Bolivi

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Bolivi (disambiguation) .
Bolivi
Bolivi - Drapo Bolivi - Coat of arms
( detay ) ( detay )
( ES ) La unión es la fuerza.
( EN ) Inite se fòs.
Bolivi - Kote
Done administratif
Non konplè Eta plurinasyonal Bolivi
Non ofisyèl ( ES ) Estado Plurinacional de Bolivia
( GN ) Tetã Hetãvoregua Mborivia
( AY ) Wuliwya Suyu
( QU ) Puliwya Mamallaqta
Lang ofisyèl yo Panyòl , Quechua / Kichwa / Runasimi ak tout lang natif natal [1]
Kapital Sucre (anblèm) .png Sucre (kapital legal ak lejislatif),
Shield nan La Paz.svg La Paz (chèz Gouvènman an) (306.751 inhab. / 2010)
Politik
Fòm gouvènman an repiblik prezidansyèl
Prezidan Luis Arce
Endepandans Soti nan Espay sou 6 Out 1825
Antre nan Nasyonzini an 14 novanm 1945 1
Sifas
Total 1.098.581 km² ( 28º )
% nan dlo 1.29%
Popilasyon
Total 10,027,254 abitan. (2012) ( 85º )
Dansite 9,13 abitan / km²
To kwasans 1.664% (2012) [2]
Non moun ki rete yo Bolivyen
Jewografi
Kontinan Amerik sid
Fwontyè Brezil , Ajantin , Paragwe , Perou ak Chili
Lag jè UTC-4
Ekonomi
Lajan Bolivyen
GDP (nominal) 27 232 [3] milyon dola (2012) ( 95th )
GDP per capita (nominal) 2 514 $ (2012) ( 129º )
GDP ( PPP ) $ 54 601 milyon (2012) ( 90º )
GDP per capita ( PPP ) 5 041 $ (2012) ( 123º )
ISU (2011) 0,663 (mwayen) ( 108º )
Fètilite 3.3 (2011) [4]
Konsomasyon enèji 0.05 kWh / ab. ane
Divès
ISO 3166 kòd BO , BOL, 068
TLD .bo
Prefiks tel. +591
Otom. BOL
Im nasyonal Bolivianos, el hado propicio
Jou ferye nasyonal la 6 Out
Bolivi - Kat
1 Li se youn nan 51 eta yo ki te fè Nasyonzini an 1945 .
Istorik evolisyon
Eta anvan an Drapo nan Perou-Bolivyen Confederation.svg la Konfederasyon Perou-Bolivi

Kowòdone : 17 ° 03'24.73 "S 64 ° 59'28.42" W / 17.05687 ° S 64.991229 ° W -17.05687; -64.991229

Bolivi , ofisyèlman eta Plirinasyonal Bolivi (an Panyòl : Estado Plurinacional de Bolivia ), se yon eta nan Amerik di Sid , ki sitye nan sant subkontinan an . Sifas li se 1 098 581 km². Selon resansman ki te fèt an 2012, li te gen 10 027 254 moun. [5] Li fontyè nan nò , nòdès ak lès ak Brezil , nan nò-lwès la ak Perou, nan sid la ak ' Ajantin an , sid-lès ak Paragwe ak sid- lwès ak Chili . Bolivi gen Sucre kòm kapital lejislatif li yo ak La Paz kòm kapital gouvènman li yo, lavil la pi gwo ak pi abitan se Santa Cruz de la Sierra . Lanmè , nan 2010 li te fè yon akò ak vwazen Perou , gras a ki li te jwenn itilize nan pò a nan Ilo pou 99 ane [6] .

Nan nivo ekonomik la, Bolivi nan kòmansman 21yèm syèk la se yon eta revni mwayen; depi eleksyon an nan Evo Morales kòm tèt nan eta ak gouvènman an, ekonomi an nan peyi a andin grandi sevè ak to kwasans an mwayèn nan 5% (youn nan pi wo a nan rejyon an) ak yon rediksyon nan povrete soti nan 38% a 18 % [7] [8] .

Istwa

Istwa Pre-Kolonbyen

Pati sa a nan kontinan Ameriken an te rete pou apeprè 15,000-20,000 ane. Anpil kilti devlope nan rejyon andin yo nan Bolivi prezan-jou, ki pi enpòtan an nan ki se petèt Tiahuanaco a , ki devlope ant 2yèm syèk BC la ak 13yèm syèk la nan pati sid la nan Lake Titicaca . Pi resan se dominasyon Enka a , ki dat tounen nan 15yèm syèk la , ki gen anpi te modere pa konkèt la Panyòl nan Francisco Pizarro tou gras a lit entèn yo pou pouvwa.

Nan zòn nan plenn twopikal yo, nan tan anvan kilti a Tiahuanaco, òganizasyon konplèks imen devlope ki te kreye ak kontwole anpil travay jeni idwolik, nan savann yo ak forè nan rejyon Beni aktyèl la. Kilti a nan Lomas yo nan Moxos ak Baures pèmèt pou egzistans lan nan yon popilasyon dans pou prèske 3 000 ane ki jere yo viv avèk inondasyon an peryodik nan aflu masiv nan larivyè Lefrat la Amazon , tankou Mamoré a , Beni ak Iténez .

Kolonizasyon Panyòl

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa kolonyal Bolivi .

Konkèt la nan Anpi Enka pa Francisco Pizarro pave wout la pou soumisyon nan Bolivi nan 1535 ak kreyasyon an nan Imobilye Audiencia de Charcas , yon pati nan Viceroyalty nan Perou , ki gen ladan tout bagay ki se kounye a nan teritwa Bolivyen an. Distenksyon an ak Perou te fèt paske, pa lòd Charles V , nan 1534 260 lig te asiyen nan Pizzarro ale soti nan Tumbes nan sid la, ak yon lòt 200 lig Diego de Almagro nan sid la nan sa yo. Juan de Saavedra ki moun ki, sou lòd yo nan Almagro, te rive nan 1535 soti nan pati yo nan Lake Titicaca , premye fondatè Paria ak ane a apre Tupiza . Gonzalo Pizarro te dirije yon ekspedisyon nan Altiplano a , pandan ke Pedro de Anzures te fonde ciudad de la Plata de la Nueva Toledo , aktyèl Sucre la .

Pita, nan 1548, Pedro de la Gasca te voye Alonso de Mendoza pou fonde Nuestra Señora de La Paz , e an 1559 te kreye reyèl Audiencia de Charcas ki baze nan Chuquisaca , depann sou Viceroyalty nan Perou ki baze nan Lima . De ane pita, en, Kapitèn Ñuflo de Chaves te fonde Santa Cruz de la Sierra , ak Viceroy Francisco de Toledo voye jwenn fondasyon Cochabamba nan 1571, Tarija nan 1574 ak Tomina nan 1575.

Potosi se te youn nan lavil ki pi enpòtan nan rejyon an nan tan sa a, èspayol yo te dekouvri ke tè ki antoure a te rich nan mineral koute chè ( mèki , , ajan ak lòt moun) ak pa eksplwate travayè yo endijèn yo konvèti li nan yon vil abondan . Sepandan, nan deseni ki sot pase yo nan dizwityèm syèk la lavil la te kòmanse depopile, akòz dekouvèt la nan depo menm pi rich nan lòt zòn nan Anpi Panyòl la . Li te nan ane sa yo ki, apre de syèk nan depandans sou Lima, Odyans Imobilye nan Charcas te vin anba jiridiksyon nan Viceroyalty nan tibebe ki fèk fèt nan Río de la Plata , ki te baze nan Buenos Aires .

Soti nan rebelyon nan endepandans yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa endepandans Bolivi .

Endepandans la nan Upper Perou , non yo bay nan tan sa a nan teritwa a nan Bolivi prezan-jou, tou endirèkteman depann sou endepandans la nan Viceroyalty la nan Río de la Plata soti nan Panyòl la. Pou genyen avans ki soti nan sid separatis pwovens Etazini yo nan Río de la Plata , vice-roi nan Perou,José Fernando de Abascal , ak yon dekrè pou yon ti tan retabli depandans Imobilye Audiencia nan Charcas sou Viceroyalty nan Perou, ak deplwaye yon lame pwisan.

Ant 1810 ak 1826, Upper Perou te sèn nan batay kontinuèl ak batay ant wayalis yo Perouvyen yo ak Alto-Peruvyen yo ak Ajantin ak Alto-Peruvyen patriyòt, nan ki te ajoute patriyòt yo nan Perou ak Gran Kolonbi , ki moun ki t'ap chache pwolonje endepandans la nan tout nan Amerik Latin nan soti nan Espay. Batay Ayacucho a te desizif, kote Jeneral Antonio José de Sucre , sou lòd Simón Bolívar, te defini definitivman lame Panyòl la, libere tou teritwa Upper Perou a anba dominasyon yo.

