24 èdtan nan Le Mans

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch

Kowòdone : 47 ° 56'30 "N 0 ° 13'30" E / 47.941667 ° N 47.941667 ° E 0.225; 0.225

24 èdtan nan Le Mans
Circuit de la Sarthe track map.svg
Lòt non ( FR ) 24 Heures du Mans
Espò Kubica kas BMW.svg Motoring
Federasyon ACO
Pati nan FIA chanpyona andirans Mondyal (WEC)
peyi Lafrans Lafrans
Mete Le Mans
Plant Awondisman de la Sarthe
Manadjè Automobile Club de l'Ouest
Kadans Anyèl
Disiplin Andirans
Sit wèb lemans.org
Istwa
Fondasyon 1923
Holder Chofè:
New Zeland Brendon Hartley
Swis Sébastien Buemi
Japon Kazuki Nakajima
Ekip:
Japon Toyota Gazoo kous
Dosye ranport Pilòt:
Tom Kristensen (9)
Ekip:
Joest kous (13)
Builder:
Porsche (19)
Dènye edisyon 24 èdtan nan Le Mans 2020
Pwochen edisyon 24 èdtan nan Le Mans 2021

24 èdtan yo nan Le Mans ( 24 Heures du Mans ) se yon ras motosiklèt andirans pi popilè ki pran plas chak ane nan Awondisman de la Sarthe a , tou pre Le Mans , Lafrans . Li òganize pa Automobile Club de l'Ouest (ACO), e se ras ki pi enpòtan nan chanpyona andirans Mondyal la .

Prezantasyon

Piblisite afichaj nan premye edisyon an nan ras la

Konpetisyon an premye te pran plas sou 26 ak 27 me 1923 e li te depi ki te fèt chak ane nan mwa jen, ak eksepsyon de 1956 (nan mwa Jiyè), 1968 (nan mwa septanm nan, akòz toumant politik la ki te fèt nan franse Me ) ak 2020 (sou 19 ak 20 septanm, akòz pandemi COVID-19 la ). Li te anile sèlman an 1936 , pou rezon ekonomik, ak soti nan 1940 a 1948 kòm yon rezilta nan Dezyèm Gè Mondyal la ak peryòd imedya apre a .

Tradisyonèlman ras la te kòmanse nan 4 pm nan Samdi e li te fini nan menm tan an nan Dimanch . Pou kèk ane li te kòmanse ak te fini nan 3 pm .. Eksepsyon nan règ la te edisyon an 1968 ki te kòmanse nan 2 pm, sa yo ki an 1984 ki te kòmanse nan 3 pm akòz konfòmite a nan eleksyon jeneral yo franse ak sa yo ki an 1998 , ankò nan 2 pm, akòz concomitance a ak Cup Mondyal la ki te fèt an Frans.

Se ras la ki te fèt sou yon tras semi-pèmanan ak yon longè ki plis pase 13 kilomèt , sitou lè l sèvi avèk wout ouvè a trafik nòmal pou tout rès ane a. Pandan ane yo, plizyè seksyon bi-bati te ranplase wout nòmal, pi miyò Porsche koub yo ki kontoune pati nan fin vye granmoun ak danjere nan Maison Blanche a kote kous la manyen bilding yo. Awondisman Bugatti a se pati pèmanan nan tras la, li antoure zòn nan kòmanse / fini epi yo itilize pandan tout ane a pou konpetisyon divès kalite, ki gen ladan chanpyona Mondyal la .

Yon imaj kous Le Mans la.

Nòmalman, machin nan divès kalite konpetisyon ansanm, divize an kat klas diferan, ki soti nan prototip ki fèt espesyalman pou ras sa a nan machin pwodiksyon; viktwa an jeneral ale nan machin nan ki kouvri distans ki pi nan fen janm la pandan ki peryòd la 24 èdtan nan kous kontinyèl ekspire. Règleman sa a ta sanble inivok pou detèminasyon gayan an men an reyalite li pa konsa; pou egzanp, ras la 1966 te gen yon gayan sipriz kòm Ford espere yon menm kantite vòt ak de nan GT40 li Mark IIs ki janbe lòt liy lan fini an menm tan an, gras a yon fini Worcester, pandan y ap olye machin nan nan mitan de moun ki, li te gen jwenn nan pi move tan nan pratik, te kòmanse pi lwen tounen sou liy lan chevr kòmanse (gade Le Mans kòmanse pi devan) e konsa te kouvri yon distans pi gwo ak menm tan an. Kòm yon règ adisyonèl gen se ke yon machin dwe travèse liy lan fini apre 24 èdtan yo dwe klase, ki souvan mennen nan ensidan nan machin domaje kite twou yo trennen tèt yo alantou sikwi a yon dènye fwa yo epi yo dwe kapab fini ras la. .

Sèjousi, chak machin gen yon ekip twa chofè. Anvan 1970, sèlman de chofè pou chak machin yo te pèmèt, ak nan premye jou yo chofè solo yo te pèmèt tou patisipe. Jiska ane 1980 yo byen bonè , pifò machin yo te kondwi pa de chofè yo. An 1950 , Louis Rosier te genyen kous la ansanm ak pitit gason l 'Jean-Louis ki sèlman te kondwi machin nan pou de nap. An 1952 , franse Pierre Levegh te kouri pou kont li e li te sou pou pou genyen kous la lè li te fè yon erè grav nan dènye èdtan nan kous, bay viktwa a nan yon Mercedes-Benz 300 SL.

"Le Mans kòmanse nan"

Kòmanse nan 1965 24 èdtan yo

Ras la tipikman derape ak sa ki te vin li te ye tankou "Le Mans kòmanse nan": machin yo aliyen yo sou yon bò nan tras la, chofè yo sou lòt la. Lè drapo franse a te siyale kòmansman an a 4pm, chofè yo te kouri sou tras la, yo te monte nan machin yo epi yo te pati. Pwosedi sa a te vin riske apre entwodiksyon nan senti sekirite , ki te mande yo dwe byen tache pa mekanik. Se konsa, chofè yo konpetisyon nan premye tou an, sou yon èdtan, san yo pa senti sekirite yo tache.

Yon jèn talan ak chanpyon Fòmil 1 an , Jacky Ickx , te bay yon demonstrasyon flagran sou danje ki genyen nan kòmansman sa a an 1969 , lè olye pou yo kouri atravè tras la, li te mache tou dousman, ak Lè sa a, moute nan machin li ak byen bouk senti sekirite l 'yo. Malgre reta sa a, li jere pou pou genyen ras la, kwake pa sèlman 120 mèt. Malerezman, sou premye janm ras la, yon chofè prive, Britanik John Woolfe , te mouri. Se poutèt sa te pratik tradisyonèl la koupe an 1970 , lè chofè yo kite deja chita nan machin yo, ak senti yo byen fèm tache. Pita, te kòmanse bò tras la ranplase pa yon kòmansman kous, tankou nan Indianapolis .

"Le Mans kòmanse nan" se tou rezon ki fè Porsches lari kontinye gen ignisyon a sou bò gòch la nan kolòn nan volan, olye pou yo lojman an plis tradisyonèl sou bò dwat la; sa a pèmèt chofè a kòmanse motè a ak men gòch la pandan y ap nan menm tan an dwa angaje premye a, enben, ki pèmèt Porsches yo jwenn soti nan liy lan kòmanse pi vit [1] .

Istwa

1924-1939: edisyon anvan Dezyèm Gè Mondyal la

Yon Alfa Romeo 8C 2300

Nan premye ane yo nan konpetisyon an, mak ki pi viktorye a te Bentley ak divès kalite 3 lit , 4½ lit ak 6½ L ki ant 1924 ak 1930 te genyen senk viktwa, antremele ak de siksè Lorraine-Dietrich nan 1925 ak 1926 .

Nan konmansman an nan trant yo te wè yon sekans nan kat viktwa youn apre lòt te genyen pa Alfa Romeo ak vèsyon diferan nan modèl la 8C ; nan mitan chofè yo ki te dirije yo tou Tazio Nuvolari , ki moun ki te genyen nan 1933 ak Luigi Chinetti ki lye non l 'ak sa yo ki nan ras sa a pou ane, premye kòm yon chofè epi pita kòm yon manadjè ekip.

Ane annapre yo, eksepte nan 1936 nan ki konpetisyon an pa t 'pran plas akòz grèv travayè yo, te wè non yo nan lòt ekip istorik tankou Lagonda , Bugatti ak Delahaye enskri nan enskri an lò nan ras la.

1949-1954: premye edisyon yo apre gè

Premye edisyon an apre fen Dezyèm Gè Mondyal la , te pran plas nan 1949 ak wè non an nan Scuderia Ferrari parèt nan mitan ganyan yo, ak 166 MM a ki te genyen viktwa a an jeneral, yon machin nan kategori a Sport (ki poko gen 2 lit deplasman ). 166 MM ki te genyen te kondwi pa Ameriken an ki gen orijin Italyen, Luigi Chinetti ki te genyen kondwi pou 23 èdtan ak yon mwatye soti nan 24, ak pou demi èdtan ki rete a li te kondwi koekipye ak pwopriyetè machin nan, Peter Mitchell-Thomson. Nan ane sa yo Chinetti te kòmanse yon peryòd tan de kolaborasyon ak kay la Maranello.

Epitou nan ane kap vini yo nouvo manifaktirè yo te anrejistre nan enskri nan ganyan yo, Talbot-Lago a nan '50 ak T26 a , Jaguar a nan '51 ak '53, ak C-Kalite a ak Mercedes-Benz nan 52 la ', ak W194 la (pi byen li te ye tankou 300 SL la ). Nan '54 Ferrari tounen nan viktwa ak 375 Plus la ekipe ak yon V12 5-lit.

1955: aksidan ki pi grav nan istwa a nan otomobil

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: 1955 Le Mans dezas .
Dyagram aksidan an

An 1955 , Pierre Levegh te akòde pèmisyon pou kondwi yon Mercedes-Benz 300 SLR , apre tès anvan li ekselan yo. Li te nan pouswit Mike HawthornJaguar D-Type lèt la depase yon Austin-Healey pi dousman (kondwi pa Lance Macklin ), anvan toudenkou re-antre nan twou yo sou bò dwat la. Manèv sa a te fòse Austin-Healey pou yo avanse sou bò goch, kote Mercedes te rive nan yon vitès pi vit. Li frape do a nan Austin-Healey a, yo te katapulte leve, li te fè aksidan nan mitan foul moun yo, dezentegre ak touye tou de pilòt la ak 83 espektatè, osi byen ke blesi 120.

Selon deklarasyon ofisyèl òganizasyon an, kous la te fèt pou kontinye anpeche espektatè yo kite kous la, bouche lari yo e konsa anpeche anbilans yo .

Mike Hawthorn ak Jaguar ki estab la te ale nan e li te genyen ras la, pandan y ap Mercedes ki rete a (kondwi pa Juan Manuel Fangio , Stirling Moss ak lòt moun) yo te retire nan ras la soti nan respè pou viktim yo.

