Agro Pontino

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Agro Pontino
Fogliano3.jpg
Yon fèm tou pre Sabaudia
Etazini Itali Itali
Rejyon yo Lazio Lazio
Pwovens Latina Latina
Kote prensipal yo Sitèn nan Latina , Latina , Sabaudia , Pontinia , Terracina , San Felice Circeo
Rivyè Nenf , Sixtus , Amaseno , Ufente
Sifas 1.180 km²
Altitid mwayen: 50 m slm

Kowòdone : 41 ° 28'N 12 ° 54'E / 41.466667 ° N 12.9 ° E 41.466667; 12.9

Agro Pontino se yon rejyon Italyen istorik-géographique , yon pati nan Lazio (ant Agro Women an ak sid Lazio ) ak ki gen ladan plenn lan Pontine .

Etimoloji a nan Laten se nan ekspresyon an "ager pomptinus", pandan y ap etimoloji a ki pi gran deba, men li se prèske sètènman yo dwe jwenn nan lema Indo-Ewopeyen an "pont-" ki endike gwo vout dlo. Scholars yo pa antyèman nan akò nan afime ke ekspresyon an Latin sòti nan yon sèl la Indo-Ewopeyen an nan toponim lan nan Suessa Pometia , yon lokalite ansyen ak pèdi premye Latin ak Lè sa a Volsca te site pa kèk istoryen Women ak soumèt anba Tarquinio Sipèb la ; ou pito ke toponim nan Suessa Pometia sòti nan yon toponim pi laj rejyonal tankou "Pomptinus" oswa menm jan an.

Istwa

Ansyen laj

Pèp yo nan Agro Pontino a ak rès la nan Lazio alantou mitan an nan syèk la 4th
Rès yon ansyen wout Women nan Cisterna di Latina .

Protuberansyèl madlo yo nan tan lontan te kouvri pa yon vaste Lagoon ki te pi vide, kite fètil peyi a . Premye tantativ istorikman konstate nan dat Kominikasyon tounen nan Laten yo epi yo pwouve pa dekouvèt la nan yon sistèm drenaj vaste ak tinèl anba tè, ekipe ak pwi reklame nò teritwa a Pontine.[1]

Lejand gen ke marekaj la te travay nan deyès Juno a ki te vle pini nenf Feronia a ki te rete isit la ak ki moun ki te youn nan rayisab yo anpil nan Jipitè .

Latins yo ak Volsci yo te fonde plizyè vil nan plenn lan, nan mitan ki tradisyon te bay non yo nan Suessa Pometiae Satricum , Ulubrae ( Ninfa ) ak Tiberia (nan mitan minisipalite yo nan Cisterna , Cori , Sermoneta ). Nan 492 anvan Jezikri, konsil yo te voye emisyonè yo, menm jan tou nan Campania ak Sicily, pou achte grenn pou yo fè fas ak grangou ki t ap atake vil la [2] .

Nan epòk Imperial la , Women yo te rive rache plis tè nan marekaj la e yo te pèmèt nesans kèk sant sou Via Appia Antica ki travèse zòn nan. Pi popilè nan sant sa yo te Tres Tabernae , Tripontium ak Forum Appii, mansyone nan Travay Apot yo . Anfèt, nan twa vil sa yo, apot Pòl te rafrechi tèt li e kominote kretyen lokal la te akeyi li: prezans kominote sa a se yon siy ke vil yo te rive jwenn yon kantite konsiderab abitan yo.

"Koulye a, frè yo, lè yo fin tande nouvèl nou yo, yo soti kote yo te vin rankontre nou jouk nan Fowòm Appian ak Twa Kafe yo"

( Travay Apot yo 28.15 [3] )

Nan 204 BC . konsil la Marco Cornelio Cetego te gen yon kanal fouye paralèl ak Via Appia a pwoteje wout konsila a soti nan inondasyon ak enstabilite.

Cesare konkeri pouvwa, li vin ansent pwojè a jigantèsk nan devye kou a nan Tib la nan direksyon pou Agro Pontino a osi lwen ke Terracina , seche marekaj yo ak nan menm tan an bay lavil Wòm ak yon pò pi an sekirite pase Ostia . Apre lanmò li pwojè a pral ridikilize nan Sena a pa Cicero .[1]

Anpil nan aktyèl Agro Pontino a apre envazyon yo Barber tounen nan marekaj malgre tantativ yo pou konsève pou Kominte la te pote soti nan wa Theodoric Great a .

Mwayennaj yo

Atak Saracens yo te pouse pi fò nan popilasyon an pran refij nan mòn yo. Anviwon douzyèm syèk la sou kwen nan marekaj la nan sant la nan Ninfa te bati , ki jere yo soumèt rival li yo nan Sermoneta ak Sezze . Moun ki rete nan Ninfa te kòmanse pwojè Kominte ak yo te kapab jwi pozisyon an patikilye nan lavil yo, ki pèmèt li yo dwe yon estasyon obligatwa devwa pou trafik soti nan lavil Wòm nan sid la: an reyalite, apre inondasyon an nan appia a konsila nan seksyon ki genyen ant Tres Tabernae ak Terracina , trafik la nan direksyon sid te dwe detounen soti nan Appia nan tèt li nan direksyon pou yon chimen Piedmont, ki te kòmanse jisteman kote Ninfa leve ak pwospere. Men, n bès nan lavil la, ki te ofri refij nan Pap Aleksann III kouri dèyè pa Barbarossa , ki te lakòz Kominte a frajil yo tonbe e moun ki rete li yo te diminye pa malarya . Jodi a kraze yo nan Ninfa, nan sant la nan yon jaden , yo te refè epi yo vizib a piblik la.

Nan Mwayennaj yo , marekaj yo Pontine te vin yon fey nan fanmi an Gaetana nan Caetani a , ki gen branch Pontine te baze nan Sermoneta ak Cisterna .

Travay papal la

Nan kenzyèm syèk la, Pap Martin V apwouve yon premye pwojè Kominte.

Lachas nan marekaj yo Pontine. Penti pa Horace Vernet (1833)

Nan sèzyèm syèk la antrepriz la nan reklamasyon marekaj yo Pontine, konsidere kòm enposib, tou kaptive Leonardo da Vinci , ki moun ki etidye yon sistèm nan kanal ak machin dewatering: pwojè a, byenke apwouve pa Pap Leo X, pa janm ale atravè tout akòz lanmò Pap la [ 4] .