Simón Bolívar te premye prezidan Bolivi, byenke apre kèk mwa li nonmen Sucre kòm prezidan nouvo eta andin an, yon pozisyon li te kenbe jouk 1828, lè dezakò politik yo ak yon seri de revòlt entèn konvenk li pou l kite biwo prezidansyèl la.

Istwa Repiblik la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa kontanporen Bolivi .
Teritwa pèdi pa Bolivi nan lagè yo fwontyè divès kalite

Lagè fwontyè yo

Ant 1828 ak 1900 Bolivi te nan lagè ouvè oswa inaktif ak tout eta yo vwazen ( Perou , Chili , Paragwe ak Brezil ), pou pwoblèm fwontyè ak pou kontwòl la nan depo mineral oswa resous forè (1899-1900 Acre lagè pou kontwòl la nan kawotchou ekstraksyon). Prezidans dis ane Andrés de Santa Cruz te pote devlopman ekonomik ak sosyal enpòtan nan peyi a; li te fonde Konfederasyon Perou-Bolivi , sepandan li te wè li kòm yon menas pa peyi vwazen yo, tankou Chili ak Ajantin, osi byen ke disidan Pewouvyen ki te pwovoke Gè Konfederasyon an . Okòmansman Konfederasyon an te bat ak ekspilse Chilyen-Ajanten yo, sepandan, malgre siyen yon trete, yon lame ki te fòme ak disidan Chilyen ak Perivyen te deklannche yon nouvo ofansif, e avèk batay Yungay yo te rive defèt lame Santa Cruz.

Yon lòt konfli enpòtan se te sètènman Lagè Pasifik la (1879-1884), nan ki Bolivi ak Perou te konfli ak Chili. Defèt la nan konfli a ak trete lapè ki vin apre yo, ki te siyen ak apwouve pa gouvènman Bolivyen an, mennen nan sesyon kòt la oseyanik. nan Bolivi ki konsa pèdi aksè li nan lanmè a.

Bolivi pa t 'patisipe nan Premye Gè Mondyal la , men pwovoke premye konfli modèn sou kontinan Ameriken an: lagè Chaco a (1932-1935) kont Paragwe. Defèt la nan fè fas a Paragwe a pi fèb, ki te mennen nan pèt la sou yon pati nan teritwa a nan Chaco Boreal la , nan sid-bò solèy leve a nan peyi a, te koze tou pa grav konfli entèn yo nan lame li a, koripsyon an nan kèk nan ofisye yo pi wo plase ak ekstènite a prèske total nan teritwa a nanChaco a Bolivyen reyalite nasyonal la.

Istwa modèn

Lagè Chaco a te pote yon nouvo jenerasyon militè sou pouvwa, ak yon gwo anfaz nasyonalis. Entèn, sitiyasyon an rete chaotic, ak dominasyon ekonomik ak sosyal nan baron yo fèblan ki kontwole tout ekonomi nasyonal la. Travay la nan sa yo te lekòl lage pi a nan ofisye yo nasyonalis ak etablisman an nan yon pro US gouvènman ki fòmèlman patisipe nan Dezyèm Gè a Mondyal . Patisipasyon sa a sèlman pwodwi pi gwo resantiman nan popilasyon an, depi li te limite a rezèv la nan USA a nan matyè premyè nan pri ridikil, san yo pa nenpòt ki rekonesans reyèl pou ekonomi nasyonal la.

Tout bagay sa yo kontribye nan evènman ki pi enpòtan istorik depi endepandans: revolisyon an 1952 . Achitèk revolisyon an te Víctor Paz Estenssoro ak Mouvman Revolisyonè Nasyonalis la . Sifraj inivèsèl te etabli, min fèblan yo te nasyonalize ak refòm peyi te dekrete an 1953 . Avèk revolisyon nasyonalis la, Bolivi parèt, nan opinyon anpil moun, nan laj feyodal la [ pa gen sous ] .

Istwa kontanporen

MNR te rete nan gouvènman an, avèk siksè elektoral enpòtan, jouk 1964 , lè yon koudeta militè te mennen Jeneral René Barrientos Ortuño nan prezidans lan; li te pandan gouvènman li ke Guerrilla del Ñancahuazú ki te òganize pa Che devlope nan Depatman Santa Cruz. Se li menm ki te bay lòd pou asasinen Ernesto "Che" Guevara sou 9 Oktòb 1967. Barrientos te mouri ane annapre a nan yon aksidan avyon misterye.

An 1971, Hugo Banzer Suárez, ki te sipòte pa CIA, te mete fòs Prezidan Torres nan yon koudeta

Yo te peryòd koudeta militè [9] , menm kèk nan bò gòch la. Nan ane sa yo, Bolivi te patisipe nan plan kontinantal represyon ak asasina opozan politik yo te rele Plan Kondò , ansanm ak Chili , Ajantin , Brezil , Paragwe ak Irigwe . Jeneral Hugo Banzer te ranplase pa García Meza Tejada , ki moun ki etabli epòk la nan diktati dwòg, nan ki kokayin ak trafik dwòg te vin zouti planifikasyon ekonomik eta a. Pou sipòte pouvwa a nan Meza ak minis enteryè l 'yo, Arce Gomez , yo te tou ekip nan Italyen neo-Nazi ak neo-fachis (ki gen ladan teworis Stefano Delle Chiaie a ). Avèk sezon otòn la nan García Meza tou te fini ane yo nan ekzil an lò nan Bolivi nan Klaus Altman (sa vle di Klaus barbi ), bouro a Nazi rele bouro a nan Lyon , ki moun ki te jwi gwo favè pa militè Bolivyen an epi ki moun ki pral ekstrade nan Lafrans an retou demokrasi an 1982 .

Avèk gouvènman demokratik la nan Siles Zuazo ( 1982 - 1985 ) peryòd la nan estabilite politik ki kontinye jodi a te kòmanse. Kriz ekonomik la grav pandan premye gouvènman sa a, ak enflasyon nan zewo divès kalite, mennen nan yon nouvo prezidans nan MNR la ak Víctor Paz Estenssoro (1985-1989) ki te geri ekonomi an nan pri a nan difikilte grav sosyal. Politik ekonomik MNR ki te estriktire a, defini kòm neyoliberal, kontinye ak prezidans Paz Zamora , nan mouvman goch revolisyonè a ( Movimiento de Izquierda Revolucionaria oswa MIR), ki te sipòte pa pati ansyen diktatè Banzer la .

An 1993 MNR te retounen nan gouvènman an ak Gonzalo Sánchez de Lozada , ke yo rekonèt kòm Goni ( 1993 - 1997 ). Se te yon gouvènman refòmis ki gen yon anprint neyoliberal , avèk sipò kèk pati nan bò gòch bolivyen an. Pandan prezidans Sanchez de Lozada, anpil lwa enpòtan sou refòm sosyal ak ekonomik te pase, tankou lwa patisipasyon popilè, lwa Enstiti Nasyonal pou Refòm Agrè ( INRA ), ak lwa forè a. Pwosesis privatizasyon anpil konpayi leta te kòmanse tou, ki mennen nan diskisyon ak akizasyon pou vann peyi a bay etranje yo . Imedyatman, pandan prezidans la nan ansyen diktatè Hugo Banzer ( 1997 - 2001 ), te sipòte pa yon mega kowalisyon enkontwolab ak koripsyon nan pati nan divès kalite popilè tandans, de raffineries yo Bolivyen yo te tou pwofite kapitalize. Aprè prezidans dezas Banzer, epi sou lanmò li, vis prezidan Jorge Quiroga ( 2001 - 2002 ), ekonomi bolivyen an te tonbe. Anplis de sa, pandan prezidans Banzer, lit popilè yo te kòmanse avèk fòs ak revòlt dlo a nan Cochabamba nan lane 2000 , lit ki ta konsolide nan ane annapre yo.