Akòz chòk la ki te koze pa dezas la, anpil ras plis oswa mwens enpòtan yo te anile nan 1955, tankou Alman ak Swis Grand Prix la ; nasyon an lèt bani menm pou lwa kous motè soti nan teritwa li yo (ak entèdiksyon an se toujou nan fòs nan Swis jodi a ak eksepsyon de Fòmil E , ki jwi yon pèmi espesyal pou yon ti tan, ak premye GP Awondisman an nan Swis apre 63 ane te fèt nan Zurich sou 10 jen 2018). [2]

Nan fen sezon an, li te genyen Fòmil Youn nan ak chanpyona machin espò, Mercedes wete kò li nan kous epi li pa retounen jouk 1987 .

1956-1959

An 1956 kòm yon rezilta nan trajedi a nan ane anvan an, tras la te konplètman revize, wout la nan zòn nan fini te bese pa yon mèt kèk, yon tribin ak bwat nouvo yo te bati, yo nan lòd asire sekirite ak pwoteksyon pou piblik la , eleman ki manke te lakòz lanmò plizyè douzèn moun. Koub Dunlop la te modifye tou epi sikwi a te wè longè li redwi pa 31 mèt.

Edisyon an 1956, pa valab pou chanpyona nan lemonn, te demenaje ale rete nan Jiyè, jis asire fini an nan travay yo.

Ane sa yo ki te swiv te wè viktwa Jaguar ankò ak kalite D-li yo, ki te swiv pa yon viktwa pou Ferrari ak youn pou Aston Martin .

Ane swasant yo

Deseni kap vini an wè sèlman de non altène nan woulo an lò nan ganyan yo, sa yo ki an Ferrari ak sa yo ki an Ford, ki te genyen 6 ak 4 edisyon nan 24 èdtan yo respektivman.

Duopol sa a pa t 'anpeche devlopman nan innovations enteresan soti nan yon pwen de vi teknik, tankou sa yo ki an 1963 nan ki Rover a ak ekip la Fòmil 1 BRM mete fòs yo pwodwi yon koup patrone pa yon turbine gaz , kondwi pa Graham. Richie Ginther . Li fini maraton an nan wityèm plas nan yon mwayèn de 173 km / h, frape yon vitès tèt nan 229 km / h. Ane sa a Ludovico Scarfiotti ak Lorenzo Bandini te genyen nan yon Ferrari 250 P.

Yon Ferrari 412P sou sikwi Le Mans la

1964 te wè tou kòmansman rivalite Ferrari-Ford la , selon anpil moun ki te koze pa echèk fèm Detroit la pou achte konpayi Modena ki baze sou la. Enzo Ferrari an reyalite renonse fizyon an nan lòd yo pa pèdi kontwòl konplè nan aktivite a espòtif, Lè sa a, dakò ak Fiat ki te bay sipò finansye ki nesesè nan kay la Modenese, kite l 'carte blanche nan kous. Lè sa a, Ford te lanse pwojè GT40 , ki te dirije pa Eric Broadley , ki soti nan Lola , ak John Wyer , ansyen nan Aston-Martin . Premye a nan larenn lan nan lavni nan Le Mans pa t 'vrèman memorab: konsepsyon orijinal la te gen defisyans grav aerodynamic ak fyab, ak machin nan tandans leve devan an nan vitès segondè, epi bwat la soumission apwopriye pou motè a wòdpòte. Pwoblèm yo ta Lè sa a, dwe rezoud ane annapre a ak renouvèlman radikal nan pwojè an.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: 24 èdtan nan Le Mans 1964 .

Premye edisyon konfwontasyon an te fini an favè Ferrari, ak viktwa yon 275P. Lut la te fini prematireman nan 1965 , ak pann nan tout ofisyèl Ferrari ak Ford yo. Sepandan, viktwa a te ale nan Ferrari nan NART (ekip prive Luigi Chinetti a ) ak 250 LM l 'yo . Kat siksè youn apre lòt te vini pou Ford nan ane annapre yo.

An 1966 ekip la faktori Ford te rive nan Normandy ak yon evolisyon radikal nan pwojè a GT40: li te Mk II a, yon 7-lit "mons" nan sou 485 HP. Ferrari reponn ak modèl la 330P3: 4 lit pou apeprè 420 HP; nplis de sa, Maranello reskonsab modèl la 365P2 nan divès ekip kous prive: 4.4 lit pou prèske 400 HP. Ane sa a viktwa a te ale nan New Zeland duo Chris Amon / Bruce McLaren nan Ford Mk II.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Le Mans 24 èdtan 1967 .

Pèfòmans nan vitès nan Ford Mak IV la an 1967 , ane a nan ki 5,000 kilomèt yo nan kantite mil sou 24 èdtan yo te depase la pou premye fwa, te kreye pwoblèm nan sekirite posib, tèlman bagay ke CSI la an 1968 , nan yon tantativ diminye vitès la , prezante kèk chanjman regilasyon. Kòm nan Fòmil 1 , 3-lit motè yo te adopte yo nan lòd yo diminye depans lè l sèvi avèk motè menm jan an nan tou de kalite ras. Dedye machin kous, bati sèlman nan kantite limite, te kapab sèlman itilize sa a ki kalite motè. Machin ekipe ak motè ki depase 5 lit deplasman yo te entèdi nan chanpyona nan mond lan ak Lè sa a, soti nan Le Mans, ki make fen a pou Ford yo (MK II ak MK IV) ak pou Chaparral la patrone pa motè Chevrolet .

Machin ki gen motè jiska 5 lit te kapab toujou konpetisyon nan kategori a Sport si omwen 50 yo te bati. Règleman sa a pèmèt pi gran machin kliyan tankou Ford GT40 Mk I, Lola T-70 ak Ferrari 275 LM fè konpetisyon kont pwototip faktori patrone pa sofistike motè 3-lit.

Yon nouvo seksyon te ajoute nan tras la, ant Maison Blanche a ak liy lan kòmanse, yo ralanti machin yo ant twou yo ak tribin. Nouvo seksyon an te rele Virage Ford. Chanjman yo te ajoute apeprè 10 segonn pou chak janm ak ogmante mete sou fren yo ak bwat.

Yon Ford GT40 an 1969

Enzo Ferrari apre li te gen yo mete P4s l 'sou kote, li te refize fè konpetisyon nan ras la 1968 , malgre gen yon motè pou F1 adaptab nan nouvo règleman yo. John Wyer te oblije bay moute konpetisyon ak Mirage M1 l 'yo , ak yon motè 5.7-lit sòti nan GT40 a ak chwazi demoute M1 l', li bati yon nouvo GT40 sou chasi a Miraj, menm jan ase ak GT40 a satisfè kondisyon ki nan apwobasyon an . Gòlf GT40s yo te resevwa kèk nan amelyorasyon ki soti nan Miraj la ak travay enpòtan te fè diminye pwa a nan machin nan lè l sèvi avèk materyèl gwo teknoloji. Pou egzanp, anpil nan karosri a te fèt ak yon fèy trè mens nan Polyester , ranfòse ak fib kabòn [3] .

Sa ki nan 1968 te tou edisyon an ki te dwe deplase soti nan mwa abityèl la nan mwa jen ak sa yo ki an septanm akòz ajitasyon an sendika nan Me franse a . Deplase ras la ogmante chans yo nan pwototip yo kont espò yo: machin yo nouvo te gen ase matirite sou kou nan sezon an. Konpetisyon an te pran plas ant Ford GT40s Wyer a ak nouvo pwototip yo 3-lit: Matra MS630 , Alpine A220 ak Porsche 908 . Alfa Romeo Tipo 33 la ak motè 2-lit te jwe wòl nan outsider.

Renault - Gordini V8 motè a ki lanse A220s yo Alpine te enèvan, fournir pa plis pase 300 hp (220 kW). Avèk 350 hp (260 kW) nouvo 3-lit lè-refwadi boxer 8-silenn lan, ki lanse Porsche 908 la te mwens pwisan pase nouvo Matra V12 la , men machin Porsche la te pi lejè.

Wyer te antre nan 3 GT40s, men ekip la pa t 'nan pi bon li yo. Chofè pi rapid li a, Jacky Ickx , te kraze fòmasyon janm li pou GP Kanadyen an epi Brian Redman te anile apre yon aksidan nan GP Bèlj la nan Spa-Francorchamps . Ferrari te reprezante sèlman pa moun prive, pi bon an te yon vèt 275 LM antre nan kategori a Sport pa David Piper . Modèl la te pi gran, men lou mete ajou: anpil nan karosri a te fè nan Polyester / vèr olye ke aliminyòm. De turbine kondwi Howmet TX yo te antre nan kategori pwototip la.

Te kòmanse a bay nan 14:00 pa prezidan an nan Fiat , Gianni Agnelli . Porsches yo te devan, Siffert te pran plon an sou katriyèm janm la. Lè sa a, yon litan nan pwoblèm ralanti nouvo Porsche 908s yo. Youn nan machin Wyer a kraze anbreyaj la a 5pm, dezyèm lan kraze motè a nan 10pm. Nan minwi Wyer sèlman te gen yon sèl machin nan ras la, men li te dirijan.

Henri Pescarolo akonpli yon feat ki te vin pi popilè ak nouvo Matra 630 patrone pa motè Matra V12 la. Machin nan te kòmanse kous la ak pwoblèm mekanik ki pouse li nan pozisyon 14yèm. Pescarolo te kondwi machin nan nan lapli a nan dezyèm pozisyon malgre yon eswi glas vit, pandan y ap koekipye li Johnny Servoz-Gavin refize kondwi machin nan nan kondisyon sa yo. Sepandan, pandan youn nan dènye twou san fon an machin nan te pran dife e li pat kapab kontinye.

Nan fen ras la viktwa a te ale nan GT40 kondwi pa Lucien Bianchi ak Pedro Rodríguez . Pi bon an nan Porsche yo se te yon prive 2.2-lit 907 ki te vini nan dezyèm, ki te swiv pa yon 908 nan twazyèm, tou de nan yo ki te yon janm dèyè Ford la. Pèfòmans nan deplasman ki pi piti Alfa Romeos yo te trè pozitif, ak twa machin sou arive ak T33 nan Nanni Galli / Ignazio Giunti nan katriyèm plas an jeneral ak gayan nan klas la 2-lit . De lòt yo fini senkyèm ak sizyèm.

Yon Matra 650
Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Le Mans 24 èdtan 1969 .

Se edisyon an 1969 tou vin chonje kòm dènye a nan ki te kòmanse nan istorik te pote soti ak machin yo aliyen yo sou yon bò nan tras la ak chofè yo sou lòt la, tou akòz aksidan an fèt la ki te fèt nan premye janm nan ras la. Li te tou edisyon an ki te wè premye a nan yon lòt machin ki pita te vin viktorye, Porsche 917 la ; an premye ane a li te dwe kontante li ak sèlman pran pozisyon poto .

Jacky Ickx ak Jackie Oliver te genyen ak GT40 chasi 1075 la, machin nan menm yo te genyen ane anvan an; patikilarite a te repete pou yon dezyèm fwa nan istwa apre pè a nan 1929 ak 1930 pa vitès la Bentley sis .

Swasanndis yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: 24 èdtan nan Le Mans 1970 .