Sepandan, nan konmansman an nan sèzyèm syèk la Pap Leo X akòde frè l ' Giuliano de' Medici Kominte la nan Agro Pontino a pwòp depans nan pòch li, an echanj pou pwopriyetè a nan peyi yo retabli. Apre lanmò li, moun ki rete nan Terracina, regrèt li te bay moute teritwa a re-parèt, fèmen bouch la nan kanal la nan Badino. Nouvo Pap Sixtus V a vin ansent yon plan Kominte jeneral ke li reskonsab achitèk Ascanio Fenizi nan Urbino. Li divize marekaj la nan ven zòn, epi, neglije Rio Martino a, li ranje larivyè Lefrat la Ansyen (pita yo rele Sisto) lè yo ogmante pwofondè li yo ak louvri yon priz nan lanmè a. Tè yo te libere de dlo yo, men apre 1590 yo te inonde ankò akòz erè planifikasyon Fenizi ak ajitasyon nan peyi a.[1]

Nan 1637, anba Urban VIII , yon konpayi Olandè ki te dirije pa Nicolò Cornelio de Witt te pran sou travay Kominte a, ki pa pral kòmanse akòz lanmò konsesyonè a. Lè sa a, Chanm Apostolik la pwoklame yon edikte sou marekaj yo Pontine jwenn yon moun ki te kapab kontinye travay la.[1] Nan dizwityèm syèk la travay Pap Pius VI [5] , ki te bay lavi travay enpresyonan idwolik yo, kreye yon rezo kanal ki toujou egziste (Linea Pio ak Fosse Migliare) ak reklame yon gwo pati nan marekaj yo nan Sezze zòn ak Terracina . Apre eleksyon li an 1775, Pius VI apwouve yon plan jeneral enspire pa eksperyans yo nan Maremma a Tuscan ki te dirije pa Leonardo Ximenes . Simonte apwòch prive ak lokal la, depans yo te divize ant chanm apostolik la ak mèt pwopriyete yo selon kritè benefis la, toujou itilize jodi a pa consortia Kominte peyi a . Li te pwopoze nan fouye yon gwo kanal sou Via Appia a, navigab jiska Terracina.

Travay yo te kòmanse nan 1777 , sou direksyon enjenyè idwolik Gaetano Rappini , ak demolisyon nan etan pwason anpil ak ègzumasyon nan nouvo kanal la, ki rele Linea Pia , nan onè nan pontif la. Travay yo te dire ven ane, ak travay la nan dè milye de travayè yo. Yon fwa ke marekaj yo te libere nan teritwa a, drenaj dlo lapli te asire nan ti chanèl yo te rele Fosse Miliari, paske yo te fouye nan yon distans yon mil youn ak lòt. Avèk Revolisyon franse a, travay yo te soufri yon ralentissement fò.[1]

Yon tantativ reyabilitasyon siksè, kwake limite, nan tan ak ekstansyon, te youn nan te pote soti nan Anna Carafa nan eta li nan Fondi Lè sa a, nan Peyi Wa ki nan Naples , ki sepandan te dire yon ti tan akòz mank nan antretyen ki te koze re-antèman an nan chanèl yo defouye nan mitan 17yèm syèk la (c. 1640-1644) [6] .

Syèk sa yo

Nan syèk sa yo zòn yo kèk gratis nan dlo te vin sit la nan ti bouk pwovizwa, ki fòme ak pay tipik ak kabin an bwa , ki rele "lestre", rete nan peyizan yo ak gadò mouton , ki moun ki chak ane desann soti nan mòn yo Abreus ak depanse isit la. sezon fredi . Bòkote yo viv koboy yo (pa dwe konfonn ak sa yo ki nan Maremma a ), ki moun ki, mete karakteristik nwa rad nan abri soti nan lapli yo , ak monte yo chwal , ki te dirije bèf la Maremma bèf ak boufalo a marekaj la nan rechèch nan patiraj . Anpil nan yo te mouri akòz malarya . Chak ane nan otòn , anvan ou ale tounen moute, koboy yo òganize yon bèl bèt ki jis ak atire kliyan yo òganize montre , rodeo ak jwèt Acrobat .

Marekaj la te fwekante tou pa rezidan ki pi pòv nan minisipalite vwazen yo, ki te eseye siviv pa lapèch nan pisin yo oswa lachas, menm si pratik sa a te entèdi.

Forè yo tou te vin yon refij pou brigandè sove polis pap la. Nan dizwityèm syèk la yon dispozisyon Pap la efektivman regilarize sitiyasyon sa a lè li akòde dwa azil pou briganday yo ki te kache nan anviwònman chato Conca a (jodi a Borgo Montello ), toutotan yo pa deplase nan zòn nan ankò.

Forè yo san limit tou atire anpil nòb nan kapital la , ki moun ki, envite nan Caetani a , kontan nan vwayaj lachas long. Nan dizwityèm syèk la , lachas nan marekaj yo Pontine atire vizitè ki sòti nan tout Ewòp ; pami pi popilè a, powèt Alman Johann Wolfgang von Goethe , ki te ekri [7] :

"Marais yo Pontine yo se kwen an sovaj ak pi kaptivan nan Ewòp"

( Goethe )

Nan 1871 , Agro a antre nan Peyi Wa ki nan peyi Itali . Apre Inifikasyon an, nouvo gouvènman an prezante anpil pwojè Kominte ki sepandan rete sou papye, men ogmante t'ap nonmen non nan marekaj yo Pontine ak pouse anpil kiltivatè pou yo avanse pou ti bouk yo sou kwen nan marekaj la, rete nan "marche la", tipik la kay pay. Nan kòmansman ventyèm syèk la yon pwojè ki te bay pou finansman gouvènman an bay moun ki te kòmanse reyabilitasyon nan peyi yo te lakòz yon eskandal finansye, ak fatra nan lajan piblik ak koripsyon : li te sa yo rele "eskandal la nan Pontine la" .

House nan mati a nan Maria Goretti

Nan 1890 , yon peyizan Cisternese , Augusto Imperiali aksepte defi Buffalo Bill lanse, ki te fè yon kanpe nan lavil Wòm ak sirk Cowboy l 'yo. Buttero Imperiali a reyisi nan aprivwaze fyè chwal Ameriken an nan Lwès la , konsa k ap antre nan lejand la.

An 1950 Maria Goretti te pwoklame pa Pap Pius XII sen patwon nan marekaj yo Pontine: nan 1902 douz ane fin vye granmoun lan, ki gen fanmi te deplase soti nan Marche nan Agro a, te mouri apre yon tantativ vyòl .

Kominte entegral la nan '900 la

Yon imaj de Latina soti nan pi wo a yon ti tan apre fondasyon an.

Nan 1924 yon travay reyabilitasyon enpresyonan te kòmanse sou tout teritwa a deja li te ye tankou marekaj yo Pontine . Sepandan, Kominte a te deja prevwa nan yon dekrè nan 1899. Nan 1919 yon lwa te prevwa pou seche nan peyi marekaj, men gouvènman an te kapab konvenk mèt tè yo nan aspè pozitif nan Kominte la. Rejim fachis la te menase yo an 1926 ak afektasyon ki te pote premye siksè yo. Reklamasyon an gwo-echèl te kòmanse sèlman nan 1928 lè fachis yo sibvansyone mèt tè yo ak boujwazi agrikòl la nan zòn nan, peye jiska 75% nan depans yo.

Travayè yo te rekrite okòmansman pou pati ki pi nan popilasyon pòv nan pati Nò Itali (espesyalman nan Veneto), souvan san okenn eksperyans agrikòl. Sa a te lakòz pwoblèm grav konsènan sede agrikòl la nan peyi a reklame, malgre fètilite nan peyi a, ki te lakòz plizyè ane nan rekòt pòv yo. Nan opinyon Mussolini, travay yo te pwogrese twò dousman, se konsa nan 1931 pwojè a te reskonsab nan ONC la . Nan ane sa yo anvan jesyon an pa ONC a, travay yo Kominte te pran plas sèlman ant Novanm ak Avril nan limit risk pou malarya. Anba ONC a, nan lòt men an, Kominte a kontinye pandan tout ane a ak soti nan moman sa a yon lanmò te kòmanse ak yon nimewo jiskaske enkoni nan viktim yo. Nimewo a nan depòtasyon nan opozan nan zòn nan (sosyalis, repibliken ak liberal) tou leve; kòm li te yon zòn ki gen yon wo nivo de kontwòl sosyal yo riske (e souvan pèdi) lavi yo sou jaden yo marekajeuz. Travay Nasyonal pou konbatan te gen kòm objektif prensipal li yo ke yo te konkeri nouvo peyi nan Kominte idwolik ak distribye yo nan konbatan yo ak fanmi yo. An reyalite, nan fen 1933, 18,440 ekta te definitivman akòde kolon yo ak imedyatman te vin mèt tè nan menm bagay la. [8]

Menm jodi a, pèsistans nan eta a nan peyi agrikòl olye ke marekaj se sèlman posib gras a elektrisite: se rezo a nan chanèl drenaj ak drenaj an reyalite te sèvi pa enstalasyon anpil skouping leve nan dlo, ki nesesè yo egzeyate nan lanmè a (dirèkteman oswa nan lak yo kotyè ) dlo yo ki, soti nan ti mòn yo ki antoure, vide nan teritwa sa a ki sitiye yon kèk mèt anba nivo lanmè a, ki anpeche koule natirèl la nan dlo pa gravite nan direksyon pou lanmè a; kòm yon antye, plant yo dewatering rive, nan dat, yon pouvwa enstale nan 4.259 kW (7.120 kW selon lòt sous [9] ) ak yon mwayèn konsomasyon anyèl sou 863.000 kWh [10] . Sistèm yo nan operasyon yo ki nan lis anba a nan lòd desann nan pousantaj koule (lit / dezyèm) [11] :

Premye non Kote Ane bati Pouvwa kW To koule lit / sec Vizib
Caposelce Strada Capo Selce, Terracina 1932 323 6000 -
Mazzocchio Strada Mazzocchio, Pontinia 1934 288 6000 Sou rezèvasyon
Matera Strada Matera, Terracina 1934 320 6000 -
Charon Via Migliara 58, Terracina 1923 283 5500 Sou rezèvasyon
Pantani da Basso Via Pantani da Basso, Terracina 1932 277 5500 -
Wozo Wout Ansanm Canale, Terracina 1960 301 5500 -
Forked Strada Forcellata, Pontinia 1927 220 5000 -
Dezabiye Via Migliara 49 dwa, Pontinia 1932 294 5000 -
Kalambra Via Capo dei Bufali, Terracina 1932 328 4500 -
Chèf gadyen Strada Lungomare SP 39, Latina 1933 150 4500 -
Pantani d'Inferno Strada dell'Ufente, Terracina 1932 250 4000 -
Tabio Via Migliara 55, Pontinia 1932 180 3500 -
Gricilli Wout sou Ufente, Pontinia 1923 220 2400 -
Olevola Traversa 6 S. Felice dwa, S. Felice Circeo 1932 87 2300 -
Caterattino Via Caterattino, Sabaudia 1933 87 2300 -
Pwosesis Wout Processing, Sabaudia 1948 87 2300 -
Valmontorio Wout Valmontorio 1949 87 2300 -
Ceccaccio Via Passarelle, Terracina 1923 301 1900 -
Saw Via Strada Bianca, Pontinia 1929 80 1200 -
Vettica Via delle Sirene, San Felice Circeo 1932 59 1200 -
Ash Strada Migliara 58, Terracina 1934 22 400 -
Via Migliara 56, Terracina 1925 15 200 -

Graf sa a montre evolisyon nan pouvwa enstale (kW) ak pousantaj total koule (lit / sec) sou ane yo:

Evolisyon nan pouvwa enstale nan Agro Pontino ponp dewatering
Evolisyon nan pouvwa enstale nan ponp Agro Pontino dezidratasyon

An jeneral, nan 2016, 2.438 km chanèl drenaj atifisyèl te prezan nan tout zòn Agro Pontino [12] (plis pase 3.500 selon lòt sous [13] ).

Se sistèm Kominte aktif la ki fèt ak chanèl koleksyon prensipal yo, sa vle di pi gwo, ki kolekte dlo ki soti nan chanèl segondè yo, ki pi piti dimansyon, ki an vire kolekte dlo ki soti nan ti kanal minè yo; tout ansanm kanal sa yo konstitye yon kadriyaj vas koleksyon dlo ki aktyèlman ranplase "pèseptè a difize" nan dlo konstitye pa marekaj la pre-egziste deja, ki kolekte tout dlo a soti nan ti mòn yo ak mòn ki tou pre.

Chanèl yo drenaj ka nan kèk ka pa gen pant ki nesesè yo pote dlo a nan lanmè a, jwenn 2-3 mèt anba nivo lanmè a tèt li, se konsa nan yon sèten pwen yo koupe pa sistèm yo dewatering, ki ogmante dlo yo nan sa yo kèk mèt ak reentwodwi yo nan kontinyasyon nan kanal la (oswa nan yon lòt kanal adjasan) ki, kòmanse nan yon altitid ki pi wo, ka finalman gen pant ki nesesè yo pote dlo a nan lanmè a.

Kanal drenaj san sistèm drenaj
Imaj la montre nan seksyon dyagram nan yon kanal drenaj ki, yo te pozisyone anba nivo lanmè, pa pèmèt dlo a koule soti.
Chèn ak sistèm drenaj
Dyagram nan pwezante ak operasyon nan sistèm nan drenaj: ponp yo pran dlo nan kanal orijinal la ak re-prezante l 'nan kontinyasyon nan kanal nan tèt li, ki sepandan kòmanse soti nan yon nivo ki pi wo.

Pou leve yon mèt kib dlo (= 1,000 lit), ki peze jis plis pase yon tòn, yon mèt segondè, ou bezwen yon enèji ki egal a:

Pou fè travay sa a nan yon sèl dezyèm, sa vle di 1 / 3,600 èdtan, ou bezwen yon pouvwa ki egal a:

Nan lòt mo, yon sistèm drenaj teyorikman mande pou yon pouvwa nan 10 kW leve 1 mèt 1 lit dlo nan 1 dezyèm; nou ka Se poutèt sa pale de 1 W pou chak lit / dezyèm / mèt nan diferans nan wotè.

Plant yo nan operasyon nan Agro Pontino a gen yon pouvwa mwayèn sou 50 W / l / s; plant la pi gwo ki ka vizite, sa yo ki an Mazzocchio, gen yon total pouvwa enstale nan 288 kW ak yon pousantaj koule nan 6,000 l / s (48 W / l / s).