An 2002 Sánchez de Lozada te re-eli nan prezidans lan. An fevriye 2003, yon revòlt polis kite peyi a san yo pa fè respekte lalwa pandan twa jou e li te mennen nan yon eklatman ame nan kèk depatman lapolis ak lame a. Nan mwa Oktòb 2003, revòlt la gaye e li te gen kòm sant li yo lavil la Highland nan El Alto , ki te grandi dramatikman nan dènye ane yo, vin twazyèm pi gwo vil la nan Bolivi. El Alto bloke pwovizyon pou kapital La Paz , lame a te tire sou foul la ak kantite moun ki mouri yo te alantou swasant. Sitiyasyon an pou Sánchez de Lozada te vin ensipòtab apre Vis Prezidan Carlos Mesa retire sipò li pou gouvènman an. Goni konsa kouri al kache nan USA a .

Plaza Direktè Trinidad la

Vis prezidan an, jounalis Carlos Mesa, te pran plas li men, malgre kapasite dyalektik li, peyi a te kontinye viv nan toumant pèmanan. Mesa rele yon referandòm sou resous idrokarbone ki pa satisfè pati konfli yo. Anbigwite li te pwodwi enkyetid nan nouvo zòn ekonomikman santral nan peyi a, espesyalman nan rejyon alantou vil Santa Cruz de la Sierra . Pou la pwemye fwa nan Lès Bolivi te pale de otonomi soti nan pouvwa santral la e menm yon mouvman sezesyonis te ipotèz.

Yon premye alyans ak pati egzekitif pwodiktè fèy koka a, ak tèt pati prensipal opozisyon an, Evo Morales , kraze devan anbigwite prezidan an, k ap kontinye bloke wout ak demand popilè pou nouvo eleksyon ak etablisman yon asanble konstitiyan. Mesa, aprè li te finn gen rekou nan nouvo eleksyon, remèt prezidans Repiblik la pou zafè administratif bay Eduardo Rodríguez , prezidan Tribinal Siprèm lan.

Morales Prezidans

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Evo Morales .

Eleksyon prezidansyèl 2005 yo te genyen pa Mouvman an nan direksyon Sosyalis ( MAS ), ak 54% nan vòt yo: Evo Morales te konsa vin premye prezidan bolivyen orijin Ameriken yo ; akòz lwa elektoral Bolivyen an, MAS te genyen yon majorite nan kay la, men se pa nan Sena a. Lè sa a, Morales te re-eli prezidan an 2009 (67% nan vòt yo) [10] ak nan 2014 (60% nan vòt yo) [11] , men nan 2016 li pèdi referandòm lan ki ta dwe pèmèt li yon katriyèm manda (57 % nan vòt yo kont). Prezidans Morales te karakterize pa politik klèman sosyalis, ak etatizasyon nan idrokarbone , ityòm ak rezèv mineral ak répartition konsekan nan pwofi nan politik sosyal ki vize a konbat analfabetis ak soulaje kondisyon povrete.

Ant 2005 ak 2015 povwete ekstrèm nan Bolivi te soti nan 36.7% a 16.8% [12] , pandan y ap koyefisyan Gini te ale nan 0.60 0.47 [13] . Anplis de sa, nan 20 desanm 2008 Bolivi te deklare yon nasyon gratis nan analfabetism , vin twazyèm Amerik Latin nan jwenn rekonesans sa a, apre Kiba ak Venezyela [14] .

Templo Sarco a nan Cochabamba

1 Me 2006 , Morales nasyonalize idrokarbur pou twazyèm fwa nan istwa Bolivyen an, kreye enkyetid nan Espay ak Brezil , achtè prensipal yo nan gaz Bolivyen an , ak nan Ajantin , moun k ap resevwa gaz la nan Repsol Espay la. Avèk refòm sa a, apeprè 80% nan pwofi yo soti nan ekstraksyon lwil oliv rete nan men yo nan eta a ak te itilize nan inisyativ ki vize a konbat povrete ak analfabetism. Nan menm mwa a, gouvènman Morales te anonse yon nouvo refòm tè, avèk bi ofisyèl pou redistribiye peyi a bay peyizan yo. Se te yon pwopozisyon kontwovèsyal ak kèk te pè posibilite pou konfli ant nouvo konsesyonèr yo nan peyi, sitou nan plato segondè, Quechua ak Aymara orijin (tankou Morales), ak plis pase trant gwoup endijèn nan peyi yo twopikal amazonyen ak Chaco a, kote yo te ye.tè yo dwe distribye. Anplis de sa, pwopozisyon sa a ta ka plis agrave destriksyon nan ekosistèm forè ak savann ak mete an danje zòn ki pwoteje ak pak nasyonal yo.

Eleksyon pou asanble konstitiyan an te fèt 2 jiyè 2006, jan Morales te pwomèt li pou akselere refòm yo. Pati nan desizyon, MAS la, jwenn yon majorite absoli nan plas (jis plis pase 50% nan vòt yo ak 137 asanble soti nan 255 nan total, osi byen ke kèk eli pa akwonim lòt). Moun ki eli nan asanble a te pran biwo nan vil Sucre nan jou fèt Bolivi nasyonal la, 6 Out.

Sou 25 janvye, 2009 , apre yon referandòm, Bolivi apwouve nouvo konstitisyon an ankouraje pa Prezidan Evo Morales. Nouvo lwa fondamantal sa a vize pou fè nouvo refòm ki vize ranfòse wòl leta ak jistis sosyal. [15]

Koudeta nan 2019
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Eleksyon Jeneral Bolivi 2019 , Pwotestasyon Bolivi 2019 , ak Evo Morales § Eleksyon Jeneral 2019 .

Morales demisyone sou Novanm 10, 2019 e yo te fòse yo kouri kite peyi a apre yon koudeta [16] [17] [18] [19] , pandan ki lapolis ak militè mande demisyon li, apre 'akize yo, selon anpil sous enjustifye, ki gen truke eleksyon jeneral Bolivyen yo nan 2019 . [20] [21] [19] [22]

Sou 12 Novanm, yon gouvènman pwovizwa sant-dwa ki te dirije pa Jeanine Áñez Chávez te pran biwo . [23]

Nouvo eleksyon prezidansyèl yo ak palmantè yo te rele pou Dimanch 6 septanm [24] ak Lè sa a ranvwaye a 18 oktòb 2020 akòz pandemi an COVID-19 . [25]

Jewografi

Cordillera Occidental la , ak mòn Sajama , mòn ki pi wo nan Bolivi (6 542 m)
Lake Titicaca ak seri a mòn Andes nan background nan
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jewografi Bolivi .

Ant twopik la nan Capricorn ak paralèl la 10yèm S.

Mòfoloji

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Mòn Bolivi .

Gen de gwo zòn jewografik:

  • peyi lès twopikal yo, de tyè nan peyi a, divize ant basen Amazon ak zòn Chaco.
  • andin yo, yon tyè nan peyi a, nan pati lwès la, te fè leve nan tou de ranje mòn lan ak plato a.

Plenn twopikal yo se afliyan Amazon ak Río de la Plata . Sa a vout gwo ki gen plis pase 700,000 km² kouvri pa forè twopikal, imid, mouason ak forè twopikal sèk.
Anplis de sa, Bolivi gen pi gwo sèk forè twopikal nan mond lan nan rejyon anChaco .
Anviwon 250,000 km² yo se savann alluvions, marekaj ak savann sèk. Genyen tou gwo lak amazonyen, pi gwo nan rejyon an.

Zòn andin nan peyi a sitiye nan pati lwès la. Li karakterize pa yon plato entoure pa de chenn mòn: Cordillera Occidental la akote yon sèl la Oriental .
Gen anpil tèt ki depase 6,000 mèt, pi wo a se Sajama (6 542 m), Illampu (6 421 m) ak Illimani (6 402 m).

Idrografi

Ak eksepsyon de basen andorheik la ki te fòme pa Desaguadero a ki konekte Lake Titicaca ak Lake Poopó , pi fò nan teritwa a se tribinal sistèm idrografik la nan larivyè Lefrat la Amazon, epi, nan yon limit pi piti, nan Rio de la Plata la. Basen drenaj ki pi enpòtan an se sa ki nan larivyè Lefrat la Mamoré , ki kouvri, ak Iténez a ki make fwontyè a ak Brezil , sou 600,000 km². Rasanbleman nan nò Bolivi ak Beni a , li fòme branch prensipal la ki gen orijin nan Madeira , ki konstitye youn nan aflu prensipal yo nan larivyè Lefrat la Amazon (10% nan koule nan total). Kou a tout antye de Mamoré a se navige, ansanm ak yon pati nan Iténez la, Beni, Madre de Dios ak Ichilo . Nan zòn nan sid, kou dlo ki pi enpòtan an se Pilcomayo a ki, apre yon kou long, ap koule nan larivyè Lefrat la Paragwe ak Lè sa a, nan Rio de la Plata la .