Edisyon an 1970 te youn nan ki te wè siksè nan premye nan ras la pou porch a , jwenn sepandan ak yon porch 917 nan vèsyon an tronkonik ke antre nan ekip la prive Salzburg ak kondwi pa Hans Herrmann ak Richard Attwood . Pou premye a nan de chofè yo, 24 èdtan yo te tou ras la dènye nan karyè li ki te pran plas nan kategori miltip.

Se te tou yon edisyon ki te wè yon ti kantite machin nan liy lan fini, sèlman 7.

Yon "soti nan konpetisyon" Porsche 908 te kondwi pa Jonathan Williams ak Herbert Linge; Roadster la te ekipe ak twa kamera 35mm pou tal filme nan fim nan 24 èdtan nan Le Mans ak Steve McQueen .

Pou la pwemye fwa, tradisyonèl "Le Mans Start la" te ranplase pa "Indianapolis Start la". Nan onè nan patisipasyon ventyèm Porsche a, Ferdinand Anton Ernst Porsche tèt li , pitit gason fondatè konpayi an, bese drapo franse a nan 16:00.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Le Mans 24 èdtan 1971 .

Edisyon an 1971 te wè yon konfwontasyon nouvo ant porch ak Ferrari ak lèt ​​la prezante yon nouvo vèsyon nan machin ane anvan an, adapte espesyalman pou ras sa a ak ki te pran non an nan 512 M.

Pandan sezon an FIA a deside elimine kategori a Sport pou 1972 , se konsa 917s yo gwo ak 512s ta dwe pran retrèt ou nan fen ane a. Ferrari konsa deside abandone nenpòt angajman ofisyèl ak 512 la, yo nan lòd yo prepare yon nouvo pwototip pou sezon an 1972. 312 PB a te prezante ak antre nan kay la Modenese nan plizyè ras, men anpil 512s te toujou kouri pa ekip prive ak anpil nan sa yo te konvèti nan modèl la M.

Malgre vitès yo ekstrèmman wo nan vèsyon yo ke long ( an ajan Vic Elford a Porsche Martini te reusi nan 362 km / h) edisyon an 1971 te genyen ankò pa yon ke kout 917, men ak yon chasi mayezyòm , nimewo a Martini blan 22 pa Helmut Marko ak Gijs van Lennep .

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Le Mans 24 èdtan 1972 .

An 1972 motè 5-lit yo te entèdi nan chanpyona nan mond lan ak Lè sa a, soti nan Le Mans. Sa a kite jaden an ouvè a machin yo pi byen ak yon motè 3-lit sòti nan Fòmil 1. Ferrari pi pito fè konpetisyon pou pwototip yo chanpyona Mondyal espò ak sote Le Mans, pandan y ap Matra , diminye patisipasyon li nan ras andirans yo konsantre sou ras sa a espesifik ., te gen wòl nan pi renmen ak kat machin antre nan - 3 mak nouvo Matra MS670s ki fèt ak bati espesyalman nan ras nan Le Mans, ak yon fin vye granmoun, men mete ajou Matra MS660 .

Opozan yo te sitou twa Alfa Romeo 33 TT3 yo , de semi-ofisyèl Lola T280 yo anrejistre pa ekip Jo Bonnier a ak yon prive Porsche 908 L , anrejistre pa Reinhold Joest . Lèt la te menm jan ak machin nan ki te vin dezyèm nan 1969 e li te kounye a konsidere kòm fin vye granmoun epi yo pa trè pwisan.

Ras la te sal pa yon aksidan fatal ki koute lavi Jo Bonnier a ak te fini ak viktwa a nan Matra 670 "Coda Corta la" kondwi pa Henri Pescarolo ak Graham Hill . Sa a te viktwa nan premye nan yon machin franse depi 1950 yo e te fè Graham Hill premye e byen lwen tèlman chofè a sèlman pou pou genyen Crown a Triple ki fòme ak Indianapolis 500 , 24 èdtan nan Le Mans ak Fòmil Youn chanpyona Mondyal la (ki gen ladan Monako Grand Prix a , ki li te genyen plizyè lòt fwa).

An 1973 Matra te fè fas ak Ferrari pou tit mondyal konstriktè yo. Pou ane sa a Matra yo te modènize nan spesifikasyon 670B a, ki fèt sitou nan pi gwo elon ak yon nouvo bwat ki te konstwi pa Porsche espesyalman pou Matra la. Ferrari 312PB a te montre yon mak nouvo kò ke long, pandan y ap John Wyer te fè retounen l 'ak Cosworth ki mache ak Gòlf Miraj M6 roadsters yo.

Nan fen ras la, manifakti franse a te gayan an ak chofè yo Henri Pescarolo ak Gérard Larrousse .

Gòlf Miraj GR7

An 1974 Ferrari te retire kous andirans. Matra te devlope 670 la jwenn yon vèsyon plis aerodynamic, 680 la. Twa 670s ak yon sèl 680 yo te antre .. John Wyer te antre nan de Gòlf-GR7s.

Malgre ke pou yon ti tan li te gen krentif pou konfwontasyon an ak Porsche 911 Turbo a, yon machin ki sòti nan vèsyon wout la, Pescarolo te genyen konpetisyon an pou twazyèm fwa nan yon ranje.

Nan fen sezon an Matra te anonse retrèt li nan kous.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Le Mans 24 èdtan 1975 .

Nan limyè de kriz la lwil oliv, òganizatè yo ras prezante règ konsomasyon gaz an 1975 . CSI te reyaji pa eksepte 24 èdtan yo nan chanpyona Mondyal konstriktè yo.

Patisipan yo ki pi kredite nan genyen an nan ane a te Gòlf GR8 la ak Ligier JS-2 a ak premye a nan men yo nan ekip John Wyer a kap chèche siksè nan ultim nan 24 èdtan yo.

Gòlf GR8 la kondwi pa Jacky Ickx ak Derek Bell fini ras la an premye plas, li te gen nan plon an pou tout 24 èdtan. Pwoblèm mekanik yo nan lòt Gòlf la rlege li nan twazyèm plas, pandan ke dezyèm lan te ale nan Ligier pilote pa Guy Lafosse ak Guy Chasseuil. Diferans ki genyen ant Gòlf la genyen ak Ligier te sèlman yon sèl janm.

Règ yo pou ras 1976 la te chanje ankò, yo te retire restriksyon konsomasyon yo epi yo te pèmèt gwoup 5 machin yo fè konpetisyon ak gwoup 6 machin yo. Porsche antre nan de nouvo Porsche 936s ak yon sèl Porsche 935 , pandan y ap Renault Alpine A442 turbo a tou te fè premye Le Mans li yo ak yon sèl machin.

Porsche 936 turbo a Lè sa a, te genyen sou premye li yo nan 1976 e li te repete an 1977 , ak Jacky Ickx nan volan an. An 1978 , Renault ak turbo Alpine A442B V6 kondwi pa Didier Pironi ak Jean-Pierre Jaussaud jere bat machin Alman yo, e konsa konsantre sou pwogram li yo pou Fòmil 1.

Porsche 935 la

Porsche 935 turbo a, yon vèsyon ranfòse nan Porsche 911 wout la, domine kous andirans nan fen ane 1970 yo , ke yo te antre nan anpil ekip kliyan Porsche nan ras atravè mond lan. Ekip Kremer Alman an jere pou pou genyen Le Mans 1979 ak yon vèsyon trè evolye nan machin nan, yon siksè remakab pou yon machin ki baze sou yon konsepsyon 15 ane fin vye granmoun. Aktè Pòl Newman fini dezyèm nan Porsche 935 Dick Barbour a, ekip la ki te genyen 12 èdtan yo nan Sebring kèk mwa pi bonè.

Opozan yo nan mitan pwototip yo fèt sitou nan Ford M10s ki sòti nan Gòlf GR8 1975. Ford Lafrans ak yon consortium nan konsesyonè franse Ford finanse ansyen Scuderia Wyer a , pou okazyon an machin yo te ekipe ak yon motè Cosworth DFV V8.

La Porsche 935 del team Kremer, guidata dai fratelli Don e Bill Whittington e da Klaus Ludwig vinse la gara autorevolmente ma anche in modo rocambolesco, infatti a tre quarti di corsa la vettura si fermò a bordo pista per un inconveniente tecnico al turbocompressore , Don Whittington che era al volante scese per controllare il guasto e per raffreddare questo componente meccanico decise di urinarci sopra, in questo modo poté effettuare una riparazione di fortuna e rientrare ai box dove la vettura venne prontamente aggiustata e infine centrò la vittoria [4] .

Gli anni ottanta

Vecchio logo della 24 Ore di Le Mans.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1980 .

Nel 1980 la Porsche non iscrisse nessuna vettura propria nel Gruppo 6, allo scopo di non competere con le molte vetture dei clienti iscritte nel Gruppo 5. L'unica Porsche gruppo 6, un roadster sponsorizzato dalla Martini , iscritto da Reinhold Joest per sé stesso e Jacky Ickx , venne battezzata 908/80 , ma somigliava molto alla versione del 1977 della 936 . In effetti si trattava di una vettura realizzata da Joest usando un telaio tipo 936, usando anche molti componenti delle sue 935 Turbo, tra cui motore e cambio e altre parti prodotte e acquistate privatamente dalle stesso preparatore tedesco [5] .

La 908/80 era la favorita ma la Porsche poteva contare su molte 935 , cinque Gruppo 5 più otto IMSA GTX, tra cui tre della Scuderia di Dick Barbour, vincitrice alla 12 Ore di Sebring .

La partenza fu probabilmente la più bagnata di Le Mans e fu la prima volta che un pilota, Rondeau, vinse Le Mans con una vettura che portava il suo nome.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1981 .

Alla fine della gara Ickx annunciò il suo ritiro dalle corse, ma si assistette già nel 1981 al suo ritorno, limitato alla gara francese, in seguito alle insistenze della Porsche che iscrisse due 936 guidate dalla collaudata coppia Ickx/Bell e da Schuppan/Mass. La ragione principale per iscriversi a Le Mans era di sperimentare il motore progettato per la nuova auto. Si trattava di un 2,6 litri turbocompresso derivato da un motore pensato per Indianapolis e mai impiegato.

Tutta la gara venne corsa sotto un caldo torrido, ma il test del motore ebbe successo. Dopo la prima ora Ickx e Bell avevano ottenuto un considerevole vantaggio e rimasero al comando per il resto della gara. Vinsero con un margine ancor più grande che nel 1976.

L'unico incidente per i vincitori avvenne dopo la fine della gara. Infatti Derek Bell non attraversò mai il traguardo, venne estratto dall'auto dai fans e portato sul podio. Qui Derek Bell chiese dell'acqua per rinfrescarsi ma l'unica bevanda disponibile era lo champagne , Bell bevve quello fino a quando non perse conoscenza [6] .

Una Porsche 956
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1982 .

Nel 1982 erano entrate in vigore le nuove regole FIA per il Gruppo C . La nuova Porsche 956 aveva esordito poche settimane prima a Silverstone e, sorprendendo gli stessi uomini della Porsche, conquistò i tre posti sul podio conformemente ai numeri di gara delle tre vetture 1-2-3.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1983 .

