Aleksann Legran

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Aleksann Legran an (disambiguation) .
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Aleksann Legran an" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Aleksann Legran (dezambigwigasyon) .
Μέγας Ἀλέξανδρος
Aleksann III rele "Gran an"
(Gwo a)
Aleksann Legran (356-323 anvan Jezikri). Jpg
Trase kopi Pòtrè Aleksann Legran an pa sculpteur Lysippus nan Sicyon (kounye a nan mize Louvre ).
Wa peyi Masedwan
Hegemon nan Lig la Hellenic
Responsab 336 BC - 323 BC
Predesesè Filip II nan Masedwan
Siksesè de iure Aleksann IV nan Masedwan ak Filip III Arrideo nan Masedwan
defakto Perdiccas ak Diadochi la
Gran wa peyi Pès la
Wa nan Upper ak Lower peyi Lejip la
Responsab 330 BC - 323 BC
Predesesè Dario III Codomano
Siksesè de iure Aleksann IV nan Masedwan ak Filip III Arrideo nan Masedwan
defakto Perdiccas ak Diadochi la
Non konplè Ἀλέξανδρος Γ 'ὁ Μακεδών
Μέγας Ἀλέξανδρος
Nesans Pella , lōios ( hecatomb ) 20 oswa 21 jiyè 356 BC
Lanmò Babilòn , daisios ( targelione ) 10 oswa 11 jen 323 BC
Antèman Alexandria nan peyi Lejip la
Papa Filip II nan Masedwan
Manman Olympiad nan Epirus
Mari oswa madanm Rossane
Statira II
Parisatides II
Pitit gason Heracles nan Masedwan (ki soti nan Barsine , pa rekonèt)
Aleksann IV nan Masedwan (ki soti nan Rossane )
Relijyon Relijyon grèk
G20V31
I6O49
Srxtail2.svg
serekht oswa non Horo
Hiero Ca1.svg
C12C2U21
n
N36
Hiero Ca2.svg
praenomen oswa non fòtèy la
Hiero Ca1.svg
G1E23
V31
O34
in
D46
r
O34
Hiero Ca2.svg
non oswa non nesans
Aleksann Legran
nan yeroglif

Alexander III nan Masedwan (nan greek ansyen : Ἀλέξανδρος Γ 'ὁ Μακεδών, Alexandros trίtos mwen Makedόn), [N 1] inivèsèl li te ye tankou Aleksann Legran yo (Μέγας Ἀλέξανδρος, Megas Alexandros oswa Persian Sikandar-e-Azam, Pella , Hecatombaeon - 20 oswa 21 Jiyè 356 BC - Babilòn , Targelion - 10 oswa 11 jen 323 BC ), se te yon ansyen sòlda Masedwan , wa peyi Masedwan nan dinasti Argead soti nan 336 BC , siksede papa l ' Filip II .

Li se ke yo rele tou Aleksann Legran an , Aleksann konkeran an oswa Aleksann Masedwan an . Tèm "magno" a soti nan laten magnus "gwo", ki tradui ansyen tèm grèk μέγας ( mégas ). Li konsidere kòm youn nan konkeran ki pi popilè yo ak stratèj nan listwa.

Aleksann Gran Bucephalus nan mozayik nan batay la Issus , konsève nan Mize Nasyonal la akeyolojik nan Naples .

Nan jis douzan, li te konkeri Anpi Pèsik la , yon teritwa imans ki te lonje soti nan pwovens Lazi Minè pou ale nan peyi Lejip jouk jodi a Pakistan , Afganistan ak nò peyi Zend . Siksè ekstraòdinè sa a te akòz tou de nan yon sitiyasyon eksepsyonèlman favorab istorik (kriz yo nan Anpi Pèsik la ak Lagrès nan poleis yo, konbine avèk travay ekspansyonis la deja kòmanse pa papa l ') ak nye li yo militè ak entèlijans diplomatik. Dote ak anpil kouraj ak karismatik, Alexander te gen yon gwo enfliyans sou sòlda li yo, ki li tou ankouraje pa pèsonèlman patisipe nan batay la. Anplis de sa, li te youn nan premye lidè nan antikite ki te konprann enpòtans fondamantal nan pwopagann , tou de jwenn prestij nan pwòp ranje li yo ak pénétrer pè nan lènmi l 'yo.

Pou asire sa a, Alexander mete kanpe yon machin medya enpresyonan (li te akonpaye pou dire kanpay li pa yon kantite istoryen ak editè nan jounal chak jou, ki gen ladan Callisthenes grèk la) e li te bay enpòtans ekstrèm nan tout ekspedisyon an nan jès ki gen gwo valè senbolik. ak difizyon nan lejand sou pitit pitit yo soti nan ewo mitik ( Heracles ak Achilles ) oswa menm soti nan bondye reyèl. Finalman li te lite nan tout fason pou rantre ak amalgame kilti yo nan diferan gwoup etnik yo ki te rete nan peyi ke li te jwenn tèt li inifye anba anpi l 'yo , demontre yon dispozisyon trè etranj nan senkretism pou yon grèk nan tan li (ki montre tou gwo respè pou kilti yo ak gwoup etnik li konkeri). Konkèt inonbrabl li te bay kilti grèk yon difizyon inivèsèl, konsa kòmanse sa yo rele peryòd elenistik la.

Alexander te mouri nan lavil Babilòn nan mwa daisios ( targelione ) nan 323 BC , petèt anpwazonnen, petèt nan yon repetition nan malarya ki te pi bonè kontra oswa, dapre teyori ki pi resan, akòz siwoz fwa ki te koze pa ' abi nan diven oswa pankreatit egi . Aprè lanmò konkeran an, Anpi Masedwan an te divize, pa san anpil eklatman ak lagè, pami jeneral ki te akonpaye l nan ekspedisyon li yo. Se konsa, sa yo rele wayòm elenistik yo te fòme, ki gen ladan yon sèl Ptolemaic nan peyi Lejip la , sa yo ki an Antigonids yo nan Masedwan ak sa yo ki an seleleid yo nan peyi Siri ak Azi minè .

Nati a eksepsyonèl nan karaktè a ak exploit l 'enspire, deja pandan lavi l', men menm plis apre lanmò li, yon gwo kantite lejand (yon sèl pi popilè se sa yo ki an konstriksyon nan Gates yo mitik nan Alexander ) ak yon kontinuèl tradisyon literè ak figire , nan ki lidè a te dekri nan laparans nan yon ewo (pou egzanp, se li ki souvan skulte toutouni, yon tretman rezève, nan Lagrès klasik, sèlman pou bondye oswa demi-bondye). Nan pòtrè li se souvan asimile ak Achilles , ki moun Alexander tèt li konsidere tèt li yon desandan dirèk sou bò manman l 'yo.

Istwa yo sou li byento te pran sou koulè mitik, epi li se poutèt sa difisil a disène reyalite istorik soti nan retravay kokenn. Istwa ki gen rapò ak l 'yo pa jwenn sèlman nan literati oksidantal yo: nan Bib la ( Premye Liv Makabe ), pou egzanp, se referans eksplisit te fè nan Alexander, pandan ke yo nan Koran an misterye Dhu al-Qarnayn a (Bicorne a oswa literalman "a yon sèl ak de corna ") se pafwa idantifye, pa kèk, ak konkeran a mitik Macedonian, men san yo pa prèv.

Deskripsyon fizik

(LA)

"Per idem tempus conditorium and corpus Magni Alexandri, cum prolatum and penetrali subiecisset oculis, corona aurea imposita ac floris aspersis veneratus est, consultusque, num et Ptolemaeum inspicere vellet, regem se voluisse ait videre , non mortuos "

( IT )

«Nan menm jou sa yo [ Augustus ], li te gen pwatrin lan ak kò Aleksann Legran an retire nan kavo a, li te vle wè l ', li mete yon kouwòn an lò ak anpil girland nan flè sou li, li te fè yon zak reverans. Lè sa a, mande si li te vle wè Ptolemy tou , li reponn ke li te vle wè yon wa, pa kadav "

( C. Suetonio Tranquillo , Lavi Douz Seza , popilarize pa Giuseppe Rigutini , Florence, Sansoni, 1882, p. 101: Augusto , 18.1 [1] )

Alexander pa t 'ki gen don ak yon fizik patikilyèman atire: li te pito kout, stocky ak nan gaya bati. Li te goch ak te gen heterochromia , se sa ki, li te gen je diferan koulè (yon sèl ble ak lòt la mawon, oswa petèt nwa), epi li se vwa li dekri nou kòm piman bouk. [2] Li te toujou mete kou l 'yon ti kras panche sou bò gòch la ak soufri nan kèk malformasyon konjenital ki, kèk istoryen di, ka te kontribye an pati nan lanmò li. [3] Cheve l 'te bristly ak ti tach koulè wouj, byenke li souvan te gen tandans lank li blond lè l sèvi avèk yon melanj de flè safran ak dlo potasyòm. [ sitasyon nesesè ] , Lè sa a, trete yo ak pafen, lansan ak lami. Li te gen koutim nan bab figi l 'menm apre laj jèn li (yon bagay olye dwòl nan mitan moun Lagrès yo nan tan li), pwobableman akòz lefèt ke li te grandi anpil ti bab; yo nan lòd yo pa defigire nan mitan diyitè l 'yo, li tou pwovoke yo pa mete l'.

Marble eskilti nan Alexander ( Lysippus ).

Imaj la nan Alexander te imòtalize pa anpil atis kontanporen, nan ki gen travay, malerezman, se sèlman kopi ak deskripsyon rete. Pi popilè Lysippus la te nonmen sculpteur tribinal pa Alexander tèt li ak dekri konkeran an gwo nan estati anpil. Pirgotele , nan lòt men an, te youn nan sèlman otorize pa Alexander tèt li skilte imaj li sou sele ak wòch semi-presye. Nou konnen tou ke pent Apelles imòtalize efigye anpil ak sèn batay sou gwo tab an bwa ki te gen Alexander kòm protagonist a.

Dapre Aristoxenus nan Taranto , apranti Aristòt la, kò Alexander a bay yon sant bèl, [4] ki selon kèk sous li te kenbe pou yon tan long menm apre lanmò li. [ sitasyon bezwen ] Ekriven Athenaeus nan Naucrati mete aksan sou abitid li nan bwè ak bwè. [5] Nou menm tou nou konnen nan Plutarko [6] ke Alexander, omwen kòmanse nan batay la nan Gaugamela , itilize yo mete linothorax nan batay, plastwon an twal fin blan multilayer itilize pa enfantri limyè ak kavalye, olye pou yo klasik an kwiv hoplitic kouras la, anpil pi lou ak mwens rezistan a pénétration flèch (kouch yo twal fin blan sipèpoze nan linothorax reziste plis pase fèy la an kwiv mens). Nan kèk Mozayik ki te siviv, Alexander se montre mete sa a ki kalite rad. [7]

Pèsonalite

Gen kèk nan karakteristik pèsonalite ki pi evidan Alexander a ki te fòme apre modèl paran li yo. Manman l ', Olympiad , te grandman anbisye, e li te ankouraje l' kwè ke li te destine l 'yo defèt Anpi Pèsik la . [8] Enfliyans Olympiad a enstile kwayans nan sò nan Alexander, ak Plutarko di nou ke lanbisyon li "kenbe lespri l 'lou ak ògeye kòm ane yo te ale sou." Sepandan, papa l ' Filip te modèl ki pi imedya ak enfliyan Alexander a, ki moun ki depi anfans te wè l' fè kanpay militè pratikman chak ane, genyen batay apre batay, siviv blesi grav. Relasyon Alexander a ak papa l 'fòje pati nan konpetitif nan pèsonalite li; li te bezwen depase papa l ', jan sa ka wè nan konpòtman ensousyan li nan batay. [8] Sepandan, Alexander te konsène ke papa l 'pa ta kite l' "nenpòt ki gwo oswa eksepsyonèl feat yo montre nan mond lan"; an reyalite li meprize zèv papa l 'devan kanmarad li yo.

Dapre Plutarka , Alexander te gen karakteristik nan yon tanperaman vyolan ak ensousyan; li te gen yon nati san reflechi, ki sètènman enfliyanse kèk nan desizyon l 'yo. Malgre ke Alexander te fè tèt di ak pa t 'reponn byen nan lòd yo bay papa l', li te ouvè a deba byen motive. Li tou te gen yon bò kalm - ki lojik, entwisyon, ak kalkile. Li te gen yon dezi fò pou konesans, yon renmen gwo twou san fon pou filozofi e li te yon lektè grangou; sa te gen okenn dout akòz omwen an pati nan tutèl Aristòt la . Alexander te entèlijan e li te aprann vit. Te entèlijans li yo ak rationalité ampil demontre pa konpetans li ak siksè kòm yon jeneral. Li te gen gwo kontwòl tèt li sou "plezi yo nan kò a", nan Kontrèman a difikilte li nan mete limit lè li rive alkòl.

Alexander te yon entelektyèl ak metrize tou de boza ak syans yo. Li te gen ti enterè nan espò oswa jwèt Olympic (kontrèman ak papa l '), k ap chèche sèlman matche ak ideyal yo omerik nan onè (τιμή, timè ) ak tout bèl pouvwa (κῦδος, kudos ). Li te gen yon anpil nan karismatik ak yon pèsonalite fò, karakteristik ki te fè l 'yon lidè gwo. Kapasite inik li yo te plis demontre pa enkonpetans jeneral li yo pou kenbe Masedwan ini ak prezève anpi apre lanmò li - se sèlman Aleksann ki te rive fè sa. [9]

Pandan dènye ane li yo, epi sitou apre lanmò Hefestion , gwo zanmi l 'ak lover, Alexander te kòmanse montre siy megalomani ak paranoya . [10] Reyalizasyon ekstraòdinè li yo, makonnen ak pwòp sans li inefabl nan sò ak adulation nan kanmarad li, ka te lakòz efè sa a. Ilizyon li nan grandè yo vizib klèman nan volonte l 'ak dezi l' yo konkeri mond lan, menm jan, selon divès sous, li defini kòm posede lanbisyon san limit, yon epitèt ki gen siyifikasyon te vin tounen yon kliche istorik. Li sanble ke li menm li te kwè tèt li yon divinite, oswa omwen te eseye trete tankou sa yo. Olympiad toujou ensiste ke li te pitit gason Zeyis , yon teyori aparamman konfime Alexander pa yon Oracle nan Amon nan Siwa . Se poutèt sa, li te kòmanse idantifye tèt li kòm pitit gason Zeyis. Aleksann te adopte eleman tipik rad Pèsik ak koutim nan epòk la, li te mande pou egzanp zak proskynesis (sa a se prèv ke Aleksann te trè respekte kilti Pèsik la), yon pratik Masedwanyen te dezapwouve, e yo te ezite fè.

Konpòtman sa a te koute l afeksyon anpil nan konpatriyòt li yo. Nan nenpòt ka, Alexander te tou yon chèf dogmatik ki konprann difikilte yo nan gouvène diferan kilti moun, anpil nan yo ki te rete nan rèy kote yo te chèf la konsidere kòm yon Divinite. Se poutèt sa, olye ke megalomani, konpòtman li te ka yon tantativ pratik ranfòse règ li yo ak prezève inite nan anpi an.

Relasyon pèsonèl

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: relasyon pèsonèl Aleksann Legran an .

Alessandro marye twa fwa: Rossane , pitit fi Sogdian Ossiarte nan Bactria , pou renmen; ak prensès Pèsik yo Stateira II ak Parysatis II, premye pitit fi Dariyis III ak dènye pitit fi Artaxerxes III , pou rezon politik. Li aparamman te gen de pitit gason, Alexander IV nan Masedwan soti nan Rossane e petèt Heracles nan Masedwan soti nan Barsine metrès li. Li pèdi yon lòt ti bebe lè Rossane te fè yon avòtman nan lavil Babilòn.

Jarèt nan Alexander ak Hephaestion, nan mize a nan Geti Villa a , nan Malibu.

Alexander tou te gen yon zafè renmen fèmen ak zanmi l 'yo, jeneral ak gad kò Hephaestion , pitit gason yon nòb Masedwan. Lanmò Hephaestion devaste Alexander. Ka evènman sa a te kontribye nan pòv sante Alexander a ak detache eta mantal pandan dènye mwa l 'yo.

Seksyalite Alexander a te sijè a nan espekilasyon ak konfli nan tan modèn. Ekriven nan epòk Women an Athenaeus nan Naucrati deklare, dapre sa Dicearco savan, ki moun ki te yon kontanporen nan Alexander, ke wa a "tou te gen yon abitid nan bay nan fason sa a" (sa vle di envèrsyon), e ke Alexander seksyèlman anbrase gwo chèf Bagoas an piblik. Plutarch te di epizòd sa a tou, ki baze sou menm sous la. Alexander ak Hephaestion yo te souvan konpare ak Achilles ak Patroclus , ki klasik kilti grèk pentire an pè. Aelian ekri nan vizit Alexander a Troy , kote "Alexander garlanded kavo a nan Achilles ak Hephaestion ki nan Patroclus , ki sijere ke li te yon renmen anpil nan Alexander, menm jan Patroclus te nan Achilles". Gen kèk istoryen modèn (tankou Robin Lane Fox) kwè non sèlman ke relasyon jivenil Alexander a ak Hephaestion te seksyèl, men ke kontak seksyèl yo kontinye nan laj majè, ki te ale kont nòm sosyal yo nan kèk vil grèk., Tankou Atèn, byenke kèk chèchè modèn gen pwovizwa pwopoze ke Masedwan (oswa omwen tribinal la Masedwan) ka te pi toleran nan envèrsyon granmoun.

Green diskite ke gen ti prèv nan sous ansyen ke Alexander te gen yon enterè karnal nan fanm; tèlman bagay ke li pa t 'pwodwi yon eritye jouk nan fen lavi li. Sepandan, dapre Ogden, Alexander ta vin ansent omwen twa timoun nan uit ane, plis pase papa l 'te gen nan menm laj la. Anplis de madanm li yo, Alexander te gen anpil lòt konpayon, li te vin gen yon reyèl harèm, nan style wa Pèsik yo, men li toujou ap itilize li ti kras, ki montre gwo kontwòl tèt li nan "plezi nan kò a". Sepandan, Plutarko te dekri kijan Alexander te anpenpan ak Rossane pa konplimante l 'paske li pa egzèse fòs sou li. Green sijere ke, nan kontèks la nan peryòd la, Alexander te fè amitye san patipri fò ak fanm, ki gen ladan Ada di Caria , ki moun ki adopte l ', e menm manman Darius a, Sisigambi , ki moun ki swadizan te mouri nan lapenn apre yo fin tande nan lanmò Alexander la.

Biyografi

Nesans lan

Filip II , papa Aleksann.