Klima

Etandone mòfoloji teritwa a ak gwo espas latitidinal okipe, Bolivi gen youn nan pi gwo divèsite klimatik sou Latè: sa pèmèt yon espèk trè laj nan espès kiltivab, tou de tipik nan klima kontinantal ak tanpere, tankou pòmdetè oswa francha avwan , ak nan klima Mediterane, tankou pye rezen an ak pye oliv la , ak klima twopikal, tankou kakawo ak bannann .

Nan plato andin apwopriye, lapli pa depase 500 mm chak ane nan senti imid nan sektè nò a ak tanperati mwayèn anyèl la pi ba pase 10 ° C. Sektè sid la se pi sèk ak tandans fòmasyon dezè.

Peyi yo twopikal nan bò solèy leve a Bolivyen gen de klima prensipal la. Nò paralèl 18 ° S, klima a se senpman amazonyen, ak yon sezon kout sèk ak tanperati sòti ant 22 ak 26 ° C an mwayèn ak lapli ant 1 000 ak 3 000 mm / ane. Sektè nan sid paralèl 18 ° S la gen yon klima ki pi modere ak pi sèk, ak tanperati mwayèn ant 20 ak 22 ° C ak lapli ant 500 ak 1 000 mm / ane. Nan sektè sa a gen pi gwo randone yo tèmik nan twopik Bolivyen an, ak maksimòm pi wo pase 35 ° C ak minimòm menm anba a 0 ° C. Sektè lapli lapli, ak pami moun ki gen pi gwo lapli nan basen Amazon, se senti pre-andin lan, 180-700 m asl , ant depatman Santa Cruz, Cochabamba, Beni ak La Paz. Presipitasyon chenn nan 2 500 a 5 000 mm / ane, men nan kèk sektè li depase 6 000 mm / ane.

Popilasyon

Demografi

Manuel Rivera-Ortiz : Vèf nan min yo, Potosi, Bolivi 2004

Popilasyon total: 10 027 255 moun.

Dansite: 9,13 pou chak km².

Emigrasyon

Nan dènye ane yo, Bolivi te vin tounen yon peyi imigran. Okòmansman destinasyon prensipal yo nan emigrasyon Bolivyen yo te peyi vwazen yo, sitou Brezil ak Ajantin (kote de milyon Bolivyen yo kwè ap viv, ki gen ladan imigran yo ak pitit pitit) ak kote li te pran sou karakteristik ilegal ak pwovoke tandans ksenofob. [26] Depi kriz ekonomik la nan fen nineties yo, ak pwogresif restriksyon ekstrèm nan emigrasyon nan Etazini yo , Bolivyen migrasyon te pran sou karakteristik sa yo nan yon egzòd masiv nan direksyon pou Ewòp, sitou Espay ak Itali , ki te mennen nan Inyon Ewopeyen an Inyon nan etablisman an nan viza a antre pou sitwayen Bolivyen, ki soti nan kote yo te egzante (kontrèman ak pou egzanp sitwayen Kolonbyen ak Pewouvyen an) jouk avril 2007. Kounye a nan peyi Espay kominote a nan Bolivyen lajman depase 300 000 moun, ki sèlman 63,000 yo se rezidan legal .

Etnisite

Una donna quechua in abiti tradizionali porta sulla schiena il figlio

Secondo l'ultimo censimento del 2001 dell'Istituto Nazionale di Statistica (INE), la popolazione indigena rappresenta circa il 49,95% della popolazione totale. Percentuale che arriva al 73,20% se consideriamo le sole zone rurali.

Secondo il CIA World Factbook 2006 , la popolazione boliviana è costituita dai seguenti gruppi etnici: quechua 30%, aymara 25%, meticci 30%, europei 15%.

In realtà, in Bolivia esistono attorno a quaranta gruppi etnici, la maggior parte ignorati da questi dati e abitanti originari principalmente nelle pianure tropicali della Bolivia orientale. Inoltre il processo di meticciato è stato continuo dal tempo della conquista spagnola e per questo una chiara e inequivocabile definizione etnica non può esser determinata facilmente. Anche l'ex presidente Morales non potrebbe esser considerato esclusivamente di etnia aymara essendo imparentato con cholos , la definizione boliviana del meticcio tra quechua o aymara con europeo.

Il dato della CIA sembra più un'informazione linguistica riferita ai parlanti quechua e aymara. Nonostante questo il riferimento linguistico non assegna automaticamente un'appartenenza etnica. In questo senso va menzionato come, dopo gli avvenimenti della rivoluzione nazionalista del 1952, il processo storico di integrazione che essa avviò portò anche alla rimozione dell'identità indigena, vista allora come un'eredità negativa della conquista e dello stato para feudale prerivoluzionario, facendo delle genti quechua e aymara un popolo contadino. Tuttora tutte le federazioni rurali quechua e aymara sono federazioni di contadini o coloni, dove non si menziona il termine indigeno. Solo recentemente il presidente Morales ha recuperato la nozione indigena anche per quechua e aymara, pur restando gli unici che si definivano e continuano a definire indigeni quelli delle terre orientali tropicali.

Infine, non va dimenticato come il quechua fu mantenuto e fomentato in forma pianificata dagli spagnoli come strumento di omogeneizzazione linguistica nelle terre andine per facilitarne quindi anche il dominio. Per questo vennero gradualmente rimosse le altre lingue andine (nelle Ande boliviane, oltre al quechua e aymara, rimane solo un piccolo nucleo di lingua Uru ). La diffusione del quechua contò anche con l'intervento della Chiesa che, con il frate domenicano Domingo de Santo Tomás , produsse la prima grammatica di lingua quechua già verso la metà del XVI secolo . Anche per questi motivi, quindi, il dato dei parlanti quechua supererebbe quello degli appartenenti realmente all'etnia quechua, portando, talvolta, a sovrastime dei dati relativi alle etnie.

Nelle regioni orientali amazzoniche e del Chaco della Bolivia vivono circa 500 000 indigeni, in cui è certamente maggiore la perdita delle conoscenze linguistiche ancestrali ma non del concetto di appartenenza etnica, che ha avuto nella marcia per il territorio e la dignità del 1990 Amazonía de Bolivia [1] un'affermazione chiara e cosciente dei popoli indigeni boliviani delle pianure tropicali.

Le popolazioni indigene del tropico amazzonico e del Chaco boliviano appartengono principalmente ai gruppi:

Importanti anche altri gruppi etnici non appartenenti a famiglie linguistiche specifiche: chiquitos , yuracaré , cayubaba , movima , ecc.

Queste popolazioni delle terre tropicali della Bolivia rappresentano più del 5% della popolazione totale boliviana.

In Bolivia gli abitanti nati nelle regioni orientali tropicali (2/3 del Paese), siano essi di origine europea, meticci o indigeni, vengono colloquialmente chiamati " camba ". Parimenti gli abitanti delle regioni andine, vengono definiti, anche se spesso in forma dispregiativa, " colla ".

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Bolivia .

L'articolo terzo della Costituzione boliviana riconosce e sostiene la libertà di culto.

La maggior parte della popolazione, secondo il censimento 2001, è cattolica (78%), mentre i protestanti/evangelici sono il 16%. All'incirca il 3% aderisce ad altri movimenti cristiani, molto popolari nei quartieri periferici delle città. Si stanno riproponendo con forza anche gruppi che fanno riferimento a rituali religiosi ancestrali preispanici.

Molte scuole e università sono di proprietà di gruppi religiosi di vario orientamento, cattolici, Bahá'í , la setta Moon coreana, ecc.

La Chiesa cattolica ha in Bolivia quattro arcidiocesi , sette diocesi , due prelature territoriali e cinque vicariati apostolici .

Tra i più importanti avvenimenti religiosi degli ultimi decenni, si possono menzionare la visita di papa Giovanni Paolo II , nel 1988, e quella di papa Francesco durante la sua visita pan-sudamericana nel luglio 2015 , e la nomina a cardinale, il primo boliviano, di monsignor Terrazas , arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra .

Lingue

Tra le lingue parlate in Bolivia ci sono lo spagnolo con l'invasione spagnola, in minoranza il portoghese soprattutto al confine con il Brasile, ma ciò è possibile anche grazie alle continue migrazioni e anche grazie al commercio tra i due Paesi. Tra le altre lingue in Bolivia ci sono il quechua , l' aymara e il guaraní . Oltre alle lingue parlate, vi è anche la lingua dei segni boliviana [27] [28] [29] .

Ordinamento dello Stato

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dipartimenti della Bolivia , Province della Bolivia e Comuni della Bolivia .

La Bolivia è divisa in nove dipartimenti ( departamentos ). Ogni dipartimento si divide in province per un totale di 112 su tutto il territorio nazionale. A sua volta ogni provincia si divide in comuni , attualmente sono presenti 348 comuni. A sua volta ogni comune si divide in cantoni , attualmente sono presenti 989 cantoni. A sua volta ogni cantone si divide in vice-cantoni , attualmente sono presenti 2 998 vice-cantoni. La Costituzione boliviana prevede inoltre (artt. 277 e ss.) che una o più provincie di uno stesso dipartimento possano formare una regione con funzioni proprie; tali regioni hanno autonomia amministrativa e fiscale ma a differenza di dipartimenti, province e comuni non godono della potestà legislativa. Possono inoltre essere create nelle conurbazioni con popolazione superiore a 500 000 persone delle regioni metropolitane. La creazione di regioni è subordinata a un referendum che interessi tutte le popolazioni residenti. La Costituzione prevede inoltre una larghissima autonomia per le comunità indigene che si costituiscano, sempre mediante referendum, in "autonomia indígena originario campesina" (di fatto quasi una vera e propria sovranità negli affari interni, finanche nell'organizzazione e amministrazione della giustizia, purché nel rispetto dei principi costituzionali).

Bolivia: divisione amministrativa per dipartimento Bolivia departments named.png
Dipartimento Capoluogo Abitanti
capoluogo
Superficie
km²
Abitanti
(INE 2005)
Densità*
Beni Trinidad 89 000 213 564 406 000 1,7
Chuquisaca Sucre 261 000 51 524 601 000 10,3
Cochabamba Cochabamba 578 000 55 631 1 671 000 26,2
La Paz La Paz 839 000 133 985 2 630 000 17,6
Oruro Oruro 216 000 53 588 433 000 7,3
Pando Cobija 31 000 63 827 66 000 0,8
Potosí Potosí 160 000 118 218 768 000 6,0
Santa Cruz Santa Cruz de la Sierra 1 372 000 370 621 2 388 000 5,5
Tarija Tarija 183 000 37 623 459 000 10,4
TOTALE 1 098 581 9 427 000 7,5
  • La densità è calcolata ai dati del censimento del 2001

Città principali

Oltre ai capoluoghi dei dipartimenti, altre città importanti sono (per dipartimento e per l'intera area municipale): El Alto (800 000 ab., Dipartimento di La Paz), Quillacollo (124 000 ab., Dip. di Cochabamba), Sacaba (146 000 ab., Dip. di Cochabamba), Yacuíba (108 000 ab., Dip. di Tarija), Montero (90 000 ab., Dip. di Santa Cruz), Riberalta (88 000 ab., Dip. di Beni).

Istituzioni

Università

La più antica università della Bolivia risale al 27 marzo 1624 , con la fondazione dell'Università di San Francisco Xavier , istituita per ordine del re Filippo IV di Spagna e con l'appoggio di papa Innocenzo XII .

Ordinamento scolastico

  • Tasso di alfabetizzazione: 96,6%. Nel dicembre 2008, la Bolivia è stato dichiarato come il terzo Paese dell'America Latina, dopo Cuba e Venezuela, ad avere sconfitto l'analfabetismo. [30]
  • Studenti universitari: 109 503.

Obbligo scolastico fino a 14 anni.

Sistema sanitario

Il sistema sanitario pubblico è altamente carente, sia in mezzi come nelle risorse umane. Gli aventi diritto a questo sistema devono comunque, nella maggior parte dei casi, pagare tutte le medicine anche durante il ricovero ospedaliero. Non esistono medici curanti convenzionati e le visite vengono effettuale solo all'interno delle strutture sanitarie pubbliche.

Durante il secondo governo di Sánchez de Lozada venne introdotta l'assicurazione pubblica materna-infantile, destinata a garantire le cure a tutte le donne in periodo di gestazione e per gli infanti fino ai due anni.

Politica

Evo Morales col tradizionale maglione

La Bolivia è una repubblica democratica in cui il presidente è capo di Stato, capo del governo e capo di un sistema multi-partitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo è esercitato sia dal governo sia dalle due camere del parlamento. Sia la magistratura e il ramo elettorale sono indipendenti dal potere esecutivo e legislativo.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Bolivia .
La Paz , principale centro economico della Bolivia

La Bolivia negli anni 1980 aveva un'economia impostata sul libero mercato che inasprì le tasse e contemporaneamente annullò i diritti dei lavoratori congelandone i salari; si diffusero malessere e povertà, inoltre con la svendità delle aziende statali (petrolio, gas naturale, elettricità e trasporti) la situazione divenne ancor più drammatica per l'aumento della disoccupazione; questo modello di economia fu voluto dal presidente Víctor Paz Estenssoro , poi venne continuato anche da altri due presidenti Zamora e Gonzalo Sánchez de Lozada ; ci furono anche manifestazioni contro il governo, ma la svolta si ebbe nel 2005 con l'elezione di Evo Morales ; la Bolivia sotto il suo governo è passata da un'economia di stampo liberista a un'economia mista, furono nazionalizzate tutte le industrie e le società, e il PIL del Paese ha avuto una crescita vertiginosa, passando da 9 500 milioni di dollari a 30 381 milioni di dollari e il PIL pro capite è passato da 1 010 dollari a 2 757 dollari, con l'aumento dei salari; il PIL dello Stato da quando si è insediato Morales è cresciuto in media del 5% e al 2014 è arrivato al 6,5% mentre la disoccupazione è scesa al 3% e anche la povertà si è ridotta dal 38% al 18% [31] [32] . La Bolivia inoltre è uno degli Stati fondatori alla Banca del Sud (9 dicembre 2007 ), partecipando al suo capitale. La Bolivia al 2013 nonostante i progressi economici citati sopra rimane un Paese tra i meno sviluppati del pianeta con il PIL al 90º posto tra quelli mondiali, mentre è al 124º posto per PIL procapite; questo però non ha fermato le intenzioni del governo, che ha annunciato la costruzione di nuovi ospedali, scuole e progetti sportivi in diversi comuni dello Stato con un finanziamento di oltre 171 milioni di dollari, infatti sotto la guida di Morales la Bolivia sta investendo il 6,9 per cento del prodotto interno lordo (PIL) in materia di salute e istruzione e sport [33] .

Settore primario

Foglie di coca

Prodotto agricolo più redditizio della Bolivia continua a essere la coca , di cui la Bolivia è attualmente il terzo più grande coltivatore al mondo (dopo Colombia e Perù ), con una stima di 29 500 ettari coltivati nel 2007, che è leggermente aumentata rispetto al 2006. Il governo boliviano, in risposta alle pressioni internazionali, ha lavorato per limitare la coltivazione di coca per l'utilizzo di produzione di cocaina. Tuttavia, gli sforzi di eradicazione sono stati ostacolati dalla mancanza di una coltura di sostituzione adatta per le comunità rurali che hanno coltivato coca per generazioni. Dal 2001, la principale esportazione agricola della Bolivia è stata la soia . Inoltre, cotone , caffè , canna da zucchero sono state le esportazioni principali per la Bolivia. Per il consumo domestico, mais , grano e patate sono le coltivazioni degli agricoltori boliviani. Nonostante le sue vaste foreste, la Bolivia ha un'industria del legname non molto sviluppata. Nel 2003, il legname ha rappresentavano solo il 3,5 per cento dei proventi delle esportazioni [34] .

Alcune parti della Bolivia sono in gran parte sotto il potere dei ganaderos, i maggiori proprietari di allevamenti di bovini e suini, e molti piccoli agricoltori sono ancora ridotti a peonie. Tuttavia, la presenza dello Stato è aumentata significativamente sotto il governo di Evo Morales. Essa tende a proteggere gli interessi dei grandi proprietari terrieri, cercando al contempo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei piccoli agricoltori. [35]

La riforma agraria promessa da Evo Morales - e approvata attraverso un referendum da quasi l'80% della popolazione - non è mai stata lanciata. Inteso ad abolire il latifondismo riducendo a 5 000 ettari la dimensione massima delle proprietà senza "funzione economica e sociale", il resto da dividere tra piccoli lavoratori agricoli e indigeni senza terra, incontrò la forte opposizione dell'oligarchia boliviana. Nel 2009 il governo ha ceduto al settore agroindustriale, che in cambio si è impegnato a porre fine alle pressioni che esercitava e comprometteva fino all'entrata in vigore della nuova Costituzione. [35]

Tuttavia, una serie di riforme e progetti economici hanno migliorato la situazione delle famiglie contadine a basso reddito. Hanno ricevuto macchine agricole, trattori, fertilizzanti, sementi e animali da allevamento, mentre lo Stato ha costruito sistemi di irrigazione, nonché strade e ponti per facilitare la vendita della loro produzione sui mercati. La situazione di molte popolazioni indigene e dei piccoli agricoltori è stata regolarizzata attraverso la concessione di titoli di proprietà fondiaria per la terra che stavano coltivando.

Nel 2007, il governo ha creato una "Banca per lo sviluppo produttivo" attraverso la quale i piccoli lavoratori ei produttori agricoli possono contrarre prestiti facilmente, a tassi bassi e con condizioni di rimborso adeguate ai cicli agricoli. Grazie a una migliore vigilanza sull'attività bancaria, tra il 2014 e il 2019 i tassi debitori sono stati triplicati in tutti gli istituti bancari per i piccoli e medi produttori agricoli. Inoltre, la legge impone ora alle banche di destinare almeno il 60 per cento delle loro risorse a prestiti produttivi o prestiti per la costruzione di alloggi sociali. [35]

Con la creazione della Food Production Assistance Enterprise (Emapa), il governo ha voluto stabilizzare il mercato interno dei prodotti agricoli acquistando la produzione dei piccoli e medi agricoltori al miglior prezzo, costringendo così le industrie agricole a offrire loro una remunerazione più equa. Secondo il vicepresidente Àlvaro García Linera, "fissando le regole del gioco, lo Stato stabilisce un nuovo equilibrio di potere che dà più potere ai piccoli produttori. La ricchezza viene ridistribuita meglio per equilibrare il potere del settore agroindustriale. Questo genera stabilità, che permette un'economia prospera e va a vantaggio di tutti. [35]

Settore secondario

Fabbrica di mattoni nella periferia di Montero

I principali prodotti industriali in Bolivia includono prodotti tessili, abbigliamento, beni di consumo non durevoli, soia trasformata, metalli raffinati, e petroliferi raffinati. La lavorazione dei prodotti alimentari, bevande e del tabacco è il settore più importante nel settore industriale infatti questo settore occupa un posto di rilievo nel settore della produzione che è in continua crescita, sia nella produzione e nel numero di imprese e sia di posti di lavoro. Specialmente la soia e suoi derivati hanno raggiunto una grande esportazione negli ultimi anni. Le più grandi fabbriche di soia, semi di girasole, cotone e zucchero di canna, si trovano principalmente a Santa Cruz, anche se grandi raffinerie di olio commestibile operano in Cochabamba. Tutte le grandi città hanno almeno una fabbrica di birra, uno o più fabbriche di imbottigliamento, e uno o più impianti di confezionamento per i prodotti alimentari in scatola. L'industria tessile è stato il settore manifatturiero più grande dopo l'industria alimentare e dal 1990 l'industria tessile ha aumentato il suo tasso di crescita. L'industria del cotone e lana declinò a scapito delle fibre sintetiche. La più grande concentrazione di stabilimenti tessili si trovano a La Paz, ma anche a Santa Cruz e Cochabamba e in misura minore a Oruro. Il tasso di produzione industriale in Bolivia nel 2010 è cresciuto del 3,6% [36] ; in forte crescita la produzione di gas naturale [37] , mentre è calata quella petrolifera [38] .

Settore terziario

Il settore dei servizi in Bolivia rimane sottosviluppato. Le Banche in Bolivia hanno sofferto a lungo la corruzione e una regolamentazione debole. Tuttavia, tramite una serie di riforme avviate dalla legge bancaria del 1993 è in graduale miglioramento il settore bancario della Bolivia. La Bolivia ha una banca centrale e nove banche private. Il consolidamento si è verificato a seguito delle riforme, riducendo il numero di banche private in Bolivia dal 14% del 1995 al 9% nel 2003. La partecipazione straniera e investimenti nelle banche boliviane sono permessi. Circa il 90 per cento dei depositi bancari boliviani sono tenuti in dollari USA. La Borsa di Bolivia è stata ampliata nel 1998 per includere obbligazioni societarie, insieme con le opzioni del mercato monetario e titoli di Stato. La privatizzazione del programma di sicurezza sociale della Bolivia ha rafforzato il mercato azionario. L'industria turistica della Bolivia è cresciuta gradualmente nel corso degli ultimi 15 anni. Nel 2000 la Bolivia ha attirato 306 000 turisti, contro i 254 000 del 1990; il settore turistico è però in forte ascesa, infatti nel 2014 il numero di turisti ha raggiunto 871 000 arrivi [39] . La Bolivia ha molte attrazioni turistiche naturali e artificiali. Le Ande, che attraversano la Bolivia, sono la catena montuosa più alta al di fuori dell'Asia, e la catena montuosa più lunga in tutto il mondo. La Paz, è la più alta città del mondo sedi di governo a 3 660 metri (12 010 piedi). Lago Titicaca è uno dei laghi più alti commercialmente navigabili del mondo, dove vive il popolo Uros, un popolo pre-Inca che vive sulle isole artificiali galleggianti sul lago. La civiltà Inca e altre civiltà lasciarono rovine che ancora esistono nel XXI secolo, tra cui il Tempio di Kalasasaya. Yungas Road, è una delle strade più pericolose del mondo, attira migliaia di ciclisti e chi ama il brivido ogni anno. La città di Potosí è un patrimonio mondiale dell'UNESCO e ha il primato di essere la città più alta del mondo a 4 090 metri (13 420 ft). La città è anche sede di miniere d'argento che producevano ricchezza favolosa per la monarchia spagnola; altre attrazioni sono Il Salar de Uyuni, il Parco Nazionale Madidi che contiene il bacino del Rio delle Amazzoni. In forte crescita anche il settore delle telecomunicazioni; infatti al 2009 erano 879 800 le linee telefoniche, mentre nel 1999 erano solo 327 600 [40] ; anche la telefonia cellulare ha avuto un boom passando dai 7 229 cellulari del 1995 agli 8 353 000 cellulari del 2009 [41] ; la linea internet dal 2008 sta diffondendosi sempre di più passando dai 87 000 utenti del 2000 ai 1 103 000 del 2009 [42] .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Bolivia .
Aeroporto di La Paz

Il parco automotore della Bolivia è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni. Si è avuto un fenomeno che potrebbe definirsi, in analogia con quello avvenuto in Italia negli anni sessanta, di motorizzazione del Paese. Parte di questo fenomeno si deve all'aumento notevole delle strade asfaltate, grazie a crediti principalmente internazionali, e al contrabbando di veicoli usati di origine giapponese (trasformati artigianalmente per essere adeguati alla guida a destra), che hanno fatto abbassare i prezzi delle autovetture in precedenza notevolmente alti a causa dei dazi imposti all'importazione legale. Attualmente il parco vetture del Paese è di circa mezzo milione di veicoli.

  • Rete stradale: 16 138 km [43] .
  • Rete autostradale: non esiste una vera rete autostradale. Nonostante questo tutte le strade della Bolivia, siano esse asfaltate o di terra, sono sottoposte a pedaggio.
  • Rete ferroviaria: 3 652 km [44] . La rete ferroviaria è divisa in due tronconi non collegati. Quello occidentale andino è stato creato soprattutto attorno ai centri minerari ed è ora in parte in disuso. Quello orientale, nel tropico, costruito attorno agli anni cinquanta, ha due sole direzioni, una diretta all'Argentina e l'altra al Brasile. Vi è tuttora in queste linee un notevole traffico di merci e persone.
  • Rete navigabile: 10 000 km [45] . Oltre al lago Titicaca, dove la navigazione è oggi principalmente turistica o di piccolissimo cabotaggio, tutti i principali fiumi navigabili del bacino amazzonico sono percorsi da imbarcazioni di trasporto di vario tonnellaggio. I più importanti porti fluviali sono: Puerto Villarroel, Trinidad e Guayaramerin.
  • Aeroporti internazionali: El Alto di La Paz, Viru Viru di Santa Cruz de la Sierra.

Ambiente

Il Río Chapare nella foresta amazzonica del dipartimento di Cochabamba

Il 22,5% del territorio è totalmente/parzialmente protetto.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riserva di vita selvatica Ríos Blanco y Negro .

La problematica ambientale in Bolivia

L'attività umana ha avuto e continua ad avere un grosso impatto sugli ecosistemi naturali della Bolivia. In epoca storica gli isolati boschi delle Ande, composti principalmente da una specie sempreverde del genere Polylepis (localmente nota come queñua ) vennero quasi totalmente distrutti per usi civili (legna e costruzione).

