Bèljik

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Bèlj" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Bèlj (disambiguation) .
Bèljik
Bèljik - Drapo Bèljik - manto nan bra
( detay ) ( detay )
( NL ) Eendracht maakt macht
( FR ) L'Union fait la force
( DE ) Einigkeit macht stark
( IT ) Inite se fòs
Bèljik - Lokalizasyon
Bèljik (vèt fonse) nan Inyon Ewopeyen an (vèt limyè)
Done administratif
Non konplè Wayòm Bèljik
Non ofisyèl ( NL ) Koninkrijk België
( FR ) Royaume de Belgique
( DE ) Königreich Belgien
Lang ofisyèl yo Olandè , franse ak Alman
Kapital Pi gwo rad nan vil la nan Brussels.svg Brussels (1 218 255 abitan. / 2020)
Politik
Fòm gouvènman an Monachi palmantè federal
Wa Filip
premye Minis Alexander De Croo
Endepandans 4 oktòb 1830
soti nan Wayòm Ini a nan Netherlands
Antre nan Nasyonzini an 27 desanm 1945 2
Antre nan Inyon Ewopeyen an 25 Mas 1957
(manm fondatè)
Sifas
Total 30 536 [1] km² ( 136º )
% nan dlo 6.2%
Popilasyon
Total 11 550 039 abitan. (01-10-2020) ( 82º )
Dansite 378,24 abitan / km²
To kwasans 0.061% (2012) [2]
Non moun ki rete yo Bèljik
Jewografi
Kontinan Ewòp
Fwontyè Netherlands , Almay , Liksanbou , Lafrans
Lag jè UTC + 1
UTC + 2 nan lè solèy kouche
Ekonomi
Lajan lajan ewo
GDP (nominal) 483 904 [3] milyon dola (2012) ( 25th )
GDP per capita (nominal) 43 615 $ (2012) ( 18tyèm )
GDP ( PPP ) 415 $ 602 milyon (2012) ( 32º )
GDP per capita ( PPP ) 37 459 $ (2012) ( 19yèm )
ISU (2016) 0,896 (trè wo) ( 22º )
Fètilite 1.8 (2010) [4]
Konsomasyon enèji 0.88 kWh / ab. ane
Divès
ISO 3166 kòd BE , BEL, 056
TLD .be , .eu
Prefiks tel. +32
Otom. B.
Im nasyonal Brabançonne la
Jou ferye nasyonal la 21 jiyè
Bèljik - Kat jeyografik
1 Lang nasyonal .
Istorik evolisyon
Eta anvan an Netherlands Wayòm Ini nan Netherlands

Kowòdone : 50 ° 38'28 "N 4 ° 40'05" E / 50.641111 ° N 4.668056 ° E 50.641111; 4.668056

Bèljik , ofisyèlman Wayòm Bèljik la , se yon eta federal ki gouvène pa yon monachi palmantè (denominasyon nan lang ofisyèl yo : Koninkrijk België nan Olandè , Royaume de Belgique an Franse , Königreich Belgien an Alman ). Li se yon eta manm nan Inyon Ewopeyen an ki sitye nan lwès Ewòp . Li se fontyè nan nò a pa Netherlands , sou bò solèy leve a pa Almay ak Luxembourg la , nan sid la ak sidwès ak Lafrans ak nò-lwès neglijans lanmè Nò a .

Sitiye sou fwontyè ki genyen ant Ewòp ki pale Alman ak zòn nan lengwistik ak kiltirèl Romance, Bèljik divize an twa rejyon yo. Nan nò, Olandè ki pale Flanders genyen apeprè 58% nan popilasyon total la. Nan mitan an se rejyon an nan vil la nan Brussels , Brussels-Kapital ki se ofisyèlman bileng, byenke li se majorite franse ki pale, ak nan ki 10% nan popilasyon an abite. Nan sid la, Wallonia gen ladan 32% nan popilasyon total la, sitou franse ki pale ak eksepsyon de yon ti kominote, sou fwontyè a ak Almay , kominote a ki pale Alman nan Bèljik nan lang Alman an , ki gen ladan tout ti bouk yo transfere soti nan Almay. nan Bèljik nan 1919 ak anekse nan Almay Nazi nan 1940 - 1945 .

Li te youn nan fondatè yo nan Inyon Ewopeyen an ak kapital la Brussels se lakay yo nan divès enstitisyon Inyon Ewopeyen.

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Bèljik .

Vil la gen tras evidan nan prezans imen ki date tounen nan tan pre-istorik , an patikilye nan sit sa yo megalitik nan Oppagne ak Wéris , kote ki gen dolmens enteresan.

Premye abitan istorik yo nan Bèljik, ki te rele Bèljik , yo te sitou manm nan branch fanmi Celtic , ki te rete nan Gal ak te akable pa Julius Caesar nan 54 BC , jan li te dekri nan De bello Gallico l 'yo . Li te Seza tèt li ki te note valè patikilye Bèlj yo nan batay, tèlman bagay ke li te ekri: "horum omnium fortissimi sunt Belgae" oswa "nan tout [pèp Gal] ki pi vanyan yo se Bèlj yo". Non aktyèl la nan vil la soti nan tèm Gallia Belgica yo itilize pa Women yo .

Nan Tirlemont / Tienen gen kèk tonm Women yo rele "Trois tumuli" (Tumuli de Grimde) nan fòm twa ti mòn. Sit antèman Women yo ka jwenn tou nan Guèronne ak Billemont (trou de Billemont). Sa yo se ti mòn ak yon chanm antèman ak kavo ki gen yon afinite sengilye ak mitan tonm mò yo etrusk ak sanble yo te parèt sou sit ki sòti nan yon peryòd pi bonè.

Aprè efondreman Anpi Women an ( 5yèm syèk la ), branch fanmi jèrmanik yo te anvayi pwovens Women an nan peyi Gal. Youn nan pèp sa yo, Frank yo , evantyèlman enstale yon nouvo wayòm anba règ dinasti merovingyen an . Clovis mwen te pi popilè nan wa sa yo: li konvèti nan Krisyanis ak dirije soti nan nò a nan Lafrans , men anpi l 'tou enkli Bèljik. Kretyen entelektyèl, sitou relijyeu relijyeu , preche Krisyanis ak te kòmanse travay la nan konvèti anvayisè yo payen .

Aprè de syèk, dinasti karoleng la te pran plas li: apre Charles Martel te opoze ak envazyon mor nan peyi Espay (732, batay Poitiers ), pi popilè wa yo, Charlemagne , te rasanble anpil nan Ewòp anba souverènte li e li te kouwone kòm Sen Anperè Women pa Pap Leo III (Nwèl nan ' 800 ). Feyodalis Ewopeyen an te vin baz pou estabilite militè, politik ak ekonomik. Krisyanis devlope anba pwoteksyon chèf sa yo ak nan fondatè kominote relijye yo ak monastè , legliz ak pelerinaj .

Manyifik Grand Place / Grote Markt la nan Bruxelles / Brussel
Yon penti soti nan Revolisyon Bèlj la nan 1830

Te rejyon an pita ki asosye ak Netherlands , Lè sa a, te vin anba règ la nan Bourgogne premye ak Lè sa a, Espay , jouk pwovens yo Pwotestan te deklare tèt yo endepandan (gade Netherlands ). Dominasyon Ostralyen swiv kòmanse nan lapè nan Utrecht ( 1713 ), ak yon deseni kèk pita sa yo ki an Frans anba Napoleon . Apre depozisyon Napoleon an, bat nan Waterloo sou 18 jen, 1815 , Bèljik te reyini ak pwovens nò yo nan yon sèl Wayòm Ini nan Netherlands jiskaske, nan 1830 , revolisyon an Bèlj mennen nan etablisman an nan yon eta endepandan Bèlj (rekonèt nan 1839 ).

Revolisyon Bèlj la te inisye pa eleman ki pale franse , katolik ak liberal ki kontwole endistri yo ak lòt sous ekonomik yo epi yo pa t 'vle viv anba yon administrasyon ki pale Olandè . [5] Soti nan 1830 a 1898 sèlman franse te lang ofisyèl lan. Eleman flamand lan te fè diskriminasyon kont li. Pandan 20tyèm syèk la , mouvman flamand la te rive diminye privilèj moun kap pale fransè yo . Nan ane 1960 yo , fwontyè lengwistik la te finalman etabli. Yon pati nan teritwa a ki pale Olandè te enkòpore nan teritwa a bileng nan Brussels. Sepandan, nan kèk minisipalite ki pale ofisyèlman nan Oland nan Fland , moun ki pale franse yo kenbe sèten dwa, tankou posiblite pou vote pou pati ki pale franse yo, ki pa egziste pou flamand nan Wallonie . [ san sous ] . [ Èske pati flamand yo entèdi oswa èske yo senpleman pa egziste nan Wallonia? ]

Tou de nan Wallonia ak nan minisipalite yo ki pale Alman , gen administratif "enstalasyon" pou moun ki abite nan youn oswa plis rejim lang. Nan minisipalite sa yo, rezidan yo ka adrese administrasyon vil la nan yon lòt lang pase rejyon kote minisipalite a ye a. Nan Fland, sepandan, lang Olandè a obligatwa oswa, si ou pa pale li, èd nan yon lang natif natal kòm yon tradiktè.

Wa Bèlj la, Leopold I nan Saxe-Coburg , te chwazi avèk asistans Britanik lan ; netralite nasyon an te garanti kont pwochen agresyon militè etranje yo. Sa a te vyole netralite nan 1914 , lè Almay anvayi Bèljik, kòm yon pati nan Plan an Schlieffen . Bèljik te eseye retounen nan netralite nan ane 1930 yo , men li te anvayi ankò pa Almay Nazi an 1940 .

Aristokrasi sou kòt Bèlj la nan kòmansman ventyèm syèk la

Apre Dezyèm Gè Mondyal la , politik la nan netralite te abandone, ak Bèljik Joined NATOganizasyon Trete Nò Atlantik ak Kominote Ekonomik Ewopeyen an . Bèljik te gen yon koloni enpòtan nan Lafrik pandan istwa li: Kongo a , ki te bay wa Leopold II ak Konferans Bèlen nan 1884 - 1885 . Li te konsidere teritwa a kòm pwopriyete prive li e li te rele l Eta Kongo Lib . Nan Eta sa a gratis , popilasyon lokal la te britalize an echanj pou kawotchou , yon mache k ap grandi ak devlopman nan kawotchou .