Imaj ki anba la a [14] montre zòn nan Agro Pontino mete aksan sou limit minisipal yo, liy kontou 5-mèt ak kanal prensipal yo atifisyèl:

5m koub nivo ak chanèl prensipal nan Agro Pontino la
Nivo koub nan 50m ak chanèl prensipal nan Agro Pontino la

Imaj sa a [15] olye montre totalite nan kou dlo yo, natirèl ak atifisyèl, prezan nan menm zòn nan; zòn nan Kominte, ant dune nan kotyè yo ak ti mòn yo, se evidan nan regilarite nan kanal yo atifisyèl:

Agro Pontino kou dlo map.png

Detay nan zòn nan reklame [15] :

Kanalizasyon nan Agro Pontino.png la

Travay la Kominte te kòmanse ak vant lan nan Eta Italyen an nan yon zòn nan sou 20,000 ekta , ki posede pa fanmi Caetani , ke yo rekonèt kòm Basen Piscinara (lajman ki koresponn ak minisipalite aktyèl yo nan Cisterna di Latina ak Latina ). Se konsa, yo te kòmanse premye travay yo Kominte ak etablisman an nan Consortium a Reklamasyon Piscinara ki te kòmanse kanalizasyon nan dlo yo nan basen lan rivyè Astura .

Nan 1926 yon dekrè wayal te pase, ki etabli de consortia: Consortium a pre-egziste nan Piscinara te pwolonje sou tout peyi a sou bò dwat la nan liy lan Ninfa - Sisto , sou yon zòn nan 48,762 ekta ak sou bò gòch la nan liy, Consortium a nan Bonificazione dell 'Agro Pontino (26.567 ekta), yon zòn relativman pi piti, men te fè leve nan teritwa ki sitiye anba nivo lanmè ak Se poutèt sa kote Kominte la te pi konplèks. De Consortia yo te fòme pa sendika a nan mèt tè prive ak Eta a , men swiv lalwa Moyiz la Mussolini (Lwa 24 Desanm 1928 , n.3134), peyi a enproduktiv oswa abandone ta ka èkspropriyasyon lè mèt pwopriyete yo pa t 'antre nan Consortia a ak te kominike vant lan bay Eta a nan prefekti a [16] ; Se poutèt sa pi fò nan zòn yo reklame pase anba kontwòl dirèk nan Eta a , ki delege li nan Travay konbatan Nasyonal la. Designer a nan Kominte a te Senatè Natale Prampolini , pita kreye Konte nan sirkeo .

Se te yon travay imans: soti nan 1926 rive 1937 , 18,548,000 travayè-jou yo te anplwaye reklame peyi a, ak travay la nan senkant mil travayè, rekrite soti nan tout peyi a [17] .

Apre w fin ranpli pwosesis la nan flokaj, li te Lè sa a, nesesè yo de-zo tout peyi a. 5 avril 1932, ekip travay latè yo ak tout traktè yo te antre. Pou travay tè funikulèr ak motè vapè, 126,000 quintals nan chabon difisil yo te transpòte, 1,050,000 lit dlo yo te transpòte, 120,750 lit petwòl ak 1,354,280 kilogram lwil yo te transpòte. Kòm travay la te fini, tout Jesyon Konpayi Agrikòl yo te etabli. Okòmansman te gen senk: soti nan Littoria, Carso, Piave, Isonzo ak Grappa. Yon fwa tè a te netwaye, kanal yo te louvri epi fèm yo te fini, premye travayè yo te ka mennen nan marekaj la. 27 oktòb 1932, premye tren kolon yo te rive pote soti nan ven a trant fanmi ki soti nan peyi menm dè santèn de kilomèt lwen. Travay konbatan yo te antreprann pou bay akomodasyon pou chak fanmi ak asistans ekonomik, espirityèl ak teknik ki gen rapò. Koloni yo te bay pwovizyon farin frans chak jou, kèk ekip fanm te òganize pa Opera Combattenti pou anseye fanmi yo kijan pou yo fè pen ak ekip gason ki te anseye kijan pou pote chari a oswa kijan pou jere bèt yo. Pou pwoteje sante ak kondisyon k ap viv nan travayè yo ki te sou liy lan devan nan zòn yo Kominte, ak Se poutèt sa plis ekspoze a atak nan malarya, Opera Combattenti yo bati lojman nan Borgo Podgora ak Borgo San Michele ak plis pase kat mil chèz. Lojman sa yo te mobil ak jan sa yo te deplase apre pwogrè nan Kominte a. Travay jigantèsk sa a antreprann gen ladan travay sa yo:

  • debwazman ak antre nan sou 20,330 rakbwa peyi
  • aranjman idwolik nan tout peyi a pa bati rezo nan chanèl segondè ak Supérieure pou koleksyon an nan dlo
  • konstriksyon nan yon rezo nan approx 416 km wout Kominte
  • konstriksyon 2,392 fèm
  • konstriksyon yon koloni maren pou 400 timoun ak ti bouk de travayè ak dòtwa, pwi, limyè. [18]

Sezon Kominte a te imedyatman rakonte nan woman ak fim tankou kontwovèsyal Canale 5 seri televizyon Sa a se peyi mwen an oswa roman an pa Antonio Pennacchi Canale Mussolini, gayan nan 2010 Strega Prize la .

Popilasyon ak "centuriation"

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Vilaj nan Agro Pontino .

Opera Nazionale Combattenti ki te dirije pa Valentino Orsolini Cencelli te kò prensipal la fè fas ak jesyon an nan peyi a ak fèm ki te piti piti bati nan peyi a reklame, konfye yo nan konsesyon nan kolon vini pou a vas majorite de rejyon yo, Lè sa a, pòv yo. ak gen twòp elèv nan Veneto , jilyen ak Emilia . Nouvo kolon yo te bay tè arab, yon nouvo kay ak yon vwazin ki estab, kèk bèt k ap travay ak tout zouti ki nesesè yo. Yo te gen dwa a yon pati nan sezon rekòt la ak / oswa a yon peman lajan kach, men kontra yon dèt ("dèt kolonyal") ki gen yon valè egal a machandiz yo te resevwa, ki te dwe progresivman extend nan vant la nan pwodiksyon agrikòl nan eta: sou disparisyon nan dèt la koresponn ak ranson an nan kay ak peyi.

Nan sant la nan Estates yo divès kalite, yo te bati nan fèm (apeprè 4000), anpil nan yo ki toujou rete nan "pitit pitit yo pyonye." Pita, teritwa a te divize an distri chak te dirije pa yon vilaj oswa yon kapital minisipal ; tout ti bouk yo , ak yon estrikti iben nan anpil ka ki sanble, ak legliz la , kay la nan fasces yo , kredi agrikòl la , lekòl la orijinal te gen fonksyon an nan aji kòm konekte sant ant fèm yo ak divès kalite bay pou bezwen yo nan kolon yo .