Nelle aree tropicali gli ambienti naturali si erano conservati quasi intatti fino alla metà del XX secolo . Gli effetti sugli ecosistemi dell'alta densità della popolazione durante lo sviluppo della cultura idraulica de las Lomas sono solo ipotizzabili dato che le modifiche macroclimatiche del XIII secolo decimarono quelle popolazioni obbligandole al semi-nomadismo. Durante l'auge dello sfruttamento della gomma , nelle foreste del nord della Bolivia, negli attuali dipartimenti di Beni e Pando , tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo , si ebbero localmente effetti negativi sulla fauna che però si ristabilì una volta cessato il boom economico dell'estrazione.

Biodiversità

La Bolivia è nota come un Paese con grande biodiversità . Pur restando ancora notevoli margini di ricerca, attualmente in Bolivia sono state classificate circa 25 000 specie di piante , 1 400 di uccelli , 550 di pesci , 325 di mammiferi , 260 di rettili e quasi 200 di anfibi .

Questa enorme diversità biologica è però in alcuni casi, come per altri Paesi del bacino amazzonico , fortemente minacciata. Gli ecosistemi naturali maggiormente minacciati sono quelli delle foreste tropicali , che hanno subito una notevole riduzione sia in termini di estensione come di valore biologico.

Si può stimare che annualmente vengono distrutti ben 700 000 ettari di foreste . Questo dato è stato in costante crescita negli ultimi venti anni e in forte aumento negli ultimi cinque anni. Le ragioni principali di questa minaccia sono concomitanti fenomeni: espansione della frontiera agricola , agroindustria, imprese del legname , caccia e di sussistenza.

Effetti del cambiamento climatico

La Bolivia è particolarmente vulnerabile alle conseguenze negative del cambiamento climatico. Il 20% dei ghiacciai tropicali del mondo si trova all'interno di questo paese, ed essi sono più sensibili ai cambiamenti di temperatura a causa del clima tropicale in cui si trovano. [46] Le temperature nelle Ande sono aumentate di 0,1 °C per decennio dal 1939 al 1998, e più recentemente il tasso di aumento è triplicato (a 0,33 °C per decennio dal 1980 al 2005), provocando il ritiro dei ghiacciai a un ritmo accelerato, e dando luogo a carenze idriche impreviste nelle città agricole andine. Gli agricoltori cercano lavori temporanei in città quando c'è scarso rendimento per i loro raccolti, mentre altri hanno iniziato ad abbandonare il settore agricolo e stanno migrando verso le città vicine per altre forme di lavoro; alcuni considerano questi migranti come una prima generazione di profughi climatici. Le città vicine a terreni agricoli, come El Alto, affrontano oggi la sfida di accogliere nuovi migranti; poiché non esistono fonti d'acqua alternative, la distribuzione di acqua in città subisce restrizioni. [47]

Espansione frontiera agricola

Los Yungas, La Paz

Si tratta di un fenomeno che interessa la Bolivia principalmente dalla metà degli anni cinquanta, con la rivoluzione nazionalista del 1952 e la successiva riforma agraria del 1953. Per accontentare la richiesta di terre il governo avviò un piano di colonizzazione per i contadini quechua e aymara verso le aree dei bassopiani orientali tropicali: si chiamò questo processo la "marcia verso l'oriente". Uno dei principi di questo fenomeno era che si trattasse di terre inabitate. Quelle terre invece, per quanto non sottomesse ad attività umane intensive, erano abitate da numerosi popoli indigeni. Si ebbe così un fenomeno, poco studiato, di una popolazione indigena maggioritaria, quella andina quechua e aymara, che invade i territori e marginalizza gradualmente i popoli indigeni minoritari amazzonici e del Chaco. Questo processo è tuttora in evoluzione e la colonizzazione agricola del tropico interessa ora tutte le regioni orientali ove si insediano, od occupano terre, contadini provenienti dalla realtà geografica andina con scarse o nulle conoscenza dell'ambiente tropicale e dei suoi metodi agricoli. Tal fenomeno si può constatare osservando come i terreni dei coloni andini siano spesso, per varie ragioni (maggior interrelazione con il mercato, mobilità stagionale, interessi vari e non unicamente agricoli), una tabula rasa della passata foresta, mentre le popolazioni locali, originarie o meticce, conservano nei loro terreni ampi spazi naturali e, attorno alle case, un vero orto botanico in cui possono incontrarsi più di cinquanta specie vegetali di varia utilità (alimentare, costruzione, medicinale, tessile, cosmetica, rituale, ecc.). Poco noto è anche il fenomeno dell'impatto ambientale della coltivazione della coca . Oltre all'inquinamento di fiumi e ruscelli - per l'uso di sostanze chimiche nel primo processo di trasformazione delle foglie di coca in pasta base di cocaina , processo che si svolge quasi esclusivamente nei luoghi di produzione delle foglie - le coltivazioni di coca hanno portato alla distruzione di grandi settori delle foresta pluviale del piedimonte andino, una delle foreste a maggiore biodiversità della Terra, inclusa quella del Territorio Indigeno e Parco Nazionale Isiboro Secure e del Parco Nazionale Carrasco .

Cultura

Produzione letteraria

Nell'ambito di una produzione letteraria boliviana ricordiamo per il XIX secolo Nataniel Aguirre , anche drammaturgo, e per il XX secolo Víctor Montoya e Adela Zamudio , scrittrice e nota esponente del movimento femminista boliviano.

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica andina .
Zampoña

La musica tradizionale della Bolivia è composta con strumenti musicali come il charango, charangon, ronroco, hualaycho, zampoña, quena, bombo, huancara, reco reco, scatola chiapya, pinquillo, tarka, toyos, pututu , sassofono andina, e zoccoli di pecore che vengono composti come una sorta di agitatore, così come strumenti musicali europei come il violino e chitarra.

Le forme musicali più note sono il Bailecito, Kullawada, Tonada (o, direttamente Tinku), Taquirari, Carnavalito, Lamento, Saya, Tuntuna, Taki Taki e Cueca.

Tra i gruppi musicali boliviani spiccano i Los Kjarkas , leggendario gruppo boliviano [48] , ei Pk2 .

Cinema

Il cinema della Bolivia comprende film e video realizzati all'interno della Bolivia o da registi boliviani all'estero. Sebbene le infrastrutture cinematografiche del Paese siano troppo piccole per essere considerata un'industria cinematografica, la Bolivia ha una ricca storia del cinema. La Bolivia ha sempre prodotto lungometraggi dal 1920, molti dei quali sono documentari; il tema predominante di molti film boliviani sono le culture indigene del Paese e la loro oppressione politica.

Patrimoni dell'umanità

La Bolivia possiede un importante patrimonio culturale tanto che sette dei suoi siti sono inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Bolivia nello spazio

20 dicembre 2013 : viene lanciato Túpac Katari (TKSAT-1) , primo satellite boliviano [49] .

Ricorrenza nazionale

Ricorrenze con sospensione di attività

Altre ricorrenze nazionali

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Copa América e Nazionale di calcio della Bolivia .

Lo sport più praticato è il calcio; la Nazionale boliviana è posta sotto l'egida della federazione calcistica boliviana. Ha vinto la Coppa America nel 1963 e conta tre presenze al Campionato del mondo, dove è sempre stata eliminata al primo turno. La Verde, soprannome della selezione boliviana derivato dal colore della maglia da gioco, è storicamente una delle Nazionali più deboli della CONMEBOL. [53]

Gastronomia

Salteñas

La cucina boliviana deriva principalmente dalla combinazione di cucina spagnola con i tradizionali ingredienti indigeni Aymara, con successive influenze argentine, tedesche, italiane, basche, russe, polacche, e arabe per l'arrivo di immigrati provenienti da tali paesi. I tre prodotti principali della cucina boliviana sono mais, patate e fagioli. Questi ingredienti sono stati combinati con un certo numero di prodotti portati dagli spagnoli, come il riso, il grano, e la carne, tra cui manzo, maiale e pollo.

Curiosità

  • Situato a 3 650 metri di quota, nei pressi della città di Uyuni , nell'altopiano andino meridionale della Bolivia, il Salar de Uyuni è un gigantesco deserto di sale che, con i suoi 10 582 km² risulta la più grande distesa salata della Terra.

