1511 soti nan konte yo Della Ratta ak ki moun ki te elaji gwo kay won an ak yon bilding gwo ranfòse Renesans ak yon jaden ki te frisonen vwayajè plizyè nan la 16yèm syèk la ak 17yèm syèk la .

Vil la te lontan diskite pa prensipot vwazen yo nan Naples, Salerno ak Capua, rete nan lèt la nan 879, anba Pandulfo di Capua ki te konte premye li yo. Jiska nevyèm syèk la Casertavecchia te wè yon ogmantasyon siyifikatif nan popilasyon li yo: nan konmansman an nan atak yo Saracen pouse, an reyalite, moun ki rete nan plenn lan al chache refij nan kote ki pi an sekirite ak plis defans mòn, ki te mennen nan transfè a nan plas evèk la nan vilaj la mòn. Jiska douzyèm syèk la, istwa a nan Casa Hirta fizyone ak sa yo ki nan konte a nan Capua , vin yon pati nan lit entèn yo ant Lombard, Bizanten ak chèf napolitèn yo. Lè Norman yo te konkeri li nan 1057 , Richard I, konte nan Aversa , bati li kòm yon konte pou Roberto di Lauro nan 1062. Li te pase nan 1183 bay pitit gason l 'Guglielmo ak sou lanmò li, nan 1199 , bay pitit gason l' Roberto.

Nouvo konkeran yo, malgre severite yo, te pote kèk lòd ak otorite. Ansanm ak yon pi gwo devlopman nan popilasyon an ak lavi iben, katedral la , ki te komisyone pa evèk Rainulfo , palè evèk la ak lòt bilding enpòtan piblik yo te bati. Vilaj la, te pase Swab yo , ki gen eksperyans moman li yo nan pi gwo enpòtans, menm nan jaden politik la, anba Count Riccardo di Lauro, nan fanmi an Sanseverino , valab konseye ak sendik nan Frederick II nan Swab . Nan peryòd sa a travay te kòmanse sou klòch la ak gwo kay won an silendrik, ki rele "Maschio", coeval nan pi popilè achitekti a Frederickian nan Capua (1224-1239) te ajoute nan chato la.

Avèk konkèt la Angevin ( 1266 ) te konte a pou yon ti tan reskonsab Federico di Laisalto. Imedyatman, wa Charles nan Anjou konfiske li nan asiyen li nan Guglielmo de Beaumont (Italyen nan Belmonte), admiral la franse ki te sove l 'ak bato l' yo. Nan 1269, sou lanmò nan Belmonte, yo te konte a reskonsab Bertrando del Balzo ak nan 1283 li te pase bay Ludovico Roheriis, ansyen bouro nan Calabria ak Lè sa a, nan Terra di Lavoro. Nan 1294 vil la te gen yon nouvo mèt feyodal, Goffredo Caetani di Sermoneta, frè Pap Boniface VIII . Lè sa a, nan 1310 li te pase nan Katalan Diego de Lahart la (Italyen nan Della Ratta), nan ki Boccaccio pale sou sizyèm jou a nan Decameron a , ki moun ki te rive nan peyi Itali nan reveye nan Donna Violante nan Aragon . Ki pi popilè a nan Della Ratta konte yo te Francesco, ki moun ki goumen viktoryezman ak ki gen mozole ka admire nan katedral la Casertavecchia.

Laj modèn

Nan 1509 Caterina della Ratta, li marye ak Andrea Matteo III Acquaviva d'Aragona, ki soti nan ki moun, nan branch ki pi gran, te konte a ki te vin tounen yon prensipite eritye pa Anna, eritye ki sot pase a nan Acquavivas yo , ki moun ki marye nan 1618 Francesco Caetani 8th Duke nan Sermoneta , eta a nan Caserta rete nan fanmi sa a jiskaske, énormément dèt, yo te fòse yo vann byen yo Bourbon yo nan Naples. Sa yo, an patikilye wa li Charles III , te panse a bati palè a Bourbon la , kòmanse nan 1750 .

Travay nan Gaetano Barba, syèk XVIII.

Bezwen wa a nan Naples yo bati yon nouvo palè te gen yon rezon ki fè trip. Premye a tout, wa a bezwen bati yon rezidans ki te pi lwen soti nan lanmè a pase Palè wa a nan Naples , pou konsève pou tèt li nan ka ta gen atak pa flòt la franse . Dezyèmman, wa a te depi lontan nouri dezi a bati tèt li yon rezidans ete pou repo. Anplis de sa, kòm yon twazyèm rezon, li te deplase pa yon vag nan fyète ak an reyalite li te bay lòd Vanvitelli bati l 'yon rezidans ki te siperyè a tout lòt Ewopeyen an tèm de bote, noblesse ak majeste. Objektif sa a ki, selon anpil moun, ta Lè sa a, te reyalize ak konstriksyon an nan Palè wa a nan Caserta.

Ansyen jaden Acquaviva (sa yo rele "vye bwa") te vin nwayo prensipal pak aktyèl la nan Reggia a, jodi a youn nan pi gwo pak iben nan mond lan ak yon longè 2.5 km. Yon pak plen sous dlo Scenic, kaskad dlo, lak, Meadows imans, Woods dans.