Moniman reklamè yo nan Borgo Flora

Premye vilaj yo te bati a te Borgo Podgora , nan 1927 , destine yo fè pati yon kèk ane pita nan minisipalite a nan Latina , okòmansman kreye kòm yon ti bouk travayè yo ak non an nan Sessano (ki soti nan non an nan ruine a ki tou pre nan gwo kay won an medyeval nan Sessano) ak sèlman progresivman konvèti nan yon vilaj riral yo; sant yo an premye olye vin ansent ak fonde dirèkteman kòm sant nan kolonizasyon ak appoderamento yo te pwobableman Borgo Isonzo , Borgo Piave ak Borgo Carso , bati kòmanse nan 1931 .

Vilaj yo ki fèk fonde kòmanse nan 1933 yo te batize oswa chanje non lajman ak non enspire pa sit sa yo batay prensipal la Premye Gè Mondyal la . Nan kèk ka, sepandan, yo te adopte non "istorik" lokalite a (pa egzanp Doganella di Ninfa ant Cisterna di Latina ak Sermoneta ) oswa yo te lye nan aktivite prensipal vilaj la ( Littoria Stazione , jodi a Latina Scalo - bati tankou yon sant sèvis pou pasaje nan estasyon tren Latina ).

Yon non "pre-ki deja egziste" tou tradisyonèlman lage desann nan anpil ti bouk, ki se pafwa ki endike tou nan siy wout: nan kèk ka non sa a se reyèl non an premye ofisyèl nan sant la tèt li bati kòm yon ti bouk travayè Kominte '(Sessano, Passo Genovese, Casale dei Pini, Villaggio Capograssa), nan lòt ka li refere a toponim minè ki gen rapò ak krwaze semen ansyen, wout oswa fèm ki sitiye tou pre sant la nan vilaj la nouvo, men esansyèlman dezole anvan Kominte la (Conca, Antonini, La Botte, Pyano Rosso, Foro Appio), nan tout ka nan dokiman istorik la tou de konfesyon yo souvan prezan, pafwa ak kèk varyasyon.

Jaden kiltive nan Agro Pontino a tou pre Sabaudia

Anplis vilaj aktyèl yo, nouvo vil yo te bati selon kritè achitekti rasyonalis yo : premye yo te fonde te nan 1932 Littoria (kounye a Latina ), ki te swiv pa Sabaudia (se konsa defini nan onè nan Savoy a ), Pontinia , Aprilia ak Pomezia (byenke lèt la se yon pati nan peyi Women an epi yo pa yon sèl la Pontine).

Enstitisyon an nan pak la Circeo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Circeo National Park .

Kominte idwolik la , ki se poutèt sa te dire onz ane, gras a yon sistèm konplèks nan kanal, te finalman reyisi e li te leve pa pwopagann fachis la kòm youn nan pi ekstraòdinè, petèt pi ekstraòdinè, baz byenfonde nan rejim lan . Nan peryòd la apre-lagè, Kominte a nan yon ekosistèm inik nan mond lan te sitou evalye negatif kòm li te destriktif, espesyalman pou espès yo fon ra anpil ki te rete la.

Per tutelare gli ultimi lembi di habitat fu istituito il Parco nazionale del Circeo nel comprensorio residuo della foresta demaniale di Terracina , risparmiata dalla bonifica sia su pressioni politiche locali che per motivi propagandistici legati alla mai effettuata esposizione dell'E42 ( EUR ), esteso anche alle paludi costiere rimaste, all'area del Circeo , alla spiaggia compresa tra Sabaudia e Capoportiere , all' isola Zannone .

La seconda guerra mondiale

Durante la seconda guerra mondiale , l'Agro era l'estremo lembo meridionale della Repubblica Sociale Italiana ea partire dal gennaio del 1944 si trovò stritolato fra ben tre fronti: la linea Gustav a sud, il fronte di Cassino a est e soprattutto lo sbarco, tentato dagliAlleati ad Anzio il 22 gennaio. I tedeschi riuscirono a sorpresa a bloccare gli Americani , ea predisporre una linea difensiva fra Aprilia , Cisterna di Latina e Littoria . Dopo due mesi di stallo, a marzo i tedeschi prepararono una massiccia offensiva costringendo la popolazione civile ad abbandonare la zona. Gli Alleati tuttavia reagirono con energia, conquistando Aprilia agli inizi di aprile. Il 23 maggio fu lanciata l'operazione Buffalo: gli Americani puntavano a sfondare la linea, puntando sull'abitato di Cisterna riuscendo ad entrarvi solo dopo una battaglia durissima l'indomani, mentre i tedeschi che si erano rintanati nel cinquecentesco palazzo Caetani, (nel centro di Cisterna) si arresero solo nel primo pomeriggio. Il 24 maggio gli americani entrarono a Littoria , il 25 fu raggiunta Pontinia e le truppe alleate si ricongiunsero con i compagni che giungevano da Terracina . Il 29 maggio l'Agro era completamente liberato, la situazione generale era però a pezzi. I lunghi mesi di guerra avevano seminato ovunque dolore e distruzione, intere zone erano rase a suolo, buona parte della popolazione era stata allontanata forzatamente dalle proprie abitazioni. Inoltre i tedeschi nel tentativo di ritardare l'avanzata degli alleati, avevano volutamente danneggiato e distrutto molte opere di bonifica, provocando l'allagamento di ettari di terreno, causando in molte zone anche il drammatico ritorno della malaria .

Una suggestiva veduta del lago di Paola , nel Parco nazionale del Circeo

Gli anni dello sviluppo industriale

L'introduzione dell'Agro Pontino nelle zone sostenute dalla Cassa del Mezzogiorno e la notevole disponibilità di manodopera hanno favorito l'insediamento di numerosissime aziende, soprattutto chimiche, alimentari, farmaceutiche, sintetiche, concentrate in prevalenza nel triangolo Latina - Aprilia - Cisterna .

La crescita industriale ha attratto numerosi immigrati dall' Italia centro meridionale. L'immigrazione ha avuto il suo massimo negli anni settanta e ottanta e le terre di maggior provenienza erano soprattutto Abruzzo , Campania e Sicilia che si è mescolata ai locali e ai coloni giunti dal Nord Italia . L'arrivo di gente da tutta Italia ha favorito, soprattutto nei centri maggiori, uno straordinario mescolamento di culture, modi di vivere, dialetti che ha fatto dell'Agro Pontino un caso di studio demo-sociologico nazionale.

Geologia e geomorfologia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pianura pontina .

Un tempo coperto dalle paludi ed oggi bonificato, corrisponde ad una pianura di origine alluvionale delimitata ad ovest e sud dal mar Tirreno , a est dai primi rilievi appenninici dei monti Lepini ed Ausoni , a nord dal medio corso del fiume Astura e dai primi rilievi dei Colli Albani .

Il territorio dell'Agro Pontino si sviluppa su un vasto terrazzo marino tra i rilievi più meridionali del vulcanismo laziale ( Colli Albani - Vulcano Laziale ), il Circeo e le cime dell' orogenesi mesozoica dei Monti Lepini e Ausoni . Il sistema di depositi alluvionali e marini che caratterizza la pianura inizia a prendere forma nel Neozoico , a seguito delle frequenti oscillazioni del livello del Mar Mediterraneo dovute al succedersi di ere glaciali e interglaciali.