Enpòtans ki genyen nan komès la dyaman pèmèt Antwerp yo vin yon sant mond ki renome nan sektè a. Nan 1908 , presyon entènasyonal kont wa Leopold nan maltrete te vin tèlman fò ke Leopold II te fòse yo bay byen l 'bay eta a Bèlj kòm yon koloni. Li te gen depi vin Kongo a Bèlj , anvan yo pran endepandans an 1960 . Patisipasyon lòt bò dlo Bèljik la te grandi apre Premye Gè Mondyal la, lè de koloni Alman yo , Rwanda ak Burundi , te konfye nan Bèljik pa Lig Nasyon yo . Politik Bèlj nan administrasyon an ak devlopman sosyo-kiltirèl nan nasyon sa yo te lou kritike; npil te wè desizyon Bèlj yo kòm yon faktè enpòtan nan pwoblèm yo ki gwo malè tonbe sou Rwanda nan ane 1990 yo . [ san sous ]

Depi nan konmansman an nan 20yèm syèk la, istwa a nan Bèljik te de pli zan pli domine pa otonomi a ap grandi nan de kominote prensipal li yo, flamand ak valon. Pou konfime sa a, kòmanse apeprè 1970 , pa gen okenn pati nasyonal ankò nan Bèljik, men se sèlman pati flamand oswa valon. Tantativ repete pou etabli pati nasyonal yo pwodwi rezilta, an tèm de vòt yo, ki mwens pase 1% nan elektora an. Pati yo Brussels pa janm te resevwa sou wout (tankou nan ka a nan "Blauwe Leeuwen la" ak "Rode Leeuwen la" nan Flamman yo Brussels) oswa fusionné ak youn nan pati yo liberal nan kominote a ki pale franse (tankou FDF la). Pou sa, peyizaj politik la montre yon sistèm doub ki reflete de kache kominote dominan yo.

Apre eleksyon politik yo nan mwa jen 2007, divizyon politik sa yo te plis aksantué, tèlman yo trennen peyi a nan yon kriz enstitisyonèl patikilyèman grav, pandan ki li te pran 196 jou yo kreye yon gouvènman. Nan mwa novanm 2007, yon manifestasyon popilè te fèt nan Brussels an favè inite nan peyi a ak kont pwojè a nan transfòme li nan yon konfederasyon nan eta otonòm ak yon baz etnik-lengwistik. Kriz politik la te rive nan pik li apre eleksyon 2010 yo: Bèljik pa gen okenn gouvènman ofisyèl pou 541 jou. Kriz sa a te rezoud nan Desanm 2011, lè fon an sosyalis ki gen orijin Italyen Elio Di Rupo fòme yon kowalisyon gouvène. Sou 21 Jiyè 2013, nan okazyon an nan jou fèt la nasyonal, wa Albert II abdike apre ven ane nan rèy an favè Filip, pitit gason l ', ki moun ki te vin setyèm wa a nan Bèlj yo. Apre nouvo eleksyon ak long negosyasyon ant pati yo, akò kowalisyon an te rive jwenn 11 Oktòb 2014, nonmen Charles Michel kòm nouvo Premye Minis peyi a.

Jewografi

Flèch-katab-categorize.svg Antre yo endividyèl yo ki nan lis nan Kategori a: Jewografi nan Bèljik

Teritwa

Rejyon lès. Sou fwontyè a ak Almay, peyi a pa trè kiltivab ak sovaj.

Bèljik kouvri yon zòn nan 30 528 km² ak ekstansyon maksimòm li yo (ki soti nan Ostend Arlon ) se sèlman 318 km. Kòm pou fwontyè yo, fwontyè a ak Lafrans mezire 620 km, yon sèl la ak Netherlands 450 km, yon sèl la ak Almay 167 km epi finalman yon sèl la ak Grand duche a nan Luxembourg 148 km, pou yon valè total de 1 385 km. Peyi a sitiye ant 50º ak 51º lat. Nò ak ant 3º ak 6º long. East.

Bèljik kapab divize an twa prensipal rejyon fizik: plenn kotyè Fland, ki sitiye nan nòdwès, plenn santral la, ak rejyon modès ti mòn rakbwa ki rele Ardenne yo , ki pwolonje nan sidès la.

Imaj satelit

Teren an kotyè, pou yon total de 66 km nan litoral, se ki ba, kontra enfòmèl ant ak Sandy, lokalman karakterize pa mòn sab kòtplaj sab ak polders . Polders yo se tè tou pre oswa anba nivo lanmè , ki te reklame soti nan lanmè a ak pwoteje soti nan li pa baraj , oswa, plis andedan, jaden ki te vide pa kanal .

Deplase nan direksyon pou aryèr la louvri rejyon an nan plenn yo Santral: li se yon zòn ki leve dousman, san yo pa janm depase 100 m nan altitid, karakterize pa fon fètil, irige pa anpil sous ak kanal atifisyèl. Lokalman li posib vini nan tout zòn yon ti kras plis rezistan, kote gen tou CAVES ak ti defile. Rejyon an Ardennes, ki pwolonje esansyèlman nan sid sistèm lan fon Sambre-Meuse, se relativman rezistan. Nan plato sa a, wòch ak inoporten pou agrikilti vaste, karakterize pa menm forè dans, dansite popilasyon an se pi ba anpil pase nan zòn nò yo, ki te pèmèt pou pi bon konsèvasyon teritwa a. Altitid maksimòm lan anrejistre nan ti mòn Ardennes yo : li se Signal de Botrange , ak sèlman 694 mèt.

Idrografi

Larivyè Lefrat la Sambre kouri nan sant la nan Namur

Lapli kontinyèl la ak enpèmeyabilite a toupatou nan tè yo vle di ke rivyè yo Bèlj yo, an jeneral, trè rich nan dlo, men prèske okenn nan yo kouri antyèman nan teritwa a nan peyi a.

Mwayen ak pi ba Bèljik voye dlo li yo nan èskeld la , yon rivyè tipik plenn, ak yon pant ki ba ak yon rejim trè regilye. Malgre ke li gen orijin li an Frans ak bouch li nan Netherlands, èskeld la se vre Bèlj rivyè par ekselans lan, menm jan li odtoki ak aflu li yo prèske mwatye nan teritwa a. Nan sid la, Meuse an premye koupe nan plato a Ardenne, ki bay monte fon koule, ak Lè sa a, antre nan gwo renur la Longitudinal vwayaje nan seksyon an premye pa Sambre a , youn nan sèlman enpòtan nan mitan aflu gòch li yo ; soti sou bò dwat la, nan lòt men an, li resevwa afliyan plizyè ki desann, ak chemen olye kout, ki soti nan Ardenne yo.

Rivyè Bèlj yo prèske tout navigab e kidonk konstitye wout kominikasyon enpòtan; yo konekte youn ak lòt pa yon sistèm atikile nan kanal pwolonje pou yon longè total de apeprè 1 600 km navigab.

Klima

Klima a se Atlantik, karakterize sou kòt la pa imidite segondè ak varyasyon tanperati ra. Nan rejyon andedan yo gen yon ogmantasyon nan seri tanperati a ak sou ti mòn yo sezon ivè yo pi rijid. Lapli abondan e regilye.

Bèljik jwi yon klima ki sou tout la ka defini kòm Atlantik; men tou de paske teritwa a ale yon ti jan nan enteryè a nan kontinan an, ak paske nan prezans nan plato a Ardennes, gen diferans enpòtan nan relasyon ak yon altitid la ak distans soti nan lanmè a. Tanperati mwayèn ogmante jan nou kontinye soti nan enteryè a nan direksyon pou kòt la. Mwayèn tanperati maksimòm ete yo se 25 ° C, tanperati tanperati maksimòm yo se 7.2 ° C; ba anyèl yo ak o anrejistre nan istwa yo te: -30,1 ° C ak +38,8 ° C, men vag chalè istorik la nan Jiyè 2019 te depase 40 degre.

Se lapli a byen distribye ant mwa yo nan ane a, men se sèlman sou kòt la se rejim nan oseyanik (ak lapli nan tout sezon, ak prévalence nan otòn), kòm enfliyans nan kontinantal Ewòp la, ak yon ensidans ki pi wo nan presipitasyon pandan ete.

Flora ak fon

Zòn forè yo nan rejyon plat ak aksidante yo sitou konpoze de pyebwa ki gen gwo fèy tankou pye bwadchenn , elm ak, nan pi wo altitid, pye bwa Beech . Nan masif Ardenne yo, nan lòt men an, forè rezineuz antremele ak mor ak tourbiye yo gaye anpil. Gen anpil espès plant flè tankou jasent , goldenrods , bigorno ak dijital . Wildlife, ki ap viv lajman nan zòn forè, gen ladan rena , badgers , ekirèy , belèt, ak mart . Sèf frich ak kochon sovaj ap viv nan rejyon montay yo.

Zòn ki pwoteje

Siy fwontyè pou pak nasyonal la an menm non yo

Peyi a, ke yo te peple, toujou konsève kèk anviwònman entak soti nan yon pwen de vi naturalist. Pwoteksyon se te pote soti nan yon fason fragmenté ant Eta a, kominote yo, rejyon yo, premye a tout moun, men tou, pwovens yo ak minisipalite yo, ki reprezante kò yo administratif an chaj, ki ka pote soti nan entèvansyon otonòm ak endepandamman youn ak lòt. Pou rezon sa a tou, se yon wòl trè enpòtan nan pwomosyon aksyon entegre pou pwoteksyon lanati jwe pi wo a tout pa òganizasyon prive. Jis kèk nan sa yo, nan 1952, te fèt nan Inyon Nasyonal pou Pwoteksyon Lanati, ansanm ak Asosyasyon Nati ak rezèv ornitolojik nan Bèljik ak Asosyasyon Wielewaal. An jeneral, zòn ki pwoteje a piti anpil, li rive sèlman sou 2.8%, men an reyalite zòn nan aktyèlman pwoteje (yon sèl ki tonbe nan rezèv nati yo, posede ak jere pa piblik la) okipe jis plis pase 0.5%. Kounye a gen 97 rezèv nati ak 3 rezèv forè eta nan Bèljik, pandan ke gen 263 "rezèv nati otorize", prive posede ak opere, ki kalifye pou sibvansyon leta yo. Sa yo prive yo jeneralman nan yon gwosè ki pi limite, men, sou tout la, tout zòn ki pwoteje nan Bèljik gen yon ekstansyon limite.