Nan fen syèk la dizwityèm , wa Ferdinand IV te gen yon rezidans wa bati nan lokalite a nan San Leucio ak yon faktori vwazin itilize pou pwodiksyon an nan swa. Bòkote Palè Belvedere a, ak yon jaden kaptivan Italyen sou do a ak yon View nan plenn lan Caserta ak Gòlf la nan Naples devan, wa a te distri yo San Carlo ak San Ferdinando bati, gen entansyon pou travayè yo nan faktori a swa. Wa a tou te pibliye yon edikte pi popilè nan ki li pratikman reve nan konstitisyon an (kon sa utopi a Ferdinandean) nan yon sòt de sosyete pafè, mande sitwayen yo nan San Leucio vle aboli tout fòm liksye ak absoli egalite ekonomik. Nan ti bout tan, yon konpayi ki, nan lide wa a, te dwe endepandan, yo viv pa pwodwi swa a koute chè ki pral Lè sa a, ale atravè mond lan ak jodi a kouvri mi yo nan Quirinale , Mezon Blanch lan ak Palè Buckingham .

Laj kontanporen

Rive nan fen diznevyèm syèk la ak nan konmansman an nan ventyèm syèk la , Caserta parèt tankou yon vil santre toutotou Palè wa a. Soti nan Dezyèm Gè Mondyal la , apre rann tèt la nan Caserta , lavil la soti an miyèt moso, chire nan ansyen kè li yo ak tout yo dwe rebati.

Avèk boom nan bilding nan katreventèn yo, distri rezidansyèl ak yon bon kalite lavi yo te fèt gras a yon kalite vaste nan konstriksyon (yon egzanp se Gabriella Park la), men an menm tan an te gen tou yon konstriksyon entansif ak nesans la nan twòp zòn rete ak kèk espas vèt (zòn nan Ex 167 - Parco degli Aranci se yon egzanp).

An jiyè 1994 vil la te sit la nan dine a gala nan okazyon an nan G7 la . Nan mwa janvye 2007 , pou premye fwa nan istwa Repiblik Italyen an, yon Konsèy Minis lwen lavil Wòm te fèt nan lekòl siperyè administrasyon piblik la, ki baze nan lakou palè wayal yo.

Onè

Vil la Caserta se nan mitan lavil yo dekore avèk brav militè pou lagè a nan liberasyon , akòde meday an lò pou merit sivil ak meday an kwiv pou brav militè [7] pou sakrifis yo nan popilasyon li yo ak pou aktivite a nan lit la patizan pandan Dezyèm Gè Mondyal la :

Meday lò pou merit sivil - riban pou inifòm òdinè Meday lò pou merit sivil
«Katye jeneral nan kò militè yo ak yon junction tren enpòtan, pandan dènye gè mondyal la yo te sib la nan anpil bonbadman ki te lakòz anpil domaj nan vil la ak nan eritaj atistik la. Sijè a nan yon reprezay feròs, li konte anpil viktim sivil men, malgre vyolans lan soufri, li pa janm bay moute nan fè fas a danje, epi, yon fwa lapè retounen, tout popilasyon an te kòmanse travay la difisil nan rekonstriksyon an. Caserta, 1943-1945 "
- 26 jiyè 2000 [8]
Meday an kwiv pou valè militè - riban pou inifòm òdinè Meday an kwiv pou valè militè yo
Vil Tit - riban pou inifòm òdinè Vil Tit

Moniman ak kote nan enterè yo

Anplis de sa nan vil la nan Caserta ak Palè Royal nan Caserta ak lòt moniman nan vil la, eritaj atistik la kouvri tou Belvedere a nan San Leucio (enkli ak Palè wa a nan sit la Mondyal Eritaj ) ak vilaj la medyeval nan Casertavecchia, men tou lagè a sit memoryal nan sant vil la.

Achitekti relijye yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Legliz nan Caserta .
  • Katedral St Michael arkanj lan
  • Katedral Casertavecchia
  • Abbey nan San Pietro anons Montes
  • Medyeval konplèks nan San Vitaliano . Se konplèks la medyeval nan lermitaj la nan San Vitaliano ki sitiye nan seksyon riral la nan Casola, nan pye a nan vilaj la nan Casertavecchia. Se lermitaj la rapòte nan ti towo bèf la nan 1113 ak ki Achevèk la nan Capua Senne konfime Rainulfo evèk nan Caserta, lis tout legliz yo nan konpetans. Eremitaj la dènyèman te retabli ak pote tounen nan liy achitekti li yo, mi yo te retabli ak tout do kay la ranfòse tipik nan byen bonè Mwayennaj yo te refè. Sou wout la etwat ki mennen nan lermitaj la, chapèl anpil dedye a San Vitaliano. Legliz la anvan pa yon galeri ak twa ark, yon sèl santral la bay aksè nan legliz la, yo menm ki lateral nan selil relijyeu yo. Li te gen yon plan rektangilè ak yon presbytery trè Spacious ak koral galata. Chapèl la sou bò gòch la prezève yon frèsko ansyen nan Madonna a ak Timoun ki apèn lizib. Amelyore style la ki senp epi ki di tipik nan estrikti medyeval relijye se klòch la.

Achitekti sivil yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Palè nan Caserta .

Royal Palè nan Caserta

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Royal Palè nan Caserta .
UNESCO blan logo.svg Oke pwoteje pa UNESCO
Royal Palè nan Caserta ak Park la , akveduct la Vanvitelli ak konplèks la San Leucio
UNESCO Mondyal Eritaj Sit logo.svg Mondyal Eritaj Sit
Caserta2008Mauro021.jpg
Nèg Achitekti, jaden
Kritè C (mwen) (ii) (iii) (iv)
Danje Pa gen endikasyon
Rekonèt depi 1997
Kat UNESCO ( EN ) 18tyèm syèk palè wayal nan Caserta ak pak lan, Aqueduct de Vanvitelli, ak San Leucio konplèks
( FR ) Fèy
Eskalye Entèn nan Palè Royal nan Caserta

Royal Palè a Caserta , oswa Royal Palè a Caserta, se yon rezidans istorik ki te fè pati fanmi wa a nan dinasti Bourbon nan Naples , pwoklame yon Mondyal Eritaj Sit pa UNESCO . Sitiye nan minisipalite a nan Caserta, li se antoure pa yon pak gwo nan ki de sektè yo idantifye: jaden an Italyen ak jaden an angle . Konplèks la nan palè wa a, ak jaden li yo sou 2.5 km nan longè, se youn nan pi gwo a nan Ewòp , e li te bay tit la nan pak la pi bèl nan peyi Itali nan 2009 [9] . Sou bò lwès la nan palè a kanpe legliz la nan San Francesco di Paola ki se yon pati nan yon konplèks ki te yon fwa yon kouvan nan frè yo Minimal, te fonde an 1605 pa Andrea Matteo Acquaviva, kounye a yon lopital militè yo.

Konplèks monumental nan belvedere a nan San Leucio

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Belvedere di San Leucio .
Konplèks monumental nan San Leucio

Utopi wa Ferdinand nan bay lavi nan yon kominote otonòm (yo rele Ferdinandopoli ) kite Caserta Belvedere a nan San Leucio , apatman wayal li yo, jaden Italyen an ak mize a swa anekse, kote li posib ale nan machin nan dizwityèm syèk la ak ki swa te trikote, ki te vin pi popilè nan tout mond lan, nan pwen nan founi Mezon Blanch lan , Palè Buckingham ak Palè Quirinal la .

Medyeval vilaj nan Casertavecchia

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Casertavecchia .

Nan 401 mèt segondè gen ansyen Caserta, aktyèl Casertavecchia , yon vilaj antyèman medyeval ki soti nan kote ou ka admire yon View nan minisipalite a tout antye nan Caserta. Nan gwo enterè yo se katedral la 11yèm syèk dedye a San Michele Arcangelo (jis tankou katedral la nan Caserta nan nouvo), legliz la vwazin nan Annunziata a, ak chato la medyeval ak gwo kay won an. Nan vilaj la, septanm nan Borgo a ki te fèt pou prèske 40 ane, yon evènman kiltirèl ki gen enpòtans nasyonal la.

Lòt

Villas, kare ak lari

Piazza Carlo III
  • Villa Giaquinto: espas refè ak jere pa yon gwoup sitwayen volontè [10] .
  • Parco del Corso: ki chita sou Corso Trieste la .
  • Piazza Carlo di Borbone : ki chita nan papòt vil la, ki soti nan Via Nazionale Appia, yo rele l wa wa Naples ki te bati palè wa a. Kare a, pi gwo pase kare St Pyè a , se nan mitan pi gwo nan Ewòp [ sitasyon nesesè ] . Li konsiste de yon imans zòn vèt ki sitiye nan devan Palè wa a, ak de hemicycles yo gen entansyon pou domestik sou chak bò. Nan dènye ane yo kare a, ki te deja entèsepte pa wout ouvè a trafik machin, te sibi yon restorasyon long, yo nan lòd yo retounen li nan pwojè a Vanvitelli. Te gen yon rearanjman nan vejetasyon an, sistèm ekleraj la ak plante nan plizyè douzèn ti pyebwa ak pye bwa ak kare a te konplètman pyeton. Nan fen 2009, ak yon seremoni solanèl, li te inogire nan nouvo laparans li yo.
  • Piazza Matteotti (oswa Piazza Mercato): youn nan kare prensipal yo ak pi ansyen nan vil la
Pyadza Vanvitelli domine pa palè a syèk 16th nan fanmi an Acquaviva
  • Pyadza Vanvitelli: li se youn nan kare prensipal yo nan vil la, kote palè a Castropignano te chita, ranplase nan kòmansman swasant yo pa yon bilding anonim modèn, ak ki kote jodi a chèz aktyèl la nan minisipalite a nan Caserta sitiye, sèzyèm syèk la Palazzo Acquaviva ki kay biwo lapolis yo ak prefekti yo, ak Palazzo della Banca d'Italia. Genyen tou boutik, kafe, chale, otèl ak bank nan kare a. Li se yon kare ki fòme sitou nan yon gwo Villa minisipal ak yon moniman Luigi Vanvitelli ak yon gwo sous nan sant la. Jiska de syèk de sa li te kare a mache, ki te pita transfòme an yon jaden piblik.
Dante kare
  • Piazza Dante: youn nan kare ki pi ansyen nan Caserta. Li te gen yon fòm simetrik ak konsiste de kat bilding ak galri bèl tout menm bagay la ki kay yon kafe ansyen ak katye jeneral la nan klib sosyal la ak klib nasyonal la. Nan tan lontan an li te premye rele piazza dei Quattro Canti, an referans a kat bilding yo ki antoure li ak Lè sa a, piaza Margherita. Li konekte detire an premye nan Corso triyèst ak dènye twa san mèt yo nan menm bagay la, sa yo ki mennen an premye nan pyadza Gramsci, lakay yo nan Giardini della Flora a ak Lè sa a, nan pyadza Carlo terzo, oswa nan devan palè wa a nan Caserta.
  • Piazza Duomo: youn nan kare prensipal yo nan sant vil la istorik. Li te gen yon fòm iregilye ak karakterize pa esansyèl la enpoze nan katedral la. Legliz la, ki se nan fen style barok- neoklasik, gen twa ne ak prezève plizyè penti disetyèm syèk anndan an. Nella stessa piazza Duomo si trova anche la chiesetta di San Giovanni, con un prezioso altare in marmo di Carrara del Seicento. Nella piazza affaccia poi il Palazzo delle Poste, costruito ad inizio del Novecento in stile neoclassico .
  • Piazza Sant'Anna: segna il confine tra il centro storico e la zona sud della città, è così chiamata per via della presenza del santuario di Sant'Anna (patrona della città). Il santuario ha la facciata risalente al 1600 e gli interni divisi tra il barocco-neoclassico dell'ingresso e il moderno del resto della struttura, e fu colpita dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale. Nella stessa piazza, di forma rettangolare, è presente l'ex ospedale di Caserta. Dalla parte opposta del santuario si trova il monumento alla Madonna, eretto nell'anno mariano 1956, costruito in pietra e marmo su una base di piccola scalinata.
  • Piazza della Seta: si trova nella frazione di San Leucio ed è la via principale d'ingresso al Reale Belvedere. Il suo nome fa proprio riferimento all'attività serica che si svolgeva nel Belvedere. Dalla piazza si accede alla residenza reale attraverso l'Arco Borbonico risalente al 1600 circa.
  • Casa del fascio o littorio, l'edificio fu progettato nel 1937 e destinato, all'inizio, ad ospitare la Confederazione Fascista dei Lavoratori dell'Agricoltura. Fu poi modificato per diventare Casa del Fascio.
  • Corso Trieste

Monumenti

  • Arco Borbonico (o Porta del Belvedere): situato nella frazione di San Leucio, risale al 1600 circa quando era l'ingresso della proprietà feudale dei principi Acquaviva, ed è alto 13 metri e largo 9, caratterizzato da un unico fornice, scandito dal bugnato rettangolare in travertino e sottolineato da due paraste. L'architrave è sormontato dallo stemma borbonico che troneggia con ai lati due leoni dello scultore Brunelli.
  • Monumento ai caduti in guerra (o Arco di Trionfo): è un arco di trionfo in marmo bianco fatto costruire in epoca fascista per celebrare gli eroi della prima guerra mondiale. Sulla cima è presente una statua che rappresenta la Libertà e la Vittoria. Si trova all'imbocco di corso Trieste .
  • Statua dell'Agricoltura: posta su una base di pietra rappresentante l'agricoltura, per secoli la principale attività di quella che una volta veniva chiamata la Campania Felix . Si trova in Piazza Gramsci davanti all'ingresso dei Giardini della Flora.
  • Monumento a Luigi Vanvitelli: raffigurante l'architetto Luigi Vanvitelli , progettista della Reggia di Caserta. Il Vanvitelli è raffigurato con la mano destra ad indicare il Palazzo Reale e con la sinistra a stringere i suoi progetti. È stata fatta costruire dallo scultore Onofrio Buccini ed inaugurata nel 1879. Si trova nella piazza omonima, una delle principali della città di Caserta.
  • Monumento ai Caduti sul Lavoro: una scultura in pietra inaugurata pochi anni fa e realizzata dall' INAIL proprio di fronte alla sede stessa in piazzale Maiorana ed è dedicata a tutte le persone che hanno perso la vita sul posto di lavoro.

Siti archeologici

  • Necropoli sannitica: ritrovata nel 1990 ed è costituita da sette tombe a cassa di tufo di epoca sannitica , della seconda metà del IV secolo aC

Aree naturali

Parco della Reggia di Caserta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Reggia di Caserta .
Uno scorcio del Parco della Reggia

Nonostante la speculazione edilizia , per le aree verdi Caserta risulta, con 13,06 m²/ab., al 21º posto (su 45) nella classifica dei capoluoghi di provincia italiani con meno di 80.000 abitanti per verde urbano fruibile, secondo il Rapporto 2013 sull'Ecosistema Urbano stilato da Legambiente [11] . Ciò è dovuto principalmente all'enorme Parco della Reggia, lungo 2,5 km.

All'interno del parco vi è la Peschiera Grande della Reggia di Caserta. Si tratta di un lago artificiale costruito nel Parco della Reggia nell'anno 1769 dall'architetto Collecini . Il lago, con un isolotto al centro, è lungo 270 metri, largo 105 e profondo 3,50. Tra il 1769 e il 1773, progettato per il divertimento del re Ferdinando IV, vi si svolgevano finte battaglie terrestri e marittime con modelli di navi in scala ridotta. Vennero anche insediati in alcune abitazioni nei pressi della vasca dei marinai con le loro famiglie; "Liparoti" per poter organizzare i giochi nautici. Dal 2002 si svolgono ogni anno i Giochi Sportivi Studenteschi di Vela Radiocomandata "Radio Sailing".

Oasi Bosco di San Silvestro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Oasi Bosco di San Silvestro .
Castelluccia

La Reale Tenuta di San Silvestro faceva parte, insieme a San Leucio, al Parco Reale ed al Giardino all'Inglese delle "Reali Delizie" annesse alla Reggia di Caserta. Situata a nord del complesso monumentale, si estende sulle due colline contigue di Montemaiulo e Montebriano. L'area, di circa 76 ettari, venne scelta in quanto particolarmente idonea a creare una naturale scenografia alla cascata che anima, con le sue acque, le fontane del parco vanvitelliano . I territori che la compongono furono acquistati dopo il 1750 in momenti diversi e riuniti poi in un unico tenimento che venne delimitato con un muro perimetrale.

La tenuta di San Silvestro, così come gli altri siti reali, fu destinata ad attività agricole e venatorie sull'esempio delle nuove mode di vita agreste diffuse nelle altri corti europee. In quest'area furono conservate, e in alcuni casi incrementate, le coltivazioni già esistenti come vigne, uliveti, frutteti, orti e giardini. Tra il 1797 e il 1801, in località "Parito", venne costruito, sotto la direzione del Collecini, già collaboratore di Luigi Vanvitelli, il Real Casino per dar ristoro al Re ed al suo seguito durante la caccia nei boschi vicini e per disporre di locali idonei alle diverse necessità dell'azienda agricola.

Il 13 maggio 1922 la tenuta di San Silvestro, che faceva parte dei beni immobili della Corona, passò al demanio dello Stato e fu consegnata al Ministero della Pubblica Istruzione. Nel dopoguerra, fino al 1970 , il Real Casino ospitò una colonia anti tracomatosa e nel 1983 l'intero sito, gestito dall'Amministrazione provinciale, passò per competenza alla Soprintendenza ai Beni AA.AAAA.SS. per le province di Caserta (CE) e Benevento (BN) . In quest'ultimo ventennio il Real Casino, che già in passato era stato sottoposto a varie trasformazioni e interventi di "abbellimento", ha subito continui atti vandalici; sono state rubate statue, divelti e trafugati marmi del caminetto, asportati parati, distrutti servizi, ecc.

Il 6 febbraio 1993 il WWF Italia , dopo un lungo periodo di collaborazione con la Soprintendenza per la salvaguardia del sito, ha ottenuto dal Ministero per i Beni Culturali e dal Ministero delle Finanze la gestione del "bosco di San Silvestro" che è così diventato la prima "oasi del WWF" della provincia di Caserta. Il 10 aprile 1994 l'oasi è stata inaugurata ed il giorno successivo aperta al pubblico mediante visite guidate.

Bagno di Venere

Giardino Inglese

Confinante con piazza Carlo di Borbone e ubicato di fronte alla sede delle facoltà di Psicologia e Studi politici della Università degli Studi della Campania 'Luigi Vanvitelli' . L'area, prima di proprietà dell' Aeronautica Militare , è stata acquisita dal comune di Caserta, che l'ha trasformata in un grande parco verde. È stato intitolato a Maria Carolina d'Asburgo , che volle la realizzazione del Giardino Inglese della Reggia e scrisse il codice delle leggi leuciane.

Alimentato dall'Acquedotto Carolino, il Giardino Inglese è un fenomeno che ebbe inizio attorno al XVIII secolo, conducendo al superamento dei vecchi schemi geometrici ( giardino all'italiana ) all'interno dei nuovi giardini nobiliari. Fu realizzato da John Andrea Graefer e voluto dalla regina Maria Carolina d'Asburgo-Lorena , moglie di Ferdinando IV, secondo i dettami dell'epoca che videro prevalere il giardino detto "di paesaggio" o "all'inglese" , sottolineatura dell'origine britannica di spazi il più possibile fedeli alla natura. L'opera di John Andrea Graefer cominciò nel 1786 e consentì al giardino di formarsi, di anno in anno. Tra scorci selvaggi e architetture oniriche, ospita un'eccezionale varietà di piante esotiche e sementi individuate a Capri , Maiori , Vietri , Salerno , Cava de' Tirreni , Agnano , Solfatara , Gaeta . Successivamente fu seguito dai suoi figli – che si occuparono della proprietà negli anni dell'occupazione francese – Graefer si fece personalmente carico della selezione delle specie botaniche, effettuando numerosi sopralluoghi sulle coste campane, e attivando una fiorente attività d'importazione: le prime specie estere arrivarono dall'Olanda nel 1793.

Altre aree naturali

  • Giardini della Flora, situati alla fine di Corso Trieste , sul lato est della Reggia
  • Giardini di piazza Padre Pio, situati nel centro della città
  • Giardini di piazza Cattaneo-Piteşti
  • Giardini di piazza Vanvitelli
  • Giardini di piazza Carlo III, situati di fronte alla Reggia
  • Giardini di Villa Giaquinto, in pieno centro

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [12]

Etnie e minoranze straniere

Al 31 dicembre 2020 gli stranieri residenti in città erano 3 991 [13] , pari al 5,4% della popolazione. I gruppi più numerosi sono quelli di:

Istituzioni, enti e associazioni

Stemma Brigata Garibaldi

Caserta è sede degli uffici territoriali dell' INPS .

È sede di una sezione distaccata del tribunale civile e penale di Santa Maria Capua Vetere, del giudice di pace e della sezione di Caserta dell'Ordine forense.

A Caserta è presente la Brigata bersaglieri "Garibaldi" , una delle maggiori unità delle forze armate italiane. Inoltre è presente la "scuola specialisti" dell' Aeronautica Militare Italiana .

La più importante struttura sanitaria della città è l'Ospedale Civile "Sant'Anna e San Sebastiano". Inoltre, nella zona Est della città, è in costruzione il Policlinico che sarà gestito dall' Università .

Infine tra le associazioni cittadine si annovera l'associazione culturale Liberalibri , fondata nel 2002 e che è stata considerata dalla trasmissione radiofonica RadioTre Fahrenheit , del 5 agosto 2013, la maggiore associazione di bookcrossing in Italia senza fini di lucro.

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Sole 24 Ore )
2008 94º (-2)
2009 103º (-9)
2010 105º (-2)
2011 104º (+1)
2012 98º (+6)
2013 103º (-5)
2014 104º (-1)
2015 108º (-4)
2016 108° (0)
2017 110° (-2)
2018 101° (+9)

Cultura e istruzione

Istruzione

Biblioteche

La principale biblioteca cittadina è la Biblioteca Comunale "Giuseppe Tescione", ospitata nel complesso di Sant'Agostino, che possiede un patrimonio librario di circa 25.000 volumi, donato al comune di Caserta dal prof. Giuseppe Tescione ( 1914 - 2002 ), al quale la biblioteca è intitolata. Oltre alla Biblioteca "Giuseppe Tescione", la città è servita da altre strutture:

  • La Biblioteca Comunale Alfonso Ruggiero, fondata nel 1946 e situata nell'ex macello di via Laviano. Possiede un patrimonio librario di oltre 34.000 volumi, tra cui edizioni del Cinquecento, Seicento, Settecento, Ottocento.
  • La Biblioteca del Seminario vescovile di Caserta, situata nel centro città, in piazza Duomo.

Scuole

Le scuole di secondo grado (superiore) comprendono: quattro licei di vari indirizzi, due istituti professionali e tre istituti tecnici. Inoltre, presso tre aule dell'Istituto ITC "Terra di Lavoro", sono attivi due corsi del Conservatorio di Avellino (flauto e pianoforte) per un numero massimo di 60 allievi. L'inaugurazione della sezione del Conservatorio di Caserta è avvenuta alla fine di settembre 2009 con un concerto di musiche di Wolfgang Amadeus Mozart al Teatro di Corte della Reggia di Caserta.

Università

Caserta è la città in cui ha sede l' Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" . Attualmente le strutture didattiche e scientifiche che hanno sede in città sono il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Biologiche e Farmaceutiche , il Dipartimento di Matematica e Fisica (entrambi nel Polo Scientifico di Viale Lincoln), il Dipartimento di Psicologia e quello di Scienze Politiche "Jean Monnet" (entrambi presso il polo di viale Ellittico). Il corso di laurea in Medicina e Chirurgia ha una sede presso il Centro Direzionale in frazione San Benedetto.

Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

La Scuola [14] ha sede in un'ala della Reggia a cui si accede tramite lo scalone monumentale. Nelle immediate vicinanze della Reggia, nell'emiciclo destro, ha sede il Centro Residenziale e Studi, struttura logistica di accoglienza annessa alla Scuola.

Musei

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei di Caserta .
L'interno della Reggia

Il principale polo museale cittadino è sicuramente quello del Complesso museale della Reggia di Caserta . Oltre che gli appartamenti reali e la pinacoteca reale, è possibile anche visitare sempre all'interno della Reggia il Museo dell'Opera e del Territorio dedicato alla realizzazione della Reggia stessa e la mostra permanente Terrae Motus con una raccolta di opere contemporanee.

Sono presenti poi altri musei come il Museo della Seta di San Leucio, il Museo delle Cere "Le Muse", il Museo Diocesano di Caserta , il Museo di mineralogia e topografia Michelangelo e il Museo Dinamico della Tecnologia Adriano Olivetti.

Infine sono sorte varie Gallerie d'arte contemporanea pubbliche e private per tutta la città che accolgono spesso mostre d'arte anche internazionale.

Media

Radio e Televisione

Stampa

Teatro

Teatro di Corte

Negli ultimi dieci anni a Caserta si è assistito alla proliferazione di teatri e sale cinematografiche che sono andati a compensare il vuoto che c'era stato fino agli inizi degli anni novanta, quando le vecchie strutture chiuse non erano state rimpiazzate da altre impoverendo molto l'offerta culturale della città.

  • Teatro Comunale " Costantino Parravano ". Sul fronte teatro, la prima struttura cittadina è il Teatro Comunale, situato nella centralissima via Mazzini. Si tratta di un teatro moderno dislocato su due piani con circa 500 posti: vi si svolge la stagione principale della città con spettacoli di livello nazionale oltre ad una serie di rassegne di musica da camera e concerti di musica classica.
  • Teatro "Civico 14" . Storicamente situato in vicolo Della Ratta, traversa della centralissima via Vico, era uno spazio di circa sessanta posti, con una stagione teatrale ricca di nomi nazionali e compagnie emergenti, caratterizzato dal forte e costante impegno rivolto alle tematiche sociali e civili, e quindi civiche. Attualmente è ospitato da un nuovo spazio, di circa 80 posti, denominato hub creativo " Spazio X ", in via Petrarca.
  • Teatro "Don Bosco". Altra struttura importante è il Teatro Don Bosco, di proprietà dei Salesiani di Caserta, un teatro di 400 posti tutto in marmo con una stagione nazionale grazie alla collaborazione con alcuni teatri di Roma.
  • Teatro "Izzo". Nella zona sud della città, precisamente nel rione Acquaviva, c'è il Teatro Izzo, vero e proprio teatro di quartiere, 350 posti per una stagione soprattutto basata su spettacoli comici ispirati alla commedia napoletana.
  • Teatro "Caserta Città di Pace". Nel quartiere Puccianiello vicino all'Ospedale Civile, il Teatro Caserta Città di Pace offre il proprio palco e la propria platea di quasi 400 posti a tutte le compagnie amatoriali ma spesso vi si tengono anche spettacoli di livello nazionale.
  • Officina Teatro. A San Leucio nei locali di una vecchia fabbrica l'Officina Teatro, con una platea di cento posti circa, offre una stagione di teatro singolare e diversa dalle solite con una grande attenzione ai temi sociali che vengono spesso affrontati in commedie quasi di nicchia, riservate ad un pubblico particolare.
  • Teatro di Corte della Reggia di Caserta.
  • Centro Teatro Studi. La piccola sala del Centro Teatro Studi (CTS) ospita gruppi di teatro amatoriali che coltivano il sogno di calcare i palchi più importanti d'Italia.
  • Bottega del Teatro. Finalità simile per la Bottega del Teatro, altra piccola sala teatrale del capoluogo situata nel quartiere Acquaviva, zona sud della città. Anche qui spazio all'avanspettacolo e al teatro comico con grande spazio per le compagnie amatoriali.
  • Teatro Fabbrica Wojtyla. Unico e particolare nel suo genere resta il Teatro Fabbrica Wojtyla, vera fucina di giovanissimi artisti casertani che produce spettacoli originali con finalità altamente sociali.
  • Auditorium Provinciale, in via Ceccano, in pieno centro cittadino, dove si sono svolti a lungo incontri, dibattiti culturali, convegni, esibizioni teatrali e concerti di musica da sala. Tuttavia risulta attualmente in disuso a causa del dissesto dell'ente Provincia, che non può provvedere alla messa in sicurezza dello stabile.

A queste strutture al chiuso bisogna aggiungere le due all'aperto che vengono allestite in occasione di particolari rassegne:

  • Teatro dei Serici. Nel Belvedere di San Leucio, che ospita gli spettacoli del Leuciana Festival.
  • Teatro della Torre. All'interno dei resti del castello Medioevale di Casertavecchia, che ospita alcuni spettacoli del settembre al Borgo.

Cinema

Il Duel Village , inaugurato nel 2000, è stato il primo multisala della Campania. Possiede 6 sale per un totale di 1.300 posti.9. In pieno centro storico, ha invece sede lo storico Cinema San Marco , chiuso a lungo negli anni 2000 e riaperto nel 2015, poi sfortunatamente richiuso nel 2018 Prima della riapertura di quest'ultimo, il Teatro Don Bosco e il Teatro Comunale venivano spesso adibiti a cinema.

Location cinematografiche

La città ha ospitato diverse produzioni cinematografiche, specialmente nelle sue location della Reggia e del parco:

Eventi

  • Premio internazionale di giornalismo "Le Buone Notizie - Civitas Casertana", noto anche come "Premio Buone Notizie".
  • Stagione Teatrale Città di Caserta (ottobre-maggio).
  • Premi Nazionali Letterari Caserta.
  • Plus Ultra [15] [16] la vela di Mafonso antistante Palazzo Reale quale indice di riflessione per gli attentati dell'11 settembre 2001 alle torri gemelle di New York 2001.
  • Torneo Internazionale Femminile di Tennis presso Tennis Club Caserta (maggio).
  • Festival del Cinema Indipendente (maggio).

Cucina

La cucina casertana è caratterizzata da piatti tradizionali come le salsicce di polmone , condite con i piccanti peperoncini locali. Molto buone sono le acciughe sotto sale , dissalate, in vasetto sott'olio, i fagioli "alla carrettiera" e le zite ripiene . Tipica è anche la mozzarella di bufala , visto che la provincia di Caserta è la zona dove è presente il maggior numero di bufale d'Italia. Tra i dolci c'è il casatiello dolce chiamato pigna , immancabile sulle tavole dei casertani nel periodo pasquale. Tra i vini citiamo il casavecchia , il falerno e il pallagrello .

Geografia antropica

Frazioni

Cattedrale di Casertavecchia

San Benedetto, Aldifreda, Briano , Casertavecchia , Casola, Casolla, Centurano, Ercole, Falciano, Garzano, Mezzano, Piedimonte di Casolla, Pozzovetere, Puccianiello, Santa Barbara, San Clemente, San Leucio , Sala, Sommana, Staturano, Tredici, Tuoro, Vaccheria.

Delle 23 frazioni di Caserta, alcune hanno caratteristiche peculiari:

  • Casolla, ai piedi dei Colli Tifatini . Architetture importanti: palazzo Cocozza di Montanara, nel quale nel 1970 Pier Paolo Pasolini girò alcune scene del Decameron , e le "collere", ambienti alti e sfinestrati che un tempo servivano come luogo di essiccazione della colla.
  • La frazione di Aldifreda è nota per l'antica chiesa di San Pietro Apostolo, in cui sono stati ritrovati reperti storici antecedenti all'anno 1000
  • Piedimonte di Casolla, ai piedi dei Colli Tifatini, sede di un'antichissima abbazia benedettina, un tempo tempio romano dedicato a Giove Tifatino.
  • Briano , una delle più antiche frazioni del comune, incastonata tra il Parco Reale, l'Oasi di San Silvestro e il real sito di San Leucio.
  • Casertavecchia , antico centro del comune, sede di un borgo antico rimasto intatto con un castello molto conosciuto e un duomo romanico .
  • San Leucio , sede del palazzo del Reale Belvedere e di famose seterie reali.
  • Vaccheria, sede delle vaccherie reali per la produzione di cuoio e di mucche da latte.
  • Falciano, antica sede vescovile dal XVIII secolo e di un palazzo della cavallerizza nel XVI secolo .
  • San Clemente, nata dall'antico villaggio di Macerata citato dalle fonti già intorno all'anno Mille, ma esistente in epoca longobarda e che comprendeva tre villaggi di capanne con al centro rispettivamente la chiesa di San Clemente, di Santa Maria e di Santo Stefano.

Rioni

Fanno parte del tessuto urbano di Caserta anche molti popolosi rioni tra cui: Acquaviva, Cerasola (anche detto Cerasole ), Cappiello, Falcone, Michelangelo, San Clemente, Parco Degli Aranci, Paschi, Petrarelle, Primavera, Santa Rosalia, Tescione, Vanvitelli, Volturno, Trento, 167, ISES.

Economia

Negli ultimi anni, l'economia industriale casertana ha visto il ridimensionamento o la chiusura di molte fabbriche "storiche" dell'area. Tra queste è doveroso ricordare quelle relative alla famosa seta di San Leucio, anche se ancora oggi sono attive delle fabbriche che continuano a lavorare la seta.

A Caserta vi è la sede del Banco delle opere di carità , un'istituzione benefica ivi nata e diffusasi in gran parte d'Italia.

La città di Caserta, specie negli ultimi anni, ha visto la nascita nel suo territorio di diversi alberghi importanti che hanno aumentato di molto la capacità ricettiva del capoluogo e hanno permesso lo sviluppo anche di un turismo congressuale.

Infrastrutture e trasporti

Strade

Caserta è collegata alla rete autostradale tramite i caselli Caserta nord e Caserta sud dell' Autostrada A1 Milano-Napoli , nonché il casello Caserta dell' Autostrada A30 Caserta-Salerno .

Variante di Caserta

Nel 2008 è stata inaugurata tra la Strada statale 265 dei Ponti della Valle e la Strada statale 7 Via Appia classificata dall' ANAS , che la gestisce interamente, come Strada statale 700 della Reggia di Caserta .

Ferrovie

Stazione di Caserta

La stazione di Caserta , realizzata nel 1843 , è una stazione di transito sulla linea Napoli-Roma via Cancello Cassino. La stazione è altresì collegata con una diramazione secondaria a quella di Aversa , con la quale è possibile effettuare interscambi per immettersi sulla linea principale Roma-Napoli via Formia. La stazione è collegata con Foggia e dopo la dismissione della ferrovia Napoli- Foggia , è un nodo di interscambio fondamentale per raggiungere la Puglia dalla Campania. Offre inoltre collegamenti diretti con la città di Salerno attraverso la tratta Caserta-Salerno via Sarno.

Mobilità urbana

Precedentemente svolto dalla società ACMS (fallita nel 2012 ), da giugno 2012 il servizio di mobilità urbana è regolarmente svolto dalla società CLP che effettua sia il trasporto ordinario che quello scolastico. Operano anche società come la CTP e operatori privati.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Caserta .

Gemellaggi

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Caserta .
La Juvecaserta campione d'Italia nella stagione 1990-1991

Hanno sede nel comune le società sportive Juvecaserta Basket , Casertana Football Club , VolAlto Caserta e Caserta Softball vincitore del titolo nazionale, dal 2009 al 2012.

Caserta è stata in più di un'occasione sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia ( 1964 , 1982 , 1994 , 2002 ) ed ha ospitato la Formula 3 italiana di automobilismo fino al 1967, quando in una tragedia morirono i piloti Beat Fehr, Romano Perdomi, detto "Tiger" e "Geki" Russo .

Caserta fu teatro, nel settembre 1969, della rivolta del pallone , un evento di cronaca che ha interessato la città in seguito alla penalizzazione per illecito sportivo inflitto alla società di calcio Casertana .

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Luciano Canepari , Caserta , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ PRUSST Archiviato il 20 gennaio 2009 in Internet Archive .
  6. ^ - Rapporto Ecosistema Urbano 2013 - XX edizione
  7. ^ http://www.istitutonastroazzurro.it/istituzionidecoratemedagliaargentovalormilitare.html
  8. ^ [1]
  9. ^ Parchi più belli d'Italia: Reggia di Caserta
  10. ^ Marco Miggiano, Villa Giaquinto, uno spazio comune gestito dai cittadini , su help-app.it . URL consultato il 27 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 27 agosto 2017) .
  11. ^ XX Edizione Ecosistema Urbano di Legambiente Archiviato il 24 marzo 2016 in Internet Archive .
  12. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  13. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  14. ^ Scuola Nazionale dell'Amministrazione - SNA IT
  15. ^ http://www.cisenet.com/wp-content/portfolioweb/gabrius/gabriusWeb/galleries_v_mostre.asp-lang=1&id=26&idm=1188&idgm=1546&section=.htm
  16. ^ https://www.pressreader.com/italy/il-mattino-caserta/20160614/282522952747906

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 140710117 · LCCN ( EN ) n79111444 · GND ( DE ) 4210126-8 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79111444