L'antica duna

Il lago di Fogliano , formazione lacustre tra la duna antica e la duna nuova

Vista la sostanziale uniformità della regione interessata, una corretta comprensione della situazione geologica necessita uno sguardo sulle aree immediatamente prossime all'Agro Pontino, considerando l'area compresa fra Anzio , Cisterna , Ninfa , Priverno , Terracina , il Circeo e il Tirreno . Ad Anzio ha inizio un lungo deposito di sabbie e argille con tracce di elementi silicei e tufi che raggiunge il promontorio del Circeo : è l'antica duna litoranea la cui origine è dovuta ai depositi eolici accumulati sul substrato delle sabbie marine immediatamente sovrastanti la piattaforma calcarea sottomarina ascrivibile genericamente al Cenozoico . Presso Borgo Podgora l'antica formazione dunale è solcata dal canale delle Acque Alte che da Ninfa lambisce Cisterna di Latina e raggiunge il Tirreno a Foce Verde , al Lido di Latina . Altro canale principale di tale bacino è il canale delle Acque Medie , il quale si congiunge verso la foce con il Rio Martino tagliando in due il territorio dell'antica formazione dunale: sfocia nel comune di Latina , a pochi chilometri dal confine con Sabaudia . Nel tratto più prossimo al mare la formazione di una piccola recente duna ha generato uno sbarramento nel quale si sviluppano i laghi litoranei di Fogliano , Monaci , Caprolace e Paola . Tra il Lago Paola e il promontorio del Circeo è attivo un sistema di sorgenti di debole portata: Molella, Lucullo , presso Sabaudia .

I depositi alluvionali: l'antica palude

La foce della Linea Pio a Terracina

Tra Cisterna e Ninfa emerge l'ultimo lembo dei tufi dei Colli Albani che lentamente degradano verso affioramenti di travertino e il vasto deposito alluvionale, il cuore delle antiche paludi pontine, che corre parallelo al deposito eolico dell'antica duna fra Latina e Terracina . La zona è attraversata dai fiumi principali della provincia di Latina , di grande portata d'acque: il Ninfa , il Sisto , l' Amaseno , l' Ufente nonché i canali che si raccolgono nella Linea Pia presso l' Appia . L'area è una fertilissima pianura presso cui è ancora attivo un intenso sistema di sorgenti alle pendici calcaree dei Lepini : Ninfa , Laghi del Vescovo e Grecilli ( Priverno ), Frasso e la Fiora ( anticam. Feronia ) di Terracina .

Altre formazioni geologiche

Le tracce di una duna minore del Quaternario affiorano tra Priverno e Fossanova (località Bosco Polverino ). Presso San Felice Circeo il paesaggio è variegato dalle marne e arenarie del Circeo risalenti al Paleogene e dai calcari del Lias inferiore di Torre Paola .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Circeo .

Ambiente

La palude

Prima della bonifica integrale degli anni trenta , l'Agro era un'area paludosa e malsana, quindi poco popolata dall'uomo, ma ricchissima di una vita animale e vegetale unica. Nelle paludi vivevano specie faunistiche endemiche come il cavaliere d'Italia , il cigno rosso , la starnazza , gli aironi e altri che formavano spesso delle specie uniche. Le acque poco profonde erano invece l'habitat ideale per moltissime specie di rettili e anfibi e per piccoli pesci, come la trota di Ninfa , quasi completamente estinta. Tra gli insetti , la libellula , l' idrometra e la temutissima zanzara anofele , responsabile della malaria che decimava i pochi abitanti. Le paludi maggiori erano chiamate piscine , vaste distese d'acqua variabili e dai confini incerti, oggi quasi del tutte scomparse (a eccezione dei laghi costieri).

Le zone libere dalla palude erano occupate da foreste inestricabili, dette "selve" di cui la tradizione ricorda la Selva di Terracina , la Selva del Circeo , la Selva di Cisterna . Le foreste, soprattutto mediterranee , erano composte da querce da sughero , lecci e pini ; dove vivono ancora cinghiali , volpi , cervi .

La bonifica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bonifica dell'Agro Pontino .

La bonifica delle paludi e il disboscamento delle foreste hanno distrutto nel giro di pochi anni questo ecosistema, al quale è subentrato uno nuovo. Gli ultimi lembi rimasti sono tutelati nel Parco nazionale del Circeo , sebbene quest'ultimo rispecchi solo in parte l'originario ambiente palustre. Per debellare la malaria , che fece una vera e propria strage fra i bonificatori, vennero piantati numerosi eucalipti , un albero tipico australiano che assorbe l' acqua dal terreno . L'eucalipto costituisce oggi una parte predominante nel paesaggio rurale dell'Agro. Inoltre si ricorse al DDT , che nel dopoguerra fu immesso massicciamente nei canali e nei bacini (dove l'anofele aveva ricominciato a riprodursi) soprattutto da parte militare alleata. Nei canali fu immessa la gambusia , una specie di pesci originari degli Stati Uniti d'America , che distrussero le larve dell'anofele, ma, per mancanza di concorrenti, sono proliferate al punto da causare la forte riduzione anche delle altre specie acquatiche che erano riuscite a riprodursi ea vivere nei canali.

La pianura

A parte il Parco nazionale del Circeo , l'ambiente pontino è soprattutto un ambiente agricolo , che grazie alla fertilità dell'area e al clima mite, ha permesso la nascita e la diffusione di nuove specie vegetali, tipiche della zona. Le poche aree selvatiche sono soprattutto boschi, composti da alberi ad alto fusto, come querce , pioppi e pini ; nel sottobosco è possibile trovare una gran varietà di piante a basso fusto, fra cui la più diffusa è il pungitopo .

Albero tipico del paesaggio pontino è l' eucalyptus , introdotto qui con la bonifica per le sue straordinarie capacità di assorbimento dell'acqua e impiegato per la creazione di fasce frangivento. Tipiche anche le palme , recentemente danneggiate però dalla proliferazione del punteruolo rosso .

Di notevole importanza naturalistica è inoltre il tumuleto della duna litoranea, una barriera sabbiosa naturale alta alcuni metri che separa la spiaggia dall'entroterra; sulla stessa cresce una particolare vegetazione costituita da piante resistenti a condizioni climatiche estreme, quale elevata salinità ed esposizione a forti venti e brezze.

L'inquinamento delle acque è presente, per la presenza di numerose industrie : molti fossi e canali hanno visto verificarsi ripetuti fenomeni di moria ittica negli ultimi anni. Da ricordare inoltre la presenza, nel territorio comunale di Latina di una centrale nucleare in via di dismissione, spesso oggetto di discussioni per il suo impatto ambientale, ei cui presunti effetti negativi sulla salute umana sono stati spesso oggetto di controversi dibattiti.

Negli anni 2000 il WWF in collaborazione con la Fondazione Caetani ha trasformato un podere di proprietà di quest'ultima, nei pressi di Ninfa , in un sistema di stagni artificiali che vorrebbe riprodurre l'ambiente delle antiche paludi pontine, sebbene la reale presenza di paludi in quella zona in passato sia smentita sia dalle fonti storiche che della geologia del suolo. La zona, oggi situata nel territorio comunale di Cisterna , è nota come Riserva del Pantanello .

Residui di aree umide e paludi naturali e non riprodotte, sebbene diverse fra loro per conformazione geologica, ma con vegetazioni spontanee e fauna tipica della palude arcaica, si possono invece rinvenire nell'area dei Laghi del Vescovo - Gricilli nel comune di Pontinia , nella foresta demaniale di Sabaudia e presso il lago costieri di Caprolace.

Urbanistica

La Torre Civica di Sabaudia ; la torre civica è uno degli edifici più caratteristici delle città fondate dopo la bonifica

La conformazione paesistica e territoriale dell'Agro Pontino risale prevalentemente agli anni della bonifica ( 1929 - 1935 ) e delle conseguenti colonizzazione e appoderamento, e fondazioni di nuovi centri ( Littoria , poi Latina , Pontinia , Aprilia , Sabaudia ), caratterizzati da un' architettura di tipo razionalista e una quindicina di borghi rurali.

Tutto il territorio ha conosciuto successivamente una notevole crescita, con significative trasformazioni e ampliamenti delle aree strettamente urbane, e una conseguente evoluzione territoriale che però non ha significativamente alterato l'impianto originario.

L'Agro Pontino oggi

Economia

Agricoltura ed Allevamento

La crisi industriale che ha investito l'Agro Pontino alla fine degli anni novanta e che ha portato alla chiusura di molti stabilimenti (vedi paragrafo più sotto), ha spostato l'interesse generale verso l' agricoltura che qui è favorita da diversi fattori:

  • dai terreni pianeggianti ;
  • dalla grande disponibilità d' acqua ;
  • dalla suddivisione in poderi operata negli anni della bonifica ;
  • dalla vicinanza di un grande mercato come Roma (il principale consumatore di gran parte della produzione agricola pontina) e la presenza nel contesto regionale del Lazio , dove le aree pianeggianti sono sostanzialmente scarse.

L' agricoltura , anche se in gran parte affidata ad aziende agricole a conduzione familiare , è quindi molto redditizia e non si è verificato il fenomeno dell'abbandono dei campi, tipico di altre realtà, ma, al contrario, risultano impiegati in questo settore quasi l'11% dei lavoratori (dati ISTAT ), una delle percentuali più alte d' Italia .

In questi ultimi anni il settore ha investito molto nella specializzazione, puntando su colture particolari come il kiwi (di cui è il primo produttore nazionale, quasi il 76% del totale), in particolare della variante locale "kiwi latina IGP ", l' anguria (terzo produttore nazionale), il carciofo (nelle varianti del "carciofo romanesco" e del "carciofo di Sezze "), le zucchine , particolarmente apprezzate per la loro salubrità, gli agrumi e gli spinaci .

Nell'Agro Pontino l'allevamento delle bufale è particolarmente diffuso

Anche nell' allevamento si è seguita la strada della specializzazione: accanto all'allevamento più tradizionale dei bovini , in calo negli ultimi anni, introdotto negli anni trenta , si è riscoperto il pascolo delle bufale , già praticato dai butteri e poi caduto in declino. Connesso alle bufale è la produzione tipica delle mozzarelle , leggermente diverse da quelle campane , e della carne di bufala. L'allevamento degli ovini , che era anch'esso praticato prima della bonifica , è al contrario quasi del tutto scomparso.

Industria e Artigianato

L'abolizione della Cassa del Mezzogiorno (in cui l'Agro Pontino rientrava) e quindi la fine dei privilegi fiscali che ne derivavano ha spinto alla chiusura numerose aziende che hanno puntato sulla forza-lavoro più vantaggiosa dei paesi asiatici e dell' Europa orientale , senza non poche ricadute sociali sui molti lavoratori licenziati o inviati in cassa integrazione . Hanno provocato non poche proteste e scioperi , alcune chiusure di stabilimenti altamente competitivi, come la Goodyear di Cisterna, che diventò un caso nazionale di cui si occupò anche il giornalista Michele Santoro .

I grandi stabilimenti industriali rimasti sono comunque molti, e sono sviluppati in particolare nell' agro-alimentare e nel chimico-farmaceutico .

Non esiste un artigianato esclusivamente tipico dell'Agro Pontino. Vi sono comunque aziende artigianali, a conduzione familiare, nella falegnameria , nell' arredamento , nella lavorazione del ferro .

Non poca importanza ricoprono anche le cooperative agricole , che lavorano e distribuiscono i prodotti della campagna.

Terziario

Importante il settore terziario, che raccoglie ormai larga maggioranza della forza attiva. I maggiori investimenti sono nell' informatica , nella ricerca tecnologica e scientifica .

Non trascurabile il turismo , che negli ultimi anni, ha conosciuto una forte espansione: le principali mete sono le località balneari di Sabaudia , San Felice Circeo e Terracina , le quali possono vantare un mare nel complesso abbastanza pulito e una vasta spiaggia delimitata dalle caratteristiche dune (dette "tumuleti"). Un'altra attrazione è rappresentata certamente dal Parco nazionale del Circeo e dai laghi costieri.

Negli ultimi tempi è stato riscoperto dal turismo di massa , anche l'area più interna dell'Agro: grazie soprattutto alla sua natura "artificiale" e per questo, da molti giudicata unica, con il paesaggio completamente ridisegnato dall'uomo, con i canali , la campagna , le ombrose pinete, la modernità delle sue città e il carattere, considerato socievole, degli abitanti.

Non indifferente è anche il peso delle aziende della moda e dello spettacolo , le quali hanno negli ultimi anni fortemente investito nella zona, lanciando numerosi pontini. Ciò ha fatto sorgere la leggenda metropolitana della particolare bellezza dei pontini, che alcuni spiegano come dovuta al forte mescolamento razziale , il quale continua ancora oggi.

Non irrilevante è poi la popolazione locale, che giornalmente raggiunge Roma per lavoro, utilizzando il treno o l' auto .

Il dialetto

L'Agro Pontino non presenta un unico idioma : nei borghi, in alcuni centri minori e nelle campagne, nelle cosiddette comunità venetopontine , è in piccola parte ancora presente il veneto , accanto talvolta al dialetto ferrarese ed al friulano , che anche ove non più praticati hanno comunque lasciato un'influenza nella pronuncia locale dell' italiano e, ove utilizzato, del dialetto romanesco .

Nelle città è invece sempre praticato il romanesco , perlopiù leggermente diverso da quello proprio di Roma , mantenendo un accento leggermente più conservativo e annoverando nel lessico numerosissime parole ed espressioni idiomatiche mutuate da altri dialetti, come quello lepino o il veneto . Nei centri preesistenti alla bonifica ed in parte dei relativi territori comunali sono praticati dialetti del sottogruppo lepino, a sua volta incluso nel più grande gruppo dei dialetti laziali. Queste parlate presentano notevoli varianti fra loro e, in epoca moderna, hanno risentito in alcuni casi dell'influsso del romanesco, nonché di una progressiva sostituzione in favore dell'italiano locale; tali parlate di ceppo lepino sono presenti nei centri di Cisterna , Terracina e San Felice Circeo . Oltre ai citati comuni, anche altre aree rurali, specie nella fascia pedemontana, vedono presenti parlate di tipo lepino, in particolare parlate analoghe a quelle dei limitrofi centri situati sulle colline Lepine: questo accade in particolare per l'area dei comuni di Sermoneta e Sezze , ma anche per una larga fetta del territorio del comune di Pontinia ove si praticano i dialetti sezzese, privernese e sonninese; parlate di ceppo lepino sono diffuse anche nel comune di Sabaudia , derivate sostanzialmente dai dialetti di Terracina e San Felice Circeo .