Rezèv lan nati prive Zwin

Se sèlman Hautes Fagnes-Eifel National Park la, ki te etabli an 1984, nan pwovens Liège, ki gen yon gwo zòn (67 850 ekta) ak yon pi gwo varyete paysages. Premye a tout forè a, ki kouvri 50% nan teritwa pak la, Lè sa a, marekaj sfèy , jaden flè nan larivyè Lefrat la nou yo ak jaden flè lak la nan de lak yo atifisyèl nan Bütgenbach ak Robertville . Pami rezèv lanati ki gen enpòtans patikilye se sa ki nan Zwin a , yon marekaj etabli an 1952 pa inisyativ prive (pa Asosyasyon an nan lanati ak rezèv ornitolojik), ki fin plis pase 150 ekta, ki 25 nan teritwa Olandè yo. Li se yon anviwònman ki gen gwo enterè, ki sitou gen ladan mudflats, marekaj ak etan, kote yon gran varyete zwazo akwatik jwenn abri.

Popilasyon

Premye koloni yo

Pi ansyen tras imen yo te jwenn nan Bèljik, al gade nan Paleantrope Neandertal la: ra ak modès yo jwenn nan Upper Paleolitik la epi pita Neyolitik yo (jwenn soti nan Hesbaye ak Hainaut). Nan lòt men an, gen anpil jwenn nan règleman pil-rete nan West Flanders ak Brabant , ak pèsistans depi Laj la Iron (jan yo demontre pa sit sa yo akeyolojik nan Neckerspeel, Austruweel, Contich).

Devlopman demografik ak lang

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Edikasyon nan Bèljik .
Lang ak dyalèk nan Benelux la

Li konnen pou asire w, gras a temwayaj yo nan Julius Caesar , ke popilasyon Celtic te deja sipèpoze moun yo endijèn nan vag siksesif nan laj istorik. Imedyatman, imigrasyon yo akòz konkèt Women an konplètman latinize rejyon an; pita, lè popilasyon jèrmanik te vin rete nan plenn nò yo, eleman Celto-Women an te pran refij nan plato sid yo kote li te kapab kenbe lang li pou yon tan long. Soti nan distribisyon sa a ansyen sou teritwa a Bèlj nan de popilasyon nan filiation diferan sòti kopi nan lengwistik ki toujou jodi a karakterize moun ki rete nan Bèljik: nan Fland , rejyon nò nan peyi a, Olandè yo pale (se dyalèk la flamand pale), pandan y ap nan walon , nan sid Bèljik, franse se pale (an reyalite fin vye granmoun Walloon se dyalèk nan pa gen okenn ankò itilize pa popilasyon an). Genyen tou yon minorite Alman ki pale nan Wallonia ak 70,000 reprezantan, konsantre nan nèf minisipalite alantou sant yo nan Eupen ak Sainth-Vith, nan pati lès nan pwovens lan nan Liège. Rejyon an Brussels, nan lòt men an, se ofisyèlman bileng, byenke eleman ki pale franse a se pa lwen yon sèl prensipal la. Apeprè 55% nan Bèljyen yo se lang manman flamand ak apeprè 38% lang matènèl franse [6] . Flamand se lang ki pi lajman pale. Nan 1830, lè Bèljik te etabli kòm yon eta endepandan, popilasyon an totalize 3 785 000 moun; an 1914, sou Ev nan lagè a, te gen 7.5 milyon moun ki rete: konsistans demografik nan peyi a te double nan mwens pase yon syèk. Imedyatman, tou de akòz konsekans yo nan lagè a, ak pi wo a tout paske to a nesans piti piti diminye, ogmantasyon an te anpil mwens rapid: nan 1947 li te rive nan 8.5 milyon moun ki rete ak nan 1961 li te fèmen nan mwen 9. Mòtalite te tou pwogresivman diminye sou dènye syèk lan ak sa a te pèmèt sipli a nan nesans sou moun ki mouri yo kenbe valè pozitif, ki se sepandan fòtman atenuan. Li ta dwe remake, sepandan, ke istorikman te eleman flamand la toujou montre pi gwo vitalite demografik, ki gen tandans genyen men nimerik ki gen rapò ak eleman valon an.

Dènye dinamik demografik

Tandans demografik (klike sou elaji)
Piramid ki gen laj (nan dè milye)

Depi ane 1960 yo, to kwasans demografik la te diminye progresivman: sou karant ane ki vin apre yo, popilasyon Bèlj la ogmante pa jis plis pase yon milyon inite. Ogmantasyon sa a te fèt pi wo a tout nan peryòd ant 1961 ak 1980, pandan ki rezidan yo prèske rive papòt la nan 10 milyon dola, ak Lè sa a, ogmante pa jis 200,000 inite sou ven ane sa yo, ak pousantaj mwayèn anyèl fèmen nan zewo. Sa a stagnation demografik te patikilyèman evidan nan ane 1980 yo, pandan ki popilasyon an ogmante pa jis 15,000 inite: an reyalite, te n bès nan to nesans la nan Bèljik ki asosye avèk yon rediksyon enpòtan nan ap koule migrasyon soti nan aletranje, deprime pa kriz la nan asye a sektè, youn nan prensipal opòtinite travay nan peyi a. Ane 1990 yo, nan lòt men an, yo te karakterize pa yon ogmantasyon plis soutni, ki nan kòmansman 21yèm syèk la te pote popilasyon an byen pi wo pase papòt 10 200 000 rezidan yo (pandan ke nan fen 2007 popilasyon an te konte 10 585 000 moun ). Nan baz sa a ranvèse tandans ti kras yo se kou a entansifye migratè - ankouraje pa yon pi bon sitiyasyon ekonomik - ak rekiperasyon an nan to nesans la: lèt la, nan n bès konstan depi Dezyèm Gè Mondyal la, li te ye depi dezyèm mwatye nan la nan nineties yo yon estabilizasyon ak Se poutèt sa yon ti ogmantasyon, rezoud nan 2006 sou valè 11,5 ‰; diferans la ap grandi ak to mòtalite a, ki olye diminye plis (10.2 ‰), garanti yon pozitif ak yon ti kras ogmante balans natirèl.

Dansite popilasyon an nan Bèljik, ak 345 abitan / km², se twazyèm pi wo a nan Inyon Ewopeyen an (apre sa ki nan Malta ak Netherlands). Estrikti nan laj montre yon popilasyon olye afekte pa pwoblèm nan nan aje, san yo pa gwo diferans rejyonal yo: gwoup la laj ant 15 ak 65 ane reprezante apeprè 65.5% nan total la, pandan y ap sa yo ki nan jèn moun ki poko gen 15 ane rive nan 17.5%, ak yon tandans pou yon rediksyon plis. Esperans lavi montre tou pa gen okenn twou vid ki genyen siyifikatif rejyonal e li te rete nan 77 ane pou gason ak 82 pou fanm yo.

Distribisyon popilasyon an

Antwerp. Yon tipik blòk iben.

La distribuzione della popolazione presenta una certa disomogeneità spaziale, retaggio di vicende storiche ed economiche che hanno portato a una concentrazione demografica nelle aree di gravitazione dei maggiori centri urbani e dei principali distretti minerari e industriali. Emergono pertanto significativi divari regionali.

La regione più popolata è quella fiamminga, con il 58% della popolazione totale (6 120 000 abitanti) e una densità di 447 abitanti/km²; le aree di maggiore popolamento sono quella costiera, interessata dalle agglomerazioni di Anversa , Gand e Bruges , l'area emergente di Kortrijk e il polo limburghese. Nella regione vallona risiede circa un terzo della popolazione totale (3 435 000), con una densità assai inferiore a quella fiamminga (202 abitanti/km²); ben sottolineato dalle vicende storiche del popolamento appare il solco Haine-Sambre- Mosa , con due grandi agglomerati in corrispondenza delle aree urbane di Liegi e Charleroi . La concentrazione demografica è invece massima nella regione urbana di Bruxelles, situata al centro di un'area a elevata densità di popolazione delimitata da Anversa , Lovanio , Nivelles , e Gand ; l'agglomerato bruxellese supera il milione di abitanti (1 031 000), quasi un decimo della popolazione totale e presenta una densità tipica delle grandi concentrazioni urbane, superiore ai 6 200 abitanti/km².

Urbanizzazione e deurbanizzazione

Un esempio di abitazione rurale tradizionale

La rete urbana del Belgio si presenta a maglie particolarmente fitte: otto città superano la soglia dei 100 000 residenti e sedici hanno una popolazione compresa tra i 50 000 ei 100 000 abitanti, mentre sono particolarmente numerosi i piccoli centri con popolazione inferiore ai 5 000 abitanti. Le principali città del Paese sono: Anversa (507 000 residenti), Gent (249 000) e Bruges (117 000) nella regione fiamminga; Charleroi (204 000), Liegi (197 000), la capitale Bruxelles (168 230, ma oltre un milione nell' area metropolitana ) e Namur (110 000) in quella vallona.

Il grado di urbanizzazione - inteso come percentuale di popolazione residente in località urbane - si presenta in Belgio con un'intensità che non ha pari in nessun altro Paese europeo, ed è tale da posizionare il Regno ai primi posti nella classifica mondiale: il suo peso percentuale è salito sino a raggiungere, alla metà degli anni novanta, il 97%, ai livelli di Singapore e Hong Kong. Fra le tendenze recenti in materia di urbanizzazione vi è innanzitutto un certo calo demografico nelle agglomerazioni urbane con una popolazione superiore ai 100 000 abitanti, interessate da un processo di deurbanizzazione in atto già dalla fine degli anni settanta, a vantaggio di soluzioni residenziali di tipo periurbano, ai limiti dello spazio rurale.

Conseguentemente, a partire dagli anni ottanta cresce il peso relativo ai centri di taglia media, con popolazione compresa tra i 10 000 ei 50 000 abitanti, ma sono soprattutto i piccoli centri, in particolar modo quelli della regione fiamminga, a mostrare una notevole vivacità demografica. Inoltre si è osservata a partire dagli anni novanta una ripresa demografica-anche se modesta in valore assoluto dell'insediamento di tipo rurale, grazie anche all'efficiente rete di trasporti che ha consentito a molti lavoratori dell'industria e del terziario occupati nelle città di conservare o adottare residenze rurali. Nello specifico, si rileva una predominanza di abitati rurali in alcuni distretti delle Fiandre occidentali, del Limburgo, del Brabante, dell'Hainaut e di Liegi.

Caratteristiche migratorie

Lo sviluppo demografico che ha interessato il Belgio all'indomani del secondo conflitto mondiale ha attivato consistenti afflussi di manodopera straniera; l'importanza del fenomeno appare chiara se si considera il peso percentuale dei residenti di origine straniera sulla popolazione totale (9,8%); tale percentuale risulta la terza più elevata in Europa.

Per tutto il XIX secolo e nei primi decenni del XX i movimenti di emigrazione e di immigrazione sono stati di modesta entità, con una certa prevalenza degli esodi. Dopo la prima guerra mondiale, però, le immigrazioni cominciarono a superare le emigrazioni; infatti molti lavoratori affluirono da Paesi vicini (ma anche dall'Italia, creando la comunità degli Italo-belgi ) per lavorare nelle industrie e nelle miniere. Alla fine degli anni settanta il numero totale degli stranieri in Belgio sfiorava le 900 000 unità (di cui quasi 300 000 Italiani). Negli anni ottanta la crisi siderurgica ha provocato un declino del flusso migratorio; solo dagli anni novanta, grazie alla migliorata situazione economica, si è registrata una certa ripresa del fenomeno, sia pure a fasi alterne.

Secondo le ultime stime i residenti d'origine straniera supererebbero il milione di unità: la comunità più numerosa sarebbe quella marocchina (356 000 rappresentanti), seguita da quella italiana (253 000), turca (167 000), francese (88 600) e olandese (42 000). [ senza fonte ] Un belga su cinque ha origini non belghe, e due milioni di belgi hanno immigrati tra i propri antenati. [7]

2000 2001 2002 2003
Totale 57 295 65 974 70 230 68 800
Africa 9 726 12 879 15 019 14 421
Africa del nord 6 648 8 351 9 903 9 825
-- Algeria 466 673 710 732
-- Marocco 5 667 7 072 8 495 8 444
-- Tunisia 354 440 494 510
Africa nera 3 078 4 528 5 116 4 596
-- RD Congo 831 1 425 1 325 1 134
-- Camerun 249 334 468 456
Asia 7 739 9 056 11 166 10 904
-- Turchia 2 812 2 982 3 872 3 828
-- Cina 815 1 272 2 125 1 575
-- Giappone 890 798 820 938
-- India 662 852 959 1 101
-- Pakistan 146 283 383 390
Europa 34 316 37 298 37 691 37 775
-- Germania 3 037 2 884 2 966 2 942
-- Spagna 1 355 1 528 1 503 1 545
-- Francia 8 108 8 040 8 135 8 191
-- Grecia 533 554 593 641
-- Italia 2 600 2 439 2 310 2 293
-- Paesi Bassi 7 178 8 167 8 404 8 547
-- Polonia 1 134 2 928 2 427 2 086
-- Portogallo 1 324 1 347 1 567 1 823
-- Regno Unito 3 225 2 660 2 543 2 496
-- Svezia 640 515 526 481
-- Romania 650 966 994 998
-- Russia 579 645 594 610
Americhe 5 120 6 018 5 787 5 306
-- Brasile 416 487 472 451
-- Canada 566 540 632 628
-- Stati Uniti 2 794 2 891 2 701 2 483
Totale 57 295 65 974 70 230 68 800
2000 2001 2002 2003

Comunità linguistiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Questione linguistica belga , Lingue del Belgio e Suddivisioni del Belgio .

In Belgio, l'argomento etnico è profondamente legato a quello linguistico e ha portato alla creazione di uno Stato federale unico al mondo nel suo genere. In effetti, nel Paese si parlano tre lingue alle quali viene associata l'esistenza di tre gruppi linguistici: fiamminghi (di lingua olandese , nella sua forma locale chiamata fiammingo ), valloni (di lingua francese ) e tedeschi di lingua tedesca . Ognuno dei tre maggiori gruppi linguistici viene chiamato Comunità , termine che corrisponde a una suddivisione culturale amministrativa all'interno dello Stato federale, accanto a un'ulteriore suddivisione delle Federazione in tre regioni , regioni che non combaciano con la stretta definizione delle comunità descritte. In realtà parlare di "etnie" per il Belgio è molto difficile: si appartiene a un gruppo linguistico per localizzazione geografica, non a un gruppo etnico o familiare.

Ogni Comunità si occupa degli argomenti scolastici e culturali dei propri locutori residenti in zone monolingui e/o bilingui sul territorio: Comunità francofona , Comunità fiamminga e Comunità germanofona del Belgio . Secondo l'ultimo censimento linguistico - che risale al 1990 [8] - più della metà della popolazione belga risulta di lingua olandese (58,2 %), mentre la lingua francese risulta essere la seconda lingua (34,1%), seguita dal tedesco parlato da meno dell'1% della popolazione. Il resto della popolazione parla altre lingue (per esempio arabo , italiano , portoghese …): si tratta di immigrati che praticano ancora la propria madrelingua [9] .

Tre regioni sono state create nello Stato belga per organizzare la vita economica delle comunità e quella della capitale, Bruxelles , la quale è ufficialmente bilingue (olandese-francese).

Una prima regione è quella delle Fiandre , in cui la lingua ufficiale è l'olandese (nella sua versione fiamminga) e che ha messo in comune i propri organi amministrativi con quelli della Comunità fiamminga con un'unica sede governativa a Bruxelles .

Una seconda regione è quella della Vallonia , dove la lingua ufficiale è il francese . In Vallonia risiede anche la Comunità di lingua tedesca concentrata nelle zone del Sud Est e con sede a Eupen . La regione della Vallonia ha sede a Namur , mentre la Comunità francofona ha sede a Bruxelles .

La terza regione belga è la regione di Bruxelles-Capitale , enclave ufficialmente bilingue (francese e olandese) situata geograficamente nella regione delle Fiandre . I dati dicono, però, che Bruxelles è principalmente francofona (le statistiche parlano del 70% circa della popolazione), con soltanto il 10% di abitanti di lingua olandese e almeno il 20% che parla altre lingue: si tratta anche in questo caso di immigrati che parlano la propria madrelingua [10] ; forti sono i contrasti tra le comunità. La regione di Bruxelles-Capitale include 19 comuni: Anderlecht , Auderghem , Berchem-Sainte-Agathe , Bruxelles , Etterbeek , Evere , Forest , Ganshoren , Ixelles , Jette , Koekelberg , Molenbeek-Saint-Jean , Saint-Gilles , Saint-Josse-ten-Noode , Schaerbeek , Uccle , Watermael-Boitsfort , Woluwe-Saint-Lambert , Woluwe-Saint-Pierre . Quella che viene conosciuta di solito come Bruxelles è, dunque, solo uno dei 19 comuni e il capoluogo della regione amministrativa di Bruxelles-Capitale . A complicare lo status della città è il fatto che Bruxelles sia anche la capitale del Belgio, la capitale della regione delle Fiandre , la capitale della Comunità francofona del Belgio e la capitale de facto dell' Unione europea .

Religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in Belgio .

Il cattolicesimo è la religione principale; tuttavia è in atto un forte processo di secolarizzazione . Nel 2010 il 60% della popolazione si dichiara cattolico, pur essendo l'87% della popolazione nato in famiglie cattoliche. [11] Nel 1980 si dichiarava cattolico il 72% dei belgi, sceso al 68% nel 1990 e al 65% nel 2005.

La religione fu una delle differenze tra il sud cattolico e il nord protestante del Regno dei Paesi Bassi che portarono alla separazione del sud, nel 1830 , e alla nascita del Belgio attuale. Questo spiega anche l'attuale prevalenza numerica dei cattolici.

Dal 1830, il cattolicesimo ha avuto anche un ruolo importante nella politica belga. Un esempio sono le cosiddette "guerre scolastiche" (" guerres scolaires " in francese) tra liberali e cattolici che si ebbero tra il 1879 e il 1884 ("prima guerra scolastica"), e tra il 1954 e il 1958 ("seconda guerra scolastica").

Vi sono inoltre minoranze musulmane , protestanti ed ebraiche . L' Antoinismo è l'unica religione nata in Belgio, con la presenza di 32 templi [ senza fonte ] e con il primo grande tempio antoinista e centro morale e mondiale a Jemeppe-sur-Meuse nella Provincia di Liegi , in Vallonia , la cui notorietà (particolarmente in Francia) hanno superato i confini del paese.

Ordinamento dello Stato

Suddivisioni storiche e amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Belgio e Distribuzione dei poteri nel Belgio federale .
Le tre comunità linguistiche e le tre regioni
Vlaamse GemeenschapLocatie.png
Comunità fiamminga
Franse GemeenschapLocatie.png
Comunità francofona
Duitstalige GemeenschapLocatie.png
Comunità germanofona
Vlaams GewestLocatie.png
Fiandre
Map of Wallonia.png
Vallonia
BelgiumBrussels.png
Regione di Bruxelles-Capitale

Il 14 luglio 1993 vi è stata una revisione della costituzione finalizzata alla creazione di uno Stato federale basato su tre livelli:

  • Il governo federale con sede a Bruxelles
  • Le tre comunità linguistiche:
  • Le tre regioni:
    • Regione di Bruxelles-Capitale (con una popolazione di lingua olandese e francese, di circa 960 000 persone)
    • Fiandre (principalmente di lingua olandese, con una popolazione di circa 6 000 000)
    • Vallonia (principalmente di lingua francese, con una popolazione di circa 3 300 000)

Le ultime due regioni sono divise ognuna in 5 province.

Mappa del Belgio con Regioni e Province

Tra parentesi i nomi locali di ogni provincia, in francese o olandese:

  1. Fiandre (di lingua olandese; Vlaanderen in olandese, Flandre o Flandres in francese, Flandern in tedesco):
  2. Vallonia (di lingua francese, tranne nove comuni nella parte orientale della provincia di Liegi che costituiscono la Comunità germanofona del Belgio ; Wallonie in francese, Wallonië in fiammingo, Wallonie in tedesco):
  3. La Regione di Bruxelles-Capitale ( Région de Bruxelles-Capitale in francese, Brussels Hoofdstedelijk Gewest in fiammingo, Region Brüssel-Hauptstadt in tedesco).

Ogni entità provinciale è ulteriormente suddivisa in circondari amministrativi e quindi in municipalità chiamate gemeenten in fiammingo e communes in francese (vedi Comuni del Belgio e città del Belgio ). La Regione di Bruxelles-Capitale è costituita da un unico arrondissement .

Città principali

Città (italiano) Città (francese) Città (olandese) Provincia Popolazione
Bruxelles Bruxelles Brussel Bruxelles-Capitale 2 100 000 (1)
Anversa Anvers Antwerpen Anversa 507 911
Gand Gand Gent Fiandre Orientali 248 813
Charleroi Charleroi Charleroi Hainaut 203 753
Liegi Liège Luik Liegi 195 931
Bruges Bruges Brugge Fiandre Occidentali 117 577
Namur Namur Namen Namur 110 500
Lovanio Louvain Leuven Brabante Fiammingo 97 692
Mons Mons Bergen Hainaut 93 941
Malines Malines Mechelen Anversa 82 602
Hasselt Hasselt Hasselt Limburg 74 588

(1) riguardo alla capitale, è considerata la popolazione del suo agglomerato urbano, identificabile con l'intera regione Bruxelles-Capitale. Infatti, la popolazione della singola municipalità di Bruxelles-Città (chiamata Bruxelles-Ville , Brussel-Stad ) ammonterebbe a 143 056 ab. Nel dato della popolazione di Bruxelles in tabella sono stati conteggiati dunque anche i comuni di Anderlecht, Schaerbeek / Schaarbeek, Ixelles / Elsene ecc., che formano con la capitale un tessuto urbano organico e che pertanto possono esservi assimilati.

Istituzioni

Sede del Parlamento Federale a Bruxelles

Il Belgio è una monarchia parlamentare federale , il cui Capo di Stato è il re Filippo . Il sistema politico del Paese si fonda su una complessa struttura confederale, rafforzata dagli emendamenti costituzionali del 1993 , proposti al fine di evitare la definitiva rottura tra la comunità fiamminga e quella vallona. Ciononostante si registrano ancora oggi consistenti residui di tensioni di natura politico-economica tra i due gruppi etnici. Il federalismo belga si basa sul concetto dell'"equipollenza delle norme"; in parole povere, il governo unitario non ha alcun diritto di sovrastare o contraddire i decreti varati dalle regioni confederate.

Esiste un Parlamento Federale , suddiviso in due camere: la Camera dei rappresentanti e il Senato .

La Costituzione belga risale al 7 febbraio 1831 , data dell'approvazione da parte del Congresso nazionale belga.

Università

L'Università di Lovanio, la più antica del Belgio, nota ora come "vecchia università" ( Vecchia università di Lovanio ), fu fondata nel 1425 dal principe francese Giovanni IV di Brabante e dalla Collegiata di San Pietro . Rimase attiva fino al 1797.

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica del Belgio .

Politica estera

Da quando la linea di politica estera mantenuta fino allo scoppio del secondo conflitto mondiale, improntata sulla neutralità, è stata abbandonata, il Belgio ha cominciato a giocare un ruolo fondamentale sullo scacchiere europeo. Il Paese è innanzitutto membro del Benelux , unione doganale comprendente anche Paesi Bassi e Lussemburgo , ed è tra i fondatori dell' Unione europea e della NATO .

I membri del Benelux

Dal punto di vista strettamente linguistico, il Belgio è tradizionalmente diviso in tre «comunità», riconosciute come istituzioni. Le «comunità» (la fiamminga, la francofona e la germanofona ) hanno poteri nell'ambito dell'educazione e della solidarietà sociale, ovviamente limitati alle regioni di competenza. Da un punto di vista politico, le istituzioni più importanti sono le tre «regioni», a loro volta distinte in province. Le «regioni» ( Fiandre , Vallonia , Bruxelles ) sono dotate di propri parlamenti, che legiferano in campo economico e politico, nonché nell'ambito dei trasporti, dell'urbanistica e delle lottizzazioni e addirittura nella gestione delle relazioni internazionali. Ad esempio, un edificio scolastico a Bruxelles appartiene al sistema scolastico pubblico che viene regolato dal governo generale di Bruxelles. La scuola in quanto istituzione comunque, ricade sotto la regolamentazione del governo fiammingo, se la prima lingua insegnata è l' olandese , o sotto il governo della comunità francese, se la lingua primaria è il francese . È un sistema complesso, in qualche modo instabile e dispendioso, ma è anche un compromesso pacifico che permette a culture distinte di vivere assieme. Per quanto concerne l'organizzazione amministrativa, le regioni sono a loro volta divise in province, fatta eccezione per il distretto di Bruxelles. Da sottolineare che dal 1980 la comunità fiamminga e la regione delle Fiandre si sono fuse in un unico organo istituzionale, mentre la comunità francofona e la regione della Vallonia sono rimaste divise, innanzitutto perché la minoranza germanofona dell'Est fa parte della regione vallona ma ha una «comunità» propria, e poi perché vi sono 19 municipalità a maggioranza francofona in territorio fiammingo. Il governo unitario federale, con sede a Bruxelles, detta le linee guida dell' economia , della previdenza sociale, dell' educazione , del fisco e delle relazioni diplomatiche, mentre ha poteri esclusivi nel campo della ricerca scientifica e dell' esercito . La netta spaccatura tra fiamminghi, francofoni e germanofoni si rispecchia anche nelle formazioni politiche: non esistono partiti nazionali attivi su tutto il territorio affiancati da fazioni regionaliste o autonomiste, ma ognuna delle tre comunità ha partiti propri.

Festività nazionale

Data Nome Significato
21 luglio Festa nazionale del Belgio celebra il giuramento del primo re del Belgio Leopoldo I del Belgio , nel 1831

Altre ricorrenze

Data Nome Significato
11 luglio Festa della Comunità fiamminga celebra la Battaglia degli speroni d'oro del 1302
27 settembre Festa della Comunità francofona espulsione da Bruxelles delle truppe di Guglielmo I d'Orange del 1830
3º domenica di settembre Festa della Regione vallona celebra la partecipazione dei Valloni alla Rivoluzione belga del 1830
15 novembre Festa della Comunità germanofona conferimento dei simboli della comunità di lingua tedesca nel 1990

Economia

Struttura economica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Disastro di Marcinelle .
Marcinelle . Complesso minerario in cui nel 1956 morirono 262 minatori, di cui 136 italiani.

L'economia belga, nonostante alcune debolezze strutturali, è una delle più avanzate d'Europa. Il suo sviluppo è dovuto a una pluralità di fattori geografici e storici: una posizione geografica strategica nell'area economicamente più dinamica del continente europeo e un'articolata ed efficiente rete di collegamenti marittimi, fluviali e terrestri, che hanno reso possibile un elevato grado di integrazione economica con i Paesi limitrofi; una tradizionale e consolidata esperienza mercantile, che ha sempre proiettato l'economia belga verso i mercati internazionali, supportata in questo da un sistema portuale fra i più sviluppati d'Europa; un'antica tradizione artigiana e industriale risalente al Medioevo (la Fiandra tessile, le armerie di Liegi, i soffiatori di vetro di Charleroi) che, favorita dalla presenza di vasti bacini carboniferi, ha stimolato un precoce sviluppo dell'industrializzazione. Infatti, nel XIX secolo il Belgio fu uno dei primi Paesi a essere raggiunto dalla Rivoluzione industriale, grazie allo sfruttamento del carbone del solco Haine-Sambre-Mosa, alla facilità delle comunicazioni e alla disponibilità di una manodopera abbondante e qualificata. Il Belgio occupa il 22º posto nella classifica ISU ( Indice di Sviluppo Umano ), mentre l'Italia è collocata nella ventiseiesima posizione.

Canale navigabile con ponte levatoio

Trasporti e vie di comunicazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Belgio .

Nell' Ottocento il Belgio fu tra i precursori dello sviluppo delle ferrovie e società belghe parteciparono in mezza Europa alla costruzione e alla gestione di nuove linee. Belga fu anche la società che in Europa gestì il servizio ristorante e letti la Compagnie Internationale des Wagons-Lits , fondata da Georges Nagelmackers .

Anversa, situata lungo la Schelda, pur distando 84 km dal mare, è uno dei porti più attivi del mondo (secondo solamente, in Europa, al vicino porto di Rotterdam).

I fiumi del Belgio sono collegati tra loro da un articolato sistema di canali che si estende per una lunghezza complessiva di circa 1.600 km navigabili. A essi si aggiungono i 152 250 km di strade ei 3.542 km di rete ferroviaria: una rete tanto estesa che il Belgio è attualmente il paese con la più alta densità di linee di comunicazione del mondo.

La compagnia aerea di bandiera Sabena , un tempo tra le principali compagnie internazionali, ha chiuso i battenti nel 2001 a causa della crisi del trasporto aereo innescata dagli attacchi terroristici dell'11 settembre a New York ; il principale scalo aeroportuale del Paese è l' aeroporto internazionale di Bruxelles .

Divari regionali

In uno scenario economico complessivamente positivo emergono però significative divergenze regionali. La Vallonia, regione mineraria di precoce industrializzazione e principale motore dell'economia belga fino agli anni settanta, ha sofferto profondamente della crisi del settore siderurgico e si è affacciata alle soglie del XXI secolo con esigenze di riconversione industriale, con un livello di sviluppo inferiore a quello dei Paesi limitrofi e con un elevato tasso di disoccupazione.

L'efficiente regione di Bruxelles si presenta come una grande e moderna metropoli, decisamente cosmopolita e fortemente orientata verso il terziario avanzato, che trae beneficio dall'Unione Europea e dalla globalizzazione economica, ma che appare tuttavia ostacolata dalla limitatissima estensione territoriale (meno dell'1% del territorio belga).

Senza dubbio le Fiandre costituiscono attualmente l'area forte del Paese dal punto di vista economico, favorite dalla posizione geografica e dalle infrastrutture di comunicazione (il sistema portuale Anversa-Gand-Zeebrugge; una rete stradale ben integrata nelle principali direttrici europee nord-sud e ovest-est; una rete ferroviaria molto sviluppata; l'aeroporto internazionale di Bruxelles), da un'economia molto orientata all'export (per circa due terzi la produzione industriale delle Fiandre è destinata all'esportazione), da un contesto socio-economico che attrae capitali stranieri e da una struttura produttiva flessibile e tecnologicamente avanzata.

Risorse naturali e energia

Storicamente, il carbone è stata la principale risorsa mineraria del Belgio, localizzato in due bacini principali: quello del solco Haine-Sambre-Mosa, che non è più sfruttato a partire dagli anni sessanta a causa dell'esaurimento delle riserve di facile estrazione, e quello delle Campine, dove invece è sopravvissuta una modesta attività estrattiva. Nel corso del XIX secolo sono stati intensivamente sfruttati anche i giacimenti di ferro e zinco localizzati nella valle del Sambre-Mosa, oggi esauriti.

Centrale termonucleare di Doel

Ancora importanti sono, al contrario, le miniere di gesso e di calcare nei pressi di Tournai, Mons e Liegi, che alimentano una significativa industria del cemento. Sono presenti inoltre cave di marmo e depositi di sabbie, utilizzate in vetreria, e di argille, per la produzione di ceramiche e mattoni.

Le risorse idriche sono concentrate nel meridione del Paese. La maggior parte dei corsi d'acqua ha origine nelle Ardenne e scorre verso nord. Una distribuzione geograficamente equilibrata delle risorse idriche è garantita da un complesso sistema di acquedotti, canali e bacini artificiali.

La centrale nucleare di Doel , nella provincia di Anversa, rappresenta la principale fonte di energia elettrica, coprendo i due terzi del fabbisogno nazionale. La porzione restante della domanda energetica è soddisfatta dalle centrali termoelettriche e, seppur in minima parte, da quelle geotermiche e idroelettriche .

Settore primario

Come quella dei Paesi Bassi l'agricoltura del Belgio è in buona misura "artificiale", essendo praticata su suoli che in origine non erano idonei alle pratiche agricole, con l'eccezione di alcuni buoni terreni localizzati nel Belgio centrale; suoli che sono stati conquistati all'agricoltura dall'opera secolare dell'uomo, grazie alla sistemazione dei polder, al riscaldamento artificiale dei terreni, alla forzatura in cassoni e serre.

Pur essendo praticata in maniera intensiva e con l'ausilio di tecnologie moderne, l'agricoltura riveste un ruolo sempre più marginale nella struttura economica belga: rappresenta poco più dell'1% del PIL e impiega appena il 2% della forza lavoro. Anche la superficie agricola appare in costante declino, essendo passata da oltre il 50% negli anni sessanta a poco più d'un quarto della superficie del Paese. Va mutando anche la dimensione media delle aziende agricole, che tende ad aumentare con la progressiva scomparsa dei piccoli coltivatori, sostituiti da strutture societarie in grado di far fronte agli investimenti in meccanizzazione e nuove tecnologie indispensabili per incrementare la produttività dei suoli.

Campo di lino in primavera

Le Fiandre, tradizionalmente agricole, sono ancora oggi la regione più interessata dalle attività del settore primario, realizzando oltre i due terzi del valore aggiunto del comparto; poco meno di un terzo è attribuibile alla Vallonia, mentre il contributo della regione di Bruxelles è, naturalmente, pressoché inesistente.

Un posto di particolare rilievo è occupato dall' orticoltura , praticata soprattutto nelle Fiandre, che rappresenta quasi un quarto dell'intera produzione agricola. Nell'ambito della floricoltura sono famose nel mondo le azalee e le begonie delle Fiandre orientali. Le altre principali produzioni agricole sono la barbabietola da zucchero , la cicoria , il lino , i cereali e le patate .

L'allevamento del bestiame (suini, specialmente nelle Fiandre, e bovini da carne e da latte) costituisce tuttavia la principale voce del settore primario, con quasi due terzi del valore totale. Di scarso rilievo appare la pesca , praticata nei banchi del Mare del Nord. Va infine menzionata la selvicoltura , localizzata soprattutto nelle Ardenne e nelle Campine.

Settore secondario

Raffineria della Shell di Hemmingstedt
Porto di Zeebrugge

Nonostante gli effetti negativi della crisi siderurgica e le difficoltà incontrate negli anni ottanta da alcuni comparti tradizionali (in particolar modo dal tessile), il Belgio appare all'inizio del XXI secolo come un Paese con base industriale ancora solida, che occupa oltre un quarto della popolazione attiva, contribuisce alla formazione del PIL nella misura del 25% e presenta un indice di produttività in crescita, nonostante il calo registrato nei primi anni dell'ultimo decennio.

I principali settori del comparto manifatturiero, sia dal punto di vista del fatturato sia da quello dell'occupazione, sono l'agroalimentare, la chimica e la metallurgia; importanti sono anche la meccanica (soprattutto la costruzione di vagoni ferroviari e l'assemblaggio di autovetture straniere), la petrolchimica , l'elettronica e l'elettrotecnica, il tessile e la produzione di carta ; di un certo rilievo, e forti di una consolidata tradizione, sono le lavorazioni del vetro (rinomate sono le cristallerie di Val Saint-Lambert) e del legno.

Alcuni dei principali poli manifatturieri sono localizzati nei grandi agglomerati urbani. Il più importante è l'agglomerato di Anversa, che ha una struttura industriale orientata verso settori a elevata intensità di capitale e in stretto collegamento con le infrastrutture portuali ( chimica , elettronica, agroalimentare ); molto sviluppata e tipica dell'area è la lavorazione delle pietre preziose . Il secondo polo industriale del Belgio è quello della regione metropolitana di Bruxelles, basato principalmente su produzioni di largo consumo a elevato contenuto tecnologico. La struttura manifatturiera dell'area di Gand consiste in un antico nucleo di industrializzazione leggera (soprattutto tessile) e di un più recente polo chimico e metallurgico che gravita sulle strutture portuali. Le altre regioni industriali del Belgio, situate al di fuori dei grandi agglomerati urbani, sono quella delle Fiandre interne, in particolar modo l'area di Kortrijk, caratterizzata da una fitta rete integrata e flessibile di piccole e medie imprese (tessili, mobilifici, prodotti metallici), e quella nord-orientale, che al contrario è sempre stata contrassegnata dalla presenze della grande industria pesante, a capitale di prevalenza straniero (assemblaggio di autovetture, chimica).

Settore terziario

Come in tutti i Paesi sviluppati, il principale settore economico del Belgio è quello terziario, che contribuisce per quasi tre quarti all'occupazione e alla formazione del PIL. I servizi privati (commercio, trasporti e comunicazioni, servizi finanziari e assicurativi, locazioni, attività professionali) risultano di gran lunga preponderanti sulle attività della pubblica amministrazione, sintomo di una struttura socio-economico avanzata.

La più importante branca del terziario è il commercio, che alla fine degli anni novanta è più che raddoppiato rispetto ai valori dei primi anni ottanta, e una base occupazionale di poco inferiore a quella dell'intero comparto manifatturiero. Il particolare rilievo che il commercio, specialmente quello estero, ha sempre rivestito nell'economia belga è da ricollegare alla posizione centrale che il Paese occupa nell'area più ricca dell'Europa e all'eccezionale sviluppo delle infrastrutture di trasporto. Queste particolari condizioni hanno fatto del Belgio un Paese dall'economia estremamente aperta, che all'inizio del XXI secolo risulta essere la decima potenza commerciale del pianeta, titolare di una quota pari al 3,2% dell'intero commercio mondiale.

Le principali voci dell'esportazione sono i macchinari ei mezzi di trasporto, i prodotti chimici e farmaceutici, le pietre preziose, i tessili ei prodotti alimentari. Mezzi di trasporto, combustibili, prodotti chimici, derrate alimentari e prodotti tessili costituiscono invece il grosso delle importazioni.

Sede della Banca Nazionale del Belgio

I maggiori partner commerciali del Belgio sono i Paesi dell'Unione Europea (in particolar modo Germania, Francia, Paesi Bassi e Regno Unito), che rappresentano circa due terzi dell'export e oltre il 70% dell'import.

L'area di maggiore concentrazione del terziario avanzato è quella di Bruxelles, la quale, grazie al suo ruolo di capitale nazionale e di crocevia di relazioni internazionali, rappresenta la sede privilegiata nel Paese per banche, assicurazioni, società finanziarie, enti e organizzazioni sovranazionali, laboratori di ricerca e istituzioni universitarie. Nell'area di Anversa si osserva invece una predominanza di servizi legati alle attività portuali e di import-export. Nella regione vallona, la debolezza del sistema industriale e la storica dipendenza dai centri decisionali finanziari e politici localizzati nella capitale hanno ostacolato lo sviluppo di un terziario moderno, che qui assume prevalentemente la forma dei servizi della pubblica amministrazione. Un non trascurabile rilievo va assumendo anche il turismo, concentrato essenzialmente nelle città d'arte, nei centri balneari della costa e nella regione collinare delle Ardenne.

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina belga .
Tipico ristorante della Grand-Place / Groote Markt

Dal numero di stelle che i ristoranti belgi hanno ricevuto negli anni da parte della guida Michelin (anche se di meno negli anni recenti [12] ), taluni ritengono la cucina belga tra le migliori d'Europa: essa ha infatti reinterpretato la tradizione gastronomica della vicina Francia in maniera del tutto originale, adattandola ai prodotti tipici offerti dal suo territorio. La cucina belga possiede in effetti dei tratti ampiamente regionali che offrono una grande varietà di ricette e ingredienti. Baluardi dell'arte culinaria belga sono il cioccolato , la birra , le patatine fritte , i celebri cavoletti di Bruxelles e le wafels (in olandese) o gaufres (in francese).

Cioccolato

Assieme alla Svizzera , il Belgio è la nazione con la più solida tradizione cioccolatiera al mondo, il che è testimoniato dal fatto che marche belghe come Neuhaus, Côte d'Or , Leonidas e Godiva siano rinomate e apprezzate ovunque. Va al Belgio anche il merito di aver inventato le cosiddette "praline", cioccolatini dal guscio croccante e dal ripieno morbido. Nel paese sono presenti oltre 2 000 negozi specializzati nella vendita di questo prodotto: dalle praline di pasticceria al ripieno di pistacchi , nocciole o frutta , alle classiche tavolette commerciali.

Birra

Si producono oltre 600 differenti tipi di birra : la maggior parte della birra consumata nel paese consiste di lager commerciali come Jupiler , Maes o Stella Artois , ma sono anche diffuse ales sempre commerciali ma più vicine alla tradizione belga, come Leffe , Grimbergen , Hoegaarden , Affligem , tutte comunque appartenenti a grandi gruppi industriali.