Alexander te fèt nan Pella , dezyèm kapital la nan Peyi Wa ki nan peyi Masedwan (premye a te Vergina ), alantou 20 oswa 21 Jiyè 356 BC (oswa petèt alantou 6 nan menm mwa a). [11] Li te pitit gason wa Masedwan Filip II ak Princess epirota olenpik yo . Tou de fanmi yo te konsidere tèt yo kòm desandan dirèk de de pi popilè ewo mitik: sa papa Filip Heracles , ke manman Achilles . [12] Alexander te toujou fasine pa orijin mitik sa a epi, nan kou lavi li, li te nan plizyè okazyon pou demontre idantifikasyon li ak tou de ewo pwisan sa yo nan antikite, sitou ak lèt ​​la.

Anplis de sa, dapre yon lejand alimenté pa tèt li ak Olympiad manman l 'apre asansyon a nan fòtèy la, ak rapòte nou pa Plutarka , [13] reyèl papa l' ta dwe Bondye Zeyis nan tèt li, ki moun ki yon swa ta pran fòm lan nan yon koulèv ak kouche ak manman l '. [N 2]

Edikasyon an

Aristòt anseye Alexander.

Nan moman nesans Alexander a, tou de Masedwan ak Epir te konsidere pa moun Lagrès yo kòm semi-barbar wayòm, ki sitye nan ekstrèm periferi nò nan mond lan Hellenic.

Enfimyè li te Lanice, sè ke Nwa Clitus ki pita te vin youn nan jeneral ki pi fè konfyans l 'yo. [14] Papa l 'Filip te vle bay pitit gason l' yon edikasyon grèk ak, apre Leonidas (ke elèv li te konsidere mizerab) [N 3] ak Lysimachus (ak ki Alexander mare anpil, ki riske lavi l 'yon fwa pou konsève pou l'), [15] ] li te chwazi kòm pwofesè l 'filozòf grèk la Aristòt , ki moun ki edike l' pou 3 zan, soti nan 343 BC 341 BC . [16] [N 4] Aristòt pwobableman anseye Aleksann syans natirèl, medikaman, atizay ak lang grèk la, e nou konnen tou ke li te prepare pou li yon edisyon anote Ilyada a [N 5] , ke Aleksann te pote avèk tèt li nan tout kanpay nan peyi Pès la . Relasyon ki genyen ant elèv ak pwofesè, menm si ak UPS ak Downs, kontinye apeprè asidu ak zanmitay pou kèk tan, menm apre depa lèt la; sèlman nan fen lavi li Alexander te kòmanse defye l '. [17]

Li pa konnen nan ki nivo ansèyman Aristòt yo te enfliyanse panse Alexander. Li sanble trè pwobab ke pa t 'kapab te gen anpil pwen reyinyon ant de la: teyori politik Aristòt la yo te yo menm ki klasik nan Lagrès, ki baze sou KONSEPSYON nan ansyen ak pwovens nan eta-vil la, ki Alexander, ki tankou papa l' reve nan inifye tout grèk la anba yon sèl gid, yo te anfòm byen sere.

Alexander te sepandan yon elèv briyan ak kapab: kapasite li nan diskou ak jwe lira a te deja sijè a nan yon diskou piblik pa Eschines nan Atèn lè Alexander te sèlman dis ane fin vye granmoun. [18] Prens nan Masedwan tou byento te vin yon bon filozòf; nan yon lèt Isocrates voye ba li, oratè atenyen an konpliman l 'sou konpetans li ak konpetans. [19]

Lachas a lyon ak reyinyon an ak Bucephalus

Jèn Aleksann Legran an donte Bucephalus

Gen kèk sous ki di nou ke jenn Alexander a deja nan yon laj byen bonè posede tanperaman an ekstraòdinè ke li te montre pi sibtilman nan ane sa yo nan lavi kout ak entans l 'yo. Anpil epizòd di nou nan zèv yo admirab nan chèf la tankou yon ti gason, tankou lachas a lyon lejand nan ki Alexander touye bèt la pè pou kont li. Ekstrèmman enpòtan pou lavi Alexander a te rankontre l 'ak chwal la endòmitab Bucephalus , ki sous yo di nou an detay.

Lè chèf la te gen apeprè douzan, yon zanmi papa l 'Filip, Jeneral Demaratus nan Korent , te achte bèt la pou sòm enpresyonan nan trèz talan ak entansyon an bay wa a li. Lèt la, pè pa endomibilite aparan bèt la, te sou yo bay moute kado a, lè Alexander remake ke chwal la te sèlman pè pa lonbraj pwòp li yo. Lè sa a, li pwoche bò l ', vire figi l' nan direksyon solèy la, ak Lè sa a, monte sou do l ': depi lè sa a li te di ke Bucephalus pa janm pèmèt tèt li yo dwe monte pa nenpòt lòt moun pase chèf la.

Bucephalus ta akonpaye Alexander pou prèske ven ane, travèse mwatye mond lan avè l 'jouk li mouri, ki ta te fèt nan 326 BC pandan batay la nan Idaspe . Nan onè nan steed a, Alexander pral jwenn yon nouvo vil yo te rele Alexandria Bucefala .

Premye anbakman yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Leve non nan Peyi Wa ki nan Masedwan .

Rive nan sèz ane ki gen laj, nan 340 BC , Alexander fini fòmasyon li yo ak Aristòt. Angaje nan yon ekspedisyon kont Bizanten , Filip deside ke pitit gason l 'te pare yo pran rejans la nan Peyi Wa ki nan peyi Masedwan, ki li te kite anba kontwòl l' yo. Pandan absans Filip la, branch fanmi Thracian nan Maedi a deside rebèl kont gouvènman an nan Pella : Alexander dirije defans la ak vitès ak konpetans, tèlman bagay ke nan yon ti tan li gaye revòlt yo. Nan kè teritwa yo li te deside fonde yon nouvo vil, Alexandroupoli , pa etabli kolon grèk.

Lè li retounen, Filip voye pitit gason l 'ankò pou fè kèk revòlt nan Thrace . Nan mwa sa yo, vil Amfissa te kòmanse kiltive kèk tè ki te sakre pou bondye Apollo : sa te prezante tèt li kòm opòtinite pafè pou Filip entèvni nan Lagrès, kote li te depi lontan te vle kòmanse pwolonje enfliyans li. Li te voye Aleksann nan plas yon tèt yon kontenjan militè, ki li byento rive nan 338 BC ; lame macedonyen an, ki te pase nan tèrmopil yo , te rive e te okipe vil Elatea , yon mach kèk jou soti nan Teb ak Atèn . Athenians yo, ki te dirije pa Demosthenes , Se poutèt sa deside alye tèt yo ak teban yo fè fas a lènmi an komen Masedwan.

Lame te konfli tou pre Chaeronea nan Beotia . Batay ki vin apre a pran non batay Chaeronea , kote kavalye Masedwan an, ki te dirije pa jenn Aleksann, bat twasan sòlda nan batayon sakre Theban, [20] konsidere kòm irézistibl jouk lè sa a. Apre viktwa a, lame Filip la te desann trankil nan tout penensil lan Hellenic jouk nan Peloponnese a, kote sèlman Sparta te opoze avans li. Sepandan, wa a Masedwan deside pa riske yon lagè ak Lacedaemonians yo, ki gen aura lejand nan vanyan sòlda irézistibl te toujou anpil vivan nan imajinasyon an komen, ak pran retrèt li Korent .

Isit la, nan 337 BC , li te fòme yon nouvo alyans panhelenik yo rele Lig la Korentyen , modle sou baz la nan anti-Pèsik Lig la panhelenik nan 481 BC ak comprenant tout polis grèk ak eksepsyon de Sparta. Filip te rele Hegemón , "kòmandan", e se nan okazyon sa a pou premye fwa gen yon mansyon ofisyèl sou entansyon wa Masedwan an pou anvayi peyi Pès la.

Egzil Aleksann ak asasina Filip

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Pausanias nan Orestide .

Retounen nan Pella, Filip tonbe foli nan renmen ak nyès la (e petèt adopte pitit fi) nan jeneral Attalus l 'yo , kléopat Eurydice , ki moun ki te vin madanm setyèm l' yo. Maryaj sa a mennen nan konfli feròs ant Alexander ak papa l '; Prince te pwobableman enkyete w sou pozisyon li kòm eritye, depi lavni, pitit gason Cleopatra Eurydice ta dwe sèl pitit gason lejitim nan Filip, ki moun ki te konplètman san Masedwan (manman an nan Alexander, Olympics , te epirota ).

Rekonstriksyon an nan kat jeyografik la nan mond lan Ansyen kòm imajine pa Hecateus nan Milet nan 5yèm syèk BC la

Krent Alexander yo te yon jan kanmenm konfime nan bankè maryaj la, lè Attalus, tonton lamarye a, te vle nan yon pen griye ke bondye yo ta byento akòde Masedwan yon eritye lejitim. Alexander, konprann, te fache anpil. Plutarch ban nou repons li bay Attalus: apre li fin joure l ', li ta mande l' "e ki sa mwen ta dwe, yon salo?". Filip te trè ofanse pa tretman pitit gason l 'nan tonton lamarye a e li te sou yo kout fwèt soti nan Alexander, men li glise sou yon ti mas glo diven. "Nonm lan ki ap prepare yo pase soti nan Ewòp nan pwovens Lazi" Alessandro ta te di nan moman sa a "pa menm ka pase soti nan yon kabann nan yon lòt."

Pou chape anba kòlè papa l ', Aleksann kouri ak manman l' nan Dodona , Epir , kote frè l ' Aleksann nan Epir gouvènen. Qui restò pochi giorni, prima di continuare verso l' Illiria , dove trovò rifugio da un re locale. Filippo, tuttavia, decise di perdonare molto presto il figlio, che richiamò a Pella dopo appena sei mesi.

Nell'estate di quell'anno, il 336 aC , mentre si trovava a Ege , la capitale ancestrale del regno macedone, per assistere al matrimonio di sua figlia Cleopatra con lo zio Alessandro d'Epiro , Filippo fu assassinato da una delle sue guardie, Pausania di Orestide , che fu quasi subito scoperto e ucciso da altre guardie del re, amiche di Alessandro. Non sappiamo quali siano le motivazioni alla base dell'assassinio, e anche le fonti antiche discordano. Alcuni, tra cui Plutarco, accusano Olimpiade o lo stesso Alessandro di essere stati a conoscenza della congiura, se non di avervi addirittura preso parte. Altri pensarono che il mandante dell'assassinio fosse il re di Persia, Dario III , da poco salito sul trono di Persepoli . Secondo Aristotele, infine, Pausania era un amante di Filippo, e avrebbe ucciso il re per vendicarsi di violenze sessuali a lui inflitte da parte dei seguaci di Attalo, zio della nuova moglie di Filippo, e non convenientemente punite dal sovrano. [21] Il fatto, comunque, che si abbiano testimonianze attendibili dell'esistenza di alcuni complici, in attesa di raccogliere Pausania in fuga, tende a escludere quest'ultima ipotesi in favore di un complotto politico.

In ogni caso, alla morte del padre, Alessandro fu immediatamente proclamato re dall'esercito e dai dignitari, all'età di soli vent'anni.

Il consolidamento del potere

I Balcani meridionali e l' Asia minore nel 336 aC

Salito al potere nel 336 aC , Alessandro si occupò subito di consolidare il suo potere, facendo eliminare fisicamente tutti gli altri possibili rivali al suo trono. Per prima cosa fece giustiziare il cugino Aminta IV , figlio di Perdicca III e suo legittimo successore, fino al momento in cui l'allora reggente Filippo II , il padre di Alessandro, decise di spodestare. [22] Quindi con l'aiuto del generale Antipatro , consigliere del padre, fece uccidere due dei tre principi macedoni della Lincestide . Inviò infine un sicario per uccidere lo zio Attalo , che allora si trovava già in Asia minore a guidare l'avanguardia dell'esercito macedone. La madre Olimpiade, nel frattempo, fece bruciare vive Cleopatra Euridice, la giovane vedova di Filippo, e la di lui figlia Europa.

Consolidato così il suo potere in patria, Alessandro poté cominciare a guardare alla penisola ellenica. Qui, infatti, la notizia della morte di Filippo aveva dato vita a una serie di rivolte e insurrezioni a Tebe , Atene e in Tessaglia . Alla guida di un numeroso esercito, scese nuovamente in Grecia: dapprima causò la resa dell'esercito tessalico, quindi continuò la marcia verso sud fino alle Termopili , dove fu riconosciuto comandante della Lega Anfizionica . A questo punto si diresse verso Corinto , dove incontrò il filosofo cinico Diogene . L'incontro è divenuto celebre grazie allo scambio di battute che sarebbe avvenuto tra i due: Alessandro, che ammirava molto la filosofia cinica, avrebbe chiesto a Diogene cosa potesse fare il re di Macedonia per lui, e il filosofo avrebbe risposto di spostarsi più in là, poiché la sua figura gli nascondeva il sole. [23] Sembra che Alessandro fu positivamente colpito dalla risposta, poiché disse: «Veramente, se non fossi Alessandro vorrei essere Diogene». [N 6]

A Corinto, Alessandro prese il titolo che fu del padre di Hegemón della Lega Ellenica , e fu messo a capo dell'esercito greco nella imminente spedizione contro l' Impero Persiano .

La campagna nei Balcani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campagna balcanica di Alessandro Magno .

Ricevuto l'appoggio dei Greci (con l'eccezione ancora di Sparta ), Alessandro decise di rivolgersi a nord, per assicurare i confini del suo regno prima della spedizione in Persia. Nella primavera del 335 aC partì alla volta dei Balcani. I primi a essere sconfitti furono i Triballi , una popolazione stanziata in una regione più o meno corrispondente all'odierna Bulgaria settentrionale; dopo una serie di battaglie vittoriose, [24] in cui Alessandro diede prova di grande abilità strategica, i Triballi guidati dal loro re Sirmo furono definitivamente sconfitti sul fiume Ligino ed alla foce del Danubio , (rispettivamente battaglia del fiume Ligino e battaglia dell'isola di Peuce ), subendo perdite enormi a fronte della sola cinquantina di morti macedoni. [25] Percorrendo il corso del fiume, Alessandro si ritrovò sulla sponda del Danubio, che seguì per tre giorni fino a che non trovò l'esercito dei Geti , alleati dei Triballi, sulla sponda opposta. Alessandro guadò il fiume di notte, cogliendo di sorpresa l'esercito nemico e costringendolo a battere in ritirata.

Dopo circa 4 mesi di campagna, ad Alessandro giunsero notizie di altre insurrezioni in Illiria , comandate dal re dei Dardani Clito e dal re dei Taulanti Glaucia . Egli decise quindi di marciare verso est, e uno dopo l'altro sconfisse gli eserciti dei rivoltosi, assicurandosi così la pace nel confine settentrionale.

L'insurrezione delle poleis

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Tebe .

Dopo le vittorie nei Balcani, si sparse in Grecia la voce che Alessandro fosse rimasto ucciso in battaglia. Questa notizia provocò una nuova ribellione a Tebe e Atene , probabilmente in parte alimentata dai Persiani. [26]

Con una marcia rapidissima (più di 200 chilometri percorsi in soli quattordici giorni), [27] Alessandro raggiunse Tebe e la circondò. L'esercito macedone travolse ogni fortificazione, e rase quasi al suolo l'intera città, risparmiando solamente i templi e la casa del poeta Pindaro . L'intero territorio della polis fu diviso tra le città beote confinanti. Atene fu risparmiata, a patto che la città consegnasse i capi del movimento anti-macedone: alla fine solo il generale Caridemo fu esiliato , e in seguito si alleò con i persiani di Dario . [28]

Era giunto il momento per Alessandro di partire per la tanto desiderata campagna in Asia. Prima della partenza, però, il macedone si volle fermare all' oracolo di Delfi per ascoltare il vaticinio della Pizia . Per il tempo in cui il re arrivò al tempio, però, l'Oracolo non poteva essere consultato. Alessandro, però, non si perse d'animo: costrinse con la forza la sacerdotessa nel tempio e la obbligò a vaticinare, e solo a questo punto ella avrebbe espresso il suo responso: Alessandro sarebbe stato «invincibile». [29]

Conquista dell'Impero persiano

Nella primavera del 334 aC Alessandro, dopo aver lasciato al fidato generale Antipatro la reggenza di Macedonia , passò l' Ellesponto alla guida di un grande esercito.

Le fonti discordano fin dall'inizio sul numero esatto delle truppe di Alessandro: probabilmente si trattò di una fanteria di circa 48.000 unità, 6.000 cavalieri e una flotta di 120 triremi . Tolomeo , uno dei generali più fidati del condottiero macedone che tenne un diario sulla spedizione, ci dice invece che le armate erano inizialmente composte da 30.000 fanti e 5.000 cavalieri, Anassimene di Lampsaco descrive 43.000 fanti e 5.500 cavalieri, mentre Callistene , lo storico ufficiale della campagna, contava una fanteria di 40.000 unità e una cavalleria di 4.500. [ senza fonte ] Sappiamo per certo, in ogni caso, che i soldati provenivano in gran parte dall'esercito del Regno di Macedonia, ma vi erano anche contingenti greci provenienti da tutte le città che facevano parte della Lega di Corinto .

Giunto indisturbato sulle coste dell' Asia minore , Alessandro si recò subito a rendere omaggio alla tomba dell'eroe Protesilao , secondo il mito il primo guerriero acheo a sbarcare sulle spiagge di Troia in occasione del famoso assedio della città. Ivi giunto, compì un sacrificio e rese palese la sua intenzione di conquistare l'intero Impero di Persia con un gesto di sicuro effetto: gettò la propria lancia e la lasciò conficcarsi nel suolo, nella terra d'Asia.

La battaglia del Granico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia del Granico .

Il comandante delle truppe del Gran Re di Persia nella regione era un mercenario greco di nome Memnone , nato a Rodi e che aveva sposato una donna persiana. Egli sosteneva che la tecnica migliore per stroncare subito l'avanzata di Alessandro nel continente fosse quella della cosiddetta " terra bruciata ": attirare l'esercito macedone verso l'interno, e bruciare e distruggere tutto ciò che c'era nei dintorni, così da rendere per i macedoni impossibile l'approvvigionamento dei rifornimenti. I satrapi persiani, però, non furono d'accordo nell'infliggere al proprio territorio danni così ingenti, [30] e preferirono invece scontrarsi direttamente con le armate di Alessandro il prima possibile.

Impero di Alessandro Magno . È riportato il tragitto compiuto dal conquistatore e le principali battaglie.

Lo scontro ebbe luogo presso il fiume Granico , nei pressi del sito dell'antica Troia . La tattica di Alessandro era chiara: aprire dei varchi nella fanteria nemica, lasciando poi spazio alla cavalleria per spezzare l'esercito persiano (che era disposto lungo le ripide rive del fiume) e permettendo così alla falange macedone di caricare con le sarisse e porre fine alla battaglia.

La vittoria fu schiacciante, anche se Alessandro venne ferito, e fu addirittura necessario che Clito il Nero gli salvasse la vita. L'esercito persiano subì perdite tremende, mentre i macedoni contarono appena un centinaio di morti. [31] Alessandro inviò trecento tra le armature nemiche più belle ad Atene per essere esposte sull' acropoli , un ovvio riferimento ai trecento guerrieri spartani di re Leonida che si batterono valorosamente alle Termopili nel 480 aC

La resistenza di Mileto e l'accordo con la città di Sardi
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Mileto .

L'avanzata di Alessandro trovò solo la città di Mileto a opporgli fiera resistenza: pur avendo anche loro inviato in precedenza ai Macedoni una lettera di resa, cambiarono idea non appena vennero a conoscenza dell'arrivo imminente di una flotta amica in loro sostegno. Alessandro occupò quindi il porto, cercando di impedirne l'entrata alle 400 navi nemiche che stavano per giungere, [32] e assaltò le mura, incominciando l' assedio . Dopo tre giorni giunsero i rinforzi ma non venne permesso loro di attraccare: ciò fu possibile grazie allo sforzo di Nicanore e dei suoi soldati che, stanziando nei pressi dell'isola di Lade, controllavano il porto.

Si dice che a questo punto Parmenione suggerì di attaccare la flotta nemica, avendo notato buoni auspici per la vittoria in mare (un'aquila che si era poggiata sulla spiaggia vicino alle loro imbarcazioni); Alessandro, tuttavia, gli rispose che aveva male interpretato i segni e che la vittoria sarebbe venuta per terra, in quanto il volatile si era poggiato sul suolo; l'evento è probabilmente inventato. [33] I Macedoni sconfissero gli avversari e reclutarono trecento uomini nemici nel loro esercito (questo reclutamento indusse alla resa i combattenti nemici più valorosi).

Contro la città di Sardi bastò un accordo con il suo capo, Mitrine, che accolse Alessandro come fosse un amico; il re macedone permise ai cittadini di continuare a regolarsi con le leggi già in uso e concesse inoltre ulteriori privilegi. [34] Raggiunse Efeso , dove i mercenari nemici impauriti erano precedentemente fuggiti, e la occupò instaurando una democrazia al posto della precedente oligarchia , come era avvenuto nelle altre città conquistate. [35] La città entrò a far parte della Lega di Corinto . Questa sua politica portò ad Alessandro molti consensi e provocò la resa spontanea di altre città. Tutte le πόλεις (pòleis) della costa, che avevano mal sopportato le ingerenze persiane, salutarono il macedone come un compatriota liberatore.

Il controllo delle zone conquistate

Il governo della Caria fu affidato ad Ada , ultima sorella di Mausolo e di Pissodaro (colui che anni prima aveva progettato un matrimonio fra sua figlia e uno dei figli di Filippo). [36] La donna chiese udienza al conquistatore, lasciando Alinda (luogo dove aveva trovato rifugio) per incontrarlo; nel parlargli lo denominò figlio . [37]

Mentre il grosso dell'esercito svernava in Lidia (terra poi concessa ad Asandro ) al comando di Parmenione, Alessandro passò in Licia , in Panfilia , in Pisidia e in Frigia ; quest'ultima venne concessa al comandante della cavalleria tessalica (Calate) e in sua sostituzione Alessandro nominò nuovo comandante della cavalleria Alessandro Linceste, scelta poi rivelatasi infausta; Linceste, in seguito, fu da lui fatto arrestare con l'accusa di tradimento. [38]

L'assedio ad Alicarnasso
Alessandro Magno ritratto come il dio Elio .

L'intento di Alessandro era quello di conquistare tutte le città costiere impedendo l'attracco alle navi nemiche; nel frattempo si ebbe la notizia della morte di un figlio di Dario, ucciso per ordine dello stesso padre in quanto era in procinto di tradirlo. [39]

Si trovò di fronte ad Alicarnasso , una roccaforte dove si era rifugiato Memnone per aiutare la flotta persiana disposta nelle acque vicine; la città era provvista di un grande fossato e disponeva di scorte sufficienti a resistere a un eventuale lungo assedio. In questa battaglia il macedone utilizzò le macchine che lanciavano pietre per difesa e non per attaccare le mura.

Alessandro attaccò quindi una torre, nella vana speranza che il suo crollo coinvolgesse parte delle mura; ma alla caduta della prima non conseguì la caduta della seconda. Si concentrò allora su un'altra zona, colmando prima il fossato e poi attaccando con le sue macchine, senza grossi esiti. In quell'occasione morì Neottolemo, fratello di Aminta di Arrabeo, insieme a circa 170 soldati, mentre meno di venti (16) furono le vittime fra i macedoni, e 300 i feriti. [40]

I Persiani resistettero ad altri assalti grazie al fuoco che bruciò un' elepoli dei greci.

Furono allora mandati duemila uomini persiani, mille dei quali armati di fiaccole con l'obiettivo di incendiare ogni macchina nemica, mentre gli altri mille dovevano attaccare di sorpresa i Macedoni nel momento in cui sarebbero stati impegnati a spegnere i vari incendi. La loro azione non colse impreparati gli uomini di Alessandro, che fecero strage dei nemici; del secondo contingente si occupò Tolomeo. I soldati persiani rimasti in vita cercarono di tornare nella città, ma, temendo che anche gli invasori entrassero con loro, venne chiuso il cancello e il ponte stesso non resse al peso. Si contarono 1.500 morti per i Persiani e 40 dei Macedoni, fra cui il capo degli arcieri Clearco. [41]

Diodoro differisce totalmente da questa versione (narrata fra gli altri da Arriano-Tolomeo); secondo l'autore, soltanto all'inizio stavano avendo la meglio i Macedoni, guidati fra gli altri probabilmente dai battaglioni di Addeo e Timandro, ma di fronte al secondo assalto molti dei greci si spaventarono e la paura aumentò ancora di più all'ingresso dello stesso Memnone, il cui esercito ammutolì per un attimo lo stesso Alessandro. Soltanto grazie ai veterani, al cui comando si pose Atarrias, che spronò i più giovani e inesperti, riuscirono a sconfiggere l'esercito nemico uccidendo Efialte, uno dei comandanti nemici. L'episodio ritrova conferma in un racconto successivo riguardante Clito il Nero e Alessandro, nel quale il primo ricordò al secondo che senza l'intervento di Atarrias i Greci forse sarebbero ancora ad assediare Alicarnasso. [42] Si riportano anche i nomi dei generali nemici, gli stessi Efialte e Trasibulo, che tempo prima vivevano ad Atene e di cui Alessandro chiese la consegna, ma a cui fu dato la possibilità dell'esilio e quindi di allearsi con Dario. In ogni caso la resistenza non superò i due mesi. [43]

La città venne incendiata dai Persiani, [44] mentre il generale nemico Memnone fuggì rifugiandosi temporaneamente sull'isola di Cos . Il re macedone, entrato nella città, ordinò di uccidere chiunque avesse appiccato il fuoco e quando si rese conto dei danni che aveva subito la fece distruggere completamente; visti, però, i resti ritrovati, sembra che questa sia un'esagerazione. [45]

Alessandro lasciò Orontobate, che si era rifugiato nella roccaforte di Salmacide, dando incarico a due dei suoi uomini più fidati ( Tolomeo di Filippo e Asandro ) di conquistare le restanti città della regione, lasciando a loro parte dell'esercito (3.000 fanti e 200 cavalieri). Nel frattempo il re macedone avrebbe proseguito la sua conquista dell' Impero Persiano .

I primi tradimenti e il nodo gordiano

A questo punto il re macedone diede il congedo a tutti i militari che si erano sposati poco prima di partire per la spedizione [46] e inviò parte del suo esercito a Perge , mentre lui continuava il suo percorso costiero. Dopo un evento fortuito (il vento cambiò al suo passare rendendo agevole il passaggio in una zona altrimenti impervia) [47] riscosse molti consensi e contributi da parte dei suoi uomini che subito convertì in paghe per i soldati.

Alessandro viaggiò per Termesso , Aspendo e Faselide. Nel frattempo arrivò da Parmenione Sisine, un messaggero persiano inviato da Dario III col proposito di persuadere Alessandro di Lincestide a uccidere il proprio re; se quest'ultimo avesse accettato la proposta avrebbe ricevuto un premio di duemila talenti d'oro (a cui si aggiungeva la corona stessa). Il generale dunque, ritenendo rischioso comunicare la risposta per iscritto, inviò ai persiani un messaggero travestito, evitando così ogni possibile pericolo di intercettazione, per chiedere come avrebbe dovuto agire. [48]

Gli storici non concordano con questo passo per via della presenza di tanti punti oscuri. Anche la sorte di Alessandro di Lincestide viene raccontata in vari modi: Tolomeo dopo la sua cattura non citerà più il suo nome; forse fu ucciso per un tradimento quattro anni dopo le vicende narrate, oppure, come racconta Aristobulo , egli morì addirittura prima della partenza per la conquista dell'Asia, ucciso da una donna a cui chiese del denaro. [49] Dati certi riportano però l'esistenza di un comandante dei Traci con tale nome, sia all'epoca di Tebe sia in Asia.

Altri resoconti identificano Sisine come uomo di fiducia del re macedone, che gli rimase fedele sino a poco prima della battaglia di Isso, quando gli venne commissionato l'omicidio di Alessandro; scoperto, per ordine del re, Sisine venne poi ucciso dagli arcieri. [50]

Dopo aver fatto dono al veterano Antigono Monoftalmo di un ampio territorio, Alessandro giunse nell'antica capitale Gordio , dove si svolse l'episodio del celebre nodo gordiano : pare che esistesse un antico carro, il cui giogo era assicurato da un nodo inestricabile e che un oracolo avesse promesso il dominio dell'Asia a chi fosse riuscito a scioglierlo. Il macedone, dopo alcuni tentativi, risolse il problema estraendo la spada e tagliando il nodo con un colpo netto. [51] Diversamente, Aristobulo afferma che fu facile per il re sciogliere quel nodo, senza l'utilizzo della propria spada, bensì staccando semplicemente la spina che teneva il nodo legato al carro. [52]

A Gordio, nel maggio del 333 aC , Alessandro aspettò che Parmenione lo raggiungesse insieme con le sue truppe, cui si aggiunsero 4.000 soldati (di cui 3.000 erano Macedoni). [53] Riuscì a far avere ad Antipatro 500 talenti e 600 ne donò ad Anfotero, per rinforzare la flotta greca, rispettando l'alleanza. [54]

In seguito Memnone, dopo aver conquistato Chio e le città di Lesbo ( Mitilene non riuscì mai a conquistarla), tentò di preparare trecento navi con cui partire per invadere Eubea e Attica, [55] ma si ammalò e morì. La sua azione di resistenza fu proseguita da un suo parente, Farnabazo , aiutato da Autofradate . I due ottennero piccole vittorie (fra cui la conquista di Mitilene, Mileto e Tenedo) alternate ad altrettante piccole sconfitte, ma il numero dei loro soldati non impensieriva Alessandro.

Battaglia di Isso (333 aC)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Isso .
Preludio

Alessandro nel giugno del 333 aC entrò nella Cilicia e scese in una radura descritta tempo prima da Senofonte , [56] arrivando dopo molte miglia a Tarso . Nel frattempo Dario III , a Susa , venuto a conoscenza della morte del suo più celebre generale, convocò il consiglio di guerra; Caridemo chiese di essere posto al comando di un esercito di 100.000 uomini, [57] ma l'imperatore persiano decise di muoversi personalmente a partire da luglio. Verso la fine di agosto o l'inizio di settembre partì. Le cifre dell'esercito persiano non sono riportate correttamente da nessun cronista storico del tempo: erano 600.000 secondo Arriano e Plutarco, [58] 400.000 fanti a cui si sommano 100.000 cavalieri secondo Giustino e Diodoro, mentre Callistene e Curzio Rufo riferiscono solo di 30.000 mercenari greci; altri riportano che il contingente schierato fu di 160.000 unità.

In ogni caso Dario aveva radunato un'armata numerosa, tre o quattro volte superiore a quella macedone. I Persiani si schierarono nella pianura a est dei monti Amanos (oggi chiamati Nur ), all'uscita del passo denominato "porte siriache", acquartierandosi nella città di Sochi (o Sochoi). [59]

Nel frattempo Alessandro fu colpito da una malattia, forse per aver nuotato nel Cidno . Il medico Filippo di Acarnania si occupò di curarlo, ma alcuni temettero che potesse invece cercare di ucciderlo, visto che da poco si era unito alle schiere di Alessandro. Secondo Arriano e Curzio, Parmenione . [60] fece pervenire ad Alessandro una lettera dove si riferiva dell'intenzione del medico di ucciderlo. Alessandro lesse la lettera poco prima di bere il rimedio approntato dal medico e, confidando della sua lealtà, bevve comunque il farmaco e subito dopo gli consegnò la lettera. Il re guarì verso la fine di settembre. Successivamente passò per Anchialo , dove una tradizione diceva che questa città e quella di Tarso furono costruite in un giorno e, dopo la conquista di Soli , corse a Mallo , dove era in atto una guerra civile che fece terminare; qui venne a conoscenza che Dario era posizionato a Sochi e decise quindi di affrontarlo. [61] Alessandro lasciò i feriti ei malati delle sue truppe a Isso , poi riprese la marcia e giunse a Miriandro dove si accampò. [62] Qui decise di attendere Dario attraverso le Porte Assire (oggi chiamato Passo Beilan ). [63]

La battaglia
Mosaico della battaglia di Isso proveniente dalla Casa del Fauno (Napoli, Museo Archeologico).

Parmenione fu mandato in avanscoperta ea fatica riuscì a controllare il passo di Kara-kapu , Alessandretta e una parte di Isso; Alessandro lo raggiunse successivamente.

A novembre, infine, il re persiano, temendo che l'inverno lo costringesse a ritirarsi nei quartieri invernali senza aver fermato Alessandro, gli venne incontro. Entrambi non sapevano esattamente dove si trovasse l'altro. Arrivato a Isso, Dario trovò solo gli uomini abbandonati dal re avversario, in quanto non erano più utili all'imminente battaglia perché feriti o malati; il suo nemico si trovava a sole quindici miglia circa più a sud. [64]

Fiducioso della superiorità numerica del suo esercito, Dario si spostò alle spalle del nemico, nella pianura costiera di Isso, l'odierna Dörtyol ; la sua idea era quella di spezzare l'esercito macedone, confidando che l'alto numero dei soldati reclutati lo avrebbe portato alla vittoria anche su un terreno meno favorevole, nella ristretta pianura chiusa tra i monti del Tauro , il mare e il fiume Pinar, [65] dove poterono essere schierati non più di 60.000 fanti, 30.000 cavalieri, altri 20.000 uomini e dietro a loro 30.000 mercenari greci. [66] Il tutto equivaleva per capacità alla falange macedone. [67] Ancora più dietro vennero schierati altri soldati, mentre Dario occupava il centro come loro usanza, [68] su un carro con 3.000 uomini posti a guardia. Alla sinistra si posero 6.000 arcieri e 20.000 fanti sotto il comando di Aristomede . [66]

Lo scontro ebbe inizio alle cinque e mezzo del primo novembre. [69] Alessandro guidò direttamente la carica con la cavalleria leggera sull'ala destra: superò gli sbarramenti posti dalle truppe persiane mentre la falange, meno veloce nei movimenti, cedeva lentamente al nemico che l'attaccava da ogni parte. [70] Nel suo slancio, Alessandro raggiunse quasi il sovrano persiano e si dice cercò di colpirlo, non riuscendoci, con una lancia. Dario decise di ritirarsi, costretto a lasciare il suo carro ea darsi alla fuga su un cavallo, [71] mentre suo fratello Ossatre rimase a combattere sino alla morte.

Dopo la battaglia
La famiglia di Dario davanti ad Alessandro , Justus Sustermans .

La battaglia si concluse con una completa disfatta dei Persiani, tra i quali si contarono oltre 110.000 morti [72] fra cui ufficiali quali Savace (satrapo d'Egitto), Arsame, Reomitre e Atize, i quali avevano già combattuto in passato contro l'avanzata macedone uscendone in salvo. Il Grande Re perse le sue migliori truppe, quasi tutti i più validi ufficiali del suo esercito e soprattutto il proprio prestigio di condottiero, distrutto dalla sua precipitosa fuga davanti al nemico.

Fra i Macedoni si contarono 150 perdite, tra cui 32 fanti, mentre i feriti erano oltre 500. [73] Lo stesso Alessandro venne ferito a una coscia. Vennero catturati, oltre a un immenso bottino, anche alcuni familiari di Dario tra cui sua madre Sisigambi , sua moglie Statira I e le sue figlie Statira II e Dripetide . [74]

Il giorno successivo Alessandro andò con Efestione a far visita alle prigioniere. In quell'occasione Sisigambi non seppe riconoscere chi dei due fosse il re, rendendo omaggio alla persona sbagliata. Un servo le fece notare l'errore e il conquistatore macedone per evitarle l'imbarazzo le disse di non preoccuparsi in quanto entrambi erano Alessandro; [75] il condottiero, adeguandosi a come già aveva fatto con Ada tempo addietro, incominciò a rivolgersi alla regina persiana chiamandola madre. [76] Visitò i feriti, pur essendo lui stesso uno di loro, e onorò ogni soldato che si fosse distinto durante la battaglia offrendo ricompense adeguate. [77]

L'ambasciata di pace

Giunto a Marato , il conquistatore macedone ricevette alcuni ambasciatori inviati dal re persiano; questi chiedevano la pace e il riscatto dei prigionieri. Gli ambasciatori erano accompagnati da una lettera con la quale si ricordava ad Alessandro che, ai tempi del padre Filippo, la Macedonia e la Persia erano state alleate e furono i Macedoni a infrangere per primi tale alleanza. [78]

Alessandro rifiutò le proposte di pace di Dario preferendo la via della conquista all'accontentarsi dei numerosi territori fino a quel momento assoggettati. Invece di proseguire immediatamente verso l' Asia preferì entrare in Egitto al fine di coprire le spalle al suo esercito prima della spedizione successiva.

Damasco e Tiro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Tiro (332 aC) .
Moneta d'oro di Alessandro.
Moneta d'argento di Alessandro.

Parmenione poi fu inviato a Damasco , dove riuscì a racimolare 2.600 talenti [79] e 500 libbre d'argento, con i quali riuscì a pagare ogni debito contratto con l'esercito. Parmenione riportò con sé anche 329 musiciste e quaranta «fabbricanti di profumi», [80] oltre a uno scrigno in cui Alessandro nascose la sua copia dell' Iliade e Barsine , figlia di Artabazo (che discendeva da una figlia di un re) e vedova del generale Memnone, [81] che divenne una delle compagne dello stesso re macedone, da cui ebbe un figlio, Eracle.

Dopo la vittoria lo stesso Alessandro scrisse una lettera a Dario con la quale gli comunicò che avrebbe dovuto chiamarlo «signore di tutta l'Asia» e che avrebbe potuto ottenere il riscatto della moglie e dei figli se fosse venuto di persona a chiederlo. Nel caso in cui il sovrano persiano non l'avesse riconosciuto superiore a lui ci sarebbe stato un nuovo combattimento. [82]

Alessandro si dedicò quindi alle città costiere per eliminare le ultime basi della flotta persiana. Si sottomisero senza opporre resistenza Arado , Biblo e Sidone con le loro flotte navali, mentre Tiro , che per allearsi o meno attendeva di capire chi stesse vincendo fra i due schieramenti, [83] non fu benevola come le precedenti. Il re cercò in un primo momento di convincerli a farli entrare in città con il pretesto di voler rendere omaggio a una loro divinità, Melqart ; loro tuttavia non acconsentirono e gli venne suggerito di recarsi nella parte vecchia della città dove vi era un tempio dedicato. In questo modo avrebbero quindi evitato la parte nuova, quella che invece interessava al macedone. [84] Il conquistatore inviò loro dei messaggeri che furono tutti uccisi, violando il codice non scritto. [85] Era il mese di febbraio dell'anno 332 aC

La città oppose un'accanita resistenza, forte anche del fatto che Cartagine aveva promesso di inviare presto soccorsi. La parte nuova era ubicata su un'isola vicino alla costa (si parlava di una distanza di 700 metri); Alessandro pensò dunque di utilizzare dei detriti dell'antica città continentale, distrutta anni prima da Nabucodonosor II (dopo un assedio di tredici anni), per unire l'isola alla costa rendendola dunque una penisola, usando anche alberi, legname a cui venivano alternati strati di macigni e detriti. [86] Intanto racimolò, durante un viaggio che lo portò anche a Sidone , una piccola flotta composta da 224 navi, fra cui alcune quinqueremi del re Pnitagora , sovrano dei ciprioti [87] a cui il conquistatore donò una miniera di rame. Oltre a loro riuscì ad aggiungere alle sue fila anche 4.000 mercenari comandati da Cleandro .

L'assedio durò sette mesi (dal febbraio del 332 aC sino a luglio-agosto). Fra le varie idee utilizzate vi fu quella di due navi unite a prua che trasportavano degli arieti. La resistenza dei Tiri fu eroica: riparavano ogni breccia creata, gettavano pietre contro le navi che trasportavano gli arieti (anche se tali massi furono raccolti e catapultati lontano dagli assalitori), tagliavano le corde che reggevano le ancore anche con l'uso di palombari (in seguito furono sostituite da catene). [88] Inoltre, dato il gran numero di tecnici e ingegneri presenti nella città, costruirono facilmente tante nuove macchine da guerra per opporsi con più efficacia all'assedio; [89] a loro si contrapponeva, nella costruzione di macchine all'avanguardia, un solo inventore tessalo, Diade .

Giunse un'altra lettera da Dario, una proposta di pace, probabilmente durante l'assedio a Tiro. [90] Questa volta alla proposta erano allegati molti doni fra cui 10.000 talenti, la mano di sua figlia e il possesso di un vasto territorio sino all' Eufrate . Vi fu qui una celebre conversazione fra Parmenione e Alessandro: «Se io fossi Alessandro, accetterei la tregua e concluderei la guerra senza più correre altri rischi». «Lo farei se fossi Parmenione; ma io sono Alessandro e come il cielo non contiene due soli, l'Asia non conterrà due re». [85]

Fu probabilmente la notizia della morte della moglie, avvenuta durante il travaglio di un nuovo nascituro, a far cambiare idea al re. [91] Infatti, saputo del secondo rifiuto, Dario si dedicherà a radunare un esercito ancora più vasto del precedente. Nel frattempo la flotta navale macedone sconfisse molti dei suoi nemici, fra cui Carete, fuggito tempo addietro dalla Grecia stessa.

Gli abitanti di Tiro vennero informati che i rinforzi da Cartagine non sarebbero giunti e di conseguenza escogitarono altre difese ancora più cruente, fra cui quella di gettare dalle mura sabbia e fango bollente che una volta entrate nelle armature degli assedianti avrebbero causato ustioni. [92] Si dice che Alessandro abbia avuto dei dubbi sulla prosecuzione dell'assedio; alla fine scelse di continuare ciò che aveva incominciato, dato che una rinuncia sarebbe stata una testimonianza troppo grande della sua non invincibilità. [93]

Plutarco racconta che, giunti all'ultimo giorno del mese di agosto, l' indovino Aristandro predisse, dopo aver interpretato i segni che il cielo stava dando, la conquista della città entro la fine del mese; Alessandro quindi decise che quel giorno non era più il trenta ma il ventotto del mese. [94] Alla fine di agosto le navi di Alessandro subirono un pesante attacco e quelle di Pnitagora, Androclo e Pasicrate , dopo essere state speronate, affondarono l'una dopo l'altra. Non appena il macedone si accorse di quanto stava accadendo ordinò alle navi più vicine di avvicinarsi al molo nemico impedendo così l'uscita di altri convogli e permettendo di concentrare l'azione su quelli rimasti. [95] I Macedoni utilizzarono a quel punto varie tattiche: l'attacco a entrambi i porti, un diversivo con una piccola unità navale e l'attacco decisivo alle mura. L'offensiva fu inizialmente guidata da Admeto , ammiraglio della nave del re, poi ucciso in quella battaglia. [96] Successivamente l'attaccò fu guidato da Alessandro in persona. Per paura della sconfitta imminente ci fu chi preferì uccidersi. [97] La città infine cadde e le perdite macedoni furono in quell'attacco circa una ventina, che si sommano alle circa quattrocento nel corso di tutto l'assedio. [98]

In quest'occasione si vide la furia del re: fece uccidere 8.000 cittadini (di cui 2.000 vennero crocifissi ) [99] e molti di più furono ridotti in schiavitù o venduti; si mostrò tuttavia benevolo con chi aveva trovato riparo nei templi, fra cui il re di Tiro, Azemilco . Alessandro fu dunque di parola e sacrificò, come aveva chiesto di fare in precedenza al dio locale, la catapulta che aveva fatto per prima breccia nella città. [100]

La data della caduta della città è controversa: Arriano cita il mese di luglio, all'epoca in cui si distingueva come magistrato d'Atene Aniceto, che aveva cambiato nome in Nicerato per festeggiare la vittoria di Alessandro. [101]

La conquista di Gaza

Testa di Alessandro conservata presso Copenaghen .

Dopo Dor e Ashdod arrivò il turno di Gaza , comandata da Batis (o Bati), che si oppose alla conquista. Alessandro fece trasportare le macchine da guerra utilizzate in precedenza e alle proteste dei suoi uomini replicò, dopo aver osservato le possenti mura della fortezza scoscesa, che più un'impresa appariva impossibile a maggior ragione doveva essere compiuta per stupire alleati e nemici. [102] Incominciò dunque la costruzione di gallerie, impresa facile vista la conformità del terreno. [103]

Nel contempo decise di fare costruire torri più alte delle mura nemiche in modo da poterle colpire dall'alto grazie all'utilizzo di catapulte (le elepoli non riuscivano ad avvicinarsi abbastanza). Per utilizzarle occorreva prima costruire un terrapieno ; nonostante i Macedoni avessero a disposizione solo fango e sabbia vi riuscirono in pochi mesi, secondo Diodoro in due. [104] Batis diede l'ordine ai suoi uomini di incendiare le macchine nemiche, ma i soldati che uscirono dalla fortezza furono attaccati. Durante questa azione Alessandro fu raggiunto da un colpo di catapulta. Si riparò con lo scudo ma l'impatto fu così forte da romperlo, trafiggendo l'armatura e ferendolo a una spalla. Questo episodio era stato predetto dall'indovino che aveva visto la vittoria del macedone. [105]

Il re non aspettò che la ferita guarisse, ma ritornò alla battaglia; durante l'assedio la ferita riprese a sanguinare ea gonfiarsi, [106] ma il condottiero abbandonò il campo solo quando stava per svenire. [107] Il terrapieno che venne costruito raggiunse un'altezza di 75 metri, una piccola montagna eretta durante l'estate; [108] da quell'altezza, anche se si cercò di alzare le mura della città, i nemici furono facili bersagli delle macchine nemiche. Inoltre, grazie alle gallerie scavate, le mura vennero fatte cadere. [109] Quasi tutti gli uomini della città morirono mentre i restanti diventarono schiavi. Si racconta che il destino di Batis, che durante i combattimenti venne ferito più volte, [110] ricordasse per similitudine quello di Ettore ; infatti, analogamente al condottiero troiano, venne legato al carro di Alessandro e trascinato; molte aggiunte apportate ai resoconti dopo la morte di Batis rendono l'accaduto più tragico. La città venne poi ripopolata.

Gerusalemme aprì le porte e si arrese. Secondo Giuseppe Flavio, [111] ad Alessandro fu mostrato il libro biblico di Daniele , si pensa l'ottavo capitolo, dov'è indicato che un potente re macedone avrebbe assoggettato l'Impero Persiano.

Egitto

Nel novembre del 332 aC Alessandro incominciò il viaggio verso l'Egitto; superato dopo tre giorni il deserto e il lago Serbonide, giunse in quelle terre venendo accolto come un liberatore e facendosi consacrare faraone : qui, infatti, il giogo persiano era maggiormente avvertito e poco accettato, poiché solo dodici anni prima il popolo era libero dal potere dei Persiani. [112]

La conquista dell'Egitto non era stata concordata con la lega di Corinto quindi il re macedone non poté unirla con il resto delle sue conquiste. Inoltre si astenne dal nominare un satrapo al quale preferì la collocazione strategica di alcune sue guarnigioni in posti chiave come Menfi e Pelusio . Per la gestione amministrativa del territorio furono scelti due nomarchi, Doloaspi e Petisi, mentre l'amministrazione delle finanze fu affidata a un greco residente in Egitto, Cleomene di Naucrati . [113] Assegnò ai suoi uomini cariche militari ma non civili. Durante la sua marcia apprese delle varie vittorie riportate dagli alleati: Lesbo, Tenedo e Cos erano ora in mano sua.

Dimostrò grande rispetto per gli dei egiziani [114] e una profonda devozione per Ramses II , suo mito e icona, in onore del quale costruì una stele; a Menfi fece un sacrificio al bue Api , ingraziandosi così i sacerdoti egiziani: [115] tempo addietro, durante la riconquista persiana del territorio egiziano, Artaserse III aveva ucciso un toro sacro e ne aveva divorato la carne, mentre il re macedone con questo gesto conquistò la fiducia del popolo.

La costruzione di Alessandria

Alla fine del 332 aC, sulle rive del Nilo , Alessandro decise di edificare una grande città che testimoniasse la sua grandezza; si racconta però che dopo un sogno, nel quale gli furono recitati alcuni versi dell' Odissea sull' isola di Faro , [116] decise di costruirla nella regione del Delta del Nilo su una stretta lingua di terra tra la palude Mareotide e il mare. Egli stesso disegnò la disposizione di piazze e mura da costruire [117] (le linee del disegno furono tracciate sul suolo utilizzando della farina). [118]

La città venne chiamata Alessandria d'Egitto . Il progetto topografico fu realizzato dal celebre architetto dell'epoca Dinocrate di Rodi [119] con la collaborazione di Cleomene da Naucrati . Le indicazioni fornite dal re macedone vennero rispettate. Fu la prima delle molte città a cui diede il suo nome. [120]

L'oracolo di Amon

In seguito Alessandro (o forse prima, secondo alcuni studiosi) [121] decise di andare a far visita al celebre santuario oracolare di Amon (l'equivalente di Zeus nella mitologia egizia). Per raggiungerlo dovette percorrere 200 miglia fino a quella che in seguito verrà chiamata Marsa Matruh , recandosi dunque all' oasi di Siwa nel deserto libico. Del viaggio si raccontarono gli episodi più incredibili, come i corvi che gracchiavano avvertendo i viaggiatori che avevano intrapreso la strada sbagliata o quello, riferito da Tolomeo, dei serpenti parlanti che gli avrebbero fatto da guida. [122]

Questo viaggio fu forse intrapreso perché Alessandro sapeva che lo avevano compiuto in precedenza Perseo ed Eracle . [123] I resoconti vennero scritti venti mesi dopo l'accaduto, quindi il dialogo intercorso potrebbe essere stato inventato conoscendo i successivi avvenimenti favorevoli al Dio Alessandro. [124]

Le domande che pose furono più di una: inizialmente, chiese se avesse vendicato la morte del padre, ma gli venne risposto che non si trattava di suo padre in quanto lui era una divinità; [125] allora riformulò la domanda chiedendo se degli uccisori di Filippo vi era rimasto qualcuno ancora in vita e se sarebbe diventato signore degli uomini. La risposta fu positiva per entrambe le richieste. [126] Si narra che in quell'occasione l'oracolo compì un piccolo errore di pronuncia dicendo «paidios» (figlio di Zeus) invece di «paidion» (figlio), [127] offrendogli in tal modo un punto di partenza per l'istituzione di un culto divino incentrato sulla sua persona. Davanti ai suoi alleati non volle però vantare questa discendenza.

Arriano differisce da questa narrazione rivelando che il re macedone non pose le domande sopra citate, [128] ma supponeva che avesse chiesto, per via di indizi lasciati quattro anni dopo l'incontro, [129] quali divinità avesse dovuto ingraziarsi per trionfare sui suoi nemici.

Dopo un anno di sosta nel regno egiziano ritornò in Asia. [130] Nel frattempo giunsero rinforzi inviati da Antipatro (circa 900 uomini).

Battaglia di Gaugamela (331 aC) e fine di Dario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Gaugamela .
Preludio
La battaglia di Gaugamela in un dipinto di Jan Brueghel il Vecchio .

Nella primavera del 331 aC Alessandro riprese la marcia verso oriente dove Dario aveva radunato un esercito nelle pianure dell' Assiria . Qui il sovrano persiano avrebbe potuto sfruttare al meglio la propria superiorità numerica.

L'armata macedone doveva attraversare l' Eufrate e quindi passare per Tapsaco . Al satrapo Mazeo venne affidato il compito di impedire all'esercito di Alessandro di prendere la via per Babilonia e di bloccare i rifornimenti di cibo ai Macedoni. I due eserciti si diedero battaglia fino a che Mazeo si ritirò. Nonostante il ritiro dei soldati persiani l'esercito macedone andò comunque verso nord cercando un clima più favorevole. [131] Alessandro infine decise di attaccare l'esercito avversario temendo che potesse rifugiarsi in terre a lui maggiormente ostili. [132]

Il 20 settembre ci fu un' eclissi lunare e il re macedone ne approfittò per opportuni sacrifici. Il Tigri fu guadato dall'esercito di Alessandro senza subire alcun attacco dal nemico. [133] Durante la prosecuzione della marcia più volte si ebbero falsi avvistamenti dell'esercito persiano, come quello del 25 settembre; [134] nello stesso giorno, grazie alla confessione di alcuni prigionieri, i soldati macedoni vennero a sapere che Dario ei suoi uomini erano vicini. [135]

Alessandro si fermò a organizzare i suoi uomini per quattro giorni, fino alla sera del 29 settembre. Il re, nonostante i suoi consiglieri gli avessero suggerito di effettuare le prime mosse di notte, attese l'alba per intraprendere l'attacco, affermando che «non ruba le vittorie», [136] e uccidendo una persona la sera stessa con un rituale misterioso. [137] Successivamente cadde in un sonno talmente profondo che Parmenione si preoccupò a tal punto da chiedere al proprio re come mai dormisse come se avesse già vinto lo scontro imminente. Alessandro rispose che la battaglia era già praticamente vinta in quanto ci si doveva scontrare con un esercito che cercava di evitare ogni contatto. [138]

Il contatto con l'esercito di Dario avvenne all'alba del 1º ottobre, [139] Lo scontro avvenne presso il villaggio di Gaugamela (poi Tell Gomel ), nei pressi delle rovine di Ninive e non ad Arbela [140] come qualcuno sosteneva. [141]

Forze in campo

La battaglia fu di vitale importanza per Alessandro. Si racconta che egli avesse solo 30.000 fanti e 3.000 cavalieri contro un milione di Persiani. Il numero di Persiani, imprecisato in realtà, è secondo alcuni storici di numero molto inferiore a quanto si racconta [142] e variava a seconda della fonte riportata:

Battaglia di Gaugamela : disposizione iniziale e primi movimenti.

L'armamentario persiano venne sostituito completamente nel tentativo di adeguarlo a quello macedone. Il punto debole dell'esercito di Dario rimaneva comunque la fanteria che non poteva rivaleggiare in abilità con la controparte. Questa unità militare venne abbandonata dai mercenari greci mentre i cardiaci non si dimostrarono all'altezza. [146] [ non chiaro ] Dario schierò al centro gli elefanti come ultima risorsa di difesa della propria persona. Le forze in campo stavolta erano schierate al meglio grazie anche alla conformità del terreno che il re volle perfetta, arrivando persino a spianare ogni rialzo del terreno [147] Alle sue forze si erano uniti Besso dalla Battriana con 8.000 uomini, Mauace che guidava gli arcieri a cavallo, Barsaente al comando di circa 2.000 uomini, Frataferne con i Parti, Satibarzane, Atropate con i Medi, Orontobate, Ariobarzane e Orxine con la gente proveniente dalle sponde del Mar Rosso , Oxatre con gli Uxii ei Susiani (forse 2.000 uomini), Bupare con i Babilonesi, Ariace con i Cappadoci e infine Mazeo con parte dei Siriani, [148] posizionato alla destra dello schieramento.

A tale esercito Alessandro aveva frapposto gli eteri (circa 10.000) con le sarisse al centro, i portatori di scudo (circa 3.000) che coprivano la loro destra, i cavalieri (fra cui il re) ancora più a destra, poi arcieri (circa 2.000), frombolieri e lanciatori di giavellotto. [149] Il lato sinistro affidato a Parmenione era quasi unito agli eteri. A entrambi i lati, per prevenire un possibile accerchiamento, vi erano due piccole unità nascoste e poste in obliquo rispetto al resto delle forze, pronte ad attaccare; se non fosse bastato avrebbero potuto ritirarsi per lasciare spazio alle riserve. Alessandro cercò solo di utilizzare al meglio le sue risorse, eliminando il superfluo nell'armamento. [150] I suoi uomini più fidati, Clito il Nero, Glaucia, Aristone, Eraclide, Demetrio, Meleagro ed Egeloco , erano tutti ai comandi di Filota, figlio di Parmenione, mentre l'altro suo figlio, Nicanore , si trovava al centro insieme con Ceno , Perdicca, l'altro Meleagro, Poliperconte e Simmia. Nella parte più interna vi erano Cratero, Erigio , Filippo il figlio di Menelao, arrivando infine a Parmenione. Oltre a loro Andromaco guidava la cavalleria dei mercenari.

Per evitare di essere accerchiato da un esercito tanto più numeroso del suo e disteso su un fronte lunghissimo, Alessandro aveva schierato una seconda linea dietro il fronte di battaglia. La vittoria fu decisa dall'attacco della cavalleria all'ala destra, da lui stesso guidata, mentre il generale Parmenione teneva fronte alla cavalleria nemica sul lato opposto.

Alessandro si preparò in grande stile per la battaglia: portava una veste tessuta in Sicilia, il pettorale che faceva parte del bottino di Isso, l'elmo di ferro creato da Teofilo, la spada donatagli da uno dei re di Cipro, e un manto elaborato da Elicone, regalo della città di Rodi . [151]

La battaglia
Battaglia di Gaugamela : movimenti decisivi di Alessandro e attacco finale.

Dello scontro nessuno storico poté dare un resoconto certo per via dell'enorme confusione creatasi, tanto è vero che si concorda sulla conclusione in una nuvola di polvere : durante lo scontro la visibilità era ridotta di molto in quanto si poteva vedere a una distanza di 4-5 metri ma non di più. [152]

L'attacco persiano degli Sciti e dei Battriani, volto ad aggirare il nemico, venne effettuato ma trovò il secondo sbarramento macedone come aveva previsto Alessandro nella sua tattica. I carri falcati vennero sommersi dai giavellotti, da frecce e altre armi da lancio e molti di essi rallentarono a tal punto da permettere ai macedoni di prenderne possesso balzandoci sopra uccidendo i guidatori. [153] Altri furono bloccati prima che riuscissero a partire. C'è chi racconta della perdita di arti e di alcune teste che rotolavano per terra, [154] e chi si sofferma sui cavalli che rovesciavano spaventati i carri. [155]

Le truppe di Mazeo si scontrarono con quelle di Parmenione arrivando in prossimità del campo dove erano segregati i prigionieri; fra questi spiccava la regina di Persia, madre di Dario, [156] che non venne liberata in quanto i soldati si diedero alla fuga alla notizia della ritirata del loro re.

Ci fu un attacco diretto da parte di Alessandro nei confronti del re nemico: il macedone colpì il cocchiere di Dario con una lancia uccidendolo. Il sovrano persiano, perso il carro, fuggì su una giovane cavalla. Il conquistatore inseguì il nemico ma fu richiamato da alcuni messaggeri inviati da Parmenione che chiedeva aiuto per affrontare un gruppo nemico. Il re macedone, anche se terribilmente seccato da questa richiesta, fece finta di nulla e acconsentì permettendo all'avversario di salvarsi nuovamente. [157] L'episodio del messaggero è molto discusso fra gli storici in quanto non è certa la sua collocazione temporale e non è chiaro nemmeno come abbia fatto a individuare e raggiungere il proprio re in quella nuvola di polvere; forse era un modo per evidenziare l'incapacità di Parmenione. [158] Altri discutono sull'atteggiamento di Dario: questa sarebbe la sua seconda fuga davanti al nemico e pare un'esagerazione se si pensa al coraggio che ha mostrato all'inizio del suo regno. [159]

Senza il comando reale le truppe rimanenti furono facile preda dei Macedoni. Inizialmente i Persiani pensavano che fosse il re a essere stato trafitto dalla lancia. Successivamente, prima che si potessero riorganizzare, furono attaccati dalle truppe guidate da Arete. Se da un lato dello schieramento si inseguivano e uccidevano i nemici, dall'altro ancora si combatteva e Mazeo stava prevalendo sui Macedoni, [160] a tal punto che solamente la tattica prefissata di Alessandro li salvò da morte certa. Ci fu un pesante scontro di cavalleria dove i Persiani cercarono un varco per fuggire dal campo, combattendo ormai solo per salvarsi. [161] Lo scontro si spostò sul fiume Lico dove molti persiani furono inghiottiti per via dell'armamentario troppo pesante che possedevano [162] e quando si fece buio la lotta terminò. Mazeo si ritirò a Babilonia dove successivamente si arrese agli invasori.

I morti furono molti: se ne contavano circa 1200 fra le file dei Macedoni. Molti di più i feriti fra cui Parmenione, Perdicca e in seguito anche Efestione. Per Arriano si contarono circa 300.000 morti fra i Persiani e solo un centinaio circa fra gli alleati di Alessandro, [163] mentre Diodoro ne cita 90.000 fra i Persiani e 500 fra la coalizione macedone. [164]

Dopo Gaugamela

Alessandro riprese l'inseguimento del re nemico appena le acque si furono calmate. Da poco superata la mezzanotte, partì alla volta di Arbela dove, giunto sul far del giorno, non trovò Dario (fuggito nei territori montuosi della Media ) ma solo parte del suo tesoro. Non poté proseguire oltre poiché i cavalli erano esausti, tanto da doverne uccidere un migliaio. [165] Durante il tragitto di ritorno verso il campo, il conquistatore fu attaccato da alcuni cavalieri e dovette trafiggerne qualcuno con la propria lancia prima di venire aiutato dai suoi uomini. Durante questo scontro Alessandro si espose in prima persona e, secondo Curzio Rufo , fu grazie al suo valore e non alla fortuna che ottenne la vittoria. [166]

Caddero nelle mani del re macedone magazzini, preziosi e decine di migliaia di prigionieri. Decise di informare i Greci che le loro città non erano più soggette alla tirannia e da ora in poi si sarebbero governate con leggi proprie [167] (affermazione vera solo in parte considerando la Grecia del tempo). Divise quindi il bottino inviandone una parte ai Crotoniati, in Italia , per ricompensare il coraggio mostrato da Faullo durante la guerra persiana. [168]

Continuò la marcia, questa volta senza alcuno scontro. Degno di nota durante il tragitto fu l'incontro di una voragine da cui continuamente usciva fuoco e nella quale si poteva osservare una corrente di uno strano liquido ( nafta ). [169] Si trattava dei fuochi eterni di Baba Gurgur .

Alla fine di ottobre Alessandro entrò in Babilonia dove ottenne la sottomissione del satrapo Mazeo . Quest'ultimo fu lasciato al governo della provincia affiancato da un comandante militare e da un tesoriere greco. Qui riposò circa cinque settimane ed ebbe tempo per osservare i giardini pensili costruiti da Nabucodonosor , cercando di far inserire in quella meraviglia anche piante di origine greca; con l'eccezione dell'edera quest'idea non ebbe fortuna. [170]

Riproduzione (probabilmente ottocentesca) dei Giardini pensili di Babilonia .

Si diresse quindi a Susa , raggiungendola in venti giorni, per impadronirsi dei tesori che vi si conservavano. La città era sprovvista di mura. [171] Qui Alessandro poté anche recuperare diverse opere d'arte sottratte da Serse in Grecia nel 480 aC , tra cui il famoso gruppo statuario dei tirannicidi Armodio e Aristogitone, che fece rispedire ad Atene; recuperò anche ingenti somme, come quarantamila talenti e forse altri cinquemila provenienti da altro luogo. [172] A Susa lasciò i familiari di Dario. Il macedone si volle sedere sul trono del re persiano, evento tanto atteso dai sudditi a tal punto che Demarto non riuscì a trattenere le lacrime pensando ai morti lungo il percorso che persero tale spettacolo. [173] Durante questo soggiorno diede molte ricompense ai suoi soldati: a Parmenione diede la casa di Bagoa (ufficiale che avvelenò e fu avvelenato) [174] in cui vi trovò molte ricche vesti. Scrisse a sua madre e ad Antipatro, rimasti lontano, e sapendo che il secondo odiava la prima scrisse all'amico che le lacrime di una madre cancellavano il contenuto di mille lettere. [175] Lasciò Susa verso la metà di dicembre.

Dopo aver superato il fiume che all'epoca si chiamava Pasitigris (in seguito Karun ), entrò poi nel territorio degli Uxii , a circa sessanta chilometri da Susa, che in parte non si arresero al nuovo re. Chiesero ad Alessandro un tributo da versare se avesse avuto intenzione di passare per le loro terre. La risposta del macedone fu quasi di sfida, chiedendo loro di farsi trovare pronti al momento del suo passaggio; poi li attaccò di notte, forte degli 8.000 uomini della falange, radendo al suolo ogni loro possedimento. [176] Gli Uxii sopravvissuti attaccarono ancora ma furono sconfitti ogni volta. In una giornata il macedone risolse un problema che affliggeva il regno persiano da quasi due secoli. [177]

Restava ancora Ariobarzane, governatore della Perside , che voleva fuggire con il tesoro rimasto, sapendo che l'intero esercito macedone era più lento del suo. Alessandro divise in due parti i suoi uomini, avanzando con la metà più veloce e raggiungendolo in cinque giorni presso le Porte persiane , nelle attuali montagne dello Zagros . Qui la lotta lo vide impegnato contro un congruo numero di nemici (40.000 uomini a cui si aggiungevano 700 cavalieri secondo Arriano, [178] 25.000 soldati secondo Rufo, [179] a cui Diodoro aggiunge 300 cavalieri). Per evitare di incappare in una sconfitta, Ariobarzane fece edificare un muro che ostruiva in parte l'unica strada percorribile dai Macedoni. Alessandro tentò un primo assalto che non diede alcun risultato, anche per via della frana provocata dagli stessi Persiani; si ritirò dunque qualche miglio più a ovest, raggiungendo la radura denominata Mullah Susan . Qui vi era un'altra strada da prendere, a prima vista più ovvia, ma Alessandro la evitò non volendo lasciare i suoi morti «insepolti». [180]

La resa dei conti arrivò, grazie anche a un pastore della zona, il quale rivelò ai macedoni un percorso che potevano intraprendere per aggirare i Persiani. Le truppe di Alessandro incominciarono l'attacco e successivamente vennero in sostegno quelle di Cratero. Ariobarzane riuscì comunque ad arrivare con pochi uomini sino a Persepoli ma i cittadini non gli aprirono le porte, costringendolo a tornare al combattimento trovando la morte. [181]

Persepoli

Nel mese di gennaio dell'anno 330 aC Alessandro entrò infine a Persepoli (che poi divenne Takht-i Jamshid ), capitale dell'Impero Persiano, dove trovò circa centoventimila talenti di metallo prezioso non coniato. [182] Il re nemico aveva intanto trovato rifugio ad Hamadan (conosciuta all'epoca come Ecbatana ), dove fu raggiunto dai suoi uomini di fiducia ( Besso , Barsaente , Satibarzane , Nabarzane , Artabazo ) e da 2.000 mercenari greci. Alessandro rimase per un lungo periodo a Persepoli, inviando dei soldati a Pasargade e chiedendo a Susa l'invio di una grande quantità di animali da soma per il trasporto del denaro. Partì con una piccola parte dell'esercito, per circa trenta giorni, alla conquista delle tribù che si trovavano vicino alle colline della regione, sottomettendo i nomadi e il resto della provincia. Quando tornò, continuò a far dono, a chi lo aveva aiutato, di beni proporzionati all'aiuto offerto, come era nel suo stile. [183] Prima di lasciare la città restituì il potere locale al governatore della città e affidò 3.000 macedoni ad un suo uomo di fiducia.

Si dice che verso la fine della primavera Alessandro abbia dato l'ordine (o forse lui stesso fu direttamente l'artefice) di provocare un incendio , che devastò i palazzi, bruciando in parte anche il tesoro. In seguito furono analizzati i resti della sala delle cento colonne di Serse dove si comprese che le travi caddero e il fuoco si alimentò a dismisura. [184] Si dice, secondo il racconto di Tolomeo, che contraddicendo un consiglio di Parmenione vendicò in tal modo l'incendio di Atene [185] e la sorte di Babilonia. [181] Plutarco, citando l'episodio, aggiunge che di questo atto si pentì immediatamente, dando ordine di spegnere l'incendio. [186] Un'altra versione, tardiva rispetto alle precedenti, ritiene che l'incendio stesso possa essere nato per errore, sotto suggerimento di Taide , una donna greca che aveva viaggiato con Alessandro ei suoi uomini. [187] Anche se l'episodio di Taide non trova gli storici concordi, la donna è, come si racconta nei Deipnosofisti , la compagna di Tolomeo, da cui avrà tre figli. [188]

In Grecia intanto Antipatro aveva sconfitto nella battaglia di Megalopoli (autunno del 331 aC ) il re di Sparta Agide III , eliminando definitivamente l'ultima opposizione delle città greche al dominio macedone.

L'inseguimento di Dario

Nel maggio del 330 aC Alessandro marciò verso Ecbatana , che si trovava a 450 miglia di distanza da Persepoli. Durante il tragitto ricevette alcuni rinforzi, arrivando a un totale di 50.000 uomini. [189] Dario, sapendo della velocità con cui il suo nemico si stava muovendo, cambiò i suoi piani, non dirigendosi più verso Balkh (in Afghanistan ) come aveva in precedenza previsto, ma verso le Porte Caspie , anche se fra i suoi uomini incominciarono a manifestarsi i primi dissensi. Durante la marcia l'esercito macedone patì la sete e molti soldati morirono lungo la strada.

Il re macedone venne a conoscenza dei movimenti di Dario quando si trovava a Rei , vicino a Teheran . Raggiunse quindi il passo ma ad attenderlo c'erano due messaggeri che lo informarono di una rivolta incominciata da Besso , Barsaente e Nabarzane contro il loro re. Dario venne arrestato. Alessandro decise di raggiungere Besso, riuscendoci in un giorno e mezzo. [190] Continuò poi la sua corsa essendo a conoscenza del luogo dove Dario era tenuto prigioniero; scelse 500 opliti, che fece montare a cavallo al posto dei cavalieri, [191] e galoppò di notte percorrendo ottanta chilometri, arrivando poi all'alba a Damghan , dove giunsero in 60. [192]

Spaventati, i due satrapi rimasti, Barsaente e Satibarzane (o Nabarzane), pugnalarono il prigioniero e fuggirono. Alessandro non fece in tempo a vedere in vita il suo rivale un'ultima volta. Di diversa opinione, Plutarco riferisce che il re persiano riuscì a parlare con il soldato Polistrato bevendo dell'acqua da lui offerta e ricordando la clemenza verso i familiari catturati ringraziò attraverso lui il suo nemico. [193]

In ogni modo il conquistatore macedone, dopo aver coperto il cadavere con il suo mantello, lo riportò indietro e lo fece seppellire con tutti gli onori nelle tombe reali. A Ecbàtana, Alessandro congedò i contingenti delle città greche, poiché il compito di vendicare l'invasione della Grecia da parte di Serse era ormai concluso. Reclutò il fratello di Dario (Essatre) [194] e strinse amicizia con Bagoa .

Il destino degli assassini di Dario

Alessandro dà sepoltura al corpo di Dario.

Besso si proclamò re di tutta l'Asia [195] e con il nome di Artaserse V fu inseguito attraverso le regioni dell' Ircania . Durante il tragitto Bucefalo, che veniva utilizzato da Alessandro solo per le grandi occasioni e quindi normalmente veniva tenuto in custodia da alcuni soldati, venne catturato da alcuni barbari. Appena venne a conoscenza del fatto, il re macedone inviò ai barbari un araldo con cui minacciò di morte ognuno di loro e le rispettive famiglie. Questi ultimi, impauriti, restituirono subito il cavallo arrendendosi e Alessandro li trattò con onori, dando anche una ricompensa a chi gli riportò il fidato compagno. [196]

Durante il viaggio Alessandro arrivò a Zadracarta , capitale del Gurgan , con Cratero (che aveva sostituito sul fronte, per anzianità, Parmenione), e ottenne la sottomissione di Autofradate , di Frataferne e Nabarzane; Artabazo (il padre di Barsine) preferì invece trattare con il re macedone, il quale rimase qui per quindici giorni. In questo lasso di tempo, secondo alcune ricostruzioni, conobbe la regina delle Amazzoni che, in cerca di un erede, decise di giacere con lui per tredici giorni. [197] Da quel periodo in poi ogni udienza con il re era controllata da uscieri e mazzieri al cui comando vi era Carete di Lesbo, riprendendo un'usanza persiana. Altre usanze vennero poi adottate, come quelle delle vesti, diadema compreso. Anche lo stile che utilizzava nella corrispondenza cambiò: a eccezione di alcune persone fidate e stimate, come Focione o Antipatro, incominciò a utilizzare il "noi" regale e le missive che raccontavano dell'Asia venivano sigillate come solevano fare i re persiani. [198]

Alessandro decise allora di concentrarsi su Satibarzane; giunto in Battriana , vicino a Mashhad incontrò il satrapo, che chiese di essere risparmiato. Il macedone acconsentì, restituendogli anche l'antico potere e affiancandogli un contingente macedone comandato da un suo fidato, Anaxippo. Appena allontanatosi, Alessandro seppe della morte di tutti i soldati che aveva lasciato e del tradimento del satrapo, ma non fece in tempo ad attaccarlo in quanto questi fuggì, lasciando l'intera zona (l'Aria) ai Macedoni e dirigendosi con 13.000 uomini verso Besso. Quasi tutti, a eccezione del satrapo e di pochi altri, si erano rifugiati su una collina che sembrava inespugnabile, ma grazie al vento favorevole si decise di appiccare un incendio; il risultato fu disastroso per i nemici. Molti dei soldati fedeli al satrapo bruciarono, altri si gettarono dal dirupo, pochi si arresero scampando per poco alla morte. [199] Onorando la vittoria, venne fondata un'altra città, Alessandria degli Arii, la futura Herat , e la zona venne affidata al satrapo Arsame. Quest'ultimo appoggiò, appena ne ebbe l'occasione, gli avversari di Alessandro; venne quindi affrontato e ucciso da un gruppo di soldati comandati da Erigio e il nuovo governo fu affidato al cipriota Stasanore. [200]

Alessandro si diresse verso l' Aracosia , arrivando in Drangiana (l'attuale Afghanistan occidentale). Barsaente, sapendo del suo arrivo, preferì fuggire presso una popolazione indiana del Punjab, che lo tradì consegnandolo al conquistatore macedone; fu quindi condannato a morte per l'omicidio di Dario. [201]

In queste regioni il re macedone fondò una serie di città con il nome di Alessandria, tra cui quella nota con il nome di Alessandria del Caucaso, che non ebbe un lungo futuro: scavi effettuati a Bor-i-Abdullah (a sud della futura Begram) portarono alla luce resti di una città fondata successivamente a quella del re macedone e di un'altra presso l'attuale Kandahar , in Afghanistan . Dopo aver indugiato per alcuni mesi (ripartì probabilmente a maggio o dopo), Alessandro arrivò sino all' Hindu Kush , celebrato da Aristotele, convinto che sopra tali vette si poteva osservare la fine del mondo orientale. [202]

Scendendo l'Hindu Kush, i soldati macedoni dovettero affrontare la fame; il cibo era venduto a prezzi esorbitanti e non trovando foraggio per gli animali, molti di essi vennero uccisi per cibarsi delle loro carni. Se Besso avesse continuato con la sua tecnica di bruciare i campi, o se in quel momento di debolezza avesse attaccato, avrebbe avuto buone probabilità di vittoria; invece cambiò strategia, bruciando solo le barche dopo aver attraversato il fiume Osso (oggi Amudarja ). Per tale condotta venne abbandonato da buona parte del suo esercito. Le sue motivazioni sono forse da ricercare nelle azioni compiute da Artabazo, che aveva sconfitto e ucciso Satibarzane [203] in una battaglia non lontano da Herat .

Attraversando Kundz, Alessandro arrivò sino a Balkh . Per continuare l'inseguimento si cercò di evitare la marcia diurna a causa dell'eccessivo caldo. Arrivati vicino a Kilif, decise di congedare feriti, anziani e quei pochi Tessali che avevano preso congedo tempo addietro, pagandoli lautamente.

Rimaneva il problema di come attraversare quel profondo fiume, dove non era affatto facile costruirvi un ponte; si decise quindi di riempire delle pelli di paglia secca e cucirle tutte insieme, costruendo in tal modo delle zattere in grado di galleggiare. L'intero esercito riuscì ad attraversare il fiume in cinque giorni. [204]

Besso, che si trovava in compagnia di un altro generale, Spitamene , fu infine abbandonato dai suoi compagni, tradito e fatto prigioniero. Venne successivamente consegnato nudo a Tolomeo e arrestato nell'anno 329 aC . Fu poi mutilato e una corte di giustizia persiana lo dichiarò colpevole di alto tradimento; venne infine giustiziato a Ecbàtana. [205]

L'agire di Spitamene non fu inizialmente chiaro a Alessandro che pensava volesse arrendersi, mentre voleva invece solo disfarsi di un alleato poco affidabile.

La sorte di Parmenione e dei suoi figli

( FR )

«Ce que j'aime dans Alexandre le Grand ce ne sont pas ses campagnes que nous ne pouvons pas concevoir, mais ses moyens politiques [...] Il avait eu l'art de se faire aimer des peuples vaincus. Il eut raison de faire tuer Parménion qui, comme un sot, trouvait mauvais qu'il eût quitté les mœurs grecques»

( IT )

«Quello che mi piace in Alessandro Magno non sono le sue campagne militari che noi non possiamo neanche concepire, ma i suoi metodi politici [...] Aveva avuto l'arte di farsi amare dai popoli vinti. Ebbe ragione a far uccidere Parmenione, che, come uno stolto, disapprovava che lui avesse abbandonato i costumi greci»

( Napoleone Bonaparte , durante l'esilio sull' isola di Sant'Elena . [206] )

Quando le truppe di Alessandro trovarono riposo a Farah, si notò lo strano comportamento di Parmenione che non ubbidiva più agli ordini; l'ultimo datogli, quello di raggiungere il re con i suoi 25.000 uomini, venne ignorato (a quel tempo il re poteva contare su una forza di poco maggiore). [207] I figli di Parmenione ricoprivano ruoli di prestigio all'interno dell'esercito macedone, ma Nicanore morì di malattia nel mese di ottobre del 330 aC mentre Filota, comandante della cavalleria, fu testimone di un complotto contro il re; alcuni resoconti riportano il macedone Dimno (o Dymno) che, venuto a conoscenza dei preparativi dell'attentato contro Alessandro, raccontò il tutto al suo amante Nicomaco. [208] Quest'ultimo rivelò, a sua volta, l'esistenza del complotto al fratello Cebalino, il quale lo riferì, tre giorni prima dell'attentato, a Filota. Passarono i primi due giorni senza che l'ufficiale avesse raccontato nulla al suo re, anche se più volte al giorno ne aveva avuto la possibilità. Cebalino, preoccupato, raccontò dell'attentato a un'altra persona, la quale corse subito da Alessandro.

Il re macedone fece convocare Dimno, il quale preferì uccidersi; l'unico dato certo allora era che Filota sapeva dell'intrigo e non ne aveva parlato con lui. Seguendo il consiglio di Cratero, durante la notte il colpevole fu sorpreso nella sua tenda, catturato e messo in catene. Differisce da questo, solo inizialmente, il racconto di Plutarco: secondo l'autore era Limno di Calestra colui che disse al suo amato Nicomaco (e fratello di Cebalino) del complotto, ma solo perché sperava che anche lui ne facesse parte come Limno stesso; [209] inoltre Filota era da tempo controllato da una donna, Antigone. [210] Dimno è citato da Curzio Rufo e Diodoro Siculo. [211]

Alessandro, in Egitto, non aveva dato retta alle insinuazioni di un coinvolgimento dello stesso Filota in un complotto ordito contro di lui, [212] ma questa volta fu condannato per alto tradimento dal tribunale dell'esercito [213] e ucciso con i complici a colpi di lancia; [214] secondo altri venne prima torturato e solo al momento della confessione venne ucciso. [215] Qualcuno riferisce anche che avesse fatto il nome del vero cospiratore, un certo Egeloco, morto poco prima.

Il re macedone non si riteneva ancora soddisfatto e cercò altri possibili traditori fra gli amici di Filota; uno di essi fuggì rapidamente ei suoi fratelli vennero arrestati (ma seppero difendersi a parole fino a scagionarsi), mentre il prigioniero Alessandro di Lincestide venne condannato a morte. Alla condanna scampò invece Demetrio, una sua guardia del corpo.

Alessandro, venuto forse a conoscenza di una lettera scritta da Parmenione ai suoi figli, dove riferiva di oscuri piani, [216] lo fece uccidere da alcuni suoi stessi ufficiali. [217] La stessa sorte toccò al terzo figlio di Parmenione, per prevenirne una possibile ribellione; Alessandro era infatti preoccupato da una probabile unione tra i soldati di Clito e quelli fedeli a Parmenione, la quale avrebbe portato alla formazione di un esercito numericamente superiore al suo. Vi erano ancora dei simpatizzanti del generale: questi vennero radunati in una piccola unità che combatté con coraggio, [218] mentre gli eteri, comandati in precedenza da Filota, vennero affidati a Efestione ea Clito. Prima di lasciare la città di Farah, Alessandro decise di cambiarle nome, chiamandola Proftasia (Anticipo). [219]

Guerriglie in Sogdiana

Alessandro era intento a combattere il suo ultimo avversario persiano degno di nota, Spitamene, ma non fu facile, in quanto questi riuscì a mettere contro i macedoni buona parte della nobiltà della Sogdiana . Il re macedone, all'altezza del fiume Syr Darya , aveva lasciato alcuni contingenti nelle varie fortezze (sette in tutto) che dovevano proteggere i confini al nord. Trascorse un breve periodo prima che tutte le truppe venissero massacrate e gli avamposti conquistati. [220]

In pochi giorni Alessandro riuscì a riconquistare tutte le fortezze, [220] rendendo schiavi i sopravvissuti nemici. Solo contro Ciropoli, la più imponente, ebbe difficoltà; inizialmente venne soltanto isolata e messa sotto assedio da Cratero [221] per impedire il sopraggiungere di eventuali rinforzi nemici, ma quando cominciò l'attacco venne notato un passaggio fortuito: un corso d'acqua prosciugato che passava sotto le mura. I Macedoni riuscirono così a penetrare nella fortezza e aprirono le porte agli assalitori. Alcuni resoconti riportano che durante questa azione Alessandro fu colpito in testa e al collo da un lancio di una pietra.

Successivamente la tattica di Spitamene apparve chiara: attaccare la parte dell'impero rimasta scoperta dall'assenza di Alessandro. Attaccò così Samarcanda e il re macedone inviò circa 2.300 mercenari con a capo Farnuce , restando con circa 25.000 uomini. [222] I Macedoni dovettero affrontare gli Sciti che si trovavano sul lato opposto del fiume, dapprima con l'uso di catapulte (armi mai viste da questo popolo); impauriti dalla morte di un loro generale, gli Sciti cominciarono a eseguire una ritirata ma i soldati di Alessandro attraversarono il fiume. Parte degli uomini nemici, cavalieri senza armatura o quasi, incominciarono un accerchiamento ai danni dei Macedoni, colpendoli ripetutamente con le frecce, ma furono vittime di un inganno di Alessandro, il quale aveva inviato contro di loro un'avanguardia debole, e quando essi furono circondati li assalì con un contingente più forte. I nemici fuggirono ma i macedoni, forse per avere ingerito dell'acqua malsana, non riuscirono a inseguirli. [223]

Nel frattempo tutti i soldati inviati in precedenza da Alessandro vennero attaccati su un'isola del fiume Zeravshan e uccisi sino all'ultimo uomo in un'azione guidata direttamente da Spitamene. [224] Alessandro, venuto a conoscenza dell'accaduto, in tre giorni con 7.000 uomini al seguito cercò di raggiungere il nemico senza riuscirci; ormai il numero dei soldati era sceso a circa 25.000. [224] Gli vennero in aiuto altri 21.600 uomini provenienti dalla Grecia, guidati da Asandro e Nearco . [224]

Alessandro lasciò una parte dei soldati a Cratero ma le incursioni di Spitamene continuarono, fino a quando quest'ultimo non subì una prima sconfitta da Ceno . Tradito subito dopo dai suoi alleati, fu offerta al re macedone la sua testa; Alessandro gli rese gli onori facendo in modo che il generale Seleuco sposasse sua figlia.

La sorte di Clito

Il proposito di Alessandro di unificare in un solo popolo Greci e Persiani e soprattutto la sua idea di dare un carattere divino alla monarchia, cominciarono ad alienargli le simpatie del suo seguito. L'opposizione si manifestò soprattutto quando decise di imporre il cerimoniale della proskýnesis , tipico della corte persiana, ai suoi sudditi occidentali; la cerimonia prevedeva che chiunque comparisse davanti al re si prosternasse davanti a lui per poi rialzarsi e ricevere il bacio e ciò andava contro l'idea greca di omaggio accettabile da parte di un uomo libero a un altro uomo. Alessandro dovette comunque abbandonare il tentativo di introdurre tale pratica (che comunque non aveva reso obbligatoria), dato che quasi tutti i Greci ei Macedoni si rifiutavano di eseguirla.

A Samarcanda nel 328 aC , Alessandro, durante una serata di festeggiamento con i suoi generali e ufficiali, accolse alcuni uomini giunti dalla costa, venuti a offrire della frutta al loro signore. Il re incaricò Clito il Nero di portarli dinnanzi al suo cospetto e per incontrarli dovette sospendere un sacrificio in atto, cosa mal vista dagli indovini. In seguito, durante il banchetto si ascoltarono i versi di un poeta di corte, un certo Pranico, che schernì i generali. [225] Clito, in stato di ebbrezza, si offese più degli altri, ricordando al re di avergli salvato la vita tempo addietro (nella battaglia del Granico ). Seguirono parole dure da entrambe le parti; il generale criticava aspramente la politica di integrazione fra Macedoni e Persiani perseguita da Alessandro e lo definì non all'altezza di suo padre Filippo, il vero Macedone. Il re dopo aver parlato con Artemio di Colofone e Senodo di Cardia gli lanciò contro una mela cercando subito dopo una lama, [226] arma subito sottratta da Aristofane. Alessandro prese poi a pugni colui che aveva rifiutato di suonare la tromba mentre gli amici di Clito cercavano di allontanarlo. Il peggio avvenne quando Clito ritornò citando dei versi di Euripide , [227] dove ricordava che il merito delle vittorie in battaglia era dei soldati, cosa che i capi dimenticavano. [228] Al sentire quelle parole, Alessandro prese una lancia e lo trafisse, uccidendolo.

Nel 327 aC fu scoperta una congiura tra i paggi del re, che furono tutti condannati a morte e giustiziati. Ne fece le spese anche Callistene , nipote di Aristotele e storiografo di corte, strenuo oppositore della cerimonia della proskýnesis e maestro dei paggi, che venne tenuto prigioniero e poi giustiziato, alienando a Alessandro molte simpatie del mondo intellettuale e filosofico greco.

Spedizione in India

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campagna indiana di Alessandro Magno .
Campagna macedone in India.

Alessandro, dopo aver assoggettato la regione della Sogdiana , giunse ai confini dell'odierno Xinjiang cinese , dove fondò un'altra Alessandria, che chiamò Eschate (Ultima), l'odierna Chodjend . Soggiornò ancora a Samarcanda e nella Bactriana . Sposò Rossane , figlia di un comandante della regione, per rafforzare il suo potere in quei territori.

Invasione dell'India

«Quali Alessandro in quelle parti calde d'Indïa vide sopra 'l süo stuolo
fiamme cadere infino a terra salde»

( Dante Alighieri , Inferno , Canto XIV , 31-33 ; riferimento di Dante sulla pioggia di fuoco, che tormenta le anime dannate del terzo girone del settimo cerchio dell' Inferno , paragonabile alla fitta nevicata che Alessandro Magno incontrò durante la spedizione in India, la quale in seguito si trasformò in una prodigiosa pioggia infuocata e che i suoi soldati dovettero soffocare con le proprie vesti. )

Come continuatore dell'impero achemenide, Alessandro vagheggiava un impero universale e si proponeva forse di arrivare con le sue conquiste fino al limite orientale delle terre emerse. Gran parte dell' India nord-occidentale era stata sottomessa dai persiani al tempo di Dario I , il quale fece esplorare l'intera valle dell'Indo , ma in questo periodo la regione era suddivisa in vari regni in lotta tra loro.

Dopo aver preparato un nuovo esercito, con truppe in gran parte asiatiche (solo gli ufficiali ei comandanti erano tutti greci o macedoni), nella primavera del 326 aC Alessandro marciò verso l'odierna Kabul , dove venne accolto come alleato dal re di Taxila e, attraversata l' Uḍḍiyana da Ora a Bazira (attuali Udegram e Barikot ), giunse all'Indo nell'estate del 326 aC Sconfisse nella battaglia dell'Idaspe il re indiano Poro (Purushotthama o Paurava ), in una battaglia dura e sanguinosa, e fondò due città, Nicaea (odierna Mong o Mung) e Bucefala (oggi Jehlum ), quest'ultima in onore del suo cavallo Bucefalo , morto durante la battaglia.

Alessandro aveva forse intenzione di arrivare fino alla vallata del Gange , ma l'armata macedone giunta sul fiume Ifasi (oggi Beas ), stanca dell'idea di proseguire una lunga campagna contro i potenti indiani (il Regno Magadha stava attrezzando un potente esercito di centinaia di migliaia di soldati e migliaia di elefanti che spaventava i macedoni) fra giungle monsoniche, febbri malariche ed elefanti da guerra, si rifiutò di seguirlo oltre verso est.

Ritorno

Cameo rappresentante Alessandro ( 325 aC ).

Alessandro seguì quindi la valle dell'Indo fino alla sua foce, dove sorgeva la città di Pattala . Da qui spedì una parte dell'esercito, al comando di Cratero , verso l'Afghanistan meridionale, mentre egli seguì la costa attraversando la regione desertica della Gedrosia (attuale Makran nel Pakistan e nell' Iran meridionale). La discesa del corso dell'Indo fu accompagnata da una dura lotta, combattuta con inaudita ferocia, contro la guerriglia che ostacolava la marcia dell'esercito macedone. Nell'assalto alla rocca di Aorno (odierna Pir Sar , Pakistan ) una freccia colpì Alessandro, trapassando la corazza della sua armatura (e con essa anche la pleura e un polmone ); il condottiero scampò di poco alla morte.

Inviò inoltre una flotta, al comando del cretese Nearco , a esplorare le coste del Golfo Persico sino alle foci del Tigri. La descrizione dei luoghi e dei popoli incontrati (tra cui gli Ittiofagi ) fatta da Nearco ci è nota grazie soprattutto all'inserimento del suo diario negli Indikà ("Resoconti dell'India") di Arriano .

Ultimo periodo di regno e morte

Matrimonio di Alessandro , affresco pompeiano ritenuto dalla critica copia di un'opera alessandrina ritraente le nozze fra Alessandro e Statira, rappresentati nelle vesti di Afrodite e Ares, Antiquarium di Pompei

Nel 324 aC Alessandro giunse nuovamente a Susa , dove venne a conoscenza della cattiva amministrazione messa in atto dai satrapi da lui un tempo graziati; fece procedere immediatamente ed energicamente contro i colpevoli, sostituendone molti con governatori macedoni.

Per perseguire il suo progetto di unione tra Greci e Persiani, il re spinse ottanta alti ufficiali del suo esercito alle nozze con nobili persiane e altri diecimila veterani macedoni si sposarono con donne della regione. Egli stesso sposò Statira II , figlia di Dario III , mentre un'altra figlia del re persiano, Dripetide, andò in sposa al suo amico Efestione .

Passò per la prima volta in rassegna il nuovo corpo militare di 30.000 giovani Persiani, accuratamente scelti e addestrati per formare una falange macedone. Diecimila veterani furono congedati e rimandati in Macedonia con Cratero, quest'ultimo incaricato di sostituire Antipatro , che era venuto in contrasto con la madre di Alessandro, Olimpiade ; Antipatro dovette recarsi in Asia con nuove reclute.

Durante l'inverno il re si ritirò a Ecbatana seguendo l'usanza della corte persiana. Qui morì Efestione, per il quale Alessandro soffrì terribilmente: rase al suolo un vicino villaggio, passando alla spada tutti i suoi abitanti come "sacrificio" nei confronti dell'amico e rimase a lutto per sei mesi; inoltre progettò un grandioso monumento funerario mai finito.

Nella primavera del 323 aC Alessandro condusse una spedizione contro il popolo montanaro dei Cossei e inviò una spedizione per esplorare le coste del Mar Caspio .

Durante i preparativi di invasione dell' Arabia e la costruzione di una flotta con cui intendeva attaccare i domini cartaginesi, venne colpito da una grave malattia, che gli provocò una febbre che lo portò alla morte il 10 giugno [N 7] del 323 aC , al tramonto, a meno di 33 anni. Nel suo testamento commissionava la costruzione di magnifici templi in diverse città, la costruzione di un mausoleo intitolato a suo padre (che avrebbe dovuto rivaleggiare in imponenza con le piramidi egizie), la prosecuzione dell'unione fra Persiani e Greci, la conquista dei territori cartaginesi (Nord Africa, Sicilia e Spagna), l'espansione verso occidente e la costruzione di una strada in Africa lungo tutta la costa; i suoi successori ignorarono gran parte del testamento ritenendolo eccessivamente megalomane e inattuabile.

La morte di Alessandro, di Karl von Piloty.


Dopo la morte

Sulle cause della sua morte sono state proposte varie teorie, tra cui: l' avvelenamento da parte dei figli di Antipatro o da parte della moglie Rossane (in particolare avvelenamento da arsenico [229] ), una ricaduta della malaria che aveva contratto nel 336 aC , un eccessivo abuso di alcool durante una cena, alcolismo e cirrosi epatica , pancreatite acuta o anche, secondo le caratteristiche della febbre, tifo addominale , e molte altre. [230] Un recente studio ipotizza anche la sindrome di Guillain-Barré , seguita a febbre intestinale batterica , sostenendo che Alessandro sarebbe stato dichiarato deceduto prima della morte effettiva, in quanto paralizzato o in coma . [231] [232] Il corpo venne infatti esposto per sei giorni e non si decompose, e questo fatto fu considerato prova dell'origine divina del re. [231] [233] In seguito, venne sottoposto ad una procedura di imbalsamazione e poi, secondo Plutarco , alla mummificazione rituale dei faraoni egizi. [233] [234] Secondo Quinto Curzio Rufo e Giustino, Alessandro, poco prima di morire, espresse la volontà di essere sepolto nel tempio di Zeus Amon nell'Oasi di Siwa. Il condottiero, infatti, considerandosi figlio dello stesso dio Amon, non avrebbe voluto essere sepolto accanto al suo vero padre, Filippo II di Macedonia , a Ege [235] . Tuttavia, questo desiderio non fu esaudito.

Il luogo di sepoltura di Alessandro è stato oggetto di disputa [236] : oggi, si ritiene che il corpo mummificato di Alessandro, contenuto in un sarcofago d' oro massiccio, possa essere stato portato in Egitto da Tolomeo I nel 321 aC , e sepolto inizialmente nella necropoli di Saqqara [237] ; in seguito fu trasferito in un grandioso mausoleo, nella città da lui fondata, Alessandria d'Egitto (dopo lo spostamento della capitale da Menfi ), centro del potere tolemaico . Esso sorgeva in un grande complesso oggi andato distrutto e fondeva elementi ellenistici ed egizi. Sono state ipotizzate diverse ubicazioni sotto l'attuale città, seguendo le descrizioni della posizione del mausoleo date da diversi storici antichi, come Strabone . [238] Numerosi personaggi celebri dell'antichità, come Cesare e Augusto , resero nel tempo omaggio alla tomba di Alessandro, ma al tempo della caduta dell'Impero romano d'Occidente si erano perse le tracce dalla mummia. Alcuni archeologi, come Zahi Hawass , ritengono che il corpo del re macedone sia stato in seguito messo in salvo durante un'incursione barbara nei territori dell' Impero romano d'Oriente , o per sottrarla ad alcuni cristiani locali che volevano distruggerla (in quanto il rendere omaggio a Alessandro era considerato rito pagano), e si trovi quindi tra i numerosi corpi nella "valle delle mummie dorate", presso l'oasi di Bahariya (dove si trovano anche i resti di un tempio a lui dedicato). [239] [240]

Nel 2014 una tomba a Anfipoli in Macedonia (nell'odierna Grecia ) è stata da alcuni identificata nella definitiva sepoltura di Alessandro, forse il luogo di una possibile traslazione dei resti del condottiero da parte dell' imperatore romano Caracalla (III secolo dC), ma si tratta di un'ipotesi controversa. [241] [242]

Secondo un ricercatore e giornalista del National Geographic , Andrew Chugg, sarebbe addirittura possibile che i resti del corpo di Alessandro si trovino sepolti a Venezia nella basilica di San Marco , in quanto le ossa del re macedone sarebbero state scambiate per errore durante il Medioevo con quelle del santo evangelista , e portate nella città italiana nel IX secolo . [243] [233]

Successione

Una rara moneta di Tolomeo I ; sul rovescio è raffigurato Alessandro trionfante su un carro trainato da elefanti, a ricordare il successo della campagna in India.

Alessandro ebbe due figli: Eracle di Macedonia [244] , nato nel 327 aC da Barsine (figlia del satrapo Artabazus di Frigia) e Alessandro IV di Macedonia , nato nel 323 aC da Rossane (figlia del satrapo Ossiarte di Battriana). Aveva anche numerosi amanti, tra i quali l'amico Efestione e Bagoas .

Al morente Alessandro fu chiesto il nome di colui che aveva scelto come suo successore. Egli diede un'indistinta risposta nella quale qualcuno comprese Eracle (il figlio avuto da Barsine) e altri Kratisto (termine che tradotto significa "il migliore").

Subito dopo il suo decesso, ci fu la cosiddetta Spartizione di Babilonia , che vide contrapporsi due linee di successione: il figlio di Alessandro avuto dalla moglie Rossane, Alessandro IV , e il suo fratellastro Filippo Arrideo . Poiché il primo era ancora in fasce e il secondo era infermo di mente, i generali dell'esercito macedone ( Diadochi ) elessero un reggente, Perdicca , successivamente accettato in modo formale dall'assemblea dei soldati.

Nel 322 aC Perdicca si scontrò con Tolomeo (uno dei Diadochi e satrapo d'Egitto), contro il quale mosse guerra e rimase ucciso.

Successivamente i Diadochi elessero come reggente Antipatro , anche se questi non fu accettato da tutti. Ne nacque una guerra civile nel corso della quale trovarono la morte i familiari ancora in vita di Alessandro, tra cui i due figli, la moglie Rossane, la madre Olimpiade, la sorella Cleopatra, la sorellastra Euridice e il fratellastro Filippo.

Fonti storiche e leggenda

Le fonti storiche su Alessandro sono piuttosto numerose. Conosciamo l'esistenza di resoconti provenienti dallo storico di corte Callistene , dal generale Tolomeo , dall'architetto militare Aristobulo e da Clitarco di Alessandria ; queste opere sono tuttavia andate perdute.

I principali storici che successivamente trattarono delle sue vicende sono:

Ognuno offre una differente immagine del re macedone e, come dice Strabone , "tutti coloro che scrissero di Alessandro preferirono il meraviglioso al vero".

Alessandro divenne una leggenda mentre era ancora in vita ed episodi meravigliosi furono narrati già dai suoi contemporanei che avevano assistito alle sue imprese. Oggi il suo nome viene equiparato ai più grandi condottieri di ogni tempo, come Giulio Cesare , Gengis Khan e Napoleone .

Nel secolo successivo alla sua morte, i racconti leggendari sulla sua vita furono raccolti a Alessandria d'Egitto nel Romanzo di Alessandro , falsamente attribuito a Callistene (l'autore è a volte citato come pseudo Callistene ). Questo testo ebbe grande diffusione per tutta l'antichità e il Medioevo, con numerose versioni e revisioni. In epoca tardo-antica venne tradotto in lingua latina e in siriaco, da qui poi divulgato in moltissime lingue, compreso l'arabo, il persiano e le lingue slave.

È invece andata quasi completamente perduta la Alessandriade (Αλεξανδριάς), un poema epico scritto dal poeta Adriano e del quale è pervenuta una sola linea.

Alessandro nella cultura di massa

Nel cinema e in televisione

Sono state prodotte numerose serie televisive e diversi film che hanno come argomento la vita di Alessandro.

Nell'animazione

Nella musica

  • Il gruppo metal britannico Iron Maiden ha inserito una canzone intitolata Alexander The Great nel proprio album Somewhere in Time del 1986 . La canzone, composta completamente dal bassista Steve Harris , incomincia con una citazione di re Filippo II e descrive la vita di Alessandro Magno attraversandone i punti principali: la nascita, le sconfitte inflitte a Persiani, Sciti e Egizi, le conquiste di Persepoli, Babilonia e Susa, la leggenda del "nodo gordiano", la diffusione dell'Ellenismo e la mancata marcia sull'India, che sembrerebbe un'incongruenza: nel testo è scritto che l'esercito non lo seguì in India e la cosa è vera se si considera che Alessandro non varcò mai i confini pachistani. Quindi probabilmente la canzone voleva intendere il fatto che il suo esercitò si rifiutò di proseguire oltre i confini del Pakistan. L'ultimo ritornello della canzone, inoltre, dice che Alessandro "morì di febbre a Babilonia", anche se si tratta di una semplificazione, in quanto l'effettiva malattia che causò la morte del grande condottiero è poco chiara;
  • Il musicista brasiliano Caetano Veloso ha incluso nel 1998 nel suo album Livro una canzone epica su Alessandro Magno intitolata Alexandre ;
  • Roberto Vecchioni ha dedicato a Alessandro Magno la canzone Alessandro e il mare , inclusa nell'album Milady del 1989.
  • Nell'album Kokler (Roots) del gruppo turco dei Baba Zula , è presente una canzone dal titolo Iskender , dedicata a Alessandro. Oltre alla versione lunga, è stata inserita anche una versione dub, più corta;
  • L'album The forth legacy , del gruppo metal Kamelot , comprende la canzone Alexandria , che si riferisce alla città omonima del macedone, intendendola come una rappresentazione concreta della mentalità e dei sogni del sovrano.
Alecxandro M. come Re di Spade nei Tarocchi Sola Busca , Pinacoteca di Brera , Milano .

Nei giochi di carte

  • Già sul finire del Quattrocento, la figura di Alessandro fu inserita nelle carte da gioco francesi come Re di Fiori, con la didascalia ALEXANDRE, e in tal modo si è conservata fino all'Ottocento, quando presero piede nuove raffigurazioni. [249]
  • Nelle carte dei Tarocchi, il conquistatore macedone appare nel mazzo Sola Busca (oggi alla Pinacoteca di Brera) come Re di Spade, con la didascalia ALECXANDRO M. [250] , e nel mazzo Leber, anche qui come Re di Spade (oggi alla Biblioteca municipale di Rouen), con la didascalia ALEXANDER MAGNUS REX MACEDONICUS. [251]

Nei videogiochi

Nella letteratura

Curiosità

Alessandro Magno nel fiume Cidno salvato dai suoi soldati , Metropolitan Museum of Art , New York .

« Il fiume Cidno scorre attraverso la città. Era allora estate, il calore della quale brucia con la vampa del sole nessun'altra costa più di quella della Cilicia, ed era incominciato il momento più caldo del giorno. L'acqua limpida del fiume invitò il re coperto di polvere e sudore, a lavarsi il corpo ancora accalorato; così, dopo essersi tolto la veste, di fronte all'esercito, - pensando che sarebbe stata anche una bella cosa, se avesse mostrato ai suoi di accontentarsi di un abbigliamento semplice e poco costoso - si immerse nel fiume. Non appena entrate le membra iniziarono ad irrigidirsi con un improvviso brivido, poi il pallore si diffuse, e il calore vitale abbandonò quasi tutto il corpo. I servitori accolgono fra le braccia Alessandro simile ad uno morente, e lo portano privo di conoscenza nella tenda. Grande preoccupazione e quasi lutto c'era già nell'accampamento. Tutti, piangendo, si lamentavano che dopo tante peripezie e pericoli il re più famoso di ogni tempo e di ogni ricordo potesse esser loro portato via non già in combattimento, ucciso dal nemico, ma mentre rinfrescava il suo corpo in acqua

( Storie di Alessandro Magno il Macedone. )

Note

Annotazioni

  1. ^ Il nome Alexandros deriva da ἀλέξ [aléx] e ἀνὴρ, ἀνδρὸς [anḕr, andrós] e significa "protettore dell'uomo".
  2. ^ Tale racconto fu poi oggetto di emulazione da parte di Scipione l'Africano ; cf. Braccesi Lorenzo, L'Alessandro occidentale: il Macedone e Roma , L'Erma di Bretschneider, 2006, p. 102, ISBN 978-88-8265-376-7 .
  3. ^ Una volta Alessandro regalò a Leonida incenso e mirra, pregandolo in tal modo di smettere con la sua avarizia. Plutarco, Vita di Alessandro , 25, 5 .
  4. ^ Aristotele era imparentato con Ermia di Atarneo , con cui poco prima Filippo aveva instaurato una pace strategica; infatti dal suo territorio si doveva partire per l'attacco alla Persia ei genitori di entrambi (Nicomaco e Aminta II ) si conoscevano. Si veda Plutarco, Vite parallele - Alessandro e Cesare, pag. 46-47 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  5. ^ Denominata «della cassetta»; alcuni, come Strabone (XIII, 1,27) affermano che fosse stata scritta dai compagni di Alessandro, Callistene e Anassarco. Altri sostengono che il conquistatore stesso avesse contribuito alla sua stesura
  6. ^ Probabilmente fu un seguace di Diogene ad aggiungere dei particolari alla storia dell'incontro tra il filosofo cinico e Alessandro. Confronta il testo con Plutarco, Vita di Alessandro , 14, 2-3 .
  7. ^ I dodici giorni di agonia sono minuziosamente registrati nelle tracce delle Efemeridi reali, ovvero la cronaca ufficiale delle giornate del re; vedi Musti .
  8. ^ Lo considerava come «termine di riferimento per calcolare la durata dei regni degli dei egiziani». Si veda Diodoro Siculo, Biblioteca storica, volume primo, note alle pag 172-173 , Milano, BUR , 2004, ISBN 88-17-10021-8 . .

Fonti

  1. ^ Accessibile online come Google ebook gratis .
  2. ^ ( EN ) Peter Green, Alexander the Great and the Hellenistic Age , Orion Publishing Co, 2008, pp. 15-16, ISBN 978-0-7538-2413-9 .
  3. ^ ( EN ) Hutan Ashrafian, "The death of Alexander the Great—a spinal twist of fate", in Journal of the History of the Neurosciences , 13 (2), luglio 2004, pp. 138-142.
  4. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 4, 1-8 .
  5. ^ Ateneo di Naucrati, I deipnosofisti, o sofisti a banchetto , 10.45 434F e 435A, si veda anche: ( EN ) William W. Fortenbaugh, Lyco of Troas and Hieronymus of Rhodes , Transaction Publishers, 2004, p. 155, ISBN 978-0-7658-0253-8 .
  6. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 32, 5 .
  7. ^ ( EN ) S. Gregory, Scott Bartell; Alicia Aldrete, Ancient linen body armor - Unraveling the linothorax mystery , Baltimora, Johns Hopkins University Press, 2013, ISBN 978-1-4214-0819-4 .
  8. ^ a b Green , p. 4 .
  9. ^ Green , pp. 24-26 .
  10. ^ Green , pp. 23-24 .
  11. ^ Lane Fox , p. 34 .
  12. ^ Citati , p. 15 .
  13. ^ Plutarco, Vite parallele: Alessandro e Cesare
  14. ^ Marta Sordi, Responsabilità, perdono e vendetta nel mondo antico , Vita e Pensiero, 1998, p. 145, ISBN 978-88-343-0081-7 .
  15. ^ Lane Fox , p. 37 .
  16. ^ Musti , p. 621 .
  17. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 8, 4-5 .
  18. ^ Nella primavera del 346 aC , racconta Eschine che Alessandro suonava la lira e dialogava amabilmente, da Eschine, contro Timarco (p. 168)
  19. ^ Isocrate, Epistole V.
  20. ^ Frediani , p. 57 .
  21. ^ Peter John Rhodes, A history of the classical Greek world: 478-323 BC, quarta edizione , Wiley-Blackwell, 2006, p. 321, ISBN 978-0-631-22564-5 .
  22. ^ Mossé , p. 11 .
  23. ^ Per il dialogo si veda fra gli altri: HA Guerber, The Story of the Greeks , Yesterday's Classics, 2006, pp. 305-306, ISBN 978-1-59915-011-6 .
  24. ^ La prima di queste è descritta in Frediani , pp. 63-64 .
  25. ^ Tutta la battaglia viene descritta con particolari e mappe in Frediani , pp. 64-65 .
  26. ^ Mossé , p. 13 .
  27. ^ Lane Fox , p. 82 .
  28. ^ George Grote, History of Greece, Volume 12 , Editore Harper, 1872, p. 108.
  29. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 14, 6-8 .
  30. ^ Michael Thompson, Richard Hook , Osprey Publishing, 2007, Granicus 334 BC: Alexander's First Persian Victory, pag 23, ISBN 978-1-84603-099-4 .
  31. ^ Frediani , p. 113 .
  32. ^ Quelle che provenivano dall'Egitto terminato il vecchio incarico. Si veda John Maxwell O'Brien, Alexander the Great: the invisible enemy : a biography, pag 65 , Milano, Routledge, 1994, ISBN 978-0-415-10617-7 .
  33. ^ Arriano, Anabasi , I, 18, 6-9 .
  34. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 12,6; V, 1,44 .
  35. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 24, 1 aggiunge anche che furono tolti i contributi che pagavano in precedenza, ma in realtà al posto dei tributi chiese una «contribuzione» al suo dire momentanea.
  36. ^ Musti , p. 639 .
  37. ^ Ariano 1, 23, 8
  38. ^ Frediani , p. 115 .
  39. ^ Lane Fox , p. 133 .
  40. ^ James R. Ashley, The Macedonian Empire: The Era of Warfare Under Philip II and Alexander the Great, 359-323 BC, pag 207 , McFarland, 2004, ISBN 978-0-7864-1918-0 .
  41. ^ William Mitford, The history of Greece Volume 5, pag 153 , Cadell and Davies, 1818.
  42. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , VIII, 1, 36 .
  43. ^ Lane Fox , p. 136 .
  44. ^ Citati , p. 23 .
  45. ^ Arriano, Anabasi , I, 22, 6 .
  46. ^ Arriano, Anabasi , I, 24, 1 .
  47. ^ Arriano, Anabasi , I, 26, 4 .
  48. ^ Arriano, Anabasi , I, 25, 10 .
  49. ^ La donna riferì che di Alessandro l'uomo portava solo il nome, da Aristobulo, fr, 2 b Jacoby
  50. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 7, 11 .
  51. ^ La descrizione non è riportata da Diodoro; Mossé , p. 17 .
  52. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 18, 4 .
  53. ^ Lane Fox , p. 109 .
  54. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 1, 20 .
  55. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII: 29,1-2 e 31,3 .
  56. ^ Senofonte , Anabasi 1,21,22
  57. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 30, 4 .
  58. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 18, 6 .
  59. ^ Luisa Prandi, Callistene: uno storico tra Aristotele ei re macedoni, pag. 101 , Editoriale Jaca Book, 1985, ISBN 978-88-16-95017-7 .
  60. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 19, 2-9 .
  61. ^ Donald W. Engels, Alexander the Great and the logistics of the Macedonian army, pag 46 , University of California Press, 1980, ISBN 978-0-520-04272-8 .
  62. ^ Arriano, Anabasi di Alessandro , Libro II, cap. VI.
  63. ^ Daniele Forconi, Il crollo dell'impero persiano , in Alessandro Magno , Firenze, Giunti Gruppo Editoriale, 2002, p. 53, cit., ISBN 88-09-02760-4 .
  64. ^ Lane Fox , p. 165 .
  65. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 20, 5-7 .
  66. ^ a b Le cifre sono prese da Frediani , pp. 134-135 .
  67. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 9, 2 .
  68. ^ Ogni ordine sarebbe stato impartito ed eseguito in metà tempo, così in Senofonte, Anabasi , 1,8,21
  69. ^ Lane Fox , pp. 167-168 .
  70. ^ Arriano, Anabasi , II, 6 .
  71. ^ Lane Fox , p. 173 .
  72. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 20, 10 .
  73. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 11, 27 .
  74. ^ Musti , p. 641 .
  75. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , III, 12, 7 .
  76. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 37, 6 .
  77. ^ Arriano, Anabasi , II, 12, 1 .
  78. ^ Citati , p. 99 .
  79. ^ MA Dandamaev, A political history of the Achaemenid empire, Ancient Near East, pag 323 , BRILL, 1989, ISBN 978-90-04-09172-6 .
  80. ^ Ateneo, Dipnosofisti, XIII 607 f 608 a
  81. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 21, 7-9 .
  82. ^ Arriano, Anabasi , II, 14, 4-9 .
  83. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 2, 2 .
  84. ^ Giustino, XI,10.11
  85. ^ a b Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XXX, 18 .
  86. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 3, 9 .
  87. ^ Rufus JE Atkinson, Virginio Antelami, Tristano Gargiulo, Quintus Curtius , Lorenzo Valla, 1998, Storie di Alessandro Magno, Scrittori greci e latini. Volume 1, pag 101, ISBN 978-88-04-43468-9 .
  88. ^ Lane Fox , pp. 187-188 .
  89. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 41, 3 .
  90. ^ Arriano, Anabasi , II, 25, 13 ; con tale data non concorda Plutarco, che indica la ricezione della missiva nella primavera del 331 aC
  91. ^ Citati , pp. 101-102 .
  92. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 3, 24-26 .
  93. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 4, 2 .
  94. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 25, 1-3 .
  95. ^ Frediani , p. 162 .
  96. ^ WW Tarn, Alexander the Great: Volume 2, Sources and Studies, Volume 2, pag 120 , Cambridge University Press , 2003, ISBN 978-0-521-53137-5 .
  97. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 4, 12 .
  98. ^ Arriano, Anabasi , II, 24 .
  99. ^ Edward Farr, History of the Persians, pag 252 , Robert Carter, 1850.
  100. ^ Lane Fox , p. 190 .
  101. ^ Arriano, Anabasi , II, 24, 6 .
  102. ^ Arriano, Anabasi , II, 26, 2 .
  103. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 6, 8 .
  104. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 48 .
  105. ^ Arriano, Anabasi , II, 26, 26-27 .
  106. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 6, 19 .
  107. ^ Frediani , p. 170 .
  108. ^ Lane Fox , p. 192 .
  109. ^ NGL Hammond, The Genius of Alexander the Great, pag 96 , UNC Press, 1998, ISBN 978-0-8078-4744-2 .
  110. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 6, 25 .
  111. ^ Giuseppe Flavio, Antichità giudaiche , XI, 337 [VIII, 5]
  112. ^ Musti , p. 643 .
  113. ^ Mossé , p. 19 .
  114. ^ Arriano, Anabasi , III, 1-4 .
  115. ^ Citati , p. 24 .
  116. ^ «C'è un'isola nel mare ondoso, dinnanzi all'Egitto, la chiamano Faro» Omero, Odissea, 4,354-355, traduzione di Domenico Magnino da Plutarco, Alessandro Cesare, pag 97 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  117. ^ Arriano, Anabasi , III, 1-5 .
  118. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 26, 8 .
  119. ^ Alan K. Bowman, L'Egitto dopo i faraoni, pag 228 , Giunti , 1997, ISBN 978-88-09-21082-0 .
  120. ^ Arriano, Anabasi , III, 2, 2 .
  121. ^ Plutarco, Alessandro Cesare, pag.99 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  122. ^ Lane Fox , pp. 206-207 .
  123. ^ Callistene, fr. 14 Jacoby
  124. ^ Si confronti Polibio XII,23
  125. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 51, 3 .
  126. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 27, 5-7 .
  127. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 27, 9 .
  128. ^ Arriano, Anabasi , III, 4, 5 .
  129. ^ Arriano, Anabasi , VI, 19, 4 .
  130. ^ Mossé , p. 22 .
  131. ^ Arriano, Anabasi , III, 7, 3 .
  132. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 9, 13 .
  133. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 9, 17-21 .
  134. ^ Lane Fox , p. 233 .
  135. ^ Arriano, Anabasi , III, 8, 2 .
  136. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 31, 11-12 .
  137. ^ Lane Fox , p. 234 .
  138. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 32, 3-4 .
  139. ^ Musti , p. 645 .
  140. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 31, 6-7 .
  141. ^ Le stesse indicazioni si hanno da Tolomeo e Aristobulo, si veda Plutarco, Alessandro Cesare, pag 111 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  142. ^ Non potevano superare i 12.000 uomini secondo Hans Delbrück, History of the Art of War: Warfare in antiquity, pag 212 , U of Nebraska Press, 1990, ISBN 978-0-8032-9199-7 . , mentre Robin Lane Fox cita 30.000 uomini, Lane Fox , p. 236 .
  143. ^ Marco Giuniano Giustino ,11,6,11
  144. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 39, 4 .
  145. ^ Arriano, Anabasi , III, 8 .
  146. ^ Secondo la fonte il problema più grande dell'esercito persiano era costituito dall'inettitudine del comandante in campo. Si veda William W. Tarn. Storia del mondo antico , volume V, p 311
  147. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 9, 10 .
  148. ^ Arriano, Anabasi , III, 8, 3-5 .
  149. ^ Lane Fox , p. 237 .
  150. ^ Arriano, Anabasi , III, 9, 1 .
  151. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 32, 9-11 .
  152. ^ JFC Fuller, The Generalship of Alexander the Great , 1958, pag 178
  153. ^ Frediani , p. 191 .
  154. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 58, 5 .
  155. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 15, 14-17 .
  156. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 15, 11 .
  157. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 33, 9-11 .
  158. ^ Lane Fox , p. 245 .
  159. ^ Frediani , p. 193 .
  160. ^ Mossé , p. 23 .
  161. ^ Arriano, Anabasi , III, 15, 2 .
  162. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 16, 16 .
  163. ^ Arriano, Anabasi , III, 15, 6 .
  164. ^ William Napoleon Hendricks, A comparison of Diodorus' and Curtius' accounts of Alexander the Great, pag 94 , Duke University, 1974.
  165. ^ Frediani , p. 197 .
  166. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 16, 29 .
  167. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 34, 1-2 .
  168. ^ Dell'aiuto fornito da Faullo nella guerra persiana si veda anche Erodoto, 8,47
  169. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 35, 1-4 .
  170. ^ Lane Fox , pp. 255-256 .
  171. ^ Da una descrizione di un soldato tessalo, Strabone XV,3.3
  172. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 36, 2 .
  173. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 36, 7 .
  174. ^ Plutarco, Alessandro Cesare, pag 133 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  175. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 39, 12-13 .
  176. ^ Frediani p. 201. .
  177. ^ JFC Fuller, The Generalship of Alexander the Great, 1958, pag 228
  178. ^ Arriano, Anabasi , III, 18, 2 .
  179. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , V, 3, 17 .
  180. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 68, 4 .
  181. ^ a b Frediani , p. 202 .
  182. ^ Lane Fox , p. 264 .
  183. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , V, 7, 20 .
  184. ^ Lane Fox , p. 266 .
  185. ^ Arriano, Anabasi , III, 18, 11-12 .
  186. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 38, 7-8 .
  187. ^ J. Dryden, Alexander's Feast , vv 49-69
  188. ^ Lane Fox , pp. 268-269 .
  189. ^ Lane Fox , p. 273 .
  190. ^ Frediani , pp. 204-205 .
  191. ^ Arriano, The Campaigns of Alexander , traduzione di Aubrey De Sélincourt, revised, with a new introduction and notes by James R. Hamilton, Harmondsworth, Penguin Classics, 1971, p. 184, ISBN 0-14-044253-7 .
  192. ^ Lane Fox , pp. 275-280 .
  193. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 43, 3-5 .
  194. ^ Arriano, Anabasi , II, 14, 6-8 .
  195. ^ Arriano, Anabasi , III, 25, 3 .
  196. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 44, 3-5 .
  197. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , VI, 6, 2 .
  198. ^ Lane Fox , p. 285 .
  199. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , IV, 6, 32 .
  200. ^ Frediani , p. 207 .
  201. ^ Arriano, Anabasi , III, 25, 8 .
  202. ^ Lane Fox , p. 304 .
  203. ^ Richard Stoneman, Alexander the Great, pag 67 , Routledge , 2004, ISBN 978-0-415-31931-7 .
  204. ^ Arriano, Anabasi , III, 29, 4 .
  205. ^ Plutarco, Alessandro Cesare, pag 141 , BUR , ventitreesima edizione, 2009, ISBN 978-88-17-16613-3 .
  206. ^ Ernest Picard, Préceptes et jugements de Napoléon , Berger-Levrault, 1913, pag. 314.
  207. ^ Lane Fox , p. 289 .
  208. ^ Quintus Curtius Rufus, JE Atkinson, Virginio Antelami, Tristano Gargiulo , Fondazione Lorenzo Valla , 2000, Storie di Alessandro Magno, pag 47, ISBN 978-88-04-47408-1 .
  209. ^ Limno in questo racconto viene ucciso e non si uccide. Da Plutarco, Vita di Alessandro , 49, 3-7 .
  210. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 48, 4-7 .
  211. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica , XVII, 79-80 .
  212. ^ Arriano, Anabasi , III, 26, 1 .
  213. ^ Musti , pp. 648-649 .
  214. ^ Arriano, Anabasi , III, 26, 2-3 .
  215. ^ Lane Fox , p. 290 .
  216. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , VI, 9, 14 .
  217. ^ Musti , p. 649 .
  218. ^ Curzio Rufo, Storie di Alessandro Magno , VII, 3, 8 .
  219. ^ Lane Fox , p. 298 .
  220. ^ a b Frediani , p. 211 .
  221. ^ Rufus Quintus Curtius, Quintus Curtius, De rebus gestis Alexandri Magni libri superstites, pp. 505-506 , J. Antonelli, 1840.
  222. ^ Arriano, Anabasi , IV, 4, 1 .
  223. ^ Arriano, Anabasi , IV, 4, 9 .
  224. ^ a b c Lane Fox , p. 313 .
  225. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 50, 3-9 .
  226. ^ Plutarco, Vita di Alessandro , 51, 1-6 .
  227. ^ I versi esatti recitati da Clito secondo quanto riportato sono quelli dell' Andromaca , 693
  228. ^ Mossé , p. 105 .
  229. ^ "Disease, not conflict, ended the reign of Alexander the Great". The Independent on Sunday. Retrieved Aug 21, 2011.
  230. ^ Ernesto Damiani, La piccola morte di Alessandro il Grande , Marsilio, 2012, ISBN 978-88-317-1163-0 .
  231. ^ a b INTESTINAL BUG LIKELY KILLED ALEXANDER THE GREAT , su umm.edu . URL consultato il Aug 21, 2011 .
  232. ^ Aristide Malnati, Alessandro Magno sepolto vivo, conferme sulla morte , su quotidiano.net , 8 aprile 2019. URL consultato il 31 marzo 2020 .
  233. ^ a b c Chugg, Andrew (2007). The Quest for the Tomb of Alexander the Great. Lulu.com. p. 25. ISBN 0-9556790-0-1 .; si veda anche in italiano: Andrew Michael Chugg, La tomba perduta di Alessandro il Grande, Periplus, pp. 341
  234. ^ Robert S. Bianchi. "Hunting Alexander's Tomb". Archaeology.org. Retrieved Aug 21, 2011.
  235. ^ Lauren O'Connor, The Remains of Alexander the Great: The God, The King, The Symbol , 2008.
  236. ^ Alexander the Great at War: His Army - His Battles - His Enemies . Osprey Publishing. 2008. p. 123. ISBN 1846033284 .
  237. ^ Saunders, Nicholas (2007). Alexander's Tomb: The Two-Thousand Year Obsession to Find the Lost Conqueror. Basic Books. ISBN 0465006213 ., pag. 162
  238. ^ Saunders, op. cit. , pagg. 64-segg.
  239. ^ Saunders, op. cit. , pagg. 203-04
  240. ^ Egypt Unwrapped: Alexander the Great's Lost Tomb , documentario National Geographic
  241. ^ ( EN ) Giorgos Christides, Greeks captivated by Alexander-era tomb at Amphipolis , su bbc.co.uk , BBC, 22 settembre 2014. URL consultato il 2 aprile 2015 .
  242. ^ ( EN ) Greek Government - Ministry of Culture and Sports - 12th November 2014 Press Release (in Greek) , su yppo.gr , 12 novembre 2014. URL consultato il 6 aprile 2020 .
  243. ^ Chi è sepolto in S. Marco a Venezia? È ora di analizzare quei resti , su saturniatellus.com .
  244. ^ Peter Green, Alexander the Great and the Hellenistic Age , 2007, ISBN 978-0-297-85294-0 .
  245. ^ Scheda su IMDb
  246. ^ Scheda su IMDb
  247. ^ Scheda del film su IMDb
  248. ^ Info del film su IMDb , su imdb.com . URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 18 settembre 2016) .
  249. ^ [Cfr. Romain Merlin, Origine des cartes à jouer , Paris, Rapilly, 1869, p.106.]
  250. ^ [Cfr. Laura Paola Gnaccolini (a cura), Il segreto dei segreti , Milano, Skira, 2012, p.22.]
  251. ^ [Cfr. Giordano Berti, Antico Tarocco Italiano I , Bologna, Nuova Alfa, 1987, p.92.]
  252. ^ Anabasi di Alessandro (᾿Ανάβασις ᾿Αλεξάνδρου 2,4,7).
  253. ^ Historiae Alexandri Magni Macedonis (Storie di Alessandro Magno il Macedone).

Bibliografia

Fonti primarie
Saggi e biografie
  • Georges Radet , Alessandro il Grande (Alexandre le Grand) , traduzione di Manlio Mazziotti, Biblioteca di cultura storica, n. 18, Torino, Einaudi, 1942; II ed. 1944. ; Oscar nº 149, Mondadori, Milano, 1974-1985; SuperBur Saggi, BUR, Milano, 1998 - La Storia·Le Storie, BUR, 2016.
  • NGL Hammond , Alessandro il Grande. L'uomo che si è spinto ai confini del mondo , Sperling paperback, Milano, 2004.
  • AB Bosworth, Alessandro Magno. L'uomo e il suo impero , Rizzoli , Milano, 2004.
  • Pietro Citati , Alessandro Magno , Adelphi, 2004.
  • Robin Lane Fox , Alessandro Magno , Saggi , n. 635, Torino, Einaudi, 1981. ; nuova ed. e prefazione dell'Autore, Einaudi tascabili. Storia, Einaudi, Torino, 2004-2016.
  • Gaetano De Sanctis , Filippo e Alessandro dal regno macedone alla monarchia universale. Lezioni universitarie 1949-1950 , a cura di Monica Berti e Virgilio Costa, Tivoli (Roma), Edizioni Tored, 2011, ISBN 978-88-88617-45-9 .
  • Johann Gustav Droysen , Alessandro il Grande , Milano, TEA , 1994 [Corbaccio, 1940] . - Res Gestae, 2014.
  • Paul Faure , La vita quotidiana degli eserciti di Alessandro Magno (La vie quotidienne des armées d'Alexandre, Hachette, Paris, 1982) , Collana Storia e biografie, Milano, BUR, 1993, ISBN 978-88-17-16942-4 .
  • Andrea Frediani , Le grandi battaglie di Alessandro Magno. L'inarrestabile marcia del condottiero che non conobbe sconfitte , Newton Compton, 2004, ISBN 978-88-541-1845-4 .
  • Chiara Frugoni , La fortuna di Alessandro Magno dall'Antichità al Medioevo , La Nuova Italia, Firenze, 1978.
  • Hans-Joachim Gehrke , Alessandro Magno , Il Mulino, Bologna, 2002.
  • Giulio Giannelli , "Alessandro Magno" in AA.VV., Enciclopedia Biografica Universale , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani , 2006, pp. 305 – 323.
  • Claude Mossé , Alessandro Magno. La realtà e il mito , Laterza, 2005.
  • Domenico Musti , Storia Greca: linee di sviluppo dall'età micenea all'età romana , 3ª ed., Laterza, 2008, ISBN 978-88-420-7514-1 .
  • Antonino Pagliaro , Alessandro Magno , Rai Eri , 1960.
  • Alessandro Magno tra storia e mito , a cura di Marta Sordi , Milano, Edizioni Universitarie Jaca, 1984.
  • L. Todisco, Alessandro il macedone e gli ebrei . URL consultato il 17 maggio 2007 (archiviato dall' url originale il 5 gennaio 2008) .
Narrativa
  • Davide Fresi, Alessandro Magno ei prescelti venuti dal futuro , 2014.
  • P. Doherty, trilogia edita da Newton Compton: Alessandro Magno e la vittoria impossibile (2002), Alessandro Magno e l'uomo senza Dio (2003), Alessandro Magno e le porte degli Inferi , 2004.
  • Valerio Massimo Manfredi , trilogia: Il figlio del sogno , Le sabbie di Amon , Il confine del mondo , raccolti ne Il Romanzo di Alessandro , Mondadori.
  • Gisbert Haefs , Alessandro , Alessandro in Asia .
  • Giovanni Pascoli , " Aléxandros ", in Poemi Conviviali , 1904.
  • David Gemmell , Il Leone di Macedonia (1990), Il Principe Nero , 1991.
  • Steve Berry , L'ombra del leone , 2008.
  • Valerio Massimo Manfredi , La Tomba di Alessandro , Mondadori, 2009.
  • Vittorio Russo , Sulle orme di Alessandro Magno , 2009.
  • Andrea Colelli, Breve storia di Alessandro Magno , 2014.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Re di Macedonia Successore
Filippo II 336 - 323 aC Filippo III , Alessandro IV
Predecessore Gran Re di Media e di Persia Successore
Dario III di Persia 330 - 323 aC Filippo III , Alessandro IV
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore
Dario III di Persia 332 - 323 aC Filippo III Arrideo
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 88742742 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2283 5816 · SBN IT\ICCU\VEAV\023322 · LCCN ( EN ) n79004067 · GND ( DE ) 118501828 · BNF ( FR ) cb11946296j (data) · BNE ( ES ) XX1031303 (data) · ULAN ( EN ) 500280655 · NLA ( EN ) 35002922 · BAV ( EN ) 495/57288 · CERL cnp01259691 · NDL ( EN , JA ) 00620255 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-101353608