Popolazione

L'Agro Pontino è una delle zone più giovani d' Europa e presenta il tasso di natalità più alto del Lazio. L' immigrazione italiana si è fortemente stabilizzata, se si esclude un piccolo flusso, ancora proveniente dalla Campania . In aumento è inoltre l' immigrazione extra-europea dai Paesi asiatici come l' India , il Pakistan e il Bangladesh , oppure da paesi del Nordafrica e dell' Africa subsahariana .

Comuni compresi nell'Agro Pontino

Torre Astura , che si trova nel comune di Nettuno tradizionale confine fra l'Agro Pontino e l' Agro Romano

Altri comuni vicini, quali Aprilia , Pomezia , Anzio , Nettuno , Bassiano , Cori , Norma , Priverno e Sonnino vengono spesso relazionati all'Agro Pontino pur non facendo strettamente parte della pianura da un punto di vista geografico, ma essendo limitrofi e gravitanti con l'agro vero e proprio, e quindi "pontini" almeno in merito a questioni sociali e storiche. L'aggettivo pontino è però spesso impropriamente utilizzato, soprattutto nel linguaggio giornalistico, in riferimento a tutti i comuni della provincia di Latina , anche se non direttamente pertinenti all'Agro Pontino: tra questi figurano Fondi , Formia e Gaeta , che in realtà sono a sud dei confini dell'Agro Pontino. Un fenomeno analogo è l'impropria denominazione Isole Pontine data da alcuni alle Isole Ponziane .

Note

  1. ^ a b c d e Biblioteca Idraulica Italiana , su idraulica.beic.it .
  2. ^ Dionigi , Antichità romane , lib. VII, § 1.
  3. ^ At 28,15 , su laparola.net .
  4. ^ Una leggenda del luogo dice invece che Leonardo lasciò perdere il suo progetto di bonifica ostacolato dalle liti continue fra i sermonetani ei sezzesi
  5. ^ l'inizio delle opere da parte di Pio VI furono celebrate da Vincenzo Monti con il poemetto Feroniade
  6. ^ Bruna Angeloni e Giovanni Pesiri, Apprezzo dello Stato di Fondi fatto dalla Regia Camera nell'anno 1690 , Firenze 2008, Introduzione pp.XXI e segg.
  7. ^ Goethe; Viaggio in Italia
  8. ^ "La bonifica delle paludi pontine"-istituto di studi romani, casa editrice Leonardo da Vinci, Roma.
  9. ^ LA BONIFICA della PIANURA PONTINA ( PDF ), su lacquaonline.it . URL consultato il 31 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 31 agosto 2017) .
  10. ^ Le opere di bonifica , su consorziodibonificasudpontino.it . URL consultato il 31 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 31 agosto 2017) .
  11. ^ www.bonifica-agropontino.it , su bonifica-agropontino.it . URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 28 agosto 2017) .
  12. ^ LA-BONIFICA-della-PIANURA-PONTINA ( PDF ), su lacquaonline.it . URL consultato il 31 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 31 agosto 2017) .
  13. ^ Le paludi pontine , su idraulica.beic.it .
  14. ^ Cartografia Regione Lazio , su cartografia.regione.lazio.it . URL consultato il 1º settembre 2017 (archiviato dall' url originale il 1º settembre 2017) .
  15. ^ a b Cartografia Regione Lazio , su cartografia.regione.lazio.it . URL consultato il 1º settembre 2017 (archiviato dall' url originale il 1º settembre 2017) .
  16. ^ Ex art. 24 citata legge
  17. ^ Antonio Pennacchi, Canale Mussolini
  18. ^ "La bonifica delle paludi pontine"-istituto di studi romani, casa editrice Leonardo da Vinci, Roma.

Bibliografia

  • Pier Giacomo Sottoriva, I giorni della guerra in provincia di Littoria e nell'Agro Pontino , Ed. Cipes, Latina 1974
  • AA. VV., Viaggio nell'Agro Pontino Ed. Touring Club Italiano
  • Girolamo Conigli, L'Agro Pontino verso il 2000
  • Antonio Berta, La bonifica pontina
  • Umberto Pichi, Cisterna non è di Latina (con ampio spazio dedicato all'Agro pre-bonifica) Ed. Monti Cisterna di Latina .
  • Antonio Pennacchi , Viaggio per le città del duce , ASEFI. 2003. ISBN 978-88-88825-05-2 .
  • Antonio Pennacchi, Palude. Storia d'amore, di spettri e trapianti , Donzelli. 2000. ISBN 978-88-7989-572-9
  • Antonio Pennacchi, Canale Mussolini , Mondadori. 2010. ISBN 978-88-04-54675-7
  • Brocchi Giovan Battista Viaggio nel Lazio. La Tuscia e l'Agro Pontino Ed. Robin Hood
  • Corrado Alvaro Terra nuova. Prima cronaca dell'Agro Pontino. Rizzoli
  • Cristina Rossetti , I ferraresi nella colonizzazione dell'Agro Pontino . Ed.Bulzoni, Roma, ISBN 88-7119-699-6
  • Mauro Nasi I butteri di Cisterna e dell'Agro Pontino. Augusto Imperiali, l'eroe di tutti i butteri , (2006), Palombi Editori (Roma), ISBN 88-6060-042-1 .
  • Valentino Cencelli, Le paludi pontine attraverso i secoli
  • Monica Zornetta , La terra tra le mani - L'epopea veneta nella bonifica dell'Agro Pontino, (2015), Editrice Storica, ISBN 978-88-96674-41-3
  • Raffaele Panico , La pianura pontina nel Settecento. Il paesaggio attraverso l'analisi delle controversie economiche ambientali, Roma, Bibliotheca edizioni, 2017
  • Raffaele Panico , La pianura pontina nel Settecento. Una storia del paesaggio attraverso una lettura geografico-storica delle controversie economiche ambientali. in Geografia – trimestrale di ricerca scientifica e di programmazione regionale”, ed. Edigeo, Roma, n° 3-4, 1997
  • Raffaele Panico , L'Italia nella coscienza di Niccolò Tommaseo e di Gabriele D'Annunzio, Fiume nel golfo del Carnaro e Giuliana in terra pontina: alla ricerca di una patria perduta, Anzio Roma 2005
  • Istituto di studi romani, "la bonifica delle paludi pontine", casa editrice Leonardo Da Vinci

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 315526877 · LCCN ( EN ) sh86002773 · GND ( DE ) 4046764-8