Ben più prestigiose sono le produzioni artigianali di piccoli birrifici (ve ne sono circa 120 in tutto il paese), quelle dei monaci trappisti e il cosiddetto Lambic , specialità unica del Belgio a fermentazione spontanea prodotta unicamente nella zona a sud-ovest di Bruxelles chiamata Pajottenland e anche Deus, Brut des Flanders è prodotta dalla birreria Brouwerij Bosteels di Buggenhout (un piccolo borgo vicino a Mechelen, a nord di Bruxelles). Fabbricata con la stessa tecnica dello champagne: fermentazione in serbatoio e rifermentazione in bottiglia, seguita dalle tradizionali fasi di “remuage” e “dégorgement”. Questi prodotti d'eccellenza, che spesso uniscono secoli di storia all'estro di giovani birrai, richiamano appassionati da tutto il mondo.

La birra è largamente impiegata nella preparazione di ricette a base di carne e pesce (un piatto a base di cozze viene preparato con la birra) come lo è il vino in altri paesi.

Patatine fritte

Orgoglio dei Belgi sono le loro patatine fritte ("frieten", "frites"), per le quali esiste una sorta di venerazione. Molto comuni sono i chioschi in strada, nelle stazioni ecc. chiamati "frituur" nelle Fiandre e "friterie" in Vallonia. Le patate sono estensivamente coltivate in Vallonia e nelle Fiandre. Di particolare attrazione per i locali ed i turisti, i chioschi possono essere ornati da statue simboliche, come quella a Place Jourdan a Bruxelles.

Primi piatti

Come prima portata, i Belgi mangiano spesso minestre e zuppe calde (passati di verdure). Particolarmente popolari risultano per esempio la zuppa al cavolo, panna e prosciutto crudo e la crema di piselli , di porri e di rabarbaro. Sono consumate frequentemente anche le tipiche torte salate, il cui ingrediente base può essere il cavolino di Bruxelles o altre verdure.

Secondi piatti

Il Belgio, grazie alla sua posizione, ha un'ottima tradizione sia nel campo del pesce (pescato nel Mare del Nord ) sia nel campo della carne (proveniente dalle fertili pianure del Brabante ). Uno dei più celebri secondi belgi è il waterzooi , tipico di Gand , ma diffuso in tutto il paese: si tratta di pesce o pollo con panna, verdure e ortaggi ( patate , rape, sedano , porri e carote ). Altri piatti diffusi sono il maiale e il coniglio alla birra, la cacciagione, e le bistecche, spesso accompagnate da salse e mostarde . Largamente utilizzati in cucina sono la cipolla e lo scalogno , che danno ai piatti un gusto particolarmente delicato. Tra gli insaccati, si segnala invece il boudin , salsiccia di maiale composta con pane, uova e spezie . Molto comune è il consumo di frutti di mare, tra i quali i più amati e diffusi sono sicuramente i mitili (cozze), preparati in brodo o in svariati modi (pomodoro, vino, birra) e accompagnati da patate fritte (moules et frites). Altro prodotto tradizionale sono i jefke , filetti di aringa serviti con olio, aceto, limone, maionese e accompagnati da scalogno e fagioli. Tra le verdure, oltre ai già citati cavolini di Bruxelles, spicca l' indivia , spesso gratinata.

Stoofvlees o Carbonade alla fiamminga è un robusto secondo piatto tipico del Belgio a base di carne di manzo (anticamente si utilizzava il cinghiale) tagliato a pezzetti; una sorta di spezzatino cotto molto lentamente nella birra belga e arricchito con cipolle e aromi.

Dolci

La gaufre di Liegi ( gaufre liégeoise ).

Per quanto riguarda i dessert, i Belgi usano spesso proporre formaggi (ne esistono molti prodotti localmente), a fine pasto e volendo anche prima del tradizionale dolce, alla maniera francese. Tra i dolci più famosi invece, vi sono le "wafels" (in olandese) o gaufres (in francese), cialde morbide e calde servite, per esempio, con cioccolata fusa o con panna e fragole. Tra le torte, famose sono quelle alle pere e alle mele, allo zucchero di canna, ma ci sono molte ricette locali legate alla tradizione e alle feste. Tra questi, tipici del Natale sono la Buche de Noël, un tronchetto ripieno di crema al burro o panna e il Cougnou, una brioche avente forma di neonato (a simboleggiare Gesù Bambino), che viene mangiata tradizionalmente il mattino di Natale. Diversi tipi di dolci sono serviti a colazione o soltanto a merenda, e non solo dunque a fine pasto. Anche famoso è il "neuzekes" oppure "cuberdon", un tipo di caramello tipico della città di Gand. Viene fatto con la gomma araba ed è molto dolce. Gli originali hanno un sapore di lampone, ma ormai sono combinati con diversi sapori.

Carnevale

Il più celebre carnevale del Belgio, che ogni anno attira un gran numero di visitatori, è il Carnevale di Binche , inserito, nel 2003, nella Lista dei Patrimoni orali e immateriali dell'umanità dell' UNESCO .

Cultura

Pittura e scultura

È possibile parlare di arte belga solamente facendola partire dal 1830 , anno della rivoluzione e dell'indipendenza dai Paesi Bassi; invece, per quanto riguarda i secoli precedenti, è il caso di inserire gli artisti nativi del Belgio nella cosiddetta arte fiamminga. In Belgio, nella prima metà dell' Ottocento si diffuse il neoclassicismo di marca francese, seguito nel giro di pochi decenni, dal Romanticismo parigino. La Scuola paesaggistica di Tervuren aprì la strada all' impressionismo e al fauvismo brabantino . Ai primi del Novecento si imposero l' espressionismo , il simbolismo e il Modern Style . [13]

Il Belgio vanta numerosi artisti di fama mondiale, tra cui Pieter Bruegel il Vecchio , esponente del cosiddetto pieno Rinascimento fiammingo e olandese , Pieter Paul Rubens , importante esponente del barocco , René Magritte , Guy Huygens, Jan van Eyck importante esponente della pittura fiamminga del 400', Hans Memling , James Ensor , Paul Delvaux , Jean-Michel Folon .

René Magritte è probabilmente il più famoso degli artisti belgi. Assieme a Paul Delvaux, è il principale rappresentante dello stile surrealista . Nell'ambito dell'arte contemporanea si ricorda la partecipazione di due artisti belgi Dotremont e Guillaume Corneille alla formazione del gruppo espressionista di artisti d'avanguardia COBRA (dalle iniziali di Copenaghen, Bruxelles, Amsterdam) [14]

Architettura

Palazzo in stile art nouveau .

Nell'architettura molto noti sono i nomi di Victor Horta e Henry van de Velde , fondatori dell'architettura Art Nouveau , uno stile che ebbe una grande influenza sugli stili architettonici del XX secolo .

Il Belgio possiede una grande varietà di musei e mostre. Tra i principali musei troviamo il " Museo Reale di Belle Arti " di Anversa, che ha un'ammirevole collezione di lavori di Peter Paul Rubens; il "Museo Reale di Belle Arti del Belgio" di Bruxelles, con capolavori dei primitivi fiamminghi , Bruegel e Rubens; l'adiacente Museo Magritte e il vicino complesso espositivo del Bozar (creato da Horta ) che ospita anche un cinema e una sala concerti.

Letteratura

Gli inizi della letteratura belga fiamminga si fanno risalire alla conquista dell'indipendenza, che favorì la diffusione di un romanticismo aggregato sia di un nazionalismo sia di un provincialismo rurale, contenitori tematici dai quali gli scrittori prelevarono elementi sociali e psicologici di indagine e di approfondimento. Verso la fine dell'Ottocento la letteratura belga risentì gli influssi di quella germanica e di quella olandese, riunita attorno alla rivista Van Nu en Straks ("Oggi e domani") fondata nel 1893 , ambiziosa e innovatrice.

Negli stessi anni cominciò a prendere il sopravvento la letteratura in lingua francese, incentrata sulla rivista Jeune Belgique ("Giovane Belgio") fondata da Max Waller nel 1881 . Da questo momento la letteratura in lingua francese accolse tutte le innovazioni introdotte in Francia, a cominciare dal naturalismo , con i suoi temi di indagine sociale e psicologica.

Durante la prima guerra mondiale ea cavallo delle due guerre la poesia belga si accostò a esperienze dadaiste ed espressioniste e la letteratura fiamminga si avvicinò sempre più a quella olandese.

Tra i più noti scrittori belgi ci sono i francofoni Suzanne Lilar , Nathalie Gassel , Maurice Maeterlinck , Amélie Nothomb , Joseph Weterings e Georges Simenon , oltre a Henri Michaux , artista poliedrico che fu insieme scrittore e pittore. Di origine belga da parte di madre era anche la grande scrittrice francese Marguerite Yourcenar . Inoltre diversi scrittori francesi, come Victor Hugo , trovarono in passato rifugio in Belgio, per ragioni editoriali o politiche. Fra gli scrittori di lingua neerlandese vanno elencati Willem Elsschot , Hugo Claus , Jef Geeraerts , Tom Lanoye .

Molto conosciuto a livello internazionale è anche il grande storico Henri Pirenne .

Un'altra componente importante della tradizione culturale belga è data dai fumettisti, come Hergé ( Tintin ), Edgar P. Jacobs ( Blake e Mortimer ), Willy Vandersteen ( Bob et Bobette , Suske en Wiske nell'originale fiammingo), Morris ( Lucky Luke ), Peyo ( I Puffi ), Franquin ( Spirou , Marsupilami , Gaston Lagaffe ), Marc Sleen ( Nerone ).

Teatro

Per quanto riguarda il teatro in lingua francese, se nel Rinascimento si sviluppò il gusto per la tragedia , nel Seicento si imposero le rappresentazioni gestite dai gesuiti basate su temi religiosi, e nell' Ottocento si assistette ai primi tentativi di creare un vero e proprio teatro nazionale sorretto da drammi storici. Solamente con le opere di Maurice Maeterlinck il teatro belga raggiunse una dimensione internazionale.

Il teatro in lingua fiamminga seguì, invece, un'evoluzione leggermente diversa: nel Medioevo proliferarono i drammi romanzeschi e le rappresentazioni sacre di miracoli; durante il Rinascimento si imposero autori classici e nell'Ottocento l'intero movimento teatrale ricevette forti impulsi sia organizzativi sia realizzativi.

Fumetti

Musica

Anversa e Bruxelles già nel Quattrocento divennero importanti centri musicali, fiorenti nello sviluppo della musica polifonica e di quella contrappuntistica, insegnate dall'Accademia di Musica. In questo periodo si misero in evidenza vari artisti, tra i quali Josquin Desprez .

Nei secoli successivi in terra belga si perfezionò la composizione sacra e il mottetto per doppio coro ideato da Henri Dumont nel Seicento .

Adolphe Sax è noto per aver inventato il sassofono nel 1841 .

Il più eminente musicista belga del XIX secolo è senz'altro il compositore César Franck , mentre nel periodo tra '800 e '900 non si può non citare il virtuoso del violino e compositore Eugène Ysaÿe e, nel ventesimo secolo, il celebre violinista Arthur Grumiaux .

Nel Novecento i compositori belgi hanno sviluppato esperienze nella musica dodecafonica , in quella elettronica e nella musica leggera . La più antica orchestra sinfonica belga è la Brussels Philharmonic , fondata nel 1935 all'interno dell'emittente radiofonica INR/NRI.

Jacques Brel è il più noto cantautore belga. Nel jazz, Django Reinhardt e Toots Thielemans sono nomi che hanno contribuito alla fama del genere in terra belga. Salvatore Adamo , di origine italiana, è uno dei più popolari cantanti belgi di varietà, mentre tra i cantanti basso-baritono spicca la figura di José van Dam .

Nel commerciale/alternativo si ricordano alcuni importanti artisti, su tutti gli Hooverphonic autori di alcuni album di fama internazionale e di vari singoli come Mad About You (2000), e originari dalle Fiandre. Il loro leader, Alex Callier , è inoltre un importante compositore e produttore a livello mondiale. Sono belgi e hanno raggiunto una certa fama internazionale anche i dEUS , gli Ancient Rites , gli Ocean of Sadness , i SoulWax , i K's Choice e la punk band The Kids . Famoso in tutto il mondo è anche il cantante e compositore di musica elettronica Stromae , di madre belga e padre africano. Tra le esponenti del genere pop ricordiamo, tra le altre, Lara Fabian e ancora tra i cantanti e batteristi Plastic Bertrand . Successo ha riscosso anche il gruppo musicale di eurodance dei Paradisio .

Cinema

Tra gli attori belgi più conosciuti vi è sicuramente l'artista marziale Jean-Claude Van Damme , protagonista di numerosi film d'azione americani negli anni novanta e ancora Benoît Poelvoorde e Jan Decleir .

Tra i registi belgi degni di nota vi sono i Fratelli Dardenne e Chantal Akerman , nota, in particolare, per il film Jeanne Dielman, 23, quai du Commerce, 1080 Bruxelles (1975), descritto dal The New York Times come "il primo capolavoro femminile nella storia del cinema". E ancora sono da ricordare i registi Jean-Pierre e Luc Dardenne , che hanno diretto vari film tra cui Rosetta , Palma d'oro al Festival di Cannes , nel 1999.

Scienza

La nascita dell'anatomia moderna

Uno dei più importanti esponenti del superamento dell'antica medicina galenica (o di Galeno ) e fondatore dell'anatomia moderna fu il fiammingo Andrea Vesalio , autore del De humani corporis fabrica (1543).

Cartografia

Fisica

  • 1832 : l'invenzione del fenachistoscopio , che diede un importante contributo allo sviluppo della tecnica cinematografica, da parte di Joseph Plateau
  • 1927 : La teoria del Big Bang : in base alla quale l'universo ha avuto origine da una grande esplosione, avvenuta circa 13 miliardi di anni fa, e da cui ha avuto origine anche la materia: ideata e condotta matematicamente dal fisico Georges Lemaître

Il Belgio nello spazio

Sport

Ciclismo

Lo sport nazionale è il ciclismo , di cui il Paese detiene il record di campionati del mondo su strada (ben 25 ori) precedendo l' Italia (19 ori). In Belgio si corrono alcune delle più importanti classiche ciclistiche, come il Giro delle Fiandre , la Freccia Vallone e la Liegi-Bastogne-Liegi . Uno dei più grandi ciclisti di tutti i tempi, Eddy Merckx , è belga. Ha vinto cinque Tour de France , cinque Giri d'Italia , una Vuelta a España , tre Campionati del Mondo, due giri del Belgio e un Giro di Svizzera. Altri grandi campioni di ciclismo sono Rik Van Looy , unico corridore in grado di vincere tutte le classiche del suo tempo, Roger De Vlaeminck , uno dei più forti corridori di sempre nelle corse di un giorno, Rik Van Steenbergen e Freddy Maertens . Merckx, Van Looy e De Vlaeminck sono anche gli unici ciclisti ad avere conquistato fino a ora tutte le classiche. Negli anni 90 particolarmente famoso per le sue gesta nelle classiche del Nord è stato Johan Museeuw . Attualmente i ciclisti più forti e titolati sono, Tom Boonen , vincitore nel 2005 del titolo mondiale oltre che plurivincitore della Parigi-Roubaix (4 volte) e del Giro delle Fiandre (3 volte), e Philippe Gilbert , che nel 2011 ha vinto il trittico delle Ardenne : Amstel Gold Race , Freccia Vallone, Liegi-Bastogne-Liegi prima di conquistare nel mese di giugno la maglia di campione nazionale esibita subito al Tour de France per poi fregiarsi della maglia iridata anche lui, ai mondiali del 2012. Recentemente Gilbert, ha vinto il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix.

Calcio

Il calcio è molto popolare. La nazionale di calcio porta il soprannome di "Rode Duivels" (cioè diavoli rossi): fu terza ai Campionati Europei del 1972, seconda a quelli del 1980 e quarta al Campionato del Mondo del 1986, trascinata da Vincenzo Scifo e Jan Ceulemans e terza in quelli del 2018 . Il declino della squadra cominciò nel 2004 e fu confermato nel 2006, anno in cui per la prima volta in 28 anni, il Belgio non partecipò alla Coppa del Mondo. La Nazionale di calcio belga non è riuscita a qualificarsi neanche ai tornei successivi fino al 2014, anno in cui è tornata ad essere competitiva soprattutto grazie all'innesto di talenti quali De Bruyne , Witsel , Hazard , Mertens , Nainggolan , Lukaku , raggiungendo i quarti di finali sia ai mondiali che agli europei del 2016. Il Belgio vinse la medaglia d'oro ai Giochi Olimpici del 1920 . Ai mondiali del 2018 ha raggiunto il terzo posto.

Tra i grandi talenti calcistici belgi, oltre a quelli nominati, spicca la figura di Paul Van Himst , inserito nella lista dei Migliori calciatori del XX secolo IFFHS .

Tennis

Il Belgio conta anche tra i suoi campioni due tenniste numero uno del mondo , la fiamminga Kim Clijsters e la vallona Justine Henin .

Atletica leggera

Nella disciplina dell'atletica leggera ha avuto importanti atleti come la centometrista Kim Gevaert , la saltatrice in alto Tia Hellebaut , i gemelli quattrocentometristi Kévin Borlée e Jonathan Borlée e la campionessa di eptathlon Nafissatou Thiam .

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Belgio ai Giochi olimpici .

L'atleta belga più titolato ai Giochi olimpici moderni è l'arciere Hubert Van Innis , con 6 ori e 3 argenti.

E fu proprio Hubert Van Innis , ai Giochi olimpici di Parigi 1900, a conquistare il primo oro olimpico per il Belgio.

Altri sport

Il Belgio ha anche campioni mondiali di motocross ( Roger De Coster , Joël Robert , Georges Jobé e Stefan Everts che tuttora detiene il record di mondiali vinti), automobilismo come Jacky Ickx , considerato da molti il più grande pilota belga in assoluto, arrivando a un soffio dalla vittoria nel Campionato mondiale di Formula 1 nel 1969 e nel 1970, Thierry Boutsen e Bertrand Gachot , tennis tavolo ( Jean-Michel Saive , David Waefelaer ) e Jūdō come Ingrid Berghmans , oro, Campionato del mondo 1984.

Note

  1. ^ Statistics Belgium , su statbel.fgov.be . URL consultato il 18 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 24 giugno 2013) .
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 ( archiviato il 25 giugno 2014) .
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013 , su imf.org . URL consultato il 29 aprile 2019 ( archiviato il 19 maggio 2019) .
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  5. ^ Universo , De Agostini , Novara , Vol.II, pag.230-235
  6. ^ Annuario con i dati del 2012, pagina 11 ( PDF ), su ec.europa.eu . URL consultato il 25 dicembre 2013 ( archiviato il 6 gennaio 2016) .
  7. ^ ( FR ) Record historique du nombre d'immigrés en Belgique , su Bladi.net . URL consultato il 4 luglio 2020 ( archiviato il 13 aprile 2019) .
  8. ^ La Belgique Archiviato il 30 ottobre 2007 in Internet Archive . Sito dell'artista Ben Vautier con un capitolo sugli "ethnismes" e una pagina sul Belgio.
  9. ^ BELGIQUE: situation géopolitique Archiviato il 14 dicembre 2007 in Internet Archive . dal sito del Trésor de la langue française au Québec, Università di Laval, con pagine sulle lingue del mondo ei loro stati, di cui una sul Belgio
  10. ^ BELGIQUE: situation géopolitique Archiviato il 14 dicembre 2007 in Internet Archive . Trésor de la langue française, Università di Laval, Québec
  11. ^ Archives - lesoir.be Archiviato il 16 aprile 2010 in Internet Archive . Le Soir, "Un catholique sur trois a renoncé à sa foi".
  12. ^ Le site du journal lesoir.be, premier site d'information en Belgique francophone. Actu en continu, archives gratuites, galeries photos, podcast, vidéos, blogs de la rédaction, résultats sportifs, forums... Archiviato il 15 agosto 2011 in Internet Archive . Le Soir, "Un Michelin sans surprise"
  13. ^ Paesi Archiviato il 20 luglio 2011 in Internet Archive . Da questo sito provengono molte delle informazioni di questa sezione
  14. ^ COBRA (art group) -- Britannica Online Encyclopedia Archiviato il 5 febbraio 2015 in Internet Archive . Encyclopaedia Britannica
  15. ^ Copia archiviata , su seietrenta.com . URL consultato il 22 ottobre 2019 ( archiviato il 22 ottobre 2019) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 144248059 · LCCN ( EN ) n80126041 · GND ( DE ) 4005406-8 · BNF ( FR ) cb15238382r (data) · NDL ( EN , JA ) 00560624 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80126041