Note

  1. ^ Costituzione boliviana Archiviato il 24 ottobre 2017 in Internet Archive . - L'art. 5 della Costituzione riconosce come lingue ufficiali lo spagnolo e tutti gli idiomi di tutte le nazioni e popoli originari. Lo stesso articolo elenca questi idiomi: aymara , araona, baure, bésiro, canichana, cavineño, cayubaba, chácobo, chimán, ese ejja, guaraní , guarasu'we, guarayu, itonama, leco, machajuyai-kallawaya, machineri, maropa, mojeñotrinitario, mojeño-ignaciano, moré, mosetén, movima, pacawara, puquina, quechua , sirionó, tacana, tapiete, toromona, uru-chipaya, weenhayek, yaminawa, yuki, yuracaré e zamuco.
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 ( archiviato il 25 giugno 2014) .
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013 , su imf.org . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 19 maggio 2019) .
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato l'11 marzo 2019 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  5. ^ Copia archiviata ( PDF ), su ine.gob.bo:8081 . URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 9 febbraio 2014) .
  6. ^ Notizia sull'accordo tra Bolivia e Perù Archiviato il 26 aprile 2019 in Internet Archive . dal sito della BBC
  7. ^ Bolivia: The Economy During the Morales Administration | Reports | Publications | The Center for Economic and Policy Research , su cepr.net . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 12 novembre 2010) .
  8. ^ Copia archiviata , su informarexresistere.fr . URL consultato il 12 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2014) .
  9. ^ Charles D. Corbett, Military Institutional Development and Sociopolitical Change: The Bolivian Case , Journal of Interamerican Studies and World Affairs, Vol. 14, No. 4, Special Issue: Military and Reform Governments in Latin America (Nov., 1972), pp. 399-435.
  10. ^ ( ES ) Copia archiviata ( PDF ), su oep.org.bo . URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  11. ^ ( ES ) Copia archiviata ( PDF ), su oep.org.bo . URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  12. ^ ( ES ) Bolivia, entre los países con mayor desarrollo en 2015 - La Razón , su www.la-razon.com . URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017) .
  13. ^ ( EN ) Pobreza en Bolivia disminuyó 20 por ciento en la última década , in Prensa Latina - Agencia Latinoamericana de Noticias . URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  14. ^ ( ES ) Bolivia, libre de analfabetismo , su news.bbc.co.uk , BBC Mundo, 20 dicembre 2008. URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 17 giugno 2018) .
  15. ^ Osservatori europei in Bolivia per una nuova costituzione Archiviato il 2 febbraio 2009 in Internet Archive . articolo pubblicato sul sito web del Parlamento europeo il 28 gennaio 2009
  16. ^ Bolivia, Morales vittima di un golpe: ora ci sono anche le prove , su affaritaliani.it . URL consultato il 29 febbraio 2020 ( archiviato il 29 febbraio 2020) .
  17. ^ Le elezioni in Bolivia sconfiggono il golpe , su treccani.it . URL consultato l'8 novembre 2020 .
  18. ^ Roberto Livi, Morales della favola, in Bolivia fu vero golpe , su ilmanifesto.it , 3 marzo 2020. URL consultato il 7 marzo 2020 .
  19. ^ a b Bolivia: è colpo di stato, ordine di arresto per Evo Morales , su temi.repubblica.it , la Repubblica, 12 novembre 2019. URL consultato il 13 novembre 2019 ( archiviato il 13 novembre 2019) .
  20. ^ Evo Morales si è dimesso , su Il Post , 10 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 ( archiviato l'11 novembre 2019) .
  21. ^ ( FR ) Après la démission d'Evo Morales, les insoumis dénoncent un "coup d'État" , su huffingtonpost.fr , 11 novembre 2019. URL consultato il 13 novembre 2019 ( archiviato il 12 novembre 2019) .
  22. ^ Non si trova l'imbroglio elettorale di cui l'OEA accusa Evo Morales , su treccani.it . URL consultato l'8 novembre 2020 .
  23. ^ Chi è Jeanine Anez, la donna ora al comando della Bolivia? , su it.sputniknews.com . URL consultato il 12 dicembre 2019 ( archiviato il 12 dicembre 2019) .
  24. ^ Bolivia: elezioni generali, ufficializzato calendario e voto il 6 settembre (2) , su Agenzia Nova . URL consultato il 26 giugno 2020 .
  25. ^ Bolivia. Elezioni posticipate a ottobre | Notizie Geopolitiche , su notiziegeopolitiche.net , 25 luglio 2020. URL consultato il 6 agosto 2020 .
  26. ^ ( ES ) “Boliviano” es un insulto en Argentina Archiviato il 26 settembre 2008 in Internet Archive . - da La Razón del 23 settembre 2008 .
  27. ^ Lingua dei segni della Bolivia , su Casa de les Llengües , LINGUAMON - Casa des Llenguas. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 3 luglio 2013) .
  28. ^ DIRENEWS: BOLIVIA INTRODUCE LA LINGUA DEI SEGNI IN TV EA SCUOLA URL consultato il 31/5/2013 , su direnews.it . URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  29. ^ LA LINGUA DEI SEGNI UFFICIALMENTE RICONOSCIUTA IN BOLIVIA: DOVRA' ESSERE USATA IN TUTTE LE TV E NELLE SCUOLE , su Consiglio Regionale Calabria - Ente Nazionale Sordi , 28 ottobre 2019. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale ) .
  30. ^ Calle 23: Yo sí puedo e la cooperazione , su calle23.blogspot.be . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 28 febbraio 2018) .
  31. ^ Elezioni Bolivia, in 12 milioni alle urne: "chavista" Evo Morales verso il 3º mandato - Il Fatto Quotidiano , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 13 dicembre 2014) .
  32. ^ La lezione di Morales: "Così ho fatto della Bolivia un modello di sviluppo copiato anche dagli Usa" - Repubblica.it , su repubblica.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 16 dicembre 2014) .
  33. ^ https://ofcs.report/internazionale/relazioni-internazionali/bolivia-parte-piano-investimenti-beneficio-20-000-famiglie/ Archiviato il 18 novembre 2017 in Internet Archive ..
  34. ^ Bolivia , su alphabeto.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 12 febbraio 2016) .
  35. ^ a b c d ( FR ) Maëlle Mariette, En Bolivie, mérites et limites d'une « révolution » pragmatique , su monde-diplomatique.fr , 1º settembre 2019 ( archiviato il 20 novembre 2019) .
  36. ^ Bolivia - Tasso di accrescimento di produzione industriale - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  37. ^ http http://www.indexmundi.com/g/g.aspx?v=136&c=bl&l=it Archiviato il 14 dicembre 2014 in Internet Archive .
  38. ^ Bolivia - Petrolio - produzione - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  39. ^ Copia archiviata , su data.worldbank.org . URL consultato il 28 agosto 2016 ( archiviato il 17 giugno 2016) .
  40. ^ Bolivia - Telefoni - linee principali in uso - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  41. ^ Bolivia - Telefoni - cellulare mobile - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  42. ^ Bolivia - Utenti del Internet - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  43. ^ Bolivia - Strade - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  44. ^ Bolivia - Linee ferroviarie - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  45. ^ Bolivia - Canali navigabili - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  46. ^ ( EN ) Melting glaciers: The Slow Disaster in the Andes , su World Bank . URL consultato il 19 giugno 2021 .
  47. ^ Sally Rangecroft, Stephan Harrison e Karen Anderson, Climate Change and Water Resources in Arid Mountains: An Example from the Bolivian Andes , in Ambio , vol. 42, n. 7, 2013-11, pp. 852–863, DOI : 10.1007/s13280-013-0430-6 . URL consultato il 19 giugno 2021 .
  48. ^ https://info.caserita.com/Los-Kjarkas-simbolo-musical-boliviano-a39
  49. ^ http://www.lacatedra.umsa.bo/web/la-catedra/2/-/asset_publisher/f55S/content/uso-del-satelite-tupac-katari-como-herramienta-de-investigacion
  50. ^ https://www.notimerica.com/sociedad/noticia-celebra-dia-independencia-bolivia-agosto-20160806082955.html
  51. ^ Copia archiviata , su bolivia.com . URL consultato il 9 ottobre 2019 ( archiviato il 9 ottobre 2019) .
  52. ^ Copia archiviata , su notimerica.com . URL consultato il 9 ottobre 2019 ( archiviato il 9 ottobre 2019) .
  53. ^ The FIFA/Coca-Cola World Ranking - Ranking Table - FIFA.com , su fifa.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 settembre 2012) .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130756130 · LCCN ( EN ) n79066590 · GND ( DE ) 4007607-6 · NDL ( EN , JA ) 00560869 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79066590