La vittoria più schiacciante nella storia di Le Mans è quella della Porsche nella edizione del 1983 , quando occupò le prime undici posizioni finali, fatta salva la nona. Negli anni seguenti la 956 (e successivamente la sua evoluzione 962C derivata dalla versione IMSA ) dominò. Anche se non venne molto notata all'epoca, la 12ª posizione della Mazda 717C nel 1983 (con la vittoria nella Classe C Junior), segnò l'inizio della corsa della casa giapponese verso il podio del 1991 ottenuto con un motore Wankel .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1985 .

Nel 1984 il successo arrise alla Porsche 956B della scuderia privata di Joest in assenza della scuderia ufficiale. Il risultato si ripeté nel 1985 , dove con la stessa vettura (numero di telaio 117) il trio Ludwig/Barilla/Winter batté anche la squadra ufficiale, che però fece sua la gara del 1986 .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1987 .

A differenza delle edizioni precedenti, risoltesi in una contesa tra la squadra ufficiale Porsche e le sue squadre clienti, per l'edizione del 1987 si presenta al via un parco vetture più variegato [7] , con in evidenza la Jaguar , che con la sua XJR-8 aveva colto la vittoria nelle prime quattro gare del mondiale Endurance [8] . Quell'anno venne introdotta la chicane Dunlop , che ridusse la velocità di percorrenza della prima curva del tracciato da circa 260 km/ha 160 km/h [9] e incrementò le dimensioni della via di fuga.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1988 .

Il 1988 vede il ritorno della Mercedes-Benz in collaborazione con Sauber a dar battaglia alla plurivittoriosa Porsche e alla Jaguar . Le Sauber C9 Mercedes devono ritirarsi ancora prima della gara a causa di problemi agli pneumatici e così la corsa vedrà protagoniste di una sfida epica Porsche e Jaguar. Dopo 24 ore di gara tiratissime sarà la Jaguar XJR-9 ad avere la meglio per soli due minuti e mezzo sulla Porsche 962C ufficiale. Da segnalare il record di velocità di 405 km/h ottenuto dalla WM P88 allestita per l'occasione.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1989 .

L'anno successivo la Mercedes ritorna maggiormente preparata e coglie il primo e il secondo posto lasciando alla Jaguar e alle numerose Porsche affidate a team privati il ruolo di spettatori. Impressionante la velocità di punta, di 400 km/h, ottenuta dalla Sauber Mercedes durante le prove che indurrà l'allora FISA (oggi FIA ) a far introdurre delle chicane sul rettilineo delle Hunaudières sancendo la fine di un'epoca.

Gli anni novanta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1990 .

Nel 1990 il tracciato perde molto del suo fascino con l'introduzione di due chicane per limitare le velocità di punta. A competere con la Jaguar arriva in forze la Nissan schierando diverse R90 . Le vetture giapponesi, molto veloci in qualifica, lamentano una scarsa affidabilità e così la Jaguar XJR-12 si aggiudica il primo e il secondo posto. Da segnalare anche il ritiro della Porsche del Team Brun a solo un quarto d'ora dalla fine mentre era in seconda posizione.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1991 .
Una Mazda 787B

Nel 1991 i regolamenti internazionali vedevano favorite le nuove vetture della classe Sport 3.5L con motore aspirato di 3.500 cm³ concepite per gare sprint, ma essendo Le Mans una gara di durata le possibilità di vittoria sarebbero state solo per le "vecchie" vetture del Gruppo C . Mercedes-Benz e Jaguar optarono infatti per le più affidabili vetture di questa classe lasciando solo la Peugeot a competere con le vetture della nuova classe 3.5L. Le vetture francesi si ritirarono però poche ore dopo il via. Sin dall'inizio la Mercedes-Benz C11 prese il comando accumulando un discreto vantaggio e relegando al ruolo di inseguitori le tre Jaguar XJR-12 ufficiali, seguite da una schiera di Porsche 962C schierate da team privati. La sorpresa fu però la vittoria finale della Mazda 787B del team ufficiale Mazdaspeed che cominciò a risalire la classifica fino a trovarsi al comando della corsa quando la Mercedes, che aveva comandato per 20 ore, dovette ritirarsi con il motore rotto. Venne seguita dalle tre Jaguar e dalla Mercedes-Benz superstite, guidata tra gli altri da Michael Schumacher .

La Mazda 787B, spinta dal motore "rotativo" Wankel è l'unica auto con un motore non convenzionale ad aver vinto a Le Mans. La Mazda correva a Le Mans dal 1974 , con una serie di auto spinte da un motore rotativo , a partire dalla Mazda RX-7 . La compagnia ottenne un dodicesimo posto assoluto e la vittoria nella Classe C Junior nel 1983 con la 717C, ma ebbe meno successo con le seguenti 727C e 737C. Le prestazioni della casa giapponese migliorarono con la 757 e la 767/B, ottenendo quattro vittorie nella Classe GTP, dal 1987 al 1990.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1992 .
La Peugeot 905 Evo Lm

Il regolamento del Gruppo C per le gare di durata era in vigore da diversi anni. Il consumo di carburante era limitato, e venivano usati motori di diversi tipi. Nonostante il successo di queste norme, esse vennero cambiate: vennero introdotti motori simili a quelli impiegati in F1 (solitamente dei 3.500 cm³ aspirati). Nel 1992 , la Peugeot prepara accuratamente una specifica del suo motore V10 adatta alle lunghe distanze. La Peugeot 905 con alla guida Philippe Alliot conquista un'ottima pole position con il tempo di 3.21.200, dieci secondi meglio del tempo realizzato l'anno prima dalla Mercedes-Benz C11 . Il costruttore francese trova nel biennio 1992- 1993 come principale avversaria la Toyota con la sua TS010 , nel 1992 la Peugeot ottiene il 1º e 3º posto mentre la Toyota giunge seconda; nel 1993 invece le Peugeot monopolizzano il podio.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1993 .

Nel 1993, era stato definitivamente cancellato il campionato mondiale Marche e l'ACO si creò delle regole proprie per permettere la sopravvivenza della corsa che visse alcuni anni di declino. I cambiamenti permettevano di gareggiare ad auto stradali pesantemente modificate. Quindi, nel 1994 , la 24 ore di Le Mans vide la partecipazione di versioni da corsa di supercar stradali come Ferrari F40 , McLaren F1 , e Jaguar XJ220 .

L'edizione del 1994 venne comunque vinta da una vettura che derivava da un progetto ormai vecchio di 12 anni. Jochen Dauer sfruttò un inusuale falla nei regolamenti dell'epoca, che consentiva la costruzione di un singolo esemplare stradale per essere omologato nelle competizioni. Con l'appoggio della Porsche, realizzò la Dauer 962 Le Mans , tramite la quale vinse la gara.

La gara del 1995 venne vinta da una McLaren F1 GTR . L'auto stava dominando il BPR Global GT Series , con varie scuderie non supportate dal costruttore.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1996 .

Nel 1996 la gara, venne vinta nuovamente da una vettura spinta da un motore Porsche. La casa tedesca aveva mandato una squadra con due nuove 911 GT1, con l'intento di vincere la corsa contro la flotta di McLaren F1 e Ferrari F40. L'auto che vinse venne ricavata dal nucleo di una Jaguar XJR-14 Gruppo C , modificata dalla Tom Walkinshaw Racing e con la parte meccanica della Porsche 962 . Il risultato fu la TWR-Porsche WSC-95 , che pur non essendo la più veloce in pista, ottenne la vittoria quando le vetture delle scuderie supportate dai costruttori andarono incontro a guasti meccanici.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1997 .

La gara del 1997 venne vinta dalla stessa auto, sconfiggendo le scuderie di Porsche, BMW (che faceva correre 2 McLaren F1 GTR), Nissan, Lotus, Lister e Ferrari. Ancora una volta la TWR-Porsche WSC-95 non fu la più veloce in pista, ma quando i problemi colpirono le altre squadre, era lì pronta per prendersi la vittoria.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1998 .
La Porsche 911 GT1 vincitrice nel 1998

Il 1998 segnò il ritorno delle grandi case e fu il primo di due anni in cui i produttori di auto furono seriamente coinvolti nella 24 Ore di Le Mans. Le due scuderie più impegnate nel campionato GT della FIA inviarono le loro scuderie ufficiali: la Porsche con due 911 GT1-98 e la Mercedes con due nuove CLK-LM sviluppate appositamente per la gara. Oltre a questo, la Porsche fornì pieno appoggio a due squadre che mettevano in pista una versione aggiornata della TWR-Porsche. La Toyota iscrisse tre delle sue nuove ed estremamente veloci GT-One , la BMW schierò 2 sport aperte denominate V12 LM realizzate dalla WilliamsF1 , mentre la Nissan iscrisse 4 delle sue R390 GT1 . Anche gli Stati Uniti erano tornati a essere rappresentati grazie alla scuderia Panoz proprietà del magnate Don Panoz , le sue due vetture erano le GTR-1 spinte da motori Ford . Le 2 Porsche ufficiali vinsero la gara mentre le più veloci Mercedes, BMW e Toyota si ritirarono per problemi meccanici e incidenti.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 1999 .

Nel 1999 la Porsche non presentò una squadra ufficiale, lasciando il campo alle scuderie di Toyota (con 3 GT-One aggiornate), Mercedes (con 3 Mercedes-Benz CLR ), Audi (con quattro delle sue R8 : 2 R8r aperte e 2 R8c chiuse), Panoz (con 2 dei suoi nuovi prototipi Panoz Spyder LMP-1), BMW (con 2 nuove LMR progettate dalla Williams) e Nissan (con una R391 e una Courage C52 con motore Nissan). La corsa venne offuscata dal ritiro della Mercedes da Le Mans, anche se questa volta non si registrarono perdite di vite umane. Le nuove Mercedes-Benz CLR, pur essendo molto veloci, subirono gravi incidenti quando decollarono letteralmente dalla pista e volteggiarono in aria in tre occasioni distinte, la più spettacolare delle quali, avvenuta durante la corsa, venne ripresa dalle telecamere. Ancora una volta, non fu l'auto più veloce a vincere, poiché le Toyota GT-One andarono nuovamente incontro a incidenti e problemi meccanici, e la scuderia BMW fu in grado di assicurarsi la vittoria prima della sua entrata in Formula 1.

Gli anni duemila

Dopo il 1999 l'interesse nella gara per i costruttori svanì, poiché la maggior parte si era spostata su altre competizioni (BMW e Toyota avevano iniziato o stavano iniziando l'avventura in Formula 1 , mentre la Mercedes si concentrava sulla Formula 1 e sulla nuova DTM ) o stava andando incontro a problemi finanziari (come nel caso della Nissan).

Per l'edizione 2000 , furono coinvolti alcuni costruttori, con un marcato incremento del coinvolgimento dagli Stati Uniti. L'Audi ritornò con telaio R8 completamente nuovo, accoppiato a un nuovo motore che sfruttava la nuova tecnologia FSI. Dagli USA la Chrysler inviò una scuderia con due auto che usavano il telaio Reynard 2KQ e motori marcati Mopar, la Cadillac (un marchio della General Motors ) si presentò con quattro auto spinte dal suo motore "Northstar", mentre Don Panoz iscrisse nuovamente le sue LMP-1. Le Audi, preparate dalla scuderia Joest Racing, si aggiudicarono i primi posti nelle qualificazioni, e grazie ai seri problemi cui andarono incontro gli avversari, vinsero la gara. Le vittorie Audi continuano per altri due anni, con il trio di piloti composto da Frank Biela ( Germania ), Tom Kristensen ( Danimarca ) e Emanuele Pirro ( Italia ).

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2002 e 24 Ore di Le Mans 2003 .

Nel 2003 dopo tre anni di vittorie, i vertici Volkswagen decidono di puntare tutto sulla Bentley Speed 8 (marchio di proprietà del gruppo dal 1998), perciò non vengono schierate delle vetture ufficiali Audi, ma tre Audi R8 clienti affidate a squadre private, che possono solo accontentarsi di finire alle spalle delle due Bentley. La Bentley Speed 8 , tornano così alla vittoria dopo 73 anni, con il loro sesto titolo (dopo i 5 realizzati fra il 1924 e il 1930). I prototipi erano equipaggiati con motore Audi V8 benzina biturbo, e tra i piloti vincitori vi erano Tom Kristensen e Dindo Capello, pure prestati dalla casa tedesca.

Nel 2004 e nel 2005 le edizioni furono vinte dall' Audi R8 Sport affidate a scuderie private (come l'inglese Team Veloqx ), nel 2005 confrontandosi con le Pescarolo -Judd dell'ex pilota transalpino, una delle quali guidata anche dal francese, Sébastien Loeb (famoso per le vittorie WRC ), mentre il danese Tom Kristensen stabilì un record di 6 vittorie consecutive.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2006 .
L'Audi R10 TDI vincitrice nell'edizione del 2007

Nel 2006 l' Audi sostituisce l'R8 sport con una nuova vettura, denominata R10, che ottiene la sua prima vittoria a Sebring. Il terzetto formato da Emanuele Pirro, Frank Biela e Marco Werner conduce alla vittoria l' Audi R10 TDI , prima autovettura dotata di motore diesel a vincere la 24 ore di Le Mans grazie anche al pochissimo tempo trascorso ai box dovuto al basso consumo di gasolio . Questa particolarità sarà in seguito la causa del cambiamento del regolamento, con le differenziazioni della capacità del serbatoio tra le vetture alimentate a gasolio e quelle alimentate a benzina, tuttavia il regolamento era, ed è tuttora favorevole ai diesel permettendo maggior cilindrata, maggior pressione di sovralimentazione e flange più larghe per questi ultimi. Al 2º posto si piazza la Pescarolo condotta da Loeb, Helary e Montagny. Completa il podio l'altra Audi di Capello, Kristensen e McNish.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2007 .

Nel 2007 , dopo diversi anni di vittorie Audi, al via della gara si presenta in forma ufficiale anche la Peugeot con le sue due 908 HDi LMP1 . In un finale sotto pioggia battente sono Marco Werner , Emanuele Pirro e Frank Biela a vincere la corsa su Audi R10 TDI ; secondo posto per Stéphane Sarrazin , Pedro Lamy , Sébastien Bourdais su Peugeot 908; completano il podio al terzo posto Emmanuel Collard , Jean-Christophe Boullion e Romain Dumas alla guida della Pescarolo-Judd .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2008 .
La Peugeot 908 #9 vincitrice della 24 Ore di Le Mans 2009

Nel 2008 si ripete la sfida Audi-Peugeot per la vittoria, le Peugeot 908 velocissime in prova e in gara vengono però battute dall'Audi R10 dell'equipaggio Tom Kristensen , Rinaldo Capello e Allan McNish che dopo un lungo testa a testa la spunta nelle ore conclusive per meno di un giro.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2009 .

Nel 2009 si aggiunge nella classe LMP1 l' Aston-Martin , che partecipa con 3 Lola-Aston Martin B09/60 , vetture realizzate su telai Lola e dotate del propulsore a benzina V12 derivato dall'unità motrice della Aston Martin DBR9 di classe GT1. L'Audi corre con 3 nuove Audi R15 TDI ufficiali e con 2 R10 TDI clienti, mentre la Peugeot schiera 3 aggiornate 908 HDi e una clienti. La vittoria dell'edizione 2009 delle 24 Ore va alla Peugeot con l'equipaggio composto da Marc Gené , Alexander Wurz e David Brabham e seconda ancora un'altra Peugeot con Stéphane Sarrazin , Franck Montagny e Sébastien Bourdais . Nella classe minore dei prototipi, la LMP2, vittoria della Porsche RS Spyder , in classe GT1 vittoria della Chevrolet Corvette C6 e nella GT2 della Ferrari F430 .

Dal 2010 a oggi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2010 .

La 78ª edizione, disputata nel 2010, ha visto il dominio dell' Audi Sport. Nella categoria principale, la LMP1, la casa di Ingolstadt ha conquistato l'intero podio con i suoi tre team. La vittoria è andata alla Audi R15 TDI guidata da Timo Bernhard - Romain Dumas - Mike Rockenfeller che erano partiti dalla quinta posizione. Subito dietro è giunto l'altro equipaggio dell'Audi Sport Team Joest composto da Fässler-Lotterer-Treluyer, settimo dopo le qualifiche. La terza R15 TDI di Dindo Capello , Tom Kristensen e Allan McNish chiude in terza posizione nonostante un incidente che li ha rallentati nella notte. La R15 TDI vincente ha percorso 397 giri coprendo una distanza di 5.410 km, nuovo record dell'attuale configurazione del circuito e in assoluto la migliore prestazione di percorrenza chilometrica nella storia della 24 Ore di Le Mans. Disfatta completa per la Peugeot . Le vetture francesi si sono alternate al comando per due terzi della gara, ma nelle ultime ore della gara tutti gli equipaggi al volante delle 908 HDI (tre ufficiali e una privata) si sono dovuti ritirare per cedimenti di vario genere.

In LMP2 è stata una lunga corsa in solitaria del team Strakka Racing con la debuttante, ma costante e affidabile Acura HPD ARX-01 di Nick Leventis-Danny Watts-Jonny Kane, arrivata al traguardo in quinta posizione assoluta. Sul podio sono saliti anche Moreau-Charouz-Lahaye sulla Pescarolo-Judd OAK Racing e Newton-Erdos-Wallace sulla Lola HPD Coupé del team RML. In GT1 la datata, ma in questa occasione veloce e affidabile, Saleen S7R portata a Le Mans dal Larbre Competition si è aggiudicata la vittoria della classe maggiore fra le Gran Turismo. Alloro per Gabriele Gardel-Roland Berville-Julien Canal, che hanno preso il largo sulla Corvette C6.R di Policand-Gregoire-Hart. Terza piazza per la Aston Martin DBR9 di Enge-Nygaard-Kox. In GT2 la squadra delle Chevrolet Corvette C6.R sembrava avviata a festeggiare vittoriosamente i 50 anni dalla prima partecipazione alla 24 Ore di Le Mans, con le due Corvette ufficiali piazzate in testa alla classe per buon parte della gara, ma un contatto duro alle 9:50 fra la 908 condotta da Davidson che tentava il recupero e la vettura americana di Emanuel Collard costringeva la numero 64 al ritiro, cedendo la testa della corsa alla Porsche 997 GT3 RS Felbermayr Proton di Marc Lieb - Richard Lietz - Wolf Henzler . Piazza d'onore per la Ferrari F430 Hankook-Farnbacher di Keen-Farnbacher-Simonsen e terzo posto per l'altra Porsche della squadra italiana BMS Scuderia Italia di Westbrook-Holzer-Scheider.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2011 .
L'Audi R18 TDI numero 2 di Lotterer-Fässler-Treluyer davanti a due delle Peugeot 908 nell'edizione 2011

Anche nell'edizione 2011 la 24 ore di Le Mans verte sulla lotta tra le squadre ufficiali Audi e Peugeot, che schierano ognuna tre equipaggi ufficiali rispettivamente con le nuove Audi R18 TDI e Peugeot 908 (una 908 HDi FAP privata è inoltre schierata dalla Oreca ) [10] . La gara vede la casa dei quattro anelli ritrovarsi dopo otto ore con una sola vettura in gara [10] , dopo che le R18 TDI numero 3 e 1 con al volante rispettivamente Allan McNish e Mike Rockenfeller sono state costrette al ritiro a causa di violenti incidenti avvenuti durante il doppiaggio di vetture GT [10] . Nonostante ciò l'Audi superstite, la numero 2 guidata da André Lotterer , Marcel Fässler e Benoît Tréluyer (secondi nel 2010), riesce a tenere testa al forcing della squadra Peugeot, vincendo la gara con circa 14 secondi di vantaggio [10] sulla 908 di Sébastien Bourdais , Pedro Lamy e Simon Pagenaud . Terza l'altra Peugeot di Montagny - Sarrazin - Minassian . In classe LMP2 la vittoria va alla Zytek- Nissan del Greaves Motorsport di Oijeh-Kimber Smith e Lombard (giunta ottava assoluta), mentre le Chevrolet Corvette C6Zr1 trionfano nelle classi GT (categoria da questa edizione divisa tra equipaggi professionisti e amatori), con Beretta - García -Milner vincitori nella categoria GTE-Pro e Gardel-Canal-Bornhauser vincitori nella GTE-Am.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2012 .
L'Audi R18 e-tron quattro giunta prima al traguardo nel 2012: si tratta della prima vettura ibrida a conquistare la 24 ore di Le Mans

La 24 ore di Le Mans 2012 vede l'assenza della Peugeot, ritiratasi dall'endurance prima dell'inizio della stagione, che lascia il ruolo di rivale dell'Audi alla Toyota [11] , che si ripresenta in forma ufficiale dopo l'esperienza di fine anni novanta. Sia i giapponesi che la Audi sfruttano la possibilità data dal nuovo regolamento di utilizzare sistemi a propulsione ibrida-elettrica [11] , che sulle 2 Audi R18 e-tron quattro schierate in corsa permette in certe situazioni stabilite dal regolamento di utilizzare la trazione su tutte e 4 le ruote [12] , data la posizione del sistema di propulsione elettrico sull' asse anteriore. L'Audi schiera inoltre 2 R18 Ultra ufficiali, versione non ibrida della R18 e-tron quattro, mentre la Toyota partecipa con due equipaggi al volante di altrettante TS030 Hybrid . La gara verte sulla sfida tra questi due costruttori, ma la Toyota termina presto la sua avventura [11] , a causa di un violento incidente alla fine del rettilineo delle Hunaudières con una Ferrari 458 GTC di classe GTE-Am che toglie di gara la vettura numero 8 guidata in quel momento da Anthony Davidson [11] (che nell'occasione si frattura due vertebre [11] ), e di un altro incidente, a cui segue dopo le riparazioni la rottura del motore [11] , che costringe al ritiro la vettura numero 7 (al comando per un breve spezzone di gara [11] ) dopo meno di un terzo di gara [11] . Da quel momento la lotta per la vittoria verte tra le due R18 ibride dell'Audi, libere da ordini di scuderia, con la battaglia che si risolve durante la mattina della domenica [11] , quando la vettura numero 2, con Allan McNish al volante [11] , va a sbattere durante un doppiaggio perdendo poi un giro per le riparazioni nei confronti della vettura numero 1 in quel momento condotta da André Lotterer [11] . Si assiste così alla vittoria dell'equipaggio vincitore nel 2011, composto, oltre che da Lotterer, da Marcel Fässler e Benoît Tréluyer , che regolano l'altra R18 e-tron quattro di McNish, Capello e Kristensen . Terza la R18 Ultra di Bonanomi- Jarvis - Rockenfeller , davanti alla Lola - Toyota di Prost - Jani - Heidfeld e alla Audi R18 ultra di Gené - Duval - Dumas , attardata da incidenti [11] . La vittoria in classe LMP2 va all'HPD ARx 03-b motorizzata Honda del Starworks Motorsport condotta da Dalziel-Kimber Smith-Potolicchio, mentre tra le GT la vittoria della classe GTE-Pro va alla scuderia italiana AF Corse , che conquista le prime due posizioni di categoria con due Ferrari 458 Italia vincendo con l'equipaggio Fisichella - Bruni - Vilander . Tra gli amatori vittoria per la Chevrolet Corvette C6 ZR1 della Larbre Competition condotta da Lamy -Bornhauser-Canal. Degno di nota, la R18 e-tron quattro stabilisce con questa vittoria 2 primati alla 24 Ore di Le Mans: prima vittoria di una vettura con propulsione ibrida e prima vittoria di una vettura a trazione integrale.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2013 .

Nel 2013 la gara è stata vinta per il terzo anno consecutivo da una vettura dell' Audi Sport Team Joest , il cui equipaggio era formato da Tom Kristensen , Loïc Duval e Allan McNish . La gara, disputatasi in condizioni meteo molto mutevoli che hanno provocato vari incidenti e imposto numerosi ingressi delle safety car, è stata tragicamente caratterizzata dalla morte del pilota Allan Simonsen , protagonista di un violento impatto alla curva Tertre Rouge con la sua Aston Martin nelle primissime fasi della gara: estratto dalla vettura, il pilota danese è morto in ospedale [13] .

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2014 .

La 24 ore del 2014 è stata molto combattuta fin dalle prime fasi di gara. Toyota, che partiva come favorita dopo aver vinto le prime due gare da 6 ore del mondiale (Silverstone e Spa, entrambe con doppietta) ha confermato le attese e ha ottenuto la pole position nel venerdì delle qualifiche, seguita dale due Porsche 919 Hybrid e dalle tre Audi R18 E-tron Quattro. Dopo meno di quattro ore di gara, uno scroscio di pioggia battente lungo il rettilineo della Mulsanne causa numerosi incidenti, dove è costretta al ritiro la Audi n. 3 guidata in quel momento da Marco Bonanomi; mentre la Toyota n. 8 incidentata e guidata da Sarrazin è riuscita ad arrivare ai box, ma ormai quando rientra in pista è fuori dalla lotta per la vittoria per via del tempo necessario per tutte le riparazioni. La gara procede su ritmi elevate in tutte le quattro classi fino alla notte, dove poche ore prima dell'alba la Toyota n. 7 che si trovava al commando ha sofferto problem di affidabilità ed è stata ferma 4 giri ai box per la riparazione del motore termico. Dalle prime luci dell'alba è quindi una lotta tra le due sopravvissute Audi e la Porsche n.19. Dopo vari scambi di posizione e variazioni delle strategie da parte di Audi che riesce a prendere il primo posto con la R18 n.2 guidata in quello stint da Andre Lotterer, la R18 n.1 e la Porsche hanno dei problemi al motore a un'ora e mezza dalla fine. L'Audi riesce a riparare dopo soli 3 giri, mentre Porsche riesce a riparare completamente la sua vettura nell'ultima mezz'ora di gara, mandandola in pista per completare la corsa. Anche nel 2014 è l'Audi ad aggiudicarsi la vittoria della corsa, con la vettura n. 2 guidata da Fassler, Lotterer e Treluyer che ha concluso al primo posto davanti all'Audi n.1 di Di Grassi, Genè e Kristensen. La Toyota deve accontentarsi del terzo posto.

Nella classe LMP2 vittoria della Zytek motorizzata Nissan, che ha battuto la concorrenza di Ligier, data per favorita prima del via.

Successo per la Ferrari 458 Italia della AF Corse guidata da Bruni, Vilander e Fisichella nella classe GTE-PRO. Aston Martin prima, invece, nella categoria GT-AM.

La 24 Ore di Le Mans del 2014 è stata l'edizione con il maggior pubblico al circuito, con più di 266.000 spettatori presenti lungo tutto il tracciato.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2017 .

L'edizione 2017 ha visto la tripletta di vittorie della Porsche (2015-2016-2017) con la sua 919 Hybrid #2 guidata da Timo Bernhard, Brendon Hartley e Earl Bamber. La gara è stata caratterizzata dai numerosi ritiri delle LMP1 (solo 2 prototipi al traguardo) e, anche per i problemi accusati dalla Porsche #2, fino all'ultima ora di gara è stata in testa una LMP2. LMP2 che sono riuscite a salire sul podio con la Oreca 07 del team Jackie Chan DC Racing, guidata da Ho-Pin Tung , Thomas Laurent e Oliver Jarvis (vincitrice di categoria) al secondo posto e con la Oreca 07 del team Vaillante Rebellion guidata da Nelson Piquet Jr. , Mathias Beche e David Heinemeier Hansson al terzo posto.

Per le categorie GTE al primo posto nella Pro troviamo l'Aston Martin Vantage GTE di Darren Turner, Jonathan Adam e Daniel Serra e nella categoria Am la Ferrari 488 GTE di Robert Smith, Will Stevens e Dries Vanthoor.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2018 .

Nel 2018 la gara è stata vinta dalla vettura del team Toyota Gazoo Racing guidata da Fernando Alonso , Kazuki Nakajima e Sébastien Buemi , partito dalla pole position. La Toyota ha vinto per la prima volta nella sua storia il titolo nella massima categoria di gara.

La classe LMP2 è stata vinta dalla Signatech Alpine, dopo che la G-Drive TDS Racing, arrivando prima, è stata successivamente squalificata. La classe LMGTE Professional è stata vinta dal Porsche GT Team, mentre Dempsey-Proton Racing è stato il vincitore della classe LMGTE Amateur.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 24 Ore di Le Mans 2019 .

Nell'edizione del 2019 la vittoria assoluta è andata di nuovo all'equipaggio vincitore dell'anno precedente, su Toyota TS050-Hybrid .

Albo d'oro

Il trofeo della 24 Ore di Le Mans 1989
Anno Piloti Squadra Vettura Giri Distanza coperta Media oraria
Circuito di 17,262 km
1923 Francia André Lagache
Francia René Léonard
Squadra senza nome Chenard & Walcker Sport 9 128 2 209,536 km 92,064 km/h
1924 Regno Unito John Duff
Regno Unito Frank Clement
Regno Unito Duff & Aldington Bentley 3 Litre Sport 8 120 2 077,341 km 86,555 km/h
1925 Francia Gérard de Courcelles
Francia André Rossignol
Squadra senza nome Lorraine-Dietrich B3-6 5 129 2 233,982 km 93,082 km/h
1926 Francia Robert Bloch
Francia André Rossignol
Squadra senza nome Lorraine-Dietrich B3-6 6 147 2 552,414 km 106,350 km/h
1927 Regno Unito Dudley Benjafield
Regno Unito Sammy Davis
Regno Unito Bentley Motors Ltd. Bentley 3 Litre Super Sport 3 137 2 369,807 km 98,740 km/h
1928 Regno Unito Woolf Barnato
Regno Unito Bernard Rubin
Regno Unito Bentley Motors Ltd. Bentley 4½ Litre 4 154 2 669,272 km 111,219 km/h
Circuito di 16,340 km
1929 Regno Unito Woolf Barnato
Regno Unito Henry Birkin
Regno Unito Bentley Motors Ltd. Bentley Speed Six 1 174 2 843,83 km 118,492 km/h
1930 Regno Unito Woolf Barnato
Regno Unito Glen Kidston
Regno Unito Bentley Motors Ltd. Bentley Speed Six 4 179 2 930,663 km 122,111 km/h
1931 Regno Unito Earl Howe
Regno Unito Henry Birkin
Regno Unito Earl Howe Alfa Romeo 8C 2300 16 184 3 017,654 km 125,735 km/h
Circuito di 13,492 km
1932 Francia Raymond Sommer
Italia Luigi Chinetti
Francia Raymond Sommer Alfa Romeo 8C 2300 8 218 2 954,038 km 123,084 km/h
1933 Francia Raymond Sommer
Italia Tazio Nuvolari
Italia Scuderia Tazio Nuvolari Alfa Romeo 8C 2300 Monza 11 233 3144,038 km 131,001 km/h
1934 Italia Luigi Chinetti
Francia Philippe Étancelin
Italia Luigi Chinetti / Philippe Étancelin Alfa Romeo 8C 2300 9 213 2 886,938 km 120,289 km/h
1935 Regno Unito Johnny Hindmarsh
Regno Unito Luis Fontés
Regno Unito Arthur W. Fox / Charles Nichol Lagonda 4.5-Litre M45R Rapide 4 222 3 006,797 km 125,283 km/h
1936 Prova non disputata a causa della crisi dell'industria automobilistica francese
1937 Francia Jean-Pierre Wimille
Francia Robert Benoist
Francia Roger Labric Bugatti Type 57 G Tank 2 243 3 287,938 km 136,997 km/h
1938 Francia Eugene Chaboud
Francia Jean Trémoulet
Francia Eugene Chaboud / Jean Trémoulet Delahaye 135CS 15 235 3 180,94 km 132,569 km/h
1939 Francia Jean-Pierre Wimille
Francia Pierre Veyron
Francia Jean-Pierre Wimille Bugatti Type 57 S Tank 1 248 3 354,76 km 139,781 km/h
1940
al
1948
Sospesa a causa degli eventi bellici della seconda guerra mondiale e per la ricostruzione della Francia
1949 Stati Uniti Luigi Chinetti
Regno Unito Peter Mitchell-Thomson
Regno Unito Lord Selsdon Ferrari 166 MM 22 235 3 178,299 km 132,420 km/h
1950 Francia Louis Rosier
Francia Jean-Louis Rosier
Francia Louis Rosier Talbot-Lago T26 Grand Sport 5 256 3 465,12 km 144,380 km/h
1951 Regno Unito Peter Walker
Regno Unito Peter Whitehead
Regno Unito Peter Walker Jaguar XK-120C 20 267 3 611,193 km 150,466 km/h
1952 Germania Hermann Lang
Germania Fritz Riess
Germania Daimler-Benz AG Mercedes-Benz 300 SL 21 277 3 733,839 km 155,575 km/h
1953 Regno Unito Tony Rolt
Regno Unito Duncan Hamilton
Regno Unito Jaguar Ltd. Jaguar C-Type 18 304 4 088,064 km 170,336 km/h
1954 Argentina José Froilán González
Francia Maurice Trintignant
Italia Scuderia Ferrari Ferrari 375 Plus 4 302 4 061,15 km 169,215 km/h
1955 Regno Unito Mike Hawthorn
Regno Unito Ivor Bueb
Regno Unito Jaguar Ltd. Jaguar D-Type 6 307 4 135,38 km 172,308 km/h
Circuito di 13,461 km
1956 Regno Unito Ron Flockhart
Regno Unito Ninian Sanderson
Regno Unito Ecurie Ecosse Jaguar D-Type 4 300 4 034,939 km 168,122 km/h
1957 Regno Unito Ron Flockhart
Regno Unito Ivor Bueb
Regno Unito Ecurie Ecosse Jaguar D-Type 3 327 4 397,108 km 183,217 km/h
1958 Belgio Olivier Gendebien
Stati Uniti Phil Hill
Italia Scuderia Ferrari Ferrari 250 TR58 14 305 4 101,926 km 170,914 km/h
1959 Stati Uniti Carroll Shelby
Regno Unito Roy Salvadori
Regno Unito David Brown Racing Dept. Aston Martin DBR1 5 323 4 347,90 km 181,163 km/h
1960 Belgio Olivier Gendebien
Belgio Paul Frère
Italia Scuderia Ferrari Ferrari 250 TR59/60 11 314 4 217,527 km 175,730 km/h
1961 Belgio Olivier Gendebien
Stati Uniti Phil Hill
Italia Scuderia Ferrari Ferrari 250 TRI/61 10 333 4 476,58 km 186,527 km/h
1962 Belgio Olivier Gendebien
Stati Uniti Phil Hill
Italia Spa Ferrari SEFAC Ferrari 330 TRI/LM Spyder 6 331 4 451,255 km 185,469 km/h
1963 Italia Ludovico Scarfiotti
Italia Lorenzo Bandini
Italia Spa Ferrari SEFAC Ferrari 250 P 21 339 4 561,71 km 190,071 km/h
1964 Francia Jean Guichet
Italia Nino Vaccarella
Italia Spa Ferrari SEFAC Ferrari 275 P 20 349 4 695,31 km 195,638 km/h
1965 Austria Jochen Rindt
Stati Uniti Masten Gregory
Stati Uniti North American Racing Team (NART) Ferrari 250 LM 21 348 4 677,11 km 194,880 km/h
1966 Nuova Zelanda Bruce McLaren
Nuova Zelanda Chris Amon
Stati Uniti Shelby-American Inc. Ford GT40 Mk. II 2 360 4 843,09 km 201,795 km/h
1967 Stati Uniti Dan Gurney
Stati Uniti AJ Foyt
Stati Uniti Shelby-American Inc. Ford GT40 Mk IV 1 388 5 232,9 km 218,038 km/h
Circuito di 13,469 km
1968 Messico Pedro Rodríguez
Belgio Lucien Bianchi
Regno Unito John Wyer Automotive Engineering Ford GT40 Mk. I 9 331 4 452,88 km 185,536 km/h
1969 Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Jackie Oliver
Regno Unito John Wyer Automotive Engineering Ford GT40 Mk. I 6 372 4 997,88 km 208,250 km/h
1970 Germania Hans Herrmann
Regno Unito Richard Attwood
Austria Porsche KG Salzburg Porsche 917 K 23 343 4 607,81 km 191,992 km/h
1971 Austria Helmut Marko
Paesi Bassi Gijs van Lennep
Germania Martini Racing Team Porsche 917 K 22 397 5 335,313 km 222,304 km/h
Circuito di 13,640 km
1972 Francia Henri Pescarolo
Regno Unito Graham Hill
Francia Équipe Matra - Simca Shell Matra Simca MS670 15 344 4 691,343 km 195,472 km/h
1973 Francia Henri Pescarolo
Francia Gérard Larrousse
Francia Équipe Matra - Simca Shell Matra Simca MS670B 11 355 4 853,945 km 202,247 km/h
1974 Francia Henri Pescarolo
Francia Gérard Larrousse
Francia Équipe Gitanes Matra Simca MS670C 7 337 4 606,571 km 191,940 km/h
1975 Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Derek Bell
Regno Unito Gulf Research Racing Co. Mirage GR8- Ford Cosworth 11 336 4 595,577 km 191,484 km/h
1976 Belgio Jacky Ickx
Paesi Bassi Gijs van Lennep
Germania Martini Racing Porsche System Porsche 936 20 349 4 769,923 km 198,748 km/h
1977 Belgio Jacky Ickx
Stati Uniti Hurley Haywood
Germania Jürgen Barth
Germania Martini Racing Porsche System Porsche 936 4 342 4 671,83 km 194,651 km/h
1978 Francia Jean-Pierre Jaussaud
Francia Didier Pironi
Francia Renault Sport Renault Alpine A442 B 2 369 5 044,53 km 210,189 km/h
Circuito di 13,626 km
1979 Germania Klaus Ludwig
Stati Uniti Bill Whittington
Stati Uniti Don Whittington
Germania Porsche Kremer Racing Porsche 935 K3 41 307 4 173,93 km 173,913 km/h
1980 Francia Jean Rondeau
Francia Jean-Pierre Jaussaud
Francia Rondeau Rondeau M379 B- Ford Cosworth 16 338 4 608,02 km 192,000 km/h
1981 Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Derek Bell
Germania Porsche System Porsche 936 11 354 4 825,348 km 201,056 km/h
1982 Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Derek Bell
Germania Rothmans Porsche System Porsche 956 1 359 4 899,086 km 204,128 km/h
1983 Australia Vern Schuppan
Stati Uniti Al Holbert
Stati Uniti Hurley Haywood
Germania Rothmans Porsche Porsche 956 3 370 5 047,934 km 210,330 km/h
1984 Germania Klaus Ludwig
Francia Henri Pescarolo
Germania Joest Racing Porsche 956 7 359 4 900,276 km 204,178 km/h
1985 Germania Klaus Ludwig
Italia Paolo Barilla
Germania John Winter
Germania Joest Racing Porsche 956 7 373 5 088,507 km 212,021 km/h
Circuito di 13,528 km
1986 Regno Unito Derek Bell
Germania Hans-Joachim Stuck
Stati Uniti Al Holbert
Germania Rothmans Porsche AG Porsche 962 C 1 367 4 972,731 km 207,197 km/h
Circuito di 13,535 km
1987 Regno Unito Derek Bell
Germania Hans-Joachim Stuck
Stati Uniti Al Holbert
Germania Rothmans Porsche AG Porsche 962 C 17 354 4 791,78 km 199,657 km/h
1988 Paesi Bassi Jan Lammers
Regno Unito Johnny Dumfries
Regno UnitoAndy Wallace
Regno Unito Silk Cut Jaguar ( TWR ) Jaguar XJR-9 LM 2 394 5 332,79 km 221,665 km/h
1989 Germania Jochen Mass
Germania Manuel Reuter
Svezia Stanley Dickens
Svizzera Team Sauber Mercedes Sauber C9 - Mercedes-Benz 63 389 5 265,12 km 219,990 km/h
Circuito di 13,600 km
1990 Danimarca John Nielsen
Stati Uniti Price Cobb
Regno Unito Martin Brundle
Regno Unito Silk Cut Jaguar ( TWR ) Jaguar XJR-12 3 359 4 882,4 km 204,036 km/h
1991 Germania Volker Weidler
Regno Unito Johnny Herbert
Francia Bertrand Gachot
Giappone Mazdaspeed Co. Ltd. Mazda 787B 55 362 4 922,81 km 205,333 km/h
1992 Regno Unito Derek Warwick
Francia Yannick Dalmas
Regno Unito Mark Blundell
Francia Peugeot Talbot Sport Peugeot 905 Evo 1B 1 352 4 787,2 km 199,340 km/h
1993 Australia Geoff Brabham
Francia Christophe Bouchut
Francia Éric Hélary
Francia Peugeot Talbot Sport Peugeot 905 Evo 1B 3 375 5 100,00 km 213,358 km/h
1994 Francia Yannick Dalmas
Stati Uniti Hurley Haywood
Italia Mauro Baldi
Germania Le Mans Porsche Team Dauer 962 Le Mans 36 344 4 678,4 km 195,238 km/h
1995 Francia Yannick Dalmas
Finlandia JJ Lehto
Giappone Masanori Sekiya
Regno Unito Kokusai Kaihatsu Racing McLaren F1 GTR 59 298 4 055,8 km 168,992 km/h
1996 Germania Manuel Reuter
Stati Uniti Davy Jones
Austria Alexander Wurz
Germania Joest Racing TWR-Porsche WSC-95 7 354 4 814,4 km 200,600 km/h
Circuito di 13,605 km
1997 Italia Michele Alboreto
Svezia Stefan Johansson
Danimarca Tom Kristensen
Germania Joest Racing TWR-Porsche WSC-95 7 361 4 909,60 km 204,186 km/h
1998 Francia Laurent Aïello
Regno Unito Allan McNish
Monaco Stéphane Ortelli
Germania Porsche AG Porsche 911 GT1 -98 26 351 4 775,33 km 199,326 km/h
1999 Italia Pierluigi Martini
Francia Yannick Dalmas
Germania Joachim Winkelhock
Germania Team BMW Motorsport BMW V12 LMR 15 365 4 967,90 km 207,000 km/h
2000 Germania Frank Biela
Danimarca Tom Kristensen
Italia Emanuele Pirro
Germania Audi Sport Team Joest Audi R8 8 368 5 007,98 km 208,666 km/h
2001 Germania Frank Biela
Danimarca Tom Kristensen
Italia Emanuele Pirro
Germania Audi Sport Team Joest Audi R8 1 321 4 357,20 km 180,949 km/h
Circuito di 13,650 km
2002 Germania Frank Biela
Danimarca Tom Kristensen
Italia Emanuele Pirro
Germania Audi Sport Team Joest Audi R8 1 375 5 130 km 213,068 km/h
2003 Danimarca Tom Kristensen
Italia Rinaldo Capello
Regno Unito Guy Smith
Regno Unito Team Bentley Bentley Speed 8 7 377 5 145,571 km 214,399 km/h
2004 Giappone Seiji Ara
Danimarca Tom Kristensen
Italia Rinaldo Capello
Giappone Audi Sport Japan Team Goh Audi R8 5 379 5 169,97 km 215,415 km/h
2005 Finlandia JJ Lehto
Germania Marco Werner
Danimarca Tom Kristensen
Stati Uniti ADT Champion Racing Audi R8 3 370 5 050,5 km 210,216 km/h
2006 Germania Frank Biela
Italia Emanuele Pirro
Germania Marco Werner
Germania Audi Sport Team Joest Audi R10 TDI 8 380 5 187 km 216,125 km/h
Circuito di 13,629 km
2007 Germania Frank Biela
Italia Emanuele Pirro
Germania Marco Werner
Germania Audi Sport North America Audi R10 TDI 1 369 5 036,85 km 209,152 km/h
2008 Italia Rinaldo Capello
Danimarca Tom Kristensen
Regno Unito Allan McNish
Germania Audi Sport North America Audi R10 TDI 2 381 5 192,65 km 216,360 km/h
2009 Australia David Brabham
Spagna Marc Gené
Austria Alexander Wurz
Francia Peugeot Sport Total Peugeot 908 HDi FAP 9 382 5 206,28 km 216,664 km/h
2010 Germania Mike Rockenfeller
Germania Timo Bernhard
Francia Romain Dumas
Germania Audi Sport North America Audi R15 TDI 9 397 5 410,71 km 225,446 km/h
2011 Svizzera Marcel Fässler
Germania André Lotterer
Francia Benoît Tréluyer
Germania Audi Sport Team Joest Audi R18 TDI 2 355 4 838,3 km 200,907 km/h
2012 Svizzera Marcel Fässler
Germania André Lotterer
Francia Benoît Tréluyer
Germania Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro 1 378 5 151,76 km 214,656 km/h
2013 Danimarca Tom Kristensen
Francia Loïc Duval
Regno Unito Allan McNish
Germania Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro 2 348 4 742,89 km 197,620 km/h
2014 Svizzera Marcel Fässler
Francia Benoît Tréluyer
Germania André Lotterer
Germania Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro 2 379 5 165,39 km 215,224 km/h
2015 Germania Nico Hulkenberg
Nuova Zelanda Earl Bamber
Regno Unito Nick Tandy
Germania Porsche Team Porsche 919 Hybrid 19 395 5 383,455 km 224,039 km/h
2016 Francia Romain Dumas
Germania Marc Lieb
Svizzera Neel Jani
Germania Porsche Team Porsche 919 Hybrid 2 384 5 233,536 km 217,967 km/h
2017 Germania Timo Bernhard
Nuova Zelanda Earl Bamber
Nuova Zelanda Brendon Hartley
Germania Porsche Team Porsche 919 Hybrid 2 367 5 001,843 km 208,232 km/h
Circuito di 13,626 km
2018 Spagna Fernando Alonso
Svizzera Sébastien Buemi
Giappone Kazuki Nakajima
Giappone Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid 8 388 5 288,052 km 220,335 km/h
2019 Spagna Fernando Alonso
Svizzera Sébastien Buemi
Giappone Kazuki Nakajima
Giappone Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid 8 385 5 246,01 km 218,583 km/h
2020 Svizzera Sébastien Buemi
Nuova Zelanda Brendon Hartley
Giappone Kazuki Nakajima
Giappone Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid 8 387 5 273,26 km 219,719 km/h

Statistiche

Vittorie per pilota

Pilota Vittorie Anni
Danimarca Tom Kristensen 9 1997, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2008, 2013
Belgio Jacky Ickx 6 1969, 1975, 1976, 1977, 1981, 1982
Regno Unito Derek Bell 5 1975, 1981, 1982, 1986, 1987
Germania Frank Biela 5 2000, 2001, 2002, 2006, 2007
Italia Emanuele Pirro 5 2000, 2001, 2002, 2006, 2007
Belgio Olivier Gendebien 4 1958, 1960, 1961, 1962
Francia Henri Pescarolo 4 1972, 1973, 1974, 1984
Francia Yannick Dalmas 4 1992, 1994, 1995, 1999

Vittorie per costruttore

Una Bentley "Blower"
Costruttore Vittorie Anni
Germania Porsche 19 1970, 1971, 1976, 1977, 1979, 1981, 1982, 1983, 1984,
1985, 1986, 1987, 1994, 1996 [14] , 1997 [14] , 1998, 2015, 2016, 2017
Germania Audi 13 2000, 2001, 2002, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014
Italia Ferrari 9 1949, 1954, 1958, 1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965
Regno Unito Jaguar 7 1951, 1953, 1955, 1956, 1957, 1988, 1990
Regno Unito Bentley 6 1924, 1927, 1928, 1929, 1930, 2003
Stati Uniti Ford 6 1966, 1967, 1968, 1969, 1975 [15] , 1980 [16]
Italia Alfa Romeo 4 1931, 1932, 1933, 1934
Francia Matra 3 1972, 1973, 1974
Francia Peugeot 3 1992, 1993, 2009
Giappone Toyota 3 2018, 2019, 2020
Francia Lorraine-Dietrich 2 1925, 1926
Francia Bugatti 2 1937, 1939
Francia Chenard & Walcker 1 1923
Regno Unito Lagonda 1 1935
Francia Delahaye 1 1938
Francia Talbot-Lago 1 1950
Germania Mercedes-Benz 1 1952
Regno Unito Aston Martin 1 1959
Francia Renault 1 1978
Svizzera Sauber 1 1989
Giappone Mazda 1 1991
Regno Unito McLaren 1 1995
Germania BMW 1 1999

La marca che ha vinto più 24 ore di Le Mans è la Porsche , con 19 vittorie (sette consecutive dal 1981 al 1987 e due come fornitore del motore), seguita dalla Audi con tredici vittorie (cinque di fila dal 2004 al 2008, e tra il 2010 e il 2014). Terza la Ferrari con nove successi (sei di fila dal 1960 al 1965 ). I primi anni furono dominati dalla Bentley (quattro vittorie in fila dal 1927 al 1930 ) e dall' Alfa Romeo (quattro vittorie consecutive dal 1931 al 1934 ). In una disputa personale tra i due proprietari, Ford vinse la gara quattro volte ( 1966 - 1969 ) con la sua GT40 , costruita con l'intento dichiarato di sconfiggere la Ferrari, dopo che Enzo Ferrari aveva respinto un'offerta di acquisto della sua compagnia da parte della casa statunitense. A queste vanno aggiunte le due vittorie come fornitore di motore. La prima marca giapponese ad aver vinto fu la Mazda , che vinse la 59ª edizione nel 1991 con il suo prototipo 787B dotato di un motore Wankel . Nel 2018 il primo successo della Toyota .

Riconoscimenti

Le impronte dei vincitori

Dal 1991 ai vincitori della corsa viene dedicata una scultura posizionata nei marciapiedi della città, un riconoscimento simile alla Hollywood Walk of Fame . La targa in bronzo riporta incisi, oltre all'anno della vittoria, nomi, firma e calco di piedi e mani dei vincitori. Anche ad alcuni vincitori antecedenti il 1991, quali Jean-Pierre Jaussaud , Henri Pescarolo e Jacky Ickx è stata dedicata una placca. [17]

Spirit of Le Mans

Il trofeo Spirit of Le Mans è un riconoscimento assegnato dal' Automobile Club de l'Ouest , ente organizzatore della 24 Ore di Le Mans, per premiare personalità che si siano particolarmente distinte nell'ambito della corsa. [18]

Premiati

Anno Premiati
2001 Austria Ferdinand Piëch - Belgio Paul Frère - Francia Alain Bertaut
2002 Regno Unito Derek Bell - Francia Jean Rédélé - Francia René Leret
2003 Stati Uniti Phil Hill - Germania Norbert Singer - Stati Uniti Herb Fishel
2004 Germania Reinhold Joest - Belgio Jacky Ickx
2005 Francia Christian Moity - Francia Henri Pescarolo
2006 Danimarca Tom Kristensen - Giappone Yojiro Terada - Stati Uniti Don Panoz - Germania Franz-Josef Paefgen
2007 Austria Wolfgang Ullrich - Francia Jacques Issautier
2008 Francia Yves Courage - Irlanda Martin Birrane
2009 Francia Patrick Peter
2010 Francia Roland du Luart
2011 Giappone Yoshimasa Hayashi
2012 Francia Gérard Larrousse
2013 Francia Hugues de Chaunac
2014 Stati Uniti Doug Fehan
2015 Giappone Yoshiaki Kinoshita
2019 Stati Uniti Patrick Dempsey [19]

La 24 Ore nei media

  • La 24 Ore di Le Mans fu anche l'ambientazione di un film del 1971 , intitolato Le 24 Ore di Le Mans , che ebbe come protagonista e produttore Steve McQueen . Alcune riprese furono filmate durante la gara del 1970 , ma gran parte del film fu girato nel settembre dello stesso anno utilizzando auto originali che presero parte alla competizione, noleggiate dalla casa cinematografica Solar Productions .
  • Il film Adrenalina blu - La leggenda di Michel Vaillant è ambientato, in parte, alla 24 ore di Le Mans.
  • Alla gara sono dedicati i videogiochi LeMans (1976, sala giochi), LeMans (1982, Commodore 64), Le Mans (1984, MSX), WEC Le Mans (1986, sala giochi e vari computer), Le Mans 24 (1997, sala giochi), Le Mans 24 Hours (2000, varie piattaforme), oltre ad apparizioni del circuito come selezionabile in molti altri titoli.
  • Nel 2019 è uscito il film Le Mans '66 - La grande sfida che parla del duello tra Ferrari e Ford.

Voci correlate

Note

  1. ^ Jorg Austen, 911 Rally e competizione , Edizioni Giorgio Nada, 2008.
  2. ^ No del Consiglio federale alle gare di Formula 1 in Svizzera , su astra.admin.ch , 15 novembre 2010. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) .
  3. ^ Articolo sulla GT40 di John Wyer , su ultimatecarpage.com .
  4. ^ Auto Sprint, anno 2000, allegato: "La sfida che dura un giorno", pagina 33, la vittoria più strana .
  5. ^ ( EN ) Porsche 908: The Long Distance Runner - Google Libri
  6. ^ bigMoneyracing.com: History of Le Mans Archiviato il 20 novembre 2008 in Internet Archive .
  7. ^ LE MANS 24 HOURS 1987 - LAST FLING , su sportscars.tv , www.sportscars.tv. URL consultato il 12 febbraio 2011 .
  8. ^ Risultati Campionato mondiale Endurance 1987 , su wspr-racing.com . URL consultato il 12 febbraio 2011 .
  9. ^ il Circuito dal 1987 al 1989 , su les24heures.fr , www.les24heures.fr. URL consultato il 14 agosto 2010 .
  10. ^ a b c d Cesare Maria Mannucci, Audi 10 e lode , in Autosprint , San Lazzaro di Savena, 14 giugno 2011, 74-83.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l Cesare Maria Mannucci, Audi fulmina tutti , in Autosprint , San Lazzaro di Savena, Conti Editore , 19 giugno 2012, 4-18, 90.
  12. ^ Audi R18 e-tron quattro, tutti i segreti , su Automobilismo.it , 12 giugno 2012. URL consultato il 10 luglio 2012 .
  13. ^ Nicola Desiderio, Tragedia alla 24 Ore di Le Mans: muore Allan Simonsen , su ilsole24ore.com , www.ilsole24ore.com, 22 giugno 2013. URL consultato il 26 giugno 2013 .
  14. ^ a b come fornitore del motore della TWR-Porsche WSC-95
  15. ^ come fornitore del motore della Gulf GR8
  16. ^ come fornitore del motore della Rondeau M379
  17. ^ ( FR ) Les empreintes des vainqueurs au Mans , in Sportauto.fr . URL consultato il 3 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  18. ^ ( EN ) Spirit of Le Mans Trophy ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su 24h-lemans.com . URL consultato il 3 gennaio 2015 .
  19. ^ ( EN ) Patrick Dempsey - Spirit of Le Mans 2019 , su lemans.org , 2 giugno 2019.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 139782736 · LCCN ( EN ) n2008048270 · GND ( DE ) 4642007-1 · BNF ( FR ) cb11949177q (data) · WorldCat Identities ( EN )lccn-n2008048270
Automobilismo Portale Automobilismo : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo