Casale Monferrato

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Casale Monferrato
komen
Casale Monferrato - manto nan bra Casale Monferrato - Drapo
Casale Monferrato - View
View nan via lanza
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Piedmont-Rejyon-Stemma.svg Piedmont
pwovens Pwovens nan Alessandria-Stemma.png Alexandria
Administrasyon
Majistra Federico Riboldi ( Frè Itali ) soti nan 27-5-2019
Teritwa
Kowòdone 45 ° 08'03 "N 8 ° 27'30" E / 45.134167 ° N 8.458333 ° E 45.134167; 8.458333 (Casale Monferrato) Kowòdone : 45 ° 08'03 "N 8 ° 27'30" E / 45.134167 ° N 8.458333 ° E 45.134167; 8.458333 ( Casale Monferrato )
Altitid 116 m anwo nivo lanmè
Sifas 86,21 km²
Moun ki rete 33 213 [1] (31-12-2020)
Dansite 385,26 abitan / km²
Fraksyon Casale Popolo , Rolasco, Roncaglia, San Germano, Santa Maria del Tempio, Terranova Monferrato , Vialarda
Minisipalite vwazen yo Balzola , Borgo San Martino , Camagna Monferrato , Candia Lomellina ( PV ), Coniolo , Conzano , Frassineto Po , Morano sul Po , Motta de 'Conti ( VC ), Occimiano , Ozzano Monferrato , Pontestura , Rosignano Monferrato , San Giorgio Monferrato , Terruggia , Villanova Monferrato
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 15033
Prefiks 0142
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 006039
Kòd Cadastre B885
Plak NAN
Cl. sismik zòn 4 (trè ba sismisite) [2]
Cl. klimatik zòn E, 2 815 GG [3]
Non moun ki rete casalesi oswa casalaschi
Patwon Sen Evasio
Jou Konje 12 novanm
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Casale Monferrato
Casale Monferrato
Casale Monferrato - Kat jeyografik
Kat minisipalite a nan Casale Monferrato nan pwovens lan nan Alessandria
Sit entènèt enstitisyonèl

Casale Monferrato ( IPA : [kaˈsale moɱferˈrato] [4] , Casal Monfrà nan Piedmontese , Casà nan Monferrato dyalèk) se yon vil Italyen nan 33 213 moun [1] nan pwovens Alessandria nan Piedmont . Li se dezyèm minisipalite ki pi peple nan pwovens lan, apre kapital la .

Depi li te vin yon municipium Women, lavil la te sant ki pi enpòtan nan distri a; [5] apre yon peryòd de n bès ki te koze pa sezon otòn la nan Anpi Women Lwès la ak envazyon yo nan pèp yo Barber, an reyalite, li te vin yon minisipalite gratis ak soti nan kenzyèm nan sèzyèm syèk la li te kapital la nan paleolojyen yo . Pita li te vin domèn nan Gonzagas yo , ki moun ki bati youn nan sitadèl yo pi gwo e pi prestijye Ewopeyen an. Te genyen pandan syèk yo 17th ak 18th ant franse a ak Panyòl la, pandan Risorgimento a li te youn nan ranpa yo defans kont Anpi Ostralyen an .

Jewografi fizik

Teritwa

View nan Casalese Monferrato la
Mache sou Po a tou pre sant vil la istorik
Jaden diri nan zòn nan

Minisipalite a nan Casale Monferrato kouvri 86,32 km² [6] ak fin sou yon zòn plat ki sitiye nan pye a nan ti mòn yo Monferrato , yon pi popilè rejyon diven ki ap grandi nan ki li konsidere kòm kapital la istorik. Vil la tou kanpe sou yon pozisyon favorab depi li pa lwen kapital Vercelli , Alessandria , Asti ak Novara ak nan triyang endistriyèl la .

Dapre kat jeyolojik Itali a, trase pa Sèvis jewolojik nan peyi Itali, [7] [8] teritwa a nan Casale Monferrato se sitou ki te fòme pa gravye - Sandy oswa limon , ki sot pase ak aktyèl inondasyon teras [7] nan gwo rivyè yo 'dlo (date tounen nan' Olosèn dènyèman), [7] Sandy-gravye inondasyon fiks pa riverbeds abandone fèb sispann ak eksepsyonèlman inonde (date mwayèn Holocene), [7] résidus nan Sandy-gravye teras alluvions sibstansyèlman sispann sou kou d 'dlo (date tounen nan ansyen olosèn lan); [7] nan direksyon lwès-sidwès nan vil la gen "Fòmasyon Casale Monferrato" (ki date tounen nan mitan Eocene -pi ba a), [8] ki konpoze de altènasyon nan plis oswa mwens marly kalkè , [8] grè amann kalkè ak grè Micaceous , kalkè Fucoid ak ajil majorite nwa mawon plastik. Gen mikrofon nan nivo yo marly (ki soti nan youn a sis mèt gwo twou san fon). [8]

Orografi

Zòn minisipal la, byenke li tonbe nan Fon Po a , sitiye sou yon seri de ti mòn ki gen wotè modès: kay minisipal la sitiye nan 116 m slm , [6] wotè minimòm ki rive nan zòn minisipal la se 96 m slm , [ 6] pandan y ap wotè a maksimòm se 299 m slm [6]

Idrografi

Kou dlo prensipal la ki travèse teritwa a minisipal se larivyè Lefrat la Po . Genyen tou 2 lòt vwa navigab enpòtan: kanal Lanza ak kanal Mellana ki travèse vil la, ki konsiderableman pi piti.

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Casale Monferrato estasyon metewolojik .

Dapre klasifikasyon klima Köppen, Casale tonbe nan klima tanpere ete cho (CFA). Sou baz referans 30 an mwayèn 1961 - 1990 , tanperati mwayèn mwa ki pi frèt la, janvye, se +0,4 ° C; sa ki nan mwa ki pi cho, Jiyè, se +22,7 ° C. Presipitasyon konsantre sitou pandan sezon prentan ak otòn . Nan sezon fredi ka gen nèj, pafwa abondan, ak frima souvan. Kontrèman, nan sezon lete an chalè a ki te koze pa imidite a segondè ka fè chalè a opresif. Finalman, nan mwa ki pi frèt nan ane a gen fòmasyon bwouya ki pèsistan menm pandan plizyè jou. [10] [11] [12]

CASALE MONFERRATO Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 4.0 6.9 12.5 16.9 22.0 26.0 28.7 27.6 23.8 17.0 10.3 4.5 5.1 17.1 27.4 17.0 16.7
T. min. mwayenC ) −3.2 -2.0 2.5 6.7 10.7 14.5 16.7 15.8 12.8 7.9 3.9 -1.2 -2.1 6.6 15.7 8.2 7.1

Istwa

Soti nan orijin yo nan Women yo

Premye moun ki rete nan peyi Casalesi yo te Liguryen yo , ki moun ki rete sou bank yo nan Po la . Yo te divize an branch fanmi: Stazielli , Insubri , Libui , Dutunini , Jadatini ak Gabieni . Pita Celto-Gaulo yo rete ki kite mo toujou itilize nan tan modèn nan lang lan Piedmontese . [14]

Yo te imedyatman konkeri pa Women yo ki te fonde yon municipium sou zòn nan nan règleman an rele Vardacate. [5]

Imedyatman, evèk la nan Asti Sant'Evasio konvèti vilaj la nan Krisyanis , ak fonde legliz la nan San Lorenzo (bati sou sit la nan katedral aktyèl la). [15]

Soti nan Mwayennaj yo nan Renesans la

Penti nan Sant'Evasio

Apre envazyon barbar yo ak nan fen anpi a , lombard yo te rete nan zòn municipium alantou 568 . Depi lè nou te opere Lombard relijyeu Columban Abbey la pwisan nan San Colombano di Bobbio , aktif sant evanjelizasyon ak renesans agrikòl anba pwoteksyon Pap la .. Yo soti nan vas reyèl feyodal ak relijyeu Imperial yo , yo te bay UN agrikilti ak rekiperasyon an nan kiltive oswa zòn abandone, reyabilitasyon ak amelyorasyon agronomik ak rekiperasyon an ak difizyon nan jaden rezen, Achera chestnut, moulen, elatriye. Relijyeu yo tou te bay yon remakab manje kontribisyon gras a elvaj la ak konsèvasyon nan manje , pwoteyin ak grès, tankou lwil oliv , , fwomaj , salami , gras a sèl ak epis santi bon ; yo menm tou yo te travay pou relouvri wout komès ak wout sèl yo ak komès sou plenn lan ak nan direksyon pou lanmè lig la ak echanj nan machandiz divès kalite tankou lwil oliv, sèl, epis santi bon, bwa, vyann, elatriye.

Non an nan Casale parèt la pou premye fwa nan yon dokiman bay pa dyak Andrea a Rectoral a nan Sant'Evasio, ki date 15 Out 988 . [16] Apre 1000 Casale te vin peple ankò ak nan menm tan an li te kòmanse pran sou yon estrikti enstitisyonèl tipik nan yon vil medyeval . [16] Apati de fen 11yèm syèk la , sepandan, konfli ak minisipalite a nan Vercelli te kòmanse , abouti nan 1215 ak destriksyon nan Casale pa alyans ki genyen ant minisipalite yo nan Milan , Vercelli , Asti ak Alessandria . [16] Malgre sa, vilaj la ak mi yo te rebati nan yon ti tan. [16] Nan fen 13yèm syèk la , li te gen vin yon minisipalite san patipri pwisan, yo te pozisyon nan Kapitèn Jeneral ofri premye William VII nan Monferrato ak Lè sa a, Matteo Visconti . [16]

Nan kòmansman 14yèm syèk la , akòz diskisyon ki genyen ant diferan fanmi minisipal yo, li te deside nonmen Teodoro Paleologo , pitit gason anperè Bizanten Andronicus II Paleologus ak Violante nan Monferrato , lapè, sèmante l 'fidelite. [17] Imedyatman, alantou 1352 , Jan II Palaeologus te bay lòd pou konstriksyon yon chato ranfòse mi yo anvan yo; [17] nan 1370 Visconti te okipe Casale [18] , retounen li nan Theodore II Paleolog (ansanm ak Monferrato ) nan 1404 . [17] . Nan 1434 Gian Giacomo Paleologo transfere kapital la nan Marquisate nan Monferrato nan Casale. [17] Pandan rèy Gian Giacomo, lopital kantonal Casale yo tout te rasanble nan lopital Santo Spirito [17] , epi, pandan rèy siksesè li William VIII Palaiologos, vilaj la te fè eksperyans maksimòm flè li yo: [17] Casale te vin sant la nan administrasyon an nan Marquisate a, enstiti fòmasyon anpil yo te louvri ak legliz nouvo yo te fonde. [17] Nan 1474 , atravè yon ti towo bèf nan Pap Sixtus IV , legliz la nan Sant'Evasio te elve nan estati a nan katedral, dyosèz la nan Casale te fèt ak vilaj la te elve nan estati a nan Città . [17]

Laj modèn lan

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: lagè nan siksesyon nan Mantua ak Monferrato .
Farmhouse nan 1745

Apre Trete Cateau-Cambrésis 1559 la, Casale te vin anba dominasyon Gonzagas nan Mantua , [19] ki, nan fen syèk la, ak Duke Vincenzo I , te elaji estrikti defansiv nan vil la e li te konstwi youn nan pi pwisan ak prestijye sitadèl Ewopeyen an, [19] pa Bernardino ak pitit gason l ' Girolamo Facciotto . [20] Pandan peryòd la nan counter-refòm nan lavil la sibi transfòmasyon konsiderab: kèk sitwayen, an pati nòb men pi wo a tout atizan ki pataje lide yo nan Oliviero Capello, revòlte, men pou gremesi kont pouvwa a absolutist ki Guglielmo Gonzaga , Duke nan Mantua ak Monferrato, t'ap chache etabli nan vil la: Duke a pi fò e apre 1567 li jere yo reyalize objektif li yo pa chanje koutim yo minisipal ansyen. [19] [21]

Pandan 17yèm syèk la li te soufri anpil syèj pa Panyòl ak franse , [22] . Pandan peryòd sa a, pandan se tan, sitadèl la te toujou ranfòse ak mete ajou ak teknik ki pi resan defans nan tan an. [22] Nan 1708 Ferdinand Charles nan Gonzaga-Nevers te akize de krim kont Anpi a, li pèdi tout pouvwa ak tout byen, kite yo bay siksesè li Vittorio Amedeo II , Duke nan Savoy . [23] Pasaj la konplè nan Casale anba dominasyon an nan kay la nan Savoy te pran plas nan 1713 , epi, li te gen pèdi fonksyon an nan kapital la, inovatè yo nan jaden yo atistik ak militè tou te fini nan vil la. [23] Okipasyon galo-panyòl la nan 1745 te lakòz gwo domaj nan legliz ak kouvan. Soti nan 12 Desanm 1798 a 17 Me 1799 Casale, apre fèmantasyon revolisyonè yo ki te altène nan Ewòp nan tan sa a, etabli repiblik la , anvwaye pyebwa libète a . [24] Imedyatman lavil la te okipe pa Ostralyen yo ak Larisi yo e li te rete nan posesyon yo jouk batay la nan Marengo (14 jen 1800 ), lè li te retounen ankò nan dominasyon franse yo. [24]

Laj la kontanporen

Jiska aprè milye diznevyèm syèk la , lavil la te rete antoure pa miray defans ak san okenn koneksyon avèk lòt bank Po a (eksepte pou yon pon bato). [25] Ki baze sou yon konsepsyon pa Matre nan Chartres, sou 22 Out 1840 yon pon sispansyon an fè 228 mèt long te inogire, divize pa yon kolòn santral ki te sou Hawsers yo repoze. [24] Yo te rele apre Carlo Alberto wa Sardinia , pon an te dire karantan anvan li te demoli; an plas li yo te bati yon nouvo, pi rezistan pon fè. [24] Antretan, apre repwesyon monastè yo pandan diznevyèm syèk la byen bonè pa Napoleon, anpil entèvansyon iben te kòmanse nan vil la ki, pami lòt bagay, te bay anpil bilding sivil ak sakre yon achitekti neoklasik . [24]

Palazzo Ricci nan pyadza Santo Stefano

An 1849 , pandan premye lagè endepandans lan , Ostralyen yo te sènen Casale e yo te eseye fè l tounen yon gwo fò nan liy defans yo. [24] Aprè mitan diznevyèm syèk la, kèk nan travay militè ki te konstwi nan syèk anvan yo te demoli pou kreye nouvo espas pou ekspansyon iben [26] (travay demolisyon sa a te kontinye jouk 1930 , lè yo te demantèlman pon an). [27] Nan peryòd sa a anpil sistèm iben yo ak estrikti yo te bati tankou egou yo, yon kanal irigasyon, aranjman nan wout yo ak gaz la ak sistèm ekleraj, elajisman nan simityè a, wout la bag, pasaj siperyè a sou liy lan tren, aranjman an nan jaden piblik yo ak koneksyon an pa bèn ak tout savann pou bèt yo vwazen. [27]

Palè nan kredi Italyen an

Nan kòmansman ventyèm syèk la , anpil plant endistriyèl, espesyalman plant siman, te etabli nan Casale. An menm tan an, bilding san otorizasyon tou te grandi, e pou rezon sa a nan 1911 te plan an mèt nan Agro Callori, youn nan zòn yo minisipal iben, apwouve. [28] Nan menm ane a, anplis, gwo kazèn zam yo te enstale nan minisipalite a. [28] Epidemi Dezyèm Gè Mondyal la entèwonp kwasans vil la, ki rekòmanse sèlman apre fen ostilite yo, espesyalman nan distri Oltreponte (ki chita sou lòt bank Po a); an peryòd sa a pon an sou Po a, bonbade pandan lagè a, te rebati, lavil la kontinye elaji ak nouvo plant endistriyèl yo te etabli. [28]

Remak se prezans nan Eternit pwosesis amyant plant la , ki depi senkant sòlda yo te lakòz plis pase yon mil sis san lanmò nan mitan travayè yo ak popilasyon an, akòz yon maladi grav, ki ka trete, men se pa maladi: plèvr mezotelyom , akòz rale nan brut nan fib. Li estime ke jiska 2015 - 2020 ensidans la nan amyantoz (yon lòt maladi ki te koze pa amyant) ap kontinye ogmante, akòz tan an ki pase anvan aparisyon nan maladi ki gen rapò ak amyant. [29] [30]

Sou 15-16 Oktòb 2000 , distri Oltreponte a, ki sitiye nan pati nò vil la, te konplètman submerged pa yon inondasyon ansanm ak ti bouk yo nan Casale Popolo ak Terranova ; tou minisipalite yo vwazen nan Balzola , Morano sul Po ak Trino te akable pa yon inondasyon eksepsyonèl nan Po a , soufri domaj konsiderab. [31]

Senbòl

Casale Monferrato-Stemma.png
Casale Monferrato-Gonfalone.png

Deskripsyon araldik nan rad la nan bra:

«Quartered: nan 1ye ak 4yèm nan wouj, nan kwa a an lò, mete sou kote pa kat B-style, fè fas a, tou lò; nan 2yèm ak 3yèm ajan, nan tèt wouj; an antye yon wou ble ak reyon lò, ak monogram Kris la: IHS an ajan. Marquis kouwòn "

( Comuni-Italiani.it )

Premye ak katriyèm lan reprezante zam Paleolojyen yo. Dezyèm lan ak twazyèm sa yo ki nan Aleramici la. IHS se Christogram ki reprezante non Jezi . Yo te rekonèt rad zam la ofisyèlman nan dat 17 desanm 1936 . Sa a te rad nan bra rekonèt pa dekrè 17 Desanm 1936 ak transkri nan rejis yo nan konsiltasyon nan eraldik sou 19 Desanm 1936 . [32]

Onè

Meday la

Vil la nan Casale Monferrato se 13th a nan mitan 27 lavil yo dekore avèk yon meday lò kòm "meritwa nan Risorgimento Nasyonal la" (9 Mas, 1899 ) pou aksyon sa yo trè patriyotik te pote soti nan lavil la pandan Risorgimento la . Peryòd, ki defini nan kay la nan Savoy , ant soulèvman yo nan 1848 ak nan fen Premye Gè Mondyal la nan 1918 . Pou komemore antrepriz la, Casale Monferrato te rele yon lari nan vil la apre Cesare Cobianchi.

Meday nan lavil yo merite nan Risorgimento Nasyonal la - riban pou inifòm òdinè Meday nan vil yo merite nan Risorgimento Nasyonal la
«Kòm yon rekonpans pou valè a demontre pa sitwayen yo nan sènen toupatou a nan 23, 24 ak 25 Mas 1849. Episode a refere a defans la nan lavil la kont twoup yo Ostralyen nan Marshal von Wimpffen, ki moun ki te kouri dèyè Piedmontese a apre defèt la nan Novara. Sou menm 23 Mas la, Ostralyen yo te akeyi nan Casale pa dife kanon, te tire pa ganizon vil la (sèlman yon rejiman ak kèk refijye). Yon wòl patikilyèman enpòtan nan defans vil la te gen Cesare Cobianchi, kolonèl Gad Nasyonal la. Malgre atak yo repete, Casale pa t 'sede: li te an reyalite nouvèl la nan armistis la ki mete yon fen nan ostilite yo. "

Moniman ak kote nan enterè yo

Achitekti relijye yo

Legliz Katolik

  • Katedral nan Sant'Evasio
    Duomo a se moniman nan pi ansyen nan vil la nan Casale Monferrato ak youn nan katedral ki pi enpòtan Lombard Romanesque nan Piedmont. Dapre Passio a , yon travay ki dekri evènman yo ak mati nan Saint Evasio, fondasyon an nan legliz la dat tounen nan 8yèm syèk AD la pa Lombard wa Liutprando la . [33] Premye nouvèl yo sèten nan egzistans legliz la yo dokimante nan yon papye kay don ki gen dat 974 ak nan zèv ki vin apre ki date tounen nan 11yèm syèk la . [33]
    Li te konsakre nan 1108 pa Pap Paschal II . [33] Nan 1215 , apre lagè ki genyen ant Casalesi a ak Alessandrini yo, Vercellesi a, Pavesi a ak Milanesi a, li te gravman domaje ak rebati nan plizyè kote. [33] Malgre ke li te sijè a nan entèvansyon anpil ak restorasyon pandan dizwityèm ak diznevyèm syèk yo, li konsève pi fò nan karakteristik yo akeri nan tan medyeval. [33]
    Fasad la moniman GABLE se asimetri ak ankadre pa de gwo klòch lateral. Sou kote sa yo nan pòt la antre prensipal gen de kolòn ki te sou yo mete kopi yo diznevyèm syèk la nan de estati ki reprezante respektivman Lombard la Liutprando wa ak larenn lan Teodolinda .
    Enteryè a konsiste de yon nartèks rektangilè, yon antèn , senk ale divize pa gwo poto ak, kontinye nava santral la, zòn nan ki konpoze de presbiteri a (ki prezante epitou travay yo pentire pa Costantino Sereno nan 1860 nan vout la ak nan basen an absid. 61 nan style neo-Bizanten) [34] , ki soti nan koral la ak nan absid la . [35] lotèl yo bò yo tache ak mi yo perimèt nan legliz la , ki te sibi anpil chanjman sou tan. [34] Finalman, artikulé nan klòch la se sakristi a ak chapèl la nan Saint Evasio . [35]
  • Legliz nan San Domenico
    Legliz la nan San Domenico se legliz ki pi enpòtan nan vil la apre Duomo a; [36] te fonde pa William VIII nan 1472 , li te fini nan 1506 pa Boniface V ak reskonsab nan swen Papa dominiken yo. [37] Konvent la te konstwi tou nan menm ane yo. [37] Tou de monastè a ak legliz la te rete ini jiskaske 1822 , lè, apre sipresyon napoleyonik yo , yon pati nan monastè a te divize an twa anpil epi yo te akòde yo bay moun prive.
  • Legliz nan San Paolo
    Kòmanse nan 1586 sou yon konsepsyon pa achitèk la Milanese Lorenzo Binago , papa Barnabite, legliz la ak yon kwa grèk te konsakre sou 12 novanm 1595 . [38] Legliz la te ofisye ak kolèj la vwazin, kounye a yon lekòl primè leta, jouk 1802 , ane a nan repwesyon Napoleyon an pa papa yo Barnabite. [38] Sou estati fasad Madonna nan Loreto, nan San Pietro, San Paolo, San Carlo Borromeo ak Sant'Alessandro Sauli. Gen anpil travay nan disetyèm-dizwityèm syèk la, ki gen ladan penti pa Guglielmo Caccia li te ye tankou Moncalvo: Dekapite nan St Pòl, Sipozisyon, St Matye ak zanj lan ak vokasyon nan Matye. [39] Toujou andedan legliz la, sou bò dwat, gen kay Loreto, ki louvri nan 1645 . [38]
Dome nan legliz la nan Santa Caterina

Sinagòg

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: sinagòg Casale Monferrato .

Prezan nan vil la depi katòzyèm syèk la , [43] kòmanse nan 1570 Guglielmo Gonzaga pèmèt jwif yo nan Casale ak lòt sant nan Monferrato libreman deklare relijyon yo. [43] Sinagòg la , ki te bati nan 1595 (jan sa pwouve pa yon plak), te absòbe pandan disetyèm ak dizwityèm syèk la pa geto jwif yo. [43] Menm nan peryòd ki gen mwens libète pou jwif yo, tankou epòk Napoleyon an, sinagòg la te toujou anbeli ak nouvo travay atistik. Nan 1866 nouvo sinagòg la, konplètman transfòme, te konsakre. [44] Eksteryè a trè modere, kamouflay ak anviwònman an ki antoure, pandan y ap enteryè a karakterize pa prezans nan masiv nan boudine lò. [44] Nan galri fanm yo li gen yon egzibisyon pèmanan nan dokiman ak travay atistik nan kominote a ; bibliyotèk la ak achiv istorik la sitiye nan dezyèm etaj la. [44] Sinagòg la pa itilize regilyèman paske kantite jwif yo piti anpil. [45] Enpòtan se yon plak ki make charnyè pòt ghetto a paske li rekonèt tolerans vil la epi li avèti kont tout fòm antisemitism ak rayisans rayisab.

Galeri imaj

Achitekti sivil yo

Anna d'Alençon Palè

Date nan fen syèk la kenzyèm , [46] se yon bilding ansyen karakterize pa yon lakou tipik Renesans, ki te antoure pa kolòn brik sikilè ak kapital kubiform, yon galri ak ark pwenti ak wonn , tipikman Renesans ak dekorasyon ak rad nan bra ak tablèt pentire reprezantan nan fanmi an paleolojik ak nan Anna d'Alençon tèt li; nndan, nan chanm yo gwo, plafon kofre kanpe deyò. [46] Originally rete pa Marquis Anna d'Alençon a, ki soti nan 17yèm syèk la li ki te fè pati fanmi an Fassi di Balzola. [47]

Treville Palè

Travay ki pi byen li te ye nan Giovanni Battista Scapitta se youn nan bilding ki pi enpòtan nan vil la. [48] Bati ant 1710 ak 1714, li se nan style Baroque Piedmontese ak don Via Mameli, kreye yon enpak vizyèl remakab ak fasad enpoze li yo koube. Nan enterè patikilye yo se atrium la ak lakou, plen nan limyè ak koulè. [48] Fasad la, nan lòt men an, ki gen dat 1780 , swiv style la neoklasik . [48]

Sannazzaro Palè

Nan fen orijin medyeval, li te pwofondman remodeled pandan dizwityèm syèk la , lè li sipoze aparans aktyèl li yo barok. [49] Siy yo nan estrikti orijinal la ( fenèt yo Lancet sèl ) yo toujou vizib sou fasad la ak sou bò dwat nan bilding lan. Otè a nan bilding lan se enkoni, pandan y ap kliyan an, Giovanni Battista Sannazzaro (ki moun ki te tou majistra nan Casale), li te ye. [49] Se eksteryè a dekore nan yon fason modere ak elegant; apre pòt la antre ou antre nan lakou a, nan gwo efè scenografik. [49]

San Giorgio Palè

Sorto sui resti di un palazzo precedente, fu costruito nel 1778 ; stilisticamente è un'opera di transizione tra il Rococò e il Neoclassico. [50] Ha una facciata ripartita in tre ordini con finestre contornate da stucchi. Il portale, formato da colonne binate, è sormontato da un balcone con balaustra in pietra ornata da quattro putti in marmo, rappresentanti le quattro stagioni. [51] Le stanze interne sono notevolmente decorate con affreschi e stucchi. Anche gran parte dell'arredamento è dell'epoca. [51] Nel cortile è possibile osservare parte dell'edificio preesistente, con sala affrescata dal Guala. [52] Il palazzo è sede dell'amministrazione comunale. [51]

Palazzo Magnocavalli

Attribuito per affinità stilistiche a Benedetto Alfieri , si caratterizza per l'elegante atrio e per lo scalone che si avvita intorno a due colonne che crea un certo effetto monumentale, nonostante sia stato ricavato in uno spazio ristretto. [53]

Palazzo Langosco

Il palazzo, attuale sede della biblioteca civica , si amalgama con le diverse costruzioni costituenti il grande complesso di Santa Croce, ex convento degli Agostiniani. Acquisendo l'edificio, una fondazione quattrocentesca, i conti di Langosco apportarono importanti modifiche alla situazione preesistente. La parte più pregevole (scalone d'onore a due rampe e salone d'ingresso) fu costruita nel 1776 su disegno di Giovanni Battista Borra, con il contributo artistico del pittore veronese Francesco Lorenzi. Nel palazzo, al tempo dei Gonzaga, aveva sede il Senato Casalese e come Salone del Senato è tuttora indicata la grande sala d'ingresso, restaurata negli anni sessanta.

Palazzo Sacchi-Nemours

Facciata del Palazzo Sacchi-Nemours

Accanto al Teatro Municipale e nei pressi del Chiosco informativo IAT, si trova Palazzo Sacchi Nemours, costruito tra il 1750 e il 1752 su progetto dell'architetto Francesco Ottavio Magnocavalli , autore di diversi altri edifici presenti in città e sul territorio. La facciata presenta caratteri tipici dello stile settecentesco locale con mattoni a vista e finestre del piano nobile sormontate da timpani arcuati e triangolari alternati. Il portale d'ingresso è affiancato da due snelle colonne ioniche sulle quali poggia un elegante balcone in ferro battuto. Il piano terra dell'edificio, che era stato già in origine progettato per sistemare botteghe di artigiani, ospita ancora oggi diversi negozi e una caffetteria.

Curiosità

La famiglia Sacchi, di origine pavese, aveva aggiunto al proprio nome il cognome dei parenti Nemours di Frassinello Monferrato nel 1838 per ragioni ereditarie.

Casa Tornielli

Costruita nella seconda metà del Quattrocento [54] (come dimostrano gli elementi stilistici), fu restaurato nel 1907 dalla famiglia Tornielli assumendo la forma attuale. [54]

I primi interventi di restauro del palazzo ebbero inizio già tra il 1510 e il 1520 , quando alcuni elementi del palazzo furono aggiornati al gusto rinascimentale. [54] Durante il Seicento ed il Settecento subì altri interventi, che modificarono la struttura originaria. [54] Rimane comunque la più importante architettura gotica cittadina: la facciata è contraddistinta da quattro monofore ogivali. Superato il portone del XVI secolo (attribuito a Michele Sammicheli ) [55] , si accede ad un porticato con basse colonne tipiche rinascimentali che conduce al cortile. [56]

Teatro Municipale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatro comunale di Casale Monferrato .
Teatro Municipale

Casale disponeva già di un teatro, sorto nello stesso luogo di quello attuale, all'inizio del Seicento, chiamato Trincotto ; [57] questo primo edificio fu trasformato nel 1673 , anno in cui vennero aggiunti gli spalti. [57] Nel 1697 , però, il teatro fu chiuso per difficoltà di gestione, per essere ricostruito interamente in legno nel 1703 . [58] Nonostante ciò, però, tra il 1785 ed il 1786 fu costruito un nuovo teatro (su progetto di Agostino Vitoli), [57] più grande, inaugurato nel 1791 e arrivato fino ai giorni nostri. [59] Dai contemporanei fu considerato il miglior teatro del Regno di Sardegna dopo quello di Torino . [60] Durante il XIX secolo subì numerosi interventi di restauro tesi a proteggere le decorazioni ea salvaguardare la struttura da incendi. [59] L'edificio dispone di un prezioso interno con quattro ordini di palchi in mattone e loggione decorati con stucchi, dorature e velluti. Il palco reale è caratterizzato dalla presenza di vittorie e cariatidi , queste ultime opera di Abbondio Sangiorgio . [61]

Torre civica

Torre civica

A pianta quadrata, in mattoni, domina con i suoi 60 metri di altezza [62] tutta la città ed è uno dei suoi simboli; venne elevata probabilmente nell' XI secolo , [63] assieme alla chiesa di Santo Stefano e ad altre due torri ( Moneta , verso est, e Luxenta , verso sud) a scopo difensivo. [63] Nel XVI secolo fu ristrutturata e fu costruita la parte al di sopra dell'orologio, in stile rinascimentale (tranne la cupola, aggiunta in epoca sabauda) [64] . [63] Nel 1731 e nel 1780 furono condotti altri restauri (l'ultimo reso necessario da un fulmine che aveva danneggiato la cupola e l'orologio, che fu sostituito); [63] nel 1920 , infine, un altro restauro eliminò l'intonaco e la portò all'attuale aspetto. [63]
In cima vi è una banderuola raffigurante lo stemma della famiglia Gonzaga: croce attorniata da 4 aquile. Sulla torre due affreschi raffigurano lo stemma di Casale Monferrato.

Galleria d'immagini

Architetture militari

Castello dei Paleologi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Castello dei Paleologi (Casale Monferrato) .

Altro

Piazza Mazzini

Piazza Mazzini

È uno dei luoghi più antichi della città, forse risalente all'epoca romana, poiché è il punto di incrocio di via Saffi, via Duomo, via Roma e via Lanza. [65] Durante il Medioevo questa piazza, chiamata all'epoca piazza del Comune , era il centro della vita politica e commerciale del borgo. [65] Nel corso dei secoli, oltre a cambiare diversi nomi (da piazza del Comune divenne, durante la dominazione napoleonica , place de la Reunion , poi piazza Carlo Alberto , ed infine piazza Mazzini ) [66] ha subito numerose modifiche che ne hanno alterato l'aspetto originale, specie dopo i lavori eseguiti nell'Ottocento. [65] [66] La piazza è caratterizzata dalla presenza, al centro, del monumento equestre a Carlo Alberto ( Abbondio Sangiorgio , 1843), dai portici che la circondano quasi interamente, e dalla porta omonima rinascimentale. [66]

Siti archeologici

Casale non ha sul suo territorio siti archeologici; tuttavia in varie zone della città e dell'agro, nel corso degli anni, sono emersi numerosi reperti archeologici come monete, vasi, necropoli , iscrizioni funerarie, la cosiddetta Tavola Bronzea (che riporta l'antico nome della città, Vardacate ), resti di fortificazioni, databili dall'età romana al Medioevo. [5] [67]

Aree naturali

Giardini pubblici

Vista dei giardini pubblici

Importante area verde all'interno della città sono i giardini pubblici situati tra viale Montebello e la stazione ferroviaria, estesi su una superficie di circa 90.000 metri quadrati. [68] [69] Fin dal Settecento questa zona fu oggetto di rimboschimento, per iniziativa del marchese Alessandro Vincenzo d'Ormea, [68] governatore dell'epoca, che dopo aver ottenuto l'approvazione da parte di Carlo Emanuele III, diede ordine di piantare un migliaio di alberi ad alto fusto. [68] nell' Ottocento , il comune acquistò altre zone circostanti, allargando e ristrutturando i giardini. [69] I giardini furono dotati di estesi manti erbosi, 600 alberi ad alto fusto, 500 cespugli e 800 pianticelle di boschina (tra le quali piree , ligustrum , envoymus , pyracantha ). [69]

Durante il Novecento all'interno del parco trovarono posto anche alcune sculture, come il monumento ai Caduti ( 1929 ), caratterizzato dalle sculture in bronzo raffiguranti la Primavera italica e del Fante , opera di Leonardo Bistolfi . [69] Il parco annovera numerose specie di alberi e piante: gli alberi più numerosi sono gli ippocastani , ma sono presenti anche esemplari di Albizzia , Olmo , Maclura pomifera , Tiglio , Liriodendron , Magnolia , Platano , Betulla , Quercia , Faggio , Ginkgo biloba e Davidia involucrata . [69]

Parco ETERNOT

Area Attrezzata Sponde fluviali di Casale Monferrato

Nata nel 1911 , questa area naturale si estende su 119 ettari . Tra le specie ittiche che occupano la zona vi sono la trota marmorata , lo storione ed il temolo . [70] A seguito dell'alluvione del 2000 , è in corso un'opera di sistemazione delle sponde.

Parco Eternot

Nel quartiere Ronzone, sull'area dell'ex stabilimento dell'Eternit, ormai demolito, si sviluppa il parco Eternot . L'area verde, con parco giochi, arena, vivaio, percorso ciclabile e podistico, ricorda le vittime dell'amianto nella cittadina casalese ed è stata inaugurata il 10 settembre 2016. [71]

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [72]

Etnie e minoranze straniere

Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano al 31 dicembre 2020:

Lingue e dialetti

Il dialetto parlato a Casale fa parte della lingua piemontese . Nel duomo, sul sarcofago contenente le reliquie di sant'Evasio, è incisa una delle più antiche attestazioni del piemontese e in generale di volgare in Italia: QUALELARCADESANVAX , da leggere Qua l'è l'arca de San Vax , è l'arca di sant'Evasio. Tuttavia, come tutti i dialetti della zona del Monferrato, riceve numerose influenze liguri , lombarde e anche straniere. [73]

Religione

La religione più diffusa tra gli abitanti di Casale è il cristianesimo , soprattutto con la sua confessione cattolica . La città è sede vescovile dal 1474 , quando, con una bolla , papa Sisto IV eresse la diocesi; questa si estende su 970 chilometri quadrati ed è suddivisa in 115 parrocchie. [74] Il territorio comunale, invece, è suddiviso in 16 parrocchie (la più grande delle quali è la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, con 6080 abitanti). [75]

Tuttavia sono presenti molteplici minoranze, sia di antica origine come quella ebraica , sia dirette conseguenze dell'immigrazione recente come quella islamica che dispone di un proprio centro islamico in piazza d'Armi 8 [76] oppure la ortodossa con la sua Chiesa ortodossa moldava - rumena [77] .

La Comunità ebraica di Casale Monferrato [78] seppure sia di ridotte dimensioni, ha avuto parte importante nella storia della città e in generale del Basso Monferrato, dove un'altra comunità fiorì a Moncalvo . Presenti in città anche i Testimoni di Geova [79] ei pentecostali delle Assemblee di Dio in Italia che hanno anche un proprio luogo di culto [80] . È inoltre presente in città una Sede dell'Associazione Archeosofica nella quale si studia archeosofia e si tengono conferenze, gruppi di studio, approfondimenti [81] ed è permanente il laboratorio di pittura iconografica nel quale si può imparare a dipingere un'icona e studiarne il simbolismo tradizionale.

Istituzioni, enti e associazioni

Sanità

Casale rientra nel distretto ASL di Alessandria , che conta sette ospedali sul suo territorio. [82] Uno di questi è l'ospedale Santo Spirito , situato in Viale Giolitti al numero 2, avente 231 posti letto [83] e formato dai seguenti reparti: Anatomia patologica , Anestesia e Rianimazione , Cardiologia , Chirurgia , Dermatologia , Diabetologia, Dietologia clinica, Farmacia ospedaliera, Immunoematologia e Trasfusionale, Laboratorio analisi, Malattie Infettive, Medicina interna , Medicina e Chirurgia d'Accettazione e d'Urgenza DEA - Pronto Soccorso, Nefrologia e Dialisi , Neurologia , Neuropsichiatria infantile , Oculistica , Odontostomatologia, Oncologia , Ortopedia e Traumatologia , Ostetricia e Ginecologia , Otorinolaringoiatria, Pediatria, Pneumologia, Psichiatria SPDC, Radiologia , Recupero e Rieducazione Funzionale, Fisiatria , Senologia , Terapia del dolore , Urologia . [84]

Cultura

Istruzione

Biblioteche

La più importante biblioteca cittadina è la Biblioteca civica Giovanni Canna : [85] sorta grazie ad abbondanti donazioni susseguitesi nel corso degli anni, fu aperta al pubblico il 1º dicembre 1927 . Dal 1970 la biblioteca è ubicata all'interno di Palazzo Langosco, ed offre numerosi servizi agli utenti. [86]

In città sono inoltre presenti la Biblioteca delle Ragazze e dei Ragazzi "Emanuele Luttazzi", [87] la Biblioteca del Seminario Vescovile [85] fondata nel 1738, quella dell'Archivio Capitolare [85] ed infine la Biblioteca dell'Istituto Sperimentale per la Pioppicultura . [85]

Scuole

  • Raffaele Jaffe: Scuola Professionale per i Servizi Commerciali
  • Istituto Artusi (Privato): Istituto Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera. Legalmente riconosciuto DDMM 30.05.85 - 02.04.87 - 29.08.94 Paritario DDMM 02.08.02 - 19.09.14 [1]
  • V. Luparia: Scuola Tecnica Agraria [88]
  • Cesare Balbo: Liceo Classico , Liceo Linguistico , Liceo delle Scienze Umane (con opzione Economico-sociale), Liceo Artistico [89]
  • Istituto Tecnico Leardi: Geometra, Grafica Pubblicitaria, Ragioneria, Impresa Turistica [90] ; la scuola è nota per essere stata la culla della squadra di calcio di Casale Monferrato: il 18 dicembre 1909 nell'aula 1 grazie a Raffaele Jaffe vi fu fondata la squadra [91] che nella stagione 1913-1914 avrebbe vinto lo scudetto
  • Natale Palli: Liceo scientifico [92]
  • Ascanio Sobrero: Liceo delle scienze applicate, Liceo scientifico ad indirizzo sportivo, Perito: Chimico, Meccanico, Elettronico, Informatico, Logistico [93]
  • Alba Nuova: Liceo Artistico , Tecnico Aeronautico (privato) [94]
  • Centro Studi Galileo: Scuola tecnica nell'energia, freddo e condizionamento (privato) [95]

Musei

  • Museo Civico Pinacoteca: Il percorso di visita alla Pinacoteca si articola lungo diciotto sale poste al primo piano dell'ex convento agostiniano di Santa Croce. La collezione, nata grazie alla volontà e al lascito della contessa Clara Leardi, si è costituita attraverso donazioni, acquisizioni e depositi a partire dalla seconda metà dell'Ottocento. Rappresentativa della cultura figurativa casalese, testimonia la ricchezza storico-artistica del territorio e dimostra il ruolo centrale occupato a lungo dalla città di Casale nel panorama nazionale ed internazionale. Fanno parte della collezione opere di pittura su tela, su tavola, su vetro e su specchio; ceramiche, sculture lignee e lapidee, alcuni argenti, la raccolta di onorificenze di Giovanni Lanza, due paliotti in seta e un arazzo fiammingo: tipologie molto diverse tra loro, che coprono un arco temporale dalla fine del Trecento alla fine dell'Ottocento [2]
  • La Gipsoteca (dal greco antico Gypsos , gesso) di Leonardo Bistolfi (Casale Monferrato, 1859 - La Loggia, Torino 1933), ospita, al pian terreno del Museo Civico, oltre centosettanta opere tra terrecotte, disegni, plastiline, bozzetti e modelli in gesso, alcuni marmi e bronzi donati in gran parte dal banchiere casalese Camillo Venesio (1958) e integrati, in seguito, con donazioni e opere in deposito. Tali materiali permettono di comprendere le diverse fasi del procedimento artistico di Bistolfi, uno dei maggiori interpreti, a livello internazionale, del Simbolismo: dal bozzetto in terracotta in cui lo scultore fissava con immediatezza la prima intuizione, al successivo bozzetto in gesso, al modello definitivo che concretizzava l'idea finale e costituiva l'effettiva realizzazione dell'opera, prima della sua trasposizione in marmo e bronzo. Le opere esposte documentano l'articolato percorso artistico di Bistolfi: dagli esordi che lo legano alle esperienze lombarde coeve della Scapigliatura - Gli amanti (1883) - intervallate da piccoli gruppi di gusto verista - Il boaro (1885) - fino all'elaborazione di un linguaggio proprio, in cui figura e simbolo daranno vita a una personalissima poetica che troverà riscontro in numerose committenze private e pubbliche, molte di queste legate alla scultura funeraria e celebrativa. Sarà La sfinge (1890) per il Monumento funerario Pansa di Cuneo a consacrarlo scultore simbolista, a cui seguiranno opere memorabili come Il dolore confortato dalle memorie (1898) o Il funerale di una vergine (1899) o ancora Resurrezione (1902) e La Croce (1899). Ma di Bistolfi sono altrettanto noti i monumenti celebrativi, realizzati per Giovanni Segantini (1899), Giuseppe Zanardelli (1908), Cesare Lombroso (1921), Giosuè Carducci (1908-1928) e quelli per Giuseppe Garibaldi (1908 e 1928), a cui si aggiungono numerosi ritratti e targhe commemorative. [3]
  • Museo Ebraico : allestito all'interno del matroneo della Sinagoga, e in alcune stanze adiacenti, contiene numerosi argenti, tessuti e oggetti appartenuti alla comunità ebraica casalese. [96]

Casale fa inoltre parte dell' Ecomuseo delle terre d'acqua . [97]

Media

Stampa

  • Casale News , quotidiano di informazione online di Casale e del Monferrato.
  • Il Monferrato , bisettimanale d'informazione della città.
  • La Vita Casalese , settimanale d'informazione e di opinione della diocesi di Casale Monferrato.

Radio

  • Radio Mondo, Radio VanD'A

Editoria

Gastronomia e tradizioni locali

Il Krumiro , il famoso biscotto locale.

Prodotti tipici

Il Monferrato Casalese è una terra ricca di prodotti enogastronomici, oltre al vino e ai distillati, molti dei quali sono riconosciuti come DeCo (denominazioni comunali) e che rappresentano i piatti forti nelle Sagre e Feste che si svolgono durante tutto l'anno.

Presso le aziende agricole del territorio è possibile degustare ed acqustare i prodotti genuini del territorio, come il riso, la Muletta (salame tipico), formaggi, miele, dolci, nocciole, marmellate, succhi di frutti e molto altro.

Tra i piatti tipici da degustare a pranzo o cena presso agruturismo e ristoranti locali, figurano i tartufi, gli agnolotti, il fritto misto, la Bagna Cauda (salsa a base di acciughe ed aglio da accompagnare a verdure), il bollito con il tris di bagnetti. Tra i dolci i famosi Krumiri e il bunet.

La DE.CO. è il marchio Comunale che certifica la provenienza di un determinato prodotto (del comparto enogastronomico o artigianale) da un determinato territorio. Tra i prodotti che hanno ottenuto questo riconoscimento: i Krumiri Rossi e gli Agnolotti de La Torre, di Casale M.to; il Tirà ad Mirabé ed il Ragù di lumache chiocciole di Mirabello M.to; gli Agnolotti di Pontestura; la Giardiniera e Friciulin cun al Surcli e la Tora di Vignale M.to.

Vino

Nel territorio comunale di Casale e nei comuni collinari monferrini circostanti vengono prodotti vini a DOC e DOCG . Fra le principali e tipiche denominazioni ci sono:

Eventi

Tra gli eventi più significativi che si svolgono a Casale, vi sono:

Mercato Luigi Pavia, dove si svolge il Mercato dell'Antiquariato
  • Fiera di San Giuseppe (intorno a metà marzo)
  • Golosaria (intorno a metà aprile) [98]
  • Riso&Rose (quarto fine settimana intorno a maggio) [99]
  • Festa del Vino e del Monferrato (per due week-end intorno a metà settembre) [100] . Un tempo conosciuta come Festa dell'Uva
  • Mercato dell'antiquariato ( seconda domenica di ogni mese e sabato che la precede)
  • Casale Città Aperta (seconda domenica di ogni mese e sabato che la precede, monumenti aperti e visita guidata gratuita) [101]
  • Il Paniere (3º sabato del mese, mercatino di prodotti biologici e gastronomia ) [102]
  • Casale Comics&Games ( terzo weekend di Giugno, fiera del gioco e del fumetto che si svolge al Castello dei Paleologi ).

Geografia antropica

Foto aerea su Casale

Urbanistica

Le varie tappe dello sviluppo urbano di Casale si possono distinguere osservando la densità edilizia. [103] Nella parte più antica della città, infatti, gli edifici assumono una conformazione fitta e irregolare, mentre nella zona del cantone Brignano (più recente) si evince un'urbanistica più geometricamente definita. [103] Il castello in principio viene isolato dal resto centro abitato, a causa degli eventi storici che nel corso dei secoli hanno segnato la città, [104] collegato successivamente al resto del tessuto urbano dalle vie Garibaldi, Torino e Trevigi, sulle quali si affacciano alcuni dei più importanti palazzi e monumenti cittadini. [105]

Frazioni

Il comune di Casale Monferrato comprende sette frazioni:

  • Casale Popolo
  • Rolasco
  • Roncaglia
  • San Germano
  • Santa Maria del Tempio
  • Terranova
  • Vialarda

Economia

Agricoltura

Casale è situata in un'area pianeggiante dove prevale coltivazione del riso , ma comprende anche una zona collinare dove hanno sede molte aziende produttrici di grandi vini come il Barbera , il tipico Grignolino del Monferrato Casalese , il Dolcetto , il Freisa , ecc.

Industria

La città vantava una notevole presenza di piccole e medie imprese, ma anche di grandi gruppi industriali come la Bistefani , una delle più importanti industrie dolciarie italiane, [106] , la Cerutti , specializzata nelle macchine rotative, [107] , la Buzzi Unicem , multinazionale del cemento, [108] l'azienda logistica BCUBE della famiglia Bonzano , e la dismessa Eternit .

Durante il corso del Novecento fu uno dei maggiori centri specializzati nella produzione del cemento, mentre negli ultimi venti anni si è consolidato il settore della refrigerazione, diventando (assieme a Ticineto e Quattordio ) uno dei vertici del distretto dei frigoriferi industriali : rimangono a Casale oltre 10 aziende. [109] .

Il progetto Casale Capitale del Freddo si prefigge di portare formazione, un laboratorio ed un centro di ricerca nella città. [110] .

Artigianato

Molto rinomata era in passato la produzione di strumenti musicali , come gli organetti . Importante è anche la lavorazione locale del ferro battuto, finalizzata soprattutto alla produzione di mobili. [111]

Infrastrutture e trasporti

Strade

Casale Monferrato è collegata alla rete autostradale tramite la A26 ( Voltri - Gravellona Toce ) tramite i caselli di pedaggio Casale Nord (situato nella frazione di Terranova) e Casale Sud (situato in Zona Industriale). Inoltre Strade statali (SS457, SS31, SS596 dir), regionali (SR31) e provinciali (SP50, SP55) la collegano con i centri limitrofi.

Ferrovie e tranvie

La stazione di Casale Monferrato è situata all'incrocio delle linee Chivasso-Alessandria e Mortara-Asti , sulla quale insisteva altresì la stazione di Terranova Monferrato a servizio dell'omonima frazione. La stazione di Casale è località di origine della ferrovia Vercelli-Casale Monferrato , sospesa al traffico dal 2012.

La stazione di Casale Popolo , disabilitata al traffico viaggiatori, è posta anch'essa lungo la Chivasso-Alessandria.

In passato la città rappresentava il capolinea delle tranvie Casale-Vercelli , Altavilla-Casale eAlessandria-Casale .

Aeroporti

A sud della città è presente l' aeroporto Francesco Cappa , situato lungo la strada provinciale 31 del Monferrato (SP 31) . La struttura è dotata di una pista in erba lunga 1 150 m (TORA 880 m) con orientamento 18/36. L'aeroporto è gestito dall'Aeroclub Casale Monferrato ed effettua attività secondo le regole e gli orari VFR .

Mobilità urbana

All'interno del territorio comunale casalese il trasporto pubblico urbano è gestito dall'Azienda Multiservizi Casalese (AMC) [112] ; il trasporto interurbano è svolto dalla STAC [113] .

Amministrazione

Il 27 maggio 2019 Federico Riboldi, diFratelli d'Italia , diventa il sindaco più giovane di sempre della città monferrina, vincendo al primo turno con un'alta percentuale di voti.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 gennaio 1988 27 giugno 1990 Ettore Coppo Partito Comunista Italiano Sindaco [114]
27 giugno 1990 24 aprile 1995 Riccardo Coppo Democrazia Cristiana Sindaco [114]
9 maggio 1995 28 giugno 1999 Riccardo Coppo Partito Popolare Italiano Sindaco [114]
29 giugno 1999 28 giugno 2004 Paolo Mascarino Indipendente - Coalizione di Centro Sinistra Sindaco [114]
28 giugno 2004 22 giugno 2009 Paolo Mascarino Indipendente - Coalizione di Centro Sinistra Sindaco [114]
22 giugno 2009 10 giugno 2014 Giorgio Demezzi Il Popolo della Libertà Sindaco [114]
10 giugno 2014 27 maggio 2019 Concetta Palazzetti Partito Democratico Sindaco [114]
27 maggio 2019 in carica Federico Riboldi Centro-destra [115] Sindaco [114]

Gemellaggi

Sport

Il Casale campione d'Italia 1913-1914.

Calcio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Football Club Casale Associazione Sportiva Dilettantistica .

In campo calcistico, Casale è rappresentata dal Casale fondata nel 1909 . Nel 1913-14 questa squadra riuscì a vincere il campionato; negli anni successivi fu retrocessa dapprima in Serie B e poi ancora nella 3ª e 4ª serie nazionale. Il Casale disputa la stagione 2019-20 nel girone A del campionato di Serie D .

A Casale esiste una seconda squadra calcistica, la USD Junior Calcio Ponte Stura [121] il cui impianto sportivo si trova a Oltreponte. La Junior Calcio milita, nella stagione 2019-20, nel campionato di Prima Categoria .

Nel 2014 si aggiunge alle due note realtà cittadina, una terza compagine sportiva. Denominata Stay o' Party la neo società disputerà per la prima volta un campionato federale, nella stagione 2019-20 iscritta al campionato di Prima Categoria , riprende nei colori sociali lo stemma cittadino, il giallo ed il rosso, l'impianto sportivo dove disputa le partite di campionato casalingo è quello delle frazione di Casale Popolo, cantone Chiesa.

Pallacanestro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Junior Libertas Pallacanestro .

La società storica della città è la Junior Casale Monferrato , [122] squadra di basket , che al termine dell'entusiasmante stagione 2010/2021 di Legadue venne promossa in Serie A . Dopo un anno, la squadra retrocesse di categoria continuando a parteciparvi senza sosta fino alla stagione 2019/2020.

Nell'estate 2020 nasce la JB Monferrato che rileva il titolo sportivo della Junior Casale Monferrato per partecipare a partire dalla stagione sportiva 2020/2021 al campionato di Serie A2 Old Wild West - Girone Verde.

Scherma

Il Club Scherma Casale viene fondato nel 1972 da alcuni giovani appassionati di scherma sotto la guida del Maestro Pasquale Ippolito che ne regge le sorti per circa un ventennio. Il Club esordisce a Roma nel 1974 nella fase nazionale dei Giochi della Gioventù aggiudicandosi la medaglia d'argento, riconquistata anche l'anno successivo con Gianni Ippolito. Nel 1975 vince il suo primo titolo regionale. Sia la squadra femminile che la maschile militano nella serie A2 di spada nazionale. Nel 2011 Lorenzo Buzzi conquista il mondiale cadetti di spada maschile e Sara Carpegna il mondiale militare di spada femminile.

Ciclismo

Nel 1962 Casale Monferrato è stata sede di arrivo della 17ª tappa del Giro d'Italia vinta da Armando Pellegrini .

Motociclismo

Nell'anno 1922 è nato l'Auto Motoclub Casale, ora Moto Club Italo Palli; nel 1966 è stato costruito il campo da cross Belvedere e su di esso si sono svolte diverse manifestazioni internazionali; nell'anno 1975 prova del Campionato Mondiale di cross classe 500, nel 1976 una prova di campionato europeo di sidecarcross e nel 1981 una prova della Coppa delle Nazioni con la partecipazione, per la prima volta nella storia, di piloti cinesi su moto italiane il moto club Italo Palli è insignito di Medaglia d'Argento e Medaglia d'Oro CONI per meriti sportivi https://web.archive.org/web/20110909023234/http://www.motoclubpalli.it/index.htm

Nell'anno 2008 è nato il Motoclub Monferrato https://web.archive.org/web/20130323092042/http://www.motoclubmonferrato.it/

Negli anni ottanta è stato creato anche il Moto Club Ronzonese, poi diventato Centro Cross Casale

Nel 2010 nasce il Motoclub Monferrato, originato da moltissimi fuoriusciti del moto club Italo Palli ma che ricalca l'attività da esso svolta nel trentennio 1970/2000, ovvero gare di regolarità, enduro, cross, promozione dei giovani, convivialità e agonismo a tutti i livelli e per tutti. Nell'anno 2012 ha organizzato una gara di campionato italiano di minienduro.

Impianti sportivi

Galleria d'immagini

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana , su dipionline.it . URL consultato il 19 maggio 2013 .
  5. ^ a b c Castelli, Roggero , p.10.
  6. ^ a b c d Casale Monferrato:dati geografici - Comuni italiani.it , su comuni-italiani.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  7. ^ a b c d e Servizio Geologico d'Italia - Carta Geologica d'Italia, foglio n° 58 [ collegamento interrotto ] , su apat.gov.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  8. ^ a b c d Servizio Geologico d'Italia - Carta Geologica d'Italia, foglio n° 57 [ collegamento interrotto ] , su apat.gov.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  9. ^ Classificazione sismica dei comuni italiani (a cura della Protezione Civile) ( PDF ), su protezionecivile.it . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 18 aprile 2009) .
  10. ^ Piemonte - Le regioni d'Italia , su docushare.it . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 10 giugno 2010) .
  11. ^ Piemonte - Le bellezze d'Italia sul web , su lebellezzeditalia.it . URL consultato il 1º settembre 2010 .
  12. ^ Sito ufficiale dell'Arpa Piemonte , su arpa.piemonte.it . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 9 settembre 2010) .
  13. ^ Classificazione climatica dei comuni italiani (DPR 26 agosto 1993, n°412) ( PDF ), su efficienzaenergetica.acs.enea.it . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 19 settembre 2010) .
  14. ^ Storia di Casale Monferrato , su 100enonpiu100.info . URL consultato il 31 agosto 2010 (archiviato dall' url originale il 20 novembre 2008) .
  15. ^ Castelli, Roggero , p.17.
  16. ^ a b c d e Castelli, Roggero , p.21.
  17. ^ a b c d e f g h Castelli, Roggero , p.29.
  18. ^ ( EN ) fabio romanoni, "Intrare vel exire non poterant nisi aves". L'assedio di Casale del 1370- in "Monferrato Arte e Storia", XXVI (2014). . URL consultato il 25 novembre 2017 .
  19. ^ a b c Castelli, Roggero , p.36.
  20. ^ Claudia Bonora Previdi, Chiesa della città e dei suoi santi. La prepositurale di Sant'Erasmo in Castel Goffredo , Calcinato, 2006.
  21. ^ Cronaca universale della città di Mantova. Volume III.
  22. ^ a b Castelli, Roggero , p.40.
  23. ^ a b Castelli, Roggero , p.47.
  24. ^ a b c d e f Castelli, Roggero , p.50.
  25. ^ Castelli, Roggero , p.55.
  26. ^ Castelli, Roggero , p.61.
  27. ^ a b Castelli, Roggero , p.63.
  28. ^ a b c Castelli, Roggero , p.68.
  29. ^ Processo Eternit: Casale Monferrato e 2.000 morti di cui nessuno parla , su logicokaos.blogspot.com . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  30. ^ A Casale la maledizione dell'amianto: ne ha uccisi moltissimi per ottant'anni , su ilnostrotempo.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  31. ^ Messa in sicurezza del territorio casalese dal Rischio Idrogeologico [ collegamento interrotto ] , su casaleonline.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  32. ^ Comuni italiani.it , su comuni-italiani.it . URL consultato il 31 agosto 2010 .
  33. ^ a b c d e Castelli, Roggero , p.128.
  34. ^ a b Cattedrale di Casale Monferrato , su cattedralecasale.org . URL consultato il 2 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 16 maggio 2009) .
  35. ^ a b Castelli, Roggero , p.133.
  36. ^ Castelli, Roggero , p.221.
  37. ^ a b Castelli, Roggero , p.229.
  38. ^ a b c Castelli, Roggero , p.150 .
  39. ^ Chiesa di San Paolo - Casaleonline.it , su casaleonline.it . URL consultato il 2 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2010) .
  40. ^ a b Castelli, Roggero , p.106.
  41. ^ ( EN )Catholic.org Basilicas in Italy
  42. ^ Santuari ad Alessandria
  43. ^ a b c Castelli, Roggero , p.162.
  44. ^ a b c Castelli, Roggero , p.163.
  45. ^ Sito della Sinagoga di Casale Monferrato , su casalebraica.org . URL consultato il 2 settembre 2010 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2009) .
  46. ^ a b Castelli, Roggero , p.113.
  47. ^ Palazzo Anna D'Alençon di Casale Monferrato - Castelli Aperti , su castelliaperti.it . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 21 aprile 2010) .
  48. ^ a b c Castelli, Roggero , p.144.
  49. ^ a b c Castelli, Roggero , p.142.
  50. ^ Castelli, Roggero , p.153.
  51. ^ a b c Palazzo San Giorgio , su maribe.com . URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2010) .
  52. ^ Palazzo San Giorgio - Casaleoline.it , su casaleonline.it . URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2010) .
  53. ^ Castelli, Roggero , p.148.
  54. ^ a b c d Castelli, Roggero , p.158 .
  55. ^ Casale Monferrato , su localidautore.it . URL consultato il 2 settembre 2010 .
  56. ^ Casa Tornielli - Casaonline.it , su casaleonline.it . URL consultato il 2 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2010) .
  57. ^ a b c Castelli, Roggero , p.100.
  58. ^ Castelli, Roggero , p.101.
  59. ^ a b Castelli, Roggero , p.103.
  60. ^ Castelli, Roggero , p.102.
  61. ^ Centro storico di Casale Monferrato - Casaleonline.it , su casaleonline.it . URL consultato il 4 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2010) .
  62. ^ Torre civica di Casale Monferrato , su castelliaperti.it . URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 21 aprile 2010) .
  63. ^ a b c d e Castelli, Roggero , p.118.
  64. ^ Torre civica - Comune di Casale Monferrato , su comune.casale-monferrato.al.it . URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2009) .
  65. ^ a b c Castelli, Roggero , p.119 .
  66. ^ a b c Castelli, Roggero , p.120 .
  67. ^ Castelli, Roggero , p.25 .
  68. ^ a b c Castelli, Roggero , p.190 .
  69. ^ a b c d e Giardini pubblici - Comune di Casale Monferrato , su comune.casale-monferrato.al.it . URL consultato il 6 settembre 2010 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2004) .
  70. ^ I parchi del Piemonte - Sito della Regione Piemonte , su regione.piemonte.it . URL consultato il 7 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 18 settembre 2010) .
  71. ^ Parco Eternot: taglio del nastro il 10 settembre 2016- Città di Casale Monferrato
  72. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  73. ^ Folklore Monferrino - Tradizioni del Monferrato , su casenelverde.eu . URL consultato il 1º settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 10 dicembre 2010) .
  74. ^ Sito della Diocesi di Casale Monferrato , su webdiocesi.chiesacattolica.it . URL consultato l'8 settembre 2010 .
  75. ^ CCI - Dati Istituto Sostentamento per il clero 2006 , su chiesacattolica.it . URL consultato l'8 settembre 2010 .
  76. ^ Sufi.it, Centri islamici in Piemonte: Casale Monferrato , su sufi.it . URL consultato il 14 ottobre 2014 .
  77. ^ Parohia Sfântul Ioan Valahul / Parrocchia San Giovanni di Valacchia in Casale Monferrato, Biserica: Del Santissimo Nome di Gesù,Via Piccaroli n.8,15033 Casale Monferrato PROTOPOPIATUL Piemonte I, CENTRU – NORD Preot Mihai Mogoșescu , su episcopia-italiei.it . URL consultato il 17 ottobre 2014 .
  78. ^ Casalebraica, Comunità Ebraica di Casale Monferrato , su casalebraica.info . URL consultato il 14 ottobre 2014 .
  79. ^ I Testimoni di Geova e l'Olocausto - Triangolo di Vita , su triangoloviola.it . URL consultato l'8 settembre 2010 .
  80. ^ Chiese cristiane evangeliche in Piemonte , su fontedivita.it . URL consultato l'8 settembre 2010 .
  81. ^ Sezione Archeosofica di Casale Monferrato, Archeosofia a Casale Monferrato , su archeosofiacasalemonferrato.wordpress.com . URL consultato il 14 ottobre 2014 .
  82. ^ Distretto si Alessandira - ASL Piemonte , su aslal.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  83. ^ Descrizione dell'Ospedale Santo Spirito - Corriere della Sera , su corriere.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  84. ^ Ospedale Santo Spirito - ASL AL , su aslal.it . URL consultato l'11 febbraio 2011 .
  85. ^ a b c d Elenco delle biblioteche nel Comune di Casale Monferrato , su piemonteweb.it . URL consultato il 19 settembre 2010 .
  86. ^ Informazioni sulla Biblioteca Civica , su comune.casale-monferrato.al.it . URL consultato il 19 settembre 2010 .
  87. ^ Informazioni sulla Biblioteca dei Ragazzi [ collegamento interrotto ] , su comune.casale-monferrato.al.it . URL consultato il 19 settembre 2010 .
  88. ^ Sito dell'ITAS V. Luparia , su luparia.it . URL consultato il 2 novembre 2010 .
  89. ^ Sito dell'Istituto Spueriore Cesare Balbo , su istitutobalbo.it . URL consultato il 2 novembre 2010 .
  90. ^ Sito dell'Istituto Superiore Statale Leardi , su istitutoleardi.it . URL consultato il 5 ottobre 2010 .
  91. ^ Il grande Casale: le origini, i primi trionfi, lo scudetto ilmonferrato.it
  92. ^ Informazioni sul Liceo Scientifico Palli , su istitutobalbo.it . URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2011) .
  93. ^ Sito dell'Istituto Superiore Ascanio Sobrero , su sobrero.it . URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2012) .
  94. ^ Sito del Centro Alba Nuova , su albanuova.org . URL consultato il 2 novembre 2010 .
  95. ^ Sito del Centro Studi Galileo , su centrogalileo.it . URL consultato il 29 agosto 2013 .
  96. ^ Museo ebraico di Casale Monferrato , su casalebraica.org . URL consultato il 12 settembre 2010 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2009) .
  97. ^ Sito dell'ecomuseo delle terre d'acqua , su ecomuseo.schole.it . URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 17 settembre 2010) .
  98. ^ Informazioni su Golosaria , su golosaria.it . URL consultato il 30 marzo 2016 .
  99. ^ Informazioni sugli eventi in tutto il Monferrato , su monferrato.org . URL consultato il 19 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 4 settembre 2010) .
  100. ^ Informazioni sulla Festa del vino e del Monferrato , su alessandria.mondodelgusto.it . URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall' url originale il 1º luglio 2012) .
  101. ^ Casale Città Aperta: edizione 2010 , su alessandria.mondodelgusto.it . URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall' url originale il 7 luglio 2012) .
  102. ^ Informazioni sul Paniere - Associazione "Il Paniere" , su ilpaniere.it . URL consultato il 24 dicembre 2010 .
  103. ^ a b Castelli, Roggero , p.87 .
  104. ^ Castelli, Roggero , p.88 .
  105. ^ Castelli, Roggero , p.90 .
  106. ^ Storia della Bistefani , su bistefani.it . URL consultato il 5 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 9 febbraio 2010) .
  107. ^ Cerutti Group Spa , su cerutti.it . URL consultato il 10 maggio 2010 (archiviato dall' url originale l'11 marzo 2009) .
  108. ^ Buzzi Unicem: dove siamo , su buzziunicem.it . URL consultato il 5 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2009) .
  109. ^ Distretto dei frigoriferi industriali di Casale Monferrato - Ticineto - Quattordio , su osservatoriodistretti.org . URL consultato il 22 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 23 febbraio 2011) .
  110. ^ Il sottosegretario all'Ambiente e il Parlamento Europeo lanciano il programma Casale Capitale del Freddo , su casalenews.it . URL consultato il 29 agosto 2013 .
  111. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 1, Roma, ACI, 1985, p. 8.
  112. ^ Sito dell'AMC , su amcasale.it . URL consultato il 2 settembre 2010 .
  113. ^ Sito con linee dell'Autoticino , su autoticino.com . URL consultato il 6 ottobre 2010 .
  114. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  115. ^ Lega ,FdI , FI e lista civica Uniti Per Ascoltare ; in quota FdI
  116. ^ Il gemellaggio, 40 anni fa ( PDF ), in La Vita Casalese . URL consultato il 20 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 25 dicembre 2014) .
  117. ^ Casale-Weinstadt: firmato l'accordo di cooperazione [ collegamento interrotto ] , su webcache.googleusercontent.com . URL consultato il 20 settembre 2010 .
  118. ^ Città Dannunziane
  119. ^ Il gemellaggio, 40 anni fa , in Il Monferrato . URL consultato il 20 settembre 2010 .
  120. ^ Baigorria informa , https://baigorriainforma.com/noticias/mundo/82242-el-concejo-de-casale-monferrato-voto-el-hermanamiento-con-baigorria.html .
  121. ^ Sito dell'USD Junior Calcio , su inetsport.it . URL consultato il 24 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 12 ottobre 2011) .
  122. ^ Sito della Junior Casale Monferrato , su asjunior.com . URL consultato il 24 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 1º febbraio 2011) .

Bibliografia

  • Attilio Castelli, Dionigi Roggero, Casale: immagine di una città , Edizioni Piemme, 1986
  • Aldo di Ricaldone , Stemmario comunale dell'antica provincia di Casale Monferrato , Edizioni Piazza D, 1992 ISBN 88-7889-029-4
  • Aldo di Ricaldone, Annali del Monferrato Vol I e II , Fornaca editore, Asti
  • Aldo di Ricaldone, Monferrato tra Po e Tanaro , Gribaudo Lorenzo Fornaca editore, Asti 1999
  • «Studium», Blasonario Casalese , Instituto International de genealogia y heraldica, Madrid, Studium Accademia di Casale e del Monferrato, a cura di Pier Felice degli Uberti e Marco Canova 1985, 62 tav, tiratura 500 copie
  • R. Grigliè, Invito al Monferrato , Andrea Viglongo & C. Editori, 1976
  • Vincenzo De Vit , Il Lago Maggiore, Stresa e le Isole Borromee , vol. IV, Prato 1878
  • Carlo Ibano, Iscrizione del Can.teol.Cav.Carlo Albano pei solenni funerali dell'Avv.Cav.Cesare Cobianchi, celebrati il 1º luglio 1867, nella chiesa di San Filippo in Casale Monferrato , Tip. Corrado, 1867

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 135580175 · GND ( DE ) 4229867-2